Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Riferimenti infiammatori delle malattie intestinali (Crohn e colite ulcerosa)

Prevenzione delle malattie e trattamento, quinta edizione

I riferimenti a questa pagina corrispondono alla versione della stampa di prevenzione delle malattie e del trattamento, quinta edizione. Poiché aggiorniamo continuamente i protocolli online in risposta ai nuovi sviluppi scientifici, i lettori sono incoraggiati ad esaminare le ultime versioni dei protocolli.

  1. CN di Bernstein, Nugent Z, Blanchard JF. 5-Aminosalicylate non è chemioprofilattico per cancro colorettale in IBD: uno studio basato sulla popolazione. J Gastroenterol 2011; 106:731-6.
  2. Cosnes J. Possiamo modulare il decorso clinico delle malattie intestinali infiammatorie dalle nostre strategie correnti del trattamento? Dig Dis 2009; 27:516-21.
  3. Rutgeerts P, Löfberg R, et al. Un confronto del budesonide con il prednisolone per il morbo di Crohn attivo. Med 1994 di N Inghilterra J; 331:842-5.
  4. Infiammazione intestinale infraclinica di Ruffolo C et al. in pazienti con il morbo di Crohn dopo resezione dell'intestino: un fuoco di fuoco senza fiamma. J Gastrointest Surg. 2010 gennaio; 14(1): 24-31. Epub 2009 10 novembre.
  5. Henriksen m., Jahnsen J, Lygren I, et al. proteina C-reattiva: un fattore e un indicatore premonitori di infiammazione nelle malattie intestinali infiammatorie. Risultati da uno studio basato sulla popolazione futuro. Intestino 2008; 57(11): 1518-23.
  6. Abraham C e Cho JH. Malattie intestinali infiammatorie. Med di N Inghilterra J. 19 novembre 2009; 361(21): 2066-78.
  7. Neuman MG. Segnalando per l'infiammazione e riparazione nelle malattie intestinali infiammatorie. ROM J Gastroenterol. 2004 dicembre; 13(4): 309-16.
  8. Sato S, Sasaki I, et al. gestione delle complicazioni urinarie nel morbo di Crohn. Surg oggi. 1999;29(8):713-7.
  9. Feller ER, Ribaudo S, et al. aspetti ginecologici del morbo di Crohn. Medico di Fam. 15 novembre 2001; 64(10): 1725-8.
  10. Tavarela VF. Recensione: complicazioni della pelle connesse con le malattie intestinali infiammatorie. Alimento Pharmacol Ther. 2004 ottobre; 20 (supplemento 4): 50-3.
  11. Vermeire S, Peeters m., et al. anticorpianti- di saccharomyces cerevisiae (ASCA), fenotipi di IBD e permeabilità intestinale: uno studio nelle famiglie di IBD. Intestino DIS 2001 di Inflamm; 7(1): 8-15.
  12. Prevalenza di Tursi A et al. h della malattia celiaca fra i pazienti colpiti dal morbo di Crohn. Intestino DIS di Inflamm. 2005 luglio; 11(7): 662-6.
  13. JUNIOR di Bebb, BB di Scott. Quanto efficaci sono i trattamenti usuali per il morbo di Crohn? Alimento Pharmacol Ther. 15 luglio 2004; 20(2): 151-9.
  14. RB di Muijsers, Goa chilolitro. Balsalazide: una rassegna del suo uso terapeutico nella colite ulcerosa del delicato--moderato. Droghe. 2002;62(11):1689-705.
  15. 15, sulfasalazina di Jansen G et al. sono un inibitore potente del trasportatore folico riduttore: terapie di associazione del ofr di implicazioni con metotrexato nell'artrite reumatoide. Rheum di artrite. 2004 luglio; 50(7): 2130-9
  16. Deviazione standard di Krasinski, RM di Russell et al. La prevalenza di carenza in K della vitamina nei disturbi gastrointestinali cronici. J Clin Nutr 1985; 41(3): 639-43.
  17. Homik J, Suarez-Almazor ME, et al. calcio e vitamina D per da osteoporosi indotta da corticosteroide. Rev. 2000 del sistema della base di dati di Cochrane; (2): CD000952.
  18. GRUPPO DI LAVORO di Newman et al. Una prova controllata randomizzata pragmatica della genotipizzazione della metiltransferasi tiopurina prima del trattamento dell'azatioprina: lo studio dell'OBIETTIVO. Pharmacogenomics. 2011 giugno; 12(6): 815-26. Epub 2011 3 maggio.
  19. Preiss JC et al. Uso di metotrexato in pazienti con le malattie intestinali infiammatorie. Clin Exp Rheumatol. 2010 settembre-ottobre; 28 (5 supplementi 61): S151-5
  20. Xu CT, terapia farmacologica di Meng SY et al. per colite ulcerosa. Mondo J Gastroenterol. 15 agosto 2004; 10(16): 2311-7.
  21. Patel V, Macdonald JK, et al. metotrexato per mantenimento di remissione nel morbo di Crohn. Rev. 2009 il 7 ottobre del sistema della base di dati di Cochrane; (4): CD006884.
  22. Coogan PF, Rosenberg L. L'uso degli antagonisti dell'acido folico ed il rischio di cancro colorettale. FAS 2007 della droga di Pharmacoepidemiol; 16(10): 1111-9.
  23. Malik T, malattie intestinali di Mannon P. Inflammatory: terapie emergenti ed obiettivi molecolari di promessa. Front Biosci 2012; S4: 1172-89.
  24. Behm BW, Bickston SJ. Anticorpo dell'fattore-alfa di necrosi del tumore per mantenimento di remissione nel morbo di Crohn. Rev. 2008 del sistema di base di dati di Cochrane; (1): CD006893.
  25. Gisbert JP, Gonzalez-lama Y, rassegna di Mate J. Systematic: terapia del infliximab nella colite ulcerosa. Alimento Pharmacol Ther 2006; 25:19-37.
  26. Aratari A, Papi C, et al. tasso di colectomia nella colite ulcerosa severa acuta nell'era del infliximab. Dig Liv Dis 2008; 40:821-6.
  27. Colombel JF, junior di Loftus EV, et al. Il profilo di sicurezza di infliximab in pazienti con il morbo di Crohn: l'esperienza di Mayo Clinic in 500 pazienti. Gastroenterologia 2004; 126; 19-31.
  28. Malolepszy J, Kuczymska-Sekieta K, terapia del cromoglycate di Chachaj W. Sodium nella colite ulcerosa. Acta Allergol 1977; 13:82-86.
  29. Sodio orale di cromoglicato di Stefanini GF et al. in confronto alla dieta nella sindrome di intestino irritabile, tipo diarrheic di eliminazione. Uno studio multicentrato di 428 pazienti. Scand J Gastroenterol. 1995 giugno; 30(6): 535-41.
  30. Smith JP, SI di Bingaman, et al. terapia con il naltrexone dell'antagonista dell'oppioide promuove la guarigione mucosa nel morbo di Crohn attivo: una prova controllata con placebo randomizzata. Dig Dis Sci 201156:2088-97.
  31. Smith JP, H di riserva, Bingaman S, et al. terapia a basse dosi di naltrexone migliora il morbo di Crohn attivo. J Gastroenterol 2007; 102:820-8.
  32. Argomenti GL et al. Il naltrexone dell'antagonista dell'oppioide migliora le malattie intestinali infiammatorie murine. J Immunotoxicol. 2008 aprile; 5(2): 179-87.
  33. Principles di Braunwald E. Harrison di medicina interna. quindicesimo ed. New York, NY: McGraw-Hill; 2001.
  34. McNamara DA, Brophy S, Hyland JM. Terapia perianale del infliximab e del morbo di Crohn. Chirurgo. 2004 ottobre; 2(5): 258-63.
  35. Danelli P, Bartolucci C, et al. opzioni chirurgiche nel trattamento del morbo di Crohn perianale [in italiano]. Ann Ital Chir. 2003 novembre; 74(6): 635-40.
  36. Chirurgia di Hwang JM et al. per le malattie intestinali infiammatorie. Mondo J Gastroenterol. 7 maggio 2008; 14(17): 2678-90.
  37. Yamamoto T, Nakahigashi m., et al. impatto di nutrizione enterale a lungo termine sulla ricorrenza clinica ed endoscopica dopo resezione per il morbo di Crohn: Uno studio futuro, non randomizzato, parallelo, controllato. Alimento Pharmacol Ther 2007; 25:67-72.
  38. Esaki m., Matsumoto T, et al. effetto preventivo della terapia nutrizionale contro la ricorrenza postoperatoria della malattia di Crohn, in riferimento ai ndings del fi determinata da enteroscopy intra-operatorio. Scand J Gastroenterol 2005; 40:1431-7.
  39. Elahi B, Nikfar S, et al. Sul beneficio dei probiotici in gestione del pouchitis in pazienti che hanno subito l'anastomosi anale del sacchetto ileale: una meta-analisi dei test clinici controllati. Dig Dis Sci 2008; 53(5): 1278-84.
  40. SSM di Chan, Luben R, et al. Aspirin in eziologia del morbo di Crohn e della colite ulcerosa: uno studio di gruppo futuro europeo. Alimento Pharmacol Ther 2011; 34:649-55.
  41. Johnson GJ, Cosnes J, Mansfield JC. Recensione: cessazione di fumo come terapia primaria per modificare il corso del morbo di Crohn. Alimento Pharmacol Ther 2005; 21:921-31.
  42. Riordan, JO del cacciatore, et al. trattamento del morbo di Crohn attivo dalla dieta di esclusione: Prova controllata multicentrata orientale di Anglian. Lancetta 1993; 342:1131-4.
  43. Bartel G, Weiss I, et al. materia ingerita colpisce le lesioni intestinali nel morbo di Crohn. Intestino DIS 2008 di Inflamm; 14:374-82.
  44. Giaffer MH, Cann P, CD di Holdsworth. Gli effetti a lungo termine di elementare e dell'esclusione è a dieta per il morbo di Crohn. Alimento Pharmacol Ther 1991; 5(2): 115-25.
  45. Il CA di Brown, prova di Roy M. Does esiste per comprendere la terapia dietetica nel trattamento del morbo di Crohn? Rev esperto Gastroenterol Hepatol 2010; 4(2): 191-215.
  46. Van Den Bogaerde J, Cahill J, et al. sventra la risposta mucosa agli antigeni dell'alimento nel morbo di Crohn. Alimento Pharmacol Ther 2002; 16(11): 1903-15.
  47. Acidi grassi P, et al. Omega-3 di Lorenz-Meyer H, di Bauer e dieta povera di carboidrati per mantenimento di remissione nel morbo di Crohn: una prova multicentrata controllata randomizzata. Membri del gruppo di studio (gruppo di studio tedesco del morbo di Crohn). Scand J Gastroenterol. 1996;31:778-85.
  48. Heckers H, Melcher FW, et al. grassi chimicamente pronti e malattia di Crohn: uno studio pilota dell'avvenimento degli acidi trans-grassi nel tessuto sottocutaneo dei pazienti di Crohn in confronto ai comandi sani come parametro di consumo di grassi a lungo termine. Z Gastroenterol. 1988;26(5):259-64.
  49. Barclay GR, McKenzie H, et al. L'effetto di lievito dietetico sull'attività del morbo di Crohn cronico stabile. Scand J Gastroenterol 1992; 27:196-200.
  50. Bentz S, Hausmann m., et al. rilevanza clinica degli anticorpi del igg contro gli antigeni dell'alimento nel morbo di Crohn: uno studio di intervento di dieta dell'incrocio della prova alla cieca. Digestione 2010; 81:252-64.
  51. Triggs cm, Munday K, et al. fattori dietetici nell'infiammazione cronica: tolleranze dell'alimento ed intolleranze di una popolazione caucasica del morbo di Crohn della Nuova Zelanda. Ricerca 2010 di Mutat; 690 (1-2): 123-38.
  52. Mp di Tighe, JUNIOR di Cummings, Na di Afzal. Nutrizione e malattie intestinali infiammatorie: primario o terapia adiuvante. Cura di Curr Opin Clin Nutr Metab. 2011 settembre; 14(5): 491-6.
  53. Nakajima S, Iijima H, et al. associazione di carenza in K della vitamina con il metabolismo dell'osso ed attività clinica di malattia nelle malattie intestinali infiammatorie. Nutrizione 2011; 27(10): 1023-8.
  54. Valutazione di tion di Vagianos K et al. dei pazienti con le malattie intestinali infiammatorie. JPEN J Parenter Nutr enterale. 2007 luglio-agosto; 31(4): 311-9.
  55. Siffledeen JS, Siminoski K, et al. La frequenza della carenza di vitamina D in adulti con il morbo di Crohn. Può J Gastroenterol. 2003 agosto; 17(8): 473-8.
  56. Aghdassi E, Wendland È, et al. il completamento antiossidante della vitamina nel morbo di Crohn fa diminuire lo sforzo ossidativo: una prova controllata randomizzata. J Gastroenterol. 2003 febbraio; 98(2): 348-53.
  57. Tsai F e Coyle WJ. Il microbiome e l'obesità: l'obesità è collegata alla nostra flora dell'intestino? Rappresentante di Curr Gastroenterol. 2009 agosto; 11(4): 307-13.
  58. Zigra pi, Maipa VE, YP di Alamanos. Probiotici e remissione di colite ulcerosa: una rassegna sistematica. Med 2007 dei Paesi Bassi J; 65(11): 411--18.
  59. Scholz D. Il ruolo di nutrizione in eziologia delle malattie intestinali infiammatorie. Sanità di Curr Probl Pediatr Adolesc. 2011 ottobre; 41(9): 248-53.
  60. Axelsson C e Jarnum S. Assessment del valore terapeutico di una dieta elementare nelle malattie intestinali infiammatorie croniche. Scand J Gastroenterol. 1977;12(1):89-95.
  61. La dieta elementare intermittente cronica di CC di Belli et al. migliora il guasto della crescita in bambini con il morbo di Crohn. Gastroenterologia. 1988 marzo; 94(3): 603-10.
  62. Meister D, J preannunciato, et al. effetti antinfiammatori delle componenti enterali di dieta sui tessuti malattia-colpiti di Crohn in vitro. Dig Liver Dis. 2002 giugno; 34(6): 430-8.
  63. Teahon K, Smethurst P, et al. L'effetto della dieta elementare su permeabilità intestinale e dell'infiammazione nel morbo di Crohn. Gastroenterologia. 1991 luglio; 101(1): 84-9.
  64. Jones VA. Confronto di nutrizione parenterale totale e della dieta elementare nell'induzione di remissione del morbo di Crohn. Il mantenimento a lungo termine della remissione dall'esclusione personale dell'alimento è a dieta. Dig Dis Sci 1987; 32 (12 supplementi): 100S--7S.
  65. La nutrizione enterale di Watanabe O et al. fa diminuire il tasso dell'ospedalizzazione in pazienti con il morbo di Crohn. J Gastroenterol Hepatol. 2010 maggio; 25 supplementi 1: S134-7.
  66. Kuroki F, Matsumoto T, et al. selenio è vuotato nel morbo di Crohn su nutrizione enterale. Dig Dis. 2003;21(3):266-70.
  67. Fe della sorba, NG di Docherty, Coffey JC, O'Connell PR. Solfato-riduzione i batteri e del solfuro di idrogeno in eziologia di colite ulcerosa. Br J Surg 2009; 96(2): 151-8.
  68. Lanciatore MCL, Cummings JH. Solfuro di idrogeno: una tossina batterica nella colite ulcerosa? Intestino 1996; 39:1-4.
  69. Solfuro di Roediger WEW, di Moore J, di Babidge W. Colonic in patogenesi e trattamento di colite ulcerosa. Dig Dis Sci 1997; 42:1571-9.
  70. GG di Kaplan, Hubbard J, et al. Le malattie intestinali infiammatorie e l'inquinamento atmosferico ambientale: un'associazione novella. J Gastroenterol 2010; 105(11): 2412-9.
  71. Jowett SL, guarnizione CJ, et al. influenza dei fattori dietetici sul decorso clinico di colite ulcerosa: uno studio di gruppo futuro. Intestino 2004; 53(10): 1479-84.
  72. Roediger NOI. Assunzione in diminuzione dell'aminoacido solforato nella colite ulcerosa. Lancetta 1998; 351(9115): 1555.
  73. Wright R, Sc di Truelove Una prova terapeutica controllata di varie diete nella colite ulcerosa. Med J 1965 del Br; 2:138-41.
  74. Nutrizione di Alastair F et al. nelle malattie intestinali infiammatorie. JPEN J Parenter Nutr enterale. 2011 settembre; 35(5): 571-80. Epub 2011 8 agosto.
  75. TH di Mortimore m. e del fiorino. Un ruolo per il ₂ del ₁ di B nei pazienti infiammatori delle malattie intestinali con le dermatosi suppurative? Un'esperienza con la terapia del ₂ del ₁ della vitamina B della dose elevata. Colite di J Crohns. 2010 ottobre; 4(4): 466-70. Epub 2010 21 marzo.
  76. Campos FG, Waitzberg DL, et al. nutrizione farmacologica nelle malattie intestinali infiammatorie. Nutr Hosp. 2003 marzo; 18(2): 57-64.
  77. Goh J, O'Morain CA. Recensione: nutrizione e malattie intestinali infiammatorie adulte. Alimento Pharmacol Ther. 2003 febbraio; 17(3): 307-20.
  78. de Moreno de Leblanc et al. un'importanza di modulazione IL-10 dai microrganismi probiotici nelle malattie infiammatorie gastrointestinali. SRN Gastroenterol. 2011; 2011:892971. Epub 2011 8 febbraio.
  79. Lavasani S et al. Una miscela probiotica novella esercita un effetto terapeutico sull'encefalomielite autoimmune sperimentale mediata da IL-10 producendo le cellule di T regolarici. PLoS uno. 2 febbraio 2010; 5(2): e9009.
  80. Microflora di Chin J. Intestinal: risultati di negoziazione di salute con la comunità facente la guerra presso noi. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2004; 13 (supplemento): S24-S25.
  81. Fedorak Marina militare, Madsen chilolitro. Probiotici e la gestione delle malattie intestinali infiammatorie. Intestino DIS di Inflamm. 2004 maggio; 10(3): 286-99.
  82. Furrie E, Macfarlane S, et al. gli anticorpi sistemici verso i batteri mucosi nella colite ulcerosa ed il morbo di Crohn differenziale attivano la risposta immunitaria innata. Intestino. 2004 gennaio; 53(1): 91-8.
  83. RB di Sartor. Efficacia dei probiotici per la gestione delle malattie intestinali infiammatorie. Gastroenterol Hepatol (N Y). 2011 settembre; 7(9): 606-8.
  84. Rogler G. Prebiotics e probiotici nella colite ulcerosa: dove stiamo? Digestione. 2011; 84(2): 126-7. Epub 2011 15 aprile.
  85. Effetti benefici di Ishikawa H et al. del bifidobacterium probiotico e dell'galacto-oligosaccaride in pazienti con colite ulcerosa: uno studio controllato randomizzato. Digestione. 2011; 84(2): 128-33. Epub 2011 28 aprile.
  86. Fujimori S, Tatsuguchi A, Gudis K, et al. cotherapy probiotico e prebiotic della dose elevata per induzione di remissione del morbo di Crohn attivo. J Gastroenterol Hepatol. 2007;22(8):1199-204.
  87. Karimi O, Peña COME, van Bodegraven AA. Probiotici (VSL#3) nell'artralgia in pazienti con colite ulcerosa ed il morbo di Crohn: Uno studio pilota. Droghe oggi (Barc) 2005; 41(7): 453-9.
  88. Azcarate-pericolo mA et al. Il microbiota intestinale, l'ambiente gastrointestinale ed il cancro colorettale: un ruolo presunto per i probiotici nella prevenzione di cancro colorettale? Fegato Physiol di J Physiol Gastrointest. 2011 settembre; 301(3): G401-24. Epub 2011 23 giugno.
  89. Efficacia di EC di Dinleyici et al. e sicurezza del boulardii dei saccaromiceti per diarrea contagiosa acuta. Biol Ther di Opin dell'esperto. 16 febbraio 2012. [Epub davanti alla stampa]
  90. Gli effetti antinfiammatori di Thomas S et al. del boulardii dei saccaromiceti hanno mediato dalle cellule dentritiche mieloidi dai pazienti con il morbo di Crohn e la colite ulcerosa. Fegato Physiol di J Physiol Gastrointest. 2011 dicembre; 301(6): G1083-92. Epub 2011 8 settembre.
  91. Influenza di Garcia Vilela E et al. del boulardii dei saccaromiceti sulla permeabilità intestinale dei pazienti con il morbo di Crohn nella remissione. Scand J Gastroenterol. 2008;43(7):842-8.
  92. McFarland LV. Rassegna e meta-analisi sistematiche del boulardii dei saccaromiceti in pazienti adulti. Mondo J Gastroenterol. 14 maggio 2010; 16(18): 2202-22.
  93. Deckelbaum RJ et al. Il paesaggio nutrizionale dell'acido grasso omega-3: indennità-malattia e fonti. J Nutr. 2012 marzo; 142(3): 587S-91S. Epub 2012 8 febbraio.
  94. Effetti immunomodulatori di Iwami D et al. di acido eicosapentanoico con induzione delle cellule di T regolarici. Int Immunopharmacol. 2011 marzo; 11(3): 384-9. Epub 2010 18 dicembre.
  95. Procto-colite distale di Almallah YZ et al., citotossicità naturale ed acidi grassi essenziali. J Gastroenterol. 1998 maggio; 93(5): 804-9.
  96. Incorporazione più collinosa di K et al. degli acidi grassi dall'olio di pesce e olio d'oliva nei lipidi mucosi colici ed effetti sopra la sintesi del eicosanoid nelle malattie intestinali infiammatorie. Intestino 1991; 32(10): 1151-5.
  97. Il ruolo di Ross E. The del pesce di mare lubrifica nel trattamento di colite ulcerosa. Rev. 1993 di Nutr; 51(2): 47-9.
  98. Nutrizione di Steinhart AH et al. nelle malattie intestinali infiammatorie. Opinione Gastroenterol di Curr. 1997;13(2):140-5.
  99. Fisiologia di Golias C et al. e patofisiologia dei selectins, delle integrine e delle molecole di adesione cellulare di IgSF che mettono a fuoco sull'infiammazione. Un modello di paradigma su endocardite contagiosa. ll Commun Adhes. 2011 giugno; 18(3): 19-32. Epub 2011 5 settembre.
  100. Ibrahim et al. di una formula ricca d'acido α-linolenica dietetica riduce le molecole di adesione in ratti con colite sperimentale. Nutrizione. 18 gennaio 2012. [Epub davanti alla stampa]
  101. Terapia dietetica poli-insatura dell'acido grasso N-3 di Uchiyama K et al. per i pazienti con le malattie intestinali infiammatorie. Intestino DIS di Inflamm. 2010 ottobre; 16(10): 1696-707.
  102. Completamento dietetico di Stenson WF et al. con l'olio di pesce nella colite ulcerosa. Ann Intern Med. 15 aprile 1992; 116(8): 609-14.
  103. Aslan et al. un completamento dell'acido grasso dell'olio di pesce nella colite ulcerosa attiva: una prova alla cieca, controllata con placebo, studio dell'incrocio. J Gastroenterol. 1992 aprile; 87(4): 432-7.
  104. Wiese dm et al. Gli effetti di un supplemento orale arricchito con l'olio di pesce, il prebiotics e gli antiossidanti su stato di nutrizione nei pazienti del morbo di Crohn. Nutr Clin Pract. 2011 agosto; 26(4): 463-73.
  105. Hawthorne ab, Daneshmend TK, et al. trattamento di colite ulcerosa con il completamento dell'olio di pesce: una prova controllata randomizzata futura di 12 mesi. Intestino 1992; 33(7): 922-8.
  106. Belluzzi A, Brignola C, et al. effetto della preparazione enterico-rivestita dell'olio di pesce sulle ricadute nel morbo di Crohn. Med 1996 di N Inghilterra J; 334(24): 1557-60.
  107. Simopoulos AP. Importanza dell'equilibrio omega-6/omega-3 nella salute e nella malattia: aspetti evolutivi della dieta. Rev Nutr Diet del mondo. 2011; 102:10-21. Epub 2011 5 agosto.
  108. Simopoulos AP. L'importanza del rapporto degli acidi grassi essenziali omega-6/omega-3. Biomed Pharmacother. 2002 ottobre; 56(8): 365-79.
  109. Camere es et al. L'impatto della vitamina D sulle cellule di T regolarici. Rappresentante di asma di allergia di Curr. 2011 febbraio; 11(1): 29-36.
  110. Regolamento di vitamina D di Ooi JH et al. della funzione immune nell'intestino: perché le cellule di T hanno ricevitori di vitamina D? Mol Aspects Med. 2012 febbraio; 33(1): 77-82. Epub 2011 6 novembre.
  111. Stato di Jahnsen J, di Falch JA, et al. di vitamina D, ormone paratiroidale e densità minerale ossea in pazienti con le malattie intestinali infiammatorie. Scand J Gastroenterol 2002; 37(2): 192-9.
  112. Induzione indiretto di Wang TT, di Dabbas B, di Laperrier D, et al. diretto e dal dihydroxyvitamin 1,25 D3 della via immune innata di NOD2/CARD15-defensin beta-2 difettosa nella malattia di Crohn. Biol Chem 2010 di J; 285(4): 2227-31.
  113. WC di Lim, SB di Hanauer, Li YC. Meccanismi della malattia: vitamina D e malattie intestinali infiammatorie. Nat Clin Pract Gastroenterol Hepatol 2005; 2(7): 308-15
  114. Rilevanza clinica di Miheller P et al. dei cambiamenti nel metabolismo dell'osso nelle malattie intestinali infiammatorie. Mondo J Gastroenterol. 28 novembre 2010; 16(44): 5536-42.
  115. PS di Jorgensen, Agnholt J, et al. test clinico: Trattamento di vitamina D3 nel morbo di Crohn---Uno studio controllato con placebo della prova alla cieca randomizzata. Alimento Pharmacol Ther 2010; 32:377-83.
  116. Osteoporosi di Abitbol V et al. nelle malattie intestinali infiammatorie: effetto di calcio e della vitamina D con o senza fluoruro. Alimento Pharmacol Ther. 2002 maggio; 16(5): 919-27.
  117. Sforzo di Almeiner ha, di Al Menshawy HH, di Maher millimetro, di Al Gamal S. Oxidative e malattie intestinali infiammatorie. Front Biosci 2012; E4: 1335-44.
  118. IE di Koutroubakis, Malliaraki N, et al. capacità antiossidante totale e corretta in diminuzione in pazienti con le malattie intestinali infiammatorie. Dig Dis Sci. 2004 settembre; 49(9): 1433-7.
  119. Kruidenier L, Kuiper I, et al. danno ossidativo intestinale nelle malattie intestinali infiammatorie: semi-quantificazione, localizzazione ed associazione con gli antiossidanti mucosi. J Pathol. 2003 settembre; 201(1): 28-36.
  120. Il TM, l'olio di pesce di Arden NK, et al. e gli antiossidanti tripli alterano la composizione e la funzione di fare circolare le cellule mononucleari nella malattia di Crohn. J Clin Nutr. 2004 novembre; 80(5): 1137-44.
  121. Il TM triplo, Stroud mA, et al. olio di pesce ad alta dose ed antiossidanti nel morbo di Crohn e nella risposta del volume d'affari dell'osso: una prova controllata randomizzata. Br J Nutr. 2005 agosto; 94(2): 253-61.
  122. Hengstermann S et al. ha alterato lo stato delle vitamine antiossidanti e degli acidi grassi in pazienti con le malattie intestinali infiammatorie inattive. Clin Nutr. 2008 agosto; 27(4): 571-8. Epub 2008 7 marzo.
  123. Curcumina di Taylor RA et al. per le malattie intestinali infiammatorie: una rassegna degli studi umani. Altern Med Rev. 2011 giugno; 16(2): 152-6.
  124. Terapia della curcumina di Holt PR et al. nelle malattie intestinali infiammatorie: uno studio pilota. Dig Dis Sci. 2005 novembre; 50(11): 2191-3.
  125. Hanai H, Iida T, et al. terapia di manutenzione della curcumina per colite ulcerosa: Randomizzato, multicentrato, prova alla cieca, prova controllata con placebo. Clin Gastroenterol Hepatol 2006; 4(12): 1502-6.
  126. Gerhardt H, Seifert F, et al. terapia della malattia di Crohn attiva con l'estratto H 15 di serrata di Boswellia. Z Gastroenterol 2001; 39:11-7 [in tedesco].
  127. Gupta I, Parihar A, et al. effetti della resina di gomma del serrata di Boswellia in pazienti con colite cronica. Med 2001 di Planta; 67:391-5.
  128. Gupta I, Parihar A, et al. effetti della resina di gomma di serrata di Boswellia in pazienti con colite ulcerosa. EUR J Med Res 1997; 2:37-43.
  129. Holtmeier W, Zeuzem S, et al. randomizzato, controllato con placebo, studio in doppio cieco del serrata di Boswellia nella remissione di mantenimento del morbo di Crohn: buon profilo di sicurezza ma mancanza di efficacia. Intestino DIS 2011 di Inflamm; 17(2): 573-82.
  130. Meccanismi cellulari e molecolari di Sengupta K et al. di effetto antinfiammatorio di Aflapin: un estratto novello di serrata di Boswellia. Mol Cell Biochem. 2011 agosto; 354 (1-2): 189-97. Epub 2011 11 aprile.
  131. Omer B, Krebs S, Omer H, Noor A. effetto Steroide-con parsimonia di assenzio romano (artemisia absinthium) nel morbo di Crohn: Uno studio controllato con placebo della prova alla cieca. Phytomedicine 2007; 14 (2-3): 87-95.
  132. Langmead L et al. effetti antinfiammatori di aloe vera si gelifica in mucosa colorettale umana in vitro. Alimento Pharmacol Ther. 1° marzo 2004b; 19(5): 521-7.
  133. Langmead L et al. randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo del gel orale di vera dell'aloe per colite ulcerosa attiva. Alimento Pharmacol Ther. 1° aprile 2004a; 19(7): 739-47.
  134. Geerling BJ, Badart-Smook A, Stockbrügger RW, Brummer RJ. Lo stato nutrizionale completo in pazienti recentemente diagnosticati con le malattie intestinali infiammatorie ha paragonato ai controlli della popolazione. EUR J Clin Nutr 2000a; 54(6): 514-21.
  135. Hinks IJ, verso l'interno KD, Lloyd B, concentrazione di Clayton B. Reduced di selenio nel morbo di Crohn delicato. J Clin Pathol 1988; 41:198-201.
  136. Concentrazioni nel siero di Ojuawo A e di Keith L. The di zinco, di rame e di selenio in bambini con le malattie intestinali infiammatorie. Med di Afr J del centesimo. 2002 settembre-ottobre; 48 (9-10): 116-9.
  137. Geerling BJ, Badart-Smook A, van Deursen C, et al. completamento nutrizionale con gli acidi grassi N-3 e gli antiossidanti in pazienti con il morbo di Crohn nella remissione: effetti sul profilo dell'acido grasso e di stato antiossidante. Intestino DIS 2000b di Inflamm; 6(2): 77-84.
  138. La somministrazione orale di EL di Vieira et al. del butirrato del sodio attenua l'infiammazione e la lesione mucosa nella colite ulcerosa acuta sperimentale. Biochimica di J Nutr. 8 giugno 2011. [Epub davanti alla stampa]
  139. Segain JP, Raingeard de la Bletiere D, et al. butirrato inibisce le risposte infiammatorie con inibizione di NFkappaB: implicazioni per il morbo di Crohn. Intestino. 2000 settembre; 47(3): 397-403.
  140. Assisi rf; Gruppo di studio di GISDI. Trattamento combinato mesalazina/dell'acido butirrico nella colite ulcerosa con attività del delicato-moderato. Risultati di uno studio pilota multicentrato. Minerva Gastroenterol Dietol 2008; 54(3): 231-8.
  141. Di Sabatino A, Morera R, et al. butirrato orale per leggermente al morbo di Crohn moderatamente attivo. Alimento Pharmacol Ther 2005; 22(9): 789-94.
  142. Le vie Pro-infiammatorie ed ossidative di Abd-Allah AR et al. di sforzo che compromettono la motilità e la sopravvivenza dello sperma possono essere alterate da L-carnitina. Oxid Med Cell Longev. 2009 aprile-giugno; 2(2): 73-81.
  143. Il completamento dietetico della L-carnitina di Buyse J et al. migliora la risposta acuta lipopolysaccharide indotta della proteina di fase in polli da carne. Veterinario Immunol Immunopathol. 15 luglio 2007; 118 (1-2): 154-9. Epub 2007 3 maggio.
  144. Shakeri et al. effettua del supplemento della L-carnitina sulle citochine infiammatorie del siero, sulla proteina C-reattiva, sulla lipoproteina (a) e sullo sforzo ossidativo nei pazienti di emodialisi con il hyperlipoproteinemia di LP (a). Hemodial Int. 2010 ottobre; 14(4): 498-504.
  145. Gli effetti protettivi di yuan Y et al. di L-carnitina sulla lesione intestinale riperfusione/di ischemia in un ratto modellano. J Clin Med Res. 4 aprile 2011; 3(2): 78-84
  146. Test clinico randomizzato di Mikhailova TL et al.: l'efficacia e la sicurezza della terapia della propionyl-L-carnitina in pazienti con colite ulcerosa che riceve trattamento orale stabile. Alimento Pharmacol Ther. 2011 novembre; 34(9): 1088-97.
  147. Den Hond E, Hiele m., et al. effetto dei supplementi orali a lungo termine della glutamina su piccola permeabilità intestinale in pazienti con il morbo di Crohn. JPEN J Parenter Nutr enterale 1999; 23(1): 7-11.
  148. Kruschewski m., Perez-canto S et al. [effetto protettivo di glutamina su microcircolazione dell'intestino nella colite sperimentale]. Supplemento Kongressbd di Chir dell'arco di Langenbecks. 1998; 115 (supplemento I): 229-31.
  149. Sido B, Seel la C, Hochlehnert A, et al. il basso livello intestinale della glutamina e l'attività bassa di glutaminase nel morbo di Crohn: un razionale per il completamento della glutamina? Dig Dis Sci 2006; 51(12): 2170-9.
  150. La glutamina ed il proteina del siero di Benjamin J et al. migliorano la permeabilità e la morfologia intestinali in pazienti con il morbo di Crohn: Una prova controllata randomizzata. Dig Dis Sci. 26 ottobre 2011. [Epub davanti alla stampa]
  151. Ockenga J et al. Glutamina-ha arricchito la nutrizione parenterale totale in pazienti con le malattie intestinali infiammatorie. EUR J Clin Nutr. 2005 novembre; 59(11): 1302-9.
  152. Bubenik GA. Melatonina gastrointestinale: localizzazione, funzione e rilevanza clinica. Dig Dis Sci 2002; 47(10): 2336-48.
  153. Palladio di Johe, Osterud B. In vivo l'effetto di melatonina sui processi cellulari di attivazione nel sangue umano durante l'esercizio fisico gravoso. Ricerca pineale 2005 di J; 39:324-330.
  154. Palladio di Terry, Villinger F, Bubenik GA, Sitaraman SV. Melatonina e colite ulcerosa: prova, meccanismi biologici e ricerca futura. Intestino DIS 2009 di Inflamm; 15:134-40.
  155. Boznanska P, Wichan P, et al. escrezione urinaria di 24 ore del solfato di 6 hydroxymelatonin in pazienti con colite ulcerosa. Pol Merkur Lekarski 2007; 22(131): 369-72 [nel polacco].
  156. Chojnacki C, Wisniewska-Jarosinska m., et al. valutazione di efficacia della melatonina nel trattamento ausiliario di colite ulcerosa. J Physiol Pharmacol 2011; 62(3): 327-34.
  157. Rakhimova OIu. Uso di melatonina nel trattamento combinato per le malattie intestinali infiammatorie. Ter Arkh 2010; 82(12): 64-8 [nel Russo].
  158. MD di Maldonado, JUNIOR di Calvo. Uso della melatonina nella colite ulcerosa: un rapporto di caso. Ricerca pineale 2008 di J; 45(3): 339-40.
  159. St di Haden, effetti di Glowacki J et al. dell'età sul solfato del deidroepiandrosterone del siero, livelli IGF-I e IL-6 in donne. Tessuto Int di Calcif. 2000 giugno; 66(6): 414-8.
  160. Parte 1 infiammatoria capa delle malattie intestinali del KA et al.: colite ulcerosa--patofisiologia ed opzioni convenzionali ed alternative di trattamento. Altern Med Rev. 2003 agosto; 8(3): 247-83.
  161. Andus T, Klebl F, et al. i pazienti con il morbo di Crohn refrattario o la colite ulcerosa rispondono al deidroepiandrosterone: uno studio pilota. Alimento Pharmacol Ther. 2003 febbraio; 17(3): 409-14.
  162. RH di Straub, Scholmerich J, et al. terapia sostitutiva con DHEA più i corticosteroidi in pazienti con le malattie infiammatorie croniche: sostituti di adrenale e delle ormoni sessuali. Z Rheumatol. 2000; 59 (supplemento 2): II/108-18.
  163. Stato di Duggan P, di O'Brien m., di Kiely m., et al. di vitamina K in pazienti con il morbo di Crohn e relazione al volume d'affari dell'osso. J Gastroenterol 2004; 99(11): 2178-85.
  164. Ingestione dietetica di Hou JK et al. e rischio di sviluppare malattie intestinali infiammatorie: una rassegna sistematica della letteratura. J Gastroenterol. 2011 aprile; 106(4): 563-73.
  165. Fattori di rischio dietetici di Sakamoto N et al. per le malattie intestinali infiammatorie: uno studio multicentrato di caso-control nel Giappone. Intestino DIS di Inflamm. 2005 febbraio; 11(2): 154-63.
  166. Chilowatt di Heaton, JUNIOR di Thornton, Emmett PM. Trattamento del morbo di Crohn con un non raffinato-carboidrato, di dieta ricca di fibra. Med J 1979 del Br; ii: 764-6.
  167. Hanai H, Kanauchi O, et al. derrate alimentari germinate dell'orzo prolunga la remissione in pazienti con colite ulcerosa. Int J Mol Med 2004; 13(5): 643-7.
  168. Mitamura T, Sakamoto S et al. Il più una colite ulcerosa è ripetuto, più il rischio di carcinogenesi colorettale è aumentato di topi. Ricerca anticancro. 2002 novembre-dicembre; 22 (6C): 3955-61.
  169. Itzkowitz SH, Yio X. Inflammation e cancro IV. Cancro colorettale nelle malattie intestinali infiammatorie: il ruolo di infiammazione. Fegato Physiol di J Physiol Gastrointest. 2004 luglio; 287(1): G7-G17.
  170. Associazione di Phelip JM et al. dell'iperomocisteinemia e della carenza folica con i tumori dei due punti in pazienti con le malattie intestinali infiammatorie. Intestino DIS di Inflamm. 2008 febbraio; 14(2): 242-8.
  171. Il DH di Kim et al. ha riunito le analisi di 13 studi di gruppo futuri su assunzione e su tumore del colon folici. Il Cancro causa il controllo. 2010 novembre; 21(11): 1919-30. Epub 2010 5 settembre.
  172. Folato di Biasco G et al. e prevenzione di cancro colorettale nella colite ulcerosa. Cancro Prev di EUR J. 2005 agosto; 14(4): 395-8.
  173. Completamento dell'acido folico di Fife J et al. e rischio di cancro colorettale: una meta-analisi. DIS colorettale. 2011 febbraio; 13(2): 132-7. doi: 10.1111/j.1463-1318.2009.02089.x.
  174. Vitamina b12 iacuto del siero di m. et al. e stato folico in pazienti con le malattie intestinali infiammatorie. Med dell'interno di EUR J. 2010 agosto; 21(4): 320-3. Epub 2010 8 giugno.
  175. Tum-analisi di Oussalah A et al.: hyperhomocysteinaemia nelle malattie intestinali infiammatorie. Alimento Pharmacol Ther. 2011 novembre; 34(10): 1173-84. doi: 10.1111/j.1365-2036.2011.04864.x. Epub 2011 3 ottobre.
  176. Roblin X, Germain E, et al. scompone collegato in fattori con l'iperomocisteinemia nelle malattie intestinali infiammatorie: studio prospettivo in 81 paziente [in francese]. Rev Med Interne. 2006 febbraio; 27(2): 106-10.
  177. Zezos P, Papaioannou G, et al. iperomocisteinemia nella colite ulcerosa è collegato con i livelli folici. Mondo J Gastroenterol. 14 ottobre 2005; 11(38): 6038-42.
  178. Mahmood A, Needham J, et al. prevalenza del hyperhomocysteinaemia, ha attivato la resistenza della proteina C e la mutazione genetica della protrombina nelle malattie intestinali infiammatorie. EUR J Gastroenterol Hepatol 2005; 17:739-44.
  179. Riduttasi 677C del Fernandez-Miranda C, di Martinez Prieto m., et al. di iperomocisteinemia e del methylenetetrahydrofolate-->T e 1298A--mutazioni del >C in pazienti con le malattie intestinali infiammatorie. Rev Esp Enferm Dig. 2005 luglio; 97(7): 497-504.
  180. Srirajaskanthan R, inverno m., et al. trombosi venosa nelle malattie intestinali infiammatorie. EUR J Gastroenterol Hepatol. 2005 luglio; 17(7): 697-700.
  181. Papà A, Santoliquido A, et al. spessore carotico aumentato di intima-media in pazienti con le malattie intestinali infiammatorie. Alimento Pharmacol Ther. 1° novembre 2005; 22(9): 839-46.
  182. Varianti di Zintzaras E. Genetic di omocisteina/della via del metabolismo e rischio folici di malattie intestinali infiammatorie: una sinossi e una meta-analisi dell'associazione genetica studia. Biomarcatori. 2010 febbraio; 15(1): 69-79.
  183. Valutazione di Etzel JP et al. e gestione di densità ossea bassa nelle malattie intestinali infiammatorie e prestazione delle linee guida dell'ordine professionale. Intestino DIS di Inflamm. 13 gennaio 2011. [Epub davanti alla stampa]
  184. Harpavat m., malattia metabolica dell'osso di Keljo DJ et al. nelle malattie intestinali infiammatorie. J Clin Gastroenterol. 2004 marzo; 38(3): 218-24.
  185. Miheller P, Muzes G, et al. confronto degli effetti del dihydroxyvitamin 1,25 D e 25 hydroxyvitamin D su patologia dell'osso e su attività di malattia nei pazienti del morbo di Crohn. Intestino DIS 2009 di Inflamm; 15:1656-1662.
  186. Osso di Agrawal m. et al., infiammazione e malattie intestinali infiammatorie. Rappresentante di Curr Osteoporos. 2011 dicembre; 9(4): 251-7.
  187. Kuwabara A, Tanaka K, et al. alta prevalenza della vitamina K e della carenza di D e BMD in diminuzione nelle malattie intestinali infiammatorie. Osteoporos Int 2009; 20(6): 935-42.
  188. Rogler G, manifestazioni di Scholmerich J. Extraintestinal delle malattie intestinali infiammatorie [in tedesco]. Med Klin (Monaco di Baviera). 15 marzo 2004; 99(3): 123-30.
  189. CN di Bernstein, Blanchard JF, Metge C, Yogendran M. L'associazione fra uso del corticosteroide e sviluppo delle fratture fra i pazienti di IBD in una base di dati basata sulla popolazione. J Gastroenterol 2003; 98(8): 1797-801.
  190. MD di Kappelman, Horvath-Puho E, et al. rischio tromboembolico fra i bambini danesi ed adulti con le malattie intestinali infiammatorie: uno studio nazionale basato sulla popolazione. Intestino 2011; 60:937-43.
  191. Solem CA, Loftus EV, Tremaine WJ, Sandborn WJ. Tromboembolismo venoso nelle malattie intestinali infiammatorie. J Gastroenterol 2004; 99(1): 97-101.
  192. Sonoda K, Ikeda S, et al. valutazione degli indicatori venosi di coagulazione-fibrinolisi e di tromboembolismo in pazienti giapponesi con le malattie intestinali infiammatorie. J Gastroenterol 2004; 39(10): 948-54.
  193. IE di Koutroubakis. Comprensione di terapia: Complicazioni vascolari in pazienti con le malattie intestinali infiammatorie. Nat Clin Pract Gastroenterol Hepatol 2005; 2(6): 266-72.
  194. Phang m., Lazzaro S, legno LG, Garg m. Diet e rischio di trombosi: sostanze nutrienti per la prevenzione della malattia trombotica. Semin Thromb Hemost 2011; 37(3): 199-208.