Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine settembre 2000

immagine

immagine Poca gente capisce i ruoli multipli che giochi di rame nei processi vitali di regolamento. Troppo poco rame può essere letale, mentre gli importi in eccesso possono causare la malattia seria. Il rame è richiesto per forza dell'osso, maturazione del globulo, il trasporto del ferro, il metabolismo del glucosio, la contrazione del muscolo del cuore, i meccanismi di difesa ospite e lo sviluppo del cervello. Il dilemma è che mentre ingerire un gran numero di rame è pericolosa, evitare la carenza di rame è un imperativo. Qui, l'equilibrio e l'istruzione sono chiave.

Il dilemma di rame

Il rame è un catalizzatore che facilita l'azione di una serie di proteine ed enzimi importanti. Per esempio, un enzima rame-contenente chiave è superossido dismutasi (ZOLLA), che tiene l'ossidazione eccessiva nel controllo pulendo gratis i radicali e distruggendoli. Il rame è necessario inoltre da sostenere la funzione della ceruloplasmina (CP), una proteina ditrasporto importante che è presente in molti tessuti compreso il fegato ed i polmoni, in cui svolge un ruolo antiossidante critico. Alcuni studi che hanno esaminato i ratti, i topi ed i babbuini dimostrano che il CP aiuta nello sviluppo del polmone ed è essenziale per ospitare la difesa contro danno e l'infezione ossidativi polmonari.(1,2) La ricerca in corso dall'università di California la B Davis Clinical Nutrition Research Unit ha trovato che la capacità dell'ossidasi lisil, un enzima rame-contenente, di fare il suo lavoro si riferisce direttamente ai livelli del rame del tessuto. L'enzima svolge un ruolo fondamentale nella reticolazione e nel regolamento di produzione della matrice e di maturazione extracellulari, ritocco connettivo vale a dire del tessuto e la riparazione arrotolata. Rami inoltre svolge un ruolo nella reticolazione delle fibre dell'elastina e del collagene, che aiuta nella ricostruzione del tessuto, quale nella riparazione arrotolata. Il metallo è nella stessa maniera inoltre vitale per integrità arteriosa, poiché tali fibre li circondano.

Ottenere il nostro materiale di riempimento

In un corpo normale, suggerisce la ricerca dal ministero dell'agricoltura degli Stati Uniti (usda), quando il rame dietetico è alto e più ottiene assorbente, tutto l'eccesso ottiene espulso nel tratto gastrointestinale per impedire il minerale l'accumulazione nel corpo. Contrario, se l'assunzione di rame è bassa, i rilasci del corpo più di meno del minerale da proteggere dalla carenza.(3) ma il meccanismo regolatore ha suoi limiti anche, in quanto il corpo non può prendere qualcosa da niente. Uno studio al centro occidentale dell'alimentazione umana a San Francisco ha concluso che, malgrado la capacità innata del corpo di impedire la carenza attraverso assorbimento di regolamento ed escrezione di rame, non può mantenere uno stato di rame sufficiente alle assunzioni di rame dietetiche basse. Hanno scoperto questo verificando fuori gli importi variabili di assunzione di rame dietetica sul 11 giovane su un periodo dei 90 giorni. Lo studio è stato diviso in tre periodi, con cui gli uomini hanno ricevuto 0,38 mg/d per i 42 giorni, 0,66 mg/d per i 24 giorni e in 2,49 mg/d per i 24 giorni. Mentre l'assorbimento di rame e l'escrezione hanno oscillato in risposta all'importo dell'assunzione, i ricercatori hanno trovato che era difficile affinchè il corpo mantenesse l'omeostasi di rame all'assunzione più bassa (0,38 mg/d).(4)

Nel frattempo, altri fattori si riferiscono all'assunzione di altri micronutrienti, quali zinco, il carboidrato, il ferro e la vitamina C, che colpiscono la biodisponibilità di rame. L'acido ascorbico (vitamina C) è stato trovato per contrapporrsi intestinalmente all'assorbimento di rame e può impedire il grippaggio della ZOLLA del superossido dismutasi dello rame-zinco del rame (Cu, Zn).(5) similarmente, zinco si oppone all'assorbimento di rame. In uno studio sugli animali che ha esaminato gli intestini di vari animali che erano stati alimentati gli importi differenti di zinco, i ricercatori hanno trovato che quegli animali che hanno esibito un'assunzione più bassa dello zinco hanno trasferito più rame da un medium nutriente attraverso le cellule mucose. Basicamente, è perché lo zinco induce la sintesi di un legante rame-legante, che sequestra il contenuto del rame e lo tiene dal trasferimento dalle cellule mucose dell'apparato digerente.(6) inoltre, la gente di cui le diete sono alte in zinco ed in basso in proteina sembra essere a rischio della carenza di rame.(7) la regola empirica è di ricambiare ogni 10 mg di zinco supplementare con 1 mg di rame, sebbene quel susciti inquietudine dell'eccesso di rame.

Uno studio 1988 dal dipartimento degli alimenti e nutrizione all'università di Georgia inoltre ha trovato che dopo l'alimentazione a ratti maschii di vari importi di rame, il ferro e la vitamina C per i 20 giorni, le alte assunzioni di ferro e/o la vitamina C hanno ridotto drammaticamente i livelli di rame. I risultati hanno indicato che l'assunzione della linea principale ha fatto diminuire l'assorbimento di rame in ratti rame-carenti, livelli elevati significativamente in diminuzione del rame del tessuto dell'assunzione della vitamina C in ratti con assunzione di rame adeguata e linea principale più l'anemia severa causata alta vitamina C in ratti rame-carenti, mentre la ceruloplasmina cadente livella in ratti rame-adeguati da 44%.(8)

immagineBenefici del completamento di rame

Così quanto rame è abbastanza per mantenere la salute ottimale e che importi per metal tossicità? Potreste pure chiedere a Phoenix un enigma, esperti direste. La difficoltà principale con l'instaurazione della quantità accettabile per assunzione quotidiana è stata che ci ancora non sono stati alcuni chiari indicatori per il contenuto di misurazione del rame nel corpo.(9) attualmente, strumenti di misura comprende i livelli del siero e le concentrazioni di rame nella ceruloplasmina. Secondo gli ss Parsifal, il Ph.D., un ricercatore all'università di dipartimento di scienza dell'alimentazione di Florida e dell'alimentazione umana, sebbene sia duro standardizzare fra gli individui, il migliore modo di valutazione dello stato di rame finora può essere ZOLLA del globulo rosso, da “se non c'è rame, quindi c'è meno attività enzimatica.„

Un altro fattore di confusione è che gli individui possono esibire i tassi differenti di assorbimento e di escrezione, dovuto la genetica, le disfunzioni e gli stati di malattia che possono autorizzare una dieta rame-limitata o inerentemente causare le perdite enormi o l'eccessiva conservazione di rame all'interno del corpo. Oltre a quale, solo perché noi mangiano degli gli alimenti ricchi di rame non traduce automaticamente in entrare abbastanza rame nei nostri corpi. Infatti, assorbiamo soltanto 30% - 40% della quantità di rame che consumiamo in alimento, suggeriamo la ricerca da Cornell University.(10) gli autori scrivono quello, al contrario, “la proteina ed i carboidrati solubili tendono a migliorare l'assorbimento e la biodisponibilità di rame migliorando la suoi solubilità e flusso in serie intestinale. Gli acidi organici, all'infuori di acido ascorbico, o degli agenti che formano i chelati a basso peso molecolare, sono probabili avere un effetto positivo su assorbimento di rame globale.„

Per quella materia, c'è la variabilità nell'assorbimento del minerale perché determinati organi immagazzinano e liberano il rame ai tassi differenti. Per esempio, le concentrazioni di rame sono più alte nel cervello e nel fegato, mentre circa 50% del contenuto del rame nel corpo umano è all'interno delle ossa e dei muscoli. Inoltre, i ricercatori all'università di Stato di Florida hanno trovato che, in risposta alla restrizione di rame dietetica, gli organi quale il cervello ed il cuore sono altamente efficienti ai depositi di rame di conservazione, ma che il fegato limiterà soltanto l'escrezione di rame dopo che la perdita sostanziale accade.(11) Così può essere ingannevole valutare lo stato di rame generale misurando il livello di rame in un organo particolare. Inoltre, uno studio di usda che esamina le 127 età delle donne e degli uomini 20-83, esaminando l'età ed il sesso per quanto riguarda l'assunzione di rame e l'assorbimento, trovati che l'assorbimento del rame era maggior in donne (71%) che negli uomini (64%) ha invecchiato 20-59 anni ma era non differente fra quelli di 60-83 anni. L'assunzione di rame dai mezzi dietetici diversi anche, poiché i livelli dell'assunzione erano 0.9-1.2 mg/d per le donne e 1.2-2.3 mg/d per gli uomini, eppure dai livelli di assorbimento non ha differito. Gli autori hanno concluso che i requisiti dell'ingestione dietetica potrebbero essere differenti fra i sessi.(12) Così il fatto è che, mentre la miriade del rame delle indennità-malattia è ben documentata, piccolo ancora è conosciuto circa i meccanismi che regolano il deposito del corpo del metallo essenziale.

Un'area che è chiara è che c'è una tendenza alla carenza marginale in paesi industrializzati, malgrado le nostre pance piene. Secondo gli scienziati al servizio di ricerca agricola dell'usda (ARS), che ha esaminato i dati da 849 diete negli Stati Uniti, nel Canada, in Gran Bretagna e nel Belgio, 61% di loro ha contenuto meno di 1,5 mg/d e quasi un terzo è sceso sotto il 1 segno di mg/d. Il RDA, che è una gamma piuttosto che un numero specifico, suggerisce che la gamma quotidiana dell'assunzione sia 1.5-3 mg/giorno. Le figure di usda rivelano che la dieta tipica degli Stati Uniti contiene non non più di 1,2 mg/d di rame e le donne sono in media 1 mg/giorno. Generalmente, le diete vegetariane sono più ricche di rame delle diete non vegetariane perché includono i dadi, i cereali, i funghi, interi ed i legumi. L'ironia è che le fonti animali sono il più ricco in rame, ma le scelte quali le ostriche, i granchi ed il fegato non fanno molto spesso il loro modo alla tavola.

Inoltre, alcune fonti probabili di rame non possono realmente imballare tan metallo come pensiamo. Secondo uno studio dall'università di dipartimento della Georgia degli alimenti e della nutrizione che hanno esaminato gli integratori alimentari, le formule infantili ed i prodotti a base di cereali pronti da mangiare, o non hanno contenuto un importo sufficiente o il contenuto del rame è stato bloccato da altre sostanze nutrienti sulla lista dell'ingrediente. Secondo i ricercatori, “le alte assunzioni di ferro, lo zinco o il manganese possono interferire con assorbimento di rame.„(13) Più di 25% della vitamina 18 e degli integratori minerali esaminati non ha contenuto rame, l'ossido rameico contenuto 40%, una forma che ha assorbimento basso e sotto 30% ha contenuto una forma altamente bioavailable, vale a dire solfato rameico o cloruro rameico. Quasi 40% dei 8 supplementi prenatali esaminati ha contenuto il ferro e lo zinco senza abbastanza rame. Più di 65% di 12 formule infantili ha avuto rapporti di ferro al 20:1 d'eccedenza di rame (10-17: 1 è raccomandato). Nessuno dei 42 prodotti a base di cereali pronti da mangiare sono stati fortificati con rame o manganese, sebbene includessero di meno che o circa 25% del requisito quotidiano di ferro e di zinco. Di conseguenza, la disponibilità di rame per mezzo di queste fonti dell'alimento è realmente limitata ed impedisce la capacità della gente di raggiungere un'assunzione quotidiana sufficiente di rame con i mezzi rigorosamente dietetici.

Oversupplementing, tuttavia, può tassare i livelli appropriati di altre sostanze nutrienti quali zinco e ferro. Uno studio recente pubblicato nella biologia del radicale libero e nella medicina(14) ha suggerito che ingerire fino a 7 mg/d di rame fosse sicura, dai suoi risultati ha dimostrato che una tal dose di rame non ha promosso il danno ossidativo. Infatti, gli autori di studio suggeriscono che quello consumare questa dose elevata di rame possa realmente proteggere i globuli rossi da danno del radicale libero. I ricercatori hanno verificato gli effetti di più alto completamento di rame in 26 individui sani, invecchiati 50-70, oltre tre intervalli di sei settimane della prova. Ciascuno di loro ha ricevuto una certa somma e una forma di rame per un periodo di sei settimane, ma non hanno preso alcuni supplementi di rame durante il periodo di sei settimane prima e dopo ciascuno dei tre periodi del completamento. La prima quantità di rame che hanno ricevuto durante la prima fase di prova di sei settimane era 3 mg/d CuSO (4); hanno preso il chelato della glicina del Cu di 3 mg/d (CuG) durante la seconda fase di prova; e un CuG di 8 mg/d è stato dato durante il periodo finale di studio. I risultati hanno indicato che un'assunzione di rame su come 7 mg/d non sono sembrato aumentare i livelli di attività della ZOLLA dello rame-zinco (Cu, Zn) in globuli rossi che si presenta solitamente in risposta alla presenza di radicali liberi, che sono costituiti dall'ossidazione. I risultati inoltre hanno rivelato che i globuli indicati hanno aumentato la resistenza alla rottura, suggerente che l'assunzione di rame elevata potrebbe realmente avere protetto i globuli contro l'ossidazione distruttiva.

immagineI pericoli dell'eccesso


Il rame ha potuto essere chiamato un paradosso nutritivo, dal suo merito inoltre costituisce la base del suo detrimento. Quando si tratta dell'aiuto o dell'ostacolare della salute, la natura ambigua del metallo si trova nel fatto che il rame è un pro-ossidante. Quello livelli significa che la sua buona reputazione per far del benee documento-aiutando il trasporto di ferro, impedente la trasformazione di buon grasso in cattivo grasso (perossidazione lipidica), aiutante le ferite a guarire-si macchia dalla sua associazione con l'incitamento l'attività del radicale libero e dal suo danno ossidativo successivo al cellulare, del tessuto e dell'organo.(15) Il danno ossidativo è stato implicato nell'invecchiamento come pure nello sviluppo di cancro, della malattia cardiaca e di molte altre malattie. Una certa prova indica i pazienti con la malattia di Wilson (un difetto genetico ereditato che causa un'accumulazione di rame e l'incapacità liberare il metallo), ha segni di perossidazione lipidica in loro fegati. La malattia di Wilson può provocare il danneggiamento del fegato, i reni, il cervello e gli occhi come pure l'anemia (dovuto assorbimento compromesso del ferro), l'itterizia e ammorbidire delle ossa. Alcuni pazienti inoltre sono stati conosciuti per sviluppare la cirrosi del fegato come conseguenza del danno ossidativo rame-mediato. I pazienti di infarto miocardico (MI) sono stati trovati per avere alti livelli del rame del plasma anche.(16) Sembra che il rame possa intensificare la risposta infiammatoria con l'ossidazione che può condurre ad aterosclerosi. Nel frattempo, l'altra prova, quale uno studio dall'università di Heidelberg, la Germania, suggerisce che dall'l'ossidazione indotta da rame possa svolgere un ruolo nello sviluppo del morbo di Alzheimer. Quello è perché il danno ossidativo rame-mediato è stato implicato nella promozione la tossicità di beta A4 (A beta) e del metabolization della proteina del precursore dell'amiloide (APP), due fattori di contributo alla patologia neurodegenerative.(17)

L'eccesso di rame è stato implicato in fegato ed in altre forme di cancro. La causa presunto è collegata all'azione di una proteina rame-legante citoplasmica. Quando i ricercatori all'università medica di Sapporo, Giappone hanno studiato il ruolo di accumulazione di rame nel cancro del fegato, hanno trovato che potrebbe produrre “un ambiente selettivo della crescita„ per le lesioni del cancro.(18) Similmente, i ricercatori all'università di Pittsburgh hanno concluso che il rame in eccesso potrebbe provocare il danno cellulare ed i carcinoma epatocellulari (HCC). Hanno trovato basicamente che i livelli del rame erano volta 2,2 più su in tumori e 1,7 volta su nei tumori circostanti del fegato. La ragione sembra essere che l'eccesso del rame abbassi l'attività dell'ossidasi della ceruloplasmina del siero (CP), che provoca la capacità compromessa di lavaggio del radicale libero e potenzialmente un aumento nel danno ossidativo.(19)

Nel frattempo, i ricercatori all'università del Michigan hanno pubblicato all'inizio di quest'anno uno studio nella ricerca sul cancro clinica del giornale(20) quel complemento questi altri risultati. Hanno mostrato come abbassare il contenuto globale del rame nei corpi dei malati di cancro potrebbe efficacemente arrestare la crescita dei tumori. L'idea ha provenuto da altri risultati di studio che indicano il ruolo del rame nel causare l'angiogenesi (il processo di coltura dei vasi sanguigni nuovi). Inoltre, la crescita del tumore sembra essere rifornita da rame, poiché usano il rame per costruire i vasi sanguigni minuscoli che alimentano il loro sviluppo. Amministrando una droga ha chiamato il tetrathiomolybate (TM), che è stato usato per curare i pazienti con la malattia di Wilson, ricercatori ha trovato che cinque su sei pazienti hanno avuti fermata della crescita del tumore. E perfino il sesto paziente in questa fase studio, tutti solo una di crescita fermata parecchi tumori. In uno studio precedente, spiega il Dott. George Brewer, professore del ricercatore del cavo della genetica umana e medicina interna all'università, hanno verificato la capacità della droga d'abbassamento di impedire lo sviluppo del cancro. I ricercatori hanno esaminato i suoi effetti in 37 topi che portano il gene del cancro al seno (BRAC), dando il TM a 22 dei topi per i 275 giorni, mentre li confrontavano a 15 comandi. I risultati indicano che mentre il TM non ha distrutto le cellule tumorali, che ancora siano comparso in mazzi, non sono continuato a formare i tumori. La quantità di riduzione di rame a che il fabbricante di birra sta riferendosi, tuttavia, non provoca la carenza autentica. Dice, “cellule ha un requisito di rame più basso che i tumori, così di che cosa stiamo parlando è una carenza di rame chimica rispetto ad una carenza di rame clinica.„

Il dilemma di carenza

Mentre la carenza severa non è creduta per essere un problema pubblico diffuso, la carenza marginale è prevalente, dato la dieta nordamericana tipica. Fino a popolazione in genere, sebbene, la carenza di rame è il più spesso il risultato “dei depositi di rame in diminuzione alla nascita, insufficiente dietetico di rame assunzione, assorbimento difficile, i requisiti elevati hanno indotto tramite crescita rapida o hanno aumentato le perdite di rame,„ suggerisca i ricercatori all'istituto di nutrizione e di tecnologia alimentare, università di Cile, Santiago.(21) Tuttavia, alcuni stati di salute possono predisporre gli individui sicuri alla carenza, quali nella prematurità, le sindromi di malassorbimento e le circostanze predisponenti alle eccessive perdite di rame.(22) Nella malattia di Menkes, per esempio, la sindrome rara è caratterizzata dall'incapacità di immagazzinare il rame. Dopo che i dati innumerevoli per capire questa circostanza, che non può essere aiutata dal mero completamento, l'ultima prova dall'istituto nazionale dei disturbi neurologici e dal colpo, istituti della sanità nazionali (NIH) suggeriscono che quelli che soffrono dalla malattia di Menkes possano essere carenti in enzima di rame, dopamina-beta-monossigenasi.(23) E ci sono effetti terribili che possono derivare dalla carenza di rame, varianti dall'anemia, le irregolarità del cuore e problemi circolatori, alle anomalie dell'osso e compromesso immune di funzione come pure funzionare male degli organi vitali quali il fegato, i reni, il cuore ed il cervello.(24)

La nuova ricerca dal centro dell'alimentazione umana di Grand Forks in Nord Dakota ha scoperto un collegamento fra la carenza di rame nella gravidanza ed i difetti neurologici nella prole degli animali da laboratorio, che possono avere implicazioni enormi per gli esseri umani. Durante la gravidanza, l'assunzione di rame sufficiente è essenziale per la crescita neurologica normale del feto. Consideri, dice l'autore principale ed il chimico all'ARS, Tom Johnson, Ph.D. della ricerca, che, “una riserva importante di rame è sviluppata nel fegato durante lo sviluppo fetale che gli aiuti rispondono all'esigenza del neonato di rame. Quindi, l'assunzione di rame adeguata durante la gravidanza è importante da assicurarsi che il feto acquisti il rame sufficiente per riempire questa riserva. Tuttavia, per la salute della madre, dovrebbe avere un'assunzione di rame di 1.5-3.0 mg/d successivi al parto e durante la lattazione.„ L'esigenza di rame nello sviluppo neurologico scende rame-contenere ed agli enzimi rame-dipendenti nel cervello.

La chinasi proteica C (PKC) per uno è un enzima rame-dipendente che è cruciale nel contribuire a mettere a punto il sistema nervoso. I ricercatori hanno studiato i livelli di PKC nei cervelli dei cuccioli del ratto cui le madri erano state alimentate una dieta rame-carente durante e per alcune settimane dopo la gravidanza. La dieta è stata definita mentre 1 mcg/d per un gruppo e 2 mcg/d per un secondo gruppo di ratti (un terzo del livello raccomandato), mentre un terzo gruppo ha ottenuto l'assunzione di rame dietetica sufficiente. I risultati hanno indicato che mentre i livelli di PKC sono aumentato in tutti i gruppi del ratto durante le tre settimane dopo la nascita, l'aumento era soltanto mezzo tanto nel gruppo di cui le mamme hanno ottenuto 1 mcg/d e 25% più di meno nel gruppo 2mcg/d. Inoltre, a 2 mcg/d, una forma di PKC era disinserita da 50% nel cervelletto, che sembra essere il centro di controllo per la funzione motoria. Negli animali del bambino, la carenza di rame provoca solitamente la coordinazione difficile del muscolo.

Un simile studio dall'università di California a Davis ha rivelato che la carenza del rame durante la gravidanza può provocare “le numerose anomalie strutturali e biochimiche lorde,„ che sembrano provenire dai cambiamenti indotti da carenza di rame nei meccanismi di difesa del radicale libero, nel metabolismo del tessuto connettivo e nella produzione di energia. Un'altra osservazione dagli stessi ricercatori era che il rame è assorbito meglio da latte materno che dalla formula infantile.(25)

L'altra ricerca suggerisce che la gente con l'artrite reumatoide (RA) tenda verso la carenza di rame. Uno studio nel giornale della reumatologia(26) ha indicato che i pazienti con l'artrite reumatoide hanno avuti bassi livelli di parecchi micronutrienti, compreso rame, confrontato alla dieta americana tipica. Di conseguenza, gli autori suggeriscono quello, “il completamento dietetico sistematico con i multivitaminici e gli oligoelementi è appropriato in questa popolazione.„ Una carenza può anche spiegare di perché il rame, che è un agente antinfiammatorio, è utile nel trattamento (RA) ed in altre circostanze infiammatorie. Uno studio(27) ha indicato che il completamento del rame sorpassava aspirin in termini di azione antinfiammatoria B che si vanta 130% l'attività del cortisone.

La malattia del Parkinson anche, ricercatori al centro di ricerca della società della malattia del Parkinson, Londra, nel Regno Unito, i livelli in diminuzione trovati di rame ed i livelli elevati di ferro. Il ferro blocca l'assorbimento di rame.(28) Ed in termini di funzione immune, uno studio dall'università di Florida, la scienza dell'alimentazione e l'instituto dell'alimentazione umana hanno spiegato che le concentrazioni di interleuchina sono ridotte nella carenza di rame marginale e che i neutrofili sono ridotti di numero ed azione nella carenza di rame severa.(29) Nella stessa maniera, l'autore suggerisce che i neutrofili possano essere utili come misura per stato di rame in esseri umani.

Infine, una serie di nuovi studi sugli animali dal centro di ricerca dell'alimentazione umana del Grand Forks dell'usda suggerisce che troppo poco rame nel corpo possa essere un fattore nell'invecchiamento. La ragione è che l'assunzione a basso tenore di rame è collegata ad un aumento in glycation della proteina da cui le molecole dello zucchero legano alla molecola di proteina. L'estremità libera delle molecole dello zucchero poi continua ad attaccare ad altre proteine che formano i legami incrociati che provano la distorzione alla proteina, finalmente pieganti la proteina così non in forma che comincia a funzionare male. La difficoltà reale con il glycation, sebbene, sia che mette la fase per danneggiamento ossidativo dei lipidi cellulari, degli acidi nucleici, delle proteine e dei carboidrati. Inoltre, questo processo spiacevole aumenta con l'età ed inoltre è creduto per causare gran parte del danno di tessuto nei pazienti del diabete. I ricercatori già hanno saputo che i ratti rame-carenti hanno tipicamente livelli elevati della glicemia, ma ora essi stavano dimostrando che i bassi livelli di rame stavano incoraggiando il processo di glycation.(30) La ragione, spiega Jack T. Saari, il Ph.D., ricercatore del cavo e un fisiologo all'ARS, è che il metabolismo dei carboidrati è alterato dalla carenza di rame. “È provato che l'insulina liberata dal pancreas è alterata,„ dice, “che causa un'elevazione esagerata di glicemia durante l'alimentazione (tolleranza al glucosio riduttrice) qualunque cosa la fonte del carboidrato sia. Il glucosio non è preso e non incorporato dalle cellule come prontamente ed è così disponibile per le reazioni indesiderabili, quali le proteine obbligatorie aberranti (glycation).„

Come con quasi qualsiasi elemento nutritivo che risultano del beneficio alle sanità, sebbene, troppa di buona cosa possa provare il Male. Ma mentre la moderazione può essere la chiave all'assunzione di altre sostanze nutrienti essenziali quali le vitamine, il calcio, il ferro, il grasso e la proteina antiossidanti, risolvere una cassaforte, dose efficace per assunzione di rame è meticoloso quanto provando ad appendere una verniciatura perfettamente diritto. Nel caso di rame, troppo poco o troppo del metallo nei nostri corpi non è appena un disturbo o un calcolo arbitrario. A differenza di altri micronutrienti che possiamo contenere le grandi dosi prima del raggiungimento della soglia della tossicità, una quantità minuscola di rame è tutta che prenda per eseguire le sue mansioni meticolose che sono così essenziali alle sanità. Quel requisito minuscolo delle cose funzionare correttamente all'interno del corpo umano inoltre porta ad un'equazione delicata quando si tratta del fare pendere la bilancia all'eccesso o carenza e le conseguenze. Mentre la scienza continua a delucidare i ruoli multipli di rame nel mantenimento della salute ottimale, possiamo ancora potere migliorare il calibro quanto di questo metallo miracoloso è realmente giusto per i nostri corpi.


Riferimenti

1. Yang F, et al. espressione cellulare della ceruloplasmina in polmone del topo e del babbuino durante sviluppo e l'infiammazione. Cellula Mol Biol 1996 di J Respir febbraio; 14(2): 161-9.

2. Fleming CON RIFERIMENTO A, et al. struttura primaria della ceruloplasmina del ratto ed analisi di espressione genica tessuto-specifica durante lo sviluppo. J biol Chem 5 maggio 1990; 265(13): 7701-7.

3. JUNIOR di Turnlund. Metabolismo di rame al corpo intero umano. J Clin Nutr 1998 maggio; 67 (5 supplementi): 960S-964S.

4. JUNIOR di Turnlund, et al. assorbimento di rame, escrezione e conservazione dai giovani che consumano rame dietetico basso determinata usando l'isotopo stabile 65Cu. J Clin Nutr 1998 giugno; 67(6): 1219-25.

5. Harris ED, et al. Un ruolo per acido ascorbico nel trasporto di rame. J Clin Nutr 1991 dicembre; 54 (6 supplementi): 1193S-1197S.

6. Fischer PW, et al. L'effetto di zinco dietetico su assorbimento di rame intestinale. J Clin Nutr 1981 settembre; 34(9): 1670-5.

7. Sandstead HH. Biodisponibilità e requisiti di rame. J Clin Nutr 1982 aprile; 35(4): 809-14.

8. Johnson mA, et al. effetti contrari di alto ferro dietetico ed acido ascorbico su stato di rame in ratti rame-carenti e rame-adeguati. J Clin Nutr 1988 gennaio; 47(1): 96-101.

9. Parsifal ss. Rame ed immunità. J Clin Nutr 1998 maggio; 67:1064-8.

10. RA di Wapnir. Assorbimento e biodisponibilità di rame. J Clin Nutr 1998 maggio; 67 (5 supplementi): 1054S-1060S.

11. Levenson CW. Meccanismi di conservazione di rame negli organi. J Clin Nutr 1998 maggio; 67 (5 supplementi): 978S-981S.

12. PE di Johnson, et al. effetti dell'età e del sesso su assorbimento di rame, tempo di dimezzamento biologico e stato in esseri umani. J Clin Nutr 1992 novembre; 56(5): 917-25.

13. Johnson mA, et al. rame, ferro, zinco e manganese in integratori alimentari, formule infantili e cereali da prima colazione pronti da mangiare. J Clin Nutr 1998 maggio; 67 (5 supplementi): 1035S-1040S.

14. Roccia E. L'effetto del completamento di rame sul oxidizability del globulo rosso e
antiossidanti del plasma in volontari sani di mezza età. Med libero di biol di Radic 2000 1° febbraio; 28(3): 324-9.

15. Dameron CT, et al. meccanismi per protezione contro tossicità di rame. J Clin Nutr 1998 maggio; 67 (5 supplementi): 1091S-1097S.

16. Oligoelementi nella prognosi di infarto miocardico e della morte coronaria improvvisa. Giornale di Trace Elements nella medicina sperimentale (U.S.A.), 1996, 9/2 (57-62).

17. Proteina, rame e morbo di Alzheimer del precursore di Multhaup G. Amyloid. Biomed Pharmacother 1997; 51(3): 105-11.

18. Sawaki m., et al. ruolo di accumulazione e di induzione di rame di metallotioneina nello sviluppo spontaneo del cancro del fegato nei ratti di LEC. Carcinogenesi 1994
Settembre; 15(9): 1833-7.

19. Eagon PK, et al. iperplasia e cancro epatici in ratti: alterazioni nel metabolismo di rame. Carcinogenesi 1999 giugno; 20(6): 1091-6.

20. Fabbricante di birra GJ, et al. trattamento di cancro metastatico con tetrathiomolybdate, un anticopper, agente antiangiogenico: Studio di fase I. Ricerca 2000 del Cancro di Clin gennaio; 6(1): 1-10.

21. Uauy R, et al. essenzialità di rame in esseri umani. J Clin Nutr 1998 maggio; 67 (5 supplementi): 952S-959S.

22. Beshgetoor D, et al. circostanze cliniche che alterano metabolismo di rame in esseri umani. J Clin Nutr 1998 maggio; 67 (5 supplementi): 1017S-1021S.

23. SG di Kaler. Diagnosi e terapia della sindrome di Menkes, una forma genetica di carenza di rame. J Clin Nutr 1998 maggio; 67 (5 supplementi): 1029S-1034S.

24. Olivares m., et al. rame come sostanza nutriente essenziale. J Clin Nutr 1996 maggio; 63(5): 791S-6S.

25. Nutrizione di Lonnerdal B. Copper durante infanzia e la fanciullezza. J Clin Nutr 1998 maggio; 67 (5 supplementi): 1046S-1053S.

26. Kremer JM, et al. assunzione nutriente dei pazienti con l'artrite reumatoide è carente in piridossina, zinco, rame e magnesio. J Rheumatol 1996 giugno; 23(6): 990-4.

27. JAMA, 1974; 229:1268-9.

28. Destro distacco, et al. alterazioni nei livelli di ferro, ferritina ed altri oligometalli nella malattia del Parkinson ed in altre malattie neurodegenerative che colpiscono i gangli basali. Cervello 1991 agosto; 114 (pinta 4): 1953-75.

29. Parsifal ss. Rame ed immunità. J Clin Nutr 1998 maggio; 67 (5 supplementi): 1064S-1068S.

30. J Nutr bio-. Volume 10, edizione 4; 210-214 articolo del 30 aprile 1999 riguardante a http://www.ars.usda.gov/is/pr/1999/990820.htm.

  

Di nuovo al forum della rivista