Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine maggio 2002

immagine

Pagina 2 di 3

Tocotrienoli e cancro al seno

Interessante, le cellule di cancro al seno umane sono state indicate per rispondere molto bene al trattamento con i tocotrienoli.[38-44]

immagine
I tocotrienoli mostrano la promessa come alternativa naturale e sicura ad ambulatorio rischioso per il bloccaggio aterosclerotico a causa della loro capacità di invertire la stenosi carotica, non soltanto per fermare la sua progressione.

Mentre la maggior parte dei cancri al seno sono creduti di essere dipendente dell'estrogeno, alcuni tumori, specialmente tumori postmenopausali, non dipendono da estrogeno per la loro crescita. le droghe dell'Anti-estrogeno, quale il tamoxifene ampiamente usato, sono più efficaci sui tumori sensibili dell'ormone. L'uso del tamoxifene inoltre è limitato tramite lo sviluppo della resistenza a questa droga in molti pazienti.[45] I tocotrienoli forniscono l'inibizione della crescita di cellule di cancro al seno nella cultura che è indipendente dalla sensibilità dell'estrogeno ed hanno grande potenziale di essere un aiuto significativo nella prevenzione e nel trattamento di cancro al seno.

Una serie di studi in vitro hanno dimostrato l'efficacia dei tocotrienoli come inibitori sia di estrogeno ricevitore-positivo (estrogeno rispondente) che di proliferazione ricevitore-negativa delle cellule dell'estrogeno (non estrogeno rispondente).

I ricercatori hanno verificato l'effetto dei tocotrienoli della palma su tre linee cellulari differenti di estrogeno rispondenti e di cellule di cancro al seno umane non responsive dell'estrogeno (MCF7, MDA-MB-231 e ZR-75-1). Hanno trovato che i tocotrienoli hanno inibito forte la crescita delle cellule in sia presenza che assenza di estradiolo, l'estrogeno principale nel corpo. I ricercatori inoltre hanno dimostrato che i tocotrienoli hanno migliorato l'effetto del tamoxifene. La gamma e le delta-frazioni dei tocotrienoli erano più efficaci alla crescita d'inibizione delle cellule, mentre l'alfa-tocoferolo era inefficace in tal modo.[38-40]

Fra i tocotrienoli, il delta-tocotrienolo è stato indicato in un altro studio per essere l'induttore più potente degli apoptosi (morte programmata delle cellule) in sia cellule umane non responsive dell'estrogeno che estrogeno-rispondenti di cancro al seno, seguite da gamma e dal alfa-tocotrienolo (beta-tocotrienolo non è stato provato). Interessante, il delta-tocotrienolo è più abbondante in tocotrienoli della palma che in tocotrienoli derivati da riso. Dei tocoferoli naturali, soltanto il delta-tocoferolo ha mostrato tutto l'effetto d'induzione, sebbene fosse di meno che un decimo dell'effetto del delta-tocotrienolo del riso e della palma.[42]

Risultati simili sono stati ottenuti quando le cellule tumorali mammarie dai topi sono state studiate.[44] Mentre i tocoferoli hanno avuti nessun effetto inibitorio sulla crescita, sull'alfa, sulla gamma e sui delta-tocotrienoli cancerogeni delle cellule efficacemente ha arrestato il ciclo cellulare ed ha avviato la morte delle cellule. Le cellule altamente maligne erano più sensibili agli effetti antiproliferativi dei tocotrienoli, mentre le cellule precancerose meno aggressive erano il più minimo il sensibile.

I tocotrienoli sono stati trovati per essere molto più efficaci dell'alfa-tocoferolo nella crescita d'inibizione delle cellule di cancro al seno.[41] La concentrazione di tocotrienolo stata necessaria era di meno di 1/20 dell'alfa-tocoferolo in cellule rispondenti dell'estrogeno e meno di 1/10 in cellule insensibili ad estrogeno. I tocotrienoli congiuntamente al tamoxifene erano più inibitori di qualsiasi composto da solo in sia cellule rispondenti che non responsive dell'estrogeno di cancro al seno. Gli autori hanno precisato che il sinergismo fra il tamoxifene ed i tocotrienoli può tenere conto l'uso delle dosi più basse del tamoxifene e riducono il suo rischio di effetti collaterali avversi. È importante notare che ulteriori studi sono necessari prima che i tocotrienoli possano essere usati sicuro congiuntamente a tutta la terapia del cancro.

Tocoferolo e carcinoma della prostata di gamma

Mentre l'alfa-tocoferolo è risultato essere efficace nell'inibizione della crescita delle cellule di carcinoma della prostata, il gamma-tocoferolo è stato trovato per essere più efficace. In uno studio che confronta l'effetto inibitorio dell'alfa-tocoferolo sintetico e del gamma-tocoferolo naturale sulla crescita delle cellule di carcinoma della prostata, è stato dimostrato che il gamma-tocoferolo ha inibito la crescita delle cellule alle concentrazioni un alfa-tocoferolo sintetico di 1.000 volte in basso poi.[46]

Uno studio recente ha esplorato l'associazione dell'alfa-tocoferolo, del gamma-tocoferolo e del selenio con carcinoma della prostata. I campioni di sangue sono stati esaminati da 117 uomini che avevano sviluppato il carcinoma della prostata e da 233 hanno abbinato i comandi. I livelli elevati del gamma-tocoferolo sono stati associati con il rischio di carcinoma della prostata significativamente più basso. Gli uomini nell'più alto quintile dei livelli di gamma-tocotrienolo hanno avuti una riduzione quintupla del rischio di sviluppare il carcinoma della prostata confrontato agli uomini nel quintile più basso. La protezione significativa dagli alti livelli di selenio e dell'alfa-tocoferolo è stata osservata soltanto quando le concentrazioni nel gamma-tocoferolo erano alte.[47]

L'antiossidante eccellente

Gran parte di vasta partecipazione della vitamina E nel metabolismo umano è dovuto il suo ruolo come l'antiossidante lipido-solubile primario del corpo. I tocoferoli ed i tocotrienoli fa parte di sistema di difesa altamente efficace del corpo, senza cui vita poichè sappiamo non potrebbe esistere. Questo sistema di difesa consiste di una rete degli antiossidanti, interagente con e sostenentesi. Gli antiossidanti quali vitamina C, il coenzima Q10 ed il glutatione sono necessari per l'efficace riciclaggio dei tocoferoli e dei tocotrienoli.

immagine
Gran parte di vasta partecipazione della vitamina E nel metabolismo umano è dovuto il suo ruolo come l'antiossidante lipido-solubile primario del corpo. I tocoferoli ed i tocotrienoli fa parte di sistema di difesa altamente efficace del corpo, senza cui vita poichè sappiamo non potrebbe esistere.

Il potere unico di entrambi i tocoferoli e tocotrienoli è la loro capacità di rompere la reazione a catena di perossidazione lipidica neutralizzando i radicali di peroxyl per impedire la diffusione di danno del radicale libero in membrane cellulari. I tocotrienoli sono organismi saprofagi più potenti del radicale di peroxyl che l'alfa-tocoferolo e, poichè vederemo sotto, assicurare la protezione ben migliore contro perossidazione lipidica. La perossidazione degli acidi grassi (lipidi) in membrane cellulari ha un grande impatto sia sulla struttura cellulare che sulla funzione. La perossidazione di colesterolo LDL, per esempio, è conosciuta per essere il primo punto nello sviluppo di aterosclerosi.[48-49]

La perossidazione lipidica è distruttiva, perché i lipidi sono una parte essenziale di membrane cellulari, ormoni e tessuto nervoso. Il danno stesso inizia una reazione a catena della generazione del radicale libero. Gli acidi grassi polinsaturi vulnerabili generano i radicali di peroxyl, che non solo danneggiano i lipidi, ma inoltre danneggiano le proteine importanti responsabili delle funzioni più quotidiane in esseri umani.

L'efficienza di vari membri della vitamina E non è uguale, tuttavia. Mentre il gamma-tocoferolo è un antiossidante più efficace che l'alfa-tocoferolo, specialmente nella riduzione del danno dai radicali dell'azoto[50-51], i tocotrienoli sono risultato essere ancor più potenti che i tocoferoli. Il maggior effetto antiossidante del delta-tocotrienolo confrontato all'alfa-tocoferolo è probabilmente dovuto la sua struttura molecolare, più distribuzione dell'uniforme in membrane cellulari, maggior attività di riciclaggio e collisione più efficace con i radicali liberi.[52]

In uno studio, l'efficacia del alfa-tocotrienolo era 40 volte più superiore all'alfa-tocoferolo in membrane microsomiche proteggenti del fegato del ratto contro perossidazione lipidica e 6,5 volte più su in citocromo proteggente P-450 contro danno ossidativo.[53] Il citocromo P-450 è un sistema degli enzimi che svolgono un ruolo centrale nella disintossicazione sia (quali gli ormoni) dei composti esogeni (quali le droghe che gli antiparassitari) ed endogeni e nella sintesi delle ormoni steroidei e degli acidi biliari nel fegato.

Uno studio di approfondimento ha dimostrato che i tocotrienoli proteggono dalla lesione da ischemia e da riperfusione (interruzione e ripresa di flusso sanguigno) nei cuori isolati del ratto[54]. Una miscela dei tocotrienoli (55%) e dei tocoferoli (45%) dall'olio di palma è stata utilizzata in questo studio.

A seguito di 40 minuti di ischemia, il alfa-tocotrienolo era più attivo nel lavaggio del radicale libero che l'alfa-tocoferolo e preferenziale è stato consumato. L'efficienza di riciclaggio del alfa-tocotrienolo era inoltre superiore all'alfa-tocoferolo, che può essere una ragione per la sua significativamente più alta attività fisiologica nell'ambito dello sforzo ossidativo.

Uno studio in vitro del cervello del ratto[55] ha confermato la superiorità dei tocotrienoli come inibitori di perossidazione lipidica. Lo studio inoltre ha dimostrato che i tocotrienoli a dosaggio basso possono inibire l'ossidazione della proteina in mitocondri del cervello. I tocotrienoli della palma erano sensibilmente più efficaci dell'alfa-tocoferolo in questo studio. il Gamma-tocotrienolo ha avuto il più forte effetto inibitorio, mentre l'alfa ed i delta-tocotrienoli erano meno efficaci. Questi risultati indicano che i tocotrienoli della palma possono essere utili nell'impedire i disordini neurodegenerative causati dallo sforzo ossidativo. Gli studi clinici sono attesi ardentemente.

Un altro studio sui microsomi del fegato del ratto ha dimostrato la capacità dei tocotrienoli della palma di proteggere le membrane cellulari da danno ossidativo. il Gamma-tocotrienolo era ancora il più efficace. Alla concentrazione bassa di 5 uM, i tocotrienoli della palma hanno inibito significativamente l'ossidazione della proteina (37%) e la perossidazione lipidica (27-30%).[56]

I radicali dell'azoto, provenenti dall'ossido di azoto (NO), danneggiano i gravi danni il corpo. L'ossido di azoto è una molecola importante di segnalazione prodotta in molti tessuti, compreso il rivestimento del vaso sanguigno (endotelio) ed il cervello. Regola una diversa gamma di processi fisiologici. Quando il superossido e NESSUN'associazione, tuttavia, uno dei radicali più tossici nel corpo umano, peroxynitrite, è formato.

il Gamma-tocoferolo ed il gam-mA-tocotrienolo sono le isoforme della vitamina E che sono state trovate più efficaci nella riduzione del danno dai radicali dell'azoto. Contrariamente all'alfa-tocoferolo, il gamma-tocoferolo ha la capacità di pulire il biossido di azoto senza formare i prodotti tossici dell'azoto ed è stato trovato per essere un inibitore più efficace di trasformazione cancerogena delle cellule.il Gamma-tocoferolo [di 57 ] è inoltre sensibilmente più efficace dell'alfa-tocoferolo nella perossidazione lipidica indotta peroxynitrite d'inibizione. Un altro gruppo degli scienziati ha dimostrato che il gamma-tocoferolo è richiesto per rimuovere i prodotti tossici peroxynitrite-derivati, malgrado l'azione antiossidante dell'alfa-tocoferolo.[51] Ciò è una scoperta importante poichè il peroxynitrite è uno degli ossidanti offensivi principali prodotti in esseri umani. La sua formazione è associata specialmente con le lesioni ischemiche, l'infiammazione ed i disordini neurodegenerative. Gli autori suggeriscono che la presenza di entrambi i tocoferoli possa essere richiesta in vivo per la protezione ottimale contro i radicali dell'azoto.

Il contributo indiretto a questa discussione può essere trovato in una rappresentazione di studio che i livelli del plasma di gamma-tocoferolo (ma non di alfa-tocoferolo) rapidamente aumentano quando i fumatori a lungo termine smettono di fumare. Ciò suggerisce che pricipalmente il gamma-tocoferolo sia consumato nel combattimento dei radicali liberi prodotti fumando. Le dosi elevate dell'alfa-tocoferolo inoltre sono state indicate per spostare il gamma-tocoferolo in plasma ed in altri tessuti.[58]

Tocotrienoli ed ipertensione

Che cosa è un radicale libero?

I radicali liberi sono i prodotti delle reazioni ossidative nel corpo. Sono composti altamente reattivi che prendono gli elettroni da altre molecole per stabilizzarsi. In questo processo dell'elettrone “furto„, un nuovo radicale libero è creato, vale a dire, la molecola da cui l'elettrone è stato preso. Che il nuovo radicale libero poi pratica “il furto„ su un'altra molecola vicina e un ciclo della catena-reazione della distruzione delle cellule comincia.

È importante rend contoere che l'ossidazione è una parte normale di vita come sono i radicali liberi. L'ossidazione è che cosa ci permette di ottenere ed usare l'energia proveniente dal nostro alimento. Quando i radicali liberi sono superiore prodotto, tuttavia, sono così offensivi che il corpo mantiene un sistema antiossidante specializzato per tenerli nel controllo.

Tuttavia, quando l'esposizione prolungata del corpo ai fattori ossidativi causa un'eccessiva uscita dei radicali liberi che supera la capacità del corpo di neutralizzarli (tecnicamente chiamato “sforzo ossidativo "), il corpo è posizionato sempre più vulnerabile dovuto la distruzione accelerata delle cellule.

Gli antiossidanti sono sostanze che neutralizzano i radicali liberi.

 

Un fattore importante nel guasto di scompenso cardiaco e di ipertensione è lo stagno del corpo di liquido cellulare supplementare. Gli scienziati hanno per le decadi cercate l'ormone nel corpo che controlla il rilascio dell'acqua in eccesso e quindi riduce l'ipertensione. Nel 1996 un composto con questo effetto è stato isolato, LLU-alfa, che è risultato essere un metabolita del gamma-tocoferolo.[59] L'anno scorso gli studi sugli animali hanno indicato che l'LLU-alfa inoltre è prodotta dal gamma-tocotrienolo.[60-61]

L'ipertensione inoltre è stata associata con i livelli elevati del perossido del lipido (vedi la sezione antiossidante) entrambi in animali ed in esseri umani. In uno studio dei tocotrienoli in ratti spontaneamente ipertesi[62], è stato dimostrato che il trattamento con il gamma-tocotrienolo ha impedito lo sviluppo di ipertensione relativa all'età pulendo i radicali liberi e migliorando il sistema di difesa antiossidante enzimatico del corpo. I tocotrienoli hanno ridotto la perossidazione lipidica in vasi sanguigni e significativamente hanno aumentato l'attività del superossido dismutasi antiossidante (ZOLLA).

L'effetto di lavaggio radicale dei tocotrienoli può colpire la pressione sanguigna in altri modi che con perossidazione lipidica riduttrice. Gli studi più iniziali hanno indicato che i radicali liberi possono inattivare l'ossido di azoto (NO) per alterare la vasodilatazione, che conduce ad un aumento della resistenza e della pressione sanguigna periferiche. Restiamo in attesa più ulteriormente per ricercare in questa area.

L'esigenza della vitamina piena E di spettro

La vitamina E ha un indice di sicurezza eccellente.[63-66] Tuttavia, gli studi dell'alfa-tocoferolo da solo, senza la miscela di altri tocoferoli e tocotrienoli, ha indicato l'ossidante pro- piuttosto che l'attività antiossidante nella gente che consuma le dosi elevate (oltre mg 1000).[67]

Abbiamo visto che le varie forme della vitamina E hanno loro ruolo unico nel metabolismo del corpo umano. La ricerca suggerisce forte che abbiamo bisogno dello spettro completo della vitamina E di massimizzare le nostre probabilità di impedire e, possibilmente, di trattamento delle molte delle malattie di invecchiamento.


Riferimenti alla pagina 3 di 3



Di nuovo al forum della rivista