Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine dicembre 2003
immagine
Come essere dinamico con il vostro medico

La parte di presa della cura del vostro cuore sta stando bene ad un partecipante dinamico alla vostra sanità e sta comunicando con il vostro medico. Segue alcune delle domande che dovreste chiedere al vostro medico di determinare il vostro rischio per la malattia cardiovascolare.

Che cosa è la mia pressione sanguigna e come paragona alle nuove linee guida nazionali?

Il sangue del cuore e Lung Institute nazionali (NHBLI) hanno pubblicato nel maggio 2003 le nuove linee guida di pressione sanguigna che dichiarano quanto segue:1

Normale:
meno di 120/
meno di 80 Hg di millimetro

Prehypertension:
120-139/
80-89 Hg di millimetro

Ipertensione della fase 1:
140-159/
90-99 Hg di millimetro

Ipertensione della fase 2:
a o più maggior di 160/
a o più maggior di 100 Hg di millimetro
È cruciale che la pressione sanguigna rimane nella gamma normale.

Che cosa è il mio profilo totale della lipoproteina e del colesterolo?

Un profilo della lipoproteina misura il colesterolo totale; lipoproteina ad alta densità (HDL), che gli aiuti impediscono il colesterolo costruzione nelle arterie; lipoproteina a bassa densità (LDL), che induce il colesterolo a accumularsi nelle arterie; e trigliceridi, che sono un'altra forma di grasso nel sangue.2
Le seguenti linee guida sono state stabilite da medici convenzionali per valutare il rischio cardiovascolare:

Colesterolo totale:
meno di 200 mg/dL sono desiderabili
200-239 è il limite alto
240 e sopra sono alti

LDL:
meno di 100 mg/dL sono ottimali
100-129 è vicino ad ottimale
130-159 è il limite alto
160-189 è alto
190 e sopra sono molto alti

HDL:
meno di 40 mg/dL sono
ha considerato un fattore di rischio
più di 60 riducono il vostro rischio

Trigliceridi:
Al di sotto di 100 mg/dL è ideale
150-199 è il limite alto
200 o più sono alti

Se sto prendendo una statina, dovrei prendere i supplementi del coenzima Q10?

Mentre milioni di Americani prendono le statine per ridurre i loro livelli di colesterolo, molti non realizzano che queste droghe inscatolano inoltre i livelli più bassi del coenzima Q10 (CoQ10). Questo enzima produce l'energia in cellule ed aiuta la funzione di muscolo del cuore. Di conseguenza, se state prendendo una droga di statina, potete volere parlare con vostro medico circa la presa del supplemento CoQ10.6

Riferimenti

1. Controllo delle malattie e prevenzione di fror dei centri. Circa la malattia cardiovascolare. Disponibile a: http://www.cdc.gov/cvh/aboutcardio.htm ha acceduto al 5 giugno 2003

2. Gente in buona salute 2010. Capitolo 12. Malattia cardiaca e colpo. Disponibile a: http://hin.nhlbi.nih.gov/cvd_frameset.htm. Acceduto a il 5 giugno 2003.

3. LA di Appel, et al. effetti dei modelli dietetici su pressione sanguigna. Med di N Inghilterra J. 17 aprile; 336 (16): 1117-1124.

4. Sacchi FM, et al. effetti su pressione sanguigna di sodio dietetico riduttore e degli approcci dietetici fermare dieta di ipertensione (UN POCO). Gruppo di ricerca di collaborazione del Un poco-sodio. Med di N Inghilterra J. 4 gennaio 2001; 344(1) 3-10.

5. Obarzanek E, et al. effetti sui lipidi del sangue di una dieta d'abbassamento del sangue; gli approcci dietetici per fermare prova di ipertensione (UN POCO). J Clin Nutr. 2001 luglio; 74(1): 80-89.

6. Mozaffarian D, et al. benefici cardiaci del consumo di pesce può dipendere dal tipo di farina di pesce consumato: Lo studio cardiovascolare di salute. Circolazione. 18 marzo 2003; 107(10): 1372-1377.

7. Auder J, et al. C-reattivo protien e coronaropatia. Cuore J. 2002 di Jpn novembre; 43(6): 607-619.

8. Ridker PNM, et al. confronto dei livelli di colesterolo della lipoproteina a bassa densità e della proteina C-reattiva nella previsione dei primi eventi cardiovascolari. Med di N Inghilterra J. 14 novembre 2002; 347(20): 1557-1565.

9. Speidl WS, et al. proteina C-reattiva di Alto-sensibilità nella previsione degli eventi coronari in pazienti con facilità prematura dell'arteria coronaria DIS. Cuore J. di DSep 2002; 144(3): 449-455.

10. Ridker PM, et al. proteina C-reattiva di Alto-sensibilità: aggiunta potenziale per la valutazione del rischio globale nella prevenzione primaria della malattia cardiovascolare. Circolazione. 3 aprile 2001; 103(13):1813-1818.

11. Ridker PM, et al. proteina C-reattiva ed altri indicatori di infiammazione nella previsione della malattia cardiovascolare in donne. Med di N Inghilterra J. 2000 23 marzo; (342) 12:836-843.

12. Il LH di Kuller, et al. relazione di proteina C-reattiva e coronaropatia nel MRFIT ha annidato lo studio di caso-control. J Epidemiol. 1996;144:537-547.

13. Mendall mA, et al. relazione C-reattiva della proteina per ammontare alla mortalità, mortalità cardiovascolare e fattori di rischio cardiovascolari in uomini. Cuore J. 2000Oct di EUR; 21(19): 1584-1590.

14. Ridker PM, et al. concentrazione del plasma della proteina reattiva di c e rischio di sviluppare malattia vascolare eral del periph-. Circolazione. 10 febbraio 1998; 97(5): 425-428.

15. De Bree A, et al. fattori determinanti dell'omocisteina e la prova fino a che punto l'omocisteina determina il rischio di coronaropatia. Rev. 2002 di Pharmacol dicembre; 54(4): 599-618.

16. Kelly PJ, et al. omocisteina, MTHFR677C --Polimorfismo di T e rischio di colpo ischemico: risultati di una meta-analisi. Neurologia. 27 agosto 2002; 59(4): 529-536.

17. Kuan YM, et al. omocisteina: Un contributore eziologico a facilità arteriosa vascolare periferica di DIS. ANZ J Surg. 2002 settembre; 72(9): 668-671.

18. Vasan RS, et al. omocisteina del plasma e rischio per guasto di scompenso cardiaco in adulti senza infarto miocardico priore. JAMA 2003 12 marzo; 89(10): 1251-1257.

19. Retterstol L, et al. livelli dell'omocisteina del plasma e ricoverato totali di prognosi con infarto miocardico prematuro precedente: uno studio di approfondimento di dieci anni. Med di JIntern. 2003 marzo; 253(3): 284-292.

20. SIG. di Nehler, et al. Homocysteinemia come fattore di rischio per aterosclerosi: una rassegna. Cardiovas Surg. 1997;5:559-567.

21. Camere JC, et al. funzione endoteliale vascolare migliore dopo le vitamine orali di B: Un effetto ha mediato con i tions riduttori del concentra- dell'omocisteina libera del plasma. Circolazione. 2000 14 novembre; 102(20): 2479-2483.

22. Selhub J, et al. relazione fra l'omocisteina del plasma e stato della vitamina nella popolazione dello studio di Framingham. Impatto della fortificazione dell'acido folico. Rev. 2000 di salute pubblica; 28 (1-4): 117-145.

23. Verhoaf P, et al. metabolismo dell'omocisteina e rischio di infarto miocardico: relazione con i min B6, B12 e folato del vita-. J Epidemiol. 1° maggio 1996; 143(9): 845-859.

24. Abby SL, et al. malattia del lar del cardiovascu- e dell'omocisteina. Bordo Fam Pract di J. 1998 settembre-ottobre; 11(5): 391-398.

25. Undas A, et al. il trattamento del teinemia del hyperhomocys- con acido folico e vitamine B12 e B6 attenua la generazione della trombina. Ricerca di Thromb. 15 settembre 1999; 95(6): 281-288.

26. CL di Chao, et al. effetto del tion a breve termine del administra- della vitamina (acido folico, vitamine B6 e B12) su disfunzione endoteliale indotta dall'iperomocisteinemia del carico della post-metionina. J cardio. 1° dicembre 1999; 84(11): 1359-1361.

27. Marchioli R, et al. protezione iniziale contro la morte della tana del sud dagli acidi grassi polinsaturi n-3. Circolazione. 23 aprile 2002; 105(16): 1897-1903.

28. Castano G, et al. effetti del policosanol in pazienti più anziani con tipo ipercolesterolemia di II ed alto rischio dell'arteria coronaria. J Gerontol una biol Sci Med Sci. 2001 marzo; 56(3): M186-192.

29. Castano G, et al. confronti dell'efficacia e tollerabilità del policosanol con le atorvastatine in pazienti anziani con tipo terolemia del hypercholes- di II. Droghe che invecchiano 2003; 20(2): 153-163.

30. La TA di Tran, et al. ruolo del coenzima Q10 in infarto del chron- CI, angina ed ipertensione. Farmacoterapia. 2001 luglio; 21(7): 797-806.

31. Baggio E, et al. studio multicentrato italiano sulla sicurezza ed efficacia del coenzima Q10 come terapia tive del adjunc- in infarto. Ricercatori di sorveglianza dei medicinali CoQ10. Mol Aspects Med. 1994; 15 supplementi: s287-294.

32. Linee guida per la valutazione e la gestione di infarto cronico nell'adulto. Disponibile a: http://www.acc.org/
clinico/linee guida/failure/hf_index.htm. 25 maggio 2003 raggiunto.

33. Esch PM, et al. riduzione di gonfiamento postoperatorio. Misura obiettiva di gonfiamento dell'articolazione della caviglia superiore nel trattamento con lo studio prospettivo di rapeptase-a del ser-. Med di Fortschr. 10 febbraio 1989; 107(4): 67-8,71-2.

34. Majima Y, et al. L'effetto di un admin istered oralmente l'enzima proteolitico sull'elasticità e sulla viscosità di muco nasale. Arco Otohinolaryngol. 1988;244(6):355-359.

35. Mazzone A, et al. valutazione del dase del pepti- del Serratia nell'infiammazione acuta o cronica di patologia di otorinolaringoiatria: uno studio multicentrico, prova alla cieca, prova randomizzata contro placebo. J Int Med Res. 1990 settembre-ottobre; 18(5): 379-388.

36. Sito Web di Science Library del fabbricante di birra. Disponibile a: http://www/mwt.net/~drbrewer/niep_art.htm. 28 maggio 2003 raggiunto.

37. Channer KS, et al. effetti cardiovascolari di testosterone: implicazioni “della menopausa maschio?„ Cuore 2003 febbraio; 89(2): 121-122.

38. I chilometri inglesi, et al. uomini con la coronaropatia hanno livelli più bassi di testosterone che quelli con gli angiogrammi coronari normali. Cuore J. 2000 di EUR giugno; 21(11): 890-894.

39. Il chilometro inglese, et al. terapia transcutanea a basse dosi del testosterone migliora l'angina trebbia vecchio negli uomini con angina stabile cronica: A ha funzionato domized, prova alla cieca, studio controllato con placebo. Circolazione. 2000 17 ottobre; 102(16): 1906-1911.