Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine marzo 2001

immagine

Pagina 2 di 2

Continuato dalla pagina 1

Impedire UTIs e decadimento dentario

No, non dovete bere i gran quantità del succo di mirtillo rosso! Infatti, i mirtilli rossi non sono la sola bacca che possa combattere le infezioni urinarie. Una tazza dei mirtilli un il giorno deve fare il trucco. Il Dott. Amy Howell al centro di ricerca del mirtillo rosso del mirtillo di Rutgers al Rutgers University nel New Jersey fa parte del gruppo che ha scoperto l'effetto anti--UTI dei mirtilli. Ammette che mangia i mirtilli dalla pinta quando nella stagione.

Che cosa è il segreto dell'efficacia antibatterica di queste bacche stupefacenti? Secondo il Dott. Howell, è i tannini condensati in mirtilli che impediscono ai batteri di aderire alla parete della vescica, letteralmente rendente lo difficile per l'infezione “prendere la tenuta.„ Quindi, questi tannini hanno potuto essere chiamati “anti-adesine.„ A proposito, parte del meccanismo attraverso cui il decadimento dentario di lotta dei polifenoli del mirtillo è lo stesso come il modo essi combatti le infezioni urinarie: interferiscono con la capacità dei batteri di aderire alle superfici dentarie.

La ricerca recente ha confermato questa ed ha identificato le proantocianidine specifiche, composte di unità dell'epicatechina, che sembra essere i polifenoli antiadesivo più bioactive.

Ma l'attività antiadesivo non è probabilmente il solo meccanismo di azione. I tannini in generale sono stati trovati per avere un effetto antimicrobico. La crescita di molti batteri, virus, lieviti e funghi è inibita da questi composti. Molto probabilmente, interferiscono con la segnalazione genetica nelle cellule microbiche. (Nota che i polifenoli sono generalmente antiproliferativi, inibenti anche la proliferazione delle cellule normali, ma colpire particolarmente le cellule tumorali e gli organismi patogeni.) Ricordi, tuttavia, che il dosaggio è critico per l'efficacia. A questo punto, abbiamo cominciato a mala pena a studiare questi effetti in un modo controllato.

Ciò non è di dire che dovreste dimenticare circa i mirtilli rossi. I mirtilli rossi (vaccinium macrocarpon) sono i cugini dei mirtilli. Non è sorprendente che, oltre all'impedire e ad alleviare le infezioni della vescica, i mirtilli rossi anche sono stati indicati per avere considerevoli benefici cardiovascolari ed anticancro, simile a quelli di altre bacche. Purtroppo, i mirtilli rossi sono preparati solitamente con molto zucchero. Ciò opera ai mirtilli relativamente basso glycemic (freschi o congelati) una migliore scelta per consumo quotidiano. Come indennità, lentamente masticare i mirtilli è probabilmente eccellente contro carie dentaria. Il tè bevente inoltre ha quell'effetto. I polifenoli in generale hanno un effetto antibatterico ed antivirale.

Se preferite il rimedio tradizionale del succo di mirtillo rosso bevente dal quarto, provi la varietà non zuccherata. I cocktail commerciali tipici del mirtillo rosso contengono così tanto lo zucchero che c'è il pericolo di soppressione del vostro sistema immunitario e così possibilmente di rendere l'infezione ancora peggiore. La migliore e soluzione più pratica sembra prendere l'estratto del mirtillo rosso nella forma di supplemento.

Perché consideri le bacche e gli estratti della bacca per le infezioni delle vie urinarie quando abbiamo antibiotici? Una ragione è lo sviluppo della resistenza batterica dovuto l'esagerare degli antibiotici. Un'altra ragione eccellente per fare diminuire l'uso degli antibiotici è che questi non sono composti inoffensivi. Hanno effetti collaterali, quale diarrea. L'uccisione fuori dei batteri amichevoli provoca spesso una crescita eccessiva degli organismi nocivi quale il candida. Molte donne avvertono un'infezione vaginale misera del candida praticamente ogni volta che usano gli antibiotici. L'uso di un estratto potente del mirtillo rosso non ha effetti collaterali, mentre produce i benefici multipli.

Poiché è donne che tendono a soffrire più frequentemente dai problemi dell'apparato urinario, può valere la pena di citare qui che secondo i clinici alternativi, i problemi mestruali tipici di perimenopause possono anche essere attenuati con le grandi dosi dei flavonoidi, compreso gli antociani potenti in estratto del mirtillo. Secondo uno studio italiano, l'alta assunzione dei flavonoidi del mirtillo (antociani) può anche fare diminuire o persino eliminare il dolore in seni fibrocystic. Ciò può essere dovuta pricipalmente all'azione antinfiammatoria di questi phytonutrients ed anche alla loro capacità probabile di legare a tipo ricevitori dell'estrogeno di II e di esercitare gli effetti del tipo di ormone, neutralizzante troppa stimolazione estrogena.

I polifenoli rallentano l'invecchiamento

In suo libro eccellente, il miracolo antiossidante, il Dott. Lester Packer riferisce che gli antiossidanti quali la vitamina E ed i polifenoli della pino-corteccia (simili a quelli contenuti in estratto del seme dell'uva) hanno indicato in vitro la capacità di rallentare l'invecchiamento cellulare. Nel caso delle proantocianidine della pino-corteccia (Pycnogenol), l'imballatore ha dimostrato che questi polifenoli potrebbero proteggere le cellule cerebrali dagli apoptosi (morte programmata delle cellule) in un modello sperimentale che imita il processo di invecchiamento.

La ricerca inoltre ha stabilito che il tasso di riduzione del telomero nella divisione delle cellule e così, indirettamente, il tasso di invecchiamento, potesse essere modificato significativamente dalla quantità di sforzo ossidativo. (Telomeri sono punti dell'estremità di ogni cromosoma; la loro lunghezza diminuisce con ogni divisione cellulare finché i telomeri non diventino così brevi che la cellula può più non ripiegare.) È stato indicato che se lo sforzo ossidativo è abbassato con arricchimento con gli antiossidanti potenti, il tasso di riduzione del telomero è rallentato. Le miscele degli antociani e delle proantocianidine sono fra gli antiossidanti più potenti eppure scoperto.

Inoltre, la scoperta accidentale dal Dott. Winter che il consumo corrente di ginkgo può estendere sia il medio che la durata massima in ratti potrebbe risultare essere molto importante. Sarebbe interessante ripetere il suo studio facendo uso dell'estratto del seme dell'uva, poiché le proantocianidine trovate in estratto del seme dell'uva mostrano alcune delle stesse proprietà (per esempio aggregazione della piastrina e microcircolazione d'inibizione migliorare) come i composti hanno trovato in ginkgo.

C'è estesa prova epidemiologica che le popolazioni che consumano le più grandi quantità di polifenoli mostrano la meno obesità ed abbassano cardiovascolare, cancro e la mortalità del morbo di Alzheimer. Prenda l'Asia orientale, per esempio, con la sua alta assunzione di tè verde, del miso, dello zenzero e di grande varietà di verdure; La Francia del sud ed altri paesi Mediterranei, con il loro alto consumo di vino rosso e di olio d'oliva, entrambi conosciuti per essere ricco di composti fenolici. Il cioccolato anche può avere simili benefici, dovuto il suo contenuto elevato delle proantocianidine simili a quelle trovate in vino rosso. Gli studi epidemiologici tendono a confermare una correlazione fra a basso rischio per vari disordini degeneranti ed alto consumo di polifenoli. Se il vino rosso ed il cioccolato non sono d'accordo con voi, potete raggiungere sempre per l'estratto del seme dell'uva.

Uno delle proprietà importanti più antinvecchiamento degli antociani e dei composti fenolici più semplici quali acido e quercetina ellagici è la loro capacità di riciclare il glutatione. Il glutatione è una delle nostre difese antiossidanti più importanti. È un tripeptide che consiste del glutammato, della glicina e della cisteina di aminoacidi. Alcuni esperti chiamano il glutatione “l'ultimo antiossidante„ e considerare i livelli elevati del glutatione come la chiave alla longevità. Il glutatione superiore alla media effettivamente sembra essere una delle caratteristiche dei centenari. Quelli di noi che non sembrano avere geni centenari (e quel significano praticamente tutti noi) possono forse compensare mangiando molte bacche e/o prendendo l'estratto del mirtillo per sollevare i nostri livelli del glutatione (l'acido e la n-acetile-cisteina lipoici inoltre alzano il glutatione). Se desiderate prendere il glutatione orale, potrebbe essere una buona idea prendere una dose elevata dell'estratto del mirtillo con la capsula del glutatione per contribuire ad impedire il glutatione essere destra ossidata nel tratto di gastrointenstinal.

L'alto glucosio del siero è un fattore principale nell'invecchiamento accelerato. Gli zuccheri semplici quali glucosio, fruttosio e galattosio possono fungere da radicali liberi. Possono anche attaccarsi agli aminoacidi, così alle proteine offensive. I polifenoli, particolarmente i grandi polimeri chiamati spesso “hanno condensato i tannini,„ può proteggere da questo danno abbassando la glicemia come pure con la loro azione antiossidante. I diabetici particolarmente dovrebbero prendere nota di individuazione quello che consuma più polifenoli è probabili abbassare il tasso di glicosilazione, un processo da di danno che indotto da zucchero della proteina quello conduce ai problemi severi quali le cataratte, la neuropatia e perfino l'insufficienza renale. Il cibo della frutta intera può essere utile speciale per l'abbassamento della glicemia, poiché la pectina in mirtilli inoltre ha un effetto (d'abbassamento) ipoglicemico.

Il glucosio più basso del siero ed i bassi livelli dell'insulina sono fra i biomarcatori drammatici di invecchiamento più lento negli animali caloria-limitati. Questo effetto molto probabilmente si applica agli esseri umani. Un istituto nazionale massiccio dello studio di salute già ha stabilito che gli uomini più anziani con l'insulina più bassa fossero il più sano. la glicemia Basso normale va generalmente di pari passo con i lipidi del sangue della sano-gamma.

Tutto considerato, l'assorbimento riduttore sia delle proteine che dei carboidrati dovuto l'alta assunzione del polifenolo risulta ad un certo grado nella restrizione di caloria. Poiché l'individuo sta mangiando le sue porzioni consuete di alimento, questa è la restrizione di caloria senza il disagio di fame. Mentre i tannini hanno una cattiva reputazione in zootecnia perché rallentano la crescita degli animali e contribuiscono ad evitare che ingrassa, le implicazioni per gli esseri umani sono abbastanza positive. La restrizione di caloria è ben nota essere un modo efficace di rallentare l'invecchiamento. Purtroppo, molto pochi individui possono praticarlo limitando la loro ingestione di cibo. Aggiungendo i mirtilli, il vino rosso ed altre fonti di polifenoli alla dieta potrebbero aiutare almeno parzialmente questo problema rallentando la digestione (inibendo gli enzimi quale amilasi) e riducendo l'assorbimento.

Per ora, possiamo fare soltanto una congettura istruita che i mirtilli e l'estratto del mirtillo come pure l'estratto del seme dell'uva, con il loro potere antiossidante spettacolare, hanno benefici antinvecchiamento e possiamo anche potere estendere la durata se quotidiano consumato nelle dosi sufficienti. Ciò è altamente probabile in considerazione degli effetti antiossidanti, di chelatazioni, ipoglicemici, antiatherogenic, anticarcinogenic, antinfiammatori, immunostimulating e dimodulazioni documentati dei polifenoli.

La nostra intera nozione delle inabilità “inevitabili„ di cosiddetto “invecchiamento normale„ (non è questa come dire “il cancro normale„?) sta subendo un cambiamento rivoluzionario. Lo stereotipo “di piccola signora anziana„ o “di piccolo uomo anziano„ evoca l'immagine di qualcuno restretto e abbassato, corrugato, dimentico e confuso, appena capace di camminare, debole e vacillante, cadendo per nessuna ragione evidente, parziale cieco e sordo ecc. Questi orrori si sono liberati da tradizionalmente come semplicemente “invecchiando,„ con l'implicazione che niente può essere fatto.

Ora stiamo scoprendo che in effetti molto possono essere fatti. L'invecchiamento può essere rallentato ed alcuni aspetti di possono anche essere invertiti. Non troppo tempo fa, se chiunque ha osato suggerisca che qualcosa semplice come mangiare i mirtilli potrebbe invertire la perdita in relazione con l'invecchiamento di funzione motoria, egli/essa sia stato allontanato come ottimista ignaro che non capisce le leggi fondamentali di biologia. La credenza ufficiale era che se viviamo abbastanza a lungo, siamo condannati per sviluppare la perdita delle cataratte, di demenza, dell'osso e del muscolo e così via. Non altro. Ora la prova al contrario sta cominciando a versare dentro. La credenza che crescere più vecchia è sinonima con diventare senile e decrepita rapidamente sta erodenda.

immagine
Poiché anche i mirtilli possono ottenere l'alesaggio una volta alimentari ogni giorno, è buono da provare tutti i tipi di bacche e l'altra della frutta ricca d'antiossidante per godere della varietà.

Così, in base a questa nuova prova, è saggio consumare l'abbondanza delle bacche, ciliege e prugne e una quantità moderata di fonti naturali più ricche del vino- rosso di proantocianidine, di antociani, di acidi fenolici semplici e di altro fenolico composto-e iniziare o continuare un regime antinvecchiamento standard. Poiché anche i mirtilli possono ottenere l'alesaggio una volta alimentari ogni giorno, è buono da provare tutti i tipi di bacche e l'altra della frutta ricca d'antiossidante per godere della varietà. Le more, per esempio, sono inoltre una fonte estremamente ricca di antiossidanti fenolici. Inoltre, le ciliege acide, ora disponibili nella forma secca, sono una fonte deliziosa di antociani ed acido ellagico. Le prugne non zuccherate sono inoltre alte sulla lista di di frutta ricca d'antiossidante. Pensi in termini di pigmenti ricchi e profondi e gusto-questi in qualche modo acidi segnale la presenza dei polifenoli utili.

Per ottenere i benefici completi dei mirtilli e/o dell'estratto del mirtillo, dovreste mangiare un importo adeguato e/o prendere una dose adeguata. La tazza mezza dei mirtilli un il giorno è probabilmente il minimo stato necessario per fornire i benefici per il cervello; un'intera tazza funziona meglio per impedire le infezioni della vescica. Gli anziani che desiderano invertire la disfunzione del motore possono anche studiare la possibilità di consumare un più grande importo, oppure completano il loro consumo della bacca con l'estratto ad alta potenza del mirtillo. Potete volere sperimentare per vedere che gamma di dosaggio funziona il più bene per voi in termini di miglioramento della visione o sollievo di artrite. Se avete artrite e volete svegliare liberamente da rigidezza e da dolore, potreste anche studiare la possibilità di prendere 300 mg di estratto del seme dell'uva all'ora di andare a letto. Per gli scopi antinvecchiamento, tuttavia, potete regolare la dose secondo la vostra età, la dimensione corporea ed altri antiossidanti attualmente presi.

Le dosi elevate molto degli antociani possono essere necessarie come trattamento dell'aggiunta del diabete e delle sue complicazioni, quale retinopatia diabetica, ma tale trattamento richiede l'orientamento di un clinico alternativo con esperienza. La regola generale è che una miscela sinergica degli antiossidanti funziona molto meglio del contando su un singolo agente.

Riassumendo, ottenere le dosi sufficienti dei polifenoli dalla dieta e dei supplementi dovrebbe essere una parte importante di tutto il regime antinvecchiamento serio.


Riferimenti

Effetto di Agarwal C et al. Anticarcinogenic di una frazione polifenolica isolata dai semi dell'uva in cellule umane di carcinoma DU145 della prostata: modulazione dei regolatori mitogenici del ciclo cellulare e di segnalazione ed induzione dell'arresto G1 e degli apoptosi. Mol Carcinog 2000; 28:129-38.

Andriambeloson E et a. I composti polifenolici dietetici naturali causano il vasorelaxation dipendente dall'endotelio in aorta toracica del ratto. J Nutr 1998; 128: 2324-33.

Reazioni di Arteel GE et al. di peroxynitrite con gli oligomeri del procyanidin del cacao. J Nutr 2000; 130 (supplemento 8S): 2100S-4S.

Effetto antiossidante di Asgary S et al. dei flavonoidi sulla glicosilazione dell'emoglobina. Acta Helv 1999 di Pharma; 73:223-6.

Atkins, R. La soluzione della Vita-sostanza nutriente. Simon e Schuster, 1999, pp. 310-311.

Radicali liberi di Bagchi D et al. ed estratto di proantocianidina del seme dell'uva: importanza nelle sanità e nella prevenzione delle malattie. Tossicologia 2000; 148:187-97.

Panettiere ME. Flavonoidi come ormoni. Una prospettiva da un'analisi dei fossili molecolari. Adv Exp Med Biol 1998; 439:249-67.

Attività anticancro in vitro di Bomser J et al. degli estratti di frutta dalle specie del vaccinio. Med 1996 di Planta; 62:212-6.

La riduzione di Canali R et al. dello sforzo ossidativo e dell'espressione chemoattractant da neutrofilo indotto da citochina dai polifenoli del vino rosso della carenza di zinco ha indotto il danno intestinale in ratto. Med libero 2000 di biol di Radic; 28:1661-70.

Cambiamenti Hyperoxia indotti del cao G et al. nella capacità antiossidante e nell'effetto degli antiossidanti dietetici. J Appl Physiol 1999; 86:1917-22.

Cignarella che le proprietà novelle et al. di una riduzione dei lipidi del vaccinium myrtillus va, un trattamento antidiabetico tradizionale, in parecchi modelli della dislipidemia del ratto: un confronto con ciprofibrate. Ricerca 1996 di Thromb; 84:311-22.

Tannini e sanità di Chung KT et al.: una rassegna. Rev Food Sci Nutr 1998 di Crit; 38:421-64.

Il Da Luz PL et al. L'effetto di vino rosso su aterosclerosi sperimentale: protezione dell'lipido-indipendente. Exp Mol Pathol 1999; 65:150-59.

Effetto inibitorio di Delmas D et al. del reveratrol sulla proliferazione delle linee cellulari derivate epatiche del ratto e dell'essere umano. Rappresentante 2000 di Oncol; 7:847-52.

L'amministrazione di Demrow HS et al. di vino e di succo d'uva inibisce in vivo l'attività e la trombosi della piastrina in arterie coronarie canine stenosed. Circolazione 1995; 91:1182-88.

Ferrandiz ml, Alcaraz MJ. Attività ed inibizione antinfiammatorie di metabolismo dell'acido arachidonico dai flavonoidi. Azioni 1991 degli agenti; 32:283-88.

Foo LY et al. La struttura delle proantocianidine del mirtillo rosso che inibiscono l'aderenza ad Escherichia coli P-fimbriated uropathogenic in vitro. Fitochimica 2000; 54: 173-81.

La riduzione Età-dipendente del telomero di Furumoto K et al. è rallentata dal enrichement di vitamina C introcellular via soppressione dello sforzo ossidativo. Vita Sci 1998; 63:935-48.

Howell che et al. un'inibizione dell'aderenza di Escherichia coli P-fimbriated alla cellula uroepithelial sorge dagli estratti di proantocianidina dai mirtilli rossi. Med 1998 di N Inghilterra J; 339:1085-6.

L'effetto appeso di LM et al. Cardioprotective dei resveratroli, un antiossidante naturale è derivato dall'uva. Ricerca 2000 di Cardiovasc; 47:549-55.

I polifenoli del vino rosso di Iijima K et al. inibiscono la proliferazione delle cellule di muscolo liscio vascolari e l'espressione del downregulate del gene di cyclin A. Circolazione 2000; 101:805-11.

Prevenzione di Khanduja chilolitro et al. dal del tumorigenesis indotto da n del polmone da acido e da quercetina ellagici in topi. Alimento Chem Toxicol 1999; 37:313-8.

Re A, giovane G. Characteristics ed avvenimento dei phytochemicals fenolici. Dieta Assoc 1999 di J; 99:213-8.

Aumento di Koga T et al. di potenziale antiossidante del plasma del ratto tramite la somministrazione orale dell' estratto ricco di proantocianidina dai semi dell'uva. Alimento Chem 1999 di J Agric; 47: 1892-97.

Leonardi M. [trattamento della malattia fibrocystic del seno con gli antociani di myrtillus. La nostra esperienza.] Minerva Ginecol 1993; 45:617-21.

Lin JK, Tsai SH. Chemoprevention di cancro e della malattia cardiovascolare dai resveratroli. Proc Sci naturale Counc Repub Cina B 1999; 23:99-106.

Il resveratrolo della SK della manna et al. sopprime dall'l'attivazione indotta TNF dei fattori di trascrizione nucleari N-F-kappaB, dell'attivatore protein-1 e degli apoptosi: ruolo potenziale dei mediatori e della perossidazione lipidica dell'ossigeno. J Immunol 2000; 164:6509-19.

Sinergia di Chan m. dell'uomo-Ying et al. fra etanolo ed i polifenoli dell'uva, quercetina e resveratrolo, nell'inibizione della via viscoelastica della sintasi dell'ossido di azoto. Biochimica Pharmacol 2000; 60:1539-48.

Mian E et al. Anthocyanosides e le pareti dei microvessels: aspetti ulteriori del meccanismo di azione del loro effetto protettivo nelle sindromi dovuto fragilità capillare anormale. Minerva Med 1977; 68:3565-81.

Il resveratrolo SH di Mitchell et al. inibisce l'espressione e la funzione del ricevitore dell'androgeno in cellule di carcinoma della prostata di LNCaP. Ricerca 1999 del Cancro; 59:5892-95.

Il resveratrolo di Mizutani K et al. inibisce spontaneamente dall'l'attività indotta da età della sintesi del collagene e di proliferazione in cellule di muscolo liscio vascolari dai ratti ipertesi colpo-inclini. Ricerca Commun 2000 di biochimica Biophys; 274:61-67.

L'azione antiossidante di Nagata H et al. dei flavonoidi, quercetina e catechina, ha mediato dall'attivazione di glutatione perossidasi. Med 1999 di Tokai J Exp Clin; 24:1-11.

Espressione P53/p21 di SEDERE di Narayanan et al. ed il suo ruolo possibile nell'arresto G1 e apoptosi in cellule tumorali trattate con acido ellagiche. Cancro Lett 1999; 136:215-21.

Imballatore L e Colman C. The Antioxidant Miracle. John Wiley e Sons, 1999.

L'imballatore L et al. attività antiossidante e proprietà biologiche di un di un estratto ricco procyanidin dal pino scorteccia, pycnogenol. Med libero 1999 di biol di Radic; 27:704-24.

Pignatelli P et al. La quercetina e la catechina dei flavonoidi inibiscono sinergico la funzione della piastrina contrapponendosi alla produzione intracellulare del perossido di idrogeno. J Clin Nutr 2000; 72:1150-55.

Prevenzione di Sakagami H et al. delle malattie orali dai polifenoli. In vivo 1999; 13:155-7.

Gli effetti di Sato la m. et al. Cardioprotective dell'uva seminano le proantocianidine contro riperfusione ischemica injurty. J Mol Cell Cardiol 1999; 31:1289-97.

Effetti antiproliferativi di Schneider R et al. dei resveratroli sulle cellule tumorali coliche umane. Cancro Lett 2000; 158:85-91.

Stein JH. Il succo d'uva porpora migliora la funzione endoteliale e riduce la suscettibilità del colesterolo di LDL all'ossidazione in pazienti con la coronaropatia. Circolazione 1999; 100:1050-55.

Effetto di Szende B. Dose-dependent dei resveratroli su proliferazione e sugli apoptosi nelle colture cellulari del tumore e endoteliali. Exp Mol Med 2000; 32:88-92.

Gli oligomeri di Takahashi T et al. Procyanidin selettivamente e promuovono intensivamente la proliferazione delle cellule epiteliali dei capelli del topo in vitro ed attivano la crescita del follicolo pilifero in vivo. J investe Dermatol 1999; 112:310-16.

Thompson, relazione di LU et al. fra l'assunzione del polifenolo e il resonse della glicemia degli individui normali e diabetici. J Nutr 1984; 39:745-51.

Virgili F. Procyanidins estratte dal pinus maritima (Pycnogenol): organismi saprofagi delle specie del radicale libero e modulatori del metabolismo del monossido di azoto in 264,7 macrofagi CRUDI murini attivati. Medicina libera 1998 di biol di Radic; 24:1120-29.

Inverno JC. Gli effetti di un estratto di ginkgo biloba su comportamento e sulla longevità conoscitivi nel ratto. Physiol Behav 1998; 63:425-33.

Dell'l'estratto ricco di proantocianidina di Yamakoshi J et al. dall'uva semina i atttenuates lo sviluppo di aterosclerosi aortica nei conigli di colesterolo-federazione. Aterosclerosi 1999; 142:139-49.

L'incorporazione del KA di Youdim et al. degli antociani della bacca di sambuco dalle cellule endoteliali aumenta la protezione contro lo sforzo ossidativo. Medicina libera 2000 di biol di Radic; 29:51-60.

Il KA di Youdim, B Shukitt-sana et al. Polyphenolics migliora la resistenza del globulo rosso allo sforzo ossidativo in vitro e in vivo. Acta 2000 di Biochim Biophys; 1523:117-22.


Di nuovo alla pagina 1

  

Di nuovo al forum della rivista