Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine aprile 2003

immagine

Voglia essere cuore sano e cancro libero? Prova che cucina i vostri pomodori

immagine

La cottura dei pomodori può abbassare i loro livelli di vitamina C, ma c'è un profitto evidente alla fine. Il processo di cottura aumenta sostanzialmente i livelli di composti sani conosciuti come i phytochemicals in pomodori. Così dica i ricercatori a Cornell University.1

Uno dei phytochemicals più ben noti trovati in pomodori è licopene, che è la sostanza responsabile del dare a pomodori il loro colore rosso. Il licopene è un carotenoide che funge da antiossidante potente. È ben documentato per le suoi abilità di Cancro-combattimento e benefici cardiaci. I carotenoidi, gli acidi fenolici ed i flavonoidi sono raggruppati insieme come phytochemicals, che forniscono il valore nutrizionale in frutta ed in verdure. “La ricerca dissipa la nozione popolare che ha elaborato la frutta e le verdure hanno valore nutrizionale più basso che i prodotti freschi,„ ha scritto i ricercatori.

Nello studio, i pomodori erano heated per varie durate e gli scienziati hanno confermato che più lungo il processo del riscaldamento, più la vitamina C è stato perso. Tuttavia, lo studio inoltre ha rivelato che riscaldare i pomodori ha aumentato i livelli di trans-licopene utile di 54%, di 171% e di 164%, rispettivamente, secondo tempo di cottura. I livelli antiossidanti durante il processo di cottura hanno saltato 28%, 34% e 62%, rispettivamente, poichè il tempo di cottura è aumentato.
Di tutti gli antiossidanti in pomodori, il licopene è il più efficiente. Attacca dieci radicali più liberi di volte nel corpo che la vitamina E. Poiché il processo del riscaldamento aumenta i livelli del licopene in pomodori, i ricercatori sono promettenti che gli studi come questo possono scintillare un interesse rinnovato nella verdura. “Infine, questo ha potuto aumentare l'assunzione dei consumatori della frutta e delle verdure ed ha potuto possibilmente ridurre il rischio di una persona di malattia cronica,„ ha scritto il ricercatore Rui Hai Liu, M.D. del cavo.

- John Martin


Riferimenti

1. Dewanto V, Wu X, Adom KK, RH di Liu. L'elaborazione del termale migliora il valore nutrizionale dei pomodori aumentando l'attività antiossidante totale. J Agric alimento Chem 2002 8 maggio; 50(10): 3010-

 

La restrizione calorica del moderato dei ritrovamenti di studio anche può evitare il rischio di cancro

La limitazione dell'consumo-uguale calorico moderato-può essere la chiave a respingere determinati tipi di cancri, in base ai risultati di uno studio dell'istituto nazionale contro il cancro.

I ricercatori hanno verificato gli effetti delle diete con le calorie moderatamente limitate in topi ad ad alto rischio di sviluppare i cancri gastrointestinali. Un gruppo ha mangiato tant'alimento come hanno voluto. Il secondo gruppo ha mangiato i simili tipi di alimenti, ma soltanto 60% dell'importo.

I ricercatori hanno trovato che il secondo gruppo di topi ancora ha consumato l'abbondanza di alimento ed hanno soddisfatto tutti i loro fabbisogni alimentari, ma inoltre hanno avuti 60% meno polipi precancerosi.

Sta confermando il vecchio detto che, non solo quanto mangiate, ma che cosa mangiate che gli argomenti, i ricercatori hanno indicato che anche roditori che hanno mangiato tanto come hanno voluto ha avuto un terzo di meno polipi, finchè la dieta era alto in olio d'oliva, in frutta ed in verdure, confrontato a quelli su una dieta ad alta percentuale di grassi.

I ricercatori dicono che è buone notizie, poiché l'olio d'oliva è trovato nelle diete consumate tipicamente dagli esseri umani e perché è stato indicato per fornire ancora le più notevoli indennità-malattia oltre l'riduzione del rischio gastrointestinale del cancro. La sfida, gli scienziati celebri, è che molta gente ancora consuma le diete ad alta percentuale di grassi e non approfitta di questo beneficio.

Sempre più, la letteratura scientifica documenta i simili risultati in termini di indennità-malattia della restrizione calorica1,2,3, compreso uno studio che ha trovato che la restrizione dietetica ha inibito un tipo di tumore al cervello maligno da quasi 80% e gli apoptosi promossi della cellula tumorale in topi.1

- La JM


Riferimenti

1. La restrizione dietetica di Mukherjee P et al. riduce l'angiogenesi e la crescita in un modello ortotopico del tumore cerebrale del topo. Cancro del Br J 2000 20 maggio; 86(10): 1615-21.

2. Hodgson dm, Chiappelli F, Morrow NS, Taylor. La restrizione dietetica cronica influenza la metastasi del tumore nel ratto: considerazioni parametriche. Cancro 1997 di Nutr; 298(2): 189-98.

3. Weindruch R, Walford RL, Fligiel S, ritardo di Guthrie D. The di invecchiamento nei topi dalla restrizione dietetica: apporto energetico di longevità, del cancro, di immunità e di vita. J Nutr 1986 aprile; 116(4): 641-54.

 

Obiettivo possibile di CoQ10 nuovo: emicranie

Coloro che soffre dalle frequenti emicranie possono trovare che l'efficace sollievo con un prodotto che la scienza1,2,3 già ha suggerito può essere buono per il vostro cervello: coenzima Q10.

immagine

Uno studio recente4 ha provato 150 mg di coenzima Q10 un il giorno su 32 pazienti con l'emicrania episodica oltre quattro mesi. Alla conclusione del periodo di studio, i ricercatori hanno riferito una riduzione significativa del numero dei giorni a cui ogni paziente ha continuato a soffrire dall'emicrania emicrania-profonda da una media dei 7,34 giorni alla linea di base appena al di sotto dei 3 giorni prima che la ricerca avesse concluso. Infatti, gli autori di studio hanno scoperto che più di 60% dei pazienti ha provato con esperienza il rapporto di riproduzione più maggior di di 50% del numero dei giorni che hanno sofferto con le emicranie. Quei risultati significativi sono stati raggiunti, hanno riferito, senza gli effetti collaterali avversi.

Gli autori teorizzano che l'efficacia del coenzima Q10 contro le emicranie può essere collegata con il modo che mira ai disordini mitocondriali cellulari. Gli scienziati lungamente hanno sospettato che la disfunzione mitocondriale può svolgere un ruolo nello sviluppo delle emicranie.

“I mitocondri sono le centrali elettriche delle nostre cellule,„ Todd Rozen spiegato, M.D., direttore della ricerca di emicrania a Cleveland Clinic Foundation e l'autore principale dello studio. “È stato indicato dai vari ricercatori… che i pazienti durante e fra le emicranie hanno una carenza nel metabolismo energetico del cervello. C'è stato una certa altra prova indiretta che quel difetto è causato da una disfunzione in mitocondri.„

La teoria è che CoQ10 potrebbe essere preso come supplemento quotidiano per impedire l'inizio delle emicranie episodiche, Rozen ha aggiunto. Lui ed i suoi colleghi sperano di lanciare i più grandi studi controllati

- La JM


Riferimenti

1. La morte di Piotrowski P, di Wierzbicka K, di Smialek M. Neuronal nell'ippocampo del ratto in diabete sperimentale e l'ischemia cerebrale hanno trattato con gli antiossidanti. Folia Neuropathol 2001; 39(3): 147-54.

2. Ubiquinone di Ebadi m. et al. (coenzima Q10) e mitocondri nello sforzo ossidativo della malattia di parkinson. La biol segnala maggio-agosto Recept 2001; 10 (3-4): 224-53.

3. Ostrowski RP. Effetto del coenzima Q10 sui cambiamenti biochimici e morfologici nell'ischemia sperimentale nel cervello del ratto. Brain Res Bull 2000 1° novembre; 53(4): 399-407.

4. Rozen TD, et al. apre la prova dell'etichetta del coenzima Q10 come preventivo di emicrania. Cefalalgia. 2002 marzo; 22(2): 137-41.

immagine


Di nuovo al forum della rivista