Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine gennaio 2001

immagine

Pagina 5 di 5

 

Riferimenti

Aksenova sistemi MV, Aksenov MIO, Markesbery WR, et al. invecchiante in un piatto: cambiamenti età-dipendenti della sopravvivenza, dell'ossidazione della proteina e dell'espressione di un neurone di BB della chinasi della creatina nella coltura cellulare hippocampal a lungo termine. Ricerca di J Neurosci. 1999; 58(2):308-17.

CS di Atwood, Moir RD, Huang X, et al. aggregazione drammatica di Alzheimer ab da Cu (II) è indotto dalle circostanze che rappresentano l'acidosi fisiologica. Biol chim. di J. 1998; 273(21):12817-26.

Berlett BS, Stadtman ER. Ossidazione della proteina nell'invecchiamento, nella malattia e nello sforzo ossidativo. Biol chim. di J. 1997; 272(33):20313-6.

Bierhaus A, Hofmann mA, Ziegler R, et al. invecchia e la loro interazione con i Età-ricevitori nella malattia vascolare ed in diabeti melliti. I. Il concetto di ETÀ. Ricerca cardiovascolare. 1998; 37(3):586-600.

Boldyrev A, canzone R, Lawrence D, et al. Carnosine protegge dalla morte excitotoxic delle cellule indipendentemente dagli effetti sulle specie reattive dell'ossigeno. Neuroscienza. 1999; 94(2):571-7.

Prova fisiologico di Boldyrev aa, di Stvolinsky SL, di Tyulina OV, et al. biochimico e che il carnosine è un neuroprotector endogeno contro i radicali liberi. Cellula Mol Neurobiol. 1997; 17(2):259-71.

Brownson C, Hipkiss AR. Carnosine reagisce con una proteina glicata. Med libero di biol di Radic. 2000; 28(10):1564-70.

PC di Burcham, PAGINA di Kerr, Fontaine F. L'idralazina antipertensiva è un organismo saprofago efficiente di acroleina. Rappresentante di redox. 2000; 5(1):47-9.

PC di Burcham, Kuhan YT. Suscettibilità diminuita a proteolisi dopo modifica della proteina dalla malondialdeide del prodotto di perossidazione lipidica: ruolo inibitorio per le proteine addotte unite con legami atomici incrociati e noncrosslinked. Biochimica Biophys dell'arco. 1997; 340(2):331-7.

Butterfield DA. Sforzo ossidativo del peptide dell'b-amiloide di Alzheimer e del radicale libero. Gilbert DL e Colton CA, redattori. Specie reattive dell'ossigeno nei sistemi biologici: un approccio interdisciplinare. New York, 1999. Pp. 609-638.

CD di Carney JM, di Smith, Carney, et al. invecchiare e da modifiche indotte da ossigeno nella biochimica e nel comportamento del cervello. Ann NY Acad Sci. 1994; 738:44-53.

PE di Carney JM, di Starke-Reed, CN di Oliver, et al. inversione di aumento relativo all'età nell'ossidazione della proteina del cervello, diminuzione nell'attività enzimatica e perdita nella memoria temporale e spaziale tramite l'amministrazione cronica del phenylnitrone dell'N-tert-butilico-alfa del composto dell'rotazione-intrappolamento. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 1991; 88(9):3633-6.

RA di Cherny, Legg JT, McLean CA, et al. dissoluzione acquosa dei giacimenti di amiloide del morbo di Alzheimer ab da svuotamento biometal. Biol chim. di J. 1999; 274(33):23223-8.

Doble A. Il ruolo del excitotoxicity nella malattia neurodegenerative: implicazioni per la terapia. Pharmacol Ther. 1999; 81(3):163-221.

Forster MJ, Dubey A, Dawson chilometro, et al. le perdite relative all'età di funzione conoscitiva e le capacità motorie in topi sono associati con danno ossidativo della proteina nel cervello. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 1996; 93(10):4765-9.

Gille JJ, Pasman P, van Berkel CG, et al. effetto degli antiossidanti su rottura cromosomica hyperoxia indotta in cellule cinesi dell'ovaia del criceto: protezione dal carnosine. Mutagenesi. 1991; 6(4):313-8.

Gulyaeva NV. attività di Superossido-lavaggio del carnosine in presenza degli ioni dello zinco e del rame. Biochimica (Mosca). 1987; 52 (7 parti 2): 1051-4.

Gulyaeva NV, Dupin, IP di Levshina. Carnosine impedisce l'attivazione dell'ossidazione libero radicale del lipido durante lo sforzo. Med di biol di Exp del toro. 1989; 107(2):148-152.

Hayflick L. La vita in vitro limitata della cellula diploide umana sforza. Ricerca delle cellule di Exp. 1965; 37:614-36.

Hayflick L, Moorhead PS. La coltivazione di serie della cellula diploide umana sforza. Ricerca delle cellule di Exp. 1961; 25:585-621.

Hipkiss AR, Brownson C. Un nuovo ruolo possibile per il carnosine antinvecchiamento del peptide. Cellula Mol Life Sci. 2000; 57(5):747-53.

Hipkiss AR, Chana H. Carnosine protegge le proteine dalle modifiche methylglyoxal-mediate. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 1998; 248(1):28-32.

Hipkiss AR, Michaelis J, glicosilazione di Syrris P. Non-enzymatic del dipeptide L-carnosine, un agente dicollegamento potenziale. FEBS Lett. 1995; 371(1):81-5.

Hipkiss AR, Michaelis J, Syrris P, et al. strategie per l'estensione della portata di vita umana. Ronzio Biol. di Perspect. 1995; 1:59-70.

Hipkiss AR, Preston JE, distacco di Himswoth, et al. effetti protettivi del carnosine contro da tossicità indotta da malondialdeide verso le cellule endoteliali coltivate del cervello del ratto. Neurosci Lett. 1997; 238(3):135-8.

Hipkiss AR, Preston JE, distacco di Himsworth, et al. effetti protettivi di Pluripotent del carnosine, un dipeptide naturale. Ann NY Acad Sci. 1998; 854:37-53.

Ms di Horning, Blakemore LJ, Trombley PQ. Meccanismi endogeni del neuroprotection: ruolo di zinco, di rame e del carnosine. Brain Res. 2000; 852(1):56-61.

Huang X, mp di Cuajungco, CS di Atwood, et al. Cu (II) potenziamento di neurotossicità di alzheimer ab. Correlazione con produzione del perossido di idrogeno e riduzione senza cellula del metallo. Biol chim. di J. 1999; 274(52):37111-6.

Ikeda D, Wada S, Yoneda C, et al. Carnosine stimola l'espressione del vimentin nei fibroblasti coltivati del ratto. Struct Funct delle cellule. 1999; 24(2):79-87.

Kantha ss, Wada S, Tanaka H, et al. Carnosine sostiene la conservazione della morfologia delle cellule nella cultura continua del fibroblasto sottoposta all'insulto nutrizionale. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 1996; 223(2):278-82.

Kasai H. Analysis di una forma di danno ossidativo del DNA, 8 hydroxy-2'-deoxyguanosine, come indicatore dello sforzo ossidativo cellulare durante la carcinogenesi. Ricerca di Mutat. 1997; 387(3):147-63.

McFarland GA, Holliday R. Retardation della senescenza dei fibroblasti diploidi umani coltivati dal carnosine. Ricerca 1994 delle cellule di Exp; 212(2):167-75.

McFarland GA, prova di Holliday R. Further per gli effetti ringiovanire del dipeptide L-carnosine sui fibroblasti diploidi umani coltivati. Exp Gerontol. 1999; 34(1):35-45.

Segni RJ, Lovell il mA, Markesbery WR, et al. Un ruolo per il hydroxynonenal 4, un prodotto aldeidico di perossidazione lipidica, nella rottura di omeostasi dello ione e della morte di un neurone indotte dal beta-peptide dell'amiloide. J Neurochem. 1997; 68(1):255-64.

Mastichi il G, Mayer S, Michaelis J, et al. l'influenza dei prodotti finiti avanzati di glycation e gli Età-inibitori su polimerizzazione nucleazione-dipendente del peptide dell'beta-amiloide. Acta di Biochim Biophys. 1997; 1360(1):17-29.

Mastichi il G, Schinzel la R, Loske la C, et al. morbo di Alzheimer--effetti sinergici del deficit del glucosio, dello sforzo ossidativo e dei prodotti finiti avanzati di glycation. Giornale della trasmissione neurale. 1998; 105(4-5):439-61.

Nagai K, Suda T, Kawasaki K, et al. azione del carnosine e beta-alanina sulla guarigione arrotolata. Chirurgia. 1986; 100(5):815-21.

Preston JE, Hipkiss AR, distacco di Himsworth, et al. effetti tossici di beta-amiloide (25-35) sulla cellula endoteliale immortalata del cervello del ratto: protezione dal carnosine, dal homocarnosine e dall'beta-alanina. Neurosci Lett. 1998; 242(2):105-8.

Quinn PJ, Boldyrev aa, Formazuyk VE. Carnosine: le sue proprietà, funzioni ed applicazioni terapeutiche potenziali. Mol Aspects Med. 1992; 13(5):379-444.

Schmidt, deviazione standard di Yan, Wautier JL, et al. attivazione del ricevitore per i prodotti finiti avanzati di glycation: un meccanismo per disfunzione vascolare cronica in vasculopathy diabetico e nell'aterosclerosi. Circ Res. 1999; 84(5):489-97.

Smith mA, Sayre LM, Anderson VE, et al. dimostrazione citochimica di danno ossidativo nel morbo di Aalzheimer dal potenziamento immunochimico della reazione del carbonilico con dinitrofenilidrazina 2,4. J Histochem Cytochem. 1998; 46(6):731-5.

Stadtman ER. Ossidazione e invecchiamento della proteina. Scienza. 1992; 257(5074):1220-4.

Stadtman ER, Levine RL. Ossidazione della proteina. Ann NY Acad Sci. 2000; 899:191-208.

Stuerenburg HJ, Kunze K. Concentrations del carnosine libero (un antiossidante membrana-protettivo presunto) in biopsie umane del muscolo e muscoli del ratto. Arco Gerontol Geriatr. 1999. 29: 107-113.

Stvolinsky SL, Kukley ml, Dobrota D, et al. Carnosine: un neuroprotector endogeno nel cervello ischemico. Cellula Mol Neurobiol. 1999; 19(1):45-56.

Thomas T, Thomas G, McLendon C, et al. vasoactivity b-Amiloide-mediato e danno endoteliale vascolare. Natura. 1996; 380(6570):168-71.

de la Torre JC. La patologia di Cerebromicrovascular nel morbo di Alzheimer ha confrontato ad invecchiamento normale. Gerontologia. 1997; 43(1-2):26-43.

SIG. di Vizioli, Blumen G, Almeida OP, et al. effetti del carnosine sullo sviluppo dal del tessuto di granulazione indotto da spugna del ratto. II. Osservazioni di Histoautoradiographic sulla biosintesi del collagene. Cellula Mol Biol. 1983; 29(1):1-9.

Wang, mA C, Xie ZH, et al. Uso del carnosine come droga naturale di anti-senescenza per gli esseri umani. Biochimica (Mosca). 2000; 65(7):869-71.

Deviazione standard di Yan, Chen X, Fu J, et al. COLLERA ed amiloide-beta neurotossicità del peptide nel morbo di Alzheimer. Natura. 1996; 382(6593):685-91.

Yuneva Mo, Bulygina ER, Sc prode, et al. effetto del carnosine dai sui cambiamenti indotti da età in topi senescenza-accelerati. Med antinvecchiamento di J. 1999; 2(4):337-42.

GP di Zaloga, Roberts PR, chilowatt nero. Carnosine è un modulatore novello del peptide di calcio intracellulare e della contrattilità in cellule cardiache. J Physiol 1997; 272 (1 pinta 2): H462-8.

 


 

Di nuovo al forum della rivista