Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine settembre 2001

immagine

Trattamento possibile per disfunzione sessuale femminile

immagine

I nuovi risultati presentati alla riunione annuale dell'associazione urologica americana recentemente ospitata, Anaheim, CA, suggeriscono che DHEA (deidroepiandrosterone) potrebbe essere utile da trattare la disfunzione sessuale in donne di cui le difficoltà possono provenire da vuotato livella di questo ormone. Lo studio ha compreso 32 donne con desiderio sessuale calante come pure i problemi di orgasmo e del risveglio, ciascuno di chi sono stati amministrati 50 milligrammi al giorno di DHEA per circa cinque mesi. A seguito, la maggior parte dei soggetti ha riferito un importante crescita nella spontaneità, tempo di scarsità a risveglio e ad più alto interesse sessuale. Inoltre, 80% delle donne ha avuto loro testosterone ed i livelli di DHEA ritornano al normale.

Gli studi hanno indicato che i livelli dell'androgeno in entrambi gli uomini e donne notevolmente colpiscono il benessere sessuale, mentale e fisico. In particolare, c'è stato un interesse crescente in DHEA, precursore di estrogeno e testosterone. La prova fin qui ha indicato il potenziale di DHEA in termini di effetti antinvecchiamento e sta studianda relativamente a Alzheimer, all'artrite, al lupus, alla depressione, al cancro ed alla disfunzione sessuale. Purtroppo, dopo DHEA i livelli alzano nei suoi anni 20 e gli anni 30, cominciano cadere da allora in poi. E qualche gente, le ghiandole surrenali underactive conducono ai livelli con insistenza bassi da pubertà in avanti.

Mentre gli studi su disfunzione sessuale femminile hanno ricerca dietro maschio-centrata isolante, la conoscenza che gli androgeni colpiscono le donne come pure gli uomini ha incitato gli studi in donne. Nel 1994, lo studio maschio di invecchiamento di Massachusetts ha indicato che i livelli del siero di DHEA sono stati collegati inversamente con l'incidenza di disfunzione erettile [Reiter WJ, et al. urologia 1999 marzo; 53(3):590-4; discussione 594-5]. Quello studio aveva esaminato 40 uomini, 20 di loro che ricevono 50 milligrammi del quotidiano di DHEA per sei mesi e l'altra metà che prende un placebo. Poi uno studio 1999 ha indicato che che cosa ha indisposto la libido maschio potrebbe aiutare le femmine pure. I ricercatori tedeschi hanno trovato che quotidiano 50 milligrammi DHEA per quattro mesi hanno fatto diminuire i sintomi della depressione e dell'ansia in donne con “insufficienza adrenale„ (specificamente DHEA) come pure significativamente hanno migliorato la loro salute sessuale e benessere globale [Wiebke A, et al. NEJM 1999 30 settembre 341(14): 1013-1020]. - Angela Pirisi



Le carote, pomodori tengono il cancro polmonare assente

immagine

I ricercatori di Harvard hanno pubblicato i risultati di grande studio che suggerisce che gli adulti che consumano vari carotenoidi avessero significativamente un più a basso rischio del cancro polmonare di sviluppo che coloro che non consuma tanto [AJCN 2000; 72:990-997]. I carotenoidi sono antiossidanti che bloccano il DNA ed il danno cellulare della membrana causati altrimenti da attività del radicale libero e dallo sforzo ossidativo che crea. Più specificamente, dopo l'esame delle abitudini dietetiche della gente e la continuazione con loro 10 - 12 anni più successivamente, lo studio ha trovato che gli individui di cui la dieta ha contenuto la più grande quantità di licopene (un carotenoide trovato in pomodori) ed alfa-carotene (un composto trovato in carote) hanno avvertito il più notevole beneficio preventivo. Nel frattempo, un rapporto di riproduzione di 63% del rischio è stato notato di non-fumatori che hanno consumato la maggior parte del alfa-carotene. I fumatori, d'altra parte, hanno tratto giovamento soprattutto di licopene, ma non da altri carotenoidi.

Altri ricercatori precedentemente hanno precisato che, perché una serie di carotenoidi esistono nelle concentrazioni differenti in verdure differenti, è più vantaggioso consumare varie verdure. Per esempio, uno studio più iniziale dai ricercatori all'università di centro di ricerca sul cancro di Hawai, che ha paragonato gli uomini e le donne al cancro polmonare con i comandi sani, trovata che gli oggetti che hanno avuti un'alta assunzione mediana di tre carotenoidi trovati in verdure (beta-carotene, alfa-carotene e luteina) hanno avuti il più a basso rischio del cancro polmonare [biomarcatori Prev 1993 di Epidemiol del Cancro maggio-giugno; 2(3):183-187]. I ricercatori hanno commentato quello, coerente con i loro risultati precedenti, “questa analisi fornisce ulteriore prova per un effetto protettivo di determinati carotenoidi contro il cancro polmonare e per la maggior protezione accordata consumando varie verdure confrontate soltanto agli alimenti ricchi di carotenoide particolare.„

La ricerca più iniziale inoltre ha dimostrato che un'alta assunzione della frutta e delle verdure come pure gli interi grani, sembra migliorare generalmente la funzione polmonare una volta confrontati a consumo inferiore alla media [torace 1999; 54:1021-1026]. I dati sono stati raccolti oltre da 3000 uomini (età 40 - 59 quando lo studio ha cominciato), durante gli anni 60 in Finlandia, in Italia e nei Paesi Bassi. I risultati hanno condotto i ricercatori a concludere che le vitamine C ed E ed il beta-carotene erano responsabili del combattimento del danno nelle vie aeree.

immagine

Nel frattempo, molta prova è sorto per suggerire che i carotenoidi fossero mezzi di prevenzione per le forme differenti di cancro, non esclusivamente cancro polmonare. Consideri, per esempio, che uno studio biennale dall'Uruguay ha riferito quella vitamina A (che è convertita dal beta-carotene), il alfa-carotene ed il licopene sono stati associati con una forte relazione inversa a tumore dello stomaco [Cancro Prev 2000 di EUR J ottobre; 9(5): 329-334]. Lo studio, che ha paragonato 120 casi di tumore dello stomaco confermato a 360 comandi relativamente al ruolo della dieta, anche trovato che assunzione del giunto di alfa-carotene e di vitamina C tradotta in rischio acutamente riduttore di cancro gastrico.

I ricercatori di Harvard commentano, tuttavia, quello che mangia più carote o pomodori non confronta al fumo al fine dell'impedire il cancro polmonare. — AP



Vitamine di memoria

Se conoscete qualcuno che non possa ricordarsi, possono avere bisogno delle vitamine. Trapunta i ricercatori dell'università riferiscono quella gente sopra l'età di 60 chi non può ricordarsi avere meno folico nel loro sangue. Un collegamento inoltre è stato trovato fra la memoria difficile ed i livelli di omocisteina. L'omocisteina è un sottoprodotto potenzialmente tossico di metionina, un aminoacido trovato abbondantemente in animale proteina-che può essere abbassato con folato supplementare.

Lo studio è il più recente in serie sulla funzione conoscitiva, sull'omocisteina e sulle vitamine. I vitamins-B6, B12 e folico-migliorano la memoria. Lungamente è stato conosciuto che il vitamina b12 è cruciale affinchè salute psicologica e la capacità pensasse. La vitamina b6 è stata collegata con la migliore memoria in 1996 ciuffi studia ed il folato è stato legato coerente per migliorare la cognizione. Le vitamine possono lavorare perché migliorano la metilazione, un processo necessario per la funzione del cervello. Uno scenario alternativo è che il folato e B12 riducono l'omocisteina, che non solo impedisce la metilazione ma è stessa tossici ai neuroni.

immagine

Nell'ultimo studio, il livello dell'omocisteina di gente che potrebbe ricordare i sei elementi di una storia è rientrato dentro in 10,6 µmol/L. La gente che non potrebbe ricordare c'è ne dei concetti della storia ha provato fuori a 11,3 - 14,8 µmol/L. Mentre la differenza sembra piccola, quando si tratta di omocisteina, l'importo più minuscolo può fare la più grande differenza. Negli studi su omocisteina e sulla malattia cardiaca, una differenza di micromole in un litro di sangue ha provato significativo.

Tutti partecipanti allo studio erano oltre 60 anni. Un collegamento fra l'età e non potere ricordarsi anche è emerso. La gente più vicino all'età di 60 molto ha migliorato sul ricordo delle parole che la gente più vicino a 70. Purtroppo, tuttavia, non può tutti essere incolpata di su omocisteina. La gente che ha avuta il tempo più duro che si ricorda che le parole ed i concetti erano più vecchi, indipendentemente dalla loro omocisteina livella. Tuttavia, una delle cose cruciali non indirizzate nello studio era stato B12. Il folato ed il vitamina b12 funzionano insieme per migliorare la cognizione. Quanto della gente più anziana che non potrebbe ricordarsi c'è ne delle parole erano B12 carente è non noto. La carenza B12 (se è evidente o non sopra prova), è una frequente carenza in gente più anziana e B12 supplementare è stato indicato ad abilità di lingua di aumento. Secondo un'analisi dello studio del cuore di Framingham, una persona più anziana è probabile essere B12 carente a meno che prendano i supplementi o mangiano il cereale fortificato. La dieta e la salute dei partecipanti più anziani non sono state indirizzate nello studio.

I ricercatori in Irlanda hanno riferito qualcosa molto interessante circa omocisteina ed invecchiano. Hanno trovato che la gente oltre omocisteina più bassa generalmente avuta 90 che le gente 70 - 89. Non c'era spiegazione evidente per questa, compreso i geni o le vitamine. Ma questa gente più anziana con omocisteina intorno a 8 µmol/L (confrontati a 9,8 per i 70 all'89enni) stava facendo le grande.


Eastley R, et al. 2000. Carenza di vitamina b12 nella demenza e nel danno conoscitivo: gli effetti del trattamento sulla funzione neuropsicologica. Psichiatria 15:226-33 di Int J Geriatr.

McCaddon A, et al. 1998. Omocisteina totale del siero nella demenza senile del tipo di Alzheimer. Psichiatria 13:235-9 di Int J Geriatr.

Ms di Morris, et al. 2001. L'iperomocisteinemia si è associata con il richiamo difficile nella terza indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute. J Clin Nutr 73:927-33.

Rea IM, et al. 2000. i nonaganarians Comunità-viventi in Irlanda del Nord hanno prevalenza termolabile di genotipo dell'omocisteina più bassa del plasma ma della simile riduttasi del methylenetetrahydrofolate confrontata agli oggetti di 70-89 anni. Athersclerosis 149:207-14.

Riggs chilometro, et al. 1996. Le relazioni della vitamina B-12, della vitamina B-6, del folato e dell'omocisteina alla prestazione conoscitiva nell'invecchiamento normativo studiano. J Clin Nutr 63:306-14.

Tucker chilolitro, et al. 2000. Le concentrazioni nella vitamina B-12 del plasma si riferiscono alla fonte dell'assunzione nello studio della prole di Framingham. J Clin Nutr 71:514-22.



Di nuovo al forum della rivista