Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Riferimenti del morbo di Alzheimer

Prevenzione delle malattie e trattamento, quinta edizione

I riferimenti a questa pagina corrispondono alla versione della stampa di prevenzione delle malattie e del trattamento, quinta edizione. Poiché aggiorniamo continuamente i protocolli online in risposta ai nuovi sviluppi scientifici, i lettori sono incoraggiati ad esaminare le ultime versioni dei protocolli.

  1. Upadhyaya P, Seth V, terapia di Ahmad M. “per il morbo di Alzheimer: Un aggiornamento.„ Giornale africano della farmacia e della farmacologia. 4.6 (2010): 408-21.
  2. Poppa: Psichiatria clinica completa dell'Ospedale Generale di Massachusetts, primo ed. © 2008 Mosby, un'impronta di Copyright di Elsevier. Disponibile al http://www.mdconsult.com/books/page.do?eid=4-u1.0-B978-0-323-04743-2..50021-4--cesec5&isbn=978-0-323-04743-2&uniqId=348489237-3#4-u1.0-B978-0-323-04743-2..50021-4--cesec5 ha acceduto a 7/31/2012.
  3. Knopman DS. Morbo di Alzheimer ed altre demenze. In: Goldman L, Schafer AI. Cecil Medicine di Goldman. ventiquattresimo ed. Filadelfia, PA: Elsevier; 2012. Disponibile a: http://www.mdconsult.com/books/page.do?eid=4-u1.0-B978-1-4377-1604-7..00409-7&isbn=978-1-4377-1604-7&uniqId=349213967-58#4-u1.0-B978-1-4377-1604-7..00409-7--s0010. 3 agosto 2012 raggiunto.
  4. Mayo Clinic. Morbo di Alzheimer. Definizione. Disponibile a: http://www.mayoclinic.com/health/alzheimers-disease/DS00161/. Ultimo 18 gennaio 2011 aggiornato. 2 agosto 2012 raggiunto.
  5. L'associazione di Alzheimer. Fattori di rischio. 2012. Disponibile a: http://www.alz.org/alzheimers_disease_causes_risk_factors.asp?gclid=CLyKuavN8bACFQeCnQoduQNh-Q. 28 giugno 2012 raggiunto B.
  6. Zhao Y, Zhao B. “antiossidanti naturali in prevenzione e gestione del morbo di Alzheimer.„ Front Biosci (elite Ed). 1.4 (2012): 794-808.
  7. Tarawneh R, Holtzman dm. “Il problema clinico del morbo di Aalzheimer sintomatico e del danno conoscitivo delicato.„ Med freddo di Harb Perspect della primavera. 2,5 (2012): a006148.
  8. Luan K, Rosales JL, Lee KY. “PUNTO DI VISTA: Diafonie fra i grovigli di Neurofibrillary e la formazione di placche dell'amiloide.„ Rev. di ricerca di invecchiamento (2012) [Epub davanti alla stampa]
  9. Teng cc, Yang YT, Chen YC, et al. “ruolo di WWOX/WOX1 in patologia del morbo di Alzheimer e nella segnalazione di morte delle cellule.„ Front Biosci (elite Ed). 4 (2012): 1951-65.
  10. Rosales-recinto per bestiame SA, et al. “morbo di Alzheimer: Meccanismi patologici ed il ruolo utile di melatonina.„ Ricerca pineale di J. 52.2 (2012): 167-202.
  11. Wang X, Unione Sovietica B, sidro di pere G, et al. visioni da di disfunzione mitocondriale indotta da amiloide nel morbo di Aalzheimer. Bio- Med libero di Radic. 43.12 (2007): 1569-73.
  12. Fonte V, Dostal V, Roberts cm et al. Un motivo della chiusura lampo della glicina media la formazione di oligomeri tossici dell'β-amiloide in vitro e in vivo. Mol Neurodegener. 23 agosto 2011; 6(1): 61.
  13. Ittner LM e Götz J. Amiloide-β e tau--un pas de deux tossico nel morbo di Alzheimer. Nat Rev Neurosci. 2011 febbraio; 12(2): 65-72.
  14. Morbo di Alzheimer di Miklossy J. - un neurospirochetosis. Analisi della prova dopo i criteri della collina e di Koch. J Neuroinflammation. 4 agosto 2011; 8:90.
  15. Maglia RS e luccio CJ. Genere, ormoni steroidei del sesso e morbo di Alzheimer. Horm Behav. 19 aprile 2012. [Epub davanti alla stampa]
  16. Barron, luccio CJ. “Ormoni sessuali, invecchiamento e morbo di Alzheimer.„ Front Biosci (elite Ed). 1° gennaio 2012; 4:976-97.
  17. Baloyannis SJ e Baloyannis È. Il fattore vascolare nel morbo di Alzheimer: Uno studio nella tecnica di Golgi e nella microscopia elettronica. J Neurol Sci. 2 agosto 2012. [Epub davanti alla stampa]
  18. Sadowsky CH, Galvin JE. “Linee guida per gestione dei problemi conoscitivi e comportamentistici nella demenza.„ Med di Fam del bordo di J. 25.3 (2012): 350-66.
  19. Alkadhi K e Eriksen J. La natura complessa e multifattoriale del morbo di Alzheimer. Curr Neuropharmacol. 2011 dicembre; 9(4): 586.
  20. Biasutti m., Dufour N, Ferroud C, et al. “redditività di imaging a risonanza magnetica con un nuovo agente di contrasto per la diagnosi precoce del morbo di Alzheimer.„ PLoS uno. 7.4 (2012): e35559.
  21. Massoud F, Gauthier S. Update sul trattamento farmacologico del morbo di Alzheimer. Curr Neuropharmacol. 2010 marzo; 8(1): 69-80.
  22. VT di Marchesi. “Morbo di Alzheimer 2012: il grande gioco dell'amiloide.„ J Pathol. 180.5 (2012): 1762-7.
  23. Schmitz C, et al. “perdita Hippocampal del neurone supera il carico della placca dell'amiloide in un modello transgenico del topo del morbo di Alzheimer.„ J Pathol. 2004 aprile; 164(4): 1495-502.
  24. Holmes C, et al. “effetti a lungo termine di immunizzazione Abeta42 nel morbo di Alzheimer: Seguito di una prova randomizzata e controllata con placebo di fase I.„ Lancetta. 19 luglio 2008; 372(9634): 216-23.
  25. Tau diCrespo-Biel N, di Theunis C e di Van Leuven F. Protein: causa principale di degenerazione sinaptica e di un neurone nel morbo di Alzheimer. Int J Alzheimers DIS. 2012;2012:251426.
  26. Inibitori di Muñoz-Torrero D. Acetylcholinesterase come terapie modificante la malattia per il morbo di Alzheimer. Curr Med Chem. 2008;15(24):2433-55.
  27. Nieoullon A. [inibitori dell'acetilcolinesterasi nel morbo di Alzheimer: ulteriori osservazioni sui loro meccanismi di azione e di conseguenze terapeutiche]. Psychol Neuropsychiatr Vieil. 2010 giugno; 8(2): 123-31.
  28. Dong-gyu J, et al. “prova che il γ-Secretase media lo Ossidativo-sforzo ha indotto l'espressione di β-Secretase nel morbo di Alzheimer.„ Invecchiamento di Neurobiol. 2010 giugno; 31(6): 917-25.
  29. Hampel H, Prvulovic D, Teipel S, et al. Il futuro del morbo di Alzheimer: i 10 anni futuri. Prog Neurobiol. 2011 dicembre; 95(4): 718-28.
  30. Mandel S, et al. “catechine del tè verde come Chelatore-antiossidanti Cervello-permeabili e naturali del ferro per il trattamento dei disordini di Neurodegenerative.„ Mol Nutr Food Res. 50.2 (2006): 229-34.
  31. Salminen A, et al. “infiammazione nel morbo di Alzheimer: Difesa innata di immunità di innesco degli oligomeri dell'amiloide-β tramite ricevitori di riconoscimento di forme.„ Prog Neurobiol. 87.3 (2009):181-194.
  32. EL di Tobinick e H. lordo “miglioramento rapido in fluidità e nell'afasia verbali dopo il etanercept di perispinal nel morbo di Alzheimer.„ BMC Neurol. 8 (2008a): 27.
  33. Culpan d, PAGINA di Kehoe, amore S. “fattore-α di necrosi del tumore (TNF-α) ed espressione del miRNA in neocortex frontale e temporale nel morbo di Alzheimer e nell'effetto di TNFα sull'espressione del miRNA in vitro.„ Int J Mol Epidemiol Genet. 2.2 (2011): 156-62.
  34. Ardebili MP, Yeghaneh T, Gharesouran J, et al. associazione genetica di TNF-α-308 G/A e -863 polimorfismi di C/A con il morbo di Alzheimer di manifestazione tardiva nella popolazione azera del Turco dell'Iran.„ Ricerca Med Sci di J. 16.8 (2011): 1006-1013.
  35. Chen HK, Ji ZS, Se di Dodson, et al. “interazione di dominio dell'apolipoproteina E4 media gli effetti nocivi sui mitocondri ed è un obiettivo terapeutico potenziale per il morbo di Aalzheimer.„ Biol chim. di J. 18 febbraio 2011; 286(7): 5215-21.
  36. Caselli RJ, EM di Reiman. “Caratterizzando le fasi precliniche del morbo di Alzheimer e la prospettiva di intervento presintomatico.„ J Alzheimers DIS. (2012) [Epub davanti alla stampa]
  37. Polvikoski T, Sulkava R, Haltia m., et al. apolipoproteina E, demenza e deposito corticale della proteina dell'beta-amiloide. Med di N Inghilterra J. 9 novembre 1995; 333(19): 1242-7.
  38. Leuner K, Müller NOI e Reichert AS. Da disfunzione mitocondriale ad amiloide Beta Formation: Visioni novelle della patogenesi del morbo di Alzheimer. Mol Neurobiol. 26 luglio 2012. [Epub davanti alla stampa]
  39. Danysz W, pastori CG. “Malattia del ′ s di Alzheimer, β-amiloide, glutammato, ricevitori di NMDA e memantina – cercando i collegamenti.„ Br J Pharmacol. 30 maggio 2012. doi: 10.1111/j.1476-5381.2012.02057.x. [Epub davanti alla stampa]
  40. CR di Overk, Se di Perez, mA C, et al. livelli steroidi del sesso e patologia del tipo di annuncio in topi 3xtgad. [In inglese] J Neuroendocrinol. 13 agosto 2012;
  41. Soscia SJ, Kirby JE, Washicosky kJ, et al. La beta-proteina malattia-collegata dell'amiloide del Alzheimer è un peptide antimicrobico. PLoS uno. 3 marzo 2010; 5(3): e9505.
  42. Honjo K, van Reekum R, Verhoeff NP. Morbo di Alzheimer ed infezione: gli agenti infettante contribuiscono alla progressione del morbo di Alzheimer? Alzheimers demente. 2009 luglio; 5(4): 348-60.
  43. Relazione di Yilmaz N. “fra il paraoxonase e l'omocisteina: strade trasversali delle malattie ossidative.„ Arco Med Sci. 8.1: 138-53.
  44. Daviglus ml, et al. “fattori di rischio ed interventi preventivi per il morbo di Alzheimer: Stato della scienza.„ Arco Neurol. 68.9 (2011): 1185-90.
  45. Fe di Harrison. “Una recensione di vitamina C per la prevenzione del declino e del morbo di Alzheimer conoscitivi relativi all'età.„ DIS di J Alzheimer. 29.4 (2012): 711-26.
  46. Hinterberger m. e folato ed Alzheimer di Fischer P. “: quando il tempo importa.„ Trasmettitore neurale di J. 25 maggio 2012. [Epub davanti alla stampa]
  47. Luchsinger JA, Cheng D, MX di Tang, et al. l'obesità centrale negli anziani è collegato con il morbo di Aalzheimer di manifestazione tardiva. Alzheimer DIS Assoc Disord. 2012 aprile; 26(2): 101-5.
  48. van Himbergen TM, et al. “biomarcatori per insulino-resistenza ed infiammazione ed il rischio per demenza per tutte le cause ed il morbo di Aalzheimer: Risultati dallo studio del cuore di Framingham.„ Arco Neurol. (2012): Epub davanti stampa al 2 gennaio 2012. doi: 10.1001/archneurol.2011.670.
  49. Blum S, et al. “memoria dopo il colpo silenzioso: Ippocampo ed infarti entrambi materia.„ Neurologia. 78.1 (2012): 38-46.
  50. Kalaria Marina militare, Akinyemi R e la patologia di Ihara M. Does Vascular contribuiscono ai cambiamenti di Alzheimer? [In inglese] J Neurol Sci. 9 agosto 2012;
  51. L'associazione di Alzheimer. Diagnosi del morbo di Alzheimer e della demenza. 2012. Disponibile a: http://www.alz.org/alzheimers_disease_diagnosis.asp. 24 maggio 2012 raggiunto A.
  52. Uzun S, Kozumplik O, demenza di Folnegovic-Smalc V. “Alzheimer: Esame corrente di dati.„ Coll Antropol. 2011 dicembre; 35(4): 1333-7.
  53. Kasper DL, et al., eds. I principi di Harrison di medicina interna, sedicesimo ed. McGraw-Hill, New York, 2004.
  54. Engelborghs S, Le Bastard N. “l'impatto dei biomarcatori del liquido cerebrospinale sulla diagnosi del morbo di Alzheimer.„ Mol Diagn Ther. 16.3 (2012): 135-41.
  55. MN di Pangalos, et al. “sviluppo della droga per i disordini dello SNC: Strategie per attrito d'equilibratura di riduzione e di rischio.„ Nat Rev Drug Discov. 6 (2007): 521-32.
  56. Food and Drug Administration (FDA). Pagina delle droghe. Droghe da cessare. Disponibile a: http://www.fda.gov/Drugs/DrugSafety/DrugShortages/ucm050794.htm. Ultimo 5/28/2013 aggiornato. 5/28/2013 raggiunto.
  57. Meng Q, Ru J, Zhang G, et al. rivalutazione di epatotossicità di tacrina facendo uso del gel ha intrappolato gli epatociti. Toxicol Lett. 30 gennaio 2007; 168(2): 140-7.
  58. Mehta m., Adem A e Sabbagh M. Nuovi inibitori dell'acetilcolinesterasi per il morbo di Alzheimer. Int J Alzheimers DIS. 2012;2012:728983.
  59. Gauthier S, et al. “può noi migliora nello sviluppare le nuove droghe per il morbo di Alzheimer?„ Alzheimers demente. 5.6 (2009): 489-91.
  60. RA di Hansen, et al. “efficacia e sicurezza di Donepezil, della galantamina e della rivastigmina per il trattamento del morbo di Alzheimer: Un esame e una meta-analisi sistematici.„ Invecchiamento di Clin Interv. 3.2 (2008): 211-25.
  61. Lo D e Grossberg GT. Uso della memantina per il trattamento di demenza. Rev esperto Neurother. 2011 ottobre; 11(10): 1359-70.
  62. Il CE di Creeley, et al. “Donepezil contrassegnato rafforza la neurotossicità di memantina nel cervello adulto del ratto.„ Invecchiamento di Neurobiol. 29.2 (2008): 153-67.
  63. Sastre m., signore MP. NSAIDs: Come funzionano e le loro prospettive come terapeutica nel morbo di Alzheimer. Front Aging Neurosci. 18 maggio 2010; 2:20.
  64. Hayden K.M., Zandi P.P., Khachaturian A.S., et al. ricercatori della contea di Cache (2007). L'uso di NSAID modifica le traiettorie conoscitive negli anziani? Lo studio della contea di Cache. Neurologia 69, 275-282.
  65. Sostres C, Gargallo CJ, la TA di Arroyo, et al. “effetti contrari degli anti-infiammatori non steroidei (NSAIDs, aspirin e coxibs) sul tratto gastrointestinale superiore.„ Migliore ricerca Clin Gastroenterol di Prac. 24.2 (2010):121-32.
  66. William BW, Cruz C. “impatto di NSAIDs sul rischio e sull'ipertensione cardiovascolari.„ Med di Ital J. 5.3 (2011):175-183.
  67. Ejaz P, Bhojani K, Joshi VR. NSAIDs e rene. Medici India di J Assoc. 2004 agosto; 52:632-40.
  68. Malattia di Qiu C. Preventing Alzheimer mirando ai fattori di rischio vascolari: Speranza e Gap. J Alzheimers DIS. 27 luglio 2012. [Epub davanti alla stampa]
  69. Pressione sanguigna dello scià NS, di Vidal JS, di Masaki K. Midlife, β-amiloide del plasma ed il rischio per il morbo di Aalzheimer: lo studio di invecchiamento di Honolulu Asia. Ipertensione. 2012 aprile; 59(4): 780-6. Epub 2012 5 marzo.
  70. Qiu C, et al. “fattori vascolari e psicosociali nel morbo di Alzheimer: Prova epidemiologica verso intervento.„ J Alzheimers DIS. 20.3 (2010): 689-97.
  71. Forette F, et al. “prevenzione di demenza nell'ipertensione sistolica controllata con placebo della prova alla cieca randomizzata nella prova di Europa (Sistema-EUR).„ Lancetta. 352.9137 (1998): 1347-51.
  72. Hajjar IM, et al. “inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina e declino conoscitivo e funzionale in pazienti con il morbo di Alzheimer: Uno studio d'osservazione.„ J Alzheimers DIS l'altro Demen. 23.1 (2008): 77-83.
  73. Trenkwalder P. “lo studio su cognizione e sulla prognosi negli anziani (PORTATA) — analisi recenti.„ Supplemento di J Hypertens. 24.1 (2006): S107-14.
  74. EL di Tobinick e H. lordo “miglioramento conoscitivo rapido nel morbo di Alzheimer dopo l'amministrazione del etanercept di perispinal.„ J Neuroinflammation. 5 (2008b): 2.
  75. Tobinick ELETTRICO “decifrando la fisiologia che è alla base degli effetti clinici rapidi di Perispinal Etanercept nel morbo di Alzheimer.„ Ricerca di Curr Alzheimer. 9.1 (2012): 99-109.
  76. Jiang H, et al. “fattore distimolazione del granulocita attenua Neuroinflammation cronico nel cervello dei topi transgenici della proteina del precursore dell'amiloide: Un modello del topo del morbo di Alzheimer.„ J Int Med Res. 38.4 (2010): 1305-12.
  77. Laske C, et al. “ha fatto diminuire i livelli del plasma di fattore di stimolazione delle colonie di granulociti (G-CSF) in pazienti con il morbo di Alzheimer precoce.„ J Alzheimers DIS. 17.1 (2009): 115-23.
  78. Tsai kJ, et al. “G-CSF salva il danno di memoria dei modelli animali del morbo di Alzheimer.„ Med di J Exp. 204.6 (2007): 1273-80.
  79. Clinicaltrials.gov. NCT01617577. Efficacia e sicurezza di Filgrastim nel morbo di Alzheimer (FFAD) disponibile a: http://clinicaltrial.gov/ct2/show/NCT01617577?term=Granulocyte+Colony-stimulating+Factor&rank=15 ha acceduto a 7/25/2012.
  80. Li G, et al. “concentrazione del liquido cerebrospinale del fattore Neurotrophic Cervello-Derivare e funzione conoscitiva negli oggetti Non pazzi.„ PLoS uno. 4.5 (2009): Epub davanti stampa al 1° maggio 2009.
  81. Nagahara AH, et al. “effetti di Neuroprotective del fattore Neurotrophic Cervello-Derivare nei modelli del primate e del roditore del morbo di Alzheimer.„ Nat Med. 15.3 (2009): 331-7.
  82. Schulte-Herbrüggen O, Jockers-Scherübl MC, Hellweg R. Neurotrophins: da patofisiologia al trattamento nel morbo di Alzheimer. Ricerca di Curr Alzheimer. 2008 febbraio; 5(1): 38-44.
  83. Nunes PV, et al. “litio e rischio per il morbo di Alzheimer in pazienti anziani con disturbo bipolare.„ Psichiatria del Br J. 190 (2007): 359-60.
  84. Forlenza OV, et al. “proprietà modificante la malattia del trattamento a lungo termine del litio per danno conoscitivo delicato Amnestic: Prova controllata randomizzata.„ Psichiatria del Br J. 198 (2011): 351-6.
  85. Forlenza l'OV, de Paula VJ, Machado-Vieira R, et al. il litio impedisce il morbo di Alzheimer? Invecchiare delle droghe. 1° maggio 2012; 29(5): 335-42.
  86. DP di McDonnell, CE di Connor, Wijayaratne A, et al. “definizione dei meccanismi molecolari e cellulari che sono alla base delle attività Tessuto-selettive antagonista/dell'agonista dei modulatori selettivi del ricevitore dell'estrogeno.„ Rassegne endocrine. 57.1 (2002): 295-316.
  87. O'Neill, et al. “impatto del modulatore selettivo del ricevitore dell'estrogeno, tamoxifene, sugli insulti seguenti di un neurone della sostanza tossica di sopravvivenza e di conseguenza connessi con invecchiamento ed il morbo di Alzheimer.„ Exp Neurol. 2004 agosto; 188(2): 268-78.
  88. Yaffe K, et al. “effetto di Raloxifene sulla prevenzione di demenza e danno conoscitivo in donne più anziane: I risultati multipli di Raloxifene (PIÙ) hanno randomizzato la prova.„ Psichiatria di J. 2005 aprile; 162(4): 683-90.
  89. La st George-Hyslop pH, et al. “terapie dell'Anti-amiloide funziona per il morbo di Alzheimer?„ Lancetta. 19 luglio 2008; 372(9634): 180-2.
  90. Aranda-Abreu GE, et al. “riabilitando un cervello con Alzheimer: Una proposta.„ Invecchiamento di Clin Interv. 6 (2011): 53-9.
  91. MB di Loeb, Molloy DW, Smieja m., et al. Una prova randomizzata e controllata di doxiciclina e rifampicina per i pazienti con il morbo di Alzheimer. Soc di J Geriatr. 2004 marzo; 52(3): 381-7.
  92. Tsai GE, K, Gunther J, et al. abbiamo migliorato la cognizione nel morbo di Alzheimer con il trattamento a breve termine della D-cicloserina. Psichiatria di J. 1999 marzo; 156(3): 467-9.
  93. Malyka AG et al. Piracetam e droghe del tipo di piracetam: da scienza di base alle applicazioni cliniche novelle ai disordini dello SNC. Droghe. 12 febbraio 2010; 70(3): 287-312.
  94. Muller NOI et al. effetti di piracetam su fluidità della membrana nel topo, nel ratto e nel cervello umano invecchiati. Biochimica Pharmacol. 24 gennaio 1997; 53(2): 135-40.
  95. Efficacia clinica di Waegemans T et al. di piracetam nel danno conoscitivo: una meta-analisi. Geriatr demente Cogn Disord. 2002;13(4):217-24.
  96. Il PE di Sanchez, Zhu la L, Verret la L, et al. Levetiracetam sopprime la disfunzione di un neurone della rete e gli inversi sinaptici ed i deficit conoscitivi in un morbo di Alzheimer modellano. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 6 agosto 2012. [Epub davanti alla stampa]
  97. Cai Z, et al. “obiettivo mammifero della rapamicina: Un obiettivo terapeutico valido con la via di Autophagy per il morbo di Alzheimer?„ Ricerca di J Neurosci. 90.6 (2012): 1105-18.
  98. Fleisher COME, et al. “amiloide d'ottimizzazione di prova Beta Production di sicurezza di fase 2 con un inibitore di gamma-Secretase nel morbo di Aalzheimer.„ Arco Neurol. 65.8 (2008): 1031-8.
  99. Miller WL, “biosintesi dell'androgeno da colesterolo a DHEA.„ Mol Cell Endocrinol. 198.1-2 (2002): 7-14.
  100. Luu-The V, Labrie F. “le vie steroidi di biosintesi del sesso di Intracrine.„ Prog Brain Res. 181. (2010): 177-92.
  101. Mayo W, et al. “diverse differenze nell'invecchiamento conoscitivo: Implicazione del solfato di Pregnenolone.„ Prog Neurobiol. 2003 settembre; 71(1): 43-8.
  102. Mayo W, et al. “solfato di Pregnenolone migliora Neurogenesis e PSA-NCAM in giovani ed ippocampo invecchiato.„ Invecchiamento di Neurobiol. 2005 gennaio; 26(1): 103-14.
  103. Hillen T, et al. “livelli del plasma di DHEA-S ed incidenza di morbo di Alzheimer.„ Psichiatria di biol. 47.2 (2000): 161-3.
  104. Polleri A, et al. “demenza: Una prospettiva neuroendocrina.„ J Endocrinol investe. 25.1 (2002): 73-83.
  105. Weill-Engerer S, et al. “quantificazione di Neurosteroid in essere umano Brain Regions: Confronto fra Alzheimer ed i pazienti di Nondemented.„ J Clin Endocrinol Metab. 87.11 (2002): 5138-43.
  106. Farr SA, et al. “DHEAS migliora l'apprendimento e la memoria in topi invecchiati SAMP8 ma non in topi diabetici.„ Vita Sci. 75.2 (2004): 2775-85.
  107. Zhang S e Yao T. [estrogeno: regolamento di amiloide-beta metabolismo di proteina ed attenuazione di amiloide-beta neurotossicità della proteina]. Sheng Li Ke Xue Jin Zhan. 2003 luglio; 34(3): 197-201.
  108. Bailey ME, CA di Wang, Hao J, et al. effetti teractive dell'età ed estrogeno sui neuroni corticali: implicazioni per invecchiamento conoscitivo. Neuroscienza. 15 settembre 2011; 191:148-58.
  109. VW di Maki PM e di Henderson. Terapia ormonale, demenza e cognizione: l'iniziativa della salute delle donne 10 anni sopra. Climaterico. 2012 giugno; 15(3): 256-62.
  110. Brinton RD. “Modelli investigativi per la determinazione dai dei risultati indotti da terapia dell'ormone in cervello: Prova a sostegno di una polarizzazione sana delle cellule di azione dell'estrogeno.„ Ann N Y Acad Sci. 2005 giugno; 1052:57-74.
  111. Zandi pp, Carlson MC, Plassman BL, et al. terapia ormonale sostitutiva ed incidenza del morbo di Aalzheimer in donne più anziane: lo studio di CacheCounty. JAMA. 6 novembre 2002; 288(17): 2123-9.
  112. Carroll JC e Rosario ER. “L'uso potenziale di terapeutica a base di ormoni per il trattamento del morbo di Alzheimer.„ Ricerca di Curr Alzheimer. 2012 gennaio; 9(1): 18-34.
  113. Schumacher m., et al. “sintesi locale ed azioni doppie di progesterone nel sistema nervoso: Neuroprotection e Myclination.„ Ricerca di Horm IGF di crescita. 14.A (2004): S18-33.
  114. LU pH, Masterman DA, Mulnard R, et al. effetti di testosterone su cognizione ed umore in pazienti maschii con il morbo di Aalzheimer delicato ed in uomini anziani in buona salute. Arco Neurol. 2006 febbraio; 63(2): 177-85.
  115. Bubenik GA e Konturek SJ. “Melatonina e invecchiamento: prospettive per il trattamento umano.„ J Physiol Pharmacol. 62.1 (2011): 13-9.
  116. I cambiamenti quantitativo di Magri F, di Sarra S, di Cinchetti W, et al. qualitativo e di melatonina livella nell'invecchiamento fisiologico e patologico ed in centenari. Ricerca pineale di J. 2004 maggio; 36(4): 256-61.
  117. DP di Cardinali, Furio, Brusco LI. “L'uso del chronobiotics nella risincronizzazione del ciclo risveglio/di sonno. Applicazione terapeutica nelle fasi in anticipo di morbo di Alzheimer.„ Pat Endocr Metab Immune Drug recente Discov. 5.2 (2011): 80-90.
  118. Cheng Y, et al. “effetti benefici di melatonina nei modelli sperimentali del morbo di Aalzheimer.„ Peccato di Pharmacol di acta. 27.2 (2006): 129-39
  119. Wang JZ, et al. “ruolo di melatonina in Neurodegeneration Alzheimer del tipo di.„ Peccato di Pharmacol di acta. 27,1 (2006a): 41-9.
  120. Srinivasan V, et al. “melatonina nel morbo di Alzheimer ed altri disordini di Neurodegenerative.„ Behav Brain Funct. 4.2 (2006): 15.
  121. Gu Y, et al. “modelli dietetici nel morbo di Alzheimer e invecchiamento conoscitivo.„ Ricerca di Curr Alzheimer. 8.5 (2011): 510-9.
  122. Demarin V, et al. “dieta Mediterranea nello stile di vita sano e prevenzione del colpo.„ Croato di Clin di acta. 50.1 (2011): 67-77.
  123. Solfrizzi V, et al. “dieta Mediterranea in Predementia e nelle sindromi di demenza.„ Ricerca di Curr Alzheimer. 2011 agosto; 8(5): 520-42.
  124. Scarmeas N, et al. “dieta Mediterranea e danno conoscitivo delicato.„ Arco Neurol. 66.2 (2009): 216-25.
  125. Scarmeas N, et al. “mortalità Mediterranea del morbo di Aalzheimer e di dieta.„ Neurologia. 69 (2007): 1084-93.
  126. Jóźwiak S, et al. “trattamento dietetico dell'epilessia: Rinascita di un trattamento antico.„ Politico di Neurol Neurochir. 45.4 (2011): 370-8.
  127. Van der Auwera I, Wera S, Van Leuven F, et al. “una dieta ketogenic riduce l'amiloide beta 40 e 42 nel modello del topo del morbo di Alzheimer.„ Nutr Metab (Lond). 2 (2005):28.
  128. Geda Y, et al. “apporto calorico, invecchiamento e danno conoscitivo delicato: Uno studio basato sulla popolazione.„ Presentato alla sessantaquattresima riunione annuale dell'accademia americana di neurologia. New Orleans. Dal 21-28 aprile 2012.
  129. GM di Pasinetti, Zhao Z, Qin W, et al. apporto calorico e morbo di Alzheimer. Approcci sperimentali ed implicazioni terapeutiche. Cima Gerontol di Interdiscip. 2007;35:159-75.
  130. Cotman CW, et al. “esercizio costruisce Brain Health: Ruoli chiave delle cascate e dell'infiammazione di fattore di crescita.„ Tendenze Neurosci. 30.9 (2007): 464-72.
  131. esercizio di van Praag H. “ed il cervello: Qualcosa su cui riflettere.„ Tendenze Neurosci. 32.5 (2009): 283-90.
  132. Ustioni JM, et al. “forma fisica cardiorespiratoria e Brain Atrophy nel morbo di Aalzheimer precoce.„ Neurologia. 71.3 (2008): 210-6.
  133. L'alto funzionamento di impatto dell'inverno B et al. migliora l'apprendimento. Neurobiol impara Mem. 2007 maggio; 87(4): 597-609
  134. Gomez-Pinilla F, et al. “Cervello-ha derivato le funzioni Neurotrophic di fattore come Metabotrophin per mediare gli effetti dell'esercizio su cognizione.„ EUR J Neurosci. 28.11 (2008): 2278-87.
  135. Wu A, et al. “acidi grassi dietetici Omega-3 normalizza i livelli di BDNF, riduce il danno ossidativo e neutralizza la difficoltà di apprendimento dopo Brain Injury traumatico in ratti.„ J Neurotrauma. 21,10 (2004a): 1457-67.
  136. Wang XD, Zhang JM, Yang HH, et al. modulazione del ricevitore di NMDA dal huperzine A in corteccia cerebrale del ratto. Zhongguo Yao Li Xue Bao. 1999 gennaio; 20(1): 31-5.
  137. Esponga al sole QQ, et al. “le capsule di Huperzine-A migliorano la memoria e la prestazione dell'apprendimento in 34 coppie gli studenti adolescenti abbinati.„ Zhongguo Yao Li Xue Bao. 20.7 (1999): 601-3.
  138. Wang R, et al. “progresso negli studi di Huperzine A: Un inibitore naturale del colinesterasi da medicina di erbe cinese.„ Peccato di Pharmacol di acta. 27,1 (2006b): 1-26.
  139. Bai DL, et al. “Huperzine A: Un agente terapeutico potenziale per il trattamento del morbo di Alzheimer.„ Curr Med Chem. 7.3 (2000): 355-74.
  140. Ms di Rafii, Walsh S, poco JT, et al. Una sperimentazione di fase II del huperzine A in delicato per moderare morbo di Aalzheimer. Neurologia. 19 aprile 2011; 76(16): 1389-94.
  141. Wang BS, et al. “efficacia e sicurezza dell'inibitore naturale Huperzine A dell'acetilcolinesterasi nel trattamento del morbo di Alzheimer: Una meta-analisi aggiornata.„ Trasmettitore neurale di J. 116.4 (2009): 457-65.
  142. SB di Milad, et al. “infiammazione e apoptosi in tessuti aortici del diabete di tipo II invecchiato: Miglioramento con i meccanismi che sono alla base delle attività Tessuto-selettive antagonista/dell'agonista di.„ Vita Sci. 86.23-24 (2010): 844-53.
  143. Holmquist L, et al. “acido lipoico come trattamento novello per il morbo di Alzheimer e demenze relative.„ Pharmacol Thera. 113.1 (2007): 154-164.
  144. Hager K, et al. “acido Alfa-lipoico come nuova opzione di trattamento per il tipo demenza di Alzheimer [corretto].„ Arco Gerontol Geriatr. 32.3 (2001): 275-82.
  145. Hager K, et al. “acido Alfa-lipoico come nuova opzione del trattamento per la malattia-Un di Alzheimer 48 mesi continua l'analisi.„ Supplemento neurale del trasmettitore di J. 72 (2007): 189-93.
  146. Butterworth rf. “Prova per perdita di un neurone colinergica del Forebrain nella carenza congenita di transcarbamilasi dell'ornitina.„ Metab Brain Dis. 15.1 (2000): 83-91.
  147. Dhitavat S, et al. “folato, vitamina E ed Acetile-L-carnitina assicura la protezione sinergica contro lo sforzo ossidativo derivando dall'esposizione delle cellule umane di neuroblastoma aAmiloide-beta.„ Brain Res. 1061.2 (2005): 114-7.
  148. Virmani mA, et al. “l'azione di Acetile-L-carnitina sulla neurotossicità evocata dai frammenti dell'amiloide e perossido sui neuroni corticali del ratto primario.„ Ann N Y Acad Sci. 939 (2001): 162-78.
  149. BN di Ames, et al. “ritardando il decadimento mitocondriale di invecchiamento con l'acetilcarnitina.„ Ann N Y Acad Sci. 1033 (2004): 108-16.
  150. Zhou P, et al. “Acetile-L-carnitina attenua dalle le anomalie istopatologiche e comportamentistiche Alzheimer del tipo di indotte da omocisteina.„ Ricerca di ringiovanimento. 14.6 (2011): 669-79.
  151. Pettegrew JW, et al. “effetti del Neurochemical e clinici di Acetile-L-carnitina nel morbo di Alzheimer.„ Invecchiamento di Neurobiol. 16.1 (1995) 1-4.
  152. Epis R, et al. “effetto di Modulatory di Acetile-L-carnitina sul metabolismo di proteina del precursore dell'amiloide in neuroni Hippocampal.„ EUR J Pharmocol. 597.1-3 (2008): 51-53.
  153. Christensen LP. “Ginsenosidi chimica, biosintesi, analisi ed effetti sulla salute potenziali.„ Ricerca di Nutr dell'alimento di adv. 55 (2009): 1-99.
  154. Kennedy FA, et al. “cambiamenti dipendenti dalla dose nella prestazione conoscitiva e l'umore che segue l'amministrazione acuta di ginseng ai giovani volontari in buona salute.„ Nutr Neurosci. 4.4 (2001): 295-310.
  155. La st di Lee, et al. “panax ginseng migliora la prestazione conoscitiva nel morbo di Aalzheimer.„ Alzheimer DIS Assoc Disord. 22.3 (2008): 222-6.
  156. Gehin A, et al. “da squilibrio antiossidante indotto da glifosate in HaCaT: L'effetto protettivo delle vitamine C ed E.„ circonda Toxicol Pharmocol. 22.1 (2006): 27-34.
  157. Shireen KF, et al. “effetti della vitamina dietetica E, C e completamento dell'olio di soia sulle attività enzimatiche antiossidanti in fegato e muscoli di ratti.„ Alimento Chem Toxicol. 46.10 (2008): 3290-3294.
  158. LA di Boothby, Doering PL. “Colleen Fitzpatrick e vitamina E per il morbo di Alzheimer.„ Ann Pharmacother. 39.12 (2005):2073-80.
  159. Zandi pp, et al. “rischio riduttore di morbo di Aalzheimer in utenti della vitamina antiossidante completa: Lo studio della contea di Cache.„ Arco Neurol. 61.1 (2004): 82-8.
  160. Vitamina E di Grundman M. “e morbo di Aalzheimer: La base per i test clinici supplementari.„ J Clin Nutr. 71.2 (2000): 630S-6S.
  161. Cheng F, et al. “soppressione dell'anticorpo Immunoreactivity del β A11 dell'amiloide da Colleen Fitzpatrick: Ruolo possibile degli oligosaccaridi del solfato di eparan derivati da Glypican-1 da indotto da ascorbato, degradazione catalizzata dell'ossido di azoto (NO) -.„ Biol Chem, 286,31 di J (2011): 27559-72.
  162. Ciabattoni G, et al. “fattori determinanti dell'attivazione della piastrina nel morbo di Alzheimer.„ Invecchiamento di Neurobiol. 28.3 (2007): 336-72. Epub davanti stampa al 24 gennaio 2006.
  163. Galbusera C, et al. “ha aumentato la suscettibilità a perossidazione lipidica del plasma nei pazienti del morbo di Aalzheimer.„ Ricerca di Curr Alzheimer. 1.2 (2004): 103-9.
  164. Il punto di riferimento K. “ha potuto assunzione delle vitamine C ed E inibire lo sviluppo di demenza di Alzheimer?„ [nel norvegese]. Tidsskr né Laegeforen. 126.2 (2006): 159-61.
  165. Mas E, et al. “carenza funzionale della vitamina E in pazienti ApoE4 con il morbo di Alzheimer.„ Geriatr demente Cogn Disord. 21.3 (2006): 198-204.
  166. McCann MP, et al. “la teoria dell'ossido di azoto di invecchiamento ha rivisitato.„ Ann N Y Acad Sci. 1057 (2005): 64-84.
  167. CB di Pocernich, et al. “approcci nutrizionali per modulare sforzo ossidativo nel morbo di Alzheimer.„ Ricerca di Curr Alzheimer. 8.5 (2011): 452-69.
  168. Diamante BJ, et al. “estratto del ginkgo biloba: Meccanismi ed indicazioni cliniche.„ Arco Phys Med Rehab. 81.5 (2000): 668-78.
  169. Sidro di pere EK, et al. “piante medicinali e morbo di Alzheimer: Dall'etnobotanica a fitoterapia.„ J Pharm Pharmacol. 51.5 (1999): 527-34.
  170. Schneider LS, et al. “un randomizzato, prova alla cieca, una prova controllata con placebo di due dosi dell'estratto del ginkgo biloba nella demenza del tipo del Alzheimer.„ Ricerca di Curr Alzheimer. 2.5 (2005): 541-51.
  171. Yao ZX, et al. “l'estratto del ginkgo biloba (Egb 761) inibisce la produzione dell'Beta-amiloide abbassando i livelli di colesterolo liberi.„ Biochimica di J Nutr. 15.12 (2004): 749-56.
  172. Mashayekh A, et al. “effetti del ginkgo biloba su flusso sanguigno cerebrale valutato da SIG. quantitativo Perfusion Imaging: Un pilota Study.„ Neuroradiologia. 53.3 (2011): 185-91.
  173. Araujo JA, et al. “miglioramento della prestazione di memoria a breve termine in cani da lepre invecchiati da un supplemento di Nutraceutical che contiene fosfatidilserina, ginkgo biloba, vitamina E e piridossina.„ Può controllare il J. 49,4 (2008): 379-85.
  174. Kennedy FA, et al. “effetti conoscitivi acuti dell'estratto standardizzato del ginkgo biloba complessato con la fosfatidilserina.„ Ronzio Psychopharmacol. 22.4 (2007): 199-210.
  175. Longpré F, et al. “protezione da EGb 761 contro da neurotossicità indotta da beta: Partecipazione del N-F-KappaB, SIRT1 e vie di Mapks ed inibizione di formazione della fibrilla dell'amiloide.„ Med libero di biol di Radic. 41.12 (2006): 1781-94.
  176. Janssen IM, et al. “ginkgo biloba nel morbo di Alzheimer: Un esame sistematico.„ Wien Med Wochenschr. 160.21-22 (2010): 539-46.
  177. Begum, et al. “Struttura-funzione della curcumina, biodisponibilità ed efficacia nei modelli di Neuroinflammation e del morbo di Alzheimer.„ J Pharmacol Exp Ther. 326.1 (2008): 196-208.
  178. Mishra S, et al. “l'effetto di curcumina (curcuma) sul morbo di Alzheimer: Una panoramica.„ Ann Indian Acad Neurol. 11.1 (2008): 13-9.
  179. Ringman JM, et al. “un ruolo potenziale della curcumina della spezia del curry nel morbo di Alzheimer.„ Ricerca di Curr Alzheimer. 2.2 (2005): 131-6.
  180. Camminatore D, et al. “terapia antinfiammatoria ed immune per il morbo di Alzheimer: Stato attuale ed orientamenti futuri.„ Curr Neuropharmacol. 5.4 (2007): 232-43.
  181. GM delle Cole, et al. “NSAID e prevenzione antiossidante del morbo di Alzheimer: Lezioni da in vitro e modelli animali.„ Ann N Y Acad Sci. 1035 (2004): 68-84.
  182. BB di Aggarwal, et al. “soppressione della via nucleare di attivazione di fattore-KappaB tramite Spezia-Derivare Phytochemicals: Ragionando per il condimento.„ Ann N Y Acad Sci. 1030 (2004): 434-41.
  183. Baum L, et al. “interazione della curcumina con rame e ferro suggerisce un meccanismo possibile di azione nei modelli dell'animale del morbo di Alzheimer.„ J Alzheimers DIS. 6.4 (2004): 367-77.
  184. Yang F, et al. “curcumina inibisce la formazione di amiloide Beta Oligomers e di fibrille, lega le placche e riduce l'amiloide in vivo.„ Biol chim. di J. 280.7 (2005): 5892-901.
  185. Baum L, fuga CW, Cheung SK, et al. randomizzato di sei mesi, controllato con placebo, prova alla cieca, pilota Clinical Trial di curcumina in pazienti con il morbo di Aalzheimer. [In inglese] J Clin Psychopharmacol. 2008 febbraio; 28(1): 110-3.
  186. Swanson D, et al. “Omega-3 acidi grassi DHA e EPA: Indennità-malattia durante vita.„ Adv Nutr. 3.1 (2012): 1-7
  187. Giovane G, et al. “acidi grassi Omega-3 e disordini neuropsichiatrici.„ Sviluppatore 45,1 (2005) di Reprod Nutr: 1-28.
  188. Lukiw WJ, et al. “un ruolo per Neuroprotectin Acido-derivato docosaexanoico D1 nella sopravvivenza neurale delle cellule e morbo di Aalzheimer.„ J Clin investe. 115.10 (2005): 2774-83.
  189. Akbar m., et al. “acido docosaesaenoico: Un modulatore positivo della segnalazione di Akt nella sopravvivenza di un neurone.„ Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 102,31 (2005): 10858-63.
  190. Il mA QL, et al. “oligomeri dell'Beta-amiloide induce la fosforilazione della tau e l'inattivazione del substrato del ricevitore dell'insulina via la segnalazione della chinasi del N-terminale di C-giugno: Soppressione dagli acidi grassi Omega-3 e dalla curcumina.„ J Neurosci. 29.28 (2009): 9078-89.
  191. Amtul Z, et al. “base strutturale per gli effetti differenziali di Omega-3 ed acidi grassi Omega-6 sulle placche di produzione e dell'amiloide di Abeta.„ Biol chim. di J. (2010): Epub davanti stampa al 22 ottobre 2010.
  192. Kariv-Inbal Z, Yacobson S, Berkecz R, et al. Gli effetti patologici isoforma-specifici di apoE4 in vivo sono impediti da una dieta dell'olio di pesce (DHA) e sono modificati da colesterolo. J Alzheimers DIS. 2012;28(3):667-83.
  193. Yurko-Mauro K, et al. “effetti benefici di acido docosaesaenoico su cognizione nel declino conoscitivo relativo all'età.„ Alzheimers demente. 6.6 (2010): 456-64.
  194. Szilagyi G, et al. “effetti di Vinpocetine sulla ridistribuzione del metabolismo cerebrale del glucosio e del flusso sanguigno nei pazienti ischemici cronici del colpo: Uno studio dell'ANIMALE DOMESTICO.„ J Neurol Sci. 15 marzo (2005); 229-230: 275-84.
  195. Dézsi L, et al. “effetti di Neuroprotective di Vinpocetine in vivo e in vitro: Derivati acidi di Apovincaminic come strumenti terapeutici potenziali nel colpo ischemico„ [nell'ungherese]. L'acta Pharm ha appeso. 72.2 (2002): 84-91.
  196. Pereira C, et al. “strategie di Neuroprotection: L'effetto dello sforzo ossidativo di Vinpocetine in vitro modella„ [in portoghese]. Acta Med Port. 16.6 (2003): 401-6.
  197. Sitges m., et al. “blocco di Vinpocetine dei canali del sodio inibisce l'aumento in sodio e calcio indotti da 4-Aminopyridine in Synaptosomes.„ Neurochem Int. 46.7 (2005): 533-40.
  198. Effetto di Adám-Vizi V. “Neuroprotective degli stampi di Manica del sodio nell'ischemia: Il Pathomechanism di disfunzione ischemica iniziale„ [nell'ungherese]. Orv Hetil. 141.23 (2000): 1279-86.
  199. [Nessun autori elencati]. Monografia di Vinpocetine. Altern Med Rev. 2002; 7(3): 240-3. Disponibile a: http://www.altmedrev.com/publications/7/3/240.pdf ha acceduto a 7/25/2012.
  200. Balestreri R, Fontana L, Astengo F. Una valutazione controllata del placebo della prova alla cieca della sicurezza e dell'efficacia del vinpocetine nel trattamento dei pazienti con disfunzione cerebrale senile vascolare cronica. Soc di J Geriatr. 1987 maggio; 35(5): 425-30.
  201. Chowanadisai W, et al. “chinone di Pyrroloquinoline stimola la biogenesi mitocondriale con fosforilazione elemento-legante della proteina di risposta del campo e l'espressione aumentata di PGC-1alpha.„ Biol chim. di J. 285.1 (2010): 142-152.
  202. Tao R, et al. “chinone di Pyrroloquinoline conserva la funzione mitocondriale ed evita la lesione ossidativa nei miociti cardiaci del ratto del diseaseult di Alzheimer.„ Comune di ricerca di biochimica Biophys. 363,2 (2007): 257-262. Epub davanti a printTarawneh R e Holtzman dm. Il problema clinico del morbo di Aalzheimer sintomatico e del danno conoscitivo delicato. Med freddo di Harb Perspect della primavera. 2012; 2(5): a006148.
  203. Facecchia K, et al. “tossicità ossidativa nelle malattie di Neurodegenerative: Ruolo di disfunzione mitocondriale e di strategie terapeutiche.„ J Toxicol. 2011 (2011): 683728. Epub davanti stampa al 14 luglio 2011.
  204. Martin LJ. “Meccanismi delle cellule e mitocondriale di morte nelle malattie di Neurodegenerative.„ Prodotti farmaceutici (Basilea). 3.4 (2010): 839-915.
  205. Kim J, et al. “l'effetto inibitorio del chinone di Pyrroloquinoline sulla formazione dell'amiloide e citotossicità dell'alfa-Synuclein tronca.„ Mol Neurodegener. 5 (2010): 20.
  206. Liu S, et al. “ha migliorato la rigenerazione del nervo sciatico del ratto attraverso i tubi del silicio riempiti di chinone di Pyrroloquinoline.„ Microchirurgia. 25.4 (2005): 329-37.
  207. Murase K, et al. “stimolazione della sintesi/secrezione di fattore di crescita del nervo in cellule di Astroglial del topo dai coenzimi.„ Biochimica Mol Biol Int. 30.4 (1993): 615-21.
  208. Yamaguchi K, et al. “stimolazione di produzione di fattore di crescita del nervo dal chinone di Pyrroloquinoline ed i suoi derivati in vitro e in vivo.„ Biochimica di Biosci Biotechnol. 57.7 (1993): 1231-3.
  209. Zhang JJ, et al. “effetto protettivo del chinone di Pyrroloquinoline contro da neurotossicità indotta Abeta in cellule umane di neuroblastoma SH-SY5Y.„ Neurosci Lett. 464.3 (2009): 165-9.
  210. Nakano m., Ubukata K, Yamamoto T, Yamaguchi H. Effect del chinone di pyrroloquinoline (PQQ) su stato mentale delle persone di mezza età ed anziane. Stile dell'ALIMENTO. 2009;21:13(7):50-3.
  211. Kato-Kataoka A, et al. “fosfatidilserina Soia-derivata migliora le funzioni di memoria degli oggetti giapponesi anziani con i reclami di memoria.„ Biochimica Nutr di J Clin. 47.3 (2010) 246-55.
  212. Schreiber S, et al. “una prova aperta della Pianta-fonte ha derivato Phosphatydilserine per il trattamento del declino conoscitivo relativo all'età.„ Psichiatria Relat Sci di Isr J. 37.4 (2000): 302-7.
  213. Richter Y, et al. “l'effetto di Fosfatidilserina-contenere gli acidi grassi Omega-3 sulle abilità di memoria negli oggetti con i reclami soggettivi di memoria: Un pilota Study.„ Invecchiamento di Clin Interv. 5 (2010): 313-6.
  214. Shyh-Hwa L, et al. “i completamenti della fosfatidilserina e dell'acido docosaesaenoico migliora le attività antiossidanti e le funzioni conoscitive del cervello di sviluppo dal sul sequestro indotto Pentylenetetrazol modellano.„ Brain Res. 1451. (2012): 19-26.
  215. Walter A, et al. “Glycerophosphocholine è elevato in liquido cerebrospinale dei pazienti di Alzheimer.„ Invecchiamento di Neurobiol. 25.10 (2004): 1299-303.
  216. Suchy J, et al. “il completamento dietetico con una combinazione di acido α-lipoico, acetile-l-carnitina, glycerophosphocoline, acido docosaesaenoico e fosfatidilserina riduce il danneggiamento ossidativo del cervello murino e migliora la prestazione conoscitiva.„ Ricerca del dado. 29.1 (2009): 70-74.
  217. Miglioramento conoscitivo di Moreno M. “in delicato per moderare la demenza di Alzheimer dopo il trattamento con il alfoscerate della colina del precursore di acetycholine: Uno studio multicentrico, prova alla cieca, prova randomizzata e controllata con placebo.„ Clin Ther. 25.1 (2003): 178-93.
  218. Barbagallo m., et al. “magnesio ionizzato alterato livella nel morbo di Alzheimer del Delicato--moderato.„ Ricerca di Magnes. 24.3 (2011): S115-21.
  219. Confini il ms, et al. “caffè ed il suo consumo: Benefici e rischi.„ Rev Food Sci Nutr di Crit. 51.4 (2011): 363-73.
  220. Il cao C, et al. “caffeina potenzia con un'altra componente del caffè per aumentare il plasma GCSF: Legame ai benefici conoscitivi nei topi di Alzheimer.„ J Alzheimers DIS. 25.2 (2011): 323-35.
  221. Montagnana m., et al. “assunzione del caffè e malattia cardiovascolare: La virtù non prende la tappa centrale.„ Semin Thromb Hemos. 38.2 (2012): 164-77. Epub 18 febbraio 2012.
  222. Kwon SH, et al. “effetti di Neuroprotective di acido clorogenico da su amnesia indotta da scopolamina via Anti-acetilcolinesterasi ed attività antiossidanti in topi.„ EUR J Pharmacol. 649.1-3 (2010): 210-7.
  223. Zapp LM, Slaga TJ, metodo di Zhao J. et al. per il miglioramento del contenuto in postelaborazione dei composti utili nella richiesta di brevetto degli Stati Uniti delle bevande naturalmente - 20100183790. Data di pubblicazione: 2010-07-22. Disponibile a: http://patent.ipexl.com/U2S/20100183790.html ha acceduto a 7/25/2012.
  224. Jaiswal R, et al. “profilo e caratterizzazione degli acidi clorogenici in chicchi di caffè robusta verdi da LC-MS (n): un'identificazione di sette nuove classi di composti.„ Alimento chim. di J Agric. 58.15 (2010): 8722-37.
  225. Rezai-Zadeh K, et al. “tè verde Epigallocatechin-3-Gallate (EGCG) modula la fenditura della proteina del precursore dell'amiloide e riduce l'amiloidosi cerebrale nei topi transgenici di Alzheimer.„ J Neurosci. 25.38 (2005): 8807-14.
  226. Haque, et al. “catechine del tè verde impedisce i deficit conoscitivi causati da Abeta1-40 in ratti.„ Biochimica di J Nutr. 19.9 (2008): 619-26.
  227. Il TI di Kim, et al. “L-teanina, un aminoacido in tè verde, attenua da disfunzione e dalla la neurotossicità conoscitive indotte da beta: Riduzione del danno e dell'inattivazione ossidativi della chinasi ERK/p38 e delle vie N-F-kappaB.„ Med libero di biol di Radic. 47.11 (2009): 1601-10.
  228. Rezai-Zadeh K, et al. “tè verde Epigallocatechin-3-Gallate (EGCG) riduce il danno conoscitivo mediato Beta-amiloide e modula Tau Pathology nei topi transgenici di Alzheimer.„ Brain Res. 12.1214 (2008): 177-87.
  229. Mandel SA, et al. “capendo il profilo di azione di Neuroprotective dell'ampio spettro dei polifenoli del tè verde nell'invecchiamento e nelle malattie di Neurodegenerative.„ J Alzheimers DIS. 25.2 (2011): 187-208.
  230. Kim D, et al. “SIRT1 Deacetylase protegge da Neurodegeneration nei modelli per il morbo di Alzheimer e la sclerosi laterale amiotrofica.„ EMBO J. 26,13 (2007): 3169-79.
  231. Vingtdeux V, vestiti-Werringloer U, Zhao H, et al. “potenziale terapeutico dei resveratroli nel morbo di Alzheimer.„ BMC Neurosci. 9 (supplemento 2) (2008): S6.
  232. La L noiosa, et al. “eterogeneità nei contenuti polifenolici del vino rosso differenziale influenza la neuropatologia Malattia tipa ed il deterioramento conoscitivo di Alzheimer.„ J Alzheimers DIS. 16.1 (2009): 59-72.
  233. Richard T, et al. “proprietà di Neuroprotective dei resveratroli e derivati.„ Ann N Y Acad Sci. 1215 (2011): 103-8.
  234. L'ARA di Ladiwala, et al. “resveratroli ritocca selettivamente gli oligomeri solubili e le fibrille di amiloide beta nella Fuori via Conformers.„ Biol chim. di J. 285 (2010): 24228-37.
  235. Shi J, et al. “Polyphenolics in uva semina: Biochimica e funzionalità.„ J Med Food. 6.4 (2003): 291-9.
  236. Li MH, et al. “effetti protettivi degli oligomeri dell'uva semina i polifenoli contro dalla la morte ossidativa indotta da beta delle cellule.„ Ann NY Acad Sci. 1030 (2004): 317-29.
  237. Wang J, et al. “Polyphenolics Uva-derivato impedisce Alpha Beta Oligomerization ed attenua il deterioramento conoscitivo in un modello del topo del morbo di Alzheimer.„ J Neurosci. 28.25 (2008): 6388-92.
  238. Bardgett ME, et al. “carenza di magnesio altera il timore che condiziona nei topi.„ Brain Res. 1038.1 (2005): 100-6.
  239. Corsonello A, et al. “livelli del magnesio del siero e danno conoscitivo in pazienti ipertesi ospedalizzati.„ Ricerca di Magnes. 14.4 (2001): 273-82.
  240. Barbagallo Sangiorgi G, et al. “alfa-Glycerophosphocholine nel recupero mentale degli attacchi ischemici cerebrali.„ Un test clinico multicentrato italiano. Ann NY Acad Sci 1994; 717:253-69.
  241. Slutsky I, et al. “potenziamento di apprendimento e memoria elevando Brain Magnesium.„ Neurone. 65.2 (2010): 165-77.
  242. Quadri P, et al. “omocisteina e vitamine di B nel danno e nella demenza conoscitivi delicati.„ Med del laboratorio di Clin Chem. 43.10 (2005): 1096-100.
  243. Ravaglia G, et al. “omocisteina e folato come fattori di rischio per demenza ed il morbo di Aalzheimer.„ J Clin Nutr. 82.3 (2005): 636-43.
  244. Tucker chilolitro, et al. “alta omocisteina e vitamine basse di B predice il declino conoscitivo negli uomini di invecchiamento: Lo studio normativo di invecchiamento di affari dei veterani.„ J Clin Nutr. 82.3 (2005): 627-35.
  245. Engelborghs S, et al. “correlazioni fra i risultati ed i livelli conoscitivi, comportamentistici e psicologici di vitamina b12 e di folato in pazienti con demenza.„ Psichiatria di Int J Geriatr. 19.4 (2004): 365-70.
  246. Wang HX, et al. “vitamina B (12) e folato relativamente allo sviluppo del morbo di Alzheimer.„ Neurologia. 56.9 (2001): 1188-94.
  247. Potenziale d'ossido-riduzione di Mizrahi, et al. “livelli totali dell'omocisteina del plasma, vitamina b6 dietetica e assunzione folica in ANNUNCIO e nell'invecchiamento sano.„ Invecchiamento di salute di J Nutr. 7.3 (2003): 160-5.
  248. Mulder C, et al. “bassi livelli di vitamina b6 è associato con le lesioni della materia bianca nel morbo di Alzheimer.„ Soc di J Geriatr. 53.6 (2005): 1073-4.
  249. Serot JM, et al. “livelli CSF-folici è diminuito nei pazienti dell'ANNUNCIO di manifestazione tardiva.„ Trasmettitore neurale di J. 108.1 (2001): 93-9.
  250. Kado dm, et al. “omocisteina contro il folato delle vitamine, B6 e B12 come preannunciatori della funzione e del declino conoscitivi in adulti difunzionamento più anziani: Studi di MacArthur su riuscito invecchiamento.„ Med di J. 118.2 (2005): 161-7.
  251. Morris MC, et al. “niacina dietetica ed il rischio del morbo di Alzheimer di incidente e di declino conoscitivo.„ Psichiatria di J Neurol Neurosurg. 75.8 (2004): 1093-9.
  252. Eyles DW, et al. “distribuzione del ricevitore di vitamina D e 1α-hydroxylase in cervello umano.„ J Chem Neuroanat. 29.1 (2005): 21-30.
  253. Ito S, et al. “1-alpha, 25-Dihydroxyvitamin D3 migliora la distanza cerebrale del peptide umano dell'amiloide-Β (1-40) dal cervello del topo attraverso la barriera ematomeningea.„ Barriere SNC dei liquidi. 8 (2011): 20.
  254. Annweiler C, Rolland Y, Schott, et al. ingestione dietetica di più alta vitamina D è associato con più a basso rischio del morbo di Alzheimer: Seguito di sette anni. [In inglese] J Gerontol una biol Sci Med Sci. 13 aprile 2012;
  255. Galpern WR, et al. “trattamento del coenzima Q delle malattie di Neurodegenerative di invecchiamento.„ Mitocondrio. 7 supp. (2007): S146-53.
  256. Manacuso m., et al. “coenzima Q10 nei disordini di Neurodegenerative e neuromuscolari.„ Obiettivi della droga di Curr. 11.1 (2010): 111-21.
  257. Dhanasekaran m., et al. “il ruolo emergente del coenzima Q-10 nell'invecchiamento, Neurodegeneration, malattia cardiovascolare, Cancro e diabeti melliti.„ Ricerca di Curr Neurovasc. 2.5 (2005): 447-59.
  258. Kidd PM. “Neurodegeneration da insufficienza mitocondriale: Sostanze nutrienti, cellule staminali, fattori di crescita e prospettive per Brain Rebuilding Using Integrative Management.„ Altern Med Rev. 10,4 (2005): 268-93.
  259. Moreira pi, et al. “terapia CoQ10 attenua la tossicità del Beta-peptide dell'amiloide in Brain Mitochondria Isolated dai ratti diabetici invecchiati.„ Exp Neurol. 196.1 (2005): 112-9.
  260. Yang X, et al. “coenzima Q10 attenua la patologia dell'Beta-amiloide nei topi transgenici invecchiati con Alzheimer Presenilin 1 mutazione.„ J Mol Neurosci. 34.2 (2008): 165-71.
  261. Ono K, et al. “fibrille preformate dell'Beta-amiloide è destabilizzato dal coenzima Q10 in vitro.„ Ricerca Commun di biochimica Biophys. 330.1 (2005): 111-6.
  262. Gutzmann H, Kuhl KP, Hadler D, et al. sicurezza ed efficacia di Idebenone contro la tacrina in pazienti con il morbo di Alzheimer: Risultati di un randomizzato, prova alla cieca, studio multicentrato a gruppi paralleli. [In inglese] Pharmacopsychiatry. 2002 gennaio; 35(1): 12-8.
  263. Gutzmann H e Hadler D. Sustained Efficacy e sicurezza di Idebenone nel trattamento del morbo di Alzheimer: Aggiornamento su uno studio multicentrato della prova alla cieca di due anni. [In inglese] supplemento neurale del trasmettitore di J. 1998 54(301-10.
  264. Senin U, Parnetti L, Barbagallo-Sangiorgi G, et al. Idebenone nella demenza senile del tipo di Alzheimer: Uno studio multicentrato. [In inglese] arco Gerontol Geriatr. 1992 novembre-dicembre; 15(3): 249-60.
  265. Forman HJ, et al. “glutatione: Panoramica dei suoi ruoli, misura e biosintesi protettivi.„ Mol Aspects Med. 30.1-2 (2009): 1-12.
  266. N-acetilcisteina di Arakawa m. e di Ito Y. “e malattie di Neurodegenerative: Farmacologia di base e clinica.„ Cervelletto. (2007): 1-7. Epub davanti alla stampa.
  267. Il CB di Pocernich, et al. “in vivo elevazione del glutatione protegge dall' ossidazione indotta da radicale libera della proteina dell'idrossile nel cervello del ratto.„ Neurochem Int. 36.3 (2000): 185-91.
  268. La crepa PJ, et al. mancanza di glutatione Peroxidase-1 esacerba la neurotossicità Abeta-mediata in neuroni corticali.„ Trasmettitore neurale 113,5 (2006) di J: 645-57. Epub davanti stampa al 21 ottobre 2005.
  269. Tchantchou F, et al. “cisteina dell'N-acetile allevia il danneggiamento ossidativo del sistema nervoso centrale dei topi Apoe-carenti che seguono la E-carenza della vitamina e del folato.„ J Alzheimers DIS. 7.2 (2005): 135-8.
  270. SIG. di Ven Murthy, et al. “base scientifica per l'uso delle piante medicinali di Ayurvedic dell'indiano nel trattamento dei disordini di Neurodegenerative: Ashwagandha.„ Agenti Med Chem del sistema di Nerv del centesimo. 10.3 (2010): 238-46.
  271. Sehgal N, Gupta A, Valli RK, et al. withania somnifera inverte la patologia del morbo di Alzheimer dalla proteina in relazione con il ricevitore di miglioramento della lipoproteina a bassa densità in fegato. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 28 febbraio 2012; 109(9): 3510-5. Epub 2012 30 gennaio.
  272. Kuboyama T, et al. “rigenerazione Neuritic e ricostruzione sinaptica indotte Br J Pharmacol di Withanolide dal A.„. 144.7 (2005): 961-71.
  273. Choudhary MI, et al. “colinesterasi che inibisce Withanolides dal withania somnifera.„ Toro Tokyo di Chem Pharm. 52.11 (2004): 1358-61.
  274. Lau FC, et al. “gli effetti benefici dei polifenoli della frutta su Brain Aging.„ Invecchiamento di Neurobiol. 26.1 (2005): 128-32.
  275. Casadesus G, B Shukitt-sana, HM di Stellwagen, et al. Nutr Neurosci. 7.5-6 (2004): 309-16.
  276. Wu X, et al. “capacità antiossidanti lipofiliche ed idrofile degli alimenti comuni negli Stati Uniti.„ Alimento chim. di J Agric. 52,12 (2004b): 4026-37.
  277. Rezai-Zadeh K, et al. “fosforilazione Flavonoide-mediata Presenilin-1 riduce la produzione dell'Beta-amiloide del morbo di Alzheimer.„ Cellula Mol Med di J. 13.3 (2009): 574-88.
  278. Cobalamina di Kristensen Mo, di Gulmann NC, di Christensen JE, et al. del siero ed acido methylmalonic nella demenza di Alzheimer. Acta Neurol Scand. 1993 giugno; 87(6): 475-81.
  279. Jiménez-Jiménez FJ, et al. “livelli del fluido cerebrospinale dell'alfa-tocoferolo (vitamina E) nel morbo di Alzheimer.„ Trasmettitore neurale di J. 104.6-7 (1997): 703-10.
  280. Arciere GL, et al. “modelli nutrienti di biomarcatore, funzione conoscitiva e misure di RMI di Brain Aging.„ Neurologia. [Epub davanti alla stampa] 28 dicembre 2011.
  281. Chan A, et al. “efficacia di una vitamina/formulazione di Nutriceutical per il morbo di Alzheimer della fase iniziale: Un di un anno, pilota Study dell'Aperto etichetta con un'estensione del badante 16-Month.„ J Alzheimers DIS l'altro Demen. 23.6 (2008): 571-85.
  282. CF di Haskell, et al. “effetti di una Multi-vitamina/supplemento minerale sulla funzione conoscitiva ed affaticamento durante l'elaborazione multitask estesa.„ Ronzio Psychopharmacol. 25.6 (2010): 448-61.