Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine dicembre 2002

immagine

La nuova terapia ormonale sostitutiva

Protezione contro osteoporosi

Le vitamine D e K, il calcio e l'aiuto portante di esercizio mantengono l'osso. L'estrogeno è inoltre utile. Alcuni phytoestrogens hanno effetti osso costruzioni. Phytoestrogens in seme di lino non sembra lavorare, ma altri lignani fanno. Così faccia la genisteina, la daidzeina, il biochanin, la formononetina, il coumestrol ed altri. Trovato tipicamente in soia ed in altre piante, questi phytoestrogens mantengono le droghe dell'estrogeno come pure dell'osso senza gli effetti collaterali. Sembra, tuttavia, che i phytoestrogens differenti colpiscano diversamente i tipi differenti di ossa. In uno studio sulla daidzeina e sulla genisteina, la daidzeina ha mantenuto sia l'osso cancellous che corticale, mentre la genisteina ha mantenuto soltanto corticale. L'estrogeno sintetico (17b-ethinylestradiol) inoltre mantiene soltanto corticale. (L'osso Cancellous è l'osso spugnoso dentro l'osso corticale). Sulla base di questi studi, una miscela dei phytoestrogens è probabilmente la migliore possibilità per evitare l'osteoporosi. Studi biochimici su come l'osso di configurazione dei phytoestrogens è in accordo gli studi nella gente. I risultati di uno studio di 650 donne cinesi, sono simili ai risultati di altri studi dove coloro che ha ingerito la maggior parte dei phytoestrogens hanno avuti più forti ossa della spina dorsale e dell'anca. Gli studi inoltre mostrano che quello facendo uso dei phytoestrogens mantenere l'osso non aumenta il rischio di cancro dell'endometrio.

Genisteina e cellule tumorali

Malgrado i benefici in modo schiacciante dei phytoestrogens, qualche gente è diventato cauta perché alcuni ricercatori hanno riferito quell'dei phytoestrogens della soia, genisteina, può agire come estrogeno. In primo luogo, è importante rend contoere che estrogeno sostituto può essere una buona cosa, secondo il tessuto. In osso, per esempio, il tipo estrogeno attività mantiene l'osso. In cellule immuni, aumenta l'abilità delle cellule di uccisore naturali alle cellule tumorali di uccisione. La genisteina fa entrambe cose. Ma nel tessuto del seno, l'estrogeno non è desiderabile perché può promuovere la proliferazione delle cellule.

In secondo luogo, è importante ricordarsi che i phytoestrogens differenti agiscono diversamente. La maggior parte non hanno alcun'attività estrogena qualunque. Alcuni, come la genisteina, possono avere attività debole in determinati tessuti.

La percezione che i phytoestrogens promuovono, piuttosto che impedisce, cancro è stata creata dagli esperimenti in un tipo di cellula di cancro al seno umana. Queste cellule, conosciute come le cellule di cancro al seno umane MCF-7 possono essere fatte per svilupparsi in provette facendo uso degli importi nani della genisteina. Non ci deve essere altro estrogeno nelle cellule e soltanto gli importi più minuscoli della genisteina possono essere usati per fare il lavoro di esperimento. (Dovrebbe essere notato che la stessa quantità di genisteina impedisce la crescita in un tipo differente di cancro al seno umano che non ha ricevitori dell'estrogeno e non è estrogeno-rispondente.) In questi esperimenti delle cellule, se la quantità di genisteina aggiunta alle cellule è maggior dell'importo più minuscolo, impedirà la crescita, per non promuoverlo. E se il cancro non è già là, la genisteina non lo causerà.

Un gruppo di ricerca ha fatto un passo avanti ed ha trapiantato le cellule del tumore MCF-7 nei topi. Riferiscono che quello importi aumentanti della genisteina migliori le dimensioni del tumore. Ciò contraddice gli studi delle cellule che mostrano che quello importi aumentanti della genisteina riduca la crescita delle cellule. Un altro gruppo ha fatto uno studio molto simile facendo uso dello stesso tipo di cellule in topi. Riferiscono quello gli importi aumentanti della crescita del cancro del blocchetto di genisteina ed inducono la morte delle cellule. Nessuno dei due studio è stato verificato indipendente dai ricercatori esterni. Purtroppo, i risultati negativi sulla genisteina sono stati estrapolati a tutti gli isoflavoni e phytoestrogens che conducono generalmente all'impressione falsa che questi composti utili della pianta sono pericolosi. Un nuovo studio è stato fatto in un topo che ha l'equivalente umano di un difetto genetico (neu, HER2) quel cause alcuni cancri al seno. Indica che la genisteina può ritardare significativamente l'inizio del cancro e che una miscela dell'isoflavone può abbassare la metastasi da 25% (genisteina non ha fatto in questo studio).

Gli studi in scimmie, il modello animale più vicino agli esseri umani, indicano che i phytoestrogens della soia impediscono dalla la proliferazione guidata da estrogeno delle cellule. I ricercatori che stanno studiando per le decadi gli effetti dei tipi differenti di estrogeni sulle scimmie dichiarano piano: “I phytoestrogens della soia non sono estrogeni alle dosi dietetiche.„

La preponderanza di prova sui phytoestrogens della soia fin qui è d'accordo con gli studi d'osservazione in esseri umani che indicano che le donne che mangiano un gran numero di phytoestrogens hanno il meno estrogeno nei loro corpi e il più a tariffa ridotta di cancro al seno.

Altri “estrogeni della sostituzione dell'ormone„

immagine
In futuro, la terapia ormonale sostitutiva reale sarà possibile. Comprenderà capire non solo i diversi effetti di un ormone, ma i suoi effetti combinati con altri ormoni. Poi e soltanto poi, “la sostituzione dell'ormone„ reale sarà raggiunta.

Gli ormoni sintetizzati che hanno la stessa struttura chimica come i propri ormoni del corpo sembrano essere esenti da alcuni degli effetti collaterali si sono associati con gli ormoni che sono estranei il corpo umano. La crema naturale del progesterone, per esempio, non abbassa “il buon„ HDL-colesterolo come il progesterone sintetico “in Prempro„ fa. Il progesterone naturale inoltre abbassa la pressione sanguigna invece di elevamento ed aiuta la funzione del cuore invece di ostacolarla. Lo stesso tipo di benefici del cuore è trovato nei phytoestrogens pure.

In futuro, la terapia ormonale sostitutiva reale sarà possibile. Comprenderà capire non solo i diversi effetti di un ormone, ma i suoi effetti combinati con altri ormoni. Poi e soltanto poi, “la sostituzione dell'ormone„ reale sarà raggiunta. Nel frattempo, la tecnologia moderna ha permesso affinchè la gente ottenga i benefici dei phytoestrogens in una forma concentrata e purificata. La preponderanza della prova è che questi composti della pianta hanno benefici di sistema multiplo, compreso la protezione contro menopausa ed altri effetti di invecchiamento. Le donne in altre culture se lo rivelano -phytoestrogens lavorare. Nota: Per quelle donne che non hanno trovato l'efficace sollievo dai sintomi della menopausa, la malevolenza facendo uso delle combinazioni varianti di phytoestrogens e DHEA, riferisca al protocollo femminile aggiornato della sostituzione dell'ormone.

il *Estrogen si riferisce a quello fatto dall'ente.
** Per più su questo, vedi il nostro sito Web futuro rubato.
Il *** calcola dallo IARC CancerBase, Globocan 2000, vede www-dep.iarc.fr



Riferimenti

Adlercreutz H, et al. 1992. Phytoestrogens e cancr dietetici: in vitro e in vivo studi. Biochimica Mol Biol dello steroide di J 41:331-37.

Adlercreutz H, et al. 1987. Effetto delle componenti dietetiche, compreso i lignani e i phytoestrogens, sul metabolismo enteroepatico del fegato e di circolazione degli estrogeni e sulla globulina obbligatoria dell'ormone sessuale (SHBG). Biochimica 27:1135-44 dello steroide di J.

Adlercreutz H, et al. 1993. Inibizione di aromatasi umana dai lignani e dai phytoestrogens mammiferi del isoflavonoid. Biochimica 44:147-53 dello steroide di J.

Alhasan SA, et al. 2001. La genisteina suscita gli effetti molecolari pleiotropici sulle cellule tumorali del collo e della testa. Ricerca 7:4174-81 del Cancro di Clin.

Andersson A, et al. 1999. Esposizione agli estrogeni esogeni in alimento: impatto possibile su sviluppo e su salute umani. Ghiandola endocrina 140:477-85 di EUR J.

Andrade PM, et al. 2002. Regolamento dell'estrogeno dei geni uterini in vivo individuati tramite matrice complementare del DNA. Ricerca 34:238-44 di Horm Metab.

Ms di Anthony, et al. 1997. La proteina di soia contro i phytoestrogens della soia nella prevenzione da di aterosclerosi indotta da dieta dell'arteria coronaria del cynomolgus maschio monkeys. Biol 17:2524-31 di Arterioscler Thromb Vasc.

Barrett-Connor E, et al. 1990. Rischio del solfato e di cancro al seno del deidroepiandrosterone. Ricerca 50:6571-74 del Cancro.

Barrett-Connor E, et al. 1999. I livelli endogeni di solfato del deidroepiandrosterone, ma non altre ormoni sessuali, sono associati con l'umore depresso in donne più anziane: Rancho Bernardo Study. J Geriatr Soc 47:685-91.

Bendridi N, et al. 2002. Iniezione endovenosa della globulina ormone-legante steroide del sesso umano nella velocità di eliminazione del sangue di diminuzioni del topo ed accumulazione testicolare dello iodobisphenol oralmente amministrato [2-125I] A. Steroids 67:637-45.

Beyene Y, et al. 2001. Esperienze e densità ossea della menopausa delle donne maya in Yucatan, Messico. Biol umana 13:505-11 di J.

Bloch m., et al. 1999. Trattamento del deidroepiandrosterone del dysthymia di metà della vita. Psichiatria 45:1533-41 di biol.

Boccuzzi G, et al. 1993. Azione entiestrogenic del deidroepiandrosterone tramite il ricevitore dell'androgeno nella linea cellulare umana del cancro al seno MCF-7. Ricerca anticancro 13:2267-72.

Burow ME, et al. 2001. Glyceolins fitochimici, isolati da soia, effetti di antihormonal attraverso l'alfa del ricevitore dell'estrogeno e beta mediati. J Clin Endocrinol Metab 86:1750-8.

Campbell TC, et al. 1998. Dieta, stile di vita e l'eziologia della coronaropatia: lo studio di Cornell China. J Cardiol 82 (10B): 18T-21T.

TB di Clarkson, et al. 2001. Inibizione di progressione postmenopausale di aterosclerosi, un confronto degli effetti degli estrogeni e dei phytoestrogens equini coniugati della soia. 86:41 di J Clin Endocrinol Metab - 47.

PB di Clifton-Bligh, et al. 2001. L'effetto degli isoflavoni estratti dal trifoglio (Rimostil) sul metabolismo dell'osso e del lipido. Menopausa 8:259-65.

Variazione clinale JM, et al. 2001. Valutazione degli agenti ormonalmente attivi nel tratto riproduttivo dei primati non umani femminili. 29:84 del percorso di Toxicol - 90.

Couillard S, et al. 1998. Effetto del deidroepiandrosterone e il antiestrogen EM-800 su crescita degli xenotrapianti umani del cancro al seno ZR-75-1. Cancro nazionale Inst 90:772-78 di J.

Dabrosin C, et al. 2002. Il seme di lino inibisce la metastasi e fa diminuire il fattore di crescita endoteliale vascolare extracellulare negli xenotrapianti umani del cancro al seno. Cancro Lett 185:31-7.

Deodato B, et al. 1999. Cardioprotezione dalla genisteina di phytoestrogen nella lesione del miocardio sperimentale di ischemia-riperfusione. Br J Pharmacol 128:1683-90.

Dorgan JF, et al. 1997. Relazione del deidroepiandrosterone del siero (DHEA), del solfato di DHEA e di 5 androstene-3 beta, beta-diolo 17 al rischio di cancro al seno in donne postmenopausali. Biomarcatori Prev 6:177-81 di Epidem del Cancro.

CR di Draper, et al. 1997. Phytoestrogens riduce la perdita dell'osso ed il riassorbimento dell'osso in ratti oophorectomized. J Nutr 127:1795-9.

Evans A. 2002. Terapia ormonale sostitutiva e selezione mamografica. Clin Radiol 57:563-64.

Zanna Z, et al. 2001. Lo svuotamento dell'estrogeno induce spontaneamente all'l'ipertensione NaCl sensibile nei ratti ipertesi della femmina. Comp. Physiol 281 di J Physiol Regul Integr: R1934-39.

Filleur F, et al. 2001. Antiproliferativo, anti-aromatasi, anti 17beta-HSD ed attività antiossidanti dei lignani isolati dal myristica argentea. Med 67:700-4 di Planta.

Fritz WA, et al. 2002. Downregulates dietetici androgeno di genisteina ed espressione del ricevitore dell'estrogeno nella prostata del ratto. Mol Cell Endocrinol 186:89-99.

Gallus S, et al. 2002. Rischio di cancro ormonale in post-menopausa della cistifellea e di terapia. Cancro di Int J 99:762-3.

ANNUNCIO di Genazzani, et al. 2001. Il completamento orale del deidroepiandrosterone modula l'ormone della crescita indotta da ormone diliberazione della crescita e spontanea e la secrezione del tipo di insulina della crescita factor-1 dentro presto e le donne postmenopausali recenti. Fertil Steril 76:241-48.

Gibboni NOI, et al. 1986. Effetti biochimici ed istologici della terapia sequenziale progestina/dell'estrogeno sull'endometrio delle donne postmenopausali. J Obstet Gynecol 154:456-61.

Goodson WH, et al. 2002. Le cause del medico ritardano nella diagnosi di cancro al seno. Med 162:1343-48 dell'interno dell'arco.

Helzlsouer kJ, et al. 1992. Relazione tra i livelli prediagnostic del siero di deidroepiandrosterone e di solfato del deidroepiandrosterone e il rischio di sviluppare cancro al seno premenopausa. Ricerca 52:1-4 del Cancro.

Hong H, et al. 2002. Previsione del ricevitore dell'estrogeno che lega per 58.000 prodotti chimici facendo uso di un sistema integrato ad un di un modello basato a albero con gli allarmi strutturali. Circondi la salute Perspect 110:29-36.

Hutchins, et al. 2001. Il consumo del seme di lino influenza le concentrazioni endogene nell'ormone in donne postmenopausali. 39:58 del Cancro di Nutr - 65.

Ingram D, et al. 1997. studio di Caso-control sugli fito-estrogeni e sul cancro al seno. [si vedano le osservazioni]. Lancetta 350:990-4.

Ishimi Y, et al. 1999. Effetti selettivi della genisteina, di un isoflavone della soia, su B-lymphopoiesis e su perdita dell'osso causati dalla carenza dell'estrogeno. Endocrinologia 140:1893-900.

Jenkins DJ, et al. 2000. L'effetto degli alimenti della proteina di soia sull'ossidazione della lipoproteina a bassa densità e ex vivo attività-un del ricevitore delle ormoni sessuali ha controllato la prova dell'incrocio. Metabolismo 49:537-43.

Jin Z, et al. 2002. Gli isoflavoni della soia aumentano la latenza dei tumori mammari spontanei in topi. J Nutr 132:3186-90.

Chiave TJ, et al. 1990. Ormoni sessuali in donne in Cina rurale ed in Gran-Bretagna. Cancro del Br J 62:631-6.

Kilkkinen A, et al. 2002. L'uso degli antimicrobici orali fa diminuire la concentrazione di enterolactone del siero. J Epidemiol 155:472-7.

Kilkkinen A, et al. 2001. Fattori determinanti di concentrazione di enterolactone del siero. J Clin Nutr 73:1094-100.

de Kleijn MJ, et al. 2001. L'assunzione dei phytoestrogens dietetici è bassa in donne postmenopausali negli Stati Uniti: lo studio di Framingham (1-4). J Nutr 131:1826-32.

Lasco A, et al. 2001. Effetti metabolici di terapia sostitutiva del deidroepiandrosterone in donne postmenopausali. EUR J Endocrinol 145:457-61.

Signore RS, et al. 2002. Metabolismo dell'estrogeno ed il collegamento del dieta-Cancro: spiegazione razionale per la valutazione del rapporto dei metaboliti idrossilati urinarii dell'estrogeno. Altern Med Rev 7:112-29.

RA di Lubet, et al. 1998. Modulazione da di cancro al seno indotto methylnitrosourea in topi Sprague Dawley dal deidroepiandrosterone: inibizione dipendente dalla dose, effetti di esposizione limitata, effetti sugli enzimi peroxisomal e mancanza di effetti sui livelli di mutazioni ha-Ras. Ricerca 58:921-26 del Cancro.

Lucas ea, et al. 2002. Il seme di lino migliora il profilo del lipido senza alterare i biomarcatori del metabolismo dell'osso in donne postmenopausali. J Clin Endocrinol Metab 87:1527-32.

Makela S, et al. 1995. beta-hydroxysteroid tipo 1 dell'ossidoriduttasi 17 Estrogeno-specifici (la COMUNITÀ EUROPEA 1.1.1.62) come obiettivo possibile per i phytoestrogens delle FO di azione. Med 208:51-9 di biol di Proc Soc Exp.

Martin MC, et al. 1993. Menopausa senza sintomi: l'endocrinologia di menopausa fra gli indiani maya rurali. J Obstet Gynecol 168 (6 P 1): 1839-43; discussione 1843-5.

Maume D, et al. 2001. Valutazione dell'estradiolo e dei suoi metaboliti in carne. APMIS 109:32-8.

Mei J, et al. 2001. L'alta assunzione dietetica di phytoestrogen è associata con più alta densità minerale ossea in donne postmenopausali ma non premanopausal. J Clin Endocrinol Metab 86:5217-21.

Michael A, et al. 2000. Il deidroepiandrosterone salivario alterato livella nella depressione principale in adulti. Psichiatria 48:989-95 di biol.

Miodini P, et al. 1999. La genisteina e una quercetina di due fito-estrogeni esercitano gli effetti differenti sulla funzione del ricevitore dell'estrogeno. Cancro del Br J 80:1150-5.

Ottosson UB, et al. 1985. Subfractions del colesterolo della lipoproteina ad alta densità durante la terapia sostitutiva dell'estrogeno: un confronto fra i progestinici ed il progesterone naturale. J Obstet Gynecol 151:746-50.

Owen RW, et al. 2000. Identificazione dei lignani come componenti importanti nella frazione fenolica di olio d'oliva. Clin Chem 46:976-88.

Pawlikowski m., et al. 2002. Gli effetti di sei mesi di trattamento della melatonina sulle concentrazioni in qualità e nel siero di sonno dell'estradiolo, del cortisolo, del solfato del deidroepiandrosterone e della somatomedina C in donne anziane. 1:17 del supplemento di Neuroendocrinol Lett - 19.

Poirson-Bichat F, et al. 1997. La crescita di carcinoma della prostata umano metionina-dipendente (PC-3) è inibita dall'etionina combinata con inedia della metionina. Cancro del Br J 75:1605-12.

Raineri m., et al. 2002. la O-glicosilazione della globulina ormone-legante del sesso umano è essenziale per inibizione da di proliferazione indotta da estradiolo delle cellule di cancro al seno MCF-7. Mol Cell Endocrinol 189:135-43.

GM di Rosano, et al. 2000. Il progesterone naturale, ma non l'acetato del medrossiprogesterone, migliora l'effetto benefico di estrogeno su ischemia del miocardio indotta dall'esercizio in donne postmenopausali. J Coll Cardiol 36:2154-59.

Rosenberg Z, et al. 2002. I flavonoidi possono bloccare la produzione di PSA dalle linee cellulari del carcinoma della prostata e del seno. Acta 317:17-26 di Clin Chim.

Rowland IR, et al. 2000. Variazione interindividuale nel metabolismo degli isoflavoni e dei lignani della soia: influenza della dieta abituale su produzione di equol dalla microflora dell'intestino. 36:27 del Cancro di Nutr - 32.

PB di Rylance, et al. 1985. Azione naturale dell'ipotensivo e del progesterone. Med J ( ricercaEd) 290(6461)13-14 del Br di Clin.

Seow A, et al. 2002. Sia a dieta, fattori e rischio riproduttivi fra le donne cinesi a Singapore, prova del cancro polmonare per un effetto protettivo di soia in non-fumatori. Cancro di Int J 97:365-71.

Shao Z, et al. 2000. [Genisteina esercita gli effetti soppressivi multipli sulle cellule umane di carcinoma del seno]. Zhonghua Zhong Liu Za Zhi 22:362-5.

Shao ZM, et al. 1998. La genisteina esercita gli effetti soppressivi multipli sulle cellule umane di carcinoma del seno. Ricerca 58:4851-7 del Cancro.

Sonnenschein C, et al. 1998. Una rassegna aggiornata di estrogeno e mimi ed antagonisti ambientali dell'androgeno. Biochimica Mol Biol dello steroide di J 65:143-50.

Soto, et al. 1994. Gli antiparassitari endosulfano, toxafene e dieldrina hanno effetti estrogeni alle sulle cellule estrogeno sensibili umane. Circondi la salute Perspect 102:380-83.

Soto, et al. 1991. p-Nonilico-fenolo: uno xenobiotico estrogeno liberato da “ha modificato„ il polistirolo. Circondi la salute Perspect 92:167-73.

SEDERE di Stoll, et al. 1999. Integratori alimentari del deidroepiandrosterone relativamente al rischio di cancro al seno. EUR J Clin Nutr 53:771-75.

Takayanagi R, et al. 2002. Deidroepiandrosterone (DHEA) come fonte possibile per il formatoin dell'estrogeno in cellule di osso: correlazione fra densità minerale ossea e concentrazione nel DHEA-solfato del siero in donne postmenopausali e la presenza di aromatasi da migliorare dal dihydroxyvitamin 1,25 D3 in osteoblasto umano. Sviluppatore invecchiante Mech 123:: 1107-14.

DG di Thiagarajan, et al. 1998. Prevenzione delle lesioni coliche precancerose in ratti dai fiocchi della soia, dalla farina di soia, dalla genisteina e dal calcio. J Clin Nutr 68 (6 supplementi): 1394S-99.

Thompson LU, et al. 1996. Il seme di lino e le sue componenti dell'olio e lignan riducono la crescita mammaria del tumore in una fase recente di carcinogenesi. Carcinogenesi 17:1373-6.

Torres-Sanchez L, et al. 2000. Fonti dell'alimento di phytoestrogens e rischio di cancro al seno in donne messicane. Cancro di Nutr 37:134-9.

Wolkowitz cm, et al. 1999. Trattamento della prova alla cieca della depressione principale con il deidroepiandrosterone. Psichiatria 156:646-69 di J.

Yamauchi A, et al. 1996. Depressione del deidroepiandrosterone nel uomo-confronto diabetico giapponese fra il diabete mellito non insulino-dipendente e la tolleranza al glucosio alterata. EUR J Endocrinol 135:101-4.

Zhang Y, et al. 1999. I glucuronides del genisein e di daidzeina in vitro sono debolmente estrogeni ed attivano le cellule di uccisore naturali umane alle concentrazioni nutrizionalmente pertinenti. J Nutr 129:399-405.

JUNIOR di Zhou, et al. 1998. Inibizione di tumorigenesis murino della vescica dagli isoflavoni della soia via le alterazioni nel ciclo cellulare, negli apoptosi e nell'angiogenesi. Ricerca 58:5231-8 del Cancro.


immagine


Di nuovo al forum della rivista