Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine novembre 2002

immagine

Pagina 2 di 2

Attualmente, il viaggio nello spazio a lungo termine non è possibile per gli esseri umani perché la mancanza di gravità causa il riassorbimento rapido dell'osso con soppressione di nuova formazione dell'osso. Questo effetto può essere imitato sospendendo le code dei ratti in modo che non siano conforme alla tirata di gravità. Un altro gruppo di ricercatori giapponesi ha usato questo modello animale per esaminare gli effetti della vitamina K sulla massa dell'osso. Quando la vitamina K è stata data oralmente in alta struttura del peso- del corpo di mg/kg doses-22 delle ossa nelle code dei ratti è stato mantenuto ai livelli quasi normali.[19]

La produzione ovarica dell'ormone ha un forte effetto preservativo sulla massa dell'osso e le donne postmenopausali hanno il più grande rischio di finire con l'osteoporosi. A seguito dell'ovariectomia (rimozione delle ovaie) in ratti, la vitamina K è stata amministrata. Il supplemento di K ha attenuato il declino nella densità minerale ossea veduta tipicamente dopo l'ovariectomia.[20,21] In un altro studio, i ricercatori hanno trovato che le donne postmenopausali date un milligrammo del quotidiano di vitamina K per due settimane hanno mostrato un aumento di 70% - 80% in Gla carboxylated[22]- un buon segno che il calcio sta andando dove dovrebbe.

Uno di migliori modi impedire l'osteoporosi nella vecchiaia è di massimizzare la densità ossea durante la gioventù. Ciò può essere compiuta con l'esercizio e la nutrizione adeguata all'apice della fase di crescita di un bambino e la vitamina K supplementare può provare un'aggiunta importante a questi sforzi osso costruzioni. Per determinare se il completamento nutriente nella gioventù può aumentare la densità minerale ossea di punta, 168 ratti femminili di tre mesi sono stati divisi in cinque gruppi. Uno ha ottenuto una dieta di controllo; gli altri gruppi hanno ricevuto la vitamina D, la vitamina K, il calcio, o le vitamine D e K più calcio. In tutti e quattro i gruppi con le sostanze nutrienti aggiunte, la densità minerale ossea di punta (BMD) era superiore a nel gruppo di controllo. I più grandi miglioramenti nella densità ossea aumentante a breve termine sono stati veduti nel gruppo solo calcio, ma le più piccole diminuzioni nella densità minerale ossea (BMD) nel corso dello studio sono state vedute nel gruppo che ha ottenuto la combinazione di sostanze nutrienti. Cioè tutte e tre le sostanze nutrienti (calcio, vitamina D e protetto insieme preso K) della vitamina contro perdita dell'osso meglio di qualsiasi di loro da soli.[23]

La perdita dell'osso è una complicazione comune della cirrosi del fegato. Quando i pazienti sono stati dati la vitamina K, carbossilazione del osteocalcin-one delle proteine-significativo di Gla migliori.[24]

Altri benefici della vitamina K

Vitamina K e coagulazione

Coagulazione-più conosciuto comunemente come il sangue coagulare-consiste da due processi separati: attivazione della piastrina e formazione della fibrina. Il processo posteriore è dove la vitamina K fa la sua parte, controllando la formazione di fattori di coagulazione nel fegato. Senza questi fattori di coagulazione, i filamenti della fibrina che legano piastrine in un grumo non possono formarsi insieme. La vitamina K è inoltre una componente delle proteine che fungono da anticoagulanti come pure due disossano le proteine della matrice che sono richieste per la vitamina K normale dell'osso metabolism.* così forniscono un effetto d'equilibratura cruciale nel corpo.

* Blackwell GJ, ed altri, inibizione di aggregazione umana della piastrina dalla vitamina K. Thromb Res 1985; 37:103-14.
Furie B, ed altri, la base molecolare di coagulazione del sangue. Cellula 1988; 53:505-18.

I benefici della vitamina K non si fermano alla prevenzione della malattia cardiaca e di osteoporosi. Ulteriore ricerca ha dimostrato che questa sostanza nutriente inoltre allevia l'infiammazione. Con l'età, le concentrazioni nel corpo di una sostanza hanno chiamato l'aumento interleukin-6 (IL-6). IL-6 è un messaggero biochimico chiamato una citochina. Accelera l'infiammazione una volta prodotto da equilibrio con altre citochine. La gente che soffre dall'artrite ed il morbo di Alzheimer ha alte concentrazioni IL-6, come fanno i vasi sanguigni colpiti da aterosclerosi. Uno studio ha eseguito all'istituto di ricerca nazionale in Italia ha rivelato che gli oggetti con i livelli elevati di IL-6 erano quasi due volte probabili finire con un'inabilità in relazione con la mobilità.[25]

I diabetici possono essere sospesi trarre giovamento dai supplementi di vitamina K più di qualunque altro segmento della popolazione. Il tipo diabetici di II è più conforme a tutti i tipi di arteriosclerosi; l'abbondanza di zuccheri e l'insulina nei loro sistemi accelerano il processo di invecchiamento che predispone naturalmente la gente al deposito patologico del calcio. Il fatto che il pancreas contiene la seconda più alta concentrazione di vitamina K nel corpo suggerisce il suo ruolo nel regolamento della glicemia. I ricercatori giapponesi hanno trovato che quando la carenza in K della vitamina è indotta in ratti, la distanza di glicemia è alterata ed il rilascio dell'insulina aumento-in altre parole, i ratti hanno sviluppato i sintomi del diabete di tipo II iniziale (cioè hyperinsulinemia).[26]

I benefici di K della vitamina possono anche essere collegati alla sua attività antiossidante. Una certa ricerca ha indicato che la vitamina K ha potere libero di radicale-lavaggio comparabile a quello della vitamina E e del coenzima CoQ10.[27,28] I fegati di animali sottoposti allo sforzo ossidativo hanno guadagnato la protezione completa quando la vitamina K data e la vitamina K è stata trovata per essere 80% efficaci quanto la vitamina E ad impedire l'ossidazione di acido linoleico poli-insaturo.

immagine
La perdita dell'osso è una complicazione comune della cirrosi del fegato. Quando i pazienti sono stati dati la vitamina K, carbossilazione del osteocalcin-one delle proteine-significativo di Gla migliori.

Se state usando lo zenzero, l'aglio, il ginkgo o aspirin per tenere il vostro sangue sottile e per evitare la coagulazione, non preoccupi quello che prende la vitamina K supplementare neutralizzerà questo. Mentre la vitamina K partecipa alla coagulazione del sangue, impedisce il processo dell'aggregazione-un della piastrina del globulo che si agglutina che è stimolato tramite gli aumenti nello sforzo ossidativo.[29] Tenga presente che K inoltre svolge un ruolo nell'attivazione delle proteine anticoagulanti, anche mentre partecipando alla cascata di coagulazione del sangue.

Il complemento della vitamina K può anche contribuire ad impedire il morbo di Alzheimer. Quelli con la forma E4 della lipoproteina apoE-circa 25% del popolazione-sono conosciuti per avere rischio aumentato di sviluppare questo disordine temuto. Che cosa molti non conoscono è quella gente che portino il gene apoE4 siano stati trovati per avere bassi livelli di vitamina K. La calcificazione e lo sviluppo delle lesioni in vasi sanguigni che alimentano i tessuti cerebrali è creduta per essere un aspetto dello sviluppo di Alzheimer ed ulteriore ricerca possono rivelare un ruolo importante per la vitamina K ad alta dose nella sua prevenzione.

Linee guida di completamento di vitamina K

Generalmente, 10 mg al giorno è una buona dose per chiunque interessato alla salute ed alla longevità ottimali. Quelli che soffrono dall'osteoporosi possono studiare la possibilità di prendere a 40 mg un il giorno. Quelli che prendono le dosi elevate possono desiderare avere loro livelli di vitamina K valutati. Chieda al vostro medico o dietista di amministrare la prova di osteocalcin. Questa prova misura i livelli di osteocalcin carboxylated, rendenti un'immagine eccellente di stato di vitamina K.

Scopra più circa K eccellente


Riferimenti

1. Matschiner JT, ed altri, meccanismo dell'effetto di acido retinoico e squalene su carenza in K della vitamina nel ratto. J Nutr 1967; 91:303-6.

2. Vermeer C, Schurgers LJ, rassegna completa di A della vitamina K e degli antagonisti di vitamina K. Nord 2000 di Hematol Oncol Clin aprile; 14(2): 339-53.

3. Wallin R, ed altri, calcificazione arteriosa: una rassegna dei meccanismi, dei modelli animali e delle prospettive per la terapia. Med Res Rev 2001 luglio; 21(4): 274-301.

immagine
I benefici di K della vitamina possono anche essere collegati alla sua attività antiossidante. Una certa ricerca ha indicato che la vitamina K ha potere libero di radicale-lavaggio comparabile a quello della vitamina E e del coenzima CoQ10.

4. Witteman JC, ed altri, placche e malattia cardiovascolare calcificate aortiche (lo studio di Framingham). J Cardiol 1990; 66:1060-4.

5. van Noord PA, ed altri, mammogrammi può trasportare più del rischio di cancro al seno: calcificazione arteriosa del seno e malattia relativa arteriosclerotica in donne del gruppo dei DOM. Cancro Prev 1996 di EUR J dicembre; 5(6): 483-7.

6. Gruppo di lavoro di NIAMS-NHBLI, malattia cardiovascolare di nuova prova ed osteoporosi di collegamento. Dal 14-15 settembre 1999, Bethesda, Maryland.

7. Luo G, Ducy P, MD di McKee, ed altri, calcificazione spontanea delle arterie e cartilagine in topi che mancano della proteina della matrice GLA. Natura 1997; 386:78-81.

8. Jie KSG, ed altri, stato di vitamina K ed osso si ammassa in donne con e senza aterosclerosi aortica: uno studio basato sulla popolazione. Tessuto Int 1996 di Calcif; 59:352-6.

9. Seyama Y, ed altri, effetti comparativi della vitamina K2 e della vitamina E su arteriosclerosi sperimentale. Internat J Vit Nutr Res 1999; 69:23-26.

10. Il HM di Spronk, ed altri, proteina di Gla della matrice si accumula al confine delle regioni di calcificazione e di tessuto normale nei media della parete arteriosa della nave. Biochimica Biophys ricerca Commun 2001 30 novembre; 289(2): 485-90.

11. Esposizione di Howe, di Webster WS, del warfarin e calcificazione del sistema arterioso nel ratto. Int J Exp Pathol 2000 febbraio; 81(1): 51-6.

12. La WS più marrone, ed altri, mortalità di Non trauma in donne anziane con densità minerale ossea bassa. Studio sul gruppo di ricerca osteoporotico di fratture. Lancetta 1991; 338:355-58.

13. Cappuccio FP, ed altri, ipertensione e perdita osso-minerale in donne bianche anziane: uno studio prospettivo. Lancetta 1999; 354:971-75.

14. Jie KSG, ed altri, stato di vitamina K ed osso si ammassa in donne con e senza aterosclerosi aortica: uno studio basato sulla popolazione. Tessuto Int 1996 di Calcif; 59:352-6.

15. Kado dm, ed altri, fratture e mortalità vertebrali in donne più anziane: uno studio prospettivo. Studio sul gruppo di ricerca osteoporotico di fratture. Med 1999 dell'interno dell'arco; 159:1215-20.

16. Yoshihiro S, ed altri, anticoagulazione orale a lungo termine riduce la massa dell'osso in pazienti con infarto emisferico precedente e la fibrillazione atriale nonrheumatic. Colpo 1997; 28:2390-94.

17. Feskanich D, ed altri, assunzione di vitamina K e fratture dell'anca in donne: uno studio prospettivo. J Clin Nutr 1999; 69:74-79.

18. Hidaka T, ed altri, trattamento per i pazienti con osteoporosi postmenopausale che sono stati disposti sulla terapia ormonale sostitutiva e mostrano una diminuzione nella densità minerale ossea: effetti della somministrazione concomitante della vitamina K (2). Minatore Metab 2002 dell'osso di J; 20(4): 235-9.

19. Iwasaki Y, ed altri, mantenimento della struttura trabecular e volume dell'osso dalla vitamina K (2) in ratti maturi con la sospensione a lungo termine della coda. Minatore Metab 2002 dell'osso di J; 20(4): 216-22.

20. Iwamoto I, ed altri, effetti della vitamina K (2) sull'osso dei ratti ovariectomizzati e su una linea cellulare osteoblastic del ratto. Gynecol Obstet investe 2002; 53(3): 144-8.

21. Yamaguchi m., ed altri, effetto della vitamina K2 (menaquinone-7) in soia fermentata (natto) su perdita dell'osso in ratti ovariectomizzati. Minatore Metab 1999 dell'osso di J; 17:23-9.

22. Knapen MHK, ed altri, gli effetti del completamento di vitamina K sul osteocalcin di circolazione (proteina di Gla dell'osso) ed escrezione urinaria del calcio. Ann Internal Med 1989; 111:1001-5.

23. Hirano J, Ishii Y, effetti della vitamina K (2), vitamina D e calcio sul metabolismo dell'osso dei ratti nella fase di crescita. J Orthop Sci 2002; 7(3): 364-9.

24. Shiomi S, ed altri, vitamina K2 (menatrenone) per perdita dell'osso in pazienti con cirrosi del fegato. J Gastroenterol 2002 aprile; 97(4): 978-81.

25. Ferrucci L, ed altri, livello del siero IL-6 e lo sviluppo di inabilità in persone più anziane. J Geriatr Soc 1999. 47:639-46.

26. Sakamoto N, ed altri, effetti bassi dell'assunzione di vitamina K su tolleranza al glucosio in ratti. Int J Vit Nutr Res 1999; 69:27-31.

27. Mukai K, ed altri, studio cinetico di Fermare-flusso su reazione di rigenerazione della vitamina E con i hydroquinones biologici (forme ridutrici di ubiquinone, di vitamina K e di tocopherolquinone) in soluzione. Biol Chem 1992 di J; 267:22277-81.

28. Mukai K, ed altri, studio cinetico su azione radicale-scavening libera dei hydroquinones biologici (forme ridutrici di ubiquinone, di vitamina K e di chinone del tocoferolo) in soluzione. Acta 1993,1157:313-17 di Biochim Biophys.

29. Ronden JE, ed altri, modulazione di tendenza arteriosa di trombosi in ratti dalla vitamina K e le sue catene laterali. Aterosclerosi 1997; 132:61-7.


immagine


Di nuovo al forum della rivista