Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Estratti

Vitamina B2: 71 riassunto astratto

RICERCA UMANA
1. Ann Nutr Metab. 1996;40(3):146-56.
Influenza dell'assunzione dei cereali da prima colazione fortificati sulle abitudini dietetiche e dello stato nutrizionale degli scolari spagnoli.
RM di Ortega, Requejo, Redondo R, Lopez-Sobaler, Andres P, Ortega A, Gaspar MJ, Quintas E, Navia B.
La Spagna
Questa carta riferisce sulle scelte della prima colazione di 200 scolari fra 9 e 13 anni. Un gruppo aveva fortificato i cereali da prima colazione (65 ragazzi e 35 ragazze) ed il secondo gruppo non ha fatto (64 ragazzi e 36 ragazze). I dati biochimici, antropometrici e dietetici del sangue, sono stati raccolti. Il gruppo fortificato della prima colazione tra altri fattori ha avuto migliori abitudini dietetiche tutte in tondo e tiamina, piridossina, folati e beta-caroteni superiori. I bambini fortificati della prima colazione hanno avuti il retinolo, il folato del siero e livelli elevati della riboflavina che il gruppo non fortificato. La percentuale dei bambini con ipercolesterolemia (il colesterolo nel siero > 4,5 mmol/l) era più alto fra quelli del gruppo non fortificato: 37% rispetto a 18% del gruppo fortificato.

RICERCA UMANA
2. Arco Latinoam Nutr. 1996 settembre; 46(3): 190-5.
Stato e composizione corporea nutrizionali di un gruppo di anziani non istituzionalizzati nello stato dello Zulia, Venezuela
Falque-Madrid L, mp di Pinero-Corredor, Zambrano de Rodriguez N, Quintero J, Souki de Gabarron A, arie-Marquez N.
Il Venezuela
Questo studio ha valutato lo stato e la composizione corporea nutrizionali di una popolazione anziana di novantaquattro femmine (47 maschii e 47) delle persone, le età che variano da 60 a 88 anni. Le misure antropometriche e un richiamo e una frequenza dietetici sono stati presi. Gli autori hanno trovato che l'assunzione del carboidrato, della fibra, della vitamina A, della riboflavina, dello zinco e del rame è bassa fra i maschi e le femmine che conciliano i valori di RDA. Oltre quello hanno trovato un'alta incidenza dell'obesità e del sovrappeso dovuto la dieta difficile.

RICERCA UMANA
3. J Nutr. 2003 marzo; 133(3): 668-72.
La piegatura ossidativa dell'interleuchina 2 è alterata in cellule flavin-carenti del jurkat, causanti l'accumulazione intracellulare dell'interleuchina 2 e l'espressione aumentata dei geni di risposta di sforzo.
Camporeale G, Zempleni J.
U.S.A.
In questo studio cellulare è stato trovato che le cellule riboflavina-carenti hanno esibito lo sforzo cellulare. Gli autori hanno concluso che i loro risultati sono coerenti con l'ipotesi che la carenza della riboflavina può causare a sforzo cellulare tramite accumulazione delle proteine spiegate in cellule umane.
PMID: 12612135

RICERCA UMANA
4. Rev. 2003 dell'AIDS gennaio-marzo; 5(1): 36-43.
Epatotossicità della terapia antiretrovirale.
Kontorinis N, Dieterich D.
U.S.A.
In questa discussione sulla tossicità del fegato come complicazione seria nei pazienti di HIV che prendono a terapia antiretrovirale gli autori ha concluso che da danneggiamento mitocondriale indotto da nucleosidico del fegato può migliorare con la terapia della tiamina o della riboflavina.
PMID: 12875106

RICERCA UMANA
5. Cardiologia. 2003;99(4):177-81.
Ingestione dietetica di varie sostanze nutrienti in pazienti più anziani con guasto di scompenso cardiaco.
Gorelik O, Almoznino-Sarafian D, Feder I, Wachsman O, Alon I, Litvinjuk V, Roshovsky m., Modai D, Cohen N.
In uno studio che l'ingestione dietetica valutata in pazienti con guasto di scompenso cardiaco (CHF) 57 pazienti del CHF su furesomide è stata paragonata a 40 pazienti senza CHF. Tuttavia, l'assunzione di tutti i pazienti ha stato a corto di dosi raccomandate in parecchie sostanze nutrienti: magnesio, calcio, zinco, rame, manganese, energia, tiamina, riboflavina e folato.
PMID: 12845243

RICERCA UMANA
6. J Nutr. 2003 gennaio; 133(1): 211-4.
Le variazioni regionali di pressione sanguigna negli Stati Uniti sono associate con le variazioni regionali nelle ingestioni dietetiche: i dati di NHANES-III.
Hajjar I, Kotchen T.
U.S.A.
Gli autori riconoscono che la regione meridionale degli Stati Uniti ha avuta il più alto tasso di mortalità del colpo e un'ipertensione più prevalente e più resistente. Facendo uso dei dati dalla salute nazionale e dall'indagine nutrizionale III (NHANES-III) dell'esame, le variabili nutrizionali sono state selezionate determinare un'associazione con pressione sanguigna. Dei 17.752 partecipanti all'indagine che erano 18 y dell'età o più vecchio, il sud ha avuto le più alte pressioni sanguigne sistoliche e diastoliche ed ha riferito il più alto consumo di acidi grassi monoinsaturi, acidi grassi polinsaturi e colesterolo e la meno quantità di fibra nell'analisi di più variabili. Il sud ha consumato il meno potassio, calcio, fosforoso, magnesio, rame, riboflavina, niacina, ferro e vitamine A, C e B-6 (P < 0,005). Gli autori hanno concluso che “la cinghia del colpo„ ha modelli dietetici che possono contribuire all'alta prevalenza di ipertensione e della malattia cardiovascolare.
PMID: 12514292

RICERCA UMANA
7. Invecchiamento di salute di J Nutr. 2003;7(2):121-8
Valutazione di assunzione nutriente antiossidante di una popolazione delle donne afroamericane e caucasiche del sud degli Stati Uniti di varie età una volta confrontato alle assunzioni dietetiche di riferimento.
Lewis MP, Mayhugh mA, Sc di Freni, spina B, Cardoso S, Buffington C, Jairaj K, Feuers RJ.
U.S.A.
L'assunzione quotidiana della vitamina di 259 donne che vivono sui redditi bassi è stata esaminata facendo uso delle misure di RDA (indennità giornaliera raccomandata) e dell'ORECCHIO (requisito medio stimato). Gli autori hanno trovato che tutte le donne in questa popolazione hanno riferito le ingestioni dietetiche delle vitamine e dei minerali antiossidanti sotto i valori raccomandati. Concludono che l'assunzione bassa delle sostanze nutrienti potrebbe contribuire ai rischi sanitari successivi a meno che le scelte sostanza-dense dell'alimento ed il completamento antiossidante siano considerati.
PMID: 12679833

RICERCA UMANA
8. Urologiia. 2003 gennaio-febbraio; (1): 35-41.
danneggiamento Strutturale-funzionale delle membrane cellulari nella carenza delle vitamine A, E, B2, B6, pp in bambini con pielonefrite calcolosa
Atadzhanov UZh, Utegenov NU.
L'Unione Sovietica
I pazienti con una storia dei calcoli renali e della calcificazione nei reni sono stati valutati per la sottoalimentazione ed i livelli di lipidi. Gli autori hanno trovato che i prodotti e la fosfolipasi del lipido, enzimi organo-specifici sono associati molto attentamente con i valori bassi delle vitamine A, E, B2 (riboflavina) e B6 (niacina). La carenza di queste vitamine ha variato da 76,8% a 94,6% nell'infezione acuta del rene connessa con i calcoli.
PMID: 12621965

RICERCA UMANA
9. Vopr Pitan. 2003;72(3):3-7.
[Nella citazione trattata] a qui, riempia la citazione
[Nessun autori elencati]
La Russia
Questo studio ha studiato le 96 età dei bambini 4-15 anni con il livello in diminuzione dell'emoglobina (meno 120 g/l) per i livelli della vitamina. È stato trovato che 90% dei bambini aveva combinato la carenza delle vitamine e dei carotenoidi di complesso B ma ha avuto abbastanza vitamina C. Soltanto 2% dei bambini ha avuto vitamine normali. Gli autori notano che più bassa la riboflavina più bassa l'emoglobina. Concludono che la vitamina B2 è una necessità nel trattamento dell'anemia sideropenica.
PMID: 12872653

RICERCA UMANA
10. EUR J Clin Nutr. 2002 dicembre; 56 supplementi 4: S16-20.
Il ruolo di latte fermentato nell'alimentazione complementare dei bambini piccoli: lezioni dai paesi di transizione.
Branca F, Rossi L.
L'Italia
Gli autori hanno commentato le proprietà utili di latte materno, comunque la carenza di ferro a volte risulta. Poi hanno esaminato l'uso di latte fermentato e della sua capacità trattare l'anemia sideropenica in infanti ed in bambini. Hanno riconosciuto che rappresenta una fonte eccellente di sostanze nutrienti quali calcio, proteina, fosforo e riboflavina. Ancora durante la fermentazione di latte, l'acido lattico ed altri acidi organici sono prodotti, che aumentano l'assorbimento di ferro. Hanno consigliato che il ishould fermentato del latte è consumato alle ore del pasto in modo che questi acidi avessero un effetto positivo sull'assorbimento di ferro da altri alimenti.
PMID: 12556942

RICERCA UMANA
11. EUR J Clin Nutr. 2002 dicembre; 56(12): 1162-8.
Cambiamenti nell'assunzione delle vitamine e dei minerali dagli uomini e dalle donne con iperlipidemia e sovrappeso durante il trattamento dietetico.
Grzybek A, Klosiewicz-Latoszek L, Targosz U.
La Polonia
Un a bassa percentuale di grassi, sulla dieta a bassa energia in pazienti con sovrappeso ed iperlipidemia, sui livelli di magnesio, sulla tiamina e sulla riboflavina sono risultati carenti in uomini.
PMID: 12494300

RICERCA UMANA
12. Ricerca di Int J Vitam Nutr. 2002 dicembre; 72(6): 375-82.
Variazione stagionale di consumo alimentare e di assunzione nutriente selezionata in Linxian, un'area ad alto rischio per cancro esofageo in Cina.
Zou XN, Taylor PR, deviazione standard del segno, Chao A, Wang W, Dawsey MP, YP di Wu, Qiao YL, Zheng SF.
La Cina
Le prove di intervento di nutrizione sono state condotte in Linxian, Cina dal 1985 al 1991. Nel gruppo ricevere il beta-carotene, il selenio e l'alfa-tocoferolo là era una riduzione del cancro totale. Questa indagine attuale era di studiare i tipi di alimentazione, le assunzioni nutrienti e le variazioni stagionali nella dieta nel 1996 in 104 famiglie. Prendendo le misure sia nella molla che nella caduta, le assunzioni nutrienti basse sono state trovate per selenio (79% RDA e 66% RDA), zinco (72% RDA e 62% RDA), la vitamina B2 (64% RDA e 52% RDA) ed il calcio (53% RDA e 39% RDA). Gli autori hanno concluso che l'assunzione nutriente in Linxian è insufficiente compreso le sostanze nutrienti conosciute per essere associato con cancro esofageo.
PMID: 12596503

RICERCA UMANA
13. Pol Merkuriusz Lek. 2002 dicembre; 13(78): 490-6.
Oggetti anziani dell'ingestione dietetica nell'area urbana rurale ed in Polonia, Rychlik E.
La Polonia
In questa carta gli autori confrontano le abitudini dietetiche degli anziani che vivono nelle aree urbane rurali e. I dati sono stati raccolti da 591 uomo e le donne hanno invecchiato 61-96 anni, facendo uso di 24 richiami dietetici di h. L'assunzione del beta-carotene ed acido ascorbico, negli uomini e donne e potassio e magnesio in donne, era più bassa in rurale che in popolazione urbana. Lo studio sottopone ha avuto alta assunzione di sodio, il fosforo, vitamina A, ma l'assunzione insufficiente di calcio, di zinco, di rame, di riboflavina, della vitamina b6 e delle donne ha avuta inoltre assunzione bassa di ferro, di potassio, di tiamina e di niacina in confronto alle indennità dietetiche polacche. Le abitudini dietetiche improprie aumentano significativamente il rischio di sviluppo delle malattie cardiovascolari, dell'obesità, del diabete di tipo II e dell'osteoporosi fra gli oggetti studiati.
PMID: 12666449

RICERCA UMANA
14. EUR J Clin Nutr. 2002 novembre; 56(11): 1119-25.
Dieta e stato nutrizionale degli adolescenti rurali in India.
Venkaiah K, Damayanti K, Nayak MU, Vijayaraghavan K.
L'India
In questo studio la dieta corrente e lo stato nutrizionale degli adolescenti rurali in India sono stati esaminati in 20 famiglie in 120 villaggi in ciascuno di nove stati. Le informazioni antropometriche e socioeconomiche su 12.124 ragazzi adolescenti e ragazze e le informazioni dietetiche su 2579 individui nel 1996-1997 sono state utilizzate in questa analisi. Gli autori hanno trovato che l'assunzione dei micronutrienti quale vitamina A e la riboflavina erano “doloroso insufficienti„. CONCLUSIONI: Hanno concluso che le dimensioni di denutrizione erano alte fra tutti gli adolescenti ma più su fra i ragazzi che le ragazze. Gli autori inoltre hanno notato che le ragazze adolescenti nelle zone rurali potrebbero essere al maggior rischio di sforzo nutrizionale a causa del matrimonio iniziale e di concezione iniziale prima di completamento della loro crescita fisica.
PMID: 12428178

RICERCA UMANA
15. Invecchiamento di età. 1998 luglio; 27(4): 455-61.
Stato nutrizionale dei vegetariani cinesi anziani.
Corteggi J, Kwok T, Sc noioso, simuli A, Lau E.
Il Regno Unito
Questo studio ha esaminato lo stato nutrizionale dei vegetariani cinesi anziani. Il richiamo dietetico, gli indici antropometrici e le prove di laboratorio sono stati valutati in 131 donna vegetariana cinese anziana con un'età media di 81 anno. Questi risultati sono stati paragonati agli onnivori abbinati. Gli autori hanno trovato che l'energia totale, il grasso e assunzioni di caloria, della tiamina, della riboflavina e della niacina della proteina erano più bassi in vegetariani che in non vegetariani, mentre la caloria del carboidrato, il calcio, il potassio, il retinolo equivalente e le assunzioni dell'acido ascorbico erano più alti. Gli autori hanno concluso che c'era una compensazione nella dieta vegetariana cinese. Può essere utile per evitare la cardiopatia ischemica ma è carente in molte vitamine di B con conseguente alta prevalenza dell'anemia nutrizionale.
PMID: 9884002

RICERCA UMANA
16. Brain Dev. 1997 giugno; 19(4): 262-7.
Trattamento di encephalomyopathy mitocondriale con una combinazione di citocromo C e di vitamine B1 e B2.
Tanaka J, Nagai T, Arai H, Inui K, Yamanouchi H, Goto Y, Nonaka I, Okada S.
Il Giappone
Gli autori hanno studiato l'efficacia terapeutica di un regime che consiste dell'iniezione endovenosa di Cardiocrome, contenente il citocromo c, il mononucleotide di flavin ed il difosfato della tiamina per encephalomyopathy mitocondriale (MEM). Il trattamento ricevuto nove pazienti ed otto sono stati migliorati clinicamente nei sintomi del muscolo del fatigability facile, nell'inabilità del motore e nella severità degli episodi del tipo di colpo come pure nei vari sintomi quali fosfato, il tinnito, l'emicrania, l'edema corneale, i geloni, il dolore thalamic, l'arresto respiratorio ed il nistagmo. Facendo ad iniezioni intermittenti questo miglioramento è stato mantenuto per più di 1 anno. Gli autori concludono questa terapia erano ragionevolmente efficaci per la gestione dei pazienti con MEM.
PMID: 9187476

RICERCA UMANA
17. Brain Dev. 1996 gennaio-febbraio; 18(1): 68-70.
Terapia a lungo termine con il citocromo c, il mononucleotide di flavin ed il difosfato della tiamina per un paziente con la sindrome di Kearns-Sayre.
Nakagawa E, Osari S, Yamanouchi H, Matsuda H, Goto Y, Nonaka I.
Il Giappone
Ciò è un rapporto di caso di un paziente con la sindrome di Kearns-Sayre che è stata trattata con Cardiocrome, contenente il citocromo c, il mononucleotide di flavin ed il difosfato della tiamina, fatto da IV per 22 mesi. Gli autori hanno concluso che questa terapia era utile per la funzionalità del muscolo scheletrica alterata e l'edema corneale, ma non per i movimenti oculari, i sintomi del sistema nervoso centrale o le anomalie cardiache della conduzione, perché la degenerazione irreversibile probabilmente si era presentata in questi organi prima che la terapia fosse istituita.
PMID: 8907347

RICERCA UMANA
18. J Med Assoc Thai. 1993 ottobre; 76 supplementi 2:138-45.
Effetti del completamento del multivitaminico per miglioramento di tiamina, di riboflavina e di nutrizione del retinolo in pazienti pediatrici.
Angkatavanich J, Suthutvoravut U, Panijpan B, Tontisirin K.
La Tailandia
Questo studio valuta l'effetto del completamento del multivitaminico su nutrizione della tiamina, della riboflavina e del retinolo in dieci ragazzi cronicamente malati. Una vitamina multipla è stata data per i dieci giorni ed i dieci giorni precedenti hanno servito da controllo. Le valutazioni antropometriche, biochimiche, cliniche e dietetiche sono state eseguite. Le valutazioni biochimiche iniziali di nutrizione della vitamina non hanno mostrato le carenze vitaminiche multiple eppure manifestazioni cliniche. La maggior parte dei pazienti hanno mostrato le carenze vitaminiche infracliniche. Gli autori hanno notato che il miglioramento di nutrizione della vitamina è stato indicato chiaramente nella maggior parte dei pazienti dopo il completamento. Gli autori hanno concluso che i supplementi multipli della vitamina dovrebbero essere prescritti ordinariamente in pazienti ad alto rischio poiché non c'era modello definito delle carenze vitaminiche in varie malattie e l'individuazione tempestiva della carenza vitaminica era difficile da eseguire come provato dal fatto che nessuno dei pazienti sono sembrato mostrare a tutti i segni clinici della carenza vitaminica. Raccomandano un dosaggio quotidiano fra 1-2 volte del RDA.
PMID: 7822982

RICERCA UMANA
19. EUR J Clin Nutr. 1996 luglio; 50 supplementi 2: S77-85.
Cambiamenti longitudinali nell'assunzione delle vitamine e dei minerali degli europei anziani. SENECA Investigators.
Amorim Cruz JA, Moreiras O, Brzozowska A.
Il Portogallo
Questo studio valutato cambia nell'assunzione delle vitamine e dei minerali in europei anziani. Inizialmente c'era una diminuzione significativa nell'assunzione mediana della vitamina B1, della vitamina B2, della vitamina b6, della vitamina C e del ferro in parecchie città. Gli autori hanno concluso quello durante il periodo di quattro anni di seguito, la percentuale di anziani con le assunzioni nutrienti sotto l'europeo più basso RDI aumentato per varie sostanze nutrienti nella maggior parte delle città che le lasciano al rischio aumentato per malnutrizione. La percentuale di anziani che prendono i supplementi degli elementi nutritivi ha variato da meno di 5% - 60% in varie città.

RICERCA UMANA
20. Trasporto R Soc Trop Med Hyg. 2003 gennaio-febbraio; 97(1): 109-14.
Effetti del completamento multimicronutrient su reinfezione dell'elminto: una prova randomizzata e controllata in scolari keniani.
Olsen A, Thiong'o FW, Ouma JH, Mwaniki D, Magnussen P, Michaelsen KF, Friis H, Geissler PW.
Il Kenya
Un randomizzato, controllato con placebo, studio in doppio cieco è stato effettuato dal febbraio 1995 al febbraio 1996 fra 977 scolari da 19 scuole primarie nella provincia di Nyanza, Kenya per determinare gli effetti sull'infestazione del verme. La vitamina A inclusa i trattamenti ed è come segue: (vitamina A, 1000 microgrammi; vitamina B1, 1,4 mg; vitamina B2, 1,6 mg; vitamina b6, 1,7 mg; vitamina b12, 2,0 microgrammi; folato, 150 microgrammi; niacina, 16 mg; vitamina C, 50 mg; vitamina D, 5 microgrammi; vitamina E, 8 mg; ferro, 18 mg; zinco, 20 mg; rame, 2,0 mg; iodio, 150 microgrammi; selenio, 40 microgrammi) e chemioterapia del multihelminth (mg dell'albendazolo 600 in un d'una sola dose e/o in un praziquantel 40 mg/kg in un d'una sola dose). I bambini dati i multimicronutrients hanno avuti leggermente, ma significativamente, l'intensità più bassa di reinfezione di schistosoma mansoni rispetto ai bambini dati il placebo.

RICERCA UMANA
21. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1° marzo 2002; 22(3): 488-91.
Omocisteina totale che abbassa trattamento fra i pazienti della coronaropatia nell'era della farina acido-fortificata folica del chicco di grano.
Bostom AG, Jacques PF, Liaugaudas G, Rogers G, Rosenberg IH, Selhub J.
U.S.A.
Gli autori riconoscono che l'omocisteina del plasma è stata ridotta nella popolazione dalla fortificazione dei prodotti della farina con acido folico. Questo studio è stato destinato per valutare le dosi elevate di acido folico con riboflavina e con o senza la vitamina b6 per 12 settimane in 131 paziente della coronaropatia (cad). Gli autori hanno concluso che i pazienti di cad già che mangiano i prodotti fortificati della farina del chicco di grano dati l'acido ad alta dose e folico, la riboflavina e la vitamina b6 hanno una riduzione molto modesta dei loro livelli dell'omocisteina.
PMID: 11884295

RICERCA UMANA
22. Vopr Pitan. 2001;70(1):12-4.
Effetti dei supplementi biologicamente attivi sullo stato della vitamina e dell'antiossidante dei pazienti con ipertensione e la malattia cardiaca ischemica.
Tutel'ian VA, Pogozheva avoirdupois, Rumiantseva OI, Se di Akol'zina, Lysikova SL, Kodentsova VM, Mal'tsev GIu.
La Russia
In questo studio i pazienti di 91 paziente con la malattia cardiaca sono stati curati con una dieta anti-arteriosclerotica e le vitamine C, E, B2, B6, beta-carotene, zinco, magnesio, sodio, potassio e calcio. Dopo 4 settimane l'autore ha notato il miglioramento nei sintomi clinici, abbassamento del colesterolo nel siero, trigliceridi e livelli aumentanti di vitamine A, E, C, B2 e B6.
PMID: 11338339

23. J Clin Nutr. 2000 giugno; 71 (6 supplementi): 1676S-81S.
Sforzo ossidativo nutrizionalmente indotto: effetto sulla malattia virale.
Beck mA.
U.S.A.
Gli autori esaminano la ricerca che risulta che lo stato nutrizionale dell'ospite può influenzare sia la suscettibilità alla malattia infettiva che la severità della malattia se contratto. Teorizzano che se lo stato nutrizionale dell'ospite è indebolito un virus normalmente avirulente diventa virulento a causa dei cambiamenti nel genoma virale. Gli autori concludono che i focolai di malattia possono essere attribuiti erroneamente ad una carenza nutrizionale ma possono essere il risultato dell'infezione da un virus che è diventato patogeno ripiegando in un ospite nutrizionalmente carente.
PMID: 10837315

RICERCA UMANA
24. N Z Med J. 1996 22 novembre; 109(1034): 435-8.
Assunzioni nutrienti dei bambini tongani e Tokelauan che vivono in Nuova Zelanda.
CA di Bell, Parnell WR.
La Nuova Zelanda
Gli autori, facendo uso di un'annotazione di 24 ore di dieta, hanno voluto misurare le assunzioni nutrienti di 10 - ai bambini tongani e Tokelauan di 13 anni che vivono in Nuova Zelanda e paragonarli ai bambini non pacifici delle isole della stessa età. Complessivamente 162 bambini (68 ragazzi e 94 ragazze) sono stati intervistati. Le assunzioni del micronutriente erano generalmente più basse per i bambini tongani e Tokelauan con le assunzioni di calcio, di riboflavina, di tiamina, di niacina, di folato e di vitamina A che sono stato significativamente più bassi per entrambi i sessi. Colleen Fitzpatrick era inoltre significativamente più basso per le ragazze (p < 0,05).
La ragione per le carenze in bambini tongani e Tokelauan era che ottengono la maggior parte delle loro sostanze nutrienti da carne, dai prodotti della panificazione, dagli alimenti a rapida preparazione e dai prodotti lattier-caseario. La frutta e le verdure non erano significative nella loro dieta.
PMID: 8982173

RICERCA UMANA
25. Dieta Assoc di J. 1995 dicembre; 95(12): 1409-13.
Assunzioni nutrienti ad alto rischio fra le donne messicane a basso reddito in Chicago, Illinois.
Ballew C, SB di Sugerman.
U.S.A.
Gli autori riferiscono sui dati dalla cottura a sezione trasversale, dal cibo, dalla nutrizione e dall'indagine di compera (CENAS) per i modelli di consumo alimentare di 186 messicani a basso reddito che vivono in Chicago, Ill. L'assunzione del micronutriente era 11% del RDA per tiamina e riboflavina e di un livello di 82% del RDA per la folacina.
PMID: 7594143

RICERCA UMANA
26. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 6 luglio 1995; 212(1): 35-40.
Riduttasi e riboflavina del miocardio di flavin: un ruolo potenziale nella lesione diminuente di riossigenazione.
Impermeabile CP, Hultquist DE, Shlafer M.
Dipartimento di farmacologia, facoltà di medicina dell'università del Michigan, Ann Arbor 48109, U.S.A.
Ferrylmyoglobin danneggia il muscolo cardiaco dopo gli attacchi ischemici. Tuttavia, un enzima, riduttasi di flavin, che funziona più efficientemente con più flavins, può ridurre i livelli di ferrylmyoglobin. Gli autori hanno trovato che trattare con la riboflavina ha effetti cardioprotective durante la riossigenazione e che questi effetti sono mediati dalla riduttasi di flavin.
PMID: 7612015

RICERCA UMANA
27. J Coll Nutr. 1995 febbraio; 14(1): 71-9.
Il ruolo importante delle caratteristiche dietetiche e comportamentistiche modificabili nella causa e nella prevenzione dell'ospedalizzazione e della mortalità della coronaropatia: lo studio di approfondimento futuro di NHANES I.
Gartside PS, Glueck CJ.
U.S.A.
Negli oggetti di dieci anni di questo studio 8.251 nell'indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute, NHANES I, sono stati valutati per le caratteristiche dietetiche e comportamentistiche modificabili in collaborazione con la coronaropatia (CHD). Dopo dieci anni 492 persone hanno avute eventi cardiovascolari. Gli autori hanno trovato che i seguenti fattori sono stati associati indipendente, significativamente ed inversamente con cuore coronario e le morti e le ospedalizzazioni di malattia vascolare: ingestione di alcol, riboflavina dietetica, ferro dietetico, magnesio del siero, esercizio di tempo libero, attività fisica abituale e genere femminile. Hanno concluso che ci sono caratteristiche dietetiche e comportamentistiche modificabili importanti nella causa e nella prevenzione di CHD.
PMID: 7706615

RICERCA UMANA
28. Med di Presse. 22 ottobre 1994; 23(32): 1475-9.
Cardiomiopatia ipertrofica causata dalla carenza del citocromo ossidasi
Gournay-Toulemonde V, Munnich A, Bouhour JB, Lefevre m., Potiron m., Saudubray JM.
Parigi
Ciò è un rapporto di caso di una ragazza di 16 anni che ha avuta carenza del citocromo c ossidasi. La diagnosi è stata confermata dall'analisi spettrofotometrica e polarografica dei mitocondri da una biopsia periferica del muscolo. Il trattamento con il solfato della riboflavina, dell'acido ascorbico, di fattore P, del menadione, della carnitina e del ferro ha condurre ad un certo miglioramento clinico.
PMID: 7824467

RICERCA UMANA
29. Biochimica Mol Biol Int. 1994 ottobre; 34(4): 685-91.
Effetti protettivi di riboflavina e dei suoi derivati contro danno reperfused ischemico del cuore del ratto.
Kotegawa m., Sugiyama m., Haramaki N.
Il Giappone
Questo studio ha misurato la capacità dei derivati della riboflavina di aiutare il recupero dei cuori reperfused del ratto. Gli autori hanno trovato che in tutti i cuori irrorati con riboflavina e nei suoi derivati durante la ischemia-riperfusione, un profondo recupero dei composti del fosfato dell'alta energia ed i gradi di pH sono stati osservati. C'era un effetto supplementare in quanto la funzione respiratoria mitocondriale cardiaca era protetta dalla lesione di ischemia-riperfusione. Gli autori concludono che i loro risultati indicano che la riboflavina, la MODA, FMN e il lumichrome hanno un effetto protettivo contro la lesione di ischemia-riperfusione al miocardio del ratto in vitro.
PMID: 7866293

RICERCA UMANA
30. Vopr Med Khim. 1994 marzo-aprile; 40(2): 41-5.
Metabolismo della vitamina del gruppo b nella malattia dell'ulcera duodenale, nell'ipertensione e nella malattia cardiaca ischemica
Kodentsova VM, Vrzhesinskaia OA, LA di Kharitonchik, Spirichev VB.
La Russia
In uno studio sul metabolismo della vitamina di B, nessuna differenza è stata trovata nel tasso metabolismo delle vitamine B1, B2, B6 e niacina in persone in buona salute o in pazienti con l'ulcera duodenale, l'ipertensione e la malattia cardiaca ischemica secondo le indicazioni dei modelli dell'escrezione del laboratorio. Tuttavia, la carenza della riboflavina ha causato i considerevoli danni della vitamina b6 e del metabolismo della niacina.
PMID: 8160430

RICERCA UMANA
31. Rev. 1993 di Nutr maggio; 51(5): 149-50.
La riboflavina può proteggere il tessuto dalla lesione ossidativa.
Christensen HN.
U.S.A.
L'autore ha trovato che i livelli elevati della riboflavina sono stati riferiti per assicurare la protezione contro danno ossidativo causato dalle forme ossidate di hemeproteins (proteine del ferro). Questo effetto di riboflavina può essere mediato da una riduttasi NADPH-dipendente della metaemoglobina.
PMID: 8332286

RICERCA UMANA
32. Br J Nutr. 1992 luglio; 68(1): 11-9.
Sia a dieta fra i petrolio-lavoratori sulle installazioni di olio offshore nel settore norvegese del Mare del Nord.
Oshaug A, Ostgard LI, Trygg KU.
La Norvegia
Uno studio sulla dieta sugli impianti offshore ha mostrato che 17% è venuto da proteina, 44% da grasso e 39% dal carboidrato, compreso 8% dallo zucchero. La carne, le verdure, la frutta fresca, i frutti di mare (crostacei), le patate fritte, le uova, la crema ed il gelato erano componenti importanti della dieta, mentre il pane, il pesce ed i cereali hanno svolto un ruolo secondario. L'assunzione quotidiana di media (mg) delle sostanze nutrienti era: calcio 1244, ferro 15, vitamina A 1049 microgrammi, vitamina D 4,1 microgrammi, tiamina 1,6, riboflavina 2,2, acido nicotinico 22, acido ascorbico 143. L'assunzione dietetica della fibra era in media 19 g e l'assunzione quotidiana di media di colesterolo era 755 mg. Gli autori hanno concluso che questo tipo di dieta se alimentare cronicamente può contribuire allo sviluppo delle coronaropatie (CHD) e quindi aumentare la morbosità e la mortalità da CHD nell'industria petrolifera.
PMID: 1390597

RICERCA UMANA
33. Salute della Comunità di J Epidemiol. 1991 giugno; 45(2): 148-51
Relazione fra la composizione in dieta ed i fattori di rischio della coronaropatia.
Porrini m., Simonetti P, Testolin G, Roggi C, ms di Laddomada, la TA di Tenconi
L'Italia
Questo studio ha valutato la dieta ed i fattori di rischio per la coronaropatia. La valutazione e le analisi del sangue dietetiche sono state effettuate sugli adulti che vivono in una cittadina in Italia del Nord. Il potenziale ipercolesterolemico e atherogenic della dieta, valutato dall'indice grasso saturo/del colesterolo, era alto in circa 50% della popolazione. Le assunzioni della riboflavina e della tiamina erano più basse dell'italiano ha raccomandato le indennità più di 60% della gente in esaminata in.
PMID: 1649247

RICERCA UMANA
34. Aterosclerosi. 1989 gennaio; 75(1): 1-6.
La riduzione del lipido e dell'omocisteina del plasma livella da piridossina, da folato, da cobalamina, da colina, da riboflavina e dal troxerutin nell'aterosclerosi.
Olszewski AJ, WB di Szostak, Bialkowska m., Rudnicki S, McCully KS.
U.S.A.
Il livello di omocisteina è stato correlato con il trattamento nutriente in 12 superstiti maschii di infarto miocardico acuto. Sono stati dati la piridossina, il folato, la cobalamina, la colina, la riboflavina e il troxerutin per il 21 giorno. Le concentrazioni nel plasma di omocisteina ed acido adipico alfa-amminico sono diminuito a 68% e 57% dei valori di pretrattamento ed il colesterolo, i trigliceridi e il LDL il apo B in diminuzione a 79%, a 68% e a 63% dei valori di pretrattamento, rispettivamente. Gli autori concludono che i loro risultati indicano una nuova strategia per il trattamento delle anomalie metaboliche nell'aterosclerosi con l'uso delle sostanze nutrienti naturali e non tossiche che minimizzano l'accumulazione dell'omocisteina.
PMID: 2930611

RICERCA UMANA
35. Vopr Med Khim. 1988 settembre-ottobre; 34(5): 99-104.
Effetto della terapia con complessi della vitamina ed i beta-adrenoblockers sugli indici dell'escrezione di oxyproline in varie malattie ereditarie del tessuto connettivo
Prozorovskaia NN, Glinianaia SV, Gerashchenko LP, Rudakov ss, Solonichenko VG.
La Russia
Nei bambini di questo studio 16 con con la sindrome del tipo di Marphan e Marphan, le sindromi di Larson e di Ehlers-Dunlos sono state trattate con propranololo e un complesso delle vitamine (acido ascorbico, riboflavina e piridossina). Gli autori hanno notato che il trattamento ha causato la correzione quantitativa e qualitativa di collagene ed apparentemente dello sviluppo dei fibrilles dell'elastina. Gli autori ritengono che il loro trattamento complesso potrebbe applicarsi come terapia preoperatoria dei pazienti con la sindrome del tipo di Marphan come pure con le sindromi di Marphan e di Ehlers-Dunlos prima del thoracoplastics per deformazione del petto.
PMID: 2905846

RICERCA ANIMALE
36. Cancro. 15 ottobre 1986; 58 (8 supplementi): 1911-4.
Nuovi approcci alla prevenzione possibile degli effetti collaterali di chemioterapia da nutrizione.
Pinto J, Raiczyk GB, YP di Huang, Rivlin RS.
Gli autori hanno voluto determinare fino a che punto l'adriamicina inibisce il metabolismo di riboflavina. L'adriamicina forma la riboflavina dei complessi e compete per legare alle proteine del tessuto. Lo studio ha trovato che i ratti hanno trattato con formazione diminuita esibita adriamicina di dinucleotide dell'adenina di flavin (MODA), il derivato attivo del coenzima di flavin, in muscolo scheletrico a quasi 50% che dei comandi e nel cuore a circa 70% - 80% dei comandi. Gli autori notano che negli studi preliminari, gli animali riboflavina-carenti trattati con l'adriamicina avevano accelerato i tassi di mortalità. I loro risultati sollevano la possibilità che i difetti del nutriture della riboflavina, possono essere un determinante della tossicità di adriamicina. Gli autori concludono che ulteriori studi sono richiesti per esplorare il potenziale per impedire gli effetti collaterali dovuto l'adriamicina dando la riboflavina.
PMID: 3756811

RICERCA ANIMALE
37. Farmakol Toksikol. 1984 novembre-dicembre; 47(6): 46-50.
Azione di un complesso della vitamina con le proprietà ossidativo-ridutrici sul corso di ipossia e di ischemia del miocardio acute.
Sidorenko AF, Gatsura VV.
La Russia
Gli autori riconoscono che determinate vitamine (acido ascorbico, mononucleotide della riboflavina, acido lipoico, nicotinammide) trattano l'ipossia sperimentale in topi. Lo stesso complesso delle vitamine ha ridotto l'acidosi metabolica nella zona di ischemia in cani. Questa azione protettiva delle vitamine, inoltre veduta nell'ischemia del miocardio, è dovuto coniugazione dell'ossidazione e fosforilazione nei mitocondri del miocardio ischemico come pure con la sue azione ed inibizione distabilizzazione di perossidazione lipidica.
PMID: 6240410

RICERCA ANIMALE
38. J Electrocardiol. 1981 luglio; 14(3): 219-24.
Meccanismo da di aritmia indotta da clorpromazina -- aritmia e disfunzione mitocondriale.
Kitazawa m., Sugiyama S, Ozawa T, Miyazaki Y, Kotaka K.
Il Giappone
In questo studio sul meccanismo dell'azione aritmogenica di clorpromazina (CPZ) è stato osservato in 32 ha anestetizzato i cani ibridi sono stati usati. il Flavin-adenina-dinucleotide è stato dato con il CTZ ed ha impedito non solo la diminuzione nella soglia di risposta multipla ventricolare (VMRT) e nella perturbazione della funzione mitocondriale, ma anche l'effetto ipoteso di CPZ.
PMID: 6167651

RICERCA ANIMALE
39. Cuore J. 1979 di Jpn settembre; 20(5): 657-65.
Protezione da di aritmia indotta da clorpromazina dal flavin-adenina-dinucleotide nel cuore canino.
Sugiyama S, Ozawa T.
Il Giappone
Questo studio, studiare il meccanismo dell'aritmia ventricolare indotta della clorpromazina (CPZ), i cambiamenti nella soglia della fibrillazione ventricolare (VFT) è stato seguito dopo l'iniezione endovenosa di CPZ in cani. Quando il flavin-adenina-dinucleotide (MODA) è stato dato prima del CPZ, VFT è stato annullato significativamente. Gli effetti di CPZ sui mitocondri canini del cuore inoltre sono stati annullati tramite l'amministrazione priore della MODA. Gli autori concludono che i loro risultati indicano che la MODA potrebbe essere utile nel trattamento delle perturbazioni cardiache connesse con l'iperdosaggio di CPZ.
PMID: 501931

RICERCA UMANA
40. Cuore J. 1976 di agosto; 92(2): 139-43.
Carenza della riboflavina in infanti ed in bambini con la malattia cardiaca.
Steier m., Lopez R, Cooperman JM.
U.S.A.
In uno sforzo per determinare se i bambini con la malattia cardiaca hanno i bambini di carenza 31 della riboflavina sono stati provati. Ventisette bambini hanno avuti malattia cardiaca congenita e quattro hanno avuti malattia cardiaca reumatica. Undici del 31 bambino hanno avuti prova della carenza della riboflavina, che è una prevalenza significativamente più alta che fra il gruppo di controllo. Quei bambini con guasto di scompenso cardiaco erano più probabili avere carenza della riboflavina. Gli autori concludono che le carenze nutrizionali possono essere più prevalenti fra gli infanti ed i bambini con la malattia cardiaca che precedentemente sono stati ritenuti.
PMID: 941824

RICERCA ANIMALE
41. Cartilagine di osteoartrite. 2002 febbraio; 10(2): 119-26.
Le vitamine ed il selenio dietetici diminuiscono lo sviluppo dell'osteoartrite meccanicamente indotta ed aumentano l'espressione degli enzimi antiossidanti nel giunto di ginocchio dei topi di STR/1N.
Kurz B, Jost B, Schunke M.
La Germania
Questo studio ha valutato l'effetto delle vitamine e del selenio dietetici dall'sull'osteoartrite indotta da meccanica (OA) su un periodo di 12 mesi in un gruppo di topi. La loro dieta speciale è stata completata con le vitamine E, C, A, B6, B2 e selenio). Gli autori hanno trovato che una dieta completata con le vitamine/selenio potrebbe essere importante nella prevenzione o nella terapia di OA meccanicamente indotta. Suppongono che le specie radicali dell'ossigeno libero potrebbero partecipare all'induzione meccanica di OA.
PMID: 11869071

RICERCA UMANA
42. Ann Rheum Dis. 1996 novembre; 55(11): 837-40.
Attività del glutatione reduttasi, stato della riboflavina ed attività di malattia nell'artrite reumatoide.
Mulherin dm, DI di Thurnham, Situnayake RD.
Il Regno Unito
Questo studio ha precisato per misurare l'attività del glutatione reduttasi dell'eritrocito (RGS) e lo stato della riboflavina e la loro associazione con l'artrite reumatoide. La riboflavina è richiesta dalla RGS affinchè lavori. I partecipanti allo studio erano 91 paziente con l'artrite reumatoide, compreso 57 con la malattia attiva e controllo sano 220. Sia la RGS basale che stimolata era significativamente più alta in pazienti con l'artrite reumatoide che nei comandi. La carenza biochimica della riboflavina è stata identificata nei comandi di 41% e nei pazienti di 33% con l'artrite reumatoide attiva ma era significativamente meno frequente (9%) in pazienti con inattivo confrontato alla malattia attiva o ai comandi sani. Il punteggio di dolore, l'indice articolare, la proteina reattiva di C e la velocità di eritrosedimentazione sono stati aumentati di pazienti con la carenza della riboflavina. Gli autori hanno concluso che il più alta RGS basale e stimolata potrebbe essere preveduta in pazienti con l'artrite reumatoide in risposta allo sforzo ossidativo cronico dovuto infiammazione sinoviale. L'associazione della carenza della riboflavina con attività aumentata di malattia implica che l'attività alterata della RGS potrebbe facilitare l'infiammazione in corso.
PMID: 8976642

RICERCA ANIMALE
43. Z Rheumatol. 1988 maggio-giugno; 47(3): 166-72.
Effetto di riboflavina (vitamina B2) sul gonarthrosis spontaneo nel topo
Wilhelmi G, Tanner K.
La Svizzera
Gli autori riconoscono che la riboflavina è conosciuta per promuovere i processi rigeneratori sull'osteoartrite. In questo studio un il gruppo di topi dati riboflavina supplementare. L'incidenza del gonarthrosis era di meno che la metà quello trovato nei comandi, il numero dei topi con il gonarthrosis bilaterale era considerevolmente più piccola e la severità delle lesioni più di meno segnate. Altre droghe che stimolano la guarigione arrotolata erano per esempio flavonoidi, tribenoside e solfato di zinco studiati. Queste sostanze inoltre sono state trovate per esercitare un simile effetto inibitorio sul gonarthrosis spontaneo nel topo.
PMID: 3213264

RICERCA ANIMALE
44. Farmakol Toksikol. 1988 marzo-aprile; 51(2): 69-71.
L'influenza degli induttori degli enzimi e gli inibitori del metabolismo degli xenobiotici e delle forme del coenzima di vitamine B1 e B2 sull'effetto antinfiammatorio di voltaren.
Na di Stanislavchuk, Pentiuk aa, Lychik GZ, Lychko AP, Lutsiuk N.B.:.
La Russia
Negli esperimenti su 245 ratti maschii l'effetto delle vitamine B1 e B2, il difosfato della tiamina ed il mononucleotide di flavin sull'effetto antinfiammatorio di voltaren sono stati valutati. Gli autori hanno trovato che il difosfato della tiamina rafforza l'effetto terapeutico di voltaren. Ed il mononucleotide di flavin fa diminuire la tossicità dei volatren.
PMID: 3259936

RICERCA UMANA
45. Med Monatsschr Pharm. 1991 agosto; 14(8): 244-7.
Acido folico e carenza vitaminica causati dai contraccettivi orali
Bielenberg J.
Gli autori riconoscono i rapporti recenti che l'uso a lungo termine di estrogeno-contenere i contraccettivi orali (OCs) può indurre la carenza della vitamina e dell'acido folico B. I sintomi sono pallore, dimenticanza, insonnia e gli stati depressivi euforici e. La carenza di vitamina b12 come pure la concentrazione più bassa nella tiamina e nella riboflavina in eritrociti è riferita dopo avere usando OCs. L'autore ha raccomandato l'istruzione di paziente sugli effetti della carenza vitaminica e su nutrizione adeguata per le donne su Ocs come pure su terapia sostitutiva dell'estrogeno.
PMID: 1921842

RICERCA UMANA
46. Int J Epidemiol. 1998 ottobre; 27(5): 845-52.
Fattori nutrizionali in eziologia della sclerosi a placche: uno studio di caso-control a Montreal, Canada.
Ghadirian P, m. Jain, Ducic S, Shatenstein B, Morisset R.
Il Canada
Gli autori riconoscono che la nutrizione ed i tipi di alimentazione, specialmente l'alto consumo di grasso animale e l'assunzione bassa dei prodotti a base di pesce, possono svolgere un ruolo in eziologia della sclerosi a placche (ms). L'associazione fra i fattori nutrizionali ed il ms è stata studiata fra 197 casi di incidente e 202 frequenze hanno abbinato i comandi. Un effetto protettivo significativo è stato osservato con proteina vegetale, fibra dietetica, la fibra del cereale, la vitamina C, la tiamina, la riboflavina, il calcio ed il potassio. Le simili tendenze sono state vedute per i maschi e le femmine. Un'più alta assunzione dei succhi di frutta è stata associata inversamente con il rischio. Un effetto protettivo inoltre è stato osservato con l'assunzione pani/del cereale per tutti i casi combinati e per il pesce fra le donne soltanto; la carne di maiale/hot dog ed i dolci/caramella sono stati associati positivamente con il rischio. Gli autori concludono che questo studio sostiene un ruolo protettivo per gli alimenti vegetali (frutta/verdure e grani) e un rischio aumentato con l'ingestione di cibo animale e dell'alta energia.
PMID: 9839742

RICERCA UMANA
47. Nutr Hosp. 2002 novembre-dicembre; 17(6): 290-5.
L'assunzione antropometrica della vitamina e di valutazione da un gruppo di anziani institucionalized gli individui nella provincia di Leon (Spagna)
Villarino Rodriguez A, Garcia-Linares Mdel C, la TA di Garcia-arie, Garcia-Fernandez Mdel C.
La Spagna
Ciò è un'indagine delle carenze nutrizionali dei micronutrienti in 124 persone anziane (60 maschi e 64 femmine), invecchiate fra 65 e 98, che stavano vivendo in cinque istituzioni di vecchiaia.
I livelli insufficienti di acido folico, di vitamina A, di riboflavina e di vitamina b12 sono stati trovati nei segmenti importanti di questa popolazione. Ancora i risultati più bassi sono stati trovati in vitamina b6, vitamina D e vitamina E). Confrontato ai valori raccomandati i risultati erano: (93,5% contro 67,8% per la vitamina b6, 84,5% contro 84,6% per la vitamina D e 88,3% contro 92,2% per la vitamina E, per gli uomini e le donne, rispettivamente).
PMID: 12514922

RICERCA UMANA
48. Ann Thorac Surg. 2002 ottobre; 74(4): 1251-2.
Scriva a B l'acidosi a macchina lattica: una complicazione rara della terapia antiretrovirale dopo ambulatorio cardiaco.
Vasseur BG, Kawanishi H, scià N, Anderson ml.
U.S.A.
Ciò è un rapporto di caso di una donna di 47 anni con il HIV e la malattia renale di stadio finale su emodialisi, trattato con la terapia farmacologica di farmaco antiretrovirale di combinazione, che ha sviluppato un'acidosi lattica acuta e severa 24 ore dopo chirurgia per l'endocardite. Completamente ha recuperato dopo che il farmaco di HIV è stato interrotto, con l'amministrazione di riboflavina e delle misure complementari compreso emodialisi. Gli autori suggeriscono che la sincronizzazione di questi complicazione e rapporti precedenti implichi che la chirurgia a cuore aperto possa essere un fattore di rischio per nonischemic (tipo acidosi lattica di B) in pazienti che prendono a nucleosidico gli inibitori analogici della trascrittasi inversa.
PMID: 12400787

RICERCA UMANA
49. Ricerca di epilessia. 2002 ottobre; 51(3): 237-47.
L'effetto delle B-vitamine sull'iperomocisteinemia in pazienti sui farmaci antiepilettici.
Apeland T, Mansoor mA, Pentieva K, McNulty H, Seljeflot I, Strandjord CON RIFERIMENTO A.
La Norvegia
Gli autori riconoscono che i pazienti sui farmaci antiepilettici (AEDs) possono elevare i livelli di omocisteina di totale del plasma (p-tHcy). Questo studio è stato destinato per valutare l'effetto del completamento della B-vitamina sui livelli di p-tHcy e sugli indicatori dell'attivazione endoteliale e della perossidazione lipidica. Complessivamente 33 pazienti adulti sono stati reclutati e completato stati con le B-vitamine per i 30 giorni: mg dell'acido folico 0,4, mg della piridossina 120 e mg della riboflavina 75 al giorno. Gli autori hanno concluso che il completamento combinato con acido folico, piridossina e riboflavina si è ridotto digiunare e iperomocisteinemia di PML in pazienti su AEDs. Inoltre notano che il completamento della B-vitamina ha influenzato l'attivazione endoteliale, sebbene l'implicazione clinica sia incerta.
PMID: 12399074

RICERCA UMANA
50. EUR J Clin Nutr. 2002 ottobre; 56(10): 1004-10.
Convalida della base di dati italiana della composizione degli alimenti dell'istituto europeo di oncologia.
Fidanza F, Perriello G.
L'Italia
Questa indagine ha paragonato le assunzioni nutrienti ottenute dall'analisi chimica della parte composita o duplicata dell'alimento di diete a quelle ottenute con il metodo record pesato facendo uso della base di dati dell'istituto europeo dell'oncologia (EIO). Gli autori hanno trovato le differenze significative fra l'analisi ed il calcolo con la base di dati di EIO per le assunzioni del grasso, del retinolo, del beta-carotene e della riboflavina nelle regioni differenti dell'Italia. Hanno acconsentito con la ricerca precedente ed hanno concluso che le tavole e le basi di dati della composizione degli alimenti, quale la base di dati di EIO, non possono essere considerate un metodo attendibile per determinare le assunzioni nutrienti, specialmente per alcune vitamine.
PMID: 12373621

RICERCA UMANA
51. Salute dei bambini di Paediatr. 2002 ottobre; 38(5): 450-37.
Vitamine antiossidanti e sindrome nefrosica rispondente steroide in bambini indiani.
Mathew JL, Kabi BC, Rath B.
L'India
Gli autori riconoscono che la sindrome nefrosica può essere una conseguenza di uno squilibrio fra l'ossidante e l'attività antiossidante. Nello studio presente, i livelli di vitamine antiossidanti del micronutriente (vitamina E, vitamina C, carotene e riboflavina) in 30 bambini indiani con la sindrome nefrosica rispondente steroide sono stati studiati e 30 comandi del fratello germano. Gli autori hanno trovato che la vitamina E di media, la vitamina C ed il carotene erano significativamente più bassi durante la fase proteinuric della malattia e c'era attività in diminuzione della riboflavina dell'eritrocito. I livelli della vitamina migliori durante l'ospedalizzazione ma non sono diventato normali. Gli autori hanno concluso che queste vitamine erano attive nell'esecuzione della loro funzione antiossidante, come indicato dalla depressione significativa nei loro livelli durante la fase (proteinuric) acuta, seguita dal recupero parziale durante la remissione. Concludono che la sindrome nefrosica rispondente steroide in bambini è associata con lo sforzo ossidativo.
PMID: 12354259

RICERCA UMANA
52. Salute Popul Nutr di J. 2002 settembre; 20(3): 255-63.
Abitudini alimentari e densità nutriente delle diete dei bambini pakistani che vivono nelle regolazioni urbane e rurali differenti.
Hakeem R, Thomas J, Badruddin SH.
UK/Pakistan
Questo studio ha analizzato le annotazioni di tre giorni dell'alimento per le abitudini alimentari e la densità nutriente delle diete di sei gruppi di scolari rurali ed urbani ha invecchiato 10-12 anni. I risultati erano quello con l'urbanizzazione, l'assunzione di grasso e lo zucchero aumentato costantemente. L'assunzione del carboidrato, della fibra, della riboflavina e della vitamina E è diminuito con l'urbanizzazione.
PMID: 12430763

RICERCA UMANA
53. J Nutr. 2003 giugno; 133(6): 1834-40.
Una bevanda multinutrient-fortificata migliora lo stato nutrizionale dei bambini nel Botswana.
Abrams SA, Mushi A, CC di Hilmers, grifone IJ, Davila P, Allen L.
USA/Botswana
Gli autori riconoscono che gli alimenti e le bevande multinutrient-fortificati possono essere utili nella riduzione delle carenze del micronutriente, particolarmente in paesi in via di sviluppo. Questo studio ha valutato una nuova bevanda fortificata nel miglioramento dello stato nutrizionale di un gruppo di 311 scolaro urbano di reddito più basso, le età 6-11 anni. I cambiamenti nella circonferenza mezzo superiore del braccio, nel peso per l'età e nel peso totale, in ferritina, in riboflavina e nello stato folico erano significativamente migliori nel gruppo fortificato. Gli autori concludono che una bevanda micronutriente-fortificata può essere utile come componente di un programma nutrizionale globale del completamento in popolazioni a rischio delle carenze del micronutriente.
PMID: 12771326

RICERCA ANIMALE
54. Br J Nutr. 2002 maggio; 87(5): 501-8.
Effetto dei multivitaminici in una preparazione effervescente sullo scoppio respiratorio dei macrofagi peritoneali in topi.
Jakus J, Kriska T, Vanyur R.
L'Ungheria
In un gruppo di completamento del multivitaminico dei topi con o senza l'alfa-tocoferolo, l'acido ascorbico, attività dei macrofagi aumentata riboflavina, abbassata le concentrazioni nel radicale libero dell'equilibrio di fegato e milza, aumentate la reattività antiossidante del fegato e milza ed ha avuto un effetto benefico generale sui meccanismi di difesa dell'organismo.
PMID: 12010588

RICERCA UMANA
55. J Med Assoc Thai. 1998 dicembre; 81(12): 931-7.
Stato della riboflavina e della tiamina dei ricoverati medici.
Songchitsomboon S, Komindr S, Kulapongse S, Puchaiwatananon O, Udomsubpayakul U.
La Tailandia
Questa carta valuta la tiamina e lo stato della riboflavina è stato valutato in 165 ricoverati medici. I pazienti stavano ricevendo la tiamina e la riboflavina nelle loro diete. Nove per cento dei ricoverati medici hanno avuti svuotamento della tiamina. Diciassette per cento hanno avuti svuotamento della riboflavina. Gli autori hanno concluso che sebbene la dose usuale del completamento della vitamina in ricoverati medici fosse utile lo svuotamento della vitamina può ancora essere presente in pazienti catabolici.
PMID: 9916379

RICERCA UMANA
56. Biol Trace Elem Res. 1998 novembre; 65(2): 109-15.
Effetto del completamento della riboflavina sulla prestazione dello zinco e di assorbimento e di crescita del ferro in topi.
Agte VV, Paknikar chilometro, Chiplonkar SA.
L'India
Gli autori riconoscono che le diete del vegetariano su in riso ed in interi grani ed in basso in verdure gialle sono carenza in riboflavina. Tali diete inoltre permettono la biodisponibilità difficile di ferro e di zinco insolubili. È conosciuto che il completamento di riboflavina può provocare l'assorbimento aumentato di zinco e di ferro. In topi dati la riboflavina c'era miglioramento significativo in IE della crescita., concezione, obesità media nella gravidanza, peso medio dei cuccioli all'età del 21 giorno ed emoglobina di percentuale. Il completamento della riboflavina inoltre ha migliorato l'assorbimento di zinco.
PMID: 9881515

RICERCA UMANA
57. EUR J Clin Nutr. 1991 giugno; 45(6): 309-13.
Valutazione enzimatica di stato della riboflavina degli infanti.
Ms di Bamji, Chowdhury N, SEDERE di Ramalakshmi, Jacob cm.
L'India
Due studi hanno misurato lo stato della riboflavina degli infanti solamente allattati al seno (SBF) invecchiati 1-6 mesi e solamente o gli infanti parzialmente allattati al seno (PBF) e svezzati hanno invecchiato 6-24 mesi. Lo stato della riboflavina degli infanti era significativamente superiore a quello delle loro madri. Tuttavia, 35 per cento degli infanti di SBF esaminati hanno sofferto dalla carenza biochimica della riboflavina. In un in corso di carta gli autori hanno paragonato lo stato della riboflavina di 55 (SBF) infanti solamente allattati al seno di 1-6 mesi a 112 (SBF), parzialmente l'allattato al seno, o hanno svezzato gli infanti di 6-24 mesi dalle famiglie di reddito basso in India. Gli autori hanno trovato che gli effetti benefici di stato supplementare della riboflavina alimentarsi negli infanti di 6-8 mesi erano l'individuazione più significativa. Gli scienziati sospettano che la carenza della riboflavina colpisce le funzioni psicomotorie ed altera la maturità del collagene e la guarigione della ferita.
PMID: 1915204

RICERCA UMANA
58. EUR J Clin Nutr. 1988 aprile; 42(4): 277-83.
Carenza della riboflavina e severità di malaria.
Das BS, DB di Das, Satpathy Marina militare, Patnaik JK, Bose TK.
L'India
In una valutazione dello stato della riboflavina di 64 bambini che soffrono dall'infezione malarica più in basso la riboflavina livella più lento il tempo di recupero. tuttavia, il conteggio del parassita non era più basso in coloro che ha avuto riboflavina superiore. Gli autori concludono che gli effetti benefici di riboflavina nell'infezione di malaria ha bisogno di ulteriore valutazione.
PMID: 3293996

RICERCA UMANA
59. Arco Latinoam Nutr. 1984 dicembre; 34(4): 615-29.
Consumo alimentare ed adeguatezza dietetica secondo reddito in 1.200 famiglie, Manaus, Amazonas, Brasile, 1973-1974.
Shrimpton R.
I dati da un'indagine di consumi privati di 1.200 famiglie di Manaus eseguite dal governo statale dell'Amazonas nel 1973-74 sono analizzati dalla categoria dei redditi. In termini di sostanze nutrienti il più carenti erano zinco, vitamina A, calcio, tiamina e riboflavina, con 60-80% delle famiglie di reddito medio e di minimo che non ricevono i livelli sicuri di assunzione per zinco e vitamina A. Un più alto reddito ha migliorato l'adeguatezza dell'assunzione del calcio, della tiamina e della riboflavina ed era quantitativo. Zinco e vitamina A, migliori nella categoria dei redditi aumentata dovuto consumo aumentato di carne e di fegato.
PMID: 6545643

RICERCA UMANA
60. Ronzio Nutr Clin Nutr. 1983 dicembre; 37(6): 427-32.
Efficacia di un supplemento della riboflavina dato ogni quindici giorni ad intervalli alle donne incinte e d'allattamenti in Gambia rurale.
Bates CJ, Flewitt A, Prentice, agnello WH, Whitehead RG.
Trentasette incinto o donne d'allattamento che vivono in due villaggi rurali, riboflavina ricevuta di mg 15, o un placebo, ogni quindici giorni ad intervalli per 10 settimane. Lo stato ed i livelli ematici clinici sono stati controllati. Gli autori hanno trovato che la carenza biochimica era molto contrassegnata all'inizio ed hanno mostrato un certo miglioramento dopo il completamento, ma mai non hanno raggiunto il normale. Hanno concluso che un supplemento della riboflavina dato ad intervalli spaziati può essere clinicamente utile, malgrado omissione di raggiungere gli indici biochimici normali.
PMID: 6365849

RICERCA UMANA
61. Salute pubblica di Aust N Z J. 1997 aprile; 21(2): 141-6.
Ingestione dietetica dei fumatori e dei non-fumatori australiani.
RM inglese, Najman JM, Bennett SA.
L'Australia
Questo studio esamina i fumatori (1024 uomini e 785 donne) ed i non-fumatori (1974 uomini e 2421 donna). I risultati erano che sia gli uomini che le donne, non-fumatori hanno avuti un'assunzione significativamente più alta di amido, di fibra dietetica (g/giorno e g/1000 kJ), di tiamina, di vitamina C, di calcio e di magnesio che i fumatori, che inoltre hanno avuti un'assunzione significativamente più alta dell'alcool. I fumatori maschii inoltre hanno un'più alta assunzione di energia e di colesterolo, ma un'assunzione più bassa di riboflavina, che i non-fumatori. Queste differenze nelle assunzioni nutrienti suggeriscono che i non-fumatori consumino una dieta più nutriente che i fumatori, riguardo ad avere un'più alta assunzione di frutta e verdure, cereali e latte intero e prodotti lattiero-caseari. C'è altamente statisticamente un'associazione significativa fra stato di fumo e assunzione pericolosa dell'alcool. Sia gli uomini che le donne che fumano hanno un indice di massa corporea significativamente più basso (BMI), che i non-fumatori o i ex-fumatori.

RICERCA UMANA
62. Vopr Med Khim. 1999 marzo-aprile; 45(2): 150-7.
Metabolismo delle vitamine B1 e B2 durante la fenilchetonuria
Kodentsova VM, Vrzhesinskaia OA, SN di Denisova, Spirichev VB.
La Russia
Nei bambini di phenylketonuris (PKU) c'è escrezione urinaria aumentata della riboflavina. Gli autori discutono la necessità per il redetermination della dieta della vitamina B2 ed il contenuto ottimale con questa malattia e la sua convalida biochimica.

RICERCA UMANA
63. Dieta di Nutr di ronzio di J. 2001 ottobre; 14(5): 365-70.
Carenza della riboflavina nella fibrosi cistica: tre rapporti di caso.
McCabe H.
Il Regno Unito
Ciò è un rapporto di caso su tre bambini di fibrosi cistica con la carenza clinica della riboflavina. I bambini hanno presentato a w la stomatite angolare e la carenza della riboflavina è stata confermata da analisi del sangue. Gli autori hanno trovato che non erano sui supplementi della riboflavina e sono stati dati un complesso della vitamina solubile in acqua. Due bambini sono stati nutriti adeguatamente che implica la loro carenza era dovuto i requisiti aumentati, l'assorbimento insufficiente o l'utilizzazione. Ulteriore prova ha mostrato le carenze in tiamina, piridossina. Gli autori concludono che hanno trovato le carenze vitaminiche non precedentemente riferite nella popolazione di fibrosi cistica.

RICERCA UMANA
64. EUR J Clin Nutr. 2003 agosto; 57(8): 947-55.
Ingestioni dietetiche e fattori di stile di vita di una popolazione del vegano in Germania: risultati dallo studio tedesco del vegano.
Waldmann A, Koschizke JW, Leitzmann C, Hahn A.
La Germania
La valutazione è stata fatta sulla dieta di 154 vegani che usando due questionari e prelievi di sangue di nove giorni di frequenza dell'alimento. Gli autori hanno concluso quello per raggiungere la vitamina favorevole e le assunzioni del minerale, vegani dovrebbero studiare la possibilità di prendere i supplementi che contengono la riboflavina, la cobalamina, il calcio e lo iodio.

RICERCA UMANA
65. Dieta Assoc di J. 2003 agosto; 103(8): 1029-38.
Trattamento nutrizionale del cofattore nei disordini mitocondriali.
Matrimonio B, la TA di Clandinin, Glerum dm.
Il Canada
Questa revisione bibliografica sulla terapia nutrizionale del cofattore nei disordini mitocondriali, lo scopo che è di aumentare adenosina mitocondriale 5' - produzione del trifosfato e di rallentare o arrestare la progressione dei sintomi clinici. A causa dei metaboliti tossici e dell'attività di trasferimento di elettroni riduttrice molta attenzione è sull'uso degli antiossidanti, dei mediatori del trasferimento di elettroni (che escludono il sito difettoso) e dei cofattori degli enzimi. La prova indica che gli effetti positivi sono venuto dalle terapie metaboliche come: Coenzima Q (10) (ubiquinone); antiossidanti quali acido ascorbico, la vitamina E e l'acido lipoico; riboflavina; tiamina; niacina; vitamina K (fillochinone e menadione); creatina; e carnitina.

RICERCA UMANA
66. J Hepat virale. 2003 luglio; 10(4): 266-70.
Espressione del fegato p53 in pazienti con epatite cronica in relazione con la HCV.
Loguercio C, Cuomo A, Tuccillo C, Gazzerro P, Cioffi m., Molinari, Del Vecchio Blanco C.
L'Italia
Gli autori hanno studiato un gene mutato del cancro p53 per vedere che che cosa ha colpito è espressione in pazienti con cancro del fegato ed il virus hepatitic di C. Sia a dieta la storia documentata che quello i campioni del fegato dai pazienti con una sovraespressione p53 hanno avuti un'assunzione più bassa delle calorie totali, degli acidi grassi monoinsaturi, della vitamina C e della riboflavina che il normale. L'autore ha concluso che la sovraespressione p53 può accadere anche nelle fasi iniziali dell'affezione epatica in relazione con la HCV e può essere richiamata da nutrizione al di sotto della norma.

RICERCA UMANA
67. J Clin Nutr. 2003 giugno; 77(6): 1352-60.
Riboflavina (vitamina B-2) e salute.
Poteri HJ.
Il Regno Unito
L'autore esamina la letteratura su nutrizione della riboflavina. La riboflavina è trovata in latte e prodotti lattier-caseario, carne e pesce e frutta e verdure sicure, particolarmente verdure verde scuro. I segni biochimici di svuotamento sorgono entro soltanto alcuni giorni della privazione dietetica. Lo stato difficile della riboflavina in paesi occidentali pricipalmente colpisce gli anziani e gli adolescenti. Tuttavia, i requisiti possono essere superiori a precedentemente hanno pensato o le soglie biochimiche per la carenza sono inadeguate. Lo stato difficile della riboflavina interferisce con ferro che tratta, può essere un fattore di rischio per cancro, abbassa l'omocisteina, un fattore di rischio per la malattia cardiovascolare, può protegge ancora la lesione di riperfusione di ischemia e può ridurre il metabolismo di altre vitamine di B, particolarmente folico e della vitamina B-6.

RICERCA ANIMALE
68. Dig Dis Sci. 2003 giugno; 48(6): 1159-64.
L'assenza di riboflavina luminal disturba lo sviluppo postnatale iniziale del tratto gastrointestinale.
Yates CA, Evans GS, Pearson T, alimenta HJ.
Il Regno Unito
In questo studio del ratto l'assenza di riboflavina nel lume duodenale altera lo sviluppo normale, suggerente che lo sviluppo normale della cripta che percepisce il meccanismo possa partecipare alla risposta alla carenza della riboflavina.

RICERCA DI BASE
69. Int J Oncol. 2003 giugno; 22(6): 1291-5.
Aumento dell'effetto inibitorio di luce blu sulla crescita delle cellule del melanoma B16 da riboflavina.
Ohara m., Fujikura T, Fujiwara H.
Il Giappone
In uno studio sugli effetti anticancro di luce blu in collaborazione con le vitamine, le cellule del melanoma B16 sono state incubate in media completate con le varie vitamine ed esposte a luce blu per il min 10. La necrosi delle cellule è stata osservata in media che contengono la riboflavina e negli effetti aumentati con l'aumento degli importi della vitamina. Gli autori hanno concluso che la necrosi delle cellule probabilmente è indotta dalle specie attive dell'ossigeno quale il perossido di idrogeno costituito dalla reazione di riboflavina con luce blu.

RICERCA UMANA
70. Cancro di Int J. 9 novembre 1998; 78(4): 415-20.
Modelli nutrienti dell'assunzione e rischio di cancro gastrico: uno studio di caso-control nel Belgio.
Kaaks R, Tuyns AJ, Haelterman m., Riboli E.
La Francia.
Le valutazioni dietetiche sono state intraprese su 301 uomini e donna belgi con i tumori dello stomaco. Quelli al rischio di aumento hanno avuti ricchi di una dieta in mono e disaccaridi. Quelli con il rischio di cancro gastrico basso hanno avuti alta assunzione di vitamina C, del beta-carotene, delle vitamine B1, di B3 e di B6. Questi risultati erano coerenti con quelli del colon ed il cancro del retto studia.

RICERCA UMANA
71. Arco Ophthalmol. 2001 luglio; 119(7): 1009-19.
Assunzione nutriente a lungo termine e opacità nucleare relativa all'età iniziale della lente.
Jacques PF, LT Jr, Se di Hankinson, Khu PM, Rogers G, amico J, Tung W, Wolfe JK, Padhye N, WC di Willett, Taylor A. di Chylack.
U.S.A.
L'opacità nucleare della lente, connessa con lo sviluppo delle cataratte è stata misurata in 478 donne nondiabetic invecchiate 53-73. Le informazioni su nutrizione e sul completamento della vitamina sono state riunite in 13-15 anni dello studio. L'individuazione ha indicato che quelle con il più alta valutazione nutriente (vitamina C, vitamina E, riboflavina, folato, beta-carotene) hanno avute l'incidenza più bassa dell'opacità nucleare.