Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine giugno 2001

immagine

William Faloon
William Faloon

Il colesterolo causa la malattia dell'arteria?

Cominciando negli anni 50, un dibattito infuriantesi ha cominciato se gli alti livelli di colesterolo hanno causato gli attacchi di cuore ed i colpi. Quelli in questione nella medicina alternativa indicata gli studi che mostrano i tassi elevati di attacco di cuore e di colpo nella gente che ha consumato le diete su in grasso e colesterolo.

Dall'altro lato erano medici convenzionali e FDA che ha affermato risoluto che non c'era relazione fra colesterolo e la malattia dell'arteria. FDA realmente ha pubblicato nel registro federale che era illegale diffondere le informazioni sulle etichette dell'alimento che il colesterolo era una causa nello sviluppo della malattia dell'arteria. Per documentare la posizione non scientifica del governo sull'edizione del colesterolo, abbiamo ristampato (all'ultima pagina di questo articolo) gli estratti da cui FDA ha pubblicato nel registro federale nel 1959 e in 1965.

Cominciando negli anni 90, i pericoli di alto colesterolo LDL sono diventato così evidenti che FDA ha appoggiato a partire dall'interferenza con le società che hanno dichiarato quella gli alimenti di consumo in basso in colesterolo (come frutti,
le verdure, la fibra) hanno potuto contribuire ad impedire l'attacco di cuore ed il colpo.(1-3)

Ora è accettato che livelli di colesterolo superiore ad aumento 200 il rischio per gli attacchi di cuore ed i colpi.(4-11) Avere una lettura del colesterolo superiore a 240 può essere particolarmente pericoloso. Gli studi che datano dagli anni 70 mostrano che quello gli alti livelli di mantenimento del colesterolo utile di HDL possono essere importanti quanto sopprimendo le alte letture del colesterolo LDL.(12-16)

Il dibattito del colesterolo, tuttavia, ha continuato a questo giorno, come risultati contraddittori dei più nuovi prodotti umani di studi quanto a come ricco in colesterolo pericoloso realmente è. Ci sono alcuni a medici orientati a nutrizionale che ritengono che il colesterolo LDL non sia pericoloso finchè è protetto contro l'ossidazione dai supplementi antiossidanti quali la vitamina E ed il coenzima Q10.(17-20) Altri che mettano in discussione i rischi di punto ricco in colesterolo agli studi che indicano che gli attacchi di cuore di sofferenza della gente hanno spesso livelli di colesterolo normali.(21-28) Mentre c'è merito a queste teorie, non giustificano la gente salute consapevole che trascura i livelli ricchi in colesterolo.

Ora sappiamo che il colesterolo LDL è soltanto uno di parecchi fattori di rischio conosciuti di arteria-malattia nel sangue. Gli alti livelli di omocisteina, di fibrinogeno, di trigliceridi e di proteina C-reattiva sono tutta fattori di rischio indipendenti per sviluppare un attacco di cuore o un colpo.(29-50) La presenza di alti livelli di questi altri fattori di rischio può provocare una persona che soffre un evento cardiovascolare, anche se il loro livello del colesterolo è basso. Ciò non significa, tuttavia, che cronicamente gli alti livelli di colesterolo LDL dovrebbero essere trascurati.

Fino a difendersi dall'ossidazione del colesterolo LDL, questo può contribuire a proteggere da aterosclerosi,(51) ma è ancora critico da tenere i livelli di colesterolo nel controllo per coloro che intende vivere una vita lunga e sana.(52) Cioè una persona che prende i supplementi antiossidanti può proteggere dall'ossidazione del colesterolo LDL, ma ad un certo punto, cronicamente alti livelli i livelli di LDL che potrebbero ancora causare forse molto successivamente un attacco di cuore o un colpo, nella vita. Provi per questo può essere visto in gente di 80 anni che sviluppa la coronaropatia.(53-55) Sembra essere un punto nel processo di invecchiamento in qualche gente quando il processo di aterosclerosi accelera, significante che anche i livelli di colesterolo leggermente elevati possano essere letali.(56, 57)

Un colesterolo LDL di ragione diventa più pericoloso come l'età della gente è stata documentata in uno studio recente che ha trovato che il colesterolo LDL è più suscettibile dell'ossidazione quando c'è una carenza di DHEA. Questi scienziati hanno indicato che DHEA fa parte di uno schermo integrato contro l'ossidazione di LDL e che la vitamina E completamente non protegge dall'ossidazione a meno che i livelli adeguati di DHEA fossero presenti. Gli scienziati hanno precisato che la quantità di DHEA in colesterolo LDL “scompare ai livelli quasi inosservabili durante l'invecchiamento.„ Quando questi scienziati hanno sostituito DHEA nella molecola del colesterolo LDL, la protezione contro l'ossidazione è stata riacquistata.(53)

Una serie di studi pubblicati mostrano che quella con chi prendono determinato colesterolo ricco in colesterolo che abbassa le droghe gente significativamente un più a basso rischio di sofferenza un attacco di cuore o del colpo.(58) Questi studi non possono essere trascurati, poichè indicano che il colesterolo gioca un ruolo nello sviluppo della malattia cardiaca ed il colpo almeno qualche gente.

Sulla base di un esame di tutta la letteratura pubblicata, sembrerebbe che il livello di colesterolo ideale da mantenere fosse fra 180 - 200 (milligrammi per decilitro di sangue). I livelli di colesterolo superiore a 200, aumentano il rischio per gli attacchi di cuore ed i colpi. (59, 60)

È importante precisare che i livelli di colesterolo che sono troppo bassi possono anche essere letali. Un'interpretazione dai risultati pubblicati esistenti indica che i livelli di colesterolo non dovrebbero cadere troppo lontano inferiore a 180 in gente di mezza età,(61-63) e che i livelli di colesterolo inferiore a 150 potrebbero aumentare il rischio di colpo emorragico (anche conosciuto come un'emorragia cerebrale).(64) Quando si tratta del colpo, ricco in colesterolo definitivamente aumenta il rischio del colpo ischemico più diffuso,(65) ma i livelli di colesterolo che sono troppo bassi sembrano essere un fattore nel colpo emorragico meno comune. Fortunatamente, abbastanza dati pubblicati esistono per raccomandare con confidenza quello livelli di colesterolo di mantenimento fra 180 e 200 sono il migliore modo di protezione contro qualsiasi tipo di colpo.(66-68)

Nel primo articolo che è publicato in questa edizione, descriviamo un supplemento naturale che è stato indicato a lavoro come pure le droghe popolari “di statina„ nell'abbassamento del colesterolo nel siero. I vantaggi di questo approccio naturale è che è completamente non tossico, solleva i livelli utili del HDL-colesterolo, inibisce l'aggregazione della piastrina ed i costi anormali molto dei farmaci da vendere su ricetta medica.

I membri di fondamento dovrebbero sapere che ci sono pochi integratori alimentari che abbassano il colesterolo come pure i farmaci da vendere su ricetta medica. La maggior parte della gente non può tollerare la niacina e l'estratto di lievito rosso del riso è appena un altro modo di mettere “una statina„ (lovastatine) nel vostro corpo. Determinate fibre dietetiche possono aiutare il colesterolo più basso, ma molta gente avverte gli effetti collaterali gastrointestinali quando prendere le quantità elevate di queste fibre ha dovuto abbassare il colesterolo.

Sulla base dei meccanismi utili multipli che possono essere attribuiti a questo nuovo supplemento naturale, sembrerebbe essere superiore alle droghe “di statina„ nella protezione contro la malattia cardiovascolare. Il nostro articolo su questo octacosonal-derivato è sostenuto da un grande numero sorprendente degli studi pubblicati in giornali scientifici pari-esaminati. In altri paesi, questo supplemento naturale è venduto come “una droga„ per lo scopo specifico di abbassamento del colesterolo LDL pericoloso e di aumento del HDL-colesterolo utile.

In nostro articolo su questo agente d'abbassamento naturale, presentiamo soltanto i fatti mentre compaiono nella letteratura scientifica pubblicata. Affideremo la decisione all'individuo se usare la modifica di dieta, “la statina„ droga e/o questa nuova sostanza naturale per controllare i loro livelli di colesterolo. Raccomandiamo, tuttavia, che ognuno riduca il loro rischio di attacco di cuore e di colpo mantenendo i loro livelli di colesterolo nella gamma sicura (180-200 mg/dl).

Per vita più lunga,

immagine

William Faloon

Riferimenti

1. Liu S, et al. assunzione della verdura e della frutta e rischio della malattia cardiovascolare: lo studio della salute delle donne. J Clin Nutr 2000 ottobre; 72(4): 922-8.

2. Gramenzi A, et al. associazione fra determinati alimenti e rischio di infarto miocardico acuto in donne. BMJ 24 marzo 1990; 300(6727): 771-3.

3. RB di Singh, et al. effetti sui lipidi del siero di aggiunta frutta e delle verdure alla dieta prudente nell'esperimento indiano della sopravvivenza di infarto (IEIS). Cardiologia 1992; 80 (3-4): 283-93.

4. Laemmle P, et al. conosce il vostro colesterolo: selezione della popolazione. Med 1988 di Clin del laboratorio di J novembre; 112(5): 567-74.

5. Pietra NJ, et al. livelli di colesterolo di controllo con la dieta. Med 1988 di Postgrad giugno; 83(8): 229-37, 241-2.

6. SB di Hulley. Un programma nazionale per l'abbassamento del colesterolo alto del sangue. J Obstet Gynecol 1988 giugno; 158 (6 pinte 2): 1561-7.

7. “Rapporto del gruppo di esperti nazionale di programma educativo del colesterolo su rilevazione, sulla valutazione e sul trattamento di alto colesterolo del sangue in adulti.„ Il gruppo di esperti. Med 1988 dell'interno dell'arco gennaio; 148(1): 36-69.

8. HB di Vogt. Hyperlipoproteinemias: Parte III. Quando trattare. Med 1991 di S D J aprile; 44(4): 97-100.

9. Leis HP. La relazione tra la dieta e cancro, la malattia cardiovascolare e la longevità. Int Surg 1991 gennaio-marzo; 76(1): 1-5.

10. Gil VF, et al. [la validità della determinazione separata di colesterolo totale nella prevenzione primaria del rischio coronario]. Med Clin (Barc) 29 aprile 1995; 104(16): 612-6.

11. Iribarren C, et al. colesterolo nel siero basso e mortalità. Quale è la causa e quale è l'effetto? Circolazione 1995 1° novembre; 92(9): 2396-403.

12. Sc di Enger, et al. colesterolo della lipoproteina ad alta densità e morte coronaria improvvisa o di infarto miocardico: uno studio futuro di caso-control in uomini di mezza età dello studio di Oslo. Arteria 1979 febbraio; 5(2): 170-81.

13. Micheli H, et al. colesterolo della lipoproteina ad alta densità in parenti maschii dei pazienti con la coronaropatia. Aterosclerosi 1979 marzo; 32(3): 269-76.

14. Pometta D, et al. [colesterolo basso di HDL in parenti prossimi ed in pazienti con l'infarto del miocardio]. [Articolo in francese] Schweiz Med Wochenschr 1978 2 dicembre; 108(48): 1888-91.

15. Goldbourt U, et al. colesterolo della lipoproteina ad alta densità ed incidenza della coronaropatia--lo studio ischemico israeliano della malattia cardiaca. J Epidemiol 1979 marzo; 109(3): 296-308.

16. Noma A, et al. colesterolo della lipoproteina di alta e densità bassa nell'infarto del miocardio e cerebrale. Aterosclerosi 1979 marzo; 32(3): 327-31.

17. SR di Thomas, et al. inibizione di ossidazione di LDL da ubiquinol-10. Un meccanismo protettivo per il coenzima Q nel atherogenesis? Mol Aspects Med 1997; 18 supplementi: S85-103.

18. Stocker R, et al. Ubiquinol-10 protegge più efficientemente la lipoproteina umana di densità bassa da perossidazione lipidica dell'alfa-tocoferolo. Proc Acad Sci gli S.U.A. 1991 1° marzo nazionale; 88(5): 1646-50.

19. SR di Thomas, et al. ossidazione ed antiossidazione della lipoproteina a bassa densità umana e del plasma esposti al peroxynitrite di morpholinosydnonimine 3 e del reagente. Ricerca Toxicol 1998 di Chem maggio; 11(5): 484-94.

20. SR di Thomas, et al. Un ruolo per il coenzima riduttore Q nell'aterosclerosi? Biofactors 1999; 9 (2-4): 207-24.

21. La BO m., et al. colesterolo e mortalità a lungo termine dopo infarto miocardico acuto in pazienti anziani. Età che invecchia 1999 maggio; 28(3): 313-5.

22. Jadhav pp, et al. valutazione delle apolipoproteine A1 e B in superstiti di infarto miocardico. Medici India 1994 di J Assoc settembre; 42(9): 703-5.

23. Bux-Gewehr I, et al. infarto miocardico di ricorso in una donna di 35 anni. Cuore 1999 marzo; 81(3): 316-7.

24. Fournier JA, et al. angiogramma normale dopo infarto miocardico in giovani pazienti: uno studio di approfondimento clinico-angiografico ed a lungo termine futuro. Int J Cardiol 1997 8 agosto; 60(3): 281-7.

25. Schmidt HH, et al. lipoproteina elevata (a) è abbassato da un inibitore della sintesi del colesterolo in un paziente normocholesterolaemic con infarto miocardico prematuro. Fibrinolisi 1993 di Coagul del sangue febbraio; 4(1): 173-5.

26. Prati PL. [I flash periodici di E. Brunwald: abbassando i livelli di colesterolo negli oggetti con infarto miocardico ed i livelli di colesterolo normali]. G Ital Cardiol 1997 gennaio; 27(1): 76-8.

27. C senza legge, et al. riduzione dei lipidi in pazienti post-MI con colesterolo normale. J Fam Pract 1997 gennaio; 44(1): 30.

28. Hartley H. [la riduzione degli eventi cardiovascolari dopo un infarto del miocardio di pazienti con i livelli di colesterolo normali]. Rev Clin Esp 1996 dicembre; 196 (4 Monografico): 43-6.

29. Genest JJ, et al. ine del homocyst del plasma (e) livella negli uomini con la coronaropatia prematura. J Coll Cardiol del 1990 novembre; 16(5): 1114-9.

30. Stampfer MJ, et al. Uno studio prospettivo del ine del homocyst del plasma (e) e rischio di infarto miocardico nei medici degli Stati Uniti. JAMA 1992 19 agosto; 268(7): 877-81.

31. Brattstrom L, et al. Hyperhomocysteinaemia nel colpo: prevalenza, causa e relazioni a tipo di colpo e di fattori di rischio del colpo. L'EUR J Clin investe 1992 marzo; 22(3): 214-21.

32. Taylor LM, et al. L'associazione del ine elevato del homocyst del plasma (e) con la progressione della malattia arteriosa periferica sintomatica. J Vasc Surg 1991 gennaio; 13(1): 128-36.

33. Il Di Napoli m., et al. influenza prognostica di proteina C-reattiva aumentata e fibrinogeno livella nel colpo ischemico. Colpo 2001 gennaio; 32(1): 133-8.

34. Wedzicha JA, et al. le esacerbazioni acute della malattia polmonare ostruttiva cronica è accompagnato dalle elevazioni dei livelli del fibrinogeno e del siero IL-6 del plasma. Thromb Haemost 2000 agosto; 84(2): 210-5.

35. Maresca G, et al. fibrinogeno di misurazione del plasma per predire colpo ed infarto miocardico: un aggiornamento. Biol 1999 di Arterioscler Thromb Vasc giugno; 19(6): 1368-77.

36. Maresca G, et al. fibrinogeno di misurazione del plasma per predire colpo ed infarto miocardico: un aggiornamento. Biol 1999 di Arterioscler Thromb Vasc giugno; 19(6): 1368-77.

37. Fukujima millimetro, et al. [fibrinogeno come fattore di rischio indipendente per il colpo ischemico]. Arq Neuropsiquiatr 1997 dicembre; 55(4): 737-40.

38. Ferrara E, et al. [fibrinogeno, un fattore di rischio cardiovascolare]. Minerva Cardioangiol 1989 novembre; 37(11): 473-5.

39. Benfante RJ, et al. fattori di rischio nel medio evo che predicono presto e manifestazione tardiva della coronaropatia. J Clin Epidemiol 1989; 42(2): 95-104.

40. Salonen JT, et al. relazione del colesterolo nel siero e dei trigliceridi al rischio di infarto miocardico acuto, colpo cerebrale e morte in popolazione maschio finlandese orientale. Int J Epidemiol 1983 marzo; 12(1): 26-31.

41. LA di Carlson, et al. fattori di rischio per infarto miocardico nello studio prospettivo di Stoccolma. Seguito di 14 anni che mette a fuoco sul ruolo dei trigliceridi e del colesterolo del plasma. Acta Med Scand 1979; 206(5): 351-60.

42. Welin L, et al. trigliceridi, un fattore di rischio coronarico importante in uomini anziani. Uno studio degli uomini sopportati nel 1913. Cuore J 1991 di EUR giugno; 12(6): 700-4.

43. Ducimetiere P, et al. relazione dell'insulina del plasma livella all'incidenza della mortalità della coronaropatia e di infarto miocardico in una popolazione di mezza età. Diabetologia del 1980 settembre; 19(3): 205-10.

44. Malmberg K, et al. infarto miocardico in pazienti con i diabeti melliti. Cuore J 1988 di EUR marzo; 9(3): 259-64.

45. Hughes LO, et al. perturbazioni di insulina in asiatico britannico e uomini bianchi che sopravvivono all'infarto miocardico. BMJ 1989 26 agosto; 299(6698): 537-41.

46. Liu S, et al. Uno studio prospettivo del carico glycemic dietetico, assunzione del carboidrato e rischio di coronaropatia nelle donne degli Stati Uniti. J Clin Nutr 2000 giugno; 71(6): 1455-61.

47. Egger m., et al. trigliceride come fattore di rischio per la cardiopatia ischemica in uomini britannici: effetto di registrare per ottenere l'errore di misurazione. Aterosclerosi 1999 aprile; 143(2): 275-84.

48. Asakawa H, et al. confronto dei fattori di rischio delle complicazioni macrovascular. Malattia vascolare periferica, malattia vascolare cerebrale e coronaropatia nei pazienti melliti del diabete di tipo 2 giapponese. Complicazioni 2000 del diabete di J novembre-dicembre; 14(6): 307-13.

49. Soderberg S, et al. leptina è un indicatore di rischio per il colpo emorragico mai visto in un gruppo basato sulla popolazione. Colpo 1999 febbraio; 30(2): 328-37.

50. Burchfiel cm, et al. incidenza del colpo anni da 22 e di intolleranza al glucosio. Il programma del cuore di Honolulu. Colpo 1994 maggio; 25(5): 951-7.

51. Gokce N, et al. ricerca di base nell'inibizione antiossidante di punti nel atherogenesis. Rischio 1996 di J Cardiovasc agosto; 3(4): 352-7.

52. Scheuermann W, et al. efficacia di un approccio decentralizzato e in relazione con la comunità per ridurre i livelli di fattore di rischio della malattia cardiovascolare in Germania. Cuore J 2000 di EUR ottobre; 21(19): 1591-7.

53. Khalil A, et al. diminuzione relativa all'età delle concentrazioni nel deidroepiandrosterone in lipoproteine di densità bassa ed il suo ruolo nella suscettibilità delle lipoproteine di densità bassa a perossidazione lipidica. Ricerca 2000 del lipido di J ottobre; 41(10): 1552-61.

54. Iwamoto T, et al. [risultati clinici di concentrazione nella lipoproteina del siero e di arteriosclerosi (a) in pazienti anziani]. Il Giappone Ronen Igakkai Zasshi 2000 ottobre; 37(10): 811-8.

55. Stavenow L, et al. uomini di ottanta anni senza malattia cardiovascolare nella comunità di Malmo. Parte I. Social e fattori medici, con particolare riferimento al modello della lipoproteina. Med del 1990 dell'interno di J luglio; 228(1): 9-15.

56. Beckett N, et al. È vantaggioso abbassare il colesterolo negli anziani ipertesi? Cardiovasc droga Ther 2000 agosto; 14(4): 397-405.

57. Guize L, et al. [Cholesterolemia e mortalità cardiovascolare e del cancro di totale. Studio di un gruppo di 220,000 persone]. Med nazionale 1998 di Acad del toro; 182(3): 631-47; discussione 647-50.

58. Kashyap ml. Colesterolo ed aterosclerosi: una prospettiva contemporanea. Ann Acad Med Singapore 1997 luglio; 26(4):517-23.

59. Iribarren C, et al. colesterolo nel siero basso e mortalità. Quale è la causa e quale è l'effetto? Circolazione 1995 1° novembre; 92(9): 2396-403.

60. Iribarren C, et al. colesterolo totale del siero e mortalità. Fattori di confusione e modifica di rischio in uomini Giapponese-americani. JAMA 1995 28 giugno; 273(24): 1926-32.

61. Gatchev O, et al. emorragia, emorragia cerebrale e concentrazione subaracnoidee nel colesterolo nel siero in uomini ed in donne. Ann Epidemiol 1993 luglio; 3(4): 403-9.

62. Okumura K, et al. colesterolo nel siero basso come fattore di rischio per il colpo emorragico in uomini: una selezione di massa a livello comunitario in Okinawa, Giappone. Jpn Circ J 1999 gennaio; 63(1): 53-8.

63. Iso H, et al. livelli di colesterolo nel siero e mortalità di sei anni dal colpo in 350.977 uomini schermati per la prova multipla di intervento di fattore di rischio. N l'Inghilterra J Med 1989 6 aprile; 320(14): 904-10.

64. Dott. di Jacobs. La relazione fra colesterolo ed il colpo. Rappresentante 1994 di salute; 6(1): 87-93.

65. CA di Gil-Nunez, et al. vantaggi della terapia di riduzione dei lipidi nell'ischemia cerebrale: ruolo degli inibitori della riduttasi hmg-coa. Cerebrovasc DIS 2001 febbraio; 11 1:85 del supplemento - 95.

66. Liu S, et al. assunzione della verdura e della frutta e rischio della malattia cardiovascolare: lo studio della salute delle donne. J Clin Nutr 2000 ottobre; 72(4): 922-8.

67. Gramenzi A, et al. associazione fra determinati alimenti e rischio di infarto miocardico acuto in donne. BMJ 24 marzo 1990; 300(6727): 771-3.

68. RB di Singh, et al. effetti sui lipidi del siero di aggiunta frutta e delle verdure alla dieta prudente nell'esperimento indiano della sopravvivenza di infarto (IEIS). Cardiologia 1992; 80 (3-4): 283-93.



Di nuovo al forum della rivista