Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine gennaio 2001

immagine

Pagina 3 di 3

Continuato dalla pagina 2

Del pensiero e del comportamento di miglioramento

immagine
L'emergenza dei programmi della prima colazione della scuola per promuovere la migliore prestazione accademica con buona nutrizione testimonia il al fatto che l'alimento rifornisce il cervello di combustibile.

Oltre a prevenzione delle malattie, un'assunzione adeguata delle sostanze nutrienti adeguate può anche avere effetti positivi sulla salute mentale, sul comportamento e sulla funzione conoscitiva. L'emergenza dei programmi della prima colazione della scuola per promuovere la migliore prestazione accademica con buona nutrizione testimonia il al fatto che l'alimento rifornisce il cervello di combustibile. Secondo l'associazione dietetica americana, i bambini che mangiano la prima colazione imparano meglio, sono più attenti ed attenti nella classe e più probabili da partecipare alle attività. Uno studio che ha analizzato come una dieta migliore potrebbe aiutare la prestazione accademica a trovare che un supplemento vitamina-minerale quotidiano ha sollevato il quoziente d'intelligenza e l'intelligenza non verbale dei bambini, che è strettamente connessa alla prestazione accademica.(36)

Nell'esperimento, 245 bambini, le età 6 - 12, sono stati dati un supplemento che ha incontrato 50% della dose raccomandata giornalmente degli Stati Uniti (RDA) per tre mesi, o un placebo. I risultati hanno rivelato una differenza significativa di 2,5 punti di quoziente d'intelligenza fra l'intervento ed il gruppo del placebo. I ricercatori hanno concluso quello, “i genitori degli scolari di cui la prestazione accademica è inferiore alla media si consiglierebbero bene di cercare un medico nutrizionalmente orientato per la valutazione dello stato nutrizionale dei loro bambini come eziologia possibile.„ Nel frattempo, ricerchi che esaminatore il potenziale dei supplementi del multivitaminico di aiutare mentalmente - i bambini ritardati hanno mostrato un aumento di quoziente d'intelligenza medio da 5% - 9,6% su un periodo di quattro mesi in bambini supplemento-trattati confrontati ai cambiamenti trascurabili nei comandi; il gruppo completato ha mostrato gli aumenti supplementari del quoziente d'intelligenza durante il periodo di quattro mesi successivo.(37)

Il fatto che l'alimento può anche avere un impatto sugli ormoni, i livelli della serotonina ed altri neurochemicals suggerisce che possa colpire le emozioni ed il comportamento anche e che determinate riserve nutrienti basse possono colpire avversamente il pensiero ed il comportamento. Nel disordine dell'iperattività di deficit di attenzione (ADHD), per esempio, mentre i fattori genetici ed ambientali certamente svolgono un ruolo nello sviluppo della malattia, le sottoalimentazioni sono comuni anche. Per esempio, uno studio di 116 bambini ha indicato che la carenza di magnesio era evidente in 95% degli oggetti di disordine dell'iperattività di deficit di attenzione (ADHD), come misurato in siero del sangue, nei globuli rossi e nei campioni dei capelli.(38) Il completamento orale con 200 milligrammi di magnesio al giorno per di sei mesi, d'altra parte, ha indicato una diminuzione significativa nell'iperattività fra i bambini con una diagnosi di disordine dell'iperattività di deficit di attenzione (ADHD).(39) Inoltre, la ricerca ha dimostrato il successo di un regime combinato di magnesio e della vitamina b6 per migliorare il comportamento in bambini autistici, suscitando sia i cambiamenti biochimici che elettrofisiologici.(40)

immagine
“I genitori degli scolari di cui la prestazione accademica è inferiore alla media si consiglierebbero bene di cercare un medico nutrizionalmente orientato per la valutazione dello stato nutrizionale dei loro bambini come eziologia possibile.„

Lo zinco, che è vitale per metabolismo fra i neurotrasmettitori, gli acidi grassi, le prostaglandine, la melatonina e la dopamina, inoltre è stato indicato a possibilmente aiuta il disordine dell'iperattività di deficit di attenzione.(41) Inoltre, una certa altra ricerca ha suggerito che il completamento con le vitamine di B, gli acidi grassi essenziali, i flavonoidi e la fosfatidilserina essenziale del fosfolipide (PS) potesse migliorare i sintomi dell'iperattività quando parte fatta di un approccio terapeutico integrante.(42) Gli acidi grassi essenziali, in particolare, sembrano svolgere un ruolo vitale nel comportamento. La ricerca ha indicato che un omega-3 carenza acida in alcuni ragazzi, età 6 - 12, componenti ad un'più alta frequenza di comportamento, imparando e dei problemi sanitari coerenti con disordine dell'iperattività di deficit di attenzione (ADHD).(43) Gli acidi grassi Omega-3 sono essenziali al perfetto funzionamento del sistema nervoso, che può spiegare il loro effetto su comportamento.

Il ruolo ed il meccanismo di molte diverse sostanze nutrienti nella prevenzione e nel trattamento di vari stati di salute che ci contagiano oggi restano delucidare. Che cosa è già evidente dalla prova scientifica del montaggio fin qui, sebbene, sia che c'è un'esigenza ovvia di assunzione nutriente adeguata e della valutazione delle aree dove una dieta nordamericana tipica può essere a corto nella salvaguardia i nostri bambini correnti e della salute futura. Applicandoci che cosa conosciamo finora, possiamo fornire un certo orientamento e promuovere le giuste abitudini di stile di vita e dietetiche nella fase iniziale nella vita per offrire la protezione della gente da una serie di malattie dalla destra di infanzia da parte a parte alla vecchiaia.

Riferimenti

1. J Epidemiol 2000 1° maggio; 151(9): 878-884

2. Med 1999 di Pediatr Adolesc dell'arco luglio; 153(7): 695-704

3. J Coll Nutr 1992 agosto; 11(4): 441-444

4. J Pediatr 2000 agosto; 137(2): 153-157

5. J Nutr 2000 maggio; 130 (supplemento 5S): 1367S-1373S

6. Amer J Clin Nutr 1997 giugno; 65:1803-1809

7. Alimento Sci Nutr 2000 di Int J marzo; 51(2): 85-90

8. EUR J Clin Nutr 1995 maggio; 49(5): 379-384

9. Acta Paediatr 2000 marzo; 89(3): 272-278

10. J Clin Nutr 2000 settembre; 72(3): 762-769

11. Pediatria 1998 marzo; 101(3): e5

12. Pediatria 1999 giugno; 103(6): 1175-1182

13. Pediatria 2000 marzo; 105:671-680

14. Ricerca libera 1998 di Radic gennaio; 28(1): 81-86

15. J Coll Nutr 1999 dicembre; 18(6): 628-637

16. J Clin Nutr 1991 dicembre; 54 (6 supplementi): 1310S-1314S

17. J Epidemiol 1997 1° agosto; 146(3): 231-243

18. Cancro Epidemiol Biomark Prev 1997; 6:769-774

19. J Nat Cancer Inst 1997 ottobre; 89(20): 1481-1482

20. NEJM 1993 19 agosto; 329(8): 536-541

21. J infetta il DIS 2000 settembre; 182 supplementi 1: S5-S10

22. Lancetta 1992 7 novembre; 340(8828): 1124-1127

23. BMJ 1987; 294:294-296

24. NEJM 323:160-164

25. Torace 2000 aprile; 55(4): 283-288

26. AJCN 1998; 68:447S-463S

27. AJCN 1998; 68:2-S

28.Circulation 2000 luglio; 102:374

29. Rev. 1999 di Cardiol marzo-aprile; 7(2): 101-107

30. Circolazione 1999 gennaio; 99:178-182

31. Med 2000 di Pediatr Adolesc dell'arco settembre; 154(9): 918-922

32. Lancetta 1996; 347:781-786

33. J Pediatr 1998; 133:35-40

34. Cuore J 2000 di febbraio; 139 (2 pinte 3): S63-69

35. J Trop Pediatr 1999 giugno; 45(3): 168-169

36. Med 2000 del complemento di J Altern febbraio; 6(1): 19-29

37. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. 1981 gennaio; 78(1): 574-578

38. Ricerca 1997 di Magnes giugno; 10(2): 143-148

39. Ricerca 1997 di Magnes giugno; 10(2): 149-156

40. Biol-psichiatria 1985 maggio; 20(5): 467-478

41. Bambino Adolesc Psychopharmacol di J 2000 estati; 10(2):111-117

42. Altern Med Rev 2000 ottobre; 5(5): 402-428

43. Fisiologia & comportamento 1996; 59:915-920



Ritorni per impaginare 1

Di nuovo al forum della rivista