Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Riferimenti di affezione epatica e di cirrosi

Prevenzione delle malattie e trattamento, quinta edizione

I riferimenti a questa pagina corrispondono alla versione della stampa di prevenzione delle malattie e del trattamento, quinta edizione. Poiché aggiorniamo continuamente i protocolli online in risposta ai nuovi sviluppi scientifici, i lettori sono incoraggiati ad esaminare le ultime versioni dei protocolli.

  1. Birre MH, Berkow R, eds. Edizione manuale 2004-2005 della seconda casa di Merck. “Manifestazioni cliniche dell'affezione epatica.„ Disponibile a: http://www.merck.com/mmhe/sec10/ch135/ch135e.html?qt=portal%20hypertension&alt=sh.
  2. Kawase T, Kato S, et al. perossidazione lipidica e sistemi di difesa antiossidanti in fegato del ratto dopo l'alimentazione cronica dell'etanolo. Epatologia. 1989 novembre; 10(5): 815-21.
  3. Leo mA, Rosman COME, et al. svuotamento differenziale dei carotenoidi e tocoferolo nell'affezione epatica. Epatologia. 1993 giugno; 17(6): 977-86.
  4. CS di Lieber. Ruolo dello sforzo ossidativo e della terapia antiossidante nelle malattie del fegato alcoliche ed analcoliche. Adv Pharmacol. 1997;38:601–28.
  5. Speisky H, MacDonald A, et al. perdita aumentata e sintesi in diminuzione di glutatione epatico dopo amministrazione acuta dell'etanolo: Studi di volume d'affari. Biochimica J. 1985 1° febbraio; 225(3): 565-72.
  6. Hirano T, Kaplowitz N, et al. svuotamento del glutatione e progressione mitocondriali epatici dell'epatopatia alcolica sperimentale in ratti. Epatologia. 1992 dicembre; 16(6): 1423-7.
  7. Il CL di Mendenhall, Anderson la S, et al. malnutrizione di Proteina-caloria si è associato con epatite alcolica. Gruppo di studio cooperativo dell'amministrazione di veterani su epatite alcolica. Med di J. 1984 febbraio; 76(2): 211-22.
  8. Mendenhall C, rosella GA, et al. relazione di malnutrizione di caloria della proteina all'epatopatia alcolica: Un riesame dei dati dalla cooperativa dell'amministrazione di due veterani studia. Ricerca di Clin Exp dell'alcool. 1995 giugno; 19(3): 635-41.
  9. Hirsch S, Bunout D, et al. prova controllata sul completamento di nutrizione in pazienti esterni con cirrosi alcolica sintomatica. J Parenter Nutr enterale. 1993 marzo-aprile; 17(2): 119-24.
  10. Hirsch S, de la Maza MP, et al. supporto nutrizionale in pazienti cirrotici alcolici migliora le difese ospite. J Coll Nutr. 1999 ottobre; 18(5): 434-41.
  11. Gopalan S, saran S, et al. praticità del supporto di nutrizione nell'affezione epatica cronica. Cura di Curr Opin Clin Nutr Metab. 2000 maggio; 3(3): 227-9. Rassegna.
  12. KA di Gruchow HW, di Sobocinski, et al. consumo dell'alcool, assunzione nutriente e peso corporeo relativo fra gli adulti degli Stati Uniti. J Clin Nutr. 1985 agosto; 42(2): 289-95.
  13. Rosenthal WS, Adham N-F, et al. carenza della riboflavina nell'alcolismo cronico complicato. J Clin Nutr. 1973 agosto; 26(8): 858-60.
  14. Ijuin H. Evaluation di assorbimento esocrino pancreatico dello zinco e di funzione nell'alcolismo. Kurume Med J. 1998; 45(1): 1-5.
  15. SG di Fonda ml, di Brown, et al. concentrazione di vitamina b6 ed attività degli enzimi di metabolismo B6 nel sangue degli uomini alcolici ed analcolici. Ricerca di Clin Exp dell'alcool. 1989 dicembre; 13(6): 804-9.
  16. Lumeng L. Il ruolo di acetaldeide nella mediazione dell'effetto deleterio di etanolo sul piradossale 5' - fosfatizzi il metabolismo. J Clin investe. 1978 agosto; 62(2): 286-93.
  17. CS di Lieber. Alcool: Il suoi metabolismo ed interazione con le sostanze nutrienti. Ann Rev Nutr. 2000;20:395–430.
  18. Kasper DL, Braunwald E, et al. i principi di Harrison di medicina interna. sedicesimo ed. New York: Divisione di pubblicazione medica di McGraw-Hill; 2005.
  19. CC del lupo. Cirrosi. eMedicine. 6 settembre 2001. Disponibile a: http:// www.emedicine.com/med/topic3183.htm. 16 gennaio 2006 raggiunto.
  20. Glanze WD. Enciclopedia medica di Mosby. Ed riveduto. St. Louis, Mo: Cv Mosby; 1996.
  21. Mathurin P, CL di Mendenhall, et al. corticosteroidi migliora la sopravvivenza a breve termine in pazienti con epatite alcolica severa (AH): La singola analisi dei dati di ultimi tre ha randomizzato gli studi in doppio cieco controllati placebo dei corticosteroidi in severo AH. J Hepatol. 2002 aprile; 36(4): 480-7.
  22. Barham JB, MB di Edens, et al. l'aggiunta di acido eicosapentanoico alle diete integrate con acido gamma-linoleniche impedisce l'accumulazione dell'acido arachidonico del siero in esseri umani. J Nutr. 2000 agosto; 130(8): 1925-31.
  23. Dias VC, HG dei pastori. Modulazione nell'attività della desaturasi dell'acido grasso di delta 9, di delta 6 e di delta 5 nella linea cellulare intestinale umana CaCo-2. Ricerca del lipido di J. 1995 marzo; 36(3): 552-63.
  24. Gronn m., Christensen E, et al. effetti di acido eicosapentanoico purificato dietetico (20:5 (n-3)) e acido docosaesaenoico (22:6 (n-3)) su desaturazione e su ossidazione dell'acido grasso in cellule di fegato isolate del ratto. Acta di Biochim Biophys. 8 aprile 1992; 1125(1): 35���43.
  25. Shimizu S, Akimoto K, et al. Sesamin è un inibitore potente e specifico della desaturasi di delta 5 nella biosintesi poli-insatura dell'acido grasso. Lipidi. 1991 luglio; 26(7): 512-6.
  26. SR di Chavali, RA di Forse. Produzione in diminuzione di interleukin-6 e della prostaglandina E2 connessi con inibizione di desaturazione delta-5 degli acidi grassi omega6 in topi alimentati le diete dell'olio di cartamo completati con il sesamol. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 1999 dicembre; 61(6): 347-52.
  27. SR di Utsunomiya T, di Chavali, et al. effetti delle emulsioni sesamin-completate del grasso dietetico ex vivo sulla produzione dei prostanoidi lipopolysaccharide indotti ed alfa di fattore di necrosi tumorale in ratti. J Clin Nutr. 2000 settembre; 72(3): 804-8.
  28. Van Aerde JE, Dott di Duerksen, et al. emulsione endovenosa dell'olio di pesce attenua dal il colestasi indotto da nutrizione parenterale totale in porcellini neonati. Ricerca di Pediatr. 1999 febbraio; 45(2): 202-8.
  29. Yeh SL, Chang KY, et al. effetti di n-3 ed acidi grassi n-6 sugli eicosanoidi del plasma ed enzimi antiossidanti del fegato in ratti che ricevono nutrizione parenterale totale. Nutrizione. 1997 gennaio; 13(1): 32-6.
  30. Chen WJ, Yeh SL. Effetti dell'olio di pesce in nutrizione parenterale. Nutrizione. 2003 marzo; 19(3): 275-9.
  31. Il IP di Alwayn, Gura K, et al. il completamento dell'acido grasso Omega-3 impedisce la steatosi epatica in un modello murino dell'affezione epatica grassa analcolica. Ricerca di Pediatr. 2005 marzo; 57(3): 445-52.
  32. Nanji aa, CL di Mendenhall, et al. rinforza il grasso impedisce l'epatopatia alcolica nel ratto. Ricerca di Clin Exp dell'alcool. 1989a febbraio; 13(1): 15-9.
  33. Nanji aa, interruttore francese. L'acido linoleico dietetico è richiesto per lo sviluppo del disturbo al fegato alcolico sperimentalmente indotto. Vita Sci. 1989b; 44(3): 223-7.
  34. Nanji aa, Khwaja S, et al. livelli del plasma di un romanzo noncyclooxygenase-ha derivato la componente del prostanoide (8-isoprostane) con la severità del disturbo al fegato nell'epatopatia alcolica sperimentale. J Pharmacol Exp Ther. 1994 giugno; 269(3): 1280-5.
  35. Nanji aa, Jokelainen K, et al. acidi grassi insaturi dietetici inverte i cambiamenti infiammatori e fibrotici in fegato del ratto malgrado l'amministrazione continuata dell'etanolo. J Pharmacol Exp Ther. 2001 novembre; 299(2): 638-44.
  36. CS di Lieber. S-Adenosyl-L-metionina e epatopatia alcolica nei modelli animali: implicazioni per intervento iniziale in esseri umani. Alcool. 2002 luglio; 27(3): 173-7. Rassegna.
  37. Vendemiale G, Altomare E, et al. effetti di S-adenosyl-L-metionina orale su glutatione epatico in pazienti con l'affezione epatica. Scand J Gastroenterol. 1989 maggio; 24(4): 407-15.
  38. Mato JM, Camara J, et al. S-adenosylmethionine nella cirrosi epatica alcolica: Un randomizzato, controllato con placebo, prova alla cieca, test clinico multicentrato. J Hepatol. 1999 giugno; 30(6): 1081-9.
  39. SI di Aleynik, CS di Lieber. Polyenylphosphatidylcholine corregge dallo lo sforzo ossidativo epatico indotto da alcool ristabilendo lo s-adenosylmethionine. Alcool. 2003 maggio-giugno; 38(3): 208-12.
  40. Il mA X, Zhao J, et al. Polyenylphosphatidylcholine attenua la fibrosi epatica analcolica ed accelera la sua regressione. J Hepatol. 1996 maggio; 24(5): 604-13.
  41. Il CS di Lieber, i pettiross SJ, et al. fosfatidilcolina protegge da fibrosi e dalla cirrosi nel babbuino. Gastroenterologia. 1994 gennaio; 106(1): 152-9.
  42. CS di Lieber, DG di Weiss, et al. studio cooperativo di affari dei veterani del polyenylphosphatidylcholine nell'epatopatia alcolica. Ricerca di Clin Exp dell'alcool. 2003a novembre; 27(11): 1765-72.
  43. Boigk G, Stroedter L, et al. silimarina ritarda presto l'accumulazione del collagene dentro e la fibrosi biliare avanzata secondaria per completare l'obliterazione dei dotti biliari in ratti. Epatologia. 1997 settembre; 26(3): 643-9.
  44. Dehmlow C, Erhard J, et al. inibizione della cellula stellata funziona come spiegazione per le proprietà hepatoprotective di silibinin. Epatologia. 1996 aprile; 23(4): 749-54.
  45. Kravchenko LV, Avren'eva LI, et al. effetti dei bioflavonoidi sulla tossicità della T-tossina in ratti: Uno studio biochimico. Vopr Pitan. 2000;69(5):20–3.
  46. Batakov ea. L'effetto dell'olio e del legalon di silybum marianum su perossidazione lipidica e sui sistemi antiossidanti del fegato in ratti ha inebriato con tetracloruro di carbonio. Eksp Klin Farmakol. 2001 luglio-agosto; 64(4): 53-5.
  47. Il CS di Lieber, Leo il mA, et al. silimarina ritarda la progressione da di fibrosi epatica indotta da alcool in babbuini. J Clin Gastroenterol. 2003b ottobre; 37(4): 336-9.
  48. Ferenci P, Dragosics B, et al. prova controllata randomizzata del trattamento di silimarina in pazienti con cirrosi del fegato. J Hepatol. 1989 luglio; 9(1): 105-13.
  49. Feher J, Deak G, et al. azione Fegato-protettiva della terapia di silimarina nelle epatopatie alcoliche croniche. Orv Hetil. 17 dicembre 1989; 130(51): 2723-7.
  50. Salmì ha, Sarna S. Effect della silimarina sul prodotto chimico, funzionali ed alterazioni morfologiche del fegato: Uno studio controllato prova alla cieca. Scand J Gastroenterol. 1982 giugno; 17(4): 517-21.
  51. Buzzelli G, Moscarella S, et al. Uno studio pilota sull'effetto protettivo del fegato del complesso della silybin-fosfatidilcolina (IdB1016) nell'epatite attiva cronica. Int J Clin Pharmacol Ther Toxicol. 1993 settembre; 31(9): 456-60.
  52. Di Sario A, Bendia E, et al. Hepatoprotective ed effetto antifibrotic di nuovo complesso della silybin-fosfatidilcolina-vitamina E in ratti. Dig Liver Dis. 2005 novembre; 37(11): 869-76.
  53. Prakash S, Joshi YK. La valutazione degli antiossidanti del micronutriente, della capacità antiossidante totale e della perossidazione lipidica livella nella cirrosi epatica. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2004; 13 (supplemento): S110.
  54. Melhem A, m. severa, et al. trattamento dell'infezione cronica del virus dell'epatite C via gli antiossidanti: Risultati di un test clinico di fase I. J Clin Gastroenterol. 2005 settembre; 39(8): 737-42.
  55. Corrao G, Zambon A, et al. assunzioni nutrienti, modelli nutrizionali ed il rischio di cirrosi epatica: Uno studio explorative di caso-control. EUR J Epidemiol. 2004;19(9):861–9.
  56. Yu SY, Zhu YJ, et al. ruolo protettivo di selenio contro il virus dell'epatite B e cancro del fegato primario a Qidong. Biol Trace Elem Res. 1997 gennaio; 56(1): 117-24.
  57. Il MD di Borges-Santos, Moreto la F, il PC di Pereira, et al. glutatione del plasma dei pazienti di HIV (+) ha risposto positivamente e diversamente al completamento dietetico con cisteina o glutamina. Nutrizione. 18 gennaio 2012.
  58. Proprietà antinfiammatorio di Vouldoukis I, di Lacan D, di Kamate C, et al. antiossidante e di un cucumis melo LC. ricchi dell'estratto nell'attività del superossido dismutasi. J Ethnopharmacol. 2004 settembre; 94(1): 67-75.
  59. Lester GE, Jifon JL, Crosby chilometro. Attività del superossido dismutasi nel tessuto del mesocarpo dai genotipi divergenti di cucumis melo L. Ronzio Nutr degli alimenti vegetali. 2009 settembre; 64(3): 205-11.
  60. Li DI X-Y. Bioattività dei neolignans dal fructus Schizandrae. Mem Inst Oswaldo Cruz. 1991; 86 2:31 del supplemento - 7.
  61. Fuga PY, Chiu PY, Leung HY, Chen N, Leong PK, Ko chilometro. Il co-trattamento di Schisandrin B migliora il danno su stato antiossidante mitocondriale in vari tessuti dei ratti trattati etanolo a lungo termine. Fitoterapia. 2010 dicembre; 81(8): 1239-45.
  62. Kim SH, Kim YS, Kang ss, Bae K, TM appeso, Lee MP. effetti Anti-apoptotici e hepatoprotective del gomisin A su insufficienza epatica fulminante incitata da D-galattosamina e dal lipopolysaccharide in topi. J Pharmacol Sci. 2008 febbraio; 106(2): 225-33.
  63. PS del IP, Yiu HY, Ko chilometro. Schisandrin B protegge da da epatotossicità indotta da menadione migliorando l'attività della Distacco-diaforesi. Mol Cell Biochem. 2000 maggio; 208 (1-2): 151-5.
  64. Ko chilometro, PS del IP, Poon Mk, et al. effetto di un estratto lignan-arricchito di schisandrae di fructus su stato epatico del glutatione in ratti: protezione contro tossicità del tetracloruro di carbonio. Med di Planta. 1995 aprile; 61(2): 134-7.
  65. PS del IP, DH di Mak, PC di Li, Poon Mk, Ko chilometro. Effetto di un estratto lignan-arricchito di Schisandra chinensis su aflatossina B1 e da su epatotossicità indotta da cloruro del cadmio in ratti. Pharmacol Toxicol. 1996 giugno; 78(6): 413-6.
  66. Zhu m., Lin KF, relè di Yeung, Li RC. Valutazione degli effetti protettivi di Schisandra chinensis sul metabolismo della droga di fase I facendo uso di un modello di intossicazione CCl4. J Ethnopharmacol. 1999 ottobre; 67(1): 61-8.
  67. Stacchiotti A, Li Volti G, Lavazza A, Rezzani R, Rodella LF. Schisandrin B stimola una risposta cytoprotective in fegato del ratto esposto al cloruro di mercurio. Alimento Chem Toxicol. 2009 novembre; 47(11): 2834-40.
  68. Akbar N, Tahir RA, Santoso WD, et al. efficacia dell'analogo di Schisandrin naturale C (HpPro) nel trattamento delle malattie del fegato: un'esperienza di pazienti indonesiani. Chin Med J (Inghilterra). 1998 marzo; 111(3): 248-51.
  69. Kato m., Miwa Y, et al. uso preferenziale degli aminoacidi a catena ramificata come substrato di energia in pazienti con cirrosi epatica. Med dell'interno. 1998 maggio; 37(5): 429-34.
  70. Marchesini G, Bianchi G, et al. completamento nutrizionale con gli aminoacidi a catena ramificata nella cirrosi avanzata: Una prova alla cieca, prova randomizzata. Gastroenterologia. 2003 giugno; 124(7): 1792-801.
  71. WC di Meng, Leung chilolitro, et al. studio randomizzato futuro di controllo sull'effetto degli aminoacidi a catena ramificata in pazienti con resezione del fegato per carcinoma epatocellulare. Aust N Z J Surg. 1999 novembre; 69(11): 811-5.
  72. Marchesini G, Dioguardi FS, et al. trattamento a catena ramificata orale a lungo termine dell'aminoacido in encefalopatia epatica cronica: Ad una prova controllata a caseina della prova alla cieca randomizzata. Il gruppo di studio multicentrato italiano. J Hepatol. Del 1990 luglio; 11(1): 92-101.