Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine maggio 2000


immagine



Continuazione di: Miglioramento della funzione conoscitiva


“Viagra„ per il cervello

In primo luogo presentato 22 anni fa in Ungheria per il trattamento di disordine vascolare di demenza-un derivare dal flusso sanguigno insufficiente al tessuto-vinpocetine del cervello ha guadagnato gradualmente la popolarità come “droga astuta europea.„ Recentemente è diventato disponibile negli Stati Uniti. È un supplemento neuroprotective di promessa e un ripetitore conoscitivo. È interessante che il vinpocetine ha un simile meccanismo di azione come Viagra. Entrambi sono conosciuti per essere efficaci inibitori della fosfodiesterasi. Cioè funzionano per migliorare il flusso sanguigno inibendo un enzima nella famiglia della fosfodiesterasi. Secondo le aspettative, il beneficio principale del vinpocetine è un miglioramento in flusso sanguigno cerebrale. Più sangue che raggiunge le cellule cerebrali significa la migliore ossigenazione, nutrizione e spreca il rimozione-tutto di quale aggiunge alla funzione più giovanile del cervello.
Vinpocetine inoltre è stato trovato per migliorare il trasporto di glucosio (sia assorbimento che rilascio) attraverso la barriera ematomeningea. La produzione di energia cellulare bassa è forse il fattore primario che è alla base di tutta la degenerazione in relazione con l'invecchiamento del cervello. Inoltre, il vinpocetine è stato indicato per aumentare la portata del riscaldamento di determinati tipi di neuroni noradrenergic, in grado di spiegare un meccanismo della sua azione come ripetitore conoscitivo. Il potenziamento di flusso sanguigno e di produzione di energia significa che il vinpocetine è raccomandato specialmente per la gente di cui la disfunzione conoscitiva stacca principalmente da flusso sanguigno insufficiente al cervello. Vinpocetine inoltre mostra che la promessa nell'aiuto previene danni to la visione, particolarmente degenerazione maculare a secco. Vinpocetine sembra similarmente migliorare il flusso sanguigno all'orecchio interno, così proteggendo l'udienza. Interessante, il vinpocetine è stato trovato similarmente per neutralizzare la cinetosi dello spazio. Può anche proteggere parzialmente dal danno derivando dal glutammato in eccesso e da altri excitotoxins. Una nuova proprietà neuroprotective del vinpocetine è stata scoperta appena: può abbassare la produzione delle citochine infiammatorie. Insieme ad altri inibitori della fosfodiesterasi, il vinpocetine è stato indicato per abbassare la produzione dal microglia di un composto infiammatorio importante conosciuto come l'fattore-alfa di necrosi del tumore (TNF-alfa). Alcuni clinici alternativi ritengono che se potessimo vero controllare l'infiammazione, potremmo impedire il morbo di Alzheimer. Questa vista è basata sull'efficacia provata degli anti-infiammatori quale ibuprofene nell'riduzione del rischio di morbo di Alzheimer. Il problema con gli anti-infiammatori farmaceutici comunemente usati è i loro effetti collaterali. Vinpocetine ed altri anti-infiammatori naturali (olio di pesce, vitamina E, estrogeni, molti antiossidanti compreso l'estratto del mirtillo e catechine del tè verde) sembrano essere un'alternativa non tossica. Vinpocetine è un alcaloide, nella stessa famiglia della caffeina e del nicotina, entrambi conosciuti per essere rinforzatori conoscitivi molto efficaci. Il nicotina aumenta il rilascio di acetilcolina e di dopamina e migliora sia il richiamo a breve termine che il potenziamento a lungo termine. Ma mentre la caffeina ed il nicotina ciascuna hanno svantaggi ben noti, il vinpocetine sembra essere sicuro e non inducente al vizio. Non sarebbe sorprendente se il vinpocetine dividesse i benefici protettivi del nicotina contro il morbo di Alzheimer e la malattia del Parkinson, senza il problema di dipendenza. Un vantaggio collaterale interessante del vinpocetine è che inoltre è stato trovato per proteggere sia da danno gastrico che cerebrale indotto dall'alcool, dai problemi del rene causati da vasocostrizione renale e da danno retinico causato dal virus dell'epatite B.


immagineMiglioramento della memoria a breve termine

Un altro rinforzatore naturale di memoria, l'estratto di Huperzine A-an dal club cinese muschio-appare mantenere i livelli elevati dell'acetilcolina inibendo l'acetilcolinesterasi, l'enzima che riparte l'acetilcolina. Mentre sembra essere un agente ausiliario di promessa nel trattamento del morbo di Alzheimer, è ancora troppo in anticipo per dire se è desiderabile per la gente che ha soltanto deficit secondario di memoria. Huperzine A è un grande ripetitore di memoria a breve termine che può essere le dosi contenute di 50 mcg alla prima cosa di mcg 100 di mattina per le situazioni speciali dove la funzione conoscitiva massima è richiesta. Mentre Huperzine A sembra essere sicuro per le situazioni speciali, l'uso quotidiano potrebbe causare uno squilibrio del neurotrasmettitore che potrebbe condurre alle complicazioni indesiderabili quale sovraccarico dell'acetilcolina. Huperzine A non dovrebbe essere richiesto più di alcune volte un la settimana al massimo.


Ormone della memoria e del buonumore

Pregnenolone è stato scoperto durante gli anni 30 ed estesamente è stato studiato inizialmente, specialmente in relazione al rendimento di lavoro e come terapia per l'artrite. Poi si è sbiadito in oblio mentre altri ormoni, forme considerevolmente sintetiche del cortisone, sono diventato più d'avanguardia, per non menzionare lucrativo per l'industria dei farmaci. Ora stiamo testimoniando un risveglio di interesse dentro pregnenolone-dopo 60 anni, stiamo guadagnando la popolarità accanto a DHEA. Pregnenolone funziona in gran parte come pro-ormone. Prodotto soprattutto nelle ghiandole surrenali, è inoltre il precursore primario di tutte le ormoni steroidei, il primo ormone da formare da colesterolo, la materia prima per tutti gli steroidi. I livelli di pregnenolone vanno giù con invecchiamento. Prima che siamo 75, abbiamo soltanto 40% del pregnenolone che abbiamo avuti quando eravamo 35. Oltre ad invecchiamento, allo sforzo, alla malattia, all'ipotiroidismo, all'esposizione alle tossine ed alla depressione che tutto il risultato in pregnenolone basso livella. I pazienti che soffrono dalla depressione sono stati trovati per avere livelli di pregnenolone più di meno della metà quelli trovati in persone nondepressed. Questi livelli in diminuzione di pregnenolone sono stati trovati sia nella depressione unipolare che bipolare (il disordine maniaco-depressivo). Nella lavoro-prestazione studia, sottopone il migliore umore riferito quando prendono il pregnenolone. Come estrogeno e DHEA, il pregnenolone sembra avere un effetto piacevolmente stimolatore sul cervello, facente uno sharp di tatto senza quello metallico, sensibilità agitata che può venire da troppa caffeina, per esempio.
Mentre molta gente sa che DHEA ed il suo solfato, DHEA-S, sono molto abbondanti nel cervello, pochi sanno che i livelli del cervello di pregnenolone e di solfato di pregnenolone sono 10 volte più alte delle quelle di DHEA. Pregnenolone ha potuto essere chiamato il nostro neurosteroid primario. È prodotto non solo nelle ghiandole surrenali, ma anche nel cervello-un che trova in primo luogo riferito dal ricercatore steroide francese famoso, il Dott. Etienne-Emile Baulieu. Il sistema nervoso periferico può anche fabbricare il pregnenolone, possibilmente allo scopo di mantenere la guaina di mielina. Pregnenolone è piuttosto come ginseng. Migliora l'energia, la resistenza e la capacità fare fronte allo sforzo. Gli studi facendo uso degli operai, degli studenti di college e della linea aerea pilota tutti hanno trovato che il pregnenolone efficacemente neutralizza l'affaticamento. Quando siete nell'ambito dello sforzo, il pregnenolone vi dà un bordo extra. Quando siete rilassato, tuttavia, tendete a non ritenere molta differenza. Ciò può essere particolarmente vero per i giovani. Gli anziani, che sono più seriamente carenti, sembrano apprezzare più acutamente la spinta extra dell'energia dei pregnenolone. Negli anni 40, è stato stabilito che il pregnenolone facilitasse imparare e ci aiutasse ad eseguire tutto il compito in cui la memoria è implicata. Ma il reclamo principale dei pregnenolone a fama è il fatto che questo pre-ormone è stato trovato per essere il ripetitore di memoria più efficace eppure è stato scoperto negli studi sugli animali. È stato indicato per aumentare il rilascio di acetilcolina e per modulare i ricevitori di NMDA (aspartato/glutammato) in un modo che suggerisce che il pregnenolone stimolasse la comunicazione colinergica centrale. Inoltre sembra modulare l'attività enzimatica, calcio-ione attraversa le membrane cellulari, il volume d'affari della proteina ed altre reazioni complesse in questione nella funzione di memoria. Insieme a DHEA, il pregnenolone inoltre sincronizza l'infornamento dei neuroni. Un declino in pregnenolone così rende tutta la funzione mentale più difficile. C'è una certa prova aneddotica che suggerisce che il pregnenolone possa essere particolarmente efficace in donne anziane come restauratore di energia e di chiarezza mentale e come antidepressivo. Anche una piccola quantità di pregnenolone supplementare può colpire la qualità di sonno. La maggior parte dei studi trovano che il pregnenolone, come DHEA, aumenta la quantità di sonno di rem, che sembra essere gioco un il ruolo nella formazione di memoria. Come progesterone, il pregnenolone è inoltre importante per la riparazione il cervello e del midollo spinale nel caso della lesione. Pregnenolone è un precursore a progesterone nel corpo. Cautela: Gli uomini diagnosticati con carcinoma della prostata si consigliano di evitare il pregnenolone a causa della possibilità della conversione negli androgeni.

Gli effetti della carenza

Un'area che stiamo cominciando a mala pena a studiare è l'influenza dei pregnenolone sui vari enzimi. Uno dei gruppi degli enzimi stimolati dal pregnenolone è il sistema degli enzimi del citocromo P-450, una difesa importante contro le varie tossine ed agenti cancerogeni. Quindi, aiutando il fegato disintossichi gli agenti cancerogeni, aiuti di pregnenolone proteggono da cancro. Come molti altri steroidi, il pregnenolone inoltre sembra modulare la risposta immunitaria. I bassi livelli di pregnenolone in individui invecchiati correlano con la depressione, il declino conoscitivo ed il tasso aumentato di cancro. La sintesi del pregnenolone è ostacolata similmente, quando il colesterolo eccessivamente è abbassato e così, noi vede la depressione, il danno conoscitivo e più cancro.
I livelli di Pregnenolone in donne premenopausa sono stati trovati per essere il più alto durante la fase luteale (del progesterone) del ciclo mestruale. Le vittime di PMS hanno riferito il sollievo dai loro sintomi quando usano il pregnenolone. Poiché il PMS è in gran parte un disordine infiammatorio, questa azione può essere dovuto gli effetti antinfiammatori dei pregnenolone. L'effetto d'equilibratura dell'ormone globale può anche essere implicato, specialmente la conversione in progesterone.immagine
Allo stesso tempo, come DHEA e progesterone, il pregnenolone sembra proteggere dalle conseguenze distruttive di cortisolo elevato, come indebolimento del sistema immunitario. I livelli del cortisolo aumentano con invecchiamento, mentre i livelli di pregnenolone diminuiscono. Probabilmente quello più vecchio ottiene, più cruciale è di prendere sia DHEA che il pregnenolone per correggere questo squilibrio fra l'pro-ossidante, gli ormoni di sforzo neurotossici e gli steroidi utili.
È possibile che gli effetti antinfiammatori dei pregnenolone contribuiscano a proteggere dal morbo di Alzheimer, che ha una profonda componente infiammatoria.

Ripetitori del cervello

Ci sono vari altri supplementi che possono migliorare il vostro programma di longevità del cervello. Fra questi è l'alfa acido lipoico, che è sia un rinforzatore antiossidante che metabolico ed è emerso come nuova stella. Si unisce dai energia-rinforzatori neuroprotective: acetile-L-carnitina e coQ10. Il sistema nervoso inoltre ha bisogno dei benefici degli antiossidanti e degli anti-infiammatori quale la vitamina E, indicati non solo per proteggere le membrane ma anche per ristabilire i ricevitori nocivi del neurotrasmettitore e l'olio di pesce. Dopo tutto, il cibo del pesce è stato documentato per correlare con un più a basso rischio drammatico del morbo di Alzheimer. I regimi di Neuroprotective dovrebbero anche includere le catechine in estratto del tè verde e/o le proantocianidine in estratto del seme dell'uva ed i simili composti in estratto del mirtillo. Il ginkgo ad alta potenza inoltre altamente è raccomandato. Oltre ad essere un rinforzatore conoscitivo documentato, recentemente è stato trovato per estendere la durata in ratti. Il miglioramento nei pazienti del morbo di Alzheimer è stato notato con le dosi di 240 mg e più su.

immagine
L'alfa acido lipoico è emerso come nuova stella in cervello che amplifica, oltre ai energia-rinforzatori neuroprotective quali acetile-l-carnitina e CoQ10.

Ottenere abbastanza sonno e resto è estremamente importante. Dobbiamo anche approntare le misure per ridurre il cortisolo, che ha effetti neurotossici. La riduzione di sforzo e di meditazione è le efficaci misure, come sono supplementi quali DHEA, il pregnenolone e KH3. Sforzo cronico, oggi lo stato quotidiano di milioni, cause un aumento in radicali liberi (sia ossigeno che basato a ossido nitrico) e citochine infiammatorie. La maggior parte dei composti citati qui sono fortunatamente entrambi gli antiossidanti ed anti-infiammatori eccellenti; la vitamina E e le catechine del tè verde sono esempi stellari. Per concludere, la vitamina C è estremamente importante per il cervello. Oltre al funzionamento come antiossidante, inoltre migliora la sintesi dei neurotrasmettitori chiave, compreso acetilcolina e dopamina. Gli aiuti della niacina (B3) inoltre fabbricano i neurotrasmettitori, compreso il GABA calmante. Interessante, ancora un altra vitamina di B, la tiamina (vitamina B1) è risultato essere un antiossidante potente, aiutante altri antiossidanti quale la vitamina E per distruggere i radicali liberi.

Conclusione

Ricordi: a meno che rallentiate il vostro invecchiamento, l'invecchiamento sta andando rallentarvi giù. Vi farà sempre più fisicamente e mentalmente - disabile, lento, dimentico e depresso, infine facendo la vita non sembrare degno vivere. Fortunatamente, potete combattere indietro con lo stile di vita, la giusta dieta ed i giusti supplementi.


Riferimenti

La glicerilico-fosforilcolina cronica di Aleppo G et al. aumenta la formazione del fosfato dell'inositolo nelle fette del cervello e nelle culture di un neurone. Pharmacol Toxicol 1994; 74:95-100.

Neurotrasmissione colinergica di Amenta F et al. nell'ippocampo dei ratti invecchiati: influenza del trattamento della glicerilico-fosforilcolina. Ann NY Acad Sci 1993: 695:311-3.

La serina fosfatidilica di Borghese cm et al. aumenta l'efficacia sinaptica hippocampal. Brain Res 1993; 31:697-700.

Effetti di Bronzetti E et al. di lesioning ipsilaterale dei magnocellularis di basalis del nucleo e del trattamento della glicerilico-fosforilcolina sull'acetiltransferasi e sull'acetilcolinesterasi nella corteccia anteriore-parietale del ratto. Neurosci Lett 1993; 164:47-50.

L'amministrazione della Glicerilico-fosforilcolina di Ceda CP et al. aumenta le risposte dell'ormone della crescita a GHRH di giovani ed oggetti anziani. Ricerca 1992 del metabolismo di Horm; 24:119-21.

L'amministrazione della Glicerilico-fosforilcolina del GP di Ceda et al. aumenta la risposta dell'ormone della crescita a GHRH nei giovani ed oggetti anziani. Ricerca 1992 del metabolismo di Horm; 24: 119-21.

La disponibilità prenatale di Cermak JM et al. di colina altera lo sviluppo di acetilcolinesterasi nell'ippocampo del ratto. Sviluppatore Neurosci 1999; 21:94-104.

Chalimoniuk m., Strosznaider JB. L'invecchiamento modula i livelli della sintesi e del cGMP dell'ossido di azoto in ippocampo e cervelletto. Mol Chem Neuropathol 1998; 35:77-95.

Glicerilico-fosforilcolina e glycerophosphorylethanolamine di Coccoli C.: la loro preparazione ed usi (il pamphlet del produttore)

Alterazione relativa all'età Cohen SA et al. nelle proprietà del NMDA-ricevitore nel forebrain del topo: ripristino parziale dal trattamento fosfatidilico della serina. Brain Res 1992; 584:174-80.

Cooney C e Lawren B. Methyl Magic. Andrews McMeel Publishing, 1999; citazione circa la segnalazione chimica della membrana e della colina, P. 132.

Il completamento dietetico della colina di Coutcher JB et al. aumenta la densità delle sedi del legame del nicotina nel cervello del ratto. J Pharmacol Exp Ther 1992; 262:1128-32.

Effetti del truffatore T et al. di serina fosfatidilica nel danno età-collegato di memoria. Neurologia 1991; 4:644-9.

Effetti del truffatore T et al. di serina fosfatidilica nel morbo di Alzheimer. Toro 1992 di Psychopharmacol; 28:61-66.

Di Perri R et al. Una prova multicentrata per valutare l'efficacia e la tollerabilità della glicerilico-fosforilcolina contro il diphosphocholine della citosina in pazienti con demenza vascolare. J Int Med Res 1991; 19:330-41

Dolby V. Pregnenolone. Keats che pubblica, 1998.

Fallbrook et al. una colina fosfatidilica ed i metaboliti fosfatidilici dell'etanolammina può regolare il catabolismo del fosfolipide del cervello via inibizione di attività di lysophospholipase. Brain Res 1999; 834:207-10.

Sommerga JF et al. chemigliora gli effetti in di topo maschio del pregnenolone e steroidi derivati metabolicamente da. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 1992; 89:1567-71.

L'esposizione acuta e cronica di Fujii S et al. del nicotina differenziale facilita l'induzione di LTP. Brain Res 1999; 846:137-143.

Studio di prova alla cieca di Funfgeld EW et al. con serina fosfatidilica in pazienti parkinsoniani con demenza senile del tipo di Alzheimer. Ricerca 1989 di biol di Clin del progesterone; 317:1235-46.

Gatti G et al. Uno studio comparativo della colina libera del plasma livella la somministrazione intramuscolare seguente della glicerilico-fosforilcolina e del citicoline in volontari normali. Int J Clin Pharmacol Ther Toxicol 1992; 30:331-5.

L'amministrazione difosfata della colina della citidina di Gimenez R et al. attiva il trifosfato della citidina del cervello: cytidylytransferase di phosphocholine in ratti invecchiati. Neurosci Lett 1999; 273:163-6.

Assorbimento di Gulyas B et al. e metabolismo cerebrali del vinpocetine in scimmie: Studi dell'ANIMALE DOMESTICO. Orv Hetil 1999; 140:1687-91.

La caffeina di Hogervorst E et al. migliora la prestazione conoscitiva dopo l'esercizio fisico gravoso. Med 1999 di sport di Int J; 20:354-61.

Il nutriture folico di Jacob RA et al. altera lo status di donna della colina e gli uomini hanno alimentato le diete basse della colina. J Nutr 1999; 129:712-7.

Khalsa DS. Brain Longevity. Warner Books, 1997.

Kidd PM. Una rassegna delle sostanze nutrienti e dei botanicals in gestione integrante di disfunzione conoscitiva. Altern Med Rev 1999; 4:144-61.

Koyama Y et al. Come la distensione della vescica urinaria causa il risveglio? Psichiatria Clin Neurosci 1998; 52:142-5.

Lillestl IK et al. che si rilassa gli effetti di GMP ciclico e degli agenti dimiglioramento del composto ciclico sulla contrazione duratura a endothelin-1 nell'arteria coronaria porcina. Il laboratorio di Scand J Clin investe 1998; 58:625-34.

Martinez m., composizione di in acidi grassi di Mougan I. dei fosfolipidi del cervello umano durante lo sviluppo normale. J Neurochem 1998; 71:2528-33.

Cambiamenti organizzativi di Meck WH et al. nell'attività colinergica e nella memoria visuospatial migliorata in funzione di colina amministrata prenatale o dopo la nascita o di entrambe. Behav Neurosci 1989; 103:1234-41.

Meier-Ruge WA, lesioni del genoma di Bertoni-Freddari C. Mitochondrial nella patogenesi del morbo di Alzheimer sporadico. Gerontologia 1999; 45:289-97.

Molnar P et al. Il danno di potenziamento a lungo termine in ratti con la lesione settale mediale e del suo ripristino dai rinforzatori conoscitivi. Neurobiologia 1994; 2:225-66.

Monteleone P et al. che smussa tramite l'amministrazione fosfatidilica cronica della serina dell'attivazione indotta da stress dell'asse hypothalamo-ipofisi-adrenale negli uomini in buona salute. EUR J Clin Pharmacol 1992; 42:385-8.

“Oltre 75 più ripidi mentali di declino di quanto preveduto.„ Salute di Reuters, il 3 novembre 1999.

Imballatore L e Colman C. The Antioxidant Miracle. John Wiley e Son, 1999.

Pallares m. et al. Il solfato di pregnenolone del neurosteroid ha infuso nel rilascio dell'acetilcolina di aumenti di basalis del nucleo sia nella corteccia frontale o amigdala che memoria spaziale. Neuroscienza 1998; 87:551-8.

Filtri l'effetto di Y et al. dei phytoestrogens della soia e di estradiolo sui mRNAs di fattore di crescita dell'acetiltransferasi e del nervo di colina nella corteccia frontale e nell'ippocampo dei ratti femminili. Med 1999 di biol di Proc Soc Exp; 221:118-25.

Parnetti L et al. studio multicentrato della l-alfa-glicerilico-fosforilcolina contro ST200 fra i pazienti con demenza senile probabile del tipo di Alzheimer. Drugs & Aging, 1993; 3:159-64.

Il completamento dietetico prenatale della colina di Pyapali GK et al. fa diminuire la soglia per induzione di potenziamento a lungo termine in giovani ratti adulti. J Neurophysiol 1998; 79:1790-96.

Regelson W, Colman C. The Superhormone Promise. Simon e Schuster, 1996.

Glicerilico-fosforilcolina di Sangiorgi GB et al. nel recupero mentale degli attacchi ischemici cerebrali. Ann NY Acad Sci 1994; 717:253-69.

Meccanismi molecolari di Schettini G et al. per la mediazione degli effetti della glicerilico-fosforilcolina, una nuova droga dimiglioramento, sui parametri comportamentistici e biochimici in giovani ed in ratti invecchiati. Biochimica Behav 1992 di Pharmacol; 43:139-51.

Sicurella L et al. ha evocato le modifiche visive di potenziali negli oggetti trattati con la glicerilico-fosforilcolina. Il pamphlet del produttore.

Effetti cerebrali di Szakall S et al. di un d'una sola dose del vinpocetine endovenoso nei pazienti cronici del colpo: uno studio dell'ANIMALE DOMESTICO. J Neuroimaging 1998; 8:197-204.

Szutowicz et al. un ruolo chiave del acetile-CoA in citoplasma dei terminali del nervo nelle perturbazioni del metabolismo dell'acetilcolina nel cervello. Folia Neuropathol 1997; 35:241-3.

Vallee m. et al. Neurosteroids: la prestazione conoscitiva carente in ratti invecchiati dipende ai bassi livelli del solfato di pregnenolone nell'ippocampo. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 1997; 94:14865-70.

Warburton dm. Effetti di caffeina su cognizione e sull'umore senza astinenza della caffeina. Psicofarmacologia 1995; 119:66-70.

Wecker L. Influence di disponibilità dietetica della colina e della richiesta di un neurone sulla sintesi dell'acetilcolina dal cervello del ratto. J Neurochem 1988; 51:497-504.

Effetti di Wecker L. Neurochemical del completamento della colina. Può J Physiol Pharmacol 1986; 64:329-33.

Weinman B et al. studia sulla guarigione arrotolata: effetti del D-pantotenato del calcio sulla migrazione, sulla proliferazione e sulla sintesi delle proteine dei fibroblasti cutanei umani nella cultura. Ricerca 1999 di Nutr della vitamina di Internat J; 69:113-19.

Effetti di Yoshikawa m. et al. degli inibitori della fosfodiesterasi su produzione di citochina da microglia. Mult Scler 1999; 5:126-33.



Di nuovo al forum della rivista