Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine agosto 2002

immagine

Influenza di acido linoleico coniugato (CLA) sull'istituzione e progressione di aterosclerosi in conigli.

OBIETTIVO: per determinare gli effetti di acido linoleico coniugato (CLA) sull'istituzione e sulla progressione da di aterosclerosi indotta da sperimentale in conigli. METODI: Per l'istituzione di aterosclerosi, i conigli bianchi della Nuova Zelanda sono stati alimentati una dieta semipurificata che contiene 0,1% - 0,2% colesteroli per i 90 giorni. Alcuni gruppi sono stati alimentati la dieta ed il CLA. Per gli effetti sulla progressione di aterosclerosi, i conigli con aterosclerosi stabilita sono stati alimentati una dieta semipurificata +/- il CLA per i 90 giorni. RISULTATI: Ai livelli dietetici bassi quanto 0,1%, il CLA ha inibito il atherogenesis. Ai livelli dietetici di 1%, il CLA ha causato la regressione sostanziale (di 30%) di aterosclerosi stabilita. Ciò è il primo esempio di regressione sostanziale di aterosclerosi che è causata dalla dieta da solo. CONCLUSIONE: Il CLA dietetico è un efficace inibitore di atherogenesis ed inoltre causa la regressione di aterosclerosi stabilita.

J Coll Nutr 2000 agosto; 19(4): 472S-477S

Effetto di acido linoleico coniugato su composizione corporea in topi.

Gli effetti di acido linoleico coniugato (CLA) su composizione corporea sono stati studiati. I topi icr sono stati alimentati una dieta di controllo che contiene l'olio di mais 5,5% o una dieta CLA-completata (olio di mais 5,0% più 0,5% CLA). I topi alimentati CLA-hanno completato la dieta hanno esibito il grasso corporeo più basso di 60% e di 57% e 5% ed a comandi relativi aumentati 14% della massa magra del corpo (P < 0,05). L'attività totale di palmitoyltransferase della carnitina è stata aumentata dal completamento dietetico del CLA in sia cuscinetto grasso che muscolo scheletrico; le differenze erano significative per il cuscinetto grasso dei topi e del muscolo scheletrico alimentati dei topi digiunati. Nel trattamento coltivato del CLA dei adipocytes 3T3-L1 (1 x 10 (- 4) M) hanno ridotto significativamente l'attività eparina-rilasciabile della lipoproteina lipasi (- 66%) e le concentrazioni intracellulari di triacylglyceride (- 8%) e di glicerolo (- 15%), ma il glicerolo libero significativamente aumentato nel terreno di coltura (+22%) ha confrontato a controllo (P < 0,05). Gli effetti del CLA su composizione corporea sembrano essere dovuti in parte al deposito grasso riduttore ed alla lipolisi aumentata nei adipocytes, possibilmente accoppiati con l'ossidazione migliorata dell'acido grasso sia nelle cellule di muscolo che nei adipocytes.

Lipidi 1997 agosto; 32(8): 853-8

L'acido linoleico coniugato (CLA) ha ridotto il tessuto adiposo addominale in uomini di mezza età obesi con i segni della sindrome metabolica: una prova controllata randomizzata.

FONDO: L'obesità addominale è collegata forte con i disordini metabolici. La ricerca recente suggerisce che l'acido linoleico coniugato dietetico (CLA) riduca il grasso corporeo e possa migliorare le variabili metaboliche in animali. Gli effetti metabolici del CLA in esseri umani addominalmente obesi ancora non sono stati provati. OBIETTIVO: per studiare l'effetto a breve termine del CLA sui fattori di rischio grassi e cardiovascolari addominali in uomini di mezza età con i disordini metabolici. METODI: Venticinque uomini addominalmente obesi (rapporto dell'vita--anca (WHR), 1.05+/-0.05; indice di massa corporea (BMI), 32+/-2.7 kg/m (2) (mean+/-s.d.)) chi erano fra 39 e 64 y-vecchi partecipati ad una prova alla cieca ha randomizzato la prova controllata per 4 settimane. Quattordici uomini hanno ricevuto 4,2 il g CLA/day e 10 uomini hanno ricevuto un placebo. I punti finali principali erano differenze fra i due gruppi in diametro addominale sagittale (TRISTE), colesterolo nel siero, lipoproteina a bassa densità, lipoproteina ad alta densità, trigliceridi, acidi grassi liberi, glucosio ed insulina. RISULTATI: Alla linea di base, non c'erano differenze significative fra i gruppi nelle variabili antropometriche o metaboliche. Dopo quattro settimane c'era una diminuzione significativa in TRISTE (cm) nel gruppo del CLA confrontato a placebo (P=0.04, ci di 95%; -1.12, -0.02). Altre misure dell'antropometria o del metabolismo non hanno evidenziato differenze significative fra i gruppi. CONCLUSIONI: Questi risultati indicano che il completamento del CLA per quattro settimane in uomini obesi con la sindrome metabolica può fare diminuire il grasso addominale, senza effetti concomitanti sull'obesità globale o su altri fattori di rischio cardiovascolari. A causa della dimensione del campione limitata, gli effetti del CLA nell'obesità addominale devono più a fondo essere studiati nelle più grandi prove con la durata più lunga.

Int J Obes Relat Metab Disord 2001 agosto; 25(8): 1129-35

Effetti di acido linoleico coniugato su grasso corporeo e sul metabolismo energetico nel topo.

L'acido linoleico coniugato (CLA) è un gruppo naturale di derivati dienoici di acido linoleico trovati nel grasso del manzo e di altri ruminanti. Il CLA è riferito per avere effetti sia sullo sviluppo che sul grasso corporeo del tumore nei modelli animali. Per più ulteriormente caratterizzare gli effetti metabolici del CLA, i topi maschii di AKR/J sono stati alimentati (una dieta ad alta percentuale di grassi (45 kcal%) o a bassa percentuale di grassi di 15 kcal%) con o senza il CLA (2,46 mg/kcal; 1,2% e 1,0% a peso in alto- e nelle diete a basso contenuto di grassi, rispettivamente) per sei settimane. Il CLA ha ridotto significativamente l'apporto energetico, il tasso di crescita, il peso adiposo del deposito e l'indipendente del contenuto proteico del lipido della carcassa e di composizione in dieta. In generale, la riduzione del peso adiposo del deposito ha variato da 43% a 88%, con il deposito retroperitoneale più sensibile al CLA. Il CLA ha aumentato significativamente il tasso metabolico ed ha fatto diminuire il quoziente respiratorio di notte. Questi risultati dimostrano che il CLA riduce il grasso corporeo da parecchi meccanismi, compreso un apporto energetico riduttore, hanno aumentato il tasso metabolico e una variazione nella miscela notturna del combustibile.

J Physiol 1998 settembre; 275 (3 pinte 2): R667-72

Gli acidi linoleici coniugati dietetici aumentano il tessuto magro e fanno diminuire il deposito grasso in maiali crescenti.

L'acido linoleico coniugato (CLA) fa diminuire il contenuto del grasso corporeo dei roditori. Lo scopo di questo studio era di determinare se il CLA dietetico ha alterato la composizione della carcassa dei maiali. Grande i maiali Landrace di bianco x femminile (n = 66) sono stati utilizzati in questo studio. Per ottenere la composizione corporea iniziale, sei maiali sono stati macellati a 57 chilogrammi di peso vivo, mentre i maiali restanti sono stati assegnati ad uno di sei CLA dietetici dei g/kg dei trattamenti (0, 1,25, 2,5, 5,0, 7,5 e 10,0, contenenti 55% degli isomeri del CLA). Le diete, contenenti 14,3 l'energia digeribile di MJ (DE) e una lisina disponibile di 9. 3 g per chilogrammo, sono state alimentate ad libitum per otto settimane. Il CLA dietetico non ha avuto effetto significativo su guadagno quotidiano di media (861 contro 911 g/d per i maiali alimentati sono a dieta con e senza il CLA, la P = 0,15) o sull'assunzione dell'alimentazione (2. 83 contro 2,80 kg/d, la P = 0,74). Il guadagno per alimentare il rapporto è stato aumentato dal CLA dietetico da 6,3% (0,328 contro 0,348, P = 0,009). Deposito grasso in diminuzione linearmente (- 8,2 +/- 2,09 g/d per ogni grammo per aumento di chilogrammo nella concentrazione del CLA; P < 0,001) con l'aumento dell'inclusione del CLA. All'più ad alto livello dell'inclusione del CLA, il deposito grasso è stato diminuito da 88 g/d (- 31%). Similmente, il rapporto di grasso al deposito magro del tessuto è diminuito linearmente (- 0,093 +/- 0,0216 per ogni grammo per aumento di chilogrammo nella concentrazione del CLA; P < 0,001) con l'aumento del CLA dietetico. La risposta del deposito del tessuto della magra della carcassa al CLA dietetico era quadratica in natura ed è stata massimizzata (+25%) ad un CLA dietetico di 5. 0 g/kg. Il CLA globale e dietetico ha aumentato il guadagno al rapporto dell'alimentazione ed al deposito magro del tessuto ed ha fatto diminuire il deposito grasso nei maiali della stazione di finitura.

J Nutr 1999 novembre; 129(11): 2037-42

L'acido linoleico coniugato riduce la massa del grasso corporeo in esseri umani di peso eccessivo ed obesi.

L'acido linoleico coniugato (CLA) è stato indicato per ridurre la massa del grasso corporeo (BFM) in animali. per studiare le relazioni dose-risposta di acido linoleico coniugato riguardo a BFM in esseri umani, ad uno studio di prova alla cieca e randomizzato compreso 60 di peso eccessivo o ai volontari obesi (kg/m degli indici di massa corporea 25 - 35 (2)) sono stati eseguiti. Gli oggetti sono stati divisi in cinque gruppi che ricevono il placebo (olio d'oliva di 9 g), l'acido linoleico coniugato g 1,7, 3,4, 5,1 o 6,8 al giorno per 12 settimane, rispettivamente. i raggi x di Doppio-energia absorptiometry sono stati usati per misurare la composizione corporea [misure alle settimane 0 (linea di base), sei e 12]. Dei 60 oggetti, 47 hanno terminato lo studio. Otto oggetti si sono ritirati dallo studio dovuto gli eventi avversi; tuttavia, nessuna differenza fra i gruppi del trattamento è stata trovata per quanto riguarda gli eventi avversi. l'analisi delle Ripetere-misure ha indicato che una riduzione significativamente più alta di BFM è stata trovata dei gruppi coniugati dell'acido linoleico rispetto al gruppo del placebo (P: = 0.03). La riduzione di grasso corporeo all'interno dei gruppi era significativa per i 3,4 e 6,8 gruppi del CLA di g (P: = 0,05 e P: = 0,02, rispettivamente). Nessuna differenza significativa fra i gruppi è stata osservata in massa del corpo, indice di massa corporea, variabili di sicurezza del sangue o lipidi del sangue magri. I dati suggeriscono che l'acido linoleico coniugato possa ridurre BFM in esseri umani e che nessun effetto supplementare su BFM è raggiunto con le dosi > 3,4 il g CLA/d.

J Nutr 2000 dicembre; 130(12): 2943-8

Il grasso di materia acido-arricchito linoleico coniugato altera la morfogenesi della ghiandola mammaria e riduce il rischio di cancro in ratti.

L'acido linoleico coniugato (CLA) è un agente preventivo del cancro potente nei modelli animali. Fin qui, tutto in vivo lavoro con il CLA è stato fatto con un preparato di senza pubblicità l'acido grasso che contiene una miscela di c9, di t11-, di t10, di c12- e di c11, t13-isomers, sebbene il CLA in alimento fosse principalmente (80% - 90%) il c9, t11-isomer presente in triacilgliceroli. L'obiettivo di questo studio era di determinare se un alto grasso di materia del CLA ha attività biologiche simili a quelle della miscela degli isomeri del CLA dell'acido grasso libero. I seguenti quattro punti finali differenti sono stati valutati in ghiandola mammaria del ratto: 1) analisi dell'immagine digitalizzata di massa epiteliale in intero supporto mammario; 2) densità terminale del germoglio dell'estremità (TEB); 3) attività proliferativa delle cellule di TEB come determinato dall'esame immuno-istochimico nucleare dell'antigene delle cellule di proliferazione; e 4) analisi biologica mammaria di prevenzione del cancro nel modello di methylnitrosourea. Dovrebbe essere notato che le cellule di TEB sono le cellule bersaglio per carcinogenesi chimica mammaria. CLA d'alimentazione del grasso di materia ai ratti durante il periodo della massa epiteliale mammaria riduttrice sviluppo pubescente della ghiandola mammaria da 22%, in diminuzione la dimensione della popolazione di TEB da 30%, soppressa la proliferazione delle cellule di TEB da 30% e rendimento di tumore mammario inibito da 53% (P < 0,05). Ancora, tutte variabili di cui sopra hanno risposto con la stessa grandezza di cambiamento sia al CLA del grasso di materia che alla miscela degli isomeri del CLA al livello di 0,8%) presente del CLA (nella dieta. Interessante, là sembrato essere una certa selettività nell'assorbimento o nell'incorporazione di c9, t11-CLA sopra t10, c12-CLA nei tessuti dei ratti dati la miscela degli isomeri del CLA. I ratti che consumano il grasso di materia CLA-arricchito inoltre hanno accumulato coerente il CLA più totale nella ghiandola mammaria ed in altri tessuti (quattro agli aumenti sestuplo) rispetto a quelle il CLA di consumo dell'acido grasso libero (aumenti tripli) allo stesso livello dietetico di assunzione. Supponiamo che la disponibilità di acido vaccenic (t11-18: 1) nel grasso di materia può servire da precursore per la sintesi endogena del CLA via la reazione di Delta9-desaturase. Ulteriori studi saranno intrapresi per studiare altri attributi di questo prodotto lattiero-caseario novello.

J Nutr 1999 dicembre; 129(12): 2135-42

Carnitine/DHEA

Il deidroepiandrosterone altera i profili del lipido del muscolo soleo e cardiaco del ratto di Zucker.

Gli alti livelli degli acidi grassi liberi del siero (FFA) e le proporzioni più basse di poli-insaturo (unità di elaborazione) FAs, acido specificamente arachidonico (aa), sono comuni in obesità, insulino-resistenza (IR) e diabete di tipo 2 mellito. Il deidroepiandrosterone (DHEA) fa diminuire il contenuto del grasso corporeo, consumo del grasso dietetico e livelli dell'insulina nei ratti obesi di Zucker (ZR), un modello genetico dell'obesità umana di inizio della gioventù e diabete di tipo 2. Questi studi sono stati intrapresi per studiare gli effetti del ’ s di DHEA sui livelli magri ed obesi del siero FFA dello ZR e profili totali di FA del lipido (TL) in cuore e muscolo soleo. Abbiamo postulato che DHEA altera i livelli del siero FFA ed i profilati di TL FA del tessuto di di ZR obeso in modo che somigliassero ai livelli ed ai profilati di di ZR magro. In caso affermativo, DHEA può alterare direttamente o indirettamente i lipidi del tessuto, cambiamento continuo di FFA ed IR forse più basso in ZR obeso. Lo ZR maschio magro ed obeso è stato diviso in sei gruppi con 10 animali in ciascuno: ad libitum il controllo obeso, la paio-federazione obesa, DHEA obeso, pende ad libitum il controllo, la paio-federazione magra e DHEA magro. Tutti gli animali hanno avuti ad libitum accesso ad una dieta di cui le calorie erano grasso di 50%, carboidrato di 30% e proteina di 20%. Soltanto le diete dei gruppi del trattamento di DHEA sono state completate con 0,6% DHEA. i gruppi di Paio-federazione sono stati dati il numero medio delle calorie al giorno consumato dal loro gruppo corrispondente di DHEA e ad libitum i gruppi hanno avuti 24 accessi di h alla dieta senza DHEA. I livelli del siero FFA ed il cuore ed i profili soleo di TL FA sono stati misurati. I livelli elevati del siero FFA erano in obeso (circa 1 mmol/L) confrontato a magra (circa 0,6 mmol/L) ZR, indipendentemente dal gruppo. Nei cuori, (la MU) il FA monoinsaturo era maggior e l'unità di elaborazione FA era proporzionalmente più bassa in obeso confrontato ai ratti magri. In soleo, saturato e la MU FA era maggior e l'unità di elaborazione FA era proporzionalmente più bassa nell'obeso confrontato ai ratti magri. I gruppi di DHEA visualizzati significativamente hanno aumentato le proporzioni di TL aa ed hanno fatto diminuire l'acido oleico in entrambi i tipi del muscolo. I meccanismi da cui DHEA altera i profili di TL FA sono una riflessione dei cambiamenti che accadono all'interno delle frazioni specifiche del lipido quale FFA, fosfolipide e trigliceride. Questo studio fornisce le comprensioni iniziali nel lipido del ’ s di DHEA che altera gli effetti.

Med di biol di Exp (Maywood) 2001 settembre; 226(8): 782-9

Il deidroepiandrosterone altera i profili del fosfolipide nel tessuto del muscolo del ratto di Zucker.

il tessuto Insulina-resistente del muscolo contiene le proporzioni basse di acido arachidonico (aa) e le proporzioni aumentate di muscolo aa correlano con la sensibilità migliore dell'insulina. Il deidroepiandrosterone (DHEA) e l'aa, come le droghe di tiazolidinedione che fanno diminuire l'insulino-resistenza (IR), sono proliferatori peroxisome. Gli acidi grassi a catena lunga (FA) sono stati nominati il “ un legante endogeno del vero ” per l'attivazione del ricevitore peroxisome dell'proliferatore-attivatore (PPAR) e DHEA è stato nominato un buon ” del candidato del “ come attivatore indiretto naturale di PPAR. Questi studi sono stati intrapresi per determinare gli effetti del ’ s di DHEA sui profili del lipido del muscolo scheletrico e cardiaco nei ratti magri ed obesi di Zucker (ZR), di un modello del IR, di un diabete di tipo 2 mellito e dell'obesità. Supponiamo che DHEA possa alterare i profili a catena lunga di FA nel tessuto del muscolo dei ratti obesi tali che somigliano più molto attentamente a quello della magra. Nei nostri esperimenti, abbiamo impiegato un DHEA e un gruppo di paio-federazione (PF) (n = 6) per ZR obeso 12 magri e 12. Per 30 d, la dieta dei due gruppi di DHEA è stata completata con 0,6% DHEA; I gruppi del PF sono stati dati le calorie quotidiane di media consumate dal loro gruppo corrispondente del trattamento. I cuori ed i muscoli di gastrocnemius sono stati analizzati per il fosfolipide (PL), i profili liberi) TG (di FA del trigliceride e di FA. La proporzione di PL aa era significativamente maggior in entrambi i tipi del muscolo di magre confrontati ai ratti obesi. I cuori da entrambi i DHEA raggruppa hanno avuti maggiori proporzioni di PL di aa e meno oleico (18: 1) acido che i loro comandi del PF. Inoltre, le proporzioni di 18:1 erano significativamente più basse nel gastrocnemius; tuttavia, le proporzioni di aa non erano significativamente differenti. Le simili differenze fenotipiche di profilo sono state osservate nella frazione di TG di entrambi i tipi del muscolo. Non c'erano alterazioni in relazione con DHEA di profilo di TG FA.

Lipidi 2001 dicembre; 36(12): 1383-6


Continuato alla pagina 3 di 4


immagine


Di nuovo al forum della rivista