Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine agosto 2003

immagine

Le nuove linee guida per ipertensione
Come la medicina della corrente principale ha preso ancora con gli avvocati antinvecchiamento

Da Dott. Edward R. Rosick

CoQ10

Mentre CoQ10 è stato nelle notizie ultimamente riguardo alla sua capacità di combattere la malattia del Parkinson, parecchi studi hanno indicato che questo supplemento importante può anche contribuire a fare diminuire la pressione sanguigna. Randomizzato recente di 21.22.23.24 A, placebo della prova alla cieca ha controllato la prova riferita sull'efficacia di CoQ10 nell'ipertensione di combattimento in un gruppo di 76 uomini e donne con ipertensione sistolica isolata. 25 per 12 settimane, i pazienti erano 60mg/day dati di CoQ10 o un placebo. Alla conclusione delle 12 settimane, i pazienti che prendono il CoQ10 hanno mostrato una riduzione media della loro pressione sanguigna sistolica di circa 18 punti, conducente gli autori dello studio a concludere che “i nostri risultati indicano che CoQ10 può essere offerto sicuro ai pazienti ipertesi come opzione alternativa del trattamento.„

Aglio

L'aglio è stato usato per secoli come un rimedio piega a vari disturbi. Ora, la medicina moderna (ancora!) sta prendendo con le saggezza antichissime e sta dimostrando con prova scientifica rigorosa che l'aglio effettivamente è importante per sia i suoi usi culinari che medicinali. I rapporti multipli hanno indicato che sia l'aglio fresco che i supplementi dell'aglio possono leggermente abbassare i livelli totali del trigliceride e del colesterolo.26 un articolo nel giornale prestigioso di ipertensione hanno esaminato i risultati di sette randomizzati, studi controllati con placebo sull'effetto dell'aglio su ipertensione.27 gli autori dello studio hanno trovato che supplementi dell'aglio, nella dose di 600 - 900 mg/giorno (che è approssimativamente equivalente a due - tre chiodi di garofano di aglio fresco), di pressione sanguigna sistolica riduttrice da 7,7 a 11,1 punti e di pressione diastolica da 5,0 - 6,5 punti.

Olio di pesce

I supplementi dell'olio di pesce hanno guadagnato “l'onore„ di essere uno dei pochi nutriceuticals che sono stati firmati da un'organizzazione di salute importante in unito Stato-in questo caso, l'associazione americana del cuore (AHA). Nell'autunno di 2002, il AHA ha fatto la dichiarazione formale che la gente con la malattia cardiaca conosciuta dovrebbe consumare circa 1 grammo dei principi attivi in olio di pesce (cioè, gli acidi grassi omega-3 EPA e DHA). Per seguire quella raccomandazione, la gente che non consuma un gran quantità di pesce fresco deve ogni giorno prendere i supplementi dell'olio di pesce.

Oltre ad essere abbastanza utili nell'impedire le conseguenze micidiali della malattia cardiaca, i supplementi dell'olio di pesce inoltre stanno risultando essere efficaci combattenti di ipertensione. Un randomizzato, la prova alla cieca, studio controllato con placebo di 78 persone con ipertensione non trattata ha indicato che i supplementi dell'olio di pesce, oltre ai livelli diminuenti di colesterolo di LDL e dei trigliceridi, hanno causato una diminuzione statisticamente significativa sia nelle misure sistoliche che diastoliche di pressione sanguigna.28

immagine

Impedire l'ipertensione è un aspetto di vita e morte

È natura umana di base da rispondere subito alle minacce immediate contro la nostre sanità e sicurezza. Tuttavia, le minacce quale ipertensione, che può richiedere gli anni o le decadi per esercitare i suoi effetti offensivi sul corpo, sono facili da dimenticare circa o razionalizzare in un atteggiamento “di non possono accadere me.„ Purtroppo, un tal atteggiamento può condurre alla malattia cardiaca, all'impotenza, alla demenza di non Alzheimer e ad una morte prematura. Quanto segue uno stile di vita sano che comprende un livello di dieta in frutta ed in verdure, evitando tutti i prodotti del tabacco, mantenendo un peso ragionevole e prendendo i supplementi sicuri ed efficaci, le malattie di azione furtiva quale ipertensione possono essere evitate di rubare la vostra salute e la vostra vita.


Riferimenti

1. Calvert, JF. Ipertensione. Pratica in famiglia 2001 delle cliniche; 3(4): 733-56.

2. Stamler, profilo di fattore di J. Low-risk e mortalità a lungo termine e speranza di vita cardiovascolari e noncardiovascular: risultati per cinque grandi gruppi di giovane adulto ed uomini e donne di mezza età. JAMA 1999; 282(21): 2012-18.

3. Stamler, relazione del J. et al. dei fattori di rischio di maggiore della linea di base a mortalità coronaria e per tutte le cause ed alla longevità: risultati da seguito a lungo termine dei gruppi di Chicago. Cardiologia 1993; 82(2-3): 191-222.

4. Chobanian avoirdupois et al. Il settimo rapporto del comitato nazionale unito per la prevenzione, la rilevazione, la valutazione ed il trattamento di ipertensione. JAMA 2003; 289 (19): 2560-75.

5. Approcci di V. Integrative dei mais ad ipertensione. Pratica 2002 di Fam delle cliniche; 4(4): 895-905

6. La prevenzione del WC di Cushman et al. ed il trattamento di ipertensione studiano (PERCORSI): effetti di un programma di trattamento dell'alcool su pressione sanguigna. Med 1998 di Int dell'arco; 158(11): 1197-207.

Tabagismo di 7 Verdecchia P et al., pressione sanguigna ambulatoria ed ipertrofia cardiaca nell'ipertensione essenziale. Ipertensione 1995 di Jour; 13: 1209-15.

8. Interventi di Larbarthe D, di Ayala C. Nondrug nella prevenzione di ipertensione e controllo. Cliniche 2002 di cardiologia; 20(2): 249-63.

9. Espeland mA. Preannunciatori e mediatori di riuscito ritiro a lungo termine dalle medicine antipertensive. Med 1999 di Fam dell'arco; 8: 228-36.

10. Calcio dietetico e pressione sanguigna di Allender PS et al.: Una meta-analisi dei test clinici randomizzati. Med 1996 dell'interno dell'arco; 124: 825-31.

11. McCarron, DA. Importanza di calcio dietetico nell'ipertensione. Nutrizione americana 1998 dell'istituto universitario di Jour; 17(1): 97-98.

12. Witteman JCM et al. Uno studio prospettivo dei fattori nutrizionali e dell'ipertensione fra le donne degli Stati Uniti. Circolazione 1989; 80(5): 1320-27.

13. McCarron DA. Ruolo dell'assunzione dietetica adeguata del calcio in prevenzione e gestione ad di ipertensione sale sensibile. J Clin Nutr 1997; 65 (supp.): 712S-16S.

14. Kumar chilovolt, Das ONU. I radicali liberi sono compresi in patologia di ipertensione essenziale umana? Rad Res Commun libero 1993; 19(1): 59-66.

15. Effetto di Newez mA et al. del tocotrienolo di gamma su pressione sanguigna, su perossidazione lipidica e su stato antiossidante totale in ratti spontaneamente ipertesi (SHR). Clin Exp Hyperten 1999; 21(8): 1297-1313.

16. Pressione sanguigna di Salonen JT et al., grassi dietetici ed antiossidanti. Jour Clin Nutr 1988; 48: 1226-32.

17. Enstrom JE, Kanim LE, Klein mA. Assunzione e mortalità di Colleen Fitzpatrick in un campione della popolazione degli Stati Uniti. Epidemiologia 1992; 3: 194-202.

18. Trattamento di Duffy SJ et al. di ipertensione con acido ascorbico. Lancetta 1999; 354(9195): 355-64.

19. Taddei S et al. Colleen Fitzpatrick migliora la vasodilatazione dipendente dall'endotelio ristabilendo l'attività dell'ossido di azoto nell'ipertensione essenziale. Circolazione 1998; 97: 2222-29.

20. Siani A, Pagano E, pressione sanguigna di Iacone R et al. e cambiamenti metabolici durante il completamento dietetico dell'L-arginina in esseri umani. Giornale americano di ipertensione 2000; 13: 547-551.

21. Meccanismo di Digiesi V et al. di azione del coenzima Q10 nell'ipertensione essenziale. Ricerca 1992 di Curr Ther; 51: 668-72.

22. Trattamento di Langsjoen P et al. di ipertensione essenziale con il coenzima Q10. Mol Aspects Med 1994; 15 (supp.): 265S-72S.

23. RB di Singh. Effetti del coenzima hydrosoluble Q10 sulle pressioni sanguigne e sull'insulino-resistenza in pazienti ipertesi con la coronaropatia. Ronzio Hyperten 1999 di Jour; 13: 203-208.

24. Digiesi V, Cantini F, Brodbeck B. Effect del coenzima Q10 su ipertensione arteriosa essenziale. Ricerca 1990 di Curr Ther; 47; 841-45.

25. Burke et al. è randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo del coenzima Q10 nell'ipertensione sistolica isolata. Med Jour del sud 2001; 94(11): 1112-1117.

26. Silagy, CA, BIANCOSPINO di Neil. L'aglio come ofo di meta-analisi dell'agente-un di riduzione dei lipidi ha randomizzato le prove controllate. J R Coll Physicians London 1994; 28: 39-45.

27. Silagy CA, BIANCOSPINO di Neil. Una meta-analisi dell'effetto di aglio su pressione sanguigna. Jour Hyperten 1994; 12: 463-68.

28. Toft, effetti di I et al. degli acidi grassi polinsaturi n-3 su omeostasi e su pressione sanguigna del glucosio nell'ipertensione essenziale. Ann Intern Med 1995; 123: 911-18.

immagine


Di nuovo al forum della rivista