Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine giugno 2001

immagine

Notizie dell'omocisteina

da Terri Mitchell

Gli studi scientifici confermano che anche le elevazioni minuscole in omocisteina possono aumentare significativamente il rischio di attacco di cuore e di colpo.

immagine

L'omocisteina inoltre è collegata con una miriade di altri termini negativi compreso la depressione e un tipo di cecità. Ognuno ha omocisteina, appena poichè ognuno ha colesterolo. È un aspetto
di cui. I problemi accadono quando i livelli elevati ottengono troppo. Le buone notizie sono che l'omocisteina può essere controllata con gli integratori alimentari a basso costo. Queste vitamine semplici si rivelano scientifico lavorare rapidamente, senza effetti collaterali.

Che cosa è

L'omocisteina è creata quando il corpo usa l'aminoacido, metionina, per metilazione. La metilazione è una reazione importante nel corpo, ma lascia l'omocisteina come sottoprodotto. L'omocisteina è convertita normalmente di nuovo a metionina, o è usata per creare la cisteina ed altre sostanze utili. Se queste conversioni sono bloccate, tuttavia, l'omocisteina si accumula.

La conversione efficiente di omocisteina richiede determinate sostanze nutrienti. Queste sostanze nutrienti neutralizzano la tossicità dell'omocisteina trasformandola nelle sostanze utili. Il più ben esaminati delle sostanze nutrienti sono folici, vitamina b12 e vitamina b6. La riboflavina, lo zinco, il magnesio ed altre sostanze nutrienti inoltre contribuiscono a disintossicare l'omocisteina. La carenza folica è la carenza più comune connessa con omocisteina in popolazioni occidentali. Gli studi indicano che i supplementi folici (0.5-5 mg/giorno) hanno un impatto significativo sulla riduzione dei livelli dell'omocisteina.

Attacco di cuore e colpo

L'omocisteina ha ottenuto un cattivo colpo secco dalla sua relazione accogliente con gli attacchi di cuore ed il colpo. I dati su omocisteina e su queste malattie dell'arteria sono così coercitivi che i ricercatori hanno identificato l'omocisteina un fattore di rischio indipendente per sia il colpo che il rischio di attacco-un del cuore simili al fumo, all'ipertensione ed al diabete. Ricca in colesterolo è una preoccupazione per molta gente, ma l'omocisteina elevata può essere un più forte indicatore che una persona può avere un secondo, o persino un primo, attacco di cuore.

L'omocisteina promuove i problemi dell'arteria in più di un modo. La maggior parte dei centri di ricerca sui suoi effetti contrari su flusso sanguigno. I ricercatori hanno dimostrato ripetutamente che se danno ad una persona una bevanda che contiene la metionina, omocisteina aumenteranno vertiginosamente ed il flusso sanguigno si restringerà su. Se danno alla persona un il grammo di vitamina C prima che diano la metionina, il flusso sanguigno sarà mantenuto. Ha supposto che i radicali liberi generati da omocisteina interferiscono con la capacità dei vasi sanguigni di espandersi. L'omocisteina interferisce con ossido di azoto, una sostanza che si rilassa i vasi sanguigni. Tuttavia, questo fenomeno può accadere soltanto in gente più anziana. I ricercatori di Taiwan recentemente hanno indicato che mentre l'omocisteina altera il flusso sanguigno nella gente che ha 50-70 anni, non fa nella gente 21-40 anni.

Quando il colesterolo è elevato, solitamente in modo da è l'omocisteina. E l'omocisteina promuove l'ossidazione di fenomeno del colesterolo-un della lipoproteina di densità bassa (LDL) connesso con la malattia cardiaca. Il ferro migliora questa ossidazione, che può essere impedita dalla vitamina E. Prende apparentemente una somma giusta, tuttavia. In uno studio, la vitamina E ha dovuto essere aumentata tre volte normali per impedire l'omocisteina l'ossidazione del LDL in presenza di ferro.

Oltre a promuovere i radicali liberi, l'omocisteina inoltre crea i problemi attivando o disattivando i geni. Gli effetti sono molto seri. In vasi sanguigni, l'omocisteina attiva i geni che promuovono la coagulazione. Inoltre induce le cellule di muscolo liscio a proliferare, avendo l'effetto di stringimento delle arterie.

L'omocisteina inoltre colpisce gli impianti di energia del cuore, mitocondri. In presenza di ferro o di rame, l'omocisteina crea i radicali liberi che fanno il grande danno. Il danno in mitochandria necessariamente non è interrotto dalle vitamine C ed E, secondo un nuovo studio. La gente che sospetta che potrebbero elevare l'omocisteina farebbe bene per restare a partire da alimento e dai supplementi che contengono il ferro o il rame. Un enzima naturale nel corpo, catalasi, può fermare le reazioni dell'omocisteina in mitocondri. Ed i precursori di glutatione (cisteina, glutammato e glicina) possono anche impedire l'omocisteina i mitocondri offensivi. Ma uno può essere vuotato di questi enzimi e non conoscerlo.

Problemi dell'occhio

Appena come vasi sanguigni condurre a e dal cuore ed il cervello può adverstely essere colpita da omocisteina, così può altri vasi sanguigni nel corpo. L'occlusione retinica centrale della vena (CRVO), l'occlusione retinica centrale dell'arteria (CRAO) e la neuropatia ottica ischemica anteriore nonarteritic (NAION) sono tre stati di occhio connessi con omocisteina elevata. Tutte sono circostanze serie che possono condurre a perdita della visione. CRVO ischemico, che si presenta solitamente in un occhio soltanto, conduce a tutte le specie di complicazioni compreso il glaucoma neovascolare e la degenerazione maculare. Non c'è il buon trattamento ed infatti, alcuni ricercatori ritengono che il trattamento renda la circostanza peggiore.

In un nuovo studio dall'università del Michigan, il livello medio dell'omocisteina era 11,58 micromole per litro per la gente con CRVO contro 9,49 per la gente senza. L'omocisteina elevata era presente a metà di tutti gli occhi con perdita grave di visione causata da CRVO. Poiché questi stati di occhio sono associati frequentemente con malattie sistemiche cardiovascolari ed altro del diabete, di ipertensione, un fisico medica completo altamente è raccomandato per chiunque diagnosticato con qualcuno di questi problemi dell'occhio.

Disfunzione erettile

Se siete un uomo che prende Viagra per l'impotenza, potete già sapere che avete malattia cardiaca. E potete sapere che avete elevato l'omocisteina. Se state prendendo Viagra per l'impotenza e mai non siete stati diagnosticati con la malattia dell'arteria, potrebbe essere prudente da ottenere alcune prove del cuore effettuate, compreso omocisteina livella. Se l'impotenza sta causanda in vasi sanguigni di cattivo sangue, ci possono essere problemi in altre aree del corpo pure (quale il cuore). Non aspetti finché non stiate mettendo su una barella nel pronto soccorso scoprirvi per avere la malattia cardiovascolare.

Danni al fegato

La maggior parte degli studi sulla tossicità dei homocyteine ha messo a fuoco sulle arterie. Un nuovo studio indica che l'omocisteina può anche danneggiare il fegato. I ricercatori in Cina hanno alimentato a roditori le diete che contengono non folico, in basso il folato, il folato folico e normale del moderato per quattro settimane. Più basso ottenuto folico, i livelli elevati dell'omocisteina sono aumentato. Come l'omocisteina è aumentato, in modo da ha fatto lo sforzo ossidativo ed i radicali liberi.

Il caffè aumenta l'omocisteina?

immagineI bevitori del caffè, prendono nota. Parecchi studi indicano che l'omocisteina di influenza della latta di caffè livella. Sembra dipendere, tuttavia, da che genere e quanto bevete. I patiti della stampa francese possono volere ripensare la loro miscela. Secondo uno studio recente, sei tazze di non filtrato
il caffè un il giorno può sollevare i Livelli 10% dell'omocisteina di due settimane. Il livello medio di omocisteina è andato da 12,8 micromole per litro a 14 in uno studio dai Paesi Bassi.

L'associazione fra bere del caffè ed omocisteina è stata notata in altri studi, compreso uno condotto negli Stati Uniti che mostrano che quello bere una media di tre - quattro tazze di caffè un il giorno (filtrato) può aumentare i Livelli dell'omocisteina una o due micromole. Nel contesto della malattia cardiaca, questo è significativo.

Tuttavia, può essere possibile neutralizzare gli effetti di caffè con folato. I ricercatori in Norvegia hanno trovato quella gente di mezza età che ha bevuto una - quattro tazze di caffè un il giorno, ma chi ha avuto livelli elevati folici, stati in media 12,1 µgmol/L di omocisteina rispetto a 13,8 per la gente il più minimo al folico. Se una persona bevesse cinque o più tazze di caffè un il giorno, ma avesse alta assunzione folica, potrebbero tenere i loro livelli dell'omocisteina a 12,1 µgmol/L rispetto a 15,2 per la gente all'assunzione folica più bassa.

Sebbene questi studi suggeriscano che il caffè elevi l'omocisteina, più lavoro deve essere fatto. I ricercatori non sanno il caffè potrebbe avere questo effetto. È stato speculato che la miscela si contrappone alla vitamina b6 ed uno studio ha trovato i declini B6 nei bevitori del caffè (vitamina b6 partecipa ad un meccanismo che disintossica l'omocisteina). Il decaffeinato non sembra colpire l'omocisteina ed il tè non fa neanche. Determinati tipi di caffè, o i modi di preparazione, fanno apparentemente. Il colesterolo eleverà con omocisteina, ma soltanto se il caffè è non filtrato. Il filtraggio elimina i diterpeni, i partiti responsabili. Il caffè organico non è stato provato mai.

E, mentre i livelli di sforzo ossidativo sono aumentato, l'attività di due enzimi antiossidanti importanti è caduto (superossido dismutasi e glutatione perossidasi). Questi enzimi aumenterebbero normalmente per incontrare la sfida dello sforzo ossidativo. I ricercatori ritengono che l'omocisteina interferisca con i geni che controllano gli enzimi. (La nota del redattore: i geni per superossido dismutasi e glutatione perossidasi sono controllati almeno parzialmente dallo stato di metilazione del loro DNA. Poiché l'omocisteina interferisce con metilazione, è ragionevole presupporre quello, col passare del tempo modelli di metilazione sui geni è interrotto, causante l'inattivazione. Ciò è stata documentata in cellule del tumore che sono frequentemente carenti in enzimi. La causa è modelli interrotti di metilazione).

Depressione


La gente con la depressione ha cambiamenti in biochimica del loro cervello. I cambiamenti più ben esaminati si riferiscono ai neurotrasmettitori conosciuti
come serotonina, dopamina e noradrenalina. Questi neurotrasmettitori influenzano l'umore e sono gli obiettivi degli antidepressivi triciclic.

I rinforzatori dell'umore sono creati nel cervello in un processo che comprende la metilazione. Poiché la metilazione fa parte del ciclo che crea l'omocisteina, i ricercatori ragione per cui è probabile questi neurotrasmettitori è colpito da omocisteina.

Nel primo del suo genere, un nuovo studio indica che l'omocisteina, la depressione, i neurotrasmettitori ed il folato sono collegati. Una chiara associazione esiste fra omocisteina elevata e la depressione principale. Inoltre indica che la gente depressa con le più alte elevazioni in omocisteina (>12 micromole/litro) ha significativamente di meno Stesso-che mezzi che hanno meno capacità di creare il umore-miglioramento dei neurotrasmettitori. I bassi livelli di neurotrasmettitori, infatti, sono stati confermati nella gente con il più alta omocisteina e nei più bassi livelli di stessi. Nell'intero gruppo, l'omocisteina superiore uguagliava più in basso stessi. Una chiara associazione esiste fra omocisteina elevata e la depressione principale.

Poiché la carenza folica è uno dei motivi principali per omocisteina elevata, i ricercatori inoltre hanno esaminato i livelli folici, sia nel sangue che in liquido spinale cerebrale. Hanno trovato che il gruppo con il più alta omocisteina livella (>12 µmol/l) ha avuto folato significativamente più basso in liquido spinale cerebrale, globuli rossi e siero. Il folato era inoltre più basso in globuli rossi del gruppo depresso complessivamente. Quasi un terzo dei ricoverati depressi nello studio ha avuto livelli folici del globulo rosso sotto il normale (<150 µg/l). Allo stesso tempo, la metà di loro ha avuta livelli dell'omocisteina più superiore ai livelli di due gruppi di controllo.

L'omocisteina, stesse ed il folato tutta raggiungono nel ciclo di metilazione in cui la metionina è convertita in stessi, usato per metilazione, lasciando l'omocisteina che poi è convertita di nuovo a metionina con gli enzimi che usano il folato. Uno dipende d'altro canto. Se il folato non è a disposizione per promuovere la conversione di omocisteina, può sviluppare e bloccare la metilazione.

La serotonina ed altri prodotti chimici del cervello richiedono la metilazione di essere sintetizzati. Quando il fattore di metilazione, stesso, è iniettato nei ratti, determinate aree del cervello sintetizzano più serotonina. A sua volta, la serotonina e stessi entrambe sono necessaria per la sintesi di melatonina, un ormone importante per sonno. È facile da vedere come l'omocisteina (che blocca stessi) può avere effetti ampi.

La gente con la carenza folica ha fatto diminuire la sintesi di serotonina e di dopamina. È stato riferito che la gente con le carenze foliche non risponde a Prozac come pure alla gente che hanno folato sufficiente. La carenza folica da solo può causare la depressione severa, come può la carenza di vitamina b12 (nota: i metodi usuali di misurazione delle queste due vitamine nella gente non è molto accurati, più perché funzionano insieme, è a volte duri da dire quale vitamina è carente).

Che cosa potete fare

Ci sono tre vitamine di principio in questione nella conversione di omocisteina: folato, vitamine B6 e B12. La vitamina B2 (riboflavina) è richiesta per la via B6 di riduzione dell'omocisteina.

Il folato abbassa adeguatamente l'omocisteina qualche gente. Gli studi pubblicati indicano che i supplementi folici (0.5-5 mg/giorno) riducono l'omocisteina dovunque 12% - 30%. In uno studio recente su displasia cervicale, le donne sono state date a 10 mg di acido folico un il giorno, se erano carenti oppure no. L'omocisteina è stata ridotta significativamente ad otto settimane, con una tendenza continua verso il basso a sei mesi.

Il folato è una risposta ad omocisteina, ma non è la sola risposta. Altre vitamine aiutano anche. Il vitamina b12 deve essere a disposizione affinchè il folato lavori e la vitamina b6 deve essere presente affinchè l'omocisteina sia convertita in cisteina ed in altre molecole zolfo tipe utili.

Un'altra via per la disintossicazione di omocisteina utilizza la betaina (TMG) e non richiede cofattori della vitamina. La betaina può essere la congiunzione contenuta con folato se il folato non riduce l'omocisteina ad un livello soddisfacente. (Contare sulla betaina da solo, tuttavia, non è consigliabile poiché il folato ha numerose funzioni importanti oltre a ridurre l'omocisteina.

Dieta ed omocisteina

immagineLa dieta può avere un effetto principale su omocisteina. L'omocisteina deriva da metionina che è più abbondante in proteina animale che la proteina vegetale. Il folato è trovato principalmente in verdure e legumi. Ciò suggerirebbe che la gente sulle diete vegetariane avesse omocisteina folica e più bassa superiore. Ciò è in effetti il caso. Uno studio recente indica che una dieta sorvegliata del vegano (nessun prodotti di origine animale qualunque ed escludendo tabacco, alcool e caffeina) abbassa l'omocisteina 13% di una settimana senza supplementi.

Tuttavia, c'è un avvertimento circa vegetarianismo. Uno studio separato sui vegetariani non supervisionati indica che i vegetariani possono elevare
omocisteina se non prendono il vitamina b12 supplementare. B12 è trovato abbondantemente in prodotti di origine animale e raramente in piante. Le sole fonti non animali conosciute di B12 sono alimenti fermentati (quale tempeh), alga e supplementi. I vegetariani di Ovolacto (vegetariani che mangiano le uova ed i prodotti lattier-caseario) possono ottenere B12 tramite quei prodotti di origine animale.

I vegetariani si guardano da. Siete frequentemente B12 carente secondo gli studi pubblicati. Questo studio recente su omocisteina dimostra quanto importante la vitamina è per abbassare omocisteina-qualcosa che non riveli nella maggior parte dei studi dove i partecipanti sono solitamente carne-mangiatori. (Malgrado questo, gli studi indicano che i vegatarians hanno un rischio significativamente riduttore di attacco di cuore).

Parecchi grandi studi hanno esaminato se aggiungere o sottrarre le cose dalla dieta a base di carne americana tipica può abbassare l'omocisteina. A Johns Hopkins, i ricercatori hanno messo 118 persone, l'età media 49, su tre diete differenti. Il primo era una dieta tipica di cui gli Americani mangiano: carne rossa, ad alta percentuale di grassi, in basso in frutta, in verdure ed in interi grani, con non troppi prodotti lattier-caseario, nessun dadi, i semi o i legumi (dieta di controllo). La seconda dieta (frutta e verdure) era una dieta americana tipica con la frutta e le verdure aggiunte. Ha mangiato più manzo, maiale e prosciutto, meno pollame, meno latteria, ma più matto, semi, legumi e verdure che la dieta di controllo. Inoltre ha mangiato molto più la frutta. La terza dieta (combinazione) è stata sviluppata intorno ai prodotti lattier-caseario, alla frutta ed alle verdure a bassa percentuale di grassi (in qualche modo simili ad una dieta vegetariana). Ha avuto la maggior parte delle verdure ed il meno manzo, maiale e prosciutto. Ha mangiato più pesce e cereali asciutti che le altre due diete.

Dopo otto settimane sulle diete (11 settimana per il controllo), i livelli dell'omocisteina sono andato su nel controllo e nelle diete delle frutti-e-verdure e giù nella dieta (del tipo di vegetariano) di combinazione. I ricercatori stimano che l'effetto d'abbassamento della dieta del tipo di vegetariano abbia ridotto il rischio di malattia cardiaca di 7-9% dopo otto settimane. È importante notare che la dieta di combinazione ha aumentato il folato del siero e B12 di più dell'altro è a dieta. Delle vitamine B12, B6 ed il folato, folato erano la sola vitamina di tre che hanno correlato con omocisteina riduttrice nello studio.

L'omocisteina è un segnale di pericolo che non dovrebbe essere trascurato. Oltre alla malattia cardiaca, agli stati di occhio, alla depressione e ad altre malattie detti precedentemente, l'omocisteina elevata si presenta nella malattia del diabete, di lupus e di renol. La gente con il più alta omocisteina ha la maggior parte delle complicazioni da queste malattie.

L'età è un altro fattore che eleva l'omocisteina. Purtroppo, l'iperomocisteinemia relativa all'età non è stata studiata adeguatamente. Tuttavia, i dati sui pericoli di omocisteina sono già così coercitivi che i ricercatori ora stanno invitando medici a fare la prova sistematica.

Nota: Per informazioni supplementari su che cosa possono essere fatte per abbassare i livelli dell'omocisteina quando i supplementi dell'acido folico vengono a mancare, riferisca all'emissione del marzo 1999 di prolungamento della vita (“un'idea sbagliata letale ") o riferisca alla sezione degli archivi della rivista di Internet a www.lef.org.

Riferimenti

Appel LJ, et al. 2000. Effetto dei modelli dietetici sull'omocisteina del siero: risultati di uno studio d'alimentazione randomizzato e controllato. Circolazione 102:852-57.

Aronow WS, et al. 2000. L'omocisteina aumentata del plasma è un preannunciatore indipendente di nuovo infarto atherothrombotic del cervello in persone più anziane. J Cardiol 86:585-6, A10.

Aronow WS, et al. 2000. L'omocisteina aumentata del plasma è un preannunciatore indipendente di nuovi eventi coronari in persone più anziane. J Cardiol 86:346-7.

Austin RC, et al. 1998. alterazioni Omocisteina-dipendenti in espressione genica, funzione e struttura mitocondriali. L'omocisteina e H2O2 agiscono sinergico per migliorare il danno mitocondriale. Biol di J Chem 273(46): 30808-17.

Botez MI, et al. 1982. Effetto delle carenze di vitamina b12 e dell'acido folico su acido hydroxyindoleacetic 5 in liquido cerebrospinale umano. Ann Neurol 12:479-84.

Camere JC, et al. 1999. Dimostrazione di disfunzione endoteliale vascolare di inizio rapido dopo l'iperomocisteinemia: un reversibile di effetto con la terapia della vitamina C. Circolazione 99:1156-60.

CL di Chao, et al. 2000. Effetti dall'dell'iperomocisteinemia indotta methiionine su vasodilatazione dipendente dall'endotelio e dello stato ossidativo in adulti in buona salute. Circolazione 101:485-90.

DeRose DJ, et al. 2000. A programma basato a dieta di stile di vita del vegano rapidamente abbassa i livelli dell'omocisteina. Med 30:225-33 di Prev.

Fava m., et al. 1997. Folato, vitamina b12 ed omocisteina nel disturbo depressivo principale. Psichiatria 154:426-8 di J.

Grubben MJ, et al. 2000. Il caffè non filtrato aumenta le concentrazioni del homocystene del plasma in volontari sani: una prova randomizzata. J Clin Nutr 71:480-4.

Hirano K, et al. 1994. L'omocisteina induce la perossidazione lipidica ferro-catalizzata della lipoproteina a bassa densità che è impedita dall'alfa-tocoferolo. Ricerca libera 21:267-76 di Radic.

Kanani PM, et al. 1999. Il ruolo dello sforzo dell'ossidante nella disfunzione endoteliale ha prodotto dal inemia sperimentale del hyperhomocyst (e) in esseri umani. Circolazione 100:1161-8.

Chiave TJ, et al. 1996. Abitudini dietetiche e vegetariani del mortalityin 11.000 e gente cosciente di salute: risultati di seguito di 17 anni. BMJ 313:775-9.

Khajuria A, et al. 2000. Induzione dell'espressione di fattore del tessuto del monocito da omocisteina: un meccanismo possibile per trombosi. Sangue 96:966-72.

Khan mA, et al. 1999. L'interazione di omocisteina e di rame makedly inibisce il rilassamento del cavernosum di ocrpus del coniglio: nuovi fattori di rischio per disfunzione erettile angiopathic? BJU Int 84:720-4.

Ling Q, et al. 2000. Inibizione di thromboresistance endoteliale delle cellule da omocisteina. J Nutr 130 (supplemento 2S): 373S-76S.

MANN NJ, et al. 1999. L'effetto della dieta sulle concentrazioni nell'omocisteina del plasma nei soggetti di sesso maschile in buona salute. EUR J Clin Nutr 53:895-9.

Nygärd O, et al. 1998. I fattori determinanti importanti di stile di vita di plasma ammontano alla distribuzione dell'omocisteina: lo studio dell'omocisteina di Hordaland. J Clin Nutr 67:263-70.

Omland T, et al. 2000. Concentrazione nell'omocisteina del siero come indicatore della sopravvivenza in pazienti con le sindromi coronariche acute. Med 160:1834-40 dell'interno dell'arco.

Otero-Losada ME, et al. 1989. Cambiamenti acuti nel metabolismo 5-HT dopo amministrazione della S-adenosyl-L-metionina. Gen Pharmacol 20:403-6.

Pianka P, et al. 2000. Hyperhomocystinemia in pazienti con neuropatia ottica ischemica anteriore nonarteritic, l'occlusione retinica centrale dell'arteria e l'occlusione retinica centrale della vena. Oftalmologia 107:1588-92.

Rwei-palude SH, et al. 2001. Lo svuotamento folico e l'omocisteina elevata del plasma promuovono lo sforzo ossidativo in fegati del ratto. J Nutr 131:33-38.

Stolzenberg-Solomon, RZ, et al. 1999. Associazione dell'assunzione della proteina e del consumo dietetici del caffè con le concentrazioni nell'omocisteina del siero in una popolazione più anziana. J Clin Nutr 69:467-75.

Surtees R, et al. 1994. Associazione di una carenza del liquido cerebrospinale di methyltetrahydrofolate 5, ma non S-adenosylmethionine, con le concentrazioni ridutrici dei metaboliti acidi del hydroxytryptamine 5 e della dopamina. Clin Sci (Colch) 86:697-702.

Interruttore di Thomson, et al. 2000. Componenti dell'omocisteina totale del plasma: acido folico, rame e displasia cervicale. Nutrizione 16:411-16.

Vite AK. 2000. Iperomocisteinemia: un fattore di rischio per l'occlusione retinica centrale della vena. J Ophthalmol 129:640-4.



Di nuovo al forum della rivista