Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine gennaio 2000
immagine

Effetti Anti-aterosclerotici di AGLIO

La protezione dell'aglio contro aterosclerosi e la malattia cardiaca può essere attribuita parzialmente ad alcune delle sue funzioni multiple conosciute nella riduzione dei fattori di rischio: abbassamento del colesterolo del sangue ed altri lipidi, effetti di anticoagulazione ed azioni antiossidanti. Oggetti con il supplemento invecchiato dell'estratto dell'aglio dato colesterolo moderatamente alto del sangue, in un doppio studio cieco dell'incrocio (dado 1996 di J Clin; 64:866-870), indicato dopo sei mesi una diminuzione in colesterolo totale e in LDL nocivo e un abbassamento della pressione sanguigna, rispetto al placebo.

Un altro studiano (aterosclerosi 1999; 144: 399-404) ha verificato gli effetti di aglio nell'impedire l'ossidazione di colesterolo umano di LDL. LDL ossidato è un fattore di rischio per la formazione di placche. Il colesterolo di LDL preso dal sangue degli oggetti che sono stati completati con l'estratto invecchiato dell'aglio, aglio fresco o placebo (nessun aglio) ha mostrato le risposte differenti all'ossidazione. Dopo i sette giorni dell'assunzione dell'aglio, le particelle di LDL degli utenti dell'aglio hanno mostrato la resistenza all'ossidazione, confrontata a placebo. LDL dai consumatori di Kyolic ha invecchiato l'estratto dell'aglio ha mostrato il più alto grado di resistenza all'ossidazione, indicante un'più alta attività antiossidante confrontata ad aglio fresco.

La placca in arterie presenta un fattore di rischio per aterosclerosi e la malattia cardiaca. Cominciano presto nella vita tramite lo sviluppo delle strisce grasse nel muscolo liscio della parete arteriosa. La formazione delle placche aumenta con l'età e con l'esposizione ai fattori ad alto rischio quali una dieta ad alta percentuale di grassi, ricco in colesterolo, il fumo ed il diabete. Placche nell'arteria carotica comune il doppio rischio di attacchi di cuore e placche nell'arteria femorale il doppio rischio di malattia cardiaca dovuto il rifornimento di sangue insufficiente.

Due studi hanno verificato quella capacità del completamento dell'aglio di impedire e possibilmente delle placche aterosclerotiche inverse. Uno studio sui conigli (aterosclerosi 1997; 132: 37-42) ha studiato gli effetti di Kyolic ha invecchiato l'estratto dell'aglio sullo sviluppo delle strisce grasse in arterie dei conigli ha alimentato le diete di minimo e massime del colesterolo. Le strisce grasse sono le crescite dei depositi grassi fibrosi nel tessuto del muscolo liscio delle arterie e sono indicatori delle lesioni aterosclerotiche in anticipo. Lo studio ha usato quattro gruppi di animali. Il gruppo uno ha ricevuto una dieta standard, raggruppa due una dieta standard più Kyolic inodore, raggruppa tre una dieta standard completata con il colesterolo di 1% ed il gruppo quattro, una dieta standard completato con il colesterolo di 1% più Kyolic.

Dopo sei settimane i conigli del gruppo tre hanno sviluppato le strisce grasse che coprono 70% dell'area di grande arteria studiata (aorta toracica), che è stata ridotta a 2,5% nel gruppo trattato Kyolic quattro. Non ci erano strisce grasse presenti nei gruppi uno e due. La dieta ricca in colesterolo nel gruppo tre ha causato l'accumulazione del colesterolo nell'aorta, che è stata ridotta di 50% nei conigli completati Kyolic, nel gruppo quattro. Kyolic inoltre ha impedito la crescita in vitro delle cellule di muscolo liscio che si presenta nello sviluppo della placca. Gli effetti erano relativi alla dose. Più alta la dose di Kyolic nel terreno di coltura, il di meno la crescita. Lo studio inoltre ha trovato quello dopo la lesione dell'arteria carotica, Kyolic ha ridotto la formazione di placche grassa nel intima dell'arteria carotica di 50%, rispetto ai comandi alla dieta ricca in colesterolo ed a nessun Kyolic.

Gli autori dello studio hanno concluso quello che completa la dieta con Kyolic hanno invecchiato l'estratto dell'aglio assicura la protezione contro l'inizio di aterosclerosi riducendo lo sviluppo grasso della striscia, abbassante l'accumulazione del colesterolo in pareti dell'arteria ed impedente le placche grasse nel intima ferito delle arterie, in animali alimentati colesterolo.

La riduzione dello sviluppo della placca da aglio più ulteriormente è sostenuta da un altro rapporto (aterosclerosi 1999; 144:237-249). Cieco uno studio controllato doppio placebo ha verificato gli effetti della polvere dell'aglio di 900 mg/giorno, a 48 mesi, sulla formazione di placche, facendo uso di esame ecografico per esplorare le arterie carotiche e femorali. I criteri per partecipazione allo studio hanno incluso la presenza di placche aterosclerotiche ed almeno uno dei fattori di rischio stabiliti come ipertensione, ricco in colesterolo, il diabete e fumo. Dei 280 pazienti che si sono iscritti, 140 nel gruppo della droga (93 maschi e 47 femmine) e 140 nel gruppo del placebo (105 maschi e 33 femmine), 152 hanno completato il trattamento di 48 mesi (62 nella prova dell'aglio; 38 maschi e 23 femmine e 91 nel gruppo del placebo; 67 maschi e 24 femmine). Il motivo principale per cadere dal gruppo di prova (principalmente più giovani femmine) era disturbo dal forte odore della polvere dell'aglio. Ciò ha provocato il fatto che le più giovani donne (età 40-55) hanno dominato nel gruppo del placebo e nelle donne più anziane (oltre 55) nel gruppo di prova dell'aglio.

Il volume medio della placca di tutti i partecipanti all'inizio dello studio era 32,2 (+/- 2,3) mm2. Dopo quattro anni di assunzione dell'aglio il volume medio calcolato della placca di utenti dell'aglio era 30,7 mm2 (+/- 1,6) rispetto al placebo un quadrato da 36,3 millimetri (+/--2,4). Negli uomini la riduzione del volume della placca rispetto ad un effetto quadriennale era 12,5%. In donne, in cui le donne più anziane hanno dominato il gruppo di prova, l'aumento nel volume della placca con l'età è stato calcolato per diminuire da 6,4% relativamente ai 48 mesi dell'assunzione dell'aglio. Mentre l'età ed il genere sono stati considerati nei calcoli, la risposta ad aglio degli oggetti esposti ad un fattore di rischio particolare non è stata considerata possibilmente a causa della piccola dimensione dei partecipanti finali allo studio.

Mentre le più grandi indagini cliniche sono necessarie aggiungere al corpo di informazioni, questi studi indicano che l'assunzione continua dei supplementi dell'aglio può impedire lo sviluppo delle strisce grasse e delle placche aterosclerotiche ed in alcuni casi, possono causare la regressione delle placche attuali.


Riferimenti:

Abdulllah T. et al. (1989). Potenziamento di attività delle cellule di uccisore naturali nell'AIDS con aglio. 21:52 di Onkologie - 53

1998) assunzioni di Amagase H. (di aglio e delle sue componenti. Indennità-malattia e nutrizionali di aglio come conferenza di supplemento, spiaggia CA 4 (estratto) di Newport

Amagase, il H., Schaffer, E.M., & componenti dietetiche di Milner J. (1996) modificano la capacità di aglio di sopprimere 7, 12, - dimetilici (un antracene ha indotto i complessi del DNA. J. Dado. 126:817-824

Blocco, E. (1985) la chimica di aglio e cipolla. Sci. 252: 114-119

Borek C. Maximize Your Healthspan con gli antiossidanti. 1995. Keats che pubblica, nuovo Canaan, connett.

Borek, 1993) meccanismi molecolari del C. (nell'induzione e nella prevenzione del cancro. Circondi le prospettive 101 di salute: 237-245

Borek, 1991) processi del radicale libero del C. (nella carcinogenesi a più stadi. Rad libero. Ricerca. Comm. 1991 12 745-750

Il immunoabweher dello zelullaere del und di Brosche T. e di Platt N. Knoblauch Terapie dentro si altera (1994). Phytoter 15: 23-24

Freeman, F. & Kodera, 1995) chimiche dell'aglio del Y. (: Stabilità della s (2-Propenyl) 2-Propene-1-sulfinothioate (Allicin) in sangue, solventi e liquidi fisiologici simulati. J. Agr. e chimica alimentare 43:2332-2338

L'ido, il N. e Lau, 1997) composti dell'aglio di B.H.S. (proteggono le cellule endoteliali vascolari dalla lesione indotta da lipoproteina ossidata di densità bassa. J Pharm Pharmacol. 49: 908-911

Imai, il J., Ide, il N., Nagae, lo S., Moriguchi, il T., Matsuura, il H. & Itakura, antiossidanti del Y. (1994) ed il radicale libero puliscono gli effetti dell'estratto invecchiato dell'aglio e dei suoi costituenti. Med 60 di Planta: 417-420

Kojima, R., Epstein, C.J. Mizui, T., Carlson, E. & Chan, 1994) effetti protettivi di P.H. (degli estratti invecchiati dell'aglio dalla sulla cardiotossicità indotta da doxorubicina nel topo. Nutr. Cancro 22:163-173

Lau, B.H.S. (1989) che disintossica, radioprotective e fagocita-migliorante gli effetti di aglio. Int. Nutr. 9:27 di Rev. - 31

Lawson, L.D., riscatto, D.K. & inibizioni di Hughs (1992) di intera aggregazione della piastrina dai composti negli estratti del chiodo di garofano di aglio e nei prodotti commerciali dell'aglio. Ricerca 65 di Thromb: 141-156

Milner, 1996) agli del J.A. (: Le sue proprietà anticarcinogenic e antimutagene. Dado. Rev. 54: S82-S-86

Moriguchi, T., Saito, H. & Nishyama, 1997) effetti antinvecchiamento del N. (dell'estratto invecchiato dell'aglio nel modello innato del topo di atrofia del cervello. Clin. ed Exp. Pharmachol. e Physiol. 24: 235-242

Neil, polvere dell'aglio di H.A. et al. nel trattamento di iperlipidemia moderata: una prova e una meta-analisi controllate.

Nishino, il H., Nishino, il A., Takayasu, il A., Iwashima, il Y., Itakura, il Y., Kodera, il Y., Matsuura, il H., & Fuwa, T. (1990) chepromuove l'attività di Allixin, un composto di sforzo hanno prodotto da aglio. Il giornale del Cancro. 3:20-21

Numagami, il Y., sato, lo S., & Onishi, 1996) attenuazioni del T. (di lesione cerebrale ischemica del ratto da aglio invecchiato estrae: Un meccanismo proteggente possibile come antiossidanti. Neurochem Int. 29: 135-143

Indennità-malattia e nutrizionali di aglio come conferenza di supplemento, spiaggia CA (1998) di Newport. 1-70. Estratti

Steiner, ciechi del M. (1996) A doppi attraversa lo studio in uomini moderatamente ipercolesterolemici che confrontano l'effetto dell'estratto dell'aglio e dell'amministrazione invecchiati del placebo sui lipidi del sangue e sulla funzione della piastrina. . J. Clin. Nutr. 64:866-870

Steinmetz, K.A., Kushi, sinistra, Bostick, R.M., Folsom A.R & vasaio, verdure, frutta e tumore del colon di J.D. (1994) nello studio delle donne dello Iowa. . J. Epidemiol. 139:1-5

Wei, Z. & Lau, B.H.S. (1998) L'aglio inibisce la generazione del radicale libero ed aumenta l'attività enzimatica antiossidante in cellule endoteliali vascolari. Nutr. Ricerca. 18: 61-70

Di nuovo al forum della rivista