Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine agosto 2002

immagine

I benefici di
Carnitina e DHEA per metabolismo grasso

immagine

La gente vuole il rendimento energetico nelle loro case; lo hanno bisogno per i loro corpi pure. La carnitina è un aminoacido che è critico per la conversione degli acidi grassi in combustibile. A causa di questo, ha il potenziale di aiutare la gente a perdere il peso. I muscoli, il fegato, il rene ed il cuore tutti richiedono la carnitina di convertire il grasso in energia. Se la carnitina non è disponibile, gli acidi grassi si accumuleranno nel corpo. I ricercatori giapponesi hanno dimostrato il concetto facendo uso delle diete ad alta percentuale di grassi. Questo tipo di dieta eleva normalmente i livelli del trigliceride e del colesterolo. Ma aggiungere la carnitina inverte l'effetto. La carnitina funziona trasportando gli acidi grassi nei mitocondri in cui sono usati per produzione di energia. Dove il grasso va, la carnitina deve seguire.

I grassi sono una di tre fonti di energia che il corpo utilizza. I muscoli, compreso il cuore, più il rene ed il fegato dipendono molto dagli acidi grassi per combustibile. La carnitina funziona come sistema di trasportatore per gli acidi grassi, muovente li avanti e indietro nei mitocondri in modo da possono essere ossidati. “La navetta della carnitina„ è ben nota in biochimica dove ha riconosciuto come critico per il metabolismo degli acidi grassi. La navetta conta su parecchi enzimi in relazione con la carnitina per lavorare. Se qualsiasi di loro è non funzionale, un'accumulazione degli acidi grassi nel sangue e degli organi accadrà, come la navetta stride ad una fermata. Questo problema è stato documentato nella gente su insulino-resistenza. Gli studi indicano che gli enzimi in relazione con la carnitina difettosi sono compresi in questa circostanza. Ma sebbene gli enzimi disfunzionali abbiano suggerito qualche cosa di genetico, non è necessariamente il caso. Una certa ricerca suggerisce che la carnitina supplementare possa ottenere gli enzimi che lavorano ancora.

immagine
Il metabolismo dell'acido grasso richiede la carnitina. Gli acidi grassi sono convertiti in CoA grasso dell'acile, quindi si combinano con carnitina prima che siano portati nelle centrali elettriche delle cellule, mitocondri, per essere ossidati.

Oltre ad insulino-resistenza, l'obesità, il sangue grasso, il fegato grasso ed il diabete inoltre comprendono l'utilizzazione anormale dell'acido grasso. Di conseguenza, la produzione di energia esita e gli acidi grassi si accumulano nel corpo. Che cosa può essere fatto per ottenere a questo problema? C'è due supplementi e una pila di articoli scientifici che possono fornire le risposte.

La carnitina abbassa i lipidi

L'effetto di carnitina sui lipidi è illustrato drammaticamente dagli esperimenti sui gatti. Felines sviluppa rapidamente uno stato pericoloso chiamato “lipidosi epatica„ se non mangiano. Sebbene suoni paradossale, non mangiare induce il grasso a accumularsi nel fegato. Con, i mitocondri cominciano a morire fuori ed il sistema energetico sprofonda. La ripartizione nel metabolismo si presenta, almeno in parte, a causa di carnitina insufficiente, che è critica per utilizzazione dell'acido grasso. Senza carnitina, che viene da proteina, gli acidi grassi non possono essere entrati nei mitocondri in cui sono usati per combustibile. L'ingrassamento forzato è il trattamento per questa circostanza. La proteina (una fonte di carnitina) ottiene una volta indietro nel sistema, nella caduta dei livelli di lipidi e nella circostanza si inverte.

Perdita di peso

Poiché la carnitina entra gli acidi grassi nei mitocondri per combustibile, ha potenziale come supplemento di perdita di peso. I suoi effetti benefici sono stati dimostrati in gatti in cui promuove la perdita di peso più veloce durante essere a dieta. Tuttavia, uno studio in esseri umani su un programma di esercizio aerobico non ha mostrato risultati. Una delle ragioni può essere che la capacità della carnitina di stimolare i lipidi dipende da altri fattori. Gli ormoni sono uno di quei fattori.

La vostra Cat May Need Supplemental Carnitine

Il nuovo studio del • A indica che la quantità di L-carnitina in cibo per gatti commerciale è insufficiente per proteggere il fegato. I ricercatori hanno dato a gatti obesi circa 150 mg di L-carnitina per libbra quarta di alimento contro 5 mg approssimativo approvati per cibo per gatti commerciale. La quantità elevata si avvicina a che cosa i gatti otterrebbero da una dieta naturale. La carnitina aggiunta ha avuta effetti significativi sulla funzione epatica, specificamente l'utilizzazione degli acidi grassi. Per i gatti obesi, la carnitina supplementare è essenziale. Sono ad anoressia di sviluppo incline, che conduce allo stato pericoloso, lipidosi epatica, dove il grasso si accumula nel fegato. I gatti con questa circostanza hanno alterazioni drastiche in acidi grassi, con i trigliceridi del fegato fuori dal grafico. I gatti dati gli importi adeguati di L-carnitina hanno una capacità molto migliore di sopravvivere questa crisi metabolica. La L-carnitina di supplemento sopprime queste alterazioni drastiche in lipidi.

la L-carnitina del • inoltre mantiene la buona funzione metabolica durante l'obesità. Quando i gatti diventano obesi su una dieta commerciale, i livelli della carnitina aumentano vertiginosamente drasticamente nel fegato. Ciò è apparentemente perché l'aminoacido non sta utilizzando: porta normalmente il grasso per combustibile. Ma i gatti mantenuti sugli alti livelli naturali di L-carnitina di ogni giorno nella loro dieta non hanno aumenti drastici di carnitina inutilizzata in loro fegato quando diventano obesi. I loro livelli della carnitina rimangono con calma, indicando meno sforzo sul sistema ed il migliore metabolismo.

L'insulina ed il glucagone sono due ormoni che colpiscono il metabolismo degli acidi grassi. DHEA (deidroepiandrosterone) è un altro. DHEA aumenta gli enzimi in relazione con la carnitina che promuovono l'utilizzazione dell'acido grasso. In uno studio sugli esseri umani, è stato indicato che i declini relativi all'età nei livelli di DHEA inducono la carnitina a accumularsi ed a non essere utilizzati. Ciò è simile al problema dell'acido grasso in gatti, in cui i lipidi si accumulano nel fegato in mancanza di carnitina per muoverli. In questo caso, la mancanza di enzimi di cause di DHEA da trovarsi in ozio e la navetta della carnitina non si muove. Quando DHEA supplementare è dato all'equivalente del ratto di una donna postmenopausale, l'utilizzazione della carnitina è aumentata ed in modo da è produzione di energia. Similmente, quando DHEA e/o la carnitina si aggiunge alle cellule di osso che dipendono da energia per moltiplicarsi, l'energia e la produzione della proteina dell'osso è aumentata. DHEA promuove chiaramente il metabolismo dell'acido grasso.

Una mancanza di DHEA può essere una delle cause primarie di insulino-resistenza. Questa circostanza interferisce con la capacità dell'insulina di regolare il glucosio. Poiché l'insulina è uno degli ormoni che colpisce il metabolismo dell'acido grasso, l'insulino-resistenza risulta frequentemente dove il metabolismo dell'acido grasso è anormale. E, sebbene sia associata solitamente con l'obesità, l'obesità non è sempre presente contemporaneamente ad insulino-resistenza. Uno studio è stato fatto sugli uomini nondiabetic e normali del peso con ipertensione e sull'insulino-resistenza. Ha indicato che l'insulino-resistenza coincide con DHEA insufficiente.

Gli effetti positivi di DHEA su insulino-resistenza sono stati provati in topi geneticamente diabetici in cui ristabilisce la sensibilità dell'insulina e riduce la severità del diabete. In esseri umani, o almeno in donne, il livello di testosterone sembra essere critico a se DHEA migliori l'insulino-resistenza e migliori l'utilizzazione grassa. Ciò è stata illustrata drammaticamente in uno studio su una donna nel Tennessee che ha avuto diabete di tipo II. Quando è stata data la droga disoppressione, desametasone contemporaneamente a DHEA supplementare, c'era un aumento di 30% nel grippaggio dell'insulina e nel miglioramento nel suo stato diabetico. Il desametasone da solo non ha avuto questo effetto. Era l'aumento nel rapporto di DHEA--testosterone che ha avuto l'effetto benefico sul grippaggio dell'insulina.

DHEA riduce il peso corporeo in esseri umani e gli aumenti pendono la massa del corpo. Anche agisce direttamente sullo sviluppare le cellule grasse, riducendo la loro dimensione e numero una volta combinato con insulina. La sua capacità di ridurre i lipidi del sangue è stata confrontata alla droga, clofibrate.

immagine

La carnitina supplementare e DHEA entrambe aumentano l'utilizzazione grassa con differente, eppure lusinghiero, meccanismi. Purtroppo, nessuno studio dell'essere umano è stato pubblicato insieme facendo uso dei due. Malgrado questo, tutti i segni indicano i buoni effetti su metabolismo grasso con questa combinazione.

Scopra più circa carnitina e DHEA


Riferimenti

Abadie JM, et al. 2001. Il deidroepiandrosterone altera i profili del lipido del muscolo soleo e cardiaco del ratto di Zucker. Med di biol di Exp (Maywood) 226:782-9.

Abadie JM, et al. 2001. Dehydroeipandrosterone altera i profili del fosfolipide nel tessuto del muscolo del ratto di Zucker. Lipidi 36:1383-6.

Blanchard G, et al. 2002. Il completamento dietetico della L-carnitina in gatti obesi altera il metabolismo della carnitina e fa diminuire la chetosi durante il digiuno e la lipidosi epatica indotta. J Nutr 132:204-10.

Brady LJ, et al. 1991. Regolamento della sintesi di acyltransferase della carnitina nei ratti magri ed obesi di Zucker dal deidroepiandrosterone e dal clofibrate. J Nutr 121:525-31.

Buffington CK, et al. 1993. Rapporto di caso: miglioramento di insulino-resistenza in diabete con il deidroepiandrosterone. J Med Sci 306:320-24.

Centro SA, et al. 1993. Le caratteristiche epatocellulari ultrastrutturali si sono associate con lipidosi epatica severa in gatti. Ricerca 54:724-31 del veterinario di J.

Centro SA, et al. 2000. Gli effetti clinici e metabolici di perdita di peso rapida nei gatti obesi dell'animale domestico e dell'influenza di L-carnitina orale supplementare. Med 14:598-608 dell'interno del veterinario di J.

Chiu chilometro, et al. 1997. L'effetto del solfato del deidroepiandrosterone su attività e sulla L-carnitina della transferasi dell'acetile della carnitina livella in ratti oophorectomized. Acta 1344:201-9 di Biochim Biophys.

Chiu chilometro, et al. 1999. Correlazione dei livelli del solfato della L-carnitina e di dehydro-epiandrosterone del siero con l'età ed il sesso in adulti in buona salute [si vedano le osservazioni]. Età che invecchia 28:211-16.

Chiu chilometro, et al. 1999. Il solfato del deidroepiandrosterone e della carnitina induce la sintesi delle proteine in cellule del tipo di osteoblast primarie porcine. Tessuto Int 64:527-33 di Calcif.

Coleman DL, et al. 1982. Effetti terapeutici del deidroepiandrosterone (DEA) in topi diabetici. Diabete 31:830-33.

Fe di Gomez, et al. 2002. Differenze molecolari causate tramite differenziazione dei preadipocytes 3T3-L1 in presenza del deidroepiandrosterone (DHEA) o di 7-Oxo-DHEA. Biochimica 41:5473-82.

Corridoio JA, et al. 1997. Composizione lipidica dei tessuti epatici ed adiposi dai gatti normali e dai gatti con lipidosi epatica idiopatica. 1997. Med 11:238-42 dell'interno del veterinario di J.

Inokuchi T, et al. 1995. Cambiamenti nel metabolismo della carnitina con produzione del corpo di chetone in pazienti glucosio-intolleranti obesi. Ricerca Clin Pract 30:1-7 di Diab.

Lea-Currie anno, et al. 1997. Effetti dell'amministrazione acuta di deidroepiandrosterone-solfato sulla massa di tessuto adiposo e sul cellularity in ratti maschii. Int J Obes Relat Metab Disord 21:147-54.

Peluso G, et al. 2002. Il translocase mitocondriale in diminuzione della carnitina in muscoli scheletrici altera l'utilizzazione degli acidi grassi in pazienti insulina-resistenti. Front Biosci 7: A109-16.

Shimura S, et al. 1993. Cambiamenti delle concentrazioni nel lipido in fegato e siero tramite l'amministrazione delle diete aggiunte carnitina in ratti. Veterinario Med Sci di J 55:845-47.

Suzuki m., et al. 1999. Un'associazione vicina fra insulino-resistenza ed il solfato del deidroepiandrosterone negli oggetti con ipertensione essenziale. Endocr J 46:521-28.

Villani RG, et al. 2000. il completamento della L-carnitina combinato con addestramento aerobico non promuove la perdita di peso in donne moderatamente obese. Sport Nutr Exerc Metab 10:199-207 di Int J.

Yamada J, et al. 1991. Caratteristiche del deidroepiandrosterone come proliferatore peroxisome. Acta 1092:233-43 di Biochim Biophys.


immagine


Di nuovo al forum della rivista