Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine maggio 2001

immagine

Livelli elevati della vitamina C relativi a mortalità più bassa

immagineIn uno studio pubblicato appena nella lancetta del giornale (2001; 357:657-63), ricercatori dall'università di Cambridge in Inghilterra ha cercato di confermare l'associazione fra i livelli della vitamina C del siero e la mortalità da tutti cause come pure specificamente dalla malattia cardiovascolare e dal cancro. Hanno trovato che gli alti livelli di vitamina C hanno provocato una riduzione significativa di tutta la mortalità di causa su un periodo quadriennale. I partecipanti di studio fa parte di uno studio di popolazione futuro di 19.496 uomini e donne che variano nell'età da 45 a 79. All'inizio dello studio i partecipanti clinicamente sono stati esaminati e completato i diari dell'ingestione di una salute e del questionario e di cibo di stile di vita. I livelli dell'acido ascorbico del siero sono misurato stati un anno nello studio. Le cause della morte sono state continuate e convalidato state per quattro anni.

Nel gruppo che ha le più alte concentrazioni della vitamina C del siero, il rischio di mortalità per tutte le cause nel periodo quadriennale era metà quello del gruppo che ha avuto le concentrazioni della vitamina C più basse. Questa relazione dei livelli dell'acido ascorbico sul rischio della mortalità era coerente in tutto i livelli differenti di concentrazione nell'acido ascorbico. La mortalità dalla malattia cardiovascolare e dalla malattia cardiaca ischemica è stata correlata con i livelli più bassi dei livelli dell'acido ascorbico negli uomini ed in donne. Gli alti livelli di vitamina C hanno ridotto il rischio di cancro negli uomini ma non in donne per questo periodo quadriennale di studio. I ricercatori hanno speculato questo potrebbero essere collegati con i tipi differenti di cancri diagnosticati negli uomini ed in donne.

L'aumento nella vitamina C del siero è stato correlato con un aumento nel consumo dietetico di frutta e di verdure. Un aumento in vitamina C equivalente a consumare un servizio extra di una frutta o la verdura al giorno è stato determinato per essere associato con un rapporto di riproduzione di 20% del rischio di mortalità per tutte le cause. I ricercatori concludono che i piccoli cambi nell'assunzione di vitamina C potrebbero avere grandi effetti su quanto tempo una persona potrebbe vivere. Tramite tali processi come il lavaggio del radicale libero, le membrane proteggenti del lipido ed il contributo alla produzione del collagene, parecchi studi epidemiologici umani precedenti hanno indicato che le quantità elevate di vitamina C hanno tagliato significativamente i tassi di mortalità, con le riduzioni particolarmente notevoli di una serie di malattie croniche, compreso la malattia cardiaca ed il cancro.

Nuovi risultati su I3C

immagineLe nuove scoperte sono state fatte circa indole-3-carbinol. I ricercatori riferiscono che il composto (trovato in verdure crocifere quale cavolo) aumenta il gene soppressore BRCA1 del tumore tramite un ricevitore dell'estrogeno. BRCA1 (gene di suscettibilità del cancro al seno) è subito una mutazione in alcuni casi di cancro al seno, particolarmente in giovani donne ed in alcuni casi della prostata e del cancro ovarico. Più spesso, BRCA ha alterazioni di metilazione che lo hanno fatto tacere. La nuova ricerca indica che BRCA1 non è appena un gene soppressore del tumore, ma ha ruoli nella riparazione del DNA pure. Questo gene importante è trovato in tutto il corpo.

I nuovi risultati su I3C indicano che il composto aumenta BRCA1. Entrambi poi funzionano insieme per bloccare l'estrogeno dall'invio dei segnali che migliorano la crescita di cancro. Inoltre non precedentemente è stato conosciuto che I3C blocca l'alfa del ricevitore dell'estrogeno dalla fabbricazione. Ciò è come mettere su un blocco stradale per estrogeno. L'estrogeno è là, ma non può fare qualche cosa nocivo.

Questi risultati sono il più recente in una lista crescente di che I3C fa per modulare l'estrogeno. Una delle sue azioni più importanti è di cambiare il modo che l'estrogeno è metabolizzato. Invece di trasformazione nel a-hydroxyestrone 16, l'estrogeno è convertito in hydroxyestrone 2 quando I3C è presente. 2-hydroxyestrone è una forma più debole di estrogeno. Le donne con più hydroxyestrone 2 che il a-hydroxyestrone 16 sono a meno rischio per cancro al seno che quelli con i livelli elevati del metabolita 16. Un'altra abilità di I3C è di bloccare gli agenti cancerogeni dal causare il cancro. Inoltre, I3C può impedire il cancro cervicale causato dal papilloma umano virus-16 in topi. I3C inoltre causa gli apoptosi (morte delle cellule) in determinati tipi di cellule tumorali.

Riferimenti
Meng Q, et al. 2000. Indole-3-carbinol è un regolatore negativo della segnalazione del ricevitore dell'estrogeno in cellule umane del tumore. J Nutr 130:2927-31.
Esteller m., et al. 2000. Hypermethylation del promotore ed inattivazione BRCA1 in seno sporadico ed in tumori ovarici. Cancro nazionale Inst 92:564-9 di J.
GE X, et al. 1999. L'induzione degli apoptosi in cellule MCF-7 da indol-3-carbinol è indipendente da p53 e da bax. Ricerca anticancro 19:3199-03.
Jin L, et al. 1999. Indole-3-carbinol impedisce il cancro cervicale nel tipo 16 (HPV16) topi transgenici del virus di papilloma umano. Ricerca 59:3991-97 del Cancro.
Magdinier F, et al. 2000. La metilazione regionale del 5' isola di CpG dell'estremità di BRCA1 è associata con espressione genica riduttrice in cellule somatiche umane. FASEB J 14:1585-94.
Muti P, et al. 2000. Metabolismo dell'estrogeno e rischio di cancro al seno: uno studio prospettivo del 2:16 - rapporto di hydroxyestrone in donne premenopausa e postmenopausali. Epidem 11:635-40.
Sharma S, et al. 1994. Selezione degli agenti chemopreventive potenziali facendo uso degli indicatori biochimici di carcinogenesi. Ricerca 54:5848-55 del Cancro.
Wang Y, et al. 2000. BASC, un complesso eccellente di BRCA-1 ha associato le proteine in questione nel riconoscimento e nella riparazione delle strutture aberranti del DNA. Sviluppatore dei geni 14:927-39.


Più pesce significa il rischio più basso del colpo in donne

Secondo gli ultimi risultati, un'più alta ingestione dietetica del pesce ed Omega 3 acidi grassi polinsaturi possono fare diminuire significativamente il rischio della forma più comune di colpo fra le donne di mezza età, particolarmente coloro che non prende regolarmente aspirin (JAMA 2001 gennaio; 285:304-312). Lo studio, che ha seguito le 79.839 età 34 - 59 delle donne sugli anni 14 (1980-1994), ha indicato che mangiare il pesce ha ridotto regolarmente il rischio di trombosi (un coagulo di sangue che si è accumulato sulla parete di un'arteria del cervello), che causa 40% - 50% dei colpi.

Gli autori di studio hanno riferito che, “rispetto alle donne che hanno mangiato il pesce meno di una volta al mese, quelle con le più alte assunzioni del pesce ha avuto un più a basso rischio del colpo totale.„ Dopo avere registrato per ottenere l'età, il fumo ed altri fattori di rischio cardiovascolari, donne che hanno mangiato i pesci una - tre volte al mese hanno avuti un 7% più a basso rischio di coloro che ha mangiato il pesce meno di una volta al mese. Il rischio del colpo è diminuito riguardante ogni quanto tempo le donne consumate pescano, cadendo da 22% quando mangiano pesce una volta alla settimana e da 27% quando pranzano su due - quattro volte un la settimana. Il rischio di colpo totale è stato ridotto 52% per coloro che ha mangiato i pesci cinque o più volte alla settimana.

Lo studio inoltre ha trovato quel, mentre l'uso regolare di aspirin può potenzialmente ridurre il rischio del colpo riducendo l'aggregazione della piastrina, rischio ancora riduttore del colpo dell'assunzione del pesce in donne che non hanno usato aspirin al fine della prevenzione del colpo. Gli autori suggeriscono che parecchi meccanismi possano partecipare al rischio più basso connesso con gli acidi grassi n3, vale a dire la loro capacità del colpo di ridurre l'aggregazione della piastrina, pressione sanguigna più bassa e di ridurre le concentrazioni nel fibrinogeno del plasma.

Le verdure proteggono dal cancro polmonare

immagineUn gruppo dei ricercatori dagli Stati Uniti e dalla Cina ha indicato che i isothiocyanates, trovati in verdure crocifere, offrono la protezione significativa contro il cancro polmonare, ma che il grado di protezione dipende dalla genetica, secondo un rapporto in un'emissione recente della lancetta del giornale (volume 355, dell'edizione 9231). Gli oggetti in questo studio epidemiologico futuro che mancano degli enzimi della S-transferasi del glutatione, che metabolizzano i isothiocyanates, erano circa la metà probabile ottenere il cancro polmonare come coloro che è omozigotico per i geni e che quindi eliminano rapidamente i isothiocyanates protettivi dai loro corpi. La prevalenza dei geni varia 32% - 55%, secondo il gruppo etnico, dice Stephanie London, PhD, dell'istituto nazionale delle scienze di salute ambientale. Ciò è il primo studio per collegare le misure biologiche dei isothiocyanates con il rischio di cancro riduttore. L'implicazione più importante di questo studio è per comportamento degli studi di intervento, dice Londra, che è l'autore principale. “La maggior parte dei test clinici presuppongono che tutti siano lo stesso,„ dice Londra. La presa delle differenze genetiche in considerazione affilerebbe i risultati, dice.

Ci sono più di 20 isothiocyanates differenti, che sono creduti per combattere il cancro amplificando la produzione antiossidante, ma i dettagli sono una scatola nera. “Mangi appena le vostre verdure,„ dice Londra. La popolazione di studio ha compreso le più di 18.000 età 45 - 64 dei maschi, a Shanghai, la Cina. 232 casi del cancro polmonare si sono presentati durante lo studio. La dieta locale è alta in verdure crocifere e fumare è comune in questa popolazione. —David Holzman

Di nuovo al forum della rivista