Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine giugno 2001

immagine

Pagina 2 di 2

Gli studi del cancro

immagineMentre la capacità della e della vitamina di inibire la crescita del cancro quali il pancreas, il seno e la prostata è stata indicata dagli studi in vitro, ora i ricercatori all'università di California (UCLA) hanno trovato che il micronutriente può anche avere uno scopo nell'evitare il cancro gastrico anche. Uno studio in vitro ha esaminato gli effetti di cura delle cellule tumorali gastriche con le dosi di 25, 50 o 100 microgrammi/millilitro della vitamina E. Quando i ricercatori hanno analizzato il risultato dopo 24, 48 e 72 ore di incubazione delle cellule maligne trattate, hanno trovato che tutte e tre le dosi della vitamina E hanno funzionato altrettanto bene a 72 ore per inibire la crescita del tumore, ma che i 50 e 100 microgrammi/millilitro di dosi hanno funzionato meglio a tutti gli intervalli di tempo. Gli autori hanno concluso dai loro risultati che la vitamina E efficacemente inibisce la crescita gastrica delle cellule di carcinoma in vitro in un modo dipendente dal tempo e della dose.(35)

Ma la vitamina E è non solo risultare efficace alla crescita d'inibizione della cellula tumorale,(29) poichè inoltre è stato indicato per essere fra gli agenti antiossidanti che possono migliorare l'efficacia degli agenti chemioterapeutici come pure fa diminuire gli effetti collaterali relativi alla loro citotossicità. Per esempio, consideri uno studio recente che ha esaminato come la vitamina E potrebbe assistere nell'aumento della suscettibilità delle cellule di carcinoma dei due punti all'agente chemioterapeutico, 5 fluorouracile (5 FU). La vitamina E, insieme con N-acetilcisteina (NAC), ha ridotto i livelli intercellulari dell'ossidante di 500%, che ha aumentato l'espressione pro-apoptotica della proteina del bax e la risposta apoptotica ad una dose non tossica di 5 FU in due linee cellulari colorettali del cancro (colo 201 e colo 205).(36) Nel frattempo, in un altro studio, la vitamina E è stata indicata per opporrsi agli effetti tossici della doxorubicina chemioterapeutica dell'agente nella pelle (come provato da attività aumentata della riduttasi del theoredoxin in pelle come pure da attività aumentata del glutatione perossidasi nei erethrocytes) e può quindi anche alleviare la citotossicità connessa con trattamento chemioterapico.(37)

QUANTO GAMMA-TOCOPHEROL?

Gli scienziati suggeriscono che coloro che prende i supplementi della vitamina E dell'alfa-tocoferolo dovrebbero anche completare con almeno il gamma-tocoferolo di 20%. In risposta a queste raccomandazioni, i membri di fondamento stanno prendendo una capsula un il giorno di un supplemento chiamato tocoferolo di Gamma E che fornisce 210 mg di gamma-tocoferolo in ogni capsula. Questa stessa quantità di gamma-tocoferolo (210 mg) inoltre è inclusa nella formula del ripetitore del prolungamento della vita. I membri di fondamento ottengono la protezione supplementare nei cappucci eccellenti del softgel CoQ10 che sono fortificati con un complesso di tocotrienolo che fornisce la frazione della vitamina E di tocotrienolo di gamma.

Poiché il membro medio prende fra 400 IU e 1000 IU un il giorno della vitamina E dell'alfa-tocoferolo, 210 mg di gamma-tocoferolo hanno trovato in tocoferolo di gamma E o ripetitore del prolungamento della vita più di questa condizione del gamma-tocoferolo di 20%.

Fertilità

Oltre alla malattia cardiaca ed al cancro, la vitamina E inoltre è stata riconosciuta in termini di sua capacità di migliorare la funzione dello sperma e di promuovere la gravidanza sana, sebbene questo ruolo fosse dimostrato i parecchi decenni fa. Nel Giappone, i ricercatori hanno dimostrato che la vitamina E protegge le cellule trophoblastic (queste l'impianto fetale mediato e forma una membrana sottile per coprire il feto) dallo sforzo ossidativo nella regione del labirinto della placenta durante il suo sviluppo.(25) La proteina di trasferimento dell'alfa-tocoferolo (alfa-TTP) è conosciuta per legare l'alfa-tocoferolo ed è associata con la carenza della vitamina E, come è stato indicato in pazienti con l'atassia. In pratica, l'espressione genica di trasferimento dell'alfa-tocoferolo modula i livelli di circolazione di alfa-tocoferolo. I ricercatori hanno esaminato l'effetto della proteina nella fertilità di topo maschio ed in topi femminili incinti, trovanti che la proteina di trasferimento dell'alfa-tocoferolo non ha colpito la fertilità maschio, la sua espressione si è riferita a danno severo delle placente che hanno culminato nella morte degli embrioni alla mezzo gestazione. I ricercatori poi hanno provato ad amministrare la vitamina in eccesso E o un supplemento antiossidante sintetico ai topi femminili incinti. In questo caso, i risultati hanno indicato che la vitamina extra E, o il completamento antiossidante, omissione placentare impedita e permesso i topi di raggiungere a termine. Altri risultati suggeriscono che la vitamina E inoltre contribuisca a proteggere lo sperma dall'insulto ossidativo che manometterebbe la suoi integrità strutturale e funzionamento normale.(23) Tale traccia di risultati di nuovo agli inizi umili della e della vitamina, prima che tutta la relazione alla malattia cardiaca ed al cancro sia fatta. Tenga presente che la vitamina E è stata scoperta negli anni 20 dopo che è stato trovato che i ratti hanno alimentato una vitamina E che la dieta carente non potrebbe riprodurrsi. Il tocoferolo di termine ora usato per identificare la vitamina E viene dal significato greco di parola “a sopportare la prole.„ Naturalmente, come stiamo scoprendo, quel nome non comprende giustamente il ruolo complesso che la vitamina E stia risultando svolgere nella salute globale.

Conclusione

Che cosa il rapporto di JAMA ha contribuito a confermare è il fatto che prendere una dose elevata di singolo antiossidante non può essere un modo efficace di impedire la perossidazione lipidica. Poiché la maggior parte dei consumatori seri di supplemento prendono la vitamina C e CoQ10 con la loro vitamina E, i risultati di questo studio non sembrerebbero riguardare loro. Coloro che prende la forma del gamma-tocoferolo della vitamina E dovrebbero essere confortati particolarmente per sapere che possono ottenere la protezione ottimale contro una vasta gamma di radicali protetti contro gli agenti tossici che inducono la perossidazione lipidica.

Riferimenti

1. Meagher, E.A., et al. effetti della vitamina E su perossidazione lipidica persone JAMA 2001 nel 7 marzo sano; 285(9):1178-82.

2. Mawatari S, et al. effetti di acido ascorbico su perossidazione delle membrane umane dell'eritrocito da lipossigenasi. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo) 1999 dicembre; 45(6): 687-99.

3. Stoyanovsky DA, et al. ascorbato endogeno rigenera direttamente la vitamina E nella retina e congiuntamente ad acido dihydrolipoic esogeno. Ricerca 1995 dell'occhio di Curr marzo; 14(3): 181-9.

4. CA di Chan. Partner nella difesa, in vitamina E ed in vitamina C. Può J Physiol Pharmacol 1993 settembre; 71(9): 725-31.

5. Niki E. Interaction dell'ascorbato e dell'alfa-tocoferolo. Ann N Y Acad Sci 1987; 498:186-99.

6. Scarpa m., et al. formazione dell'alfa-tocoferolo radicale e riciclaggio dell'alfa-tocoferolo dall'ascorbato durante la perossidazione dei liposomi della fosfatidilcolina. Uno studio di risonanza paramagnetica di elettrone. Biochim Biophys acta 1984 28 settembre; 801(2): 215-9.

7. La vitamina E può proteggere da carcinoma della prostata, il 19 dicembre 2000, salute di Reuters. 19 dicembre 2000.

8. Battezzi la S, et al. elettrofili mutageni delle trappole del gamma-tocoferolo come NESSUN (X) e complementa l'alfa-tocoferolo: implicazioni fisiologiche. Proc Acad Sci gli S.U.A. 1997 1° aprile nazionale; 94(7): 3217-22.

9. Bowry, et al. perossidazione Tocoferolo-mediata. L'effetto prooxidant della vitamina E sull'ossidazione radicale-iniziata di lipoproteina a bassa densità umana. Giornale della società di prodotto chimico americano v. 115 (14 luglio ` 93) P. 6029-44.

10. Upston JM, et al. l'ossidazione degli acidi grassi liberi in lipoproteina di densità bassa da lipossigenasi 15 stimola la perossidazione non enzimatica e alfa-tocoferolo-mediata degli esteri del colesterile. J biol Chem 1997 28 novembre; 272(48): 30067-74.

11. Lo SR di Thomas, et al. Cosupplementation con il coenzima Q impedisce l'effetto prooxidant dell'alfa-tocoferolo ed aumenta la resistenza di LDL all'inizio metallo-dipendente dell'ossidazione di transizione. Biol 1996 di Arterioscler Thromb Vasc maggio; 16(5): 687-96.

12. SR di Thomas, et al. inibizione di ossidazione di LDL da ubiquinol-10. Un meccanismo protettivo per il coenzima Q nel atherogenesis? Mol Aspects Med 1997; 18 supplementi: S85-103.

13. Stocker R, et al. Ubiquinol-10 protegge più efficientemente la lipoproteina umana di densità bassa da perossidazione lipidica dell'alfa-tocoferolo. Proc Acad Sci gli S.U.A. 1991 1° marzo nazionale; 88(5): 1646-50.

14. SR di Thomas, et al. ossidazione ed antiossidazione della lipoproteina a bassa densità umana e del plasma esposti al peroxynitrite di morpholinosydnonimine 3 e del reagente. Ricerca Toxicol 1998 di Chem maggio; 11(5): 484-94.

15. Traber MG. La vitamina E fa diminuire il rischio di attacco di cuore? Riassunto ed implicazioni riguardo alle raccomandazioni dietetiche. J Nutr 2001 febbraio; 131(2): 395S-397S.

16. Wu D, et al. vitamina E e regolamento del ciclo-ossigenasi del macrofago in invecchiato. J Nutr 2001 febbraio; 131(2): 382S-388S.

17. Neuzil J, et al. induzione degli apoptosi della cellula tumorale vicino \{alfa} - succinato di tocoferil: vie molecolari e requisiti strutturali. FASEB J 2001 1° febbraio; 15(2): 403-415.

18. Cinar MG, et al. effetto del completamento dietetico della vitamina E su reattività vascolare dell'aorta toracica in ratti streptozotocin-diabetici. Farmacologia 2001 gennaio; 62(1): 56-64.

19. Galli F, et al. vitamina E, profilo del lipido e perossidazione nei pazienti di emodialisi. Rene Int 2001 febbraio; 59 (supplemento 78): 148-154.

20. Mydlik m., et al. Un dialyzer modificato con la vitamina E ed i parametri antiossidanti della difesa. Rene Int 2001 febbraio; 59 (supplemento 78): 144-147.

21. Roghani m., et al. effetto di Neuroprotective della vitamina E sul modello in anticipo della malattia del Parkinson in ratto: prova comportamentistica ed istochimica (1). Brain Res 2001 16 febbraio; 892(1): 211-217.

22. Grant CA, et al. forme trattabili di retinite pigmentose si è associato con i disturbi neurologici sistemici. Inverno di Int Ophthalmol Clin 2001; 41(1): 103-10.

23. Goldstein P, et al. corpi del sesso e complessi synaptonemal dei topi di Balb/C: intervento antiossidante dell'insulto oxyradical. Cytobios 2001; 104(405): 7-23.

24. Takacs P, et al. perossidi di circolazione aumentati del lipido nel preeclampsia severo attiva il N-F \{kappa} B e aumenta ICAM-1 in cellule endoteliali vascolari. FASEB J 2001 1° febbraio; 15(2): 279-281.

25. Jishage Ki K, et al. proteina di trasferimento dell'alfa-tocoferolo è importante per lo sviluppo normale dei trofoblasti placentari del labirinto in topi. J biol Chem 2001 19 gennaio; 276(3): 1669-1672.

26. Imballatore L, et al. aspetti molecolari di azione di alfa-tocotrienolo e di segnalazione antiossidanti delle cellule. J Nutr 2001 febbraio; 131(2): 369S-373S.

27. Meydani M. Vitamin E ed aterosclerosi: Oltre la prevenzione di ossidazione di LDL. J Nutr 2001 febbraio; 131(2): 366S-368S.

28. Cibo CK. Regolamento della vitamina E della generazione mitocondriale del superossido. La biol segnala Recept 2001 gennaio; 10 (1-2): 112-124.

29. Kline K, et al. vitamina E: Meccanismi di azione come inibitori della crescita delle cellule del tumore. J Nutr 2001 gennaio; 131(1): 161S-163S.

30. Il Freedman JE, et al. inibizione della vitamina E dell'aggregazione della piastrina è indipendente da attività antiossidante. J Nutr 2001 febbraio; 131(2): 374S-377S.

31. Rodriguez-Porcel m., et al. ipercolesterolemia altera l'aspersione e la permeabilità del miocardio: ruolo dello sforzo ossidativo e dell'attività endogena di lavaggio. J Coll Cardiol 2001 febbraio; 37(2): 608-15.

32. Jenkins JK, et al. vitamina E inibisce l'espressione renale del mRNA di COX II, I NOIOSA, TGFbeta e osteopontina nel modello del ratto di nefrotossicità di ciclosporina. Trapianto 2001 27 gennaio; 71(2): 331-4.

33. Jialal I, et al. C'è un paradosso della vitamina E? Curr Opin Lipidol 2001 febbraio; 12(1): 49-53.

34. Neuzil J, et al. uccisione selettiva della cellula tumorale dal succinato di alfa-tocoferil. Br J Cancro 2001 5 gennaio; 84(1): 87-9.

35. Rosa A, et al. succinato dell'alfa-tocoferolo inibisce la crescita delle cellule tumorali gastriche in vitro. Ricerca 2001 di J Surg gennaio; 95(1): 19-22.

36. Adeyemo D, et al. antiossidanti migliora la suscettibilità delle cellule di carcinoma dei due punti a fluorouracile 5 aumentando l'induzione della proteina del bax. Cancro Lett 2001 10 marzo; 164(1): 77-84.

37. Korac B, et al. tossicità della doxorubicina alla pelle: la possibilità della protezione con gli antiossidanti ha arricchito il lievito. J Dermatol Sci 2001 gennaio; 25(1): 45-52.

38. Gupta R, et al. effetti antiossidanti e hypocholesterolaemic della polvere della albero-corteccia di terminalia arjuna: una prova controllata con placebo randomizzata. Medici India 2001 di J Assoc febbraio; 49:231-5.

39. Peus D, et al. analogo della vitamina E modula dall'l'attivazione indotta UVB di via di segnalazione e migliora la sopravvivenza delle cellule. Radic biol Med 2001 15 febbraio libero; 30(4): 425-432.

40. Jialal I, et al. L'effetto dell'alfa-tocoferolo su attività di Proatherogenic del monocito. J Nutr 2001 febbraio; 131(2): 389S-394S.

41. Fischer m., et al. medicorum del nodo ha ulcerato la fibrosi indotta da radiazioni - riuscita terapia con la pentossifillina e la vitamina E. Eur J Dermatol 2001 gennaio; 11(1): 38-40.

42. Shimizu T, et al. effetti degli acidi grassi polinsaturi n-3 e vitamina E sulla generazione, sulla perossidazione lipidica e sulla microcircolazione mucose coliche del leucotriene in ratti con colite sperimentale. Digestione 2001; 63(1): 49-54.

43. Il Siu aw, et al. N-acetile-serotonina riduce dalla la perossidazione lipidica indotta da ione del rame (i) in omogeneati retinici bovini. Acta Ophthalmol Scand 2001 febbraio; 79(1): 69-71.

44. Katz DL, et al. effetti acuti dell'avena e vitamina E sulle risposte endoteliali a grasso ingerito. Med 2001 di J Prev febbraio; 20(2): 124-129.

45. van Haaften RI, et al. alfa-tocoferolo inibisce la S-transferasi umana pi del glutatione. Biochimica Biophys ricerca Commun 2001 26 gennaio; 280(3): 631-633.

46. Pratico D, et al. autoanticorpo di circolazione alla componente ossidata del cardiolipin con isoprostane F (2alpha) - livelli VI e le dimensioni di aterosclerosi in topi ApoE-carenti: modulazione entro vitamina E. Blood 2001 il 15 gennaio; 97(2): 459-464.

47. Giray B, et al. da sforzo ossidativo indotto da cipermetrina nel cervello del ratto e fegato è impedito dalla vitamina E o dal allopurinol. Toxicol Lett 2001 3 gennaio; 118(3): 139-46.

48. Pincheira J, et al. linfociti di anemia di Fanconi: effetto del DL-alfa-tocoferolo (vitamina E) sulle rotture del cromatidio e su efficienza di riparazione G2. Mutat ricerca 2001 5 gennaio; 461(4): 265-71.



Di nuovo al forum della rivista