Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine maggio 2002

immagine

Carcinoma della prostata e I3C

da Terri Mitchell

immagine

Il Cancro della ghiandola di prostata è la seconda causa principale della morte del cancro in uomini americani. Il rischio è più grande per gli uomini 65 e più vecchio; tuttavia, 25% di tutti i casi si presentano negli uomini sotto 65. Se preso nelle fasi iniziali quando ha limitato alla ghiandola, le probabilità sono saranno controllate. Se si sparge oltre la prostata, controllarla sarà più difficile. La migliore strategia è di evitare ottenere il carcinoma della prostata in primo luogo.

Fattori di rischio

Mentre non infallibili, ci sono misure che un uomo può prendere per battere le probabilità di ottenere il carcinoma della prostata. Gli uomini asiatici che mangiano una dieta asiatica tradizionale hanno molto un più a tariffa ridotta di carcinoma della prostata che gli Americani. La dieta asiatica è bassa in grasso e prodotti di origine animale, su in soia, in riso ed in tè verde. Gli uomini giapponesi hanno cinque - 10 combattenti più in relazione con la soia del cancro di volte nel loro corpo che gli uomini di altri paesi. Gli studi sugli uomini americani mostrano quello che mangiano molti legumi (lenticchie comprese, soia, ecc.), verdure giallo arancione (carote, peperoni), verdure verdi, pomodori e le verdure crocifere (cavolfiore, cavolo, broccoli) taglia significativamente il rischio di carcinoma della prostata. Sull'altra conclusione dello spettro, il consumo di carne ed i prodotti lattier-caseario raddoppia il rischio di carcinoma della prostata, con carne rossa che è associata con i cancri metastatici ed avanzati.

Gli studi recenti suggeriscono che gli agenti cancerogeni conosciuti come le amine eterocicliche siano uno del rischio dei increaseses della carne di ragioni. Le amine eterocicliche sono agenti cancerogeni. Sono formati quando la carne è cucinata-particolare quando è fritta o è cotta alla griglia (per più su questo, vedi la rivista del prolungamento della vita, “Barbequer si guardano da,„ novembre 2000, il P. 42). Secondo uno studio che ha valutato 25.000 uomini afroamericani, la loro preferenza per carne ben fatto può essere perché questo gruppo ha estremamente un tasso alto di carcinoma della prostata. Il collegamento fra carne e carcinoma della prostata cotti inoltre è sostenuto dagli studi che indicano che le amine eterocicliche subiscono una mutazione il DNA della prostata in roditori.

Gli studi sull'inuit canadese sembrano verificare che quello cucinare la carne aumenti il rischio. Gli inuit hanno tassi bassi sia di seno che di carcinoma della prostata, eppure mangiano molta carne. Mangiano la loro carne cruda, tuttavia. (Nota: in uno studio su 135 donne inuit, non ci sono annotazione di cancro al seno prima del 1966 e soltanto due casi fra 1967 e 1980). Ciò sembra confermare che sia la cottura della carne che cause il problema. Tuttavia, gli uomini saudita hanno tassi bassi di carcinoma della prostata e la loro dieta comprende la carne ed i lotti cotti di grasso-cui significa che il qualcos'altro è sul lavoro. I ricercatori a Harvard hanno dichiarato che “una parte del rischio di carcinoma della prostata metastatico connesso con l'assunzione della carne rossa rimane non spiegata.„

Che “non spiegato qualcosa„ può essere collegato con i prodotti chimici dipromozione ha impiantato nel bestiame degli Stati Uniti, secondo alcuni esperti. Carne saudita e la fauna selvatica che l'inuit mangia non è impiantato con tali droghe. Né è la parte asiatica del bestiame-un del mondo in cui i tassi di carcinoma della prostata sono bassi.

Uno dei la più popolari degli stimolanti della crescita è una droga conosciuta come “lo zeranolo„ (Ralgro). Lo zeranolo è una versione sintetica di un metabolita della micotossina che l'estrogeno dei mimicks e fa il bestiame svilupparsi più rapidamente con meno alimento. È soltanto uno dei dozzine estrogeno, testosterone e prodotti chimici del tipo di androgeno impiantati nel bestiame nordamericano allo scopo di ingrassare sia le mucche che i profitti. L'Unione Europea ha vietato Ralgro dai suoi piatti di cena, ma gli Stati Uniti non hanno. È questo perché Nord America ha il più alto tasso di carcinoma della prostata nel mondo?

immagine
Se un uomo vero vuole evitare il carcinoma della prostata, o la ricorrenza di carcinoma della prostata, deve ottenere serio circa cui mangia.

Lo zeranolo induce le cellule normali del seno e della prostata a svilupparsi. Inoltre promuove la crescita delle cellule tumorali ormone-rispondenti. Secondo uno studio, lo zeranolo promuove la crescita ad una frazione di che cosa è ammesso in manzo da FDA.

In animali, lo zeranolo causa “l'iperplasia e la trasformazione temporanea e squamosa nella prostata e nell'epitelio minimo “e„ del corteccia surrenale connessi con le aree focali del metaplasia squamoso„ nella prostata; e seminiferous anormale tubulo-fra altre cose.

Impedimento del carcinoma della prostata

Sia a dieta i giochi un grande ruolo dentro indipendentemente da fatto che un uomo ottiene il carcinoma della prostata. Gli asiatici (considerevolmente cinesi) hanno tassi minuscoli di carcinoma della prostata confrontati agli Americani; ma se adottano una dieta occidentale, il loro rischio di carcinoma della prostata sale alle stelle. Lo stesso è vero per cancro al seno. Uno studio internazionale ha trovato che uno degli alimenti più protettivi contro carcinoma della prostata è soia. I prodotti della soia sono quattro volte più protettivi di qualunque altro alimento, secondo questo uno studio. Gli acidi grassi in pesce inoltre sembrano essere protettivi. I dati sull'inuit sostengono questo concetto. Le verdure e specialmente determinate sostanze nutrienti in verdure, sono inoltre protettive.

In uno studio sull'afroamericano, gli uomini di cinese e del giapponese, coloro che ha mangiato le verdure più crocifere hanno ridotto il loro rischio di ottenere il carcinoma della prostata da 39%. Uno studio differente ha confermato che tre o più servizi delle verdure crocifere un la settimana possono ridurre il rischio di carcinoma della prostata di 40%. Uno dei fattori utili in verdure crocifere è I3C (indole-3-carbinol).

Come I3C funziona

immagine
Gli uomini asiatici che mangiano una dieta asiatica tradizionale hanno molto un più a tariffa ridotta di carcinoma della prostata che gli Americani.

I3C ha varie azioni che contribuiscono ad impedire e fermare il carcinoma della prostata. È il più ben noto per i suoi effetti dimodulazione. Gli studi indicano che I3C cambia non solo il metabolismo dell'estrogeno, ma testosterone e androsterone pure. La sua azione d'alterazione può contribuire a proteggere dai mimickers dell'ormone quali le droghe impiantata negli animali dell'alimento. È stato confermato che se un ormone è la cosa vera, un facsimilie della droga o un prodotto chimico, I3C lo neutralizzerà. Presumibilmente questo inoltre comprenderebbero i supplementi quale il pregnenolone e DHEA che sono convertiti nel corpo in ormoni.

Un altro cancro di arresti di modo I3C è tenendo gli agenti cancerogeni dal danno del DNA. Inoltre protegge il DNA dai radicali liberi. Inoltre, è stato riferito che I3C blocca l'aflatossina, una micotossina che può causare il carcinoma della prostata. Inoltre blocca gli effetti cancerogeni delle amine eterocicliche da carne cotta.

Non solo I3C protegge da carcinoma della prostata, può ucciderlo se ottiene un appiglio. La maggior parte della ricerca di I3C è stata su un altro da un cancro guidato da ormonale del Cancro-seno. Ma un nuovo studio conferma che I3C agisce virtualmente lo stessi in entrambi i tipi di cancri. Nel primo rapporto del suo genere, I3C recentemente è stato indicato per potere fermare la crescita di carcinoma della prostata ed induce le cellule tumorali a morire. Il meccanismo è identico a che cosa accade in cellule di cancro al seno: aumenta i geni soppressori del tumore e blocca i fattori di crescita. Le cellule subiscono gli apoptosi e muoiono.

I3C è stato studiato dagli anni 70, quando in primo luogo è stato proposto come qualcosa che proteggesse il corpo dagli agenti cancerogeni chimici. Gli studi iniziali hanno provato che I3C era altamente efficace nell'impedire dal il cancro indotto da chimica in roditori. Da allora, le centinaia di studi hanno aggiunto a nostra conoscenza circa I3C. Indicano che I3C è un anti-agente cancerogeno versatile e potente.

La prevenzione è chiave

Il carcinoma della prostata è un cancro lento. Richiede solitamente molto tempo svilupparsi. Il migliore momento di pensare a questo proposito è ora, quando un uomo sembra più successivamente sano-non quando il cancro ha diventato il punto di essere rilevabile.

Consideri i fattori di rischio ed i fattori protettivi. La prostata è uno dei cancri più comuni, eppure uno dei più reponsive ai cambiamenti dietetici. Molti dei fattori protettivi nella dieta asiatica sono disponibili nella forma concentrata come supplementi. I fattori protettivi nella dieta americana tipica quali licopene dai pomodori e I3C dai broccoli sono inoltre disponibili come supplementi. I supplementi non dovrebbero essere osservati come sostituzione per una buona dieta, tuttavia, né come antidoto a cattivo. Se un uomo vero vuole evitare il carcinoma della prostata, o la ricorrenza di carcinoma della prostata, deve ottenere serio circa cui mangia. Gli autori del giardino di Eden Longevity Diet precisano che è importante da non continuare mangiare la stessa cosa di ogni giorno. Differenziare-prova qualche cosa di differente. C'è buona ragione scientifica in quanto contribuisce ad impedire l'esposizione costante agli stessi contaminanti ed aumenta le probabilità di ottenere varie sostanze nutrienti. La fabbricazione degli alcuni cambiamenti e continuare con l'ultima ricerca sono buone strategie per battere non solo il carcinoma della prostata, ma altri tipi di cancri pure.

Per informazioni sull'ordinazione del giardino di Eden Longevity Diet da DRS. Antonio Costantini, Heinrich Wieland e Lars Qvick, vedono il fungalbionics di http://members.aol.com/jfoverlag/


Riferimenti

Bogen KT, et al. 2001. Esposizioni dietetiche degli Stati Uniti alle amine eterocicliche. L'Expo di J anale circonda Epidemiol 11:155-68.

HL di Bradlow, et al. 1995. Effetti degli antiparassitari sul rapporto di 16 alpha/2-hydroxyestrone: un indicatore biologico del rischio di cancro al seno. Circondi la salute Perspect 103 supplementi 7:147-50.

SR di Chinni, et al. 2001. Indole-3-carbinol (I3C) ha indotto l'arresto di inibizione della crescita, del ciclo cellulare G1 e apoptosi delle cellule in cellule di carcinoma della prostata. Oncogene 20:2927-36.

Cohen JH, et al. 2000. Assunzioni della verdura e della frutta e rischio di carcinoma della prostata. 92:61 nazionale di Inst del Cancro di J - 8.

Devanaboyina U, et al. 1997. Effetti di indole-3-carbinol (I3C) e dell'isotiocianato del fenetile (PEITC) su 7,12 complessi indotti del DNA dell'antracene del dimethylbenz [a] (DMBA) in ghiandole mammarie e fegato del ratto. (Incontrando estratto). Ricerca 38 di Proc Annu Meet Am Assoc Cancer: A2427.

Fong A, et al. 1990. Meccanismi di anti-carcinogenesi da indole-3-carbinol. Studi su induzione enzimatica, su eletrophile-lavaggio e su inibizione di attivazione dell'aflatossina B1. 39:19 di biochimica Pharmacol - 26.

Giovannucci E, et al. 1993. Uno studio prospettivo di grasso dietetico e rischio di carcinoma della prostata [si vedano le osservazioni]. Cancro nazionale Inst 85:1571-79 di J.

KA di Hanash, et al. 2000. Carcinoma prostatico: una malattia nutrizionale? Dati contrastanti dal regno dell'Arabia Saudita. J Urol 164:1570-72.

JUNIOR di Hebert, et al. 1998. Fattori nutrizionali e socioeconomici relativamente a mortalità del carcinoma della prostata: uno studio transnazionale [si vedano le osservazioni]. Cancro nazionale Inst 90:1637-47 di J.

Lui YH, et al. 1999. Inibizione di formazione del complesso del DNA di piridina di 2 amino-1-methyl-6-phenylimidazo [4,5-b] e di chinolina di 2 amino-3-methylimidazo [4,5-f] da indole-3-carbinol dietetico in ratti femminili. Biochimica Mol Toxicol di J 13:239-47.

Hildes JA, et al. 1984. Il picure cambiante della malattia neoplastico nell'Artide canadese occidentale e centrale (1950-1980). Può Med Assoc J 130:25-32.

Jellinck pH, et al. 1994. Forme distinte di beta-idrossilasi epatica dell'androgeno 6 indotta nel ratto da indole-3-carbinol e di pregnenolone carbonitrile. Biochimica Mol Biol dello steroide di J 51:1219-25.

Kolonel LN, et al. 2000. Verdure, frutta, legumi e carcinoma della prostata: uno studio multietnico di caso-control. Biomarcatori Prev 9:795-804 di Epidemiol del Cancro.

Michaud DS, et al. 2001. Uno studio prospettivo su assunzione dei prodotti di origine animale e sul rischio di carcinoma della prostata. Il Cancro causa il controllo 12:557-67.

Prener A, et al. 1996. Cancro del tratto genitale maschio in inuit polare. Acta Oncol 35:589-93.

Rothenbacher H, et al. 1975. Cambiamenti di Pathologie in ghiandole endocrine ed in determinati altri tessuti degli agnelli impiantati con lo zeranolo promotant di crescita sintetica. Ricerca 36:1313-17 del veterinario di J.

Takahashi N, et al. 1995. Meccanismi del anticarcinogenesis di indole-3-carbinol (I3C): inibizione di adduzione e di mutagenesi dell'aflatossina B1-DNA dai prodotti di condensazione acidi di I3C. Alimento Chem Toxicol 33:851-7.

Wattenberg LW, et al. 1978. Inibizione da di neoplasia indotta da idrocarburo aromatica policiclica dagli indoli naturali. Ricerca 38:1410-13 del Cancro.

Wattenberg LW, et al. 1976. Costituenti dietetici che alterano le risposte agli agenti cancerogeni chimici. Fed Proc 35:1327-31.

Wattenberg LW, et al. 1976. Costituenti dietetici che alterano le risposte agli agenti cancerogeni chimici. Fed Proc 35:1327-31.

HM di Wortelboer, et al. 1992. Prodotti acidi di reazione di indole-3-carbinol e dei loro effetti sul citocromo P450 ed enzimi di fase II negli epatociti della scimmia e del ratto. Biochimica Pharmacol 43:1439-47.



Di nuovo al forum della rivista