Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine giugno 2002

immagine

Effetti della costruzione dell'osso ed altri benefici

Il ruolo di DHEA nell'osteoporosi d'aiuto di lotta in entrambi gli uomini e donne merita la discussione speciale. L'azione aumentante di densità ossea di DHEA è stata spiegata in termini di suo meccanismo duplice: anabolico ed anti-osteolitico.

Per gli scopi (tessuto costruzioni) anabolici, il tessuto dell'osso usa l'aromatasi degli enzimi per convertire DHEA in estrone. L'estrone a sua volta stimola l'osteoblasto, o le cellule osso costruzione, per produrre più tessuto dell'osso. L'estrone promuove la formazione dell'osso sia in uomini che in donne; il testosterone può anche essere convertito facilmente in estradiolo, che poi si trasforma in estrone. Lo stato attuale delle conoscenze alla formazione degli steroidi e dell'osso del sesso sottolinea l'importanza degli estrogeni per entrambi i sessi. Ravaglia e Forti, per esempio, lo stato, “contrariamente a credenza tradizionale, estrogeni possono essere più importanti degli androgeni e di IGF-1 nel metabolismo maschio dell'osso.„ DHEA è una fonte significativa di estrogeni per sia gli uomini che le donne. Le donne nel quartile più basso dell'estradiolo o di DHEA-S sono state trovate per avere due volte il rischio di fratture. Uno studio francese ha trovato che i bassi livelli di DHEA-S in donne inoltre sono stati collegati con forza muscolare bassa, indipendente dall'età.

IGF-1 inoltre è compreso nella costruzione dell'osso ed alcuni studi hanno trovato una correlazione positiva significativa fra i livelli di DHEA-S e IGF-1 come pure un aumento in IGF-1 con uso di DHEA. Per concludere, alcuni studi hanno indicato che DHEA può abbassare la globulina ormone-legante del sesso, che conduce ai livelli elevati “delle ormoni sessuali libere„ o bioavailable.

Il meccanismo anti-osteolitico deriva dalla capacità di DHEA di inibire le citochine pro-infiammatorie quali TNF e IL-6. I livelli di queste citochine aumentano con l'età. le citochine Pro-infiammatorie causano un rilascio dei radicali liberi, che a loro volta stimolano gli osteoclasti (chedistruggono le cellule) aumentare la dissoluzione dell'osso attuale. Inibendo le citochine quale IL-6, DHEA può rallentare il processo della ripartizione dell'osso.

Un altro beneficio stabilito di DHEA è la sua capacità di mantenere la giovinezza delle cellule epiteliali. Uno studio in vitro recente ha confermato che DHEA può aumentare la produzione del collagene mentre inibisce la sua ripartizione dalla collagenosi degli enzimi. La produzione aumentata del collagene avvantaggia tutto il tessuto connettivo, compreso i vasi sanguigni ed i giunti. Uno studio francese facendo uso di 50 mg di DHEA/day orale per un anno ha trovato un miglioramento nella produzione di spessore della pelle, di idratazione, della pigmentazione e del sebo, particolarmente in donne più anziane.

In generale, la migliore discussione per l'inclusione di DHEA nei regimi della sostituzione dell'ormone proviene dal suo ruolo come precursore per sia l'androgeno che la produzione dell'estrogeno in vari generi di tessuto, compreso l'osso. I primati, compreso gli esseri umani, sono unici nella produzione il un gran quantità DHEA e DHEA-S adrenali. Questi sono convertiti in androstenedione e poi in altri steroidi del sesso secondo bisogno locale. Le donne postmenopausali dipendono particolarmente dalla conversione periferica degli ormoni del precursore per il loro rifornimento degli steroidi essenziali del sesso. Poiché la produzione di DHEA cade drammaticamente con l'età, con un calo profondo in donne a menopausa, donne il tessuto periferico può soffrire gli effetti della carenza dell'ormone specialmente acutamente, a meno che la sostituzione sia fornita. Ancor più importante, c'è un calo significativo in beta endorfine dopo menopausa, con diminuzione conseguente nel senso di di benessere. DHEA sufficiente aumenta le beta endorfine e migliora l'umore.

Ci sono anche coloro che favorisce la sostituzione con DHEA solo (o con DHEA e il pregnenolone), discutendo quello che fornisce i precursori dell'ormone sono i la cosa migliore e quella conversione negli estrogeni e negli androgeni poichè necessario dovrebbero essere lasciati alla saggezza del corpo. Un vantaggio pratico di usando DHEA (o DHEA combinato con il pregnenolone) invece della sostituzione tipica dell'ormone per le donne è che, secondo gli studi ripetuti, non c'è effetto sull'endometrio-uguale se la dose di DHEA è abbastanza grande causare i cambiamenti nel rivestimento della vagina. Quindi, la donna che usa soltanto DHEA non deve preoccuparsi per l'equilibratura della sua dose dell'estrogeno con appena la giusta dose di progesterone. I seni irritati sono inoltre improbabili. Gli effetti collaterali più tipici sono androgeni piuttosto che estrogeni: acne e facial e capelli più abbondanti del corpo. Le donne che sono sensibili agli effetti dell'aumento drammatico in androgeno livella spesso (principalmente DHT) la goccia DHEA dopo alcuni mesi, principalmente dovuto acne. Molte altre donne, tuttavia, trovano che non hanno effetti collaterali e sono soddisfatte con l'energia aumentata, il senso migliore di benessere fisico e mentale ed altri benefici di DHEA come sostituzione postmenopausale dell'ormone. Per quelle donne che traggono giovamento da DHEA, ma produca troppo DHT, prendente il farmaco da vendere su ricetta medica Proscar che ogni altro giorno potrebbe essere consigliabile. Proscar inibisce un enzima (riduttasi 5-alpha) quel testosterone dei convertiti nell'eccesso DHT.

Una nota di cautela dovrebbe essere suonata qui: quelle donne postmenopausali che sono addominalmente obese (“a forma di mela„) possono essere hyperandrogenic e già avere alti livelli di DHEA. I livelli elevati naturali di DHEA in donne premenopausa non sono associati con l'elevato rischio di cancro al seno. I livelli elevati naturali di DHEA in donne postmenopausali, tuttavia, sono stati trovati per sollevare il rischio di cancro al seno (Stoll 1999). Le donne postmenopausali addominalmente obese sono conosciute per essere ad un elevato rischio di cancro al seno e non dovrebbero prendere i supplementi di DHEA a meno che un'analisi del sangue indichi una carenza.

Le precauzioni per quanto riguarda DHEA ed il rischio di cancro al seno possono essere sorprendenti e confondenti a quelle donne che ricordano i primi rapporti entusiasti circa DHEA parecchi anni fa. Sia gli studi sugli animali in vitro che sono sembrato indicare che DHEA realmente inibisse la crescita delle cellule del tumore del seno. Tale inibizione della crescita ha luogo, ma soltanto in presenza delle alte concentrazioni di estrogeni. Quando i livelli di estrogeni sono bassi, DHEA è stato trovato per stimolare la crescita del tumore, possibilmente con la conversione del tessuto all'estradiolo ed all'estrone e possibilmente anche alzando IGF-1, un promotore conosciuto di proliferazione del tessuto. Quindi, donne postmenopausali che desiderano prendere DHEA (o DHEA e pregnenolone) mentre la loro sola sostituzione dell'ormone inoltre è invitata per proteggersi prendendo la melatonina, i tocotrienoli dell'palma-olio, indole-3-carbinol (I3C) ed il vitamina D3.

Le donne diagnosticate con cancro al seno e gli uomini con carcinoma della prostata non dovrebbero prendere DHEA, a meno che nell'ambito di controllo medico rigoroso.

DHEA può contribuire a ridurre il danno del diabete

I reni sono uno degli organi nocivi severamente dall'alto glucosio del siero caratteristico del diabete. DHEA è stato indicato per avere attività antiossidante che è inoltre protettiva contro perossidazione lipidica causata da glucosio in eccesso. Uno studio in vitro recente ha trovato che DHEA potrebbe invertire dal il danno indotto da glucosio della crescita in cellule del rene come pure riduce la perossidazione lipidica e conserva il glutatione riduttore cellulare. Uno studio sugli animali fatto all'università di Luisiana ha trovato che DHEA protetto i reni dei ratti diabetici contro lo sviluppo di fibrosi in un modo che ha somigliato ai benefici della restrizione di caloria.

Essenzialmente gli stessi effetti protettivi sono stati osservati in tessuto neurale, comprendente anche il ripristino dei livelli normali dell'alfa-tocoferolo e dei livelli sani di acidi grassi insaturi in membrane cellulari. Un altro studio ha trovato un aumento nella catalasi antiossidante degli enzimi in tessuto cerebrale trattato con DHEA. Nel tessuto del rene e del fegato, DHEA inoltre ha sollevato i livelli di glutatione riduttore ed ha migliorato l'attività di superossido dismutasi, di glutatione perossidasi e della catalasi, riducenti i livelli del radicale libero. DHEA era inoltre protettivo in un modello animale del diabete e del colpo: l'azione antiossidante multi-mirata a di DHEA ha ridotto significativamente le concentrazioni del radicale libero nel tessuto neurale. Poiché DHEA può migliorare la disposizione del glucosio, è considerare come un ormone dimagrante. Inoltre è conosciuto per aumentare l'ossidazione del lipido e di tasso metabolico a riposo. Mentre potente quanto l'ormone della crescita ed il testosterone nell'impedire l'obesità, DHEA inoltre svolge un ruolo. Purtroppo, sembra che prenda le dosi farmacologiche di DHEA per farlo funzionare per perdita significativa del grasso corporeo in esseri umani.

Prevenzione del cancro

Uno studio annidato futuro di caso-control facendo uso dei campioni del siero dai donatori di sangue in Washington County, Maryland, il siero confrontato DHEA e DHEA-S fra 117 casi e comandi ha abbinato per l'età, il sesso e la razza. Gli autori hanno trovato che gli uomini nell'più alto quartile dei livelli di DHEA-S hanno avuti soltanto circa un quarto (.26) del rischio di sviluppare il tumore del colon confrontato agli uomini nel quartile più basso. La concentrazione media nel siero DHEA-S dei casi (prima della diagnosi del cancro) era 13% più basso di nei comandi sani. Il significato statistico non è stato raggiunto, tuttavia. Prima che possiamo concludere che DHEA-S può proteggere da tumore del colon negli uomini, un più grande studio deve essere fatto.

Riassunto

I risultati globali e precedenti circa DHEA continuano ad essere sostenuti, con più conoscenza che è guadagnata sui vari aspetti dei suoi benefici. Studio dopo che lo studio ha trovato che DHEA può livelli più bassi dell'alfa di fattore di necrosi tumorale (TNF-alfa), così ridurre il danno ha prodotto tramite infiammazione in eccesso. Inoltre è stato confermato che DHEA ha proprietà immunoenhancing ed è una terapia di promessa dell'aggiunta non solo nelle malattie infiammatorie croniche, ma anche durante le varie infezioni batteriche e virali acute, compreso quelli che accompagnano spesso la lesione traumatica. Gli effetti cardioprotective di DHEA in maschi inoltre sembrano essere ragionevolmente affermati, sebbene completamente non capiamo il loro meccanismo.

Il mantenimento dell'equilibrio ormonale giovanile è una parte essenziale di regime antinvecchiamento. Ciò comprende la prova di mantenere i livelli giovanili di DHEA. A meno che completati, i livelli di DHEA facciano diminuire drammaticamente dovuto il processo di invecchiamento, con le conseguenze nocive. immagine

DHEA è un neurosteroid importante, proteggente il tessuto neurale dai vari generi di danno. Niente è così importante nella medicina antinvecchiamento come protezione del cervello contro le devastazioni di invecchiamento. Il mantenimento del rapporto corretto di DHEA-S a cortisolo sembra essere determinante per questa protezione. Sembra essere particolarmente importante per
diabetici, poiché la sostituzione di DHEA sembra potere neutralizzare il danno in seguito all'alta glicemia negli organi critici quali il cervello ed i reni. Ma dopo una determinata età, essenzialmente ognuno ha potuto usare più DHEA come protezione contro il morbo di Alzheimer ed altre malattie del cervello degeneranti.

Il mantenimento dell'equilibrio ormonale giovanile è una parte essenziale di regime antinvecchiamento. Ciò comprende la prova di mantenere i livelli giovanili di DHEA. A meno che completati, i livelli di DHEA facciano diminuire drammaticamente dovuto il processo di invecchiamento, con le conseguenze nocive quali la funzione immune alterata e l'infiammazione più cronica. Gli utenti di DHEA riferiscono generalmente più energia e uno stato migliore di benessere come pure la maggior capacità fare fronte allo sforzo.

Infine, lo sforzo di tutti i tipi (emozionale, fisico, indotto da infezione, ecc.) rimane il nostro grande nemico, un acceleratore di invecchiamento. DHEA è stato indicato per essere un ormone versatile di anti-sforzo, un antagonista antiglucocorticoid-an di cortisolo, il nostro “ormone di sforzo principale.„ In molti modi l'azione di DHEA è l'opposto a quella di cortisolo. Mentre il cortisolo è catabolico, causando la perdita di muscolo e di osso, DHEA è un ormone anabolico: aiuta tessuto di configurazione di corpo il nuovo. DHEA inoltre ci protegge dal guasto immune dovuto invecchiare. In particolare, mantenere un rapporto normale di DHEA/cortisol sembra essere critico nella prova di impedire i cambiamenti degeneranti di invecchiamento.

Alcune domande circa DHEA restano delucidare. Gli studi umani su grande scala e a lungo termine sono necessari. Poiché DHEA è un supplemento non quotato in borsa piuttosto che una droga quale Premarin, ottenere il finanziamento per tali studi sarebbe enorme difficile. Tuttavia, la prova dagli studi a breve termine sta accumulandosi. Lo anti-sforzo di DHEA, immmunoenhancing ed i benefici neuroprotective non sono dentro dubbio. Negli uomini, i benefici cardiovascolari di DHEA inoltre sembrano essere affermati. dovuto i suoi benefici multipli, DHEA ha un posto costante in tutto il protocollo antinvecchiamento.

Riferimenti

Siero AJ DHEA e DHEA-S di Alberg et al. ed il rischio successivo di sviluppare tumore del colon. Prevenzione 2000 di biomarcatori di Epidemiol del Cancro; 9:517-21.

Aoki K et al. DHEA sopprime i livelli epatici elevati di glucose-6-phosphatase mRNA nei topi di C57BL/KsJ-db/db: confronto con il troglitazone. Endocr J 2000; 47:799-804.

Dismutazione ossidativa di Aragno m. et al. negli synaptosomes del ratto indotti dall'iperglicemia: effetto ristoratore del trattamento di DHEA. Biochimica Pharmacol 2000; 60:389-95.

Aragno m. et al. DHEA protegge i tessuti dei ratti streptozotocin-trattati dallo sforzo ossidativo. Med libero 1999 di biol di Radic; 26:1467-74.

Aragno m. et al. DHEA evita la lesione ossidativa indotta tramite ischemia/riperfusione transitorie nel cervello dei ratti diabetici. Diabete 2000; 40:1924-31.

Sostituzione di Arlt W et al. DHEA in donne con insufficienza adrenale. Med 1999 di N Inghilterra J; 341:1013-20.

I livelli endogeni di Barret-Connor E et al. di DHEA-S, ma non altre ormoni sessuali, sono associati con l'umore depresso in donne più anziane: Rancho Bernardo Study. J Geriatr Soc 1999; 47:685-91.

Baulieu EE et al. DHEA, DHEA-S e invecchiamento: contributo dello studio di età di DHEA all'edizione sociobiomedical. Proc Acad naturale Sci U.S.A. 2000 97:4279-84.

Brignardello E et al. DHEA impedisce l'inibizione della crescita delle cellule e di perossidazione lipidica prodotta da alta concentrazione nel glucosio in cellule mesangial coltivate del ratto. J Endocrinol 2000; 166:401-406.

Effetti di Boudou P et al. di singolo periodo dell'esercizio e dell'addestramento di esercizio sui livelli steroidi nel tipo di mezza età - 2 uomini diabetici: relazione a distribuzione tissutale adiposa addominale ed a stato metabolico. Diabete Metab 2000; 26:450-57.

de Pergola G. Il metabolismo del tessuto adiposo: ruolo di testosterone e di DHEA. Int J Obes Relat Metab Disord 2000; 24 supplementi 2: S59-63.

Dillon JS et al. DHEA-S e funzione della cellula beta: da secrezione indotta da glucosio migliorata dell'insulina e espressione genica alterata in cellule pancreatiche del roditore beta. Diabete 2000; 49: 1012-20.

Cambiamenti relativi all'età di Ferrari E et al. dell'asse ipotalamico-ipofisi-adrenale: componenti patofisiologiche. EUR J Endocrinol 2001; 144:319-29.

Indicatori biochimici di Garnero P et al. del volume d'affari dell'osso, degli ormoni endogeni e del rischio di fratture in donne postmenopausali: lo studio di OFELY. Minatore Res 2000 dell'osso di J; 15: 1526-36.

Effetti della st di Haden et al. dell'età sui livelli DHEA-S, IGF-1 e IL-6 del siero in donne. Tessuto Int 2000 di Calcif; 66:414-18.

Potere dell'estensore di gamba di Kostka T et al. e DHEA-S, IGF-1 e testosterone in anziani attivi in buona salute. EUR J Appl Physiol 2000; 82:83-90.

Labrie, F et al. DHEA e la formazione di intracrine di androgeni e di estrogeni nel tessuto periferico dell'obiettivo: il suo ruolo durante l'invecchiamento. Steroidi 1998; 63: 322-38.

Laughlin GA, dimorfismo di Barrett-Connor E. Sexual nell'influenza di invecchiamento avanzato ai livelli adrenali dell'ormone: Rancho Bernardo Study. J Clin Endocrinol Metab 2000; 85: 3561-68.

Effetti di Lee KS et al. di DHEA su espressione genica della collagenosi e del collagene dai fibroblasti della pelle nella cultura. J Dermatol Sci 2000; 23: 103-10.

Amministrazione della sostituzione di Legrain S et al. DHEA: studi farmacocinetici e farmacodinamici negli oggetti anziani in buona salute. Metabolismo 2000 di J Clin Endocrinol; 85: 3208-17.

McCormick DL, Rao chilovolt. Chemoprevention di carcinoma della prostata ormone-dipendente nel ratto della Wistar-leva di regolazione. EUR Urol 1999; 35:464-7.

Morley JE et al. componenti potenzialmente premonirici e manipulable del siero del sangue di invecchiamento nel maschio umano in buona salute: il progressivo diminuisce in testosterone bioavailable, in DHEA-S e nel rapporto di IGF-1 all'ormone della crescita. Proc Acad naturale Sci U.S.A. 1997; 94: 7537-42.

Concentrazioni nel siero di Nagata C et al. dell'estradiolo e di DHEA-S e assunzione del prodotto della soia relativamente a benessere psicologico in peri ed in donne giapponesi postmenopausali. Metabolismo 2000; 49:1561-64.

Ravaglia G, composizione corporea in Forti P et al., steroidi del sesso, IGF-1 e stato minerale dell'osso negli uomini di invecchiamento. IJ Gerontol una medicina Sci 2000 di biol Sci; 55: M516-21.

Reiter WJ et al. DHEA nel trattamento di disfunzione erettile: un futuro, prova alla cieca, studio randomizzato e controllato con placebo. Urologia 1999; 53:590-94.

Effetti di Richards RJ et al. di DHEA e di quinapril su nefropatia nei ratti obesi di Zucker. Rene Int 2001; 59:37-43.

Effetti neuroendocrini di Rubino S et al. di un trattamento a breve termine con DHEA in donne postmenopausali. Maturitas 1998; 28:251-57.

Modelli di Schatzl G. Endocrine in pazienti con le malattie prostatiche benigne e maligne. Prostata 2000; 44:219-24.

SEDERE di Stoll. Integratori alimentari di DHEA relativamente al rischio di cancro al seno. EUR J Clin Nutr 1999; 53:771-75.

Completamento orale di sei mesi di Stomati m. et al. DHEA dentro presto e postmenopause recente. Gynecol Endocrinol 2000; 14:342-63.

Il siero DHEA e DHEA-S di RH di Straub et al. è correlato negativamente con il siero IL-6 e DHEA inibisce la secrezione dalle cellule mononucleari nell'uomo in vitro: collegamento possibile fra il endocrinosenescence e il immunosenescence. J Clin Endocrinol Metab 1998; 83:2012-17.

Sulcova J et a. Effetti dell'applicazione transcutanea di DHEA sui livelli di steroidi, di gonadotropine e di lipidi in uomini. Ricerca 2000 di Physiol; 49:685-93.

Effetti di distacco di Villareal et al. della sostituzione di DHEA su densità minerale ossea e su composizione corporea in donne ed in uomini anziani. Clin Endocrinol 2000; 53:561-68.

Whitnall MH et al. Androstenediol stimola il myelopoiesis e migliora la resistenza all'infezione in topi irradiati con raggi gamma. Int J Immunopharmacol 2000; 22:1-14.

Inibizione di JV di Yang et al. di riattivazione di latenza di HIV-1 da DHEA e un analogo di DHEA. Retrovirus 1993 di ronzio di ricerca dell'AIDS; 9:747-54.

Yang N et al. DHEA inibisce la crescita delle cellule ed induce gli apoptosi in cellule BV-2 e gli effetti sono associati inversamente con concentrazione nel glucosio nel medium. Biochimica Mol Biol 2000 dello steroide di J; 75:159-66.

La crescita di Wang m. et al. di HPV-18 ha immortalato le linee cellulari intraepiteliali prostatiche umane di neoplasia. Influenza di IL-10, del follistatin, del activin-A e di DHT. Int J Oncol 1999; 14:1185-95.


Di nuovo al forum della rivista