Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Riferimenti conoscitivi relativi all'età di declino

Prevenzione delle malattie e trattamento, quinta edizione

I riferimenti a questa pagina corrispondono alla versione della stampa di prevenzione delle malattie e del trattamento, quinta edizione. Poiché aggiorniamo continuamente i protocolli online in risposta ai nuovi sviluppi scientifici, i lettori sono incoraggiati ad esaminare le ultime versioni dei protocolli.

  1. La morfometria del campo di deformazione di Piperhoff P et al. rivela le differenze strutturali relative all'età fra i cervelli degli adulti fino a 51 anno. J Neurosci. 23 gennaio 2008; 28(4): 828-42.
  2. Variazione neuroanatomical normale di Allen Js et al. dovuta invecchiare: i lobi principali e un parcellation della regione temporale. Invecchiamento di Neurobiol. 2005 ottobre; 26(9): 1245-60; discussione 1279-82.
  3. Stime normative di Fotenos AF et al. del declino a sezione trasversale e longitudinale del volume del cervello nell'invecchiamento ed in ANNUNCIO. Neurologia. 22 marzo 2005; 64(6): 1032-9.
  4. A volumetria basata a RMI di Kruggel F. dei compartimenti capi: valori normativi degli adulti in buona salute. Neuroimage. 2006 marzo; 30(1): 1-11.
  5. Sowell ER et al. che traccia cambiamento corticale attraverso la portata di vita umana. Nat Neurosci. 2003 marzo; 6(3): 309-15.
  6. Differenze di genere di Hsu JL et al. e cambiamenti relativi all'età della materia bianca del cervello umano: uno studio di rappresentazione del tensore di diffusione. Neuroimage. 15 gennaio 2008; 39(2): 566-77.
  7. Rappresentazione e invecchiamento del tensore di Sullivan EV e di Pfefferbaum A. Diffusion. Rev. 2006 di Neurosci Biobehav; 30(6): 749-61.
  8. Misura quantitativa di Magnotta VA et al. in vivo del gyrification nel cervello umano: cambiamenti connessi con invecchiamento. Corteccia di Cereb. 1999 marzo; 9(2): 151-60.
  9. Assottigliamento del DH di Salat et al. della corteccia cerebrale nell'invecchiamento. Corteccia di Cereb. 2004 luglio; 14(7): 721-30.
  10. Maggior perdita di Sheline YI et al. di metà della vita in- dei ricevitori 5-HT (2A) che nella vita tarda. Psichiatria di J. 2002 marzo; 159(3): 430-5.
  11. Erixon-Lindroth N et al. Il ruolo del trasportatore striatal della dopamina nell'invecchiamento conoscitivo. Ricerca di psichiatria. 30 gennaio 2005; 138(1): 1-12.
  12. Associazione del ND di Volkow et al. fra il declino relativo all'età nell'attività della dopamina del cervello ed il danno in frontale e nel metabolismo del cingulate. Psichiatria di J. 2000 gennaio; 157(1): 75-80.
  13. Del Arco et al. una corteccia prefrontale, una restrizione calorica e uno sforzo durante l'invecchiamento: gli studi su dopamina e su acetilcolina liberano, BDNF e memoria di lavoro. Behav Brain Res. 1° gennaio 2011; 216(1): 136-45.
  14. I cambiamenti di Del Tredici K e di Braak H. Neurofibrillary del Alzheimer scrivono dentro gli individui a macchina molto anziani: nè inevitabile nè benigno: Commento “su nessuna malattia nel cervello di una donna di 115 anni„. Invecchiamento di Neurobiol. 2008 agosto; 29(8): 1133-6.
  15. Sviluppo di Kadota T et al. e invecchiamento del cervello: valutazione con SIG. spettroscopia del protone. AJNR J Neuroradiol. 2001 gennaio; 22(1): 128-35.
  16. Lovell mA e Markesbery WR. Danno ossidativo del DNA nel danno e nel morbo di Alzheimer conoscitivi delicati della tardi-fase. Ricerca degli acidi nucleici. 2007;35(22):7497-504
  17. Identificazione di proteomics di Butterfield DA e di Uva sultanina R. Redox delle proteine oxidatively modificate del cervello nel morbo di Alzheimer e nel danno conoscitivo delicato: visioni della progressione di questo disordine dementing. J Alzheimers DIS. 2007 agosto; 12(1): 61-72.
  18. Il danneggiamento ossidativo di Mecocci P et al. di DNA mitocondriale è aumentato di morbo di Alzheimer. Ann Neurol. 1994 novembre; 36(5): 747-51.
  19. Indicatori sistemici della TA di Schram et al. di infiammazione e del declino conoscitivo nella vecchiaia. Soc di J Geriatr. 2007 maggio; 55(5): 708-16.
  20. Livelli di ormone sessuale di Yaffe K et al. e rischio endogeni di declino conoscitivo in un più vecchio gruppo biraziale. Invecchiamento di Neurobiol. 2007 febbraio; 28(2): 171-8.
  21. La TA di Rizzo e licenziato della scuola media ha. Morte endoteliale delle cellule del cervello: modi, segnalando le vie e rilevanza a sviluppo, ad omeostasi ed alla malattia neurali. Mol Neurobiol. 2010 agosto; 42(1): 52-63.
  22. Il grasso viscerale di Debette S et al. è associato con il volume più basso del cervello in adulti di mezza età in buona salute. Ann Neurol. 2010 agosto; 68(2): 136-44.
  23. Dieta Mediterranea di Scarmeas N et al. e danno conoscitivo delicato. Arco Neurol. 2009 febbraio; 66(2): 216-25.
  24. Stine-giorno dopo ea et al. Gli effetti di uno stile di vita impegnato sulla vitalità conoscitiva: una prova in campo. Invecchiamento di Psychol. 2008 dicembre; 23(4): 778-86.
  25. Danno conoscitivo di Atti AR et al. dopo l'età 60: Componenti del sociale e cliniche “nel progetto„ J Alzheimers DIS Faenza. 6 agosto 2010.
  26. Prevalenza di Whitson E et al. e modelli di danno conoscitivo del comorbid nella riabilitazione bassa di visione per la malattia maculare. Arco Gerontol Geriatr. 2010 marzo-aprile; 50(2): 209-12.
  27. Biomarcatori del plasma di canzone F et al. per danno ed il morbo di Alzheimer conoscitivi delicati. Brain Res Rev. 2009 ottobre; 61(2): 69-80.
  28. L'elasticità della membrana di Horie H et al. dei neuroni del ganglio di radice dorsale del topo diminuisce con invecchiamento. FEBS Lett. 20 agosto 1990; 269(1): 23-5.
  29. Sato y e Endo T. Alteration delle glicoproteine del cervello durante l'invecchiamento. Geriatr Gerontol Int. 2010 luglio; 10 supplementi 1: S32-40.
  30. Solsona-Sancho C e Blasi-Cabus JM. [Membrana di un neurone e invecchiamento. Rev elettrofisiologico Neurol di aspetti]. 1999 1-15 dicembre; 29(11): 1083-8.
  31. Hoekzema E ad Al gli effetti di invecchiamento su neurotrasmissione dopaminergica: uno studio del microPET di [11C] - raclopride che lega nel cervello invecchiato del roditore. Neuroscienza. 29 dicembre 2010; 171(4): 1283-6.
  32. Backman L et al. che collega invecchiamento conoscitivo alle alterazioni nel funzionamento del neurotrasmettitore della dopamina: viali recenti di futuro e di dati. Rev. 2010 di Neurosci Biobehav aprile; 34(5): 670-7.
  33. Putrefazione Dzh. [Cambiamenti nell'azione del neurotrasmettitore e dell'ormone con invecchiamento] Fiziol Zh. 1990 settembre-ottobre; 36(5): 82-9.
  34. Chen S e Hillman DE. Morte-indietro dei dendrites delle cellule di Purkinje con perdita della sinapsi nei ratti di invecchiamento. J Neurocytol. 1999 marzo; 28(3): 187-96.
  35. . Prove e modelli frontali di Rabbitt P et al. per il dente invecchiante conoscitivo Psy di EUR J. 2001; 13(1-2):5-28.
  36. Fjell che et al. un cervello strutturale cambia nell'invecchiamento: corsi, cause e conseguenze conoscitive. Revs Neurosci. 2010; 21(3):182-221.
  37. Indicatori di infiammazione del CE di Teuissen et al. relativamente a cognizione in una popolazione di invecchiamento in buona salute. J Neuroimmunol. 2003 gennaio; 134 (1-2): 142-50.
  38. Se di Harris et al. Un'analisi genetica di associazione di abilità conoscitiva e di invecchiamento conoscitivo facendo uso di 325 indicatori per 109 geni si è associata con lo sforzo o la cognizione ossidativo. BMC Genet. 2 luglio 2007; 8:43.
  39. Insulina di digiuno del plasma di Okereke OI et al., peptide C e cambiamento conoscitivo in uomini più anziani senza diabete: risultati dallo studio II. della salute dei medici. Neuroepidemiology. 2010;34(4):200-7.
  40. Livelli di ormone di Ryan J et al. e funzione conoscitiva nelle donne postmenopausali di metà della vita. Invecchiamento di Neurobiol. 14 dicembre 2010.
  41. Atrofia e cognizione del cervello del Muller m. et al.: Interazione con patologia cerebrovascolare? Invecchiamento di Neurobiol. Invecchiamento di Neurobiol. 2011 maggio; 32(5): 885-93.
  42. Il danneggiamento ossidativo di Mecocci P et al. di DNA mitocondriale mostra i profondi aumenti età-dipendenti in cervello umano. Ann Neurol. 1993 ottobre; 34(4): 609-16.
  43. Lo sforzo ossidativo sistemico di Serra JA et al. si è associato con le malattie neurologiche di invecchiamento. Ricerca di Neurochem. 2009 dicembre; 34(12): 2122-32.
  44. Livelli periferici di Bermejo P et al. di ossidazione della proteina e del glutatione come indicatori nello sviluppo del morbo di Alzheimer da danno conoscitivo delicato. Ricerca libera di Radic. 2008 febbraio; 42(2): 162-70.
  45. Danno ossidativo di Di Domenico F et al. nel cervello del ratto durante l'invecchiamento: interazione fra energia e proteine bersaglio chiave metaboliche. Ricerca di Neurochem. 2010 dicembre; 35(12): 2184-92.
  46. Succhiotto WF. Traffico del leucocita nel sistema nervoso centrale: i partecipanti ed i loro ruoli. Semin Immunol. 1999 aprile; 11(2): 125-37.
  47. L'infiammazione di Whitney NP et al. media gli effetti varianti in neurogenesis: rilevanza alla patogenesi del trauma cranico e dei disordini neurodegenerative. J Neurochem. 2009 marzo; 108(6): 1343-59.
  48. Peng H et al. HIV-1-infected e/o TNF-alfa macrofago-secernuta immune-attivata colpisce la proliferazione e la differenziazione neurali corticali fetali umane delle cellule del progenitore. Glia. 2008 giugno; 56(8): 903-16.
  49. L'fattore-alfa di necrosi del tumore del YP di Liu et al. e interleukin-18 modulano il destino di un neurone delle cellule nella cultura neurale embrionale del progenitore. Brain Res. 30 agosto 2005; 1054(2): 152-8.
  50. Il blocco infiammatorio di Monje ml et al. ristabilisce il neurogenesis hippocampal adulto. Scienza. 5 dicembre 2003; 302(5651): 1760-5.
  51. Vallieres L et al. ha ridotto il neurogenesis hippocampal in topi transgenici adulti con produzione astrocytic cronica di interleukin-6. J Neurosci. 15 gennaio 2002; 22(2): 486-92.
  52. Effetti di citochina del CE di Marx et al. sul immunoreactivity corticale del neurone MAP-2: implicazioni per schizofrenia. Psichiatria di biol. 15 novembre 2001; 50(10): 743-9.
  53. Regolamento di citochina di Jarskog LF et al. della sopravvivenza di un neurone embrionale della dopamina e della serotonina del ratto in vitro. Sviluppatore Neurosci di Int J. 1997 ottobre; 15(6): 711-6.
  54. Weaver Jd et al. Interleukin-6 e rischio del declino conoscitivo: Studi di MacArthur su riuscito invecchiamento. Neurologia. 13 agosto 2002; 59(3): 371-8.
  55. Proteina C-reattiva di alta sensibilità del siero di Komulainen P et al. e funzione conoscitiva in donne anziane. Invecchiamento di età. 2007 luglio; 36(4): 443-8.
  56. CE di Teunissen et al. [indicatori del siero relativamente al funzionamento conoscitivo in una popolazione di invecchiamento: risultati dello studio di invecchiamento di Maastricht (MOSA)]. Tijdschr Gerontol Geriatr. 2003 febbraio; 34(1): 6-12.
  57. Brydon L et al. infiammazione periferica è associato con attività alterata del nigra di substantia ed il rallentamento psicomotorio negli esseri umani. Psichiatria di biol. 1° giugno 2008; 63(11): 1022-9.
  58. Azione dell'ormone steroide di Mani SK et al. nel cervello: diafonia fra la segnalazione delle vie. J Neuroendocrinol. 2009 marzo; 21(4): 243-7.
  59. Balthazart J et al. È l'estradiolo del cervello un ormone o un neurotrasmettitore? Tendenze Neurosci. 2006 maggio; 29(5): 241-9.
  60. Effetti di RM di Marinho et al. dell'estradiolo sulla funzione conoscitiva delle donne postmenopausali. Maturitas. 2008 luglio-agosto; 60 (3-4): 230-4.
  61. Hogervorst E et al. I livelli ottimali di testosterone sono associati con la migliore funzione conoscitiva in donne più anziane ed in uomini in buona salute? Acta di Biochim Biophys. 2010 ottobre; 1800(10): 1145-52.
  62. La valutazione longitudinale di deviazione standard di Moffat et al. di concentrazione libera nel testosterone del siero predice la prestazione di memoria e lo stato conoscitivo in uomini anziani. J Clin Endocrinol Metab. 2002 novembre; 87(11): 5001-7.
  63. Ormoni sessuali endogene di Barrett-Connor E et al. e funzione conoscitiva in uomini più anziani. J Clin Endocrinol Metab. 1999 ottobre; 84(10): 3681-5.
  64. Il completamento del testosterone di Cherrier millimetro et al. migliora la memoria spaziale e verbale in uomini più anziani in buona salute. Neurologia. 10 luglio 2001; 57(1): 80-8.
  65. Il testosterone di Cherrier millimetro et al. migliora la memoria spaziale negli uomini con il morbo di Aalzheimer ed il danno conoscitivo delicato. Neurologia. 28 giugno 2005; 64(12): 2063-8.
  66. La densità bassa della sinapsi della spina dorsale CA1 di Leranth C et al. più ulteriormente è ridotta tramite la castrazione in primati non umani maschii. Corteccia di Cereb. 2004 maggio; 14(5): 503-10.
  67. Modulazione dell'androgeno di Maclusky NJ et al. di plasticità sinaptica hippocampal. Neuroscienza. 2006;138(3):957-65.
  68. La stimolazione del ricevitore Sigma-1 di Moriguchi S et al. dal deidroepiandrosterone migliora il danno conoscitivo con l'attivazione della chinasi II della camma, della chinasi proteica C e della chinasi segnale-regolata extracellulare in topi bulbectomized olfattivi. J Neurochem. 2011 giugno; 117(5): 879-91.
  69. Deidroepiandrosterone di Sorwell chilogrammo et al. e declino conoscitivo relativo all'età. Età (Dordr). 2010 marzo; 32(1): 61-7.
  70. Solfato del deidroepiandrosterone di Valenti G et al. e funzione conoscitiva negli anziani: Lo studio di InCHIANTI. J Endocrinol investe. 2009 ottobre; 32(9): 766-72.
  71. I livelli del solfato del deidroepiandrosterone dello SR di Davis et al. sono associati con la funzione conoscitiva più favorevole in donne. J Clin Endocrinol Metab. 2008 marzo; 93(3): 801-8.
  72. Effetti di Yamada S et al. del completamento del deidroepiandrosterone sulla funzione e sulle attività conoscitive della vita quotidiana nelle donne più anziane con delicato per moderare danno conoscitivo. Geriatr Gerontol Int. 2010 ottobre; 10(4): 280-7.
  73. Sliwinski et al. un solfato di Pregnenolone migliora il potenziamento a lungo termine in CA1 nelle fette dell'ippocampo del ratto con la modulazione dei ricevitori dell'N-metilico-D-aspartato. Ricerca di J Neurosci. 1° dicembre 2004; 78(5): 691-701.
  74. Il potenziamento di Irwin RP et al. e l'inibizione steroidi di N-metilico-D-aspartato ricevitore-hanno mediato le risposte intracellulari di Ca++: studi di struttura-attività. J Pharmacol Exp Ther. 1994 novembre; 271(2): 677-82.
  75. Prova del proof of concept del CE di Marx et al. con il pregnenolone del neurosteroid che mira ai sintomi conoscitivi e negativi nella schizofrenia. Neuropsicofarmacologia. 2009 luglio; 34(8): 1885-903.
  76. CE di Marx et al. Il allopregnanolone del neurosteroid è ridotto in corteccia prefrontale nel morbo di Alzheimer. Psichiatria di biol. 15 dicembre 2006; 60(12): 1287-94.
  77. Il solfato del deidroepiandrosterone di Chend ZX et al. Neurosteroid inibisce le correnti persistenti del sodio in corteccia prefrontale mediale del ratto via l'attivazione dei ricevitori sigma-1. Exp Neurol. 2008 marzo; 210(1): 128-36.
  78. Il solfato steroide di pregnenolone di Sabeti J et al. migliora il potenziamento a lungo termine dell'NMDA-ricevitore-indipendente alle sinapsi hippocampal CA1: ruolo per i canali ed i sigma-ricevitori L tipi del calcio. Ippocampo. 2007;17(5):349-69.
  79. Horn S ed azione dell'ormone tiroideo di Heuer H. durante lo sviluppo del cervello: più domande che le risposte. Mol Cell Endocrinol. 5 febbraio 2010; 315 (1-2): 19-26.
  80. Samuels MH. Funzione conoscitiva nell'ipotiroidismo e nell'ipertiroidismo non trattati. Diabete Obes di Curr Opin Endocrinol. 2008 ottobre; 15(5): 429-33.
  81. Il colesterolo basso di mA et al. HDL del reparto è associato con Gray Matter Volume più basso in adulti conoscitivo in buona salute. Front Aging Neurosci. 15 luglio 2010; 2. pii: 29.
  82. I livelli del plasma HDL di Atzmon G et al. altamente correlano con la funzione conoscitiva nella longevità eccezionale. J Gerontol una biol Sci Med Sci. 2002 novembre; 57(11): M712-5.
  83. L'esposizione cronica dell'omocisteina di Alkhoury K et al. aumenta le molecole endoteliali di adesione e media il leucocita: Interazioni endoteliali delle cellule nelle circostanze di flusso. EUR J Vasc Endovasc Surg. 2011 marzo; 41(3): 429-35.
  84. L'omocisteina di Kumar m. et al. fa diminuire il flusso sanguigno al cervello dovuto la resistenza vascolare in arteria carotica. Neurochem Int. 2008 dicembre; 53 (6-8): 214-9.
  85. L'amministrazione acuta opaca dell'omocisteina di C et al. altera il consolidamento di memoria sul compito inibitorio dell'evitare e fa diminuire il fattore neurotrophic cervello-derivato hippocampal immunocontent: prevenzione dal trattamento acido folico. Neuroscienza. 10 novembre 2009; 163(4): 1039-45.
  86. Siuda J et al. Da danno conoscitivo delicato al morbo di Alzheimer - influenza di omocisteina, del vitamina b12 e del folato su cognizione col passare del tempo: risultati da seguito di un anno. Politico di Neurol Neurochir. 2009 luglio-agosto; 43(4): 321-9.
  87. L'associazione di Seshadri S et al. dell'omocisteina di totale del plasma livella con il trauma cranico infraclinico: i volumi cerebrali, il hyperintensity della materia bianca e gli infarti silenziosi del cervello ad imaging a risonanza magnetica volumetrico nella prole di Framingham studiano. Arco Neurol. 2008 maggio; 65(5): 642-9.
  88. Saposnik G et al. cheabbassa rischio del colpo e di terapia, severità ed inabilità: risultati supplementari dalla prova di SPERANZA 2. Colpo. 2009 aprile; 40(4): 1365-72.
  89. L'ANNUNCIO di Smith et al. chesi abbassa dalle vitamine di B rallenta il tasso di atrofia accelerata del cervello nel danno conoscitivo delicato: una prova controllata randomizzata. PLoS uno. 8 settembre 2010; 5(9): e12244.
  90. Simile ripartizione ultrastrutturale di Farkas E et al. dei capillari cerebrocorticali nel morbo di Alzheimer, nella malattia del Parkinson e nell'ipertensione sperimentale. Che cosa è il collegamento funzionale? Ann N Y Acad Sci. 2000 aprile; 903:72-82.
  91. L'ipertensione di Bellew chilometro et al. ed il tasso di declino conoscitivo in pazienti con demenza del Alzheimer scrivono. Alzheimer DIS Assoc Disord. 2004 ottobre-dicembre; 18(4): 208-13.
  92. L'avvenimento di Guo Z et al. e la progressione di demenza in una popolazione della comunità hanno invecchiato 75 anni e più vecchio: relazione di uso del farmaco antipertensivo. Arco Neurol. 1999 agosto; 56(8): 991-6.
  93. Pressione sanguigna sistolica di GE del cigno et al. che segue oltre 25 - 30 anni e la prestazione conoscitiva in adulti più anziani. Colpo. 1998 novembre; 29(11): 2334-40.
  94. Chobanian avoirdupois et al. Il settimo rapporto del comitato nazionale unito della prevenzione, della rilevazione, della valutazione e del trattamento di ipertensione: il rapporto di JNC 7. JAMA. 21 maggio 2003; 289(19): 2560-72.
  95. Ruolo di Pedsen BK et al. di produzione neurotrophic cervello-derivata indotta dall'esercizio di fattore nel regolamento di omeostasi di energia in mammiferi. Exp Physiol. 2009 dicembre; 94(12): 1153-60.
  96. Anomalie del volume del cervello di McIntyre RS et al. e deficit neurocognitivi in diabeti melliti: punti del ercommonality patofisiologico con i disturbi dell'umore? Adv Ther. 2010 febbraio; 27(2): 63-80.
  97. Rischio di Biessels GJ et al. di demenza in diabete mellito: una rassegna sistematica. Lancetta Neurol. 2006 gennaio; 5(1): 64-74.
  98. Insulino-resistenza di LD del panettiere et al. e riduzioni Alzheimer del tipo di del metabolismo cerebrale regionale del glucosio per gli adulti conoscitivo normali con i prediabetes o il diabete di tipo 2 in anticipo. Arco Neurol. 2011 gennaio; 68(1): 51-7.
  99. progressione di van Elderen et al. di atrofia del cervello e del declino conoscitivo in diabete mellito: seguito di tre anni. Neurologia. 14 settembre 2010; 75(11): 997-1002.
  100. Interazione del Dott di Kerwin et al. fra l'indice di massa corporea e l'adiposità ed il rischio centrali di danno e di demenza conoscitivi di incidente: risultati dallo studio di memoria di iniziativa della salute delle donne. Soc di J Geriatr. 2011 gennaio; 59(1): 107-12.
  101. L'adiposità di Abbatecola et al. predice il declino conoscitivo in persone più anziane con il diabete: seguito di due anni. PLoS uno. 23 aprile 2010; 5(4): e10333.
  102. Differenze strutturali del cervello di Walther K et al. e funzionare conoscitivo relativi all'indice di massa corporea in femmine più anziane. Ronzio Brain Mapp. 2010 luglio; 31(7): 1052-64.
  103. Il DJ schiavo et al. L'associazione dell'indice di massa corporea elevato con Brain Volumes riduttore nella mania di Primo episodio. Psichiatria di biol. 15 aprile 2011.
  104. Et al. l'obesità AJ noiosa è collegata con il volume più basso del cervello in 700 pazienti del MCI e dell'ANNUNCIO. Invecchiamento di Neurobiol. 2010 agosto; 31(8): 1326-39.
  105. Relazioni interattive dello SR di Waldstein et al. della centrale contro obesità e pressione sanguigna totali alla funzione conoscitiva. Int J Obes (Lond). 2006 gennaio; 30(1): 201-7.
  106. Obesità centrale del RA di Whitmer et al. e rischio aumentato di demenza più di tre decenni più tardi. Neurologia. 30 settembre 2008; 71(14): 1057-64.
  107. Noia-inclinazione di RM di Conroy et al., solitudine, impegno sociale e depressione e la loro associazione con la funzione conoscitiva in gente più anziana: uno studio di popolazione. Med di salute di Psychol. 2010 agosto; 15(4): 463-73.
  108. Influenza verde di AF et al. delle caratteristiche della rete sociale su cognizione e su stato funzionale con invecchiamento. Psichiatria di Int J Geriatr. 2008 settembre; 23(9): 972-8.
  109. Interazione di Peters JL et al. dello sforzo, del carico del cavo e dell'età su cognizione in uomini più anziani: lo studio normativo di invecchiamento di VA. Circondi la salute Perspect. 2010 aprile; 118(4): 505-10.
  110. Ansari TL et al. Le componenti neurali di sforzo conoscitivo nell'ansia: Effetti sull'elaborazione dell'efficienza. Biol Psychol. 2011 marzo; 86(3): 337-48.
  111. Ansia di Gallagher D et al. e perturbazione comportamentistica come indicatori del morbo di Alzheimer prodromico in pazienti con danno conoscitivo delicato. Psichiatria di Int J Geriatr. 2011 febbraio; 26(2): 166-72.
  112. Disturbi di ansia di Potvin O et al., episodi depressivi e danno conoscitivo nessuna demenza negli uomini più anziani e nelle donne dell'comunità-abitazione. Psichiatria di Int J Geriatr. 7 dicembre 2010.
  113. Sandstrom et al. deficit conoscitivi relativamente al tipo di personalità ed alla disfunzione ipotalamico-ipofisi-adrenale di asse (HPA) in donne con esaurimento in relazione con lo sforzo. Scand J Psychol. 2011 febbraio; 52(1): 71-82.
  114. Barriere DW e Woon FL. Le stime Premorbid del volume del cervello ed il volume totale riduttore del cervello in adulti hanno esposto al trauma con o senza disordine post - traumatico di sforzo: una meta-analisi. Cogn Behav Neurol. 2010 giugno; 23(2): 124-9.
  115. La durata di Felmingham K et al. di disordine post - traumatico di sforzo predice la perdita hippocampal della materia grigia. Neuroreport. 28 ottobre 2009; 20(16): 1402-6.
  116. Effetti di meditazione di Newberg ab et al. sulla funzione conoscitiva e sul flusso sanguigno cerebrale negli oggetti con perdita di memoria: uno studio preliminare. J Alzheimers DIS. 2010;20(2):517-26.
  117. Depressione di Tardi-vita di Panza F et al., danno conoscitivo delicato e demenza: continuum possibile? Psichiatria di J Geriatr. 2010 febbraio; 18(2): 98-116.
  118. Burri mA et al. La natura ed i fattori determinanti di funzionamento neuropsicologico nella depressione di tardi-vita. Arco Gen Psychiatry. 2004 giugno; 61(6): 587-95.
  119. Alexopoulos GS et al. Il corso della depressione geriatrica con “demenza reversibile„: uno studio controllato. Psichiatria di J. 1993 novembre; 150(11): 1693-9.
  120. Crocco ea et al. Come la depressione di tardi-vita colpisce la cognizione: meccanismi neurali. Rappresentante di psichiatria di Curr. 2010 febbraio; 12(1): 34-8.
  121. volume regionale del cervello di van Tol MJ et al. nella depressione e nei disturbi di ansia. Arco Gen Psychiatry. 2010 ottobre; 67(10): 1002-11.
  122. L'impegno di Tardi-vita di Wang HX et al. in sociale e nelle attività di svago è associato con un rischio in diminuzione di demenza: uno studio longitudinale dal progetto Kungsholmen. J Epidemiol. 15 giugno 2002; 155(12): 1081-7.
  123. Rete sociale dei truffatori VC et al., funzione conoscitiva ed incidenza di demenza fra le donne anziane. Salute pubblica di J. 2008 luglio; 98(7): 1221-7.
  124. Disimpegno sociale di Bassuk ss et al. e declino conoscitivo di incidente nelle persone degli anziani dell'comunità-abitazione. Ann Intern Med. 3 agosto 1999; 131(3): 165-73.
  125. Karp A et al. che stimola mentalmente le attività sul lavoro durante il rischio di demenza e di metà della vita dopo l'età 75: studio di approfondimento dal progetto Kungsholmen. Psichiatria di J Geriatr. 2009 marzo; 17(3): 227-36.
  126. Mini esame dello stato mentale di Freidl W et al.: influenza dei fattori sociodemografici, ambientali e comportamentistici e dei fattori di rischio vascolari. J Clin Epidemiol. 1996 gennaio; 49(1): 73-8.
  127. KA di Ertel et al. Effetti di integrazione sociale sulla conservazione della funzione di memoria in una popolazione nazionalmente rappresentativa degli anziani degli Stati Uniti. Salute pubblica di J. 2008 luglio; 98(7): 1215-20.
  128. I numeri dell'uguale di Azevedo FA et al. delle cellule di nonneuronal e di un neurone rendono al cervello umano un cervello isometrico portato su scala industriale del primate. Comp. Neurol di J. 10 aprile 2009; 513(5): 532-41.
  129. Calibro FH. Neurogenesis nel cervello adulto. J Neurosci 2002. 22:612-613.
  130. Zoladz JA et al. L'effetto di attività fisica sul cervello ha derivato il fattore neurotrophic: dall'animale agli studi umani. J Physiol Pharmacol. 2010 ottobre; 61(5): 533-41.
  131. Da struttura indotta da addestramento del cervello di Boyke J et al. cambia negli anziani. J Neurosci. 9 luglio 2008; 28(28): 7031-5.
  132. Bekinschtein P et al. BDNF è essenziale per promuovere la persistenza di stoccaggio di memoria a lungo termine. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 19 febbraio 2008; 105(7): 2711-6.
  133. Yamada K e Nabeshima T. Cervello-hanno derivato il fattore/segnalazione neurotrophic di TrkB nei processi di memoria. J Pharmacol Sci. 2003 aprile; 91(4): 267-70.
  134. Huang EJ et al. Neurotrophins: ruoli nello sviluppo e nella funzione di un neurone. Annu Rev Neurosci. 2001;24:677-736.
  135. Zuccato C e Cattaneo E. Cervello-hanno derivato il fattore neurotrophic nelle malattie neurodegenerative. Nat Rev Neurol. 2009 giugno; 5(6): 311-22.
  136. Arancio O e Chao sistemi MV. Neurotrophins, plasticità sinaptica e demenza. Curr Opin Neurobiol. 2007 giugno; 17(3): 325-30.
  137. Cunha C et al. Un ruolo semplice per BDNF nell'apprendimento e nella memoria? Front Mol Neurosci. 9 febbraio 2010; 3: 1.
  138. Effetti differenziali di Liu Y et al. di funzionamento della pedana mobile e funzionamento della ruota sull'apprendimento e sulla memoria spaziali o che ha avversione: ruoli del fattore e dello synaptotagmin neurotrophic cervello-derivati amygdalar I.J Physiol. 1° luglio 2009; 587 (pinta 13): 3221-31.
  139. Cotman CW e Berchtold NC. Esercizio: un intervento comportamentistico per migliorare salute e plasticità del cervello. Tendenze Neurosci. 2002 giugno; 25(6): 295-301.
  140. LT di Ferris et al. L'effetto dell'esercizio acuto sul siero cervello-ha derivato i livelli di fattore neurotrophic e la funzione conoscitiva. Med Sci Sports Exerc. 2007 aprile; 39(4): 728-34.
  141. Il millefoglio JF et al. che si prepara aumenta l'elevazione indotta di esercizio di resistenza del fattore neurotrophic derivato cervello di circolazione (BDNF). Neurosci Lett. 26 luglio 2010; 479(2): 161-5.
  142. Livelli del siero dell'oro MP et al. e reattività basali di fattore di crescita del nervo e di fattore neurotrophic cervello-derivato all'esercizio acuto standardizzato nella sclerosi a placche e nei comandi. J Neuroimmunol. 2003 maggio; 138 (1-2): 99-105.
  143. L'influenza dell'interruttore di Tang et al. dell'esercizio sul siero cervello-ha derivato le concentrazioni neurotrophic di fattore nei soggetti umani in buona salute. Neurosci Lett. 24 gennaio 2008; 431(1): 62-5.
  144. L'alto funzionamento di impatto dell'inverno B et al. migliora l'apprendimento. Neurobiol impara Mem. 2007 maggio; 87(4): 597-609.
  145. Regolamento indotto dall'esercizio di Oliff HS et al. delle trascrizioni neurotrophic cervello-derivate di fattore (BDNF) nell'ippocampo del ratto. Brain Res Mol Brain Res. 30 ottobre 1998; 61 (1-2): 147-53.
  146. Attività fisica di Sofi F et al. e rischio di declino conoscitivo: una meta-analisi degli studi prospettivi. Med dell'interno di J. 2011 gennaio; 269(1): 107-17.
  147. Il corpo striato dei BU di Forstmann et al. e pre--SMA facilitano il processo decisionale sotto pressione di tempo. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 11 novembre 2008; 105(45): 17538-42.
  148. L'addestramento di Bedard m. e di Weaver B. Cognitive per i più vecchi autisti può ridurre la frequenza della partecipazione alle collisioni dell'autoveicolo. Evid ha basato la salute di Ment. 2011 maggio; 14(2): 52.
  149. Rami L et al. [questionario conoscitivo della riserva. Punteggi ottenuti in popolazione anziana in buona salute e in uno con il morbo di Alzheimer]. Rev Neurol. 16 febbraio 2011; 52(4): 195-201.
  150. Serra L et al. componenti Neuroanatomical della riserva conoscitiva nel morbo di Aalzheimer. Ricerca di ringiovanimento. 4 gennaio 2011.
  151. Le funzioni ed i tratti del lavoratore del KA di Smyth et al. si sono associati con le occupazioni e lo sviluppo dell'ANNUNCIO. Neurologia. 10 agosto 2004; 63(3): 498-503.
  152. Tucker e Y. Cognitive Reserve severo nell'invecchiamento. Ricerca di Curr Alzheimer. 11 gennaio 2011.
  153. Miglioramento di EM di Zelinski et al. nella memoria con ad addestramento conoscitivo adattabile basato a plasticità: risultati di seguito di tre mesi. Soc di J Geriatr. 2011 febbraio; 59(2): 258-65.
  154. Il colore di Kwok V et al. che impara nuovi i nomi produce l'aumento rapido nella materia grigia nella corteccia umana adulta intatta. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 19 aprile 2011; 108(16): 6686-8.2011
  155. Pensiero del movimento del cavaliere di Archer ha et al.? Danno conoscitivo delicato in un giocatore di scacchi. Neurocase. 2005 febbraio; 11(1): 26-31.
  156. Craik FI et al. che ritarda l'inizio del morbo di Aalzheimer: bilinguismo come forma di riserva conoscitiva. Neurologia. 9 novembre 2010; 75(19): 1726-9.
  157. Mozolic JL et al. Un intervento conoscitivo di addestramento aumenta il flusso sanguigno cerebrale di riposo in adulti più anziani in buona salute. Front Hum Neurosci. 12 marzo 2010; 4:16.
  158. Istituti nazionali di Daviglus ml et al. della dichiarazione di conferenza di Stato-de--scienza di salute: impedire morbo di Aalzheimer e declino conoscitivo. Ann Intern Med. 3 agosto 2010; 153(3): 176-81.
  159. Malyka AG et al. Piracetam e droghe del tipo di piracetam: da scienza di base alle applicazioni cliniche novelle ai disordini dello SNC. Droghe. 12 febbraio 2010; 70(3): 287-312.
  160. Muller NOI et al. effetti di piracetam su fluidità della membrana nel topo, nel ratto e nel cervello umano invecchiati. Biochimica Pharmacol. 24 gennaio 1997; 53(2): 135-40.
  161. Efficacia clinica di Waegemans T et al. di piracetam nel danno conoscitivo: una meta-analisi. Geriatr demente Cogn Disord. 2002;13(4):217-24.
  162. Nagasawa H, Kogure K, et al. effetti del mesilato co--dergocrine (Hydergine) nella demenza di multi-infarto come valutata tramite tomografia a emissione di positroni. Med di Tohoku J Exp. Del 1990 novembre; 162(3): 225-33.
  163. Imperato et al. un co--dergocrine (Hydergine) regola il rilascio striatal e hippocampal dell'acetilcolina tramite i ricevitori D2. Neuroreport. 24 febbraio 1994; 5(6): 674-6.
  164. Effetto di Amenta F et al. del trattamento a lungo termine di hydergine sulla perdita età-dipendente delle fibre muscose e di cellule del granello nell'ippocampo del ratto. Arco Gerontol Geriatr. 1990 maggio-giugno; 10(3): 287-96.
  165. Schneider LS e Olin JT. Panoramica dei test clinici del hydergine nella demenza. Arco Neurol. 1994 agosto; 51(8): 787-98.
  166. Engberg G et al. Deprenyl (selegilina), un inibitore selettivo di MAO-B con i metaboliti attivi; effetti su attività locomotrice, su neurotrasmissione dopaminergica e sulla portata del riscaldamento dei neuroni nigral della dopamina. J Pharmacol Exp Ther. 1991 novembre; 259(2): 841-7.
  167. Subramanian sistemi MV e James TJ. Il completamento del deprenyl attenua le alterazioni associate l'età in cervelletto del ratto. Mol Biol Rep. 2010 dicembre; 37(8): 3653-61.
  168. [Nessun autori elencati] A randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo del deprenyl e acido tioctico nel danno conoscitivo virus-collegato di immunodeficienza umana. Dana Consortium sulla terapia di demenza di HIV e di disordini conoscitivi riferiti. Neurologia. 1998 marzo; 50(3): 645-51.
  169. La partecipazione di VP di Georgiev et al. dei meccanismi adrenergici nel rilascio dell'acetilcolina del cervello ha prodotto dal centrophenoxine. Acta Physiol Pharmacol Bulg. 1979;5(4):21-6.
  170. Marcer D e Hopkins MP. Gli effetti differenziali di meclofenoxate su perdita di memoria negli anziani. Invecchiamento di età. 1977 maggio; 6(2): 123-31.
  171. Effetti del Jr. di Fulop T et al. del centrophenoxine su composizione corporea ed alcuni parametri biochimici degli anziani pazzi come rivelatore in un test clinico della prova alla cieca. Arco Gerontol Geriatr. 1990 maggio-giugno; 10(3): 239-51.
  172. Verma R e Nehru B. Effect del centrophenoxine contro dallo lo sforzo ossidativo indotto da rotenone in un modello animale della malattia del Parkinson. Neurochem Int. 2009 novembre; 55(6): 369-75.
  173. Eskelinen MH ad elettrico. Consumo di grassi alla metà della vita e danno conoscitivo più successivamente nella vita: uno studio basato sulla popolazione di CAIDE. Psichiatria di Int J Geriatr. 2008 luglio; 23(7): 741-7.
  174. Benton D. et al. L'influenza del carico glicemico della prima colazione sul comportamento dei bambini a scuola. Physiol Behav. 23 novembre 2007; 92(4): 717-24.
  175. Papanikolaou Y et al. migliora la prestazione conoscitiva dopo un basso glicemico indice rispetto ad un pasto del carboidrato di alto-glicemico-indice in adulti con il diabete di tipo 2. Diabetologia. 2006 maggio; 49(5): 855-62.
  176. La restrizione calorica di Witte avoirdupois et al. migliora la memoria in esseri umani anziani. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 27 gennaio 2009; 106(4): 1255-60.
  177. Kemnitz JW. Restrizione e invecchiamento di caloria nei primati non umani. ILAR J. 2011 8 febbraio; 52(1): 66-77.
  178. Effetti di Smith PJ et al. degli approcci dietetici per fermare dieta di ipertensione, esercizio e restrizione calorica sul neurocognition in adulti di peso eccessivo con ipertensione. Ipertensione. 2010 giugno; 55(6): 1331-8.
  179. Restrizione di Qiu G et al. e salute dietetiche del cervello. Toro di Neurosci. 2010 febbraio; 26(1): 55-65.
  180. Le implicazioni di salute del WC di Willett et al. del Mediterraneo è a dieta alla luce di conoscenza contemporanea. 1. Alimenti vegetali e prodotti lattier-caseario. J Clin Nutr. 1995 giugno; 61 (6 supplementi): 1407S-1415S.
  181. Livelli Mediterranei di sensibilità di dieta e dell'insulina di Tzima N et al., di profilo del lipido e di pressione sanguigna, in gente di peso eccessivo ed obesa; lo studio di Attica. Salute DIS dei lipidi. 19 settembre 2007; 6:22.
  182. L'effetto di MB del Bos et al. degli acidi grassi monoinsaturi di un livello è a dieta e una dieta Mediterranea sulla sensibilità dei lipidi e dell'insulina del siero in adulti con l'obesità addominale delicata. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 2010 ottobre; 20(8): 591-8.
  183. Influenze dietetiche di Kokkinos P et al. su pressione sanguigna: l'effetto della dieta Mediterranea sulla prevalenza di ipertensione. J Clin Hypertens (Greenwich). 2005 marzo; 7(3): 165-70; quiz 171-2.
  184. Aderenza di Sofi F et al. alla dieta Mediterranea ed allo stato di salute: meta-analisi. BMJ. 11 settembre 2008; 337: a1344. doi: 10.1136/bmj.a1344.
  185. Kastorini cm et al. L'effetto della dieta mediterranea sulla sindrome metabolica e sulle sue componenti una meta-analisi di 50 studi e di 534.906 individui. J Coll Cardiol. 15 marzo 2011; 57(11): 1299-313.
  186. Trichopoulou et al. una dieta e una sopravvivenza dei Greci anziani: un collegamento al passato. J Clin Nutr. 1995 giugno; 61 (6 supplementi): 1346S-1350S.
  187. Trichopoulou et al. un'aderenza ad una dieta Mediterranea e sopravvivenza in una popolazione greca. Med di N Inghilterra J. 26 giugno 2003; 348(26): 2599-608.
  188. Fattori collegati allo stile di vita di Solfrizzi V et al. nelle sindromi di demenza e di predementia. Rev esperto Neurother. 2008 gennaio; 8(1): 133-58.
  189. Dieta Mediterranea di Feart C et al. e funzione conoscitiva in adulti più anziani. Cura di Curr Opin Clin Nutr Metab. 2010 gennaio; 13(1): 14-8.
  190. Attività fisica, dieta e rischio di Scarmeas N et al. di morbo di Aalzheimer. JAMA. 12 agosto 2009; 302(6): 627-37.
  191. McMillan L et al. effetti comportamentistici di una dieta Mediterranea di dieci giorni. Risultati da un umore di valutazione di studio pilota e da una prestazione conoscitiva. Appetito. 2011 febbraio; 56(1): 143-7.
  192. Verdure del RO di Roberts et al., grassi insaturi, ingestione di alcol moderata e danno conoscitivo delicato. Geriatr demente Cogn Disord. 2010;29(5):413-23.
  193. Consumo dell'alcool di Anstey kJ et al. come fattore di rischio per demenza ed il declino conoscitivo: meta-analisi degli studi prospettivi. Psichiatria di J Geriatr. 2009 luglio; 17(7): 542-55.
  194. Consumo dell'alcool di metà della vita di Virtaa JJ et al. e rischio successivo di danno conoscitivo: uno studio di approfondimento gemellato. J Alzheimers DIS. 1° gennaio 2010; 22(3): 939-48.
  195. La L noiosa et al. eterogeneità nei contenuti polifenolici del vino rosso differenziale influenza la neuropatologia malattia tipa ed il deterioramento conoscitivo di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 2009;16(1):59-72.
  196. Effetto protettivo di Montilla P et al. di vino rosso sullo sforzo ossidativo e sulle attività enzimatiche antiossidanti nel cervello e del rene indotto alimentandosi ricca in colesterolo in ratti. Clin Nutr. 2006 febbraio; 25(1): 146-53.
  197. Il consumo del vino del moderato del KA di Arntzen et al. è associato con i migliori risultati dei test conoscitivi: seguito di 7 anni di 5033 oggetti nello studio di Tromsø. Supplemento di Neurol Scand di acta. 2010;(190):23-9.
  198. L'assunzione di Nurk E et al. didi vino, di didi tè e di didi cioccolato ricchi di flavonoide dagli uomini e dalle donne anziani è associata con la migliore prestazione conoscitiva della prova. J Nutr. 2009 gennaio; 139(1): 120-7.
  199. Chung BH et al. Alcool-ha mediato il potenziamento del lipemia postprandiale: un fattore di contributo ad un aumento in plasma HDL e ad una diminuzione nel rischio di malattia cardiovascolare. J Clin Nutr. 2003 settembre; 78(3): 391-9.
  200. Schafer C et al. Oltre aumento del HDL-colesterolo: arricchimento e spostamento nel fosfolipide da HDL3 a HDL2 nei consumatori dell'alcool. Ricerca del lipido di J. 2007 luglio; 48(7): 1550-8.
  201. Da aumento indotto da alcool di Kralova Lesna I et al. maggio di HDL è considerato come atheroprotective? Ricerca di Physiol. 2010;59(3):407-13.
  202. Alcool di Collins mA et al. nella moderazione, in cardioprotezione e in neuroprotection: considerazioni epidemiologiche e studi meccanicistici. Ricerca di Clin Exp dell'alcool. 2009 febbraio; 33(2): 206-19.
  203. Di caffè ricco d'antiossidante di Bakuradze T et al. riduce il danno del DNA, eleva lo stato del glutatione e contribuisce a controllo del peso: Risultati da uno studio di intervento. Mol Nutr Food Res. 2011 maggio; 55(5): 793-7.
  204. Moura-Nunes N et al. L'aumento nella capacità antiossidante del plasma umano dopo l'assunzione acuta del caffè non è associato con le componenti antiossidanti non enzimatiche endogene. Alimento Sci Nutr di Int J. 11 settembre 2009: 1-9.
  205. Attenuazione di Cho es et al. della morte di un neurone ossidativa delle cellule dai phytochemicals fenolici del caffè. Ricerca di Mutat. 10 febbraio 2009; 661 (1-2): 18-24.
  206. YP di Hwang e HG di Jeong. Il kahweol del diterpene del caffè induce il heme oxygenase-1 via il PI3K e la via p38/Nrf2 per proteggere i neuroni dopaminergici umani da 6 idrossidopamina-ha derivato lo sforzo ossidativo. FEBS Lett. 23 luglio 2008; 582(17): 2655-62.
  207. La caffeina del cao C et al. potenzia con un'altra componente del caffè per aumentare il plasma GCSF: Legame ai benefici conoscitivi nei topi di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 18 marzo 2011.
  208. Il consumo del caffè del BM di Van Gelder et al. è associato inversamente con il declino conoscitivo in uomini europei anziani: lo studio FINE. EUR J Clin Nutr. 2007 febbraio; 61(2): 226-32.
  209. Consumo della caffeina di Corley J et al. e funzione conoscitiva all'età 70: lo studio del gruppo 1936 di nascita di Lothian. Med di Psychosom. 2010 febbraio; 72(2): 206-14.
  210. Il rallentamento conoscitivo di Nebes RD et al. connesso con attività anticolinergica elevata del siero in individui più anziani è diminuito tramite uso della caffeina. Psichiatria di J Geriatr. 2011 febbraio; 19(2): 169-75.
  211. L'assunzione della caffeina di Santos C et al. è associata con un più a basso rischio del declino conoscitivo: uno studio di gruppo dal Portogallo. J Alzheimers DIS. 2010; 20 supplementi 1: S175-85.
  212. Caffeina di Al di Ritchie Ke t, funzionamento conoscitivo e lesioni della materia bianca negli anziani: instaurazione della causalità da prova epidemiologica. J Alzheimers DIS. 2010; 20 supplementi 1: S161-6.
  213. Foskett et al. una caffeina migliora la prestazione conoscitiva di abilità e di funzione durante l'attività simulata di calcio. Sport Nutr Exerc Metab di Int J. 2009 agosto; 19(4): 410-23.
  214. La caffeina di Chen X et al. protegge dalle rotture della barriera ematomeningea nei modelli animali di Alzheimer e delle malattie del Parkinson. J Alzheimers DIS. 2010; 20 supplementi 1: S127-41.
  215. La caffeina del cao C et al. sopprime i amiloide-beta livelli in plasma ed in cervello dei topi transgenici del morbo di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 2009;17(3):681-97.
  216. La caffeina di Arendash GW et al. inverte il danno conoscitivo e fa diminuire i amiloide-beta livelli del cervello nei topi invecchiati del morbo di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 2009;17(3):661-80.
  217. Prova di L. Epidemiologic dell'arabo su caffè e su cancro. Cancro di Nutr. 2010;62(3):271-83.
  218. Goto et al. un consumo della caffeina e del caffè relativamente alla globulina ormone-legante del sesso ed al rischio di diabete di tipo 2 in donne postmenopausali. Diabete. 2011 gennaio; 60(1): 269-75.
  219. La scrematrice non casearia di Renouf m. et al., ma non il latte, ritarda l'aspetto degli equivalenti acidi fenolici del caffè in plasma umano. J Nutr. 2010 febbraio; 140(2): 259-63.
  220. Simopoulos AP. Aspetti evolutivi della dieta: Il rapporto Omega-6/Omega-3 ed il cervello. Mol Neurobiol. 29 gennaio 2011.
  221. Alterazioni del ricevitore della dopamina di Davis PF et al. in ratti femminili con dall'l'acido docosaesaenoico in diminuzione indotto da dieta del cervello (DHA): interazioni con stato riproduttivo. Nutr Neurosci. 2010 agosto; 13(4): 161-9.
  222. Liu C e Cai WX. [Progresso sulla relazione fra gli acidi grassi polinsaturi omega-3 ed il comportamento violento-aggressivo]. Fa Yi Xue Za Zhi. 2010 dicembre; 26(6): 454-9.
  223. Sc di Heinrichs Completamento dietetico dell'acido grasso omega-3 per l'ottimizzazione struttura e della funzione di un neurone. Mol Nutr Food Res. 2010 aprile; 54(4): 447-56.
  224. Simopoulos AP. Aspetti evolutivi del omega-6 dietetico: rapporto dell'acido grasso omega-3: implicazioni mediche. Rev Nutr Diet del mondo. 2009;100:1-21.
  225. Chiu cc et al. Gli effetti di monoterapia degli acidi grassi omega-3 nel morbo di Alzheimer e nel danno conoscitivo delicato: uno studio controllato con placebo della prova alla cieca randomizzata preliminare. Psichiatria di biol di Prog Neuropsychopharmacol. 1° agosto 2008; 32(6): 1538-44.
  226. Supplementi poli-insaturi dell'acido grasso Omega-3 di Gao Q et al. e declino conoscitivo: Studi longitudinali di invecchiamento di Singapore. Invecchiamento di salute di J Nutr. 2011;15(1):32-5.
  227. Consumo di pesce dell'ANNUNCIO di Dangour et al. e funzione conoscitiva fra la gente più anziana nel Regno Unito: dati della linea di base dallo studio OPALINO. Invecchiamento di salute di J Nutr. 2009 marzo; 13(3): 198-202.
  228. Prestazione conoscitiva di Nurke E et al. fra l'assunzione anziana e dietetica del pesce: lo studio di salute di Hordaland. J Clin Nutr. 2007 novembre; 86(5): 1470-8.
  229. L'acido docosahexaenonic del fosfolipide del siero di Muldoon MF et al. è associato con il funzionamento conoscitivo durante l'età adulta media. J Nutr. 2010 aprile; 140(4): 848-53.
  230. Avanzamenti recenti di Willis LM et al. nel completamento della bacca e nel declino conoscitivo relativo all'età. Cura di Curr Opin Clin Nutr Metab. 2009 gennaio; 12(1): 91-4.
  231. Identificazione di Kalt W et al. degli antociani nel fegato, nell'occhio e nel cervello di maiali di mirtillo-federazione. Alimento chim. di J Agric. 13 febbraio 2008; 56(3): 705-12.
  232. Metabolismo dell'antociano di Talavera S et al. in ratti e la loro distribuzione ad area digestiva, al rene ed al cervello. Alimento chim. di J Agric. 18 maggio 2005; 53(10): 3902-8.
  233. Le catechine del tè verde di Mandel S et al. come chelatori cervello-permeabili e non tossici del ferro “rivestono di ferro fuori il ferro„ dal cervello. Supplemento neurale del trasmettitore di J. 2006;(71):249-57.
  234. Effetto di Mokni m. et al. dei resveratroli sulle attività enzimatiche antiossidanti nel cervello del ratto sano. Ricerca di Neurochem. 2007 giugno; 32(6): 981-7.
  235. Effetto di Papandreou mA et al. di un di un estratto selvaggio ricco di polifenolo del mirtillo sulla prestazione conoscitiva dei topi, degli indicatori antiossidanti del cervello e dell'attività dell'acetilcolinesterasi. Behav Brain Res. 17 marzo 2009; 198(2): 352-8.
  236. Modulazione di Casadesus G. et al. di plasticità hippocampal e di comportamento conoscitivo dal completamento a breve termine del mirtillo in ratti invecchiati. Nutr Neurosci. 2004 ottobre-dicembre; 7 (5-6): 309-16.
  237. PE di Milbury e trasporto flavonoide del metabolismo e della bacca di Kalt W. Xenobiotic attraverso la barriera ematomeningea. Alimento chim. di J Agric. 14 aprile 2010; 58(7): 3950-6.
  238. Il completamento del mirtillo di Krikorian R et al. migliora la memoria in adulti più anziani. Alimento chim. di J Agric. 14 aprile 2010; 58(7): 3996-4000.
  239. Inversioni di Joseph JA et al. dei declini relativi all'età nei deficit comportamentistici conoscitivi e e del motore di un neurone di trasduzione, del segnale con il mirtillo, gli spinaci, o il completamento dietetico della fragola. J Neurosci. 15 settembre 1999; 19(18): 8114-21.
  240. La dieta mirtillo-arricchita a breve termine del DH di Malin et al. impedisce ed inverte la perdita di memoria di riconoscimento degli oggetti nei ratti di invecchiamento. Nutrizione. 2011 marzo; 27(3): 338-42.
  241. Stull et al. Bioactives AJ in mirtilli migliora la sensibilità dell'insulina in uomini ed in donne obesi e insulina-resistenti. J Nutr. 2010 ottobre; 140(10): 1764-8.
  242. Del Bo ' C et al. L'effetto temporale di un mirtillo selvaggio (vaccinium angustifolium) - dieta arricchita sul tono vasomotore nel topo Sprague Dawley. Nutr Metab Cardiovasc DIS. 14 agosto 2010.
  243. Consumo del tè di NG TP et al. e danno e declino conoscitivi in adulti cinesi più anziani. J Clin Nutr. 2008 luglio; 88(1): 224-31.
  244. Feng L et al. consumo conoscitivo del tè e di funzione in cinese più vecchio d'abitazione della comunità a Singapore. Invecchiamento di salute di J Nutr. 2010 giugno; 14(6): 433-8.
  245. Tè verde di Lee JW et al. (-) - epigallocatechin-3-gallate inibisce dalla la disfunzione conoscitiva indotta da beta con modifica di attività di secretase via inibizione di vie ERK e N-F-kappaB in topi. J Nutr. 2009 ottobre; 139(10): 1987-93.
  246. Manipolazione simultanea Mandel SA et al. degli obiettivi multipli del cervello dalle catechine del tè verde: una strategia neuroprotective potenziale per Alzheimer ed i morbi di parkinson. SNC Neurosci Ther. Inverno 2008; 14(4): 352-65.
  247. L'ingestione quotidiana di Unno K et al. delle catechine del tè verde dall'età adulta ha soppresso la disfunzione del cervello in topi invecchiati. Biofactors. 2008;34(4):263-71.
  248. Parco SK et al. Una combinazione di estratto e di l-teanina del tè verde migliora la memoria e l'attenzione negli oggetti con danno conoscitivo delicato: Uno studio controllato con placebo della prova alla cieca. J Med Food. 2011 aprile; 14(4): 334-43.
  249. Vertes RP. Ritmo di teta Hippocampal: un'etichetta per la memoria a breve termine. Ippocampo. 2005;15(7):923-35.
  250. Oscillazioni di Buzsaki G. Theta nell'ippocampo. Neurone. 31 gennaio 2002; 33(3): 325-40.
  251. I polifenoli del tè verde di Xu Y et al. inibiscono il danno conoscitivo indotto dall'ipoperfusione cerebrale cronica via la modulazione dello sforzo ossidativo. Biochimica di J Nutr. 2010 agosto; 21(8): 741-8.
  252. Effetti protettivi di Chen WQ et al. dei polifenoli del tè verde sui danni conoscitivi indotti dallo stress psicologico in ratti. Behav Brain Res. 24 agosto 2009; 202(1): 71-6.
  253. La l-teanina del TI di Kim et al., un aminoacido in tè verde, attenua da disfunzione e dalla la neurotossicità conoscitive indotte da beta: riduzione del danno e dell'inattivazione ossidativi della chinasi ERK/p38 e delle vie N-F-kappaB. Med libero di biol di Radic. 1° dicembre 2009; 47(11): 1601-10.
  254. Il tè verde epigallocatechin-3-gallate (EGCG) di Rezai-Zadeh K et al. riduce il danno conoscitivo mediato beta-amiloide e modula la patologia di tau nei topi transgenici di Alzheimer. Brain Res. 12 giugno 2008; 1214:177-87.
  255. Le catechine del tè verde di Haque et al. impediscono i deficit conoscitivi causati da Abeta1-40 in ratti. Biochimica di J Nutr. 2008 settembre; 19(9): 619-26.
  256. Hininger-Favier cioè tal. L'estratto del tè verde fa diminuire lo sforzo ossidativo e migliora la sensibilità dell'insulina in un modello animale di insulino-resistenza, il ratto di fruttosio-federazione. J Coll Nutr. 2009 agosto; 28(4): 355-61.
  257. Alexopoulos N et al. L'effetto acuto del consumo del tè verde sulla funzione endoteliale in individui in buona salute. EUR J Cardiovasc Prev Rehabil. 2008 giugno; 15(3): 300-5.
  258. Basu et al. un completamento del tè verde colpisce il peso corporeo, i lipidi e la perossidazione lipidica negli oggetti obesi con la sindrome metabolica. J Coll Nutr. 2010 febbraio; 29(1): 31-40.
  259. Agarwall B e Baur JA. Resveratroli e prolungamento della vita. Ann N Y Acad Sci. 2011 gennaio; 1215:138-43.
  260. Il resveratrolo di Harada N et al. migliora la funzione conoscitiva in topi aumentando la produzione del fattore-Io del tipo di insulina della crescita nell'ippocampo. Biochimica di J Nutr. 4 febbraio 2011.
  261. Effetto di Rahvar m. et al. dei resveratroli orali sull'espressione genica di BDNF nell'ippocampo del cervello del ratto. Ricerca di Neurochem. 2011 maggio; 36(5): 761-5.
  262. Chiavaroli et al. un resveratrolo inibisce la produzione del isoprostane in giovani e nel cervello invecchiato del ratto. Agenti di biol Regul Homeost di J. 2010 ottobre-dicembre; 24(4): 441-6.
  263. Attività antinfiammatorie di Zhang F et al. dei resveratroli nel cervello: ruolo dei resveratroli nell'attivazione microglial. EUR J Pharmacol. 25 giugno 2010; 636 (1-3): 1-7.
  264. Il resveratrolo di Lin YL et al. protegge da da rottura indotta LDL ossidata della barriera ematomeningea diminuendo la rottura delle giunzioni strette e degli insulti apoptotici alle cellule endoteliali cerebrovascolari del topo. J Nutr. 2010 dicembre; 140(12): 2187-92.
  265. Gli effetti di Li la H et al. Neuroprotective dei resveratroli sulla lesione ischemica hanno mediato migliorando il metabolismo energetico del cervello ed alleviando lo sforzo ossidativo in ratti. Neurofarmacologia. 2011 febbraio-marzo; 60 (2-3): 252-8.
  266. Il resveratrolo di Oomen CA et al. conserva la densità cerebrovascolare e la funzione conoscitiva nei topi di invecchiamento. Front Aging Neurosci. 9 dicembre 2009; 1: 4.
  267. Il resveratrolo di RH di unico nato et al. attenua i danni comportamentistici e riduce la perdita corticale e hippocampal in un modello corticale di impatto controllato ratto del trauma cranico traumatico. J Neurotrauma. 2010 giugno; 27(6): 1091-9.
  268. La Dal-pentola et al. le prestazioni conoscitive è migliorata selettivamente durante la restrizione o il completamento calorica cronica di resveratroli in un primate. PLoS uno. 31 gennaio 2011; 6(1): e16581.
  269. Vitamine di Selhub J et al. B ed il cervello di invecchiamento. Rev. 2010 di Nutr dicembre; 68 supplementi 2: S112-8.
  270. L'alta omocisteina di Tucker chilolitro et al. e le vitamine basse di B predicono il declino conoscitivo negli uomini di invecchiamento: lo studio normativo di invecchiamento di affari dei veterani. J Clin Nutr. 2005 settembre; 82(3): 627-35.
  271. Vitamine dell'omocisteina, di B di MN di Haan et al. e l'incidenza di demenza e di danno conoscitivo: risultati dallo studio del latino di area di Sacramento su invecchiamento. J Clin Nutr. 2007 febbraio; 85(2): 511-7.
  272. Vitamine dell'omocisteina e di B di Quadri P et al. nel danno e nella demenza conoscitivi delicati. Med del laboratorio di Clin Chem. 2005;43(10):1096-100.
  273. Le vitamine dell'omocisteina e di B di Scott TM et al. si riferiscono al volume del cervello e la bianco-materia cambia in pazienti geriatrici con i disturbi psichiatrici. Psichiatria di J Geriatr. 2004 novembre-dicembre; 12(6): 631-8.
  274. Shoffner JM, malattie di fosforilazione di Wallace D. Oxidative. In: CR di Scriver, AL di Beaudet, Sly WS, ed altri, eds. Le basi metaboliche e molecolari della malattia ereditata. New York, NY: McGraw-Hill; 1995.
  275. BN di Ames. Ritardo del decadimento mitocondriale di invecchiamento. Ann N Y Acad Sci 2004; 1019:406-411.
  276. Kidd PM. Neurodegeneration da insufficienza mitocondriale: sostanze nutrienti, cellule staminali, fattori di crescita e prospettive per il cervello che ricostruisce facendo uso della gestione integrante. Altern Med Rev. 2005 dicembre; 10(4): 268-93.
  277. Coenzima Q10 di Manacuso m. et al. nei disordini neuromuscolari e neurodegenerative. Obiettivi della droga di Curr. 2010 gennaio; 11(1): 111-21.
  278. Galpern WR e Cudkowicz ME. Trattamento del coenzima Q delle malattie neurodegenerative di invecchiamento. Mitocondrio. 2007 giugno; 7 supplementi: S146-53.
  279. Il coenzima Q10 di Yang X et al. attenua la patologia dell'beta-amiloide nei topi transgenici invecchiati con il presenilin di Alzheimer 1 mutazione. J Mol Neurosci. 2008 febbraio; 34(2): 165-71.
  280. L'uso ad alta dose di statina di Traustadottier T et al. non altera la capacità aerobica o la funzionalità del muscolo scheletrica in adulti più anziani. Età (Dordr). 2008 dicembre; 30(4): 283-91.
  281. Il coenzima Q10 di Hamilton SJ et al. migliora la disfunzione endoteliale nel tipo statina-trattato - 2 pazienti diabetici. Cura del diabete. 2009 maggio; 32(5): 810-2.
  282. Kettawan et al. effetti protettivi del coenzima q (10) su resistenza ossidativa in diminuzione di sforzo indotta dalle simvastatine. Biochimica Nutr di J Clin. 2007 maggio; 40(3): 194-202.
  283. Carnitina di Zammit VA et al., funzione mitocondriale e terapia. Rev. 2009 il 30 novembre di Deliv della droga di adv; 61(14): 1353-62.
  284. Mynatt RL. Carnitina e diabete di tipo 2. Rev. 2009 di ricerca di Metab del diabete settembre; 25 supplementi 1: S45-9.
  285. Il neuroprotection Acetile-L-CARNITINA-mediato di KB di Hota et al. durante l'ipossia è attribuito alla biosintesi mitocondriale di ERK1/2-Nrf2-regulated. Ippocampo. 3 maggio 2011. doi: 10.1002/hipo.20934.
  286. Potenziamento di Ando S et al. di capacità di apprendimento e della funzione sinaptica colinergica da carnitina nei ratti di invecchiamento. Ricerca di J Neurosci. 15 ottobre 2001; 66(2): 266-71.
  287. Da disattivazione indotta da ipossia di Barhwal K et al. della segnalazione NGF-mediata ERK1/2 in cellule hippocampal: neuroprotection da acetile-L-carnitina. Ricerca di J Neurosci. 2008 settembre; 86(12): 2705-21.
  288. La Acetile-L-carnitina di alveo E et al. fornisce l'efficace in vivo neuroprotection oltre da neurotossicità mitocondriale indotta methylenedioximethamphetamine 3,4 nel cervello adolescente del ratto. Neuroscienza. 23 gennaio 2009; 158(2): 514-23.
  289. La Acetile-L-carnitina di Taglialatela G et al. migliora la risposta delle cellule PC12 al fattore di crescita del nervo. Brain Res Dev Brain Res. 24 aprile 1991; 59(2): 221-30.
  290. Conseguenza di Taglialatela G et al. Neurite in cellule PC12 stimolate dall'amide dell'arginina della acetile-L-carnitina. Ricerca di Neurochem. 1995 gennaio; 20(1): 1-9.
  291. Meta-analisi Montgomery SA et al. di doppi test clinici controllati randomizzati ciechi di acetile-L-carnitina contro placebo nel trattamento di danno conoscitivo delicato e del morbo di Alzheimer delicato. Int Clin Psychopharmacol. 2003 marzo; 18(2): 61-71.
  292. Kidd PM. Morbo di Alzheimer, danno conoscitivo delicato amnestic e danno età-collegato di memoria: comprensione e progresso della corrente verso la prevenzione integrante. Altern Med Rev. 2008 giugno; 13(2): 85-115.
  293. Richter Y et al. L'effetto di fosfatidilserina-contenere gli acidi grassi omega-3 sulle abilità di memoria negli oggetti con i reclami soggettivi di memoria: uno studio pilota. Invecchiamento di Clin Interv. 2 novembre 2010; 5:313-6.
  294. La fosfatidilserina Soia-derivata di Kato-Kataoka A et al. migliora la funzione di memoria degli oggetti giapponesi anziani con i reclami di memoria. Biochimica Nutr di J Clin. 2010 novembre; 47(3): 246-55.
  295. La fosfatidilserina di Vakhapova V et al. che contiene gli acidi grassi omega-3 può migliorare le abilità di memoria negli anziani non pazzi con i reclami di memoria: una prova controllata con placebo della prova alla cieca. Geriatr demente Cogn Disord. 2010;29(5):467-74.
  296. Ginkgo biloba di Birks J et al. per danno e demenza conoscitivi. Rev. 2009 il 21 gennaio del sistema della base di dati di Cochrane; (1): CD003120.
  297. Mashayekh et al. effettua del ginkgo biloba su flusso sanguigno cerebrale valutato dalla rappresentazione quantitativa di aspersione di risonanza magnetica: uno studio pilota. Neuroradiologia. 2011 marzo; 53(3): 185-91.
  298. Miglioramento di Araujo JA et al. della prestazione di memoria a breve termine in cani da lepre invecchiati da un supplemento nutraceutical che contiene fosfatidilserina, ginkgo biloba, vitamina E e piridossina. Può controllare il J. 2008 aprile; 49(4): 379-85.
  299. Kennedy FA et al. gli effetti conoscitivi acuti dell'estratto standardizzato del ginkgo biloba complessato con la fosfatidilserina. Ronzio Psychopharmacol. 2007 giugno; 22(4): 199-210.
  300. Meccanismi di Dhanasekaran m. et al. Neuroprotective del monniera botanico antidemenziale ayurvedic di Bacopa. Ricerca di Phytother. 2007 ottobre; 21(10): 965-9.
  301. Glicoside di Bhandari P et al. Bacosterol, un nuovo glicoside di 13,14 seco-steroidi dal monnieri di Bacopa. Toro di Chem Pharm (Tokyo). 2006 febbraio; 54(2): 240-1.
  302. Determinazione quantitativa di Deepak m. et al. del bacoside principale A della miscela della saponina in monnieri di Bacopa da HPLC. Phytochem anale. 2005 gennaio-febbraio; 16(1): 24-9.
  303. Stough C et al. Gli effetti cronici di un estratto di monniera di Bacopa (Brahmi) sulla funzione conoscitiva nei soggetti umani in buona salute. Psicofarmacologia (Berl). 2001 agosto; 156(4): 481-4.
  304. Effetti di Calabrese C et al. di un estratto standardizzato di monnieri di Bacopa sulla prestazione, sull'ansia e sulla depressione conoscitive negli anziani: un randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo. Med del complemento di J Altern. 2008 luglio; 14(6): 707-13.
  305. Stough C et al. che esamina gli effetti nootropic di un estratto speciale di monniera di Bacopa sul funzionamento conoscitivo umano: prova randomizzata controllata con placebo della prova alla cieca giorna 90. Ricerca di Phytother. 2008 dicembre; 22(12): 1629-34.
  306. Legare di Kitisripanya N et al. del huperzine A e del galanthamine ad acetilcolinesterasi, in base al metodo di ONIOM. Nanomedicine. 2011 febbraio; 7(1): 60-8.
  307. L'amministrazione sistemica di Myers TM et al. del huperzine potenziale di contromisure inibisce reversibilmente l'attività centrale e periferica dell'acetilcolinesterasi senza effetti conoscitivo-comportamentistici avversi. Biochimica Behav di Pharmacol. 2010 gennaio; 94(3): 477-81.
  308. Efficacia di Wang BS et al. e sicurezza del huperzine naturale A dell'inibitore dell'acetilcolinesterasi nel trattamento del morbo di Alzheimer: una meta-analisi aggiornata. Trasmettitore neurale di J. 2009 aprile; 116(4): 457-65.
  309. Koistinaho m., Koistinaho J. Interactions fra il morbo di Alzheimer e l'ischemia cerebrale--fuoco su infiammazione. Brain Res Brain Res Rev. 2005 aprile; 48(2): 240-50.
  310. Amenta F, Tayebati SK, et al. associazione con il alphoscerate colinergico della colina del precursore e la rivastigmina dell'inibitore del colinesterasi: Un approccio per il miglioramento della neurotrasmissione colinergica. Sviluppatore invecchiante Mech. 14 novembre 2005
  311. Parnetti L, Amenta F, alphoscerate di Gallai V. Choline nel declino conoscitivo e nella malattia cerebrovascolare acuta: un'analisi dei dati clinici pubblicati. Sviluppatore invecchiante Mech. 2001 novembre; 122(16): 2041-55.
  312. Molnar P, Erdo SL. Vinpocetine è potente quanto la fenitoina bloccare i canali tensione-gated di Na+ in neuroni corticali del ratto. EUR J Pharmacol 1995; 273:303-306.
  313. Chiu PJ, Tetzloff G, Ahn HS, Sybertz EJ. Effetti comparativi del vinpocetine e di 8-Brcyclic GMP sulla contrazione e 45Cafluxes nell'aorta del coniglio. J Hypertens 1988; 1:262-268.
  314. Derivati di Stolc S. Indole come neuroprotectants. Vita Sci 1999; 65:1943-1950.
  315. Osawa m., Maruyama S. Effects di TCV-3B (vinpocetine) su viscosità del sangue nelle malattie cerebrovascolari ischemiche. Ther ha appeso 1985; 33:7-12.
  316. Kuzuya F. Effects del vinpocetine sul aggregability della piastrina e sulla deformabilità dell'eritrocito. Ther ha appeso 1985; 33:22-34.
  317. Effetto di Feher G et al. del vinpocetine parenterale o orale sui parametri hemorheological dei pazienti con le malattie cerebrovascolari croniche. Phytomedicine. 2009 marzo; 16 (2-3): 111-7.
  318. Effetti dei CF di Haskell et al. di una multi-vitamina/supplemento minerale sulla funzione conoscitiva e di un affaticamento durante l'elaborazione multitask estesa. Ronzio Psychopharmacol. 2010 agosto; 25(6): 448-61.