Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine marzo 2000


immagine


Continuato da

Potere antiossidante
I mirtilli ed i mirtilli rallentano l'invecchiamento del cervello e proteggono la visione
da Ivy Greenwell

Riparazione del cervello di invecchiamento

Il motivo principale là è stato un turbine di neve recente degli articoli ed i rapporti di media sui mirtilli è la ricerca approfondita all'università dei ciuffi a Boston, condotta sotto la direzione del Dott. James Joseph.
I ratti di diciannove anni di Fisher, l'equivalente di 60 - agli esseri umani di 65 anni, sono stati alimentati l'estratto acquoso secco del mirtillo in una dose presupposta dai ricercatori per essere l'equivalente umano di a metà di tazza dei mirtilli un il giorno. Altri gruppi sperimentali hanno ricevuto la vitamina E, l'estratto acquoso secco degli spinaci, o l'estratto della fragola. Dopo otto settimane in cui i ratti erano l'equivalente di 70 - agli esseri umani di 75 anni, i ratti di controllo ed i ratti hanno completato con la fragola, mirtillo e gli estratti degli spinaci sono stati sottoposti a varie prove della memoria e della funzione motoria. Gli ultimi hanno compreso tali mansioni provocatorie come camminando su una barretta stretta e, il più difficile di tutti, restando su una barretta girante accelerante (i ricercatori jocularly si sono riferiti a queste prove come “i Olympics del ratto„).

Mentre tutti i ratti completati hanno mostrato un certo miglioramento sulla memoria e mansioni dell'apprendimento, solo i ratti si sono alimentati l'estratto del mirtillo ha mostrato che un forte progresso nell'equilibrio e nella coordinazione motoria ha confrontato ai ratti senza aggiunte. I ratti alimentati i mirtilli hanno potuto funzionare più velocemente e restare più lungamente sulla barretta stretta e sulla barretta girante. Infatti, in media sono riuscito a restare quasi due volte sopra finchè tutti i altri ratti invecchiati prima di cad.

I ratti mirtillo-completati anche sono venuto vicino alla norma giovanile su equilibrio di mantenimento mentre camminavano sulla barretta stretta. I giovani ratti possono restare sopra per 13 secondi; i vecchi ratti cadono fuori dopo cinque secondi. I ratti nei gruppi che ricevono la vitamina E, l'estratto degli spinaci e l'estratto della fragola hanno cad da altrettanto rapidamente quanto i ratti di controllo. Ma i vecchi ratti mirtillo-completati sono riuscito a restare sopra per 10 - 11 secondo.

Tutte queste abilità mostrano un'inversione della disfunzione in relazione con l'invecchiamento usuale nel comportamento, nell'equilibrio e nella coordinazione del motore. Di nuovo, gli animali mirtillo-completati erano il solo gruppo per mostrare le inversioni nei deficit motore-comportamentistici. Nessuno dei due vitamina E, l'estratto degli spinaci o l'estratto della fragola hanno prodotto questi effetti ringiovanire sulla funzione motoria.

In sua carta nell'edizione del settembre 1999 del giornale della neuroscienza, gli stati del Dott. Joseph, “questo è il primo studio che ha indicato che quel completamento dietetico con frutta e estratti vegetali che sono alti in antiossidanti phytonutrient può realmente invertire alcuna disfunzione di un neurone/comportamentistica in relazione con l'invecchiamento.„ La siccità e la formalità di questa dichiarazione non dovrebbero oscurare il fatto che qualche cosa di straordinario è stato scoperto. Non sappiamo di qualunque altro agente che può invertire il deterioramento della funzione motoria con invecchiamento. Ma le dosi quotidiane dell'estratto del mirtillo hanno fatto appena quella.

Un senso di equilibrio alterato è uno dei segni indicatori di invecchiamento. Per esempio, un giovane può stare solitamente molto più lungamente su una gamba, anche con gli occhi chiusi, di una persona più anziana, che comincia ad ondeggiare e rapidamente necessità di posare la gamba sollevata per impedire una caduta. Gli anziani sono inoltre rinomati per la caduta per nessuna ragione evidente. Manteniamo la nostra posizione automaticamente correggendo contro moto d'ondeggiamento; quando la conduzione dei segnali neurali rallenta dovuto invecchiare, perdiamo facilmente il nostro equilibrio. I phytochemicals nell'estratto del mirtillo sembrano accelerare la comunicazione neurale.

Il progetto seguente è di cominciare alimentare l'estratto del mirtillo ai ratti molto giovani, per vedere fino a che punto il deterioramento relativo all'età sia in conoscitivo che nella funzione motoria può essere impedito. Gli studi precedenti dei ciuffi già hanno indicato che se i ratti sono alimentati gli antiossidanti che cominciano a sei mesi dell'età, il loro processo di invecchiamento è rallentato parzialmente (negli studi sugli animali, i vari antiossidanti sono stati trovati per estendere la durata media da 10% - 30%). Sarebbe interessante vedere se c'è ne delle diete completato estratto vegetale o della frutta inoltre estendono la longevità. Il fatto che l'estratto del mirtillo ha provocato la maggior capacità di liberare la dopamina può essere significativo per la longevità. Parecchie sostanze nutrienti che aumentano la dopamina (e così anche ormone della crescita) sono state indicate per aumentare la durata media.

L'apprendimento migliore anche indicato completato dei ratti e la memoria a breve termine, l'esecuzione più vicino ai livelli giovanili nelle prove quali i labirinti di navigazione e l'individuazione della piattaforma subacquea. Una spiegazione possibile è miglioramento della visione, poiché i flavonoidi ed altri composti trovati in bacche ed in spinaci sono conosciuti per i loro benefici per gli occhi. Tuttavia, un miglioramento nella memoria e nella cognizione in generale è inoltre probabile essere compreso. Ciò deve essere preveduta quando i livelli di neurotrasmettitori, che diminuiscono tipicamente con l'età d'avanzamento, sono sollevati con un intervento antiossidante potente. Negli studi separati, inoltre è stato trovato che phytochemicals contenuti nella morte impedita gli estratti delle cellule del mirtillo, della fragola e degli spinaci e nella perdita di fattori di crescita del nervo.

Quando il tessuto cerebrale dai ratti mirtillo-completati è stato sottoposto a varie prove in vitro, è stato scoperto che ha mostrato il più grande rilascio della dopamina e la migliore capacità di trattare gli ioni del calcio. “Sembra che il completamento del mirtillo possa essere efficace al contrario gli effetti deleteri di invecchiamento su omeostasi del calcio,„ stati del Dott. Joseph in sua carta. Altri cambiamenti inoltre hanno confermato che i neuroni dai ratti mirtillo-completati hanno avuti la migliore capacità di comunicare con altre cellule. Il Dott. Joseph specula che i meccanismi all'infuori della protezione antiossidante possono essere compresi qui, pricipalmente un aumento nella fluidità della membrana ed i livelli più bassi dei composti infiammatori. Un aumento in glutatione inoltre è stato trovato, ma non ha raggiunto la differenza statistica.

Un co-author dello studio, Barbara Shukitt-Hale, ha detto in un'intervista, “la gente è detta una volta che siete vecchio, là è niente che possiate fare. Quello non ha potuto essere vero.„ Potete sogghignare a questa verità. Venendo dall'istituzione scientifica, tuttavia, il suggerimento che le sostanze nutrienti ottenute facilmente dalla dieta potrebbero almeno parzialmente invertire il danno in relazione con l'invecchiamento è abbastanza rivoluzionario. Finora, la credenza è stata che il declino nella funzione del cervello, sia il conoscitivo che va in automobile gli aspetti, è inevitabile ed irreversibile. Ora, sempre più la prova indica la strada opposta.

Se semplicemente mangiare a metà di tazza dei mirtilli un il giorno potrebbe produrre i cambi spettacolari (comunque naturalmente questo deve ancora essere documentato in esseri umani), quindi un più aggressivo e l'approccio multifattoriale potrebbe dare i risultati ancor più profondi. Per esempio, sappiamo che determinati ormoni hanno un impatto profondo sulla funzione del cervello. In termini di funzione motoria, la coordinazione è stata indicata per migliorare quando i livelli elevati dell'estradiolo e del progesterone sono. Inoltre, le donne postmenopausali hanno indicato il tempo di reazione più veloce ed hanno migliorato la destrezza manuale quando sostituzione sopra messa dell'ormone. Una vecchia definizione popolare dei flavonoidi ha usato per essere “estrogeni deboli della pianta.„ Questi composti legano spesso al tipo umano recentemente scoperto ricevitori dell'estrogeno di II. Moltissima esplorazione resta fare.

C'è ancora altri meccanismi possibili attraverso cui i mirtilli potrebbero lavorare per proteggere e riparare il tessuto neurale? Una proprietà interessante dei polifenoli è la loro capacità di modulare la produzione di ossido di azoto. Negli importi corretti, l'ossido di azoto è estremamente utile. Superiore, è neurotossico. I composti fenolici sembrano particolarmente efficaci in termini di conservazione dell'ossido di azoto all'interno della gamma corretta, così miglioramento della circolazione e riduzione del danno libero radicale dai perossidi di azoto.

Un'altra proprietà importante dei flavonoidi è la loro capacità di sollevare i livelli di glutatione. Il glutatione è discutibilmente il neuroprotector più importante, essendo non solo la nostra difesa antiossidante primaria, ma anche un efficace soppressore di infiammazione cronica, conosciuto per essere un fattore significativo in tutte le malattie principali relative ad invecchiare. Le vittime della malattia del Parkinson mostrano i bassi livelli di glutatione in tessuto cerebrale. È interessante speculare che forse i composti che alzano il glutatione, quale acido lipoico, NAC ed i composti fenolici potenti hanno trovato in bacche, ciliege e noci, potrebbe potere da contribuire ad impedire lo sviluppo del morbo di Alzheimer e della malattia del Parkinson, due del temuto di e di disattivare i disordini degeneranti della vecchiaia. Entrambi hanno potuto essere chiamati “morte nella vita„ e sono una tragedia per sia la vittima che i membri della famiglia più vicini. Che cosa se risultasse quello che mangia semplicemente la tazza mezza dei mirtilli ogni giorno potrebbe in gran parte impedire una quantità enorme di sofferenza più successivamente! (Per ancora la migliore prevenzione, una deve amplificare l'intero antiossidante rete-vede l'esame del miracolo antiossidante dell'imballatore nell'emissione del giugno 1999 della rivista del prolungamento della vita. - Eds.)

I flavonoidi inoltre tendono allo zucchero del lowerblood e così al glycation. Un estratto di foglie del mirtillo è stato un rimedio piega tradizionale contro il diabete. Glycation ed il suo prodotto finale tossico, conosciuti come le età (un acronimo singolarmente adatto per “ha avanzato i prodotti finiti di glycation„), sono considerare come uno dei fattori importanti nello sviluppo e nella progressione delle malattie del cervello quale il morbo di Alzheimer.

Inoltre, l'estratto del mirtillo è stato indicato per migliorare la barriera ematomeningea, che tende ad essere alterata con invecchiamento, la rappresentazione una diminuzione nella densità vascolare, la permeabilità aumentata ed altre anomalie. Il funzionamento normale della barriera ematomeningea è importante non solo per impedire di entrare le tossine ed i composti del undesirable, ma anche per il trasporto del glucosio al cervello. Gli antociani ed i composti riferiti sembrano capaci di fare diminuire la permeabilità capillare (possibilmente stabilizzando i fosfolipidi della membrana). Gli studi sugli animali inoltre hanno indicato che se la barriera ematomeningea diventa nociva e troppo permeabile, antociani contribuiscono a ristabilire la permeabilità normale.

Abbiamo generalmente abbondanza di prova che il Dott. Packer è quando dice, “flavonoidi giusti è un ripetitore del cervello.„ Ma la loro azione va oltre la mera “amplificazione.„ Almeno alcuni flavonoidi possono riparare apparentemente il danneggiamento relativo all'età del neurone-e qui gli antociani e le proantocianidine in mirtilli, l'estratto del mirtillo e l'estratto del seme dell'uva (o vino rosso e succo d'uva porpora) sono i migliori candidati per questo nuovo ruolo con protagonista nel regime antinvecchiamento.

Bacche, fatti sorprendenti veri

Il pubblico è stato interessato in estratto del mirtillo dopo le notizie circa i suoi benefici visione-miglioranti. I flavonoidi del mirtillo sembrano proteggere la retina e migliorare la produzione del rhodopsin, anche chiamata la porpora visiva. Rhodopsin è una proteina necessaria per la visione vicina. L'esposizione a luce, specialmente luce del giorno luminosa, luci ad alto contrasto o persino schermi di computer vuota il rhodopsin, con conseguente visione notturna difficile. Una dose sufficiente degli antociani del mirtillo conduce apparentemente ad un aumento in rhodopsin.

I primi rapporti aneddotici circa l'efficacia dei mirtilli sono venuto dai piloti britannici che hanno consumato l'inceppamento del mirtillo per migliorare la loro visione notturna. Questa storia è stato così ampiamente conosciuta ai lettori delle riviste alternative popolari di salute che purtroppo per un po'di tempo il pubblico ha supposto che i soli benefici dell'estratto del mirtillo si riferiscono a visione notturna. In seguito abbiamo imparato circa il mirtillo relativamente al mirocirculation migliorato nella retina. Anche ora, molta gente suppone che i benefici dell'estratto del mirtillo sono limitati alla visione. Ciò è rievocativa di simile sviluppo riguardo a glutatione. Poiché il glutatione è presente particolarmente in alti livelli nella lente dell'occhio, la ricerca iniziale ha messo a fuoco sul ruolo di glutatione nella visione; la comprensione del ruolo primario del glutatione come l'antiossidante principale del corpo, più detoxifier, antinfiammatorio e possibilmente il composto antinvecchiamento chiave è venuto soltanto più successivamente.

Ciò non è di negare che la protezione della retina è effettivamente estremamente importante. Interessante, era non in Inghilterra, ma in Italia che la maggior parte dei studi sull'estratto e sulla visione del mirtillo sono stati eseguiti, principalmente verso la fine degli anni 80. Uno studio ha raggiunto un successo senza precedenti di 97% nella progressione esitante della cataratta facendo uso dell'estratto del mirtillo e della vitamina E. In un altro studio emozionante, il bilberryextract ha migliorato la visione in 75% degli oggetti miopi. Uno studio tedesco facendo uso di una combinazione di vitamina E ed antociani ha trovato una stabilizzazione della miopia o un miglioramento reale nell'acuità visiva nella maggior parte dei pazienti, mentre il gruppo di controllo ha mostrato ulteriore deterioramento. La natura progressiva della miopia è uno degli assiomi dell'oftalmologia tradizionale: una volta che diventate miope, più vecchio ottenete, più le miope che ottenete, richiedendo una più forte prescrizione ogni paio d'anni. Quindi, è vero rivoluzionario notare che un gruppo di flavonoidi naturali è stato indicato o all'arresto o persino invertire la progressione della miopia.
Noti prego: coloro che desidera sperimentare con l'estratto del mirtillo per invertire la miopia dovrebbero capire che non ci sia garanzia di questo beneficio. D'altra parte, c'è niente perdere, poiché è probabile che almeno il deterioramento progressivo della visione può essere arrestato. Inoltre, l'estratto del mirtillo ha molte altre indennità-malattia, tipiche per gli antiossidanti fenolici.

Di interesse speciale in varie patologie oftalmiche sono le proprietà anti-angiogeniche di determinati flavonoidi, quando questi phytonutrients sono utilizzati nella gamma corretta di dosaggio. Le catechine, gli antociani e le proantocianidine sono stati trovati per inibire la crescita dei vasi sanguigni anormali. Ciò sembra essere uno dei meccanismi attraverso cui i composti fenolici possono inibire la crescita e la diffusione dei tumori. Ma inoltre si applica alla crescita dei vasi sanguigni anormali in questione in “ha bagnato,„ o degenerazione maculare avanzata.

Ma forse il più grande nemico di buona salute dell'occhio è glicemia elevata. Non dovete essere diagnosticato con il diabete per subire un certo grado di danneggiamento dei vasi sanguigni minuscoli della retina (danno microvascolare) dovuto l'azione distruttiva di glucosio. Del siero del glucosio dei livelli aumento tipicamente con l'età. Oltre ad una dieta povera di carboidrati combinata con l'esercizio, può qualche cosa essere fatto? Qui ancora l'individuazione che i generi vari di glicemia più bassa dei polifenoli è di grande importanza.

Interessante, la medicina cinese raccomanda i lamponi per miglioramento della visione. Fine abbastanza: i lamponi contengono molti degli stessi flavonoidi dei mirtilli e dei mirtilli. Per miglioramento della visione, pensi in termini di bacche profondamente colorate (e probabilmente ciliege e prugne pure). Il vino rosso può anche aiutare: uno studio ha trovato che i bevitori del vino rosso erano 20% meno probabili sviluppare la degenerazione maculare. E poiché abbiamo citato la medicina orientale, il ginkgo anche è stato indicato per avere i benefici per la retina, grazie alle sue proprietà antiossidanti, la sua capacità sollevare i livelli del glutatione e suo potenziamento della barriera sangue-retinica. Per metterlo semplicemente, i vari flavonoidi potenti hanno simili effetti, se sul cervello, sulla vista o sul sistema vascolare.

Di nuovo, un ricordo che le verdure e/o i supplementi che contengono la luteina e la zeaxantina sono inoltre un imperativo se desiderate proteggere la vostra visione da deterioramento in relazione con l'invecchiamento. I rossi d'uovo sono una fonte ricca di luteina, come è spinaci. Vitamine E e C (800 mg/d) come pure zinco, inoltre sono stati documentati per contribuire ad impedire le cataratte. Inoltre, gli ormoni antiossidanti quali gli estrogeni e DHEA possono anche essere protettivi. Per concludere, il vinpocetine dell'alcaloide (un estratto della pochi vinca, minore della vinca) è un'aggiunta nuova di promessa all'arsenale crescente dei composti che possono contribuire a proteggere la nostra vista. L'acido grasso omega-3 conosciuto come DHA (docosaexanoico), pienamente presente in olio di pesce, inoltre sembra essere importante per la visione proteggente. Quando usate vari supplementi protettivi sono usati, abbassate le vostre probabilità di sviluppare le cataratte senili “inevitabili„ ed altri problemi relativi all'età dell'occhio.

Riferimenti

Effetto antiossidante di Asgary S et al. dei flavonoidi sulla glicosilazione dell'emoglobina. Acta Helv 1999 di Pharma; 73:223-6.

Atkins R. La soluzione della Vita-sostanza nutriente. Simon e Schuster, 1999, pp. 310-311.

Gli effetti protettivi di Bagchi D et al. dell'uva seminano le proantocianidine e gli antiossidanti selezionati contro da perossidazione lipidica indotta TPA del cervello ed epatica e frammentazione del DNA e l'attivazione peritoneale del macrofago in topi. Gen Pharmacol 1998; 30: 771-6.

Panettiere ME. Flavonoidi come ormoni. Una prospettiva da un'analisi dei fossili molecolari. Adv Exp Med Biol 1998; 439:249-67.

Il PC di Bickford et al. è a dieta su in antiossidanti può invertire i declini relativi all'età nelle funzioni ed in apprendimento motorio beta adrenergici cerebellari del ricevitore. La carta ha presentato alla riunione annuale delle 1999 ETÀ, Seattle.
Invecchiamento di Buee L. Cerebrovascular. Therapie 1999; 54:155-65.

Cambiamenti Hyperoxia indotti del cao G et al. nella capacità antiossidante e nell'effetto degli antiossidanti dietetici. J Appl Physiol 1999; 86:1917-22.

Tannini e sanità di Chung KT et al.: una rassegna. Rev Food Sci Nutr 1998 di Crit; 38:421-64.
Effetti di Hampson E, di Kimura D. Reciprocal delle fluttuazioni ormonali sul motore umano ed abilità percettivo-spaziali. Behav Neurosci 1988; 102:456-9.

Modifiche della membrana e del ricevitore di Joseph JA et al. di vulnerabilità ossidativa di sforzo nell'invecchiamento. Considerazioni nutrizionali. Ann NY Acad Sci 1998; 854:268-76.

Re A, giovane G. Characteristics ed avvenimento dei phytochemicals fenolici. Dieta Assoc 1999 di J; 99:213-8.

Accumulazione Età-dipendente di Li JJ et al. dei prodotti finiti avanzati della glicosilazione in neuroni umani. Neurobiol che invecchia 1995; 16:69-76.

Mian E et al. Anthocyanosides e le pareti dei microvessels: aspetti ulteriori del meccanismo di azione del loro effetto protettivo nelle sindromi dovuto fragilità capillare anormale. Minerva Med 1977; 68:3565-81.

L'azione antiossidante di Nagata H et al. dei flavonoidi, quercetina e catechina, ha mediato dall'attivazione di glutatione perossidasi. Med 1999 di Tokai J Exp Clin; 24:1-11.

Paasche G et al. Il contenuto del glutatione delle cellule (glial) retiniche del Muller: gli effetti di invecchiamento e dell'applicazione degli organismi saprofagi libero radicali. Ricerca oftalmica 1998; 30:351-60.

Imballatore L e Colman C. The Antioxidant Miracle. John Wiley e Sons, 1999.

L'imballatore L et al. attività antiossidante e proprietà biologiche di un di un estratto ricco procyanidin dal pino scorteccia, Pycnogenol. Med libero 1999 di biol di Radic; 27:704-24.

Politzer M. Experiences nel trattamento medico di miopia progressiva. Klin Monatsbl Augenheilkd 1977; 17:616-9.

Azione di Robert et al. degli antociani dei myrtillis del vaccinio sulla permeabilità della barriera ematomeningea. Med 1977 di J; 8:321-32.

Prevenzione di Sakagami H et al. delle malattie orali dai polifenoli. In vivo 1999; 13:155-7.
Sasaki N et al. ha avanzato i prodotti finiti di glycation nel morbo di Alzheimer ed in altri disordini neurodegenerative. J Pathol 1998; 153:1149-55.

Prevenzione Shukitt-sana di B et al. ed inversione del motore relativo all'età e dei deficit comportamentistici conoscitivi con le diete antiossidanti. La carta ha presentato alla riunione annuale delle 1999 ETÀ, Seattle.
Thompson, relazione di LU et al. fra l'assunzione del polifenolo e la risposta della glicemia degli individui normali e diabetici. J Nutr 1984; 39:745-51.

Inverno JC. Gli effetti di un estratto di ginkgo biloba su comportamento e sulla longevità conoscitivi nel ratto. Physiol Behav 1998; 63:425-33.

Citazioni da Shukitt-sano - “una buona punta di nutrizione della bacca,„ bollettino di AARP, novembre 1999, p.15; Notizie di salute di Reuters, il 12 settembre 1999.



Di nuovo al forum della rivista