Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Riferimenti di metalli pesanti di disintossicazione

Prevenzione delle malattie e trattamento, quinta edizione

I riferimenti a questa pagina corrispondono alla versione della stampa di prevenzione delle malattie e del trattamento, quinta edizione. Poiché aggiorniamo continuamente i protocolli online in risposta ai nuovi sviluppi scientifici, i lettori sono incoraggiati ad esaminare le ultime versioni dei protocolli.

  1. Glanze, W.D. Mosby Medical Encyclopedia, edizione riveduta 1996. St. Louis, Mo: C.V. Mosby.
  2. Centro d'informazione internazionale di salute e sicurezza sul lavoro (CIS). Metalli. Nelle basi di sicurezza chimica, capitolo 7, 1999 settembre Ginevra: Organizzazione di lavoro internazionale.
  3. Ferner, D.J. Toxicity, metalli pesanti. eMed. J. 2001 25 maggio; 2(5): 1.
  4. Dupler, avvelenamento di metalli pesanti del D. Gale Encyclopedia di medicina alternativa 2001. Colline di Farmington, MI: Gale Group.
  5. Lide, D. CRC Handbook di chimica e di fisica, settantatreesima edizione 1992. Boca Raton, FL: Stampa di CRC.
  6. Roberts, tossicità di J.R. Metal in bambini. In manuale di formazione sulla salute ambientale pediatrica: Mettendolo in pratica 1999 giugno Emeryville, CA: Rete della salute ambientale dei bambini (http://www.cehn.org/cehn/trainingmanual/pdf/manual-full.pdf).
  7. Smith, S.R., Jaffe, D.M., Skinner, rapporto di M.A. Case della lesione metallica del mercurio. Pediatr. EMER. Cura 1997; 13: 114-6.
  8. Lupton, G.P., Kao, G.F., Johnson, F.B., Graham, J.H., Helwig, granuloma del mercurio di E.B. Cutaneous. Uno studio e una rassegna clinicopathologic della letteratura. J. Acad. Dermatol. 1985 febbraio; 12 (2, pinta. 1): 296-303.
  9. Dichiarazione di missione di ATSDR (2001)
  10. ToxFAQs™ per arsenico. CAS 7440-38-2 2001 luglio Atlanta, GA: Agenzia per le sostanze tossiche e la registrazione di malattia.
  11. ToxFAQs™ per cavo. CAS 7439-92-1 1999 giugno Atlanta, GA: Agenzia per le sostanze tossiche e la registrazione di malattia.
  12. Goyer, effetti di R.A. Toxic dei metalli: mercurio. Tossicologia di Doull e di Casarett: La scienza di base dei veleni, quinta edizione 1996. New York: McGraw-Hill.
  13. Clarkson, T.W. Mercury: un elemento di mistero. N. l'Inghilterra. Med del J. 1990; 323: 1137-9.
  14. Omura, Y., Shimotsuura, Y., Fukuoka, A., Fukuoka, H., Nomoto, giacimenti del mercurio di T. Significant in organi interni che seguono la rimozione dell'amalgama dentaria e sviluppo di pre-Cancro dalla gengiva e dai lati della lingua e dei loro organi rappresentati come conseguenza di esposizione involontaria al forte trattamento leggero (usato per solidificare materiale di riempimento dentario sintetico) ed efficace di trattamento: un rapporto clinico di caso, con le aree della rappresentazione dell'organo per ogni dente. Acupunct. Electrother. Ricerca. 1996; 1(2): 133-60.
  15. O'Brien, tossicità dell'amalgama di J. Mercury. Rivista 2001 del prolungamento della vita maggio. 7(5): 43-51. Piede. Lauderdale, FL: Fondamento del prolungamento della vita (http://www.lef.org/magazine/mag2001/may2001_report_mercury_1.html).
  16. ToxFAQs™ per Mercury. CAS 7439-97-6 1999 aprile. Atlanta, GA: Agenzia per le sostanze tossiche e la registrazione di malattia.
  17. ToxFAQs™ per cadmio. CAS 7440-43-9 1999 giugno Atlanta, GA: Agenzia per le sostanze tossiche e la registrazione di malattia.
  18. ToxFAQs™ per alluminio. CAS 7429-90-5 1999 giugno Atlanta, GA: Agenzia per le sostanze tossiche e la registrazione di malattia.
  19. Anon. Alzheimer ed alluminio: inscatolamento del mito. Comprensione 1993 settembre-ottobre Washington, DC dell'alimento: Fondamento internazionale del Consiglio di informazioni dell'alimento.
  20. WHO. Alluminio. Nelle linee guida per qualità dell'acqua potabile, la seconda edizione, l'addendum a volume 2, i criteri d'igiene ed altre informazioni supplementari 1998, pp. 3-13. Ginevra: Organizzazione mondiale della sanità.
  21. Brown, D.J. Characterizing Risk alle facilità di rifinitura del metallo. Riferisca maggio 1998 EPA/600/R-97/111. Washington, DC: U.S. Ente per la salvaguardia dell'ambiente.
  22. Bardin, J.A., Eisen, E.E., Wegman, DH., Kriebel, D., Woskie, S.R., Gore, R.J. Case-Control Studies di fegato, cistifellea e cancro del pancreas ed esposizione fluida metallurgica nell'industria di automobile; presentato alla 128th riunione annuale dell'associazione americana di salute pubblica, il 14 novembre 2000. Washington, DC: Associazione americana di salute pubblica.
  23. ATSDR MMGs e ToxFAQs
  24. Zayas, L. Ozuah, uso di P. Mercury in spiritismo: un'indagine dei botanicas. . J. Salute pubblica 1996; 86: 111-2.
  25. Ewan, K., Pamphlett, mercurio inorganico di R. Increased in motoneuroni spinali dopo gli agenti chelanti. Neurotoxicology 1996; 17(2): 343-9.
  26. Vimy, M.J., Takahashi, Y., Lorscheider, distribuzione Materno-fetale di F.L. di mercurio (203Hg) ha liberato dai materiali da otturazione di amalgama dentaria. . J. Physiol. Del 1990 aprile; 258 (4, pinta. 2): R939-45.
  27. Willershausen-Zonnchen, B., Zimmermann, M., Defregger, A., Schramel, P., Hamm, concentrazione di G. Mercury nella mucosa di bocca dei pazienti con i materiali da otturazione di amalgama. Dtsch. Med. Wochenschr. 13 novembre 1992; 117(46): 1743-7 (in tedesco).
  28. Gebel, T., Dunkelberg, H. Influence del consumo della gomma da masticare e del contatto dentario di materiali da otturazione di amalgama ai ripristini differenti del metallo sul contenuto del mercurio dell'urina. Zentralbl. Hyg. Umweltmed. 1996 novembre; 199(1): 69-75 (in tedesco).
  29. Sallsten, G., Thoren, J., Barregard, L., Schutz, A., Skarping, uso di G. Long-term della gomma da masticare del nicotina ed esposizione di mercurio dai materiali da otturazione di amalgama dentaria. J. Ammaccatura. Ricerca. 1996 gennaio; 75(1): 594-8.
  30. Isacsson, G., Barregard, L., Selden, A., Bodin, L. Impact del bruxismo notturno sull'assorbimento del mercurio dalle amalgami dentarie. EUR. J. Sci orale. 1997 giugno; 105(3): 251-7.
  31. Anderton, R.M. ADA Statement sull'amalgama dentaria 2001 maggio. Chicago, IL: Associazione dentaria americana.
  32. ADA. Associazione dentaria americana. Dichiarazione sull'amalgama dentaria. Disponibile a: http://www.ada.org/1741.aspx. Ultimo 25 agosto 2009 aggiornato. 9 ottobre 2012 raggiunto.
  33. Saxe, S.R., Wekstein, M.W., Kryscio, R.J., Henry, R.G., cornetto, C.R., Snowdon, D.A., Grant, F.T., Schmitt, F.A., Donegan, S.J., Wekstein, D.R., Ehmann, W.D., malattia di W.R. Alzheimer, di Markesbery, amalgama dentaria e mercurio. J. Ammaccatura. Assoc. 1999 febbraio; 130(2): 191-9.
  34. Dott. Joseph F. Smith Medical Library. Novembre di metalli pesanti di avvelenamento 2001 Wassau, WI: Biblioteca medica/Thomson.
  35. Linee guida mediche della gestione (MMGs): Incidenti in carico del materiale pericoloso, volume III 2001. Atlanta, GA: Agenzia per le sostanze tossiche e la registrazione di malattia (http://www.atsdr.cdc.gov).
  36. Wentz, P.W. (LabCorp, Burlington, NC). Terapia di chelazione: trattamenti convenzionali. In anticipo riviste/amministratori del laboratorio 2000 maggio. Re della Prussia, PA: Merion (http://www.advanceforal.com/common/editorial/editorial/aspx).
  37. USNLM/NIH. Informazioni della droga: Deferoxamina 2001a (sistemico). Bethesda, MD: Laboratorio di U.S.National di medicina/istituti della sanità nazionali (http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/druginfo).
  38. USNLM/NIH. Informazioni della droga: DMSA (Succimer sistemico) 2001b. Bethesda, MD: U.S. Laboratorio nazionale di medicina/istituti della sanità nazionali (http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/druginfo).
  39. USNLM/NIH. Informazioni della droga: ED (sistemico disodico) di Edetate 2001c. Bethesda, MD: U.S. Laboratorio nazionale di medicina/istituti della sanità nazionali (http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/druginfo).
  40. USNLM/NIH. Informazioni della droga: Penicillamina 2001d (sistemico). Bethesda, MD: U.S. Laboratorio nazionale di medicina/istituti della sanità nazionali (http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/druginfo).
  41. Micromedex. B.A.L.™ 1999. Villaggio di bosco verde e frondoso, CO: Thomson/Micromedex.
  42. Tripathi, N., flora, S.J. Effects di alcuni chelatori del tiolo sulle attività enzimatiche in sangue, fegato e reni di arsenico acuto (iii) ha esposto i topi. Biomed. Circondi. Sci. 1998 marzo; 11(1): 38-45.
  43. Aaseth, J., Jacobsen, D., Andersen, O., Wickstron, E. Treatment di mercurio e di saturnismi con acido dimercaptosuccinic (DMSA) e il dimmercapto-propanesulfonate del sodio (DMPS). Analista 1995 marzo; 120: 853ff; presentato al quinto simposio nordico su Trace Elements nelle sanità e nella malattia, Loen, Norvegia, 19-20 giugno 1994.
  44. FDA. DMPS 1999. Washington, DC: Food and Drug Administration (http://www.fda.gov/cder/fdama/pclist.txt).
  45. Marcus, S. Toxicity, cavo. eMed. J. 2001 4 giugno; 2(6): 7.
  46. Klein-Schwartz, W., Oderda, tossicologia di G.M. Clinical. In manuale di terapeutica: Droga e gestione di malattia, settima edizione 2000, P. 51. Baltimora, MD: Williams & Wilkins.
  47. James, D. General Methods per il trattamento dell'avvelenamento 2001. Alberta, Canada: Università di alberta.
  48. Anon. La gestione del avvelenato/Overdosed il paziente (formazione continua no 430-000-99-026-H01). U.S. Farmacista 2001. New York: Jobson.
  49. Fournier, L., Thomas, G., Garnier, R., Buisine, A., Houze, P., Pradier, F., amoreggia, il trattamento acido dello S. 2,3-Dimercaptosuccinic di avvelenamento di metalli pesanti negli esseri umani. Med. Toxicol. Droga avversa Exp. 1988; 3: 499-504.
  50. Biblioteca medica nazionale. Avvelenamento del pronto soccorso. In enciclopedia medica 2001. Bethesda, MD: Istituti della sanità nazionali (http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000003.htm).
  51. Ghio, A.J., Kennedy, la tele-elaborazione., Crissman, K.M., Richards, J.H., covata, G.E. Depletion di ferro e dell'ascorbato in roditori diminuisce la lesione di polmone dopo la silice. Exp. Lung Res. 1998 marzo-aprile; 24(2): 219-32.
  52. Dhir, H., Roy, A.K., Sharma, A., Talukder, G. Modification di clastogenicità di cavo e di alluminio in cellule del midollo osseo del topo da ingestione dietetica dell'estratto della frutta di emblica di Phyllanthus. Mutat. Ricerca. Del 1990 luglio; 241(3): 305-12.
  53. Dhir, H., Roy, A.K., Sharma, efficacia relativa del A. dell'estratto della frutta di emblica di Phyllanthus e dell'acido ascorbico nel cavo di modificazione e dagli negli scambi indotti da alluminio di sorella-cromatidio in midollo osseo del topo. Circondi. Mol. Agente mutageno 1993; 21(3): 229-36.
  54. Ad ovest, W.L., cavaliere, E.M., Edwards, C.H., equipaggiare, M., Spurlock, B., James, H., Johnson, A.A., Oyemade, U.J., Cole, G.U., Westney, cavo di O.E. et al. e risultati a basso livello materni di gravidanza. J. Nutr. 1994 giugno; 124 (6, supplemento.): 981S-986S.
  55. Vij, A.G., Satija, N.K., flora, S.J. Lead ha indotto i disordini in ematopoietico e la droga che metabolizza il sistema degli enzimi e la loro protezione dal completamento dell'acido ascorbico. Biomed. Circondi. Sci. 1998 marzo; 11(1): 7-14.
  56. Cai, L., Koropatnick, J., Cherian, M.G. Roles di vitamina C nel danno indotto da radiazioni del DNA in presenza ed assenza di rame. Chim. Biol. Interattivo. 31 luglio 2001; 137(1): 75-88.
  57. Pryor, W.A. Vitamin E e malattia cardiaca: scienza di base alle prove cliniche di intervento. Radic libero. Biol. Med. 2000 1° gennaio; 28(1): 141-64.
  58. Van Vleet, J.F., vantaggio, G.D., Ferrans, V.J. Induction delle lesioni della carenza della selenio-vitamina E in anatroccoli ha alimentato l'argento, il rame, il cobalto, il tellurio, il cadmio, o lo zinco: protezione dai supplementi della vitamina o del selenio E. . J. Veterinario. Ricerca. 1981 luglio; 42(7): 1206-17.
  59. Tandon, S.K., Singh, S., Dhawan, effetto di M. Preventive della vitamina E nell'intossicazione del cadmio. Biomed. Circondi. Sci. 1992 marzo; 5(1): 39-45.
  60. Milchak, L.M., Douglas Bricker, J. Gli effetti di glutatione e della vitamina E su tossicità del ferro negli epatociti isolati del ratto. Toxicol. Lett. 7 febbraio 2002; 126(3): 169-77.
  61. Villamor, E., Fawzi, completamento di W.W. Vitamin A: implicazioni per morbosità e mortalità in bambini. J. Infetti. DIS. 2000 settembre; 182 (Suppl.1): S122-S133.
  62. Gurer, H., Ozgunes, H., Oztezcan, S., Ercal, ruolo di N. Antioxidant di acido alfa-lipoico nella tossicità del cavo. Radic libero. Biol. Med. 1999 luglio; 27(1-2): 75-81.
  63. Anuradha, B., Varalakshmi, ruolo di P. Protective di acido DL-alfa-lipoico contro da perossidazione lipidica neurale indotta da Mercury. Pharmacol. Ricerca. 1999 gennaio; 39(1): 67-80.
  64. Il Muller, U., Krieglstein, pretrattamento di J. Prolonged con acido alfa-lipoico protegge i neuroni coltivati dalla lesione hypoxic, del glutammato, o indotta da ferro. J. Cereb. Flusso sanguigno Metab. 1995 luglio; 15(4): 624-30.
  65. Muller, effetti di L. Protective di acido DL-alfa-lipoico da su deterioramento indotto da cadmio degli epatociti del ratto. Tossicologia 1989 2 ottobre; 58(2): 175-85.
  66. Muller, L., Menzel, H. Studies sull'efficacia di lipoate e di dihydrolipoate nell'alterazione di tossicità del cadmio 2+ in epatociti isolati. Biochim. Biophys. Acta 22 maggio 1990; 1052(3): 386-91.
  67. Ringwood, A.H., Conners, effetti di D.E. The di svuotamento del glutatione su successo riproduttivo in ostriche, crassostrea virginica. Marzo circonda. Ricerca. 2000 luglio-dicembre; 50(1-5): 207-11.
  68. Chouchane, S., neve, effetto di E.T. In vitro dei composti dell'arsenicale sugli enzimi in relazione con il glutatione. Chim. Ricerca. Toxicol. 2001 maggio; 14(5): 517-22.
  69. Lorico, A., Bertola, A., Baum, C., Fodstad, O., Rappa, G. Role della proteina 1 di resistenza di Multidrug nella protezione dai oxyanions di metalli pesanti: indagini in vitro e nei topi di MRP1-deficient. Biochimica. Biophys. Ricerca. Commun. 1° marzo 2002; 291(3): 617-22.
  70. Maiti, S., Chatterjee, A.K. Effects ai livelli di glutatione e di alcuni enzimi relativi in tessuti dopo un'esposizione arsenica acuta in ratti e la loro relazione alla carenza proteica dietetica. Arch. Toxicol. 2001 novembre; 75(9): 531-7.
  71. Daggett, E.A., Oberley, T.D., Nelson, S.A., Wright, L.S., Kornguth, S.E., Siegel, F.L. Effects di inganna il rene ed il fegato del ratto: Espressione di GST e sforzo ossidativo. Tossicologia 1998 17 luglio; 128(3): 191-206.
  72. Wright, L.S., Kornguth, S.E., Oberley, T.D., Siegel, F.L. Effects di inganna l'espressione della S-transferasi del glutatione in rene del ratto: uno studio di reazione al dosaggio. Toxicol. Sci. 1998 dicembre; 46(2): 254-9.
  73. Shukla, G.S., Srivastava, R.S., stato di S.V. Glutathione, di Chandra e neurotossicità del cadmio: studi nelle regioni discrete del cervello di ratti crescenti. Fundam. Appl. Toxicol. 1988 agosto; 11(2): 229-35.
  74. Turan, B., Delilbasi, E., Dalay, N., Sert, S., Afrasyap, L., Sayal, attività del selenio di A. Serum e del glutatione perossidasi e la loro interazione con i metalli tossici nella dialisi e nei pazienti renali di trapianto. Biol. Trace Elem. Ricerca. 1992 aprile-giugno; 33: 95-102.
  75. Sidhu, M., Sharma, M., Bhatia, M., Awasthi, Y.C., Nath, R. Effect di esposizione cronica del cadmio sulle attività della S-transferasi e del glutatione perossidasi del glutatione in reso: il ruolo di selenio. Tossicologia 1993 25 ottobre; 83(1-3): 203-13.
  76. Tang, W., Sadovic, S., Shaikh, Z.A. Nephrotoxicity della cadmio-metallotioneina: protezione da zinco e dal ruolo di glutatione. Toxicol. Appl. Pharmacol. 1998 agosto; 151(2): 276-82.
  77. Tjalkens, R.B., Valerio, L.G., Jr., Awasthi, Y.C., Petersen, D.R. Association di induzione isozima-specifica e di perossidazione lipidica della S-transferasi del glutatione in due ceppi endogami dei topi ha sottoposto a sovraccarico dietetico cronico del ferro. Toxicol. Appl. Pharmacol. 1998 luglio; 151(1): 174-81.
  78. Shaikh, Z.A., Northup, J.B., Vestergaard, P. Dependence di nefrotossicità di cadmio-metallotioneina da glutatione. J. Toxicol. Circondi. Salute A 1999a; 57(3): 211-22.
  79. Bordo, W. Lactoferrin: il peptide bioactive che combatte la malattia. Rivista 2000 del prolungamento della vita ottobre; 6(10): 20-6. Piede. Lauderdale, FL: Fondamento del prolungamento della vita (http://www.lef.org/magazine/mag2000/oct2000_report_lactoferrin.html).
  80. Stella, V., Postaire, E. Evaluation dell'effetto antiradical del protettore del siero multifermented con dosaggio ripetuto in ratti. C.R. Seances Soc. Biol. Fil. 1995; 189(6): 1191-7 (in francese).
  81. Girodon, F. Galan, P. Monget, A.L., Boutron-Ruault, M.C., brunetta-Lecomte, P., Preziosi, P., Arnaud, J., Manuguerra, J.C., Herchberg, S. Impact degli oligoelementi e del completamento della vitamina su immunità e delle infezioni in pazienti anziani istituzionalizzati: una prova controllata randomizzata. MIN. VIT. AOX. rete geriatrica. Arch. Interno. Med. 12 aprile 1999; 159(7): 748-54.
  82. Portatore, J.M., Ivatury, R.R., Azimuddin, K., swami, terapia di R. Antioxidant nella prevenzione della sindrome di disfunzione dell'organo e complicazioni contagiose dopo il trauma: risultati iniziali di uno studio randomizzato futuro. . Surg. 1999 maggio; 65(5): 478-83; erratum. Surg. 1999 settembre; 65(9): 902.
  83. Schumacher, K. Effect di selenio sul profilo di effetto collaterale di chemioterapia adiuvante/di radioterapia in pazienti con carcinoma del seno. Progettazione per uno studio clinico. Med. Klin. 15 ottobre 1999; 94 (supplemento. 3): 45-8 (in tedesco).
  84. Leung, elementi di F.Y. Trace che fungono da antiossidanti in micronutrition parenterale. Possa. J. Nutr. Biochimica. 1998; 9(6): 304-7.
  85. Pakdaman, trattamento di A. Symptomatic dei pazienti di tumore cerebrale con selenito di sodio, ossigeno ed altre misure complementari. Biol. Trace Elem. Ricerca. 1998 aprile-maggio; 62(1-2): 1-6.
  86. Huang, K. - C. La farmacologia delle erbe cinesi 1993. Boca Raton, FL: Stampa di CRC.
  87. Omura, Y., Beckman, S.L. Role di mercurio (Hg) nelle infezioni resistenti ed efficace trattamento infezioni virali di trachomatis di clamidia e della famiglia di herpes (e trattamento potenziale per cancro) rimuovendo i depositi localizzati di Hg con il prezzemolo cinese e consegnando gli efficaci antibiotici facendo uso di vari metodi di potenziamento di assorbimento della droga. Acupunct. Electrother. Ricerca. 1995; 20(3-4): 195-229.
  88. Cha, C.W. Uno studio sull'effetto di aglio all'avvelenamento di metalli pesanti del ratto. J. Med coreano. Sci. 1987 dicembre; 2(4): 213-24.
  89. Sc del silvicoltore, Lambert JD. Il ruolo dell'antiossidante contro gli effetti dell'pro-ossidante dei polifenoli del tè verde nella prevenzione del cancro. Mol Nutr Food Res. 2011; 55(6):844-54.
  90. Clayman, C.B., Ed. L'enciclopedia di American Medical Association di medicina 1989. New York: Random House.
  91. Clayman, C.B., Ed. L'enciclopedia di American Medical Association di medicina 1989. New York: Random House.
  92. Quig, metabolismo di D. Cysteine e tossicità del metallo. Altern. Med. Rev. 1998 agosto; 3(4): 262-70.
  93. De Flora, S., Izzotti, A., D'Agostini, F., Balansky, R.M. Mechanisms di N-acetilcisteina nella prevenzione di danno e del cancro del DNA, con particolare riferimento ai punti finali correlati al fumo. Carcinogenesi 2001 luglio; 22(7): 999-1013.
  94. Shaikh, Z.A., Tang, W. Protection contro tossicità cronica del cadmio da glicina. Tossicologia 1999b 15 febbraio; 132(2-3): 139-46.
  95. Hipkiss AR, Preston JE, distacco di Himsworth, et al. effetti protettivi di Pluripotent del carnosine, un dipeptide naturale. Ann N Y Acad Sci. 20 novembre 1998; 854:37-53.
  96. Hipkiss AR. Sull'enigma delle azioni antinvecchiamento dei carnosine. Exp Gerontol. 2009a aprile; 44(4): 237-42.
  97. Hipkiss AR. Carnosine ed i suoi ruoli possibili nella nutrizione e nella salute. Ricerca di Nutr dell'alimento di adv. 2009b; 57:87-154.
  98. Boldyrev aa, Stvolinsky SL, Fedorova TN, Suslina ZA. Carnosine come un antiossidante e geroprotector naturali: dai meccanismi molecolari ai test clinici. Ricerca di ringiovanimento. 2010 aprile-giugno; 13 (2-3): 156-8.
  99. Suh JH, Zhu BZ, deSzoeke E, Frei B, Hagen TM. L'acido di Dihydrolipoic abbassa l'attività redox degli ioni del metallo di transizione ma non li rimuove dal sito attivo degli enzimi. Rappresentante di redox. 2004; 9(1): 57-61.
  100. Lal A, Atamna W, Killilea DW, Suh JH, BN di Ames. Da sforzo ossidativo indotto da ferro inverso lipoico dell'acetilcarnitina e dell'acido in fibroblasti umani. Rappresentante di redox. 2008; 13(1): 2-10.
  101. Smith-Barbaro, P., Hanson, D., Reddy, B.S. Carcinogen che lega ai vari tipi di fibre dietetiche. J. Nazionale. Cancro Inst. 1981 agosto; 67(2): 495-7.
  102. Ichimura, S. Report. Assemblea generale della società farmaceutica del Giappone, ramo di Hokuriku, città di Toyoma, Giappone, il 27 ottobre 1973.
  103. Horikoshi, T., Nakajima, A. e Sakaguchi, T. Uptake di uranio dalle varie frazioni delle cellule dei regularis della clorella. Radioisotopi 1979 agosto; 28(8): 485-8.
  104. Prater, G. MSM: il composto multiuso. Rivista 1999 del prolungamento della vita settembre; 5(9): 71-2. Piede. Lauderdale, FL: Fondamento del prolungamento della vita.
  105. Esteves, corrente alternata, Felcman, J. Study sull'effetto dell'amministrazione del CD (II), cisteina, metionina e CD (II) insieme a cisteina o a metionina sulla conversione della xantina deidrogenasi nella xantina ossidasi. Biol. Trace Elem. Ricerca. 2000 luglio; 76(1): 19-30.
  106. Deschner, E.E., Ruperto, J.F., Wong, G.Y., Newmark, effetto di H.L. The di quercetina e di rutina dietetiche dalle sulle anomalie epiteliali coliche acute indotte AOM in topi ha alimentato una dieta ad alta percentuale di grassi. Nutr. Cancro 1993; 20(3): 199-204.
  107. Perez Guerrero, C., Martin, M.J., Marhuenda, E. Prevention da rutina delle lesioni gastriche indotte da etanolo in ratti: ruolo delle prostaglandine endogene. Gen. Pharmacol. 1994 maggio; 25(3): 575-80.
  108. Kostyuk, V.A., Potapovich, A.I., Speransky, S.D., Maslova, effetto di G.T. Protective dei flavonoidi naturali su ferite peritoneali dei macrofagi del ratto provocate dalle fibre di amianto. Radic libero. Biol. Med. 1996; 21(4): 487-93.
  109. Galvez, J., Cruz, T., Crespo, E., Ocete, M.A., Lorente, M.D., Sanchez de Medina, F., Zarzuelo, A. Rutoside come protettivo mucoso dalla nella colite indotta da acido acetica del ratto. Med di Planta. 1997; 63(5): 409-14.
  110. Cruz, T., Galvez, J. Ocete, M.A., Crespo, M.E., Sanchez de Medina, L. - H.F., Zarzuelo, somministrazione orale del A. del rutoside può migliorare le malattie intestinali infiammatorie in ratti. Vita Sci. 1998; 62(7): 687-95.
  111. Kostyuk, V.A., Potapovich, A.I. Antiradical ed effetti di chelatazione nella protezione del flavoinoid contro dalla la lesione indotta da silice delle cellule. Arch. Biochimica. Biophys. 1° luglio 1998; 355(1): 43-8.
  112. Eliaz I, Hotchkiss A, Fishman ml, ha guidato il D. L'effetto della pectina modificata dell'agrume su escrezione urinaria degli elementi tossici. Ricerca di Phytother. 2006 ottobre; 20(10): 859-64.
  113. Medicina di Eliaz I, di Weil E, di Wilk B. Integrative ed il ruolo della pectina/alginati modificati dell'agrume nella chelazione e nella disintossicazione di metalli pesanti--cinque rapporti di caso. Forsch Komplementmed. 2007 dicembre; 14(6): 358-64.
  114. Guo m., Perez C, Wei Y, et al. proprietà di legare il ferro degli bio--effetti dei composti fenolici e del mirtillo rosso della pianta. Dalton Trans. 2007 21 novembre (43): 4951-61.
  115. Mladenka P, Macakova K, Filipsky T, et al. analisi in vitro di attività di chelatazione del ferro dei flavonoidi. Biochimica di J Inorg. 2011 maggio; 105(5): 693-701.
  116. Sestili P, Guidarelli A, dacia m., Cantoni O. Quercetin impedisce la rottura e la citotossicità del singolo filo del DNA causate dal tert-butylhydroperoxide: lavaggio del radicale libero contro il meccanismo di chelatazione del ferro. Med libero di biol di Radic. 15 luglio 1998; 25(2): 196-200.
  117. Cheng SE, Breen K. On la capacità di quattro flavonoidi, baicilein, luteolina, naringenin e quercetina, di sopprimere la reazione di Fenton del complesso di ferro-ATP. Biometals. 2000 marzo; 13(1): 77-83.
  118. Chander V, Singh D, Chopra K. Reversal di insufficienza renale acuta myoglobinuric sperimentale in ratti da quercetina, un bioflavonoide. Farmacologia. 2005 gennaio; 73(1): 49-56.
  119. Il completamento di Zhang Y, di Li H, di Zhao Y, di Gao Z. Dietary del baicalin e la quercetina attenua il disturbo al fegato indotto sovraccarico del topo del ferro. EUR J Pharmacol. 27 marzo 2006; 535 (1-3): 263-9.
  120. Effetti di Zhang Y, di Gao Z, di Liu J, di Xu Z. Protective del baicalin e quercetina su un topo ferro-sovraccaricato: confronto dei tessuti del fegato, del rene e del cuore. Nat Prod Res. 2011 luglio; 25(12): 1150-60.
  121. Kulkarni AP, Mahal HS, Kapoor S, Aradhya MP. Studi in vitro sulle azioni obbligatorie, antiossidanti e citotossiche di punicalagin. Alimento chim. di J Agric. 21 febbraio 2007; 55(4): 1491-500.
  122. Jiao Y, Wilkinson J quarto, Christine Pietsch E, et al. chelazione del ferro nell'attività biologica di curcumina. Med libero di biol di Radic. 1° aprile 2006; 40(7): 1152-60.
  123. Dairam A, Fogel R, Daya S, Limson JL. Le proprietà antiossidanti e di legare il ferro di curcumina, di capsaicina e di S-allylcysteine riducono lo sforzo ossidativo in omogeneato del cervello del ratto. Alimento chim. di J Agric. 14 maggio 2008; 56(9): 3350-6.
  124. Jiao Y, Wilkinson Jt, Di X, et al. la curcumina, agente chemopreventive e chemioterapeutico di un cancro, è un chelatore biologicamente attivo del ferro. Sangue. 8 gennaio 2009; 113(2): 462-9.
  125. Thephinlap C, Phisalaphong C, Lailerd N, et al. inversione di caricamento cardiaco del ferro e disfunzione in topi thalassemic dai curcuminoids. Med Chem. 2011 gennaio; 7(1): 62-9.
  126. L'interazione di Baum L, di NG A. Curcumin con rame ed il ferro suggerisce un meccanismo possibile di azione nei modelli dell'animale del morbo di Alzheimer. J Alzheimers DIS. 2004 agosto; 6(4): 367-77; discussione 443-9.
  127. Thephinlap C, Phisalaphong C, Fucharoen S, portatore JB, Srichairatanakool S. Efficacy dei curcuminoids nell'alleviamento di sovraccarico e di perossidazione lipidica del ferro in topi thalassemic. Med Chem. 2009 settembre; 5(5): 474-82.
  128. Srichairatanakool S, Thephinlap C, Phisalaphong C, portatore JB, Fucharoen S. Curcumin contribuisce a rimozione in vitro del ferro rilegato della non transferrina dal deferiprone e del desferrioxamine in plasma thalassemic. Med Chem. 2007 settembre; 3(5): 469-74.
  129. Yamanaka, K., Hayashi, H., Tachikawa, M., Kato, K., Hasegawa, A., Oku, N., Okada, metilazione di S. Metabolic è un processo dimiglioramento possibile del arsenics inorganico. Mutat. Ricerca. 27 novembre 1997; 394(1-3): 95-101.
  130. Goering, P.L., Aposhian, H.V., Massachussets, M.J., Cebrian, M., Beck, B.D, Waalkes, enigma di M.P. The di carcinogenesi arsenica: ruolo di metabolismo. Toxicol. Sci. 1999 maggio; 49(1): 5-14.
  131. Gubrelay, U., Mathur, R., Kannan, G.M., flora, S.J. Role di S-adenosyl-L-metionina nel rafforzamento della mobilizzazione del cadmio dall'acido acetico di penta del diethylenetriamine in topi. Cytobios 2001; 104(406): 99-105.
  132. Paredes, S.R., Kozicki, P.A., Batlle, DI MATTINA S-Adenosyl-L-metionina: a al contrario di saturnismo? Scompartimento. Biochimica. Physiol. B 1985; 82(4): 751-7.
  133. Skottova, N., Krecman, V., Simanek, V. Activities della silimarina e dei suoi flavonolignans sopra il oxidizability della lipoproteina di densità bassa in vitro. Phytother. Ricerca. 1999 settembre; 13(6): 535-7.
  134. Pietrangelo, A., Borella, F., Casalgrandi, G., Montosi, G., Ceccarelli, D., Gallesi, D., Giovannini, F., Gasparetto, A., Masini, attività antiossidante del A. di silybin in vivo durante il sovraccarico a lungo termine del ferro in ratti. Gastroenterologia 1995 dicembre; 109(6): 1941-9.
  135. Wellington, K., Jarvis, B. Silymarin: una rassegna delle sue proprietà cliniche in gestione dei disordini epatici. BioDrugs 2001; 15(7): 465-89.
  136. Gonzalez-Correa, J.A., de la Cruz, J.P., Gordillo, J., Urena, I., Redondo, L., Sanchez de la Cuesta, F. Effects della silimarina MZ-80 sullo sforzo ossidativo epatico in ratti con l'ostruzione biliare. Farmacologia 2002 gennaio; 64(1): 18-27.
  137. Tager, M., Dietzmann, J., Thiel, U., Hinrich Neumann, K., Ansorge, S. Restoration dello stato cellulare del tiolo dei macrofagi peritoneali dai pazienti di CAPD dal silibinin e dalla silimarina dei flavonoidi. Radic libero. Ricerca. 2001 febbraio; 34(2): 137-51.
  138. Sonnenbichler, J., Goldberg, M., Hane, L., Madubunyi, I., Vogl, S., Zetl, effetto di I. Stimulatory di silibinin sulla sintesi del DNA in fegati parzialmente hepatectomized del ratto: mancanza di risposta in tumore epatico ed in altre linee cellulari maligne. Biochimica. Pharmacol. 1° febbraio 1986; 35(3): 538-41.
  139. Valenzuela, A., Garrido, basi di A. Biochemical dell'azione farmacologica della silimarina flavonoide e del suo silibinin strutturale dell'isomero. Biol. Ricerca. 1994; 27(2): 105-12.
  140. Sonnenbichler, J., Scalera, F., Sonnenbichler, I., Weyhenmeyer, effetti di R. Stimulatory di silibinin e del silicristin dal silybum marianum del cardo selvatico di latte sulle cellule del rene. J. Pharmacol. Exp. Ther. 1999 settembre; 290(3): 1375-83.
  141. Birre, M.H., Berkow, M.D. The Merck Manual della diagnosi e della terapia. Parte 23. Capitolo 307. Avvelenamento del 1999. Whitehouse Station, NJ: Merck & Co.