Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine marzo 2000

Q & A


immagine“K„ nel tè?
Non abbastanza da preoccuparsi circa

Q recentemente, ho trovato i cronisti di una salute che hanno detto che il tè verde ha molta vitamina K e che la gente mi gradisce che prende Coumadin non dovrebbe berlo. È questo vero?

Le informazioni che leggete sembrano essere antiquate. Secondo i ricercatori all'università dei ciuffi, il tè ed il caffè fatti non hanno vitamina K sufficiente da preoccuparsi più. Tuttavia, le capsule del tè verde possono. Se state prendendo un diluente del sangue, informi il vostro medico se voleste prendere le capsule del tè verde, come la vostra dose può avere bisogno di di essere regolato per rappresentare la vitamina K.


Q c'è dell'affiliazione fra prolungamento della vita e Durk Pearson & Sandy Shaw, autori del prolungamento della vita del libro? Come posso imparare più circa la ricerca di Sandy e di Durk?

A nel passato, Durk e sabbioso hanno contribuito ad alcuni dei nostri bollettini ed alla rivista del prolungamento della vita. Il prolungamento della vita inoltre è conceduto una licenza a per fabbricare varie delle loro formulazioni uniche. Potete trovare alcuni dei loro contributi scritti cliccando qui.

La Q il vostro articolo di I3C nell'emissione di ottobre della rivista del prolungamento della vita non sembra discutere le domande dell'uso di I3C contro il tamoxifene una volta usata come terapia adiuvante per i pazienti con cancro al seno conosciuto. Potete fornire il backup/riferimenti scientifici per le vostre conclusioni come scritto in vostro articolo, di interesse agli oncologi medici che attualmente stanno prescrivendo il tamoxifene per i loro pazienti di cancro al seno come terapia adiuvante dopo la mastectomia?

Non intendiamo comunicare la distinzione che I3C è una sostituzione di tamoxifene per i pazienti con i cancri attuali. Le informazioni presentate erano solamente di informare il lettore dei benefici possibili di I3C come un ruolo che preventivo e possibile può svolgere come oggetto ausiliario. Infatti, raccomandiamo che la maggior parte dei pazienti di cancro al seno considerino due anni di terapia farmacologica di tamoxifene se il loro medico lo prescrive. Qui sono alcuni riferimenti complementari per quanto riguarda I3C:

- Ricerca 1999 Mar15 del Cancro; 59(6): 1244-51
- Curr Med Chem 1998 dicembre; 5(6): 469-91
- Supplemento 1997 di biochimica delle cellule di J; 28-29: 111-6
- J biol Chem 1998 13 febbraio; 273(7): 3838-47
- Ricerca anticancro 1997 novembre-dicembre; 17 (6D): 4333-7
- Cancro Lett 1997 16 settembre; 118(1): 87-94
- J Cancro Inst 1997 21 maggio nazionale; 89(10): 718-23




Di nuovo al forum della rivista