Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine maggio 2002

immagine

Che cosa è sbagliato con la vitamina E?

Da Karin Granstrom Jordan, M.D.

Pagina 1 di 3

immagine

Se chiedeste ad un gruppo di scienziati di nominare un antiossidante, più indicherebbe la vitamina E come l'esempio classico di un composto che inibisce i radicali liberi pericolosi.

Mentre i numerosi studi indicano che la vitamina E sopprime i radicali liberi, è provato che i supplementi commerciali della vitamina E non assicurano la protezione antiossidante adeguata.

La maggior parte dei supplementi della vitamina E sono fatti di soprattutto l'alfa tocoferolo. Gli studi recenti indicano che molto più che l'alfa tocoferolo è necessario proteggere dalla malattia degenerante.

Per ottenere le indennità-malattia ottimali dalla vitamina E, una miscela dei tocoferoli (alfa, beta, delta e gamma) ed i tocotrienoli (alfa, beta, delta e gamma) sono richiesti. Alcune delle funzioni di queste frazioni della vitamina E sono simili mentre altre sono completamente differenti. Una volta prese insieme, queste varie forme della vitamina E funzionano sinergico in gruppo per fornire massimi benefici.

In questo articolo, discutiamo i risultati scientifici che sostengono il valore dello spettro completo della vitamina E che include i tocoferoli ed i tocotrienoli.

immagine

Nel 1995, il prolungamento della vita ha aggiunto una piccola quantità di tocotrienoli ad un supplemento del coenzima Q10 usato dalla maggior parte dei membri di fondamento del prolungamento della vita. La prova a quel tempo ha indicato che i tocotrienoli potrebbero contribuire a proteggere dalla malattia indotta da radicale libera.

La ricerca più recente indica che i tocotrienoli possono essere i membri più importanti della famiglia della vitamina E. In un modello animale di invecchiamento, i tocotrienoli hanno esteso la durata della vita da 19% mentre riducevano il carbonylation della proteina, un processo particolarmente tossico dell'ossidazione indicativo di invecchiamento.[1] Non solo tocotrienoli dimostrati un effetto antiossidante superiore confrontato all'alfa tocoferolo (40-60 cronometra più efficace), ma in uno studio clinico hanno sono state indicate a stenosi carotica inversa (stringimento dell'arteria carotica dovuto aterosclerosi), così riducendo il rischio di colpo.

I tocotrienoli inoltre sono stati indicati per ridurre il livello di LDL (“la cattiva„ forma di colesterolo) e di apolipoproteina B, di cui tutt'e due sono fattori di rischio importanti per aterosclerosi e la malattia cardiovascolare. Ancora, i tocotrienoli sono stati indicati per inibire la crescita delle cellule tumorali. Mentre i tocotrienoli sono trovati nell'alta concentrazione in olio di palma e crusca di riso, i tocotrienoli palma-derivati sono sostenuti meglio tramite la ricerca.

La differenza in effetti fra i tocoferoli ed i tocotrienoli è creduta per essere causata tramite una differenza sottile in struttura molecolare. I tocotrienoli hanno un isoprenoid invece di una catena laterale di phytyl. I legami doppi nella catena laterale del isoprenoid permettono che i tocotrienoli si muovano liberamente e più efficientemente all'interno delle membrane cellulari che i tocoferoli, danti a tocotrienoli la maggior capacità di prendere e combattere i radicali liberi. Questa maggior mobilità inoltre permette che i tocotrienoli riciclino più rapidamente dell'alfa-tocoferolo.

Alfa contro il tocoferolo di gamma

Parecchi grandi studi hanno indicato i notevoli benefici dell'assunzione della vitamina E nella riduzione la malattia cardiovascolare e della morte dagli attacchi di cuore, mentre altri non sono riuscito a mostrare risultati simili.[2-8] Questa discrepanza può bene essere dovuto il fatto che soltanto l'alfa-tocoferolo è stato studiato in isolamento, mentre il gamma-tocoferolo e i toco-trienols non sono stati considerati.

Ciò può anche spiegare perché la vitamina E come constatato in alimento è più efficace dei supplementi dell'alfa-tocoferolo nella riduzione della morte dalla malattia cardiovascolare.[9-10] L'alimento fornisce un più vasto spettro della famiglia della vitamina E che i supplementi convenzionali. Per esempio, la vitamina E nella dieta americana tipica contiene considerevolmente più gamma-tocoferolo che l'alfa-tocoferolo[11] contrariamente ai supplementi che contengono generalmente soltanto l'alfa-tocoferolo, o agli importi insignificanti del gamma-tocoferolo, dei tocotrienoli e di altri membri della famiglia della vitamina E.

Inoltre, gli studi indicano che il completamento dell'alfa-tocoferolo della dose elevata fa diminuire considerevolmente l'assorbimento del gamma-tocoferolo e riduce gli effetti dei tocotrienoli. Un gruppo di scienziati ha osservato che quando i volontari umani (età 30-60) sono stati dati quotidiano 1.200 IU dell'alfa-tocoferolo sintetico per 8 settimane, il gamma-tocoferolo del plasma è diminuito in tutti gli oggetti a 30-50% dei valori iniziali.[12] Ciò è un'altra indicazione di importanza di un'assunzione equilibrata della vitamina E.

Uno studio svedese ha trovato che i pazienti con la coronaropatia hanno avuti livelli più bassi del tocoferolo di gamma e di più alto rapporto di alfa--gamma che gli oggetti di pari età in buona salute.[13]

Mentre l'alfa-tocoferolo lungamente è stato conosciuto come antiossidante importante, la ricerca ora ha indicato che il gruppo completo della vitamina E è molto più efficace. Le forme differenti della vitamina E hanno effetti complementari come organismi saprofagi del radicale libero. Possono combattere insieme un'più ampia gamma di radicali liberi che l'alfa-tocoferolo da solo.

Un gruppo di ricerca ha trovato che il gamma-tocoferolo è sensibilmente più efficace dell'alfa-tocoferolo nell'inibizione del peroxynitrite potente e nocivo dell'agente ossidante.[14] Mentre l'alfa-tocoferolo può in parte inibire la generazione del radicale libero, il gamma-tocoferolo può intrappolare e rimuovere i radicali liberi esistenti come pure i composti altamente tossici quale peroxynitrite.[15] Il tocoferolo di gamma può, quindi, proteggere le cellule dagli effetti mutageni e cancerogeni delle specie reattive molto offensive dell'azoto (vedi la sezione antiossidante).

Tocotrienoli ed estensione della durata

La ricerca sperimentale recente conferma il collegamento fra i tocotrienoli, il danno ossidativo riduttore e la durata aumentata. i tocotrienoli Palma-derivati sono stati scelti per uno studio sul processo di invecchiamento al centro di ricerca di scienze biologiche nel Giappone.[16] Gli studi sono stati intrapresi su un organismo di modello comunemente usato nella ricerca antinvecchiamento, il nematode conosciuto come i elegans del C. (caenorhabditis elegans). Questo le specie di verme è ampiamente usate nella ricerca di base di scienze biologiche data che è ha sequenze genetiche simili agli esseri umani.

Lo studio ha dimostrato che i tocotrienoli, ma non l'alfa-tocoferolo, hanno esteso significativamente la durata media degli organismi. I nematodi esposti ad un medium della crescita arricchito tocotrienolo (80ug/ml) hanno vissuto 19% più lungo del gruppo di controllo. Una concentrazione più bassa (8ug/ml) di tocotrienoli ha esteso la loro durata della vita media da 9%. Quando l'alfa-tocoferolo è stato provato invece dei tocotrienoli non ha avuto effetto sulla durata della vita. Le proteine carbonylated anche esaminate di studio, che sono prodotti distruttivi dell'ossidazione della proteina che si accumulano durante l'invecchiamento sia nei nematodi che negli esseri umani. In esseri umani circa un terzo delle proteine è carbonylated nel terzo posteriore di vita, conducente ai cambiamenti degeneranti seri nelle strutture e nei sistemi di regolazione del corpo, comprendenti per esempio l'increspatura della pelle. (Per ulteriore discussione sul carbonylation della proteina, vedi l'articolo di Carnosine alla pagina 24 nell'emissione del gennaio 2001 della rivista del prolungamento della vita).

L'accumulazione del carbonilico della proteina nei nematodi era un'immagine di specchio della loro curva di sopravvivenza, aumentante dalla proteina 1.1nmol/mg in animali giovani a 2.8nmol/mg “nella vecchiaia„ (15 giorni). Nei nematodi ha trattato con i tocotrienoli i carbonilico della proteina che sono aumentato circa la metà tanto nel corso di invecchiamento, soltanto a 1.9nmol/mg all'età i 15 giorni.

Ultravioletto (B) l'irradiamento UV dei nematodi ha accorciato la loro durata media da 12%. Tuttavia, quando i tocotrienoli si sono aggiunti al medium prima di irradiamento, i nematodi irradiati hanno vissuto finchè il gruppo di controllo non irradiato. Interessante, la loro durata della vita ha aumentato ancora di più quando i tocotrienoli si sono aggiunti presto dopo irradiamento ed ha superato quella del gruppo non irradiato, indicando che i tocotrienoli sono più del catena-rompendo gli antiossidanti e sono, infatti, capaci di riparazione del danno che già ha accaduto. L'alfa-tocoferolo non ha prestato la protezione significativa da irradiamento.

Tocotrienoli e malattia cardiovascolare

Una delle scoperte più notevoli nella ricerca di tocotrienolo è la loro capacità di eliminare il bloccaggio aterosclerotico (stenosi) nell'arteria carotica, dante loro il potenziale di ridurre significativamente il rischio di colpo. Segni spesso accade quando i depositi aterosclerotici viaggiano a monte e tagliano il rifornimento di sangue alla parte del cervello.

immagine
Parecchi grandi studi hanno indicato i notevoli benefici dell'assunzione della vitamina E nella riduzione la malattia cardiovascolare e della brughiera dagli attacchi di cuore, mentre altri non sono riuscito a mostrare risultati simili. Questa discrepanza può bene essere dovuto il fatto che soltanto l'alfa tocoferolo è stato studiato in isolamento, mentre il tocoferolo ed i tocotrienoli di gamma non sono stati considerati.

I tocotrienoli mostrano la promessa come alternativa naturale e sicura ad ambulatorio rischioso per questa circostanza a causa della loro capacità di invertire la stenosi carotica, non soltanto per fermare la sua progressione. Ciò è stata dimostrata in un test clinico che verifica l'effetto dei tocotrienoli su aterosclerosi carotica.[17] I risultati di questa prova di 18 mesi erano notevoli.

Cinquanta pazienti con stenosi carotica sono stati assegnati a caso per ricevere il quotidiano di mg 160 dei tocotrienoli della palma (forme dell'alfa e di gamma) con 64 mg di alfa-tocoferolo in olio di palma, o olio di palma soltanto come placebo. Dopo 6 mesi il dosaggio nel gruppo del trattamento è stato aumentato a 240 mg di tocotrienoli con 96 mg di alfa-tocoferolo.

Alla conclusione dello studio, le ricerche di ultrasuono dell'arteria carotica hanno dimostrato che nessuno dei pazienti nel gruppo di controllo erano migliorato durante la prova, mentre dieci hanno mostrato un peggioramento del loro stato (stenosi aumentata). Nel gruppo di tocotrienolo, tuttavia, l'aterosclerosi è stata ridotta ed il flusso sanguigno al cervello è stato migliorato in 7 di 25 pazienti, mentre la circostanza aveva peggiorato in soltanto due pazienti. Nessun effetto collaterale avverso è stato riferito in qualsiasi gruppo.

I tocotrienoli e la statina droga quale le lovastatine entrambe il colesterolo più basso sopprimendo l'attività della riduttasi del HMG-CoA degli enzimi, sebbene attraverso i meccanismi differenti. Le statine sono pensate per colpire l'enzima con inibizione competitiva, mentre i tocotrienoli accelerano la degradazione degli enzimi e fanno diminuire l'efficienza della traduzione del mRNA dell'enzima.[18] Questa differenza nel meccanismo è creduta per essere una ragione per l'assenza di effetti collaterali avversi con i tocotrienoli, contrariamente agli effetti collaterali comuni delle droghe di statina.

La riduttasi HMG-CoA è l'enzima che permette al corpo di sintetizzare il suo proprio colesterolo da un precursore chiamato acido mevalonico. La via di acido mevalonico è inoltre di grande importanza nella crescita e nella proliferazione di regolamento delle cellule. La capacità dei tocotrienoli di inibire questa via, quindi, permette loro di inibire la crescita del cancro (vedi più nella sezione del cancro).

Alcuni studi hanno dimostrato una riduzione significativa sia del totale che del colesterolo di LDL con i tocotrienoli amministrati ai pazienti con gli alti lipidi del siero. Nei doppi ciechi, lo studio dell'incrocio su 25 pazienti con i livelli ricchi in colesterolo, i pazienti nel gruppo del trattamento è stato dato un quotidiano di 4 capsule di 50 tocotrienoli di mg misti con l'olio di palma, mentre il gruppo di controllo ha ricevuto soltanto l'olio di mais. Alla conclusione del periodo di prova di otto settimane, il colesterolo totale ed il colesterolo di LDL erano diminuito significativamente (15% e 8%) nei 15 oggetti dati i tocotrienoli della palma. Non c'era cambiamento nel gruppo di controllo.[19]

Il colesterolo ed il colesterolo LDL totali sono stati ridotti ancora di più (17% e 24% rispettivamente) quando i tocotrienoli si sono aggiunti ad una dieta a bassa percentuale di grassi e bassa del colesterolo e ad un regime senza alcool in altra prova alla cieca, la prova più duratura (12 settimane).[20] Altri fattori di rischio cardiovascolari importanti sono stati ridotti dai tocotrienoli. Apoli-poprotein B e lipoproteina (a), forti preannunciatori della malattia cardiovascolare[21-23]come pure trombossano B2 e fattore 4 della piastrina era tutto abbassato significativamente nel gruppo tocotrienolo-trattato (15%, 17%, 31% e 14% rispettivamente).

Il trombossano B2 contribuisce alla malattia cardiovascolare con le attività e l'aggregazione proinflammatory della piastrina. È formato dalle prostaglandine pro-infiammatorie con la funzione del ciclo-ossigenasi degli enzimi (COX-2), che è conosciuto per partecipare allo sviluppo sia della malattia (cancerogena) infiammatoria che neoplastico. La riduzione significativa (31%) di trombossano B2 di questo studio di tocotrienolo è interessante, suggerendo le similarità possibili con il gamma-tocoferolo, che è conosciuto per essere un inibitore COX-2.[24]

Mentre sia l'alfa che il gamma-tocoferolo sono stati indicati per ridurre la formazione dell'embolo dell'aggregazione e di ritardo della piastrina, il gamma-tocoferolo è stato indicato per essere sensibilmente più potente in uno studio sui ratti.[25]

I tocotrienoli sono stati studiati congiuntamente alle lovastatine della droga di statina in un altro studio. I 28 pazienti con i livelli di colesterolo elevati in questi doppi ciechi, test clinico dell'incrocio sono stati disposti sulla dieta americana di associazione Step-1 del cuore prima di cominciare il trattamento. Dopo i 35 giorni sulla dieta, sono stati dati le dosi basse delle lovastatine, tocotrienoli e alfa-tocoferolo (e combinazioni di questi agenti) nelle fasi dei 35 giorni ciascuna, mentre restavano sulla dieta. La combinazione di lovastatine (10mg) e di tocotrienoli della palma (50mg) ha avuta un effetto di riduzione dei lipidi di 20-25%, mentre i tocotrienoli o le lovastatine da solo negli stessi dosaggi hanno ridotto rispettivamente i colesteroli LDL 18% e 15%. Nessun effetto collaterale è stato riferito durante lo studio. È importante notare che i dosaggi delle droghe d'abbassamento non dovrebbero essere ridotti in base a questo studio preliminare.[26]

Il completamento con il gamma-tocotrienolo solo, o congiuntamente all'alfa-tocoferolo, ai ratti alimentati i ricchi di una dieta in grasso per 6 settimane, ha mostrato una riduzione significativa del totale e colesterolo di LDL, trigliceridi e prodotti reattivi dell'ossidazione, specialmente perossidi d'idrogeno.[27] Gli effetti antiossidanti potenti dei tocotrienoli saranno discussi più successivamente in questo articolo.


Continuato alla pagina 2 di 3



Di nuovo al forum della rivista