Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine dicembre 2003
immagine
Approcci naturali nel trattamento di guasto di scompenso cardiaco
Da Dott. Sergey A. Dzugan

La terapia del testosterone è stata proposta come trattamento supplementare per gli uomini con il CHF.Il testosterone 67 riduce la pressione sanguigna e migliora il rilassamento delle arterie brachiali; l'iniezione diretta di testosterone nelle arterie coronarie produce la dilatazione ed il flusso coronarico aumentato.68-70 l'effetto vasodilatatore risultante può alleviare la congestione polmonare e migliorare l'aspersione periferica. La terapia dell'androgeno ha potuto anche migliorare la funzione cardiaca riducendo lo sforzo sul muscolo del cuore sia prima e dopo la contrazione come pure aumentando il flusso coronarico. Ulteriormente, la terapia dell'androgeno è utile nell'aumento della forza muscolare scheletrica nei pazienti del CHF.Una terapia sostitutiva di 71 androgeno ha potuto potenzialmente alleviare i sintomi migliorando la funzione cardiaca e vascolare come pure aumentando la forza e la resistenza. Può anche riparare lo squilibrio catabolico-anabolico del CHF e sopprimere l'attivazione che di citochina quello conduce alla progressione della malattia.

I livelli ottimali di ormoni steroidei quali il pregnenolone, DHEA, progesterone, estrogeno, testosterone e cortisolo sono necessari per il mantenimento della salute ottimale sia in maschi che in femmine. L'alterazione in questi ormoni può svolgere un ruolo significativo nel CHF. In uno studio, i pazienti hanno ricevuto la terapia hormonorestorative con gli ormoni quali il pregnenolone, DHEA, il gel di triestrogen, il gel del progesterone ed il gel del testosterone per la correzione degli alti livelli di colesterolo.72 cento per cento dei pazienti hanno risposto. Ciò è perché il corpo umano contiene tutti gli enzimi e cofattori che deve elaborare gli ormoni naturali quando si presentano nelle loro proporzioni umane naturali. la terapia Hormono-ristoratrice promette di essere un protocollo terapeutico importante nel trattamento del CHF, con i supplementi che migliorano naturalmente il volume del sangue arterioso.

Riferimenti

1. Kromhout D. Diet e malattia cardiovascolare. Salute di J Nutr che invecchia 2001 5(3): 144-9.

2. BM di Massie, scià N.B.:. L'evoluzione tendenza ai fattori epidemiologici di infarto: Spiegazione razionale per le strategie preventive e la gestione completa di malattie. Cuore J. 1997 di giugno; 133(6): 703-12.

3. de Lorgeril M, dieta di Salen P, di Martin JL, di Monjaud I, di Delaye J, di Mamelle N. il Mediterranean, tor tradizionali del fac- di rischio ed il tasso di plications cardiovascolari di COM dopo infarto miocardico: relazione finale dello studio del cuore di dieta di Lione. Circolazione. 16 febbraio 1999; 99(6): 779-85.

4. von Schacky C, Angerer P, Kothny W, Theisen K, Mudra H. L'effetto degli acidi grassi dietetici omega-3 su aterosclerosi coronaria. Un randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo. Ann Intern Med. 6 aprile 1999; 130(7): 554-62.

5. Hu FB, Stampfer MJ, Manson JE, et al. ingestione dietetica di acido alfa-linoleico e rischio di malattia cardiaca ischemica mortale fra le donne. J Clin Nutr. 1999 maggio; 69(5): 890-7.

6. Daviglus ml, Stamler J, Orencia AJ, et al. consumo di pesce ed il rischio di 30 anni di infarto miocardico mortale. Med di N Inghilterra J. 10 aprile 1997; 336(15): 1046-53.

7. Connor NOI. Gli acidi grassi n-3 dal pesce impediscono le morti la malattia cardiovascolare? J Clin Nutr. 1997 luglio; 66(1): 188-9.

8. Consumo di Albert cm, di Hennekens CH, di O'Donnell CJ, et al. di pesce e rischio di morte cardiaca improvvisa. JAMA. 7 gennaio 1998; 279(1): 23-8.

9. McCarron DA, Oparil S, Chait A, et al. gestione nutrizionale dei fattori di rischio cardiovascolari. Un test clinico randomizzato. Arco interno Med 1997 27 gennaio; 157(2): 169-77.

10. Ness AR, Powles JW. Frutta e verdure e malattia cardiovascolare: una rassegna. Int J Epidemiol 1997 febbraio; 26(1): 1-13.

11. McDougall J, Litzau K, Haver E, Saunders V, Spiller GA. Riduzione rapida del colesterolo nel siero e della pressione sanguigna da un di dodici giorni, molto a bassa percentuale di grassi, rigorosamente dieta del vegetariano. J Coll Nutr 1995 ottobre; 14(5): 491-6.

12. Wolk A, Manson JE, Stampfer MJ, et al. assunzione a lungo termine di fibra dietetica e rischio in diminuzione di coronaropatia fra le donne. JAMA 1999 2 giugno; 281(21): 1998-2004.

13. Morelli V, Zoorob RJ. Terapie alternative: Parte II. Guasto e ipercolesterolemia di scompenso cardiaco. Settembre del medico di Fam 2000 15; 62(6): 1325-30.

14. Malattia cardiovascolare di Gavagan T. Cura Prim 2002 giugno; 29(2): 323-38, vi.

15. Sogliola MJ, Jeejeebhoy KN. Fabbisogni alimentari condizionati: rilevanza terapeutica ad infarto. Herz 2002 marzo; 27(2): 174-8.

16. Sogliola MJ, Jeejeebhoy KN. Fabbisogni alimentari condizionati e la patogenesi ed il trattamento di guasto del miocardio. Cura 2000 di Curr Opin Clin Nutr Metab novembre; 3(6): 417-24.

17. Jeejeebhoy F, Keith m., Freeman m., et al. il completamento nutrizionale con le sostanze nutrienti cardiache essenziali del miocita dei repletes di MyoVive e riduce la dimensione ventricolare sinistra in pazienti con disfunzione ventricolare sinistra. Cuore J 2002 di giugno; 143(6): 1092-100.

18. Bagchi D. Una rassegna dei vantaggi clinici del coenzima Q10. Med 1997 10:139-48 di adv di J.

19. GRUPPO DI LAVORO di Nayler. L'uso del coenzima Q10 proteggere muscolo del cuore ischemico. In Yamamura Y, Folkers K, Ito Y (eds): Aspetti biomedici e clinici del coenzima Q, volume 2. Amsterdam, Elsevier-Nord Holland Biomedical, 1980, pp. 409-25.

20. Awata N, et al. Gli effetti del coenzima Q10 sulla malattia cardiaca ischemica valutata dall'esercizio dinamico provano. In Yamamura Y, Folkers K, Ito Y (eds): Aspetti biomedici e clinici del coenzima Q, volume 2. Amsterdam, Elsevier-Nord Holland Biomedical, 1980, pp. 247-54.

21. Nakamura Y, Takahashi m., Hayashi J, et al. protezione del miocardio ischemico con il coenzima Q10. Ricerca 1982 di Cardiovasc marzo; 16(3): 132-7.

22. Gru FL, Navas P. La diversità della funzione del coenzima Q. Mol Aspects Med 1997 18 supplementi: S1-6.

23. Frei B, Kim MC, BN di Ames. Ubiquinol-10 è un efficace antiossidante lipido-solubile alle concentrazioni fisiologiche. Proc Acad nazionale Sci U.S.A. del 1990 giugno; 87(12): 4879-83.

24. Ondarroa m., Quinn PJ. Gli studi spettroscopici a risonanza magnetica di Proton sull'interazione di ubiquinone-10 con il fosfolipide modellano le membrane. EUR J biochimica 1986 3 marzo; 155(2): 353-61.

25. Yamamura Y, et al. uso clinico del coenzima Q per il trattamento della malattia cardiovascolare. 31:168 di Jpn Circ J 1967.

26. Efficacia di Langsjoen pH, di Langsjoen pH, di Folkers K. Long-term e sicurezza della terapia del coenzima Q10 per cardiomiopatia dilatata idiopatica. J Cardiol 16 febbraio 1990; 65(7): 521-3.

27. Judy WV, et al. doppio doppio studio cieco dell'incrocio del coenzima Q10 in infarto. In Folkers K, Yamamura Y (eds): Aspetti biomedici e clinici del coenzima Q, volume 5. Amsterdam, Elsevier, 1986, pp. 315-22.

28. Langsjoen pH, Langsjoen. Panoramica dell'uso di coQ10 nella malattia cardiovascolare. Biofactors 1999 9 (2-4): 273-84.

29. Soja, Mortensen SA. Trattamento di insufficienza cardiaca cronica con il coenzima Q10, risultati della meta-analisi nei test clinici controllati. Ugeskr Laeger 1997 1° dicembre; 159(49):7302-8.

30. Morisco C, Trimarco B, Condorelli M. Effect della terapia del coenzima Q10 in pazienti con guasto di scompenso cardiaco: uno studio randomizzato studio multicentrico a lungo termine. Clin Investig 1993 71 (8 supplementi): S134-6.

31. CA di Baggio E, di Gandini R, di Plancher, studio multicentrato di Passeri m., di Carmosino G. Italian sulla sicurezza ed efficacia del coenzima Q10 come terapia aggiuntiva in infarto. Ricercatori di sorveglianza dei medicinali CoQ10. Mol Aspects Med 1994 15 supplementi: s287-94.

32. Langsjoen pH, Langsjoen. Coenzima Q10 nella malattia cardiovascolare con l'enfasi su infarto e su ischemia del miocardio. Cuore J 1998 7 dell'Asia Pac: 160-68.

33. Judy WV, Corridoio JH, ritiro di Folkers K. Coenzyme Q10 – ricaduta clinica nei pazienti di guasto di scompenso cardiaco. In Folkers K, GP di Littaru, Yamagami T (eds): Aspetti biomedici e clinici del coenzima Q. Amsterdam, Elsevier Science, 1991, pp. 283-98.

34. Aumento di Langsjoen pH, di Folkers K, di Lyson K, di Muratsu K, di Lyson T, di Langsjoen P. Pronounced della sopravvivenza dei pazienti con cardiomiopatia una volta trattato con il coenzima Q10 e terapia convenzionale. Il tessuto di Int J reagisce 1990 12(3): 163-8.

35. Judy WV, Folkers K, Corridoio JH. La sopravvivenza a lungo termine migliore in coenzima Q10 ha curato i pazienti cronici dell'infarto confrontati ai pazienti convenzionalmente curati. In Folkers K, GP di Littarru, Yamagami T (eds): Aspetti biomedici e clinici del coenzima Q, volume 4. Amsterdam, Elsevier Science, 1991, pp. 291-98.

36. Fugh-Berman A. Herbs e integratori alimentari nella prevenzione e nel trattamento della malattia cardiovascolare. Prev Cardiol 2000 3(1): 24-32.

37. Goa chilolitro, Brogden Marina militare. L-carnitina. Una rassegna preliminare delle sue farmacocinesi ed il suo uso terapeutico nella malattia cardiaca ischemica e nelle carenze primarie e secondarie della carnitina nella relazione al suo ruolo nel metabolismo dell'acido grasso. Droghe 1987 34(1): 1-24.

38. Mancini m., Rengo F, Lingetti m., GP di Sorrentino, studio di Nolfe G. Controlled sull'efficacia terapeutica della L-carnitina del propionyl- in pazienti con guasto di scompenso cardiaco. Settembre di Arzneimittelforschung 1992; 42(9): 1101-4.

39. Pucciarelli G, Mastursi m., Latte S, et al. Gli effetti clinici ed emodinamici di propionyl-L-carnitina nel trattamento di guasto di scompenso cardiaco. Clin Ter 1992 novembre; 141(11):379-84.

40. Caponnetto S, Canale C, Masperone mA, Terracchini V, Valentini G, Brunelli C. Efficacy del trattamento di L-propionylcarnitine in pazienti con disfunzione ventricolare sinistra. Settembre del cuore J di EUR 1994; 15(9): 1267-73.

41. Azuma J, et al. prova alla cieca ha randomizzato la prova dell'incrocio di taurina nel guasto di scompenso cardiaco. Ricerca di Curr Ther 1983 34(4): 543-57.

42. Azuma J, et al. effetto terapeutico di taurina nel guasto di scompenso cardiaco: Una prova dell'incrocio della prova alla cieca. Clin Cardiol 1985 8:276-82.

43. Interruttore di Schaffer, Lombardini JB, Azuma J.Interaction fra le azioni di taurina e l'angiotensina II. Aminoacidi 2000; 18(4): 305-18.

44. Fong HH, Bauman JL. Cratego. J Cardiovasc Nurs 2002 luglio; 16(4): 1-8.

45. Schmidt U, et al. efficacia della preparazione LI 132 del cratego (crataegus) in 78 pazienti con guasto di scompenso cardiaco cronico definito come classe funzionale di NYHA II. 1:17 1994 - 24 di Phytomedicine.

46. Weikl A, Assmus KD, Neukum-Schmidt A, et al. estratto speciale WS 1442 del crataegus. Valutazione di efficacia obiettiva in pazienti con infarto (NYHA II). Fortschr Med 1996 30 agosto; 114(24): 291-6.

47. Estratto WS 1442 di Leuchtgens H. Crataegus Special in infarto di NYHA II. Uno studio di prova alla cieca randomizzato controllato placebo. Med 1993 111 di Fortschr (20 - 21): 352-4.

48. Tauchert m., Gildor A, estratto ad alta dose WS 1442 del crataegus di Lipinski J. nel trattamento dell'infarto della fase II di NYHA. Herz 1999 24(6): 465-74.

49. Monografia clinica dell'estratto di Busse W. Standardized Crataegus. Rev Nat Med di Q 1996 189-97.

50. Weihmayr T, efficacia di Ernst E. Therapeutic del crataegus. Med 1996 114 di Fortschr (1-2): 27-9.

51. O'Conolly VM, et al. trattamento della prestazione cardiaca (NYHA mette in scena la I a II) nell'età avanzata con l'estratto standardizzato del GUS di cratae. Med 1986 104:805-8 di Fortschr.

52. Schussler m., Holzl J, effetti di Fricke U. Myocardial dei flavonoidi dalle specie del crataegus. Arzneimittelforschung 1995 45(8): 842-5.

53. Bahorun, attività antiossidanti del T. degli estratti di crataegus monogyna. Planta Medica 1994 60:323-8

54. Sig.ra di Seelig. Correlazione di guasto di scompenso cardiaco e del magnesio. Wien Med Wochenschr 2000 150 (15-16): 335-41.

55. Effetti clinico di Cohen N, di Alon I, di Almoznino-Sarafian D, et al. metabolico e del completamento orale del magnesio in pazienti furesomide-trattati con guasto di scompenso cardiaco severo. Clin Cardiol 2000 23(6): 433-6.

56. CD di Hix. Magnesio nel guasto di scompenso cardiaco, nell'infarto miocardico acuto e in dysrhythmias. J Cardiovasc Nurs 1993 8(1): 19-31.

57. Suh JH, Shigeno ET, Morrow JD, et al. sforzo ossidativo nel cuore del ratto di invecchiamento è invertito dal completamento dietetico con (R) - (alfa) - acido lipoico. FASEB J. 2001 marzo; 15(3): 700-6.

58. Deviazione standard di Anker, Clark AL, Kemp m., et al. fattore di necrosi tumorale e metabolismo degli steroidi in infarto cronico: relazione possibile per muscle spreco. J Coll Cardiol 1997 30(4): 997-1001.

59. Muller J. Cholesterol, interazioni con testosterone e cortisolo nelle malattie cardiovascolari. Berlino: Imposta della volta Verlag; 1987

60. Noirhomme P, Jaquet L, sottobosco m., et al. L'effetto di supporto circolatorio meccanico cronico sull'attivazione neuroendocrina in pazienti con l'infarto di stadio finale. 16:63 1999 – 7 di EUR J Cardiothorac Surg.

61. Deviazione standard di Anker, Chua TP, Ponikowski P, et al. cambiamenti ormonali e squilibrio catabolico/anabolico in infarto cronico e la loro importanza per cachessia cardiaca. Circolazione 1997 96:526-34.

62. Tappler B, disfunzione Ipofisi-gonadica di Katz M. nel guasto cardiaco a basso rendimento. Clin Endocrinol 1979 10(3): 219-26.

63. Niebauer J, CD di Pflaum, Clark AL, et al. fattore di crescita del tipo di insulina carente 1 in infarto cronico predice la composizione corporea alterata, la carenza anabolica, la citochina e l'attivazione neuro-ormonale. J Coll Cardiol 1998 32:393-7.

64. Cigno JW, Walton C, Godsland SE, et al. insulino-resistenza in infarto cronico. Cuore J 1994 15:1528-32 di EUR.

65. PE di Kontoleon, Anastasiou-Nana MI, palladio di Papapetrou, et al. profilo ormonale in pazienti con il ure di insuccesso dello scompenso cardiaco. Int J Cardiol 2003 87 (2-3): 179-83.

66. Moriyama Y, Yasue H, Yoshimura m., et al. I livelli del plasma di solfato del deidroepiandrosterone sono diminuiti in pazienti con infarto cronico proporzionalmente alla severità. J Clin Endocrinol Metab 2000 85(5): 1834-40.

67. Pugh PJ, chilometro inglese, TH di Jones, Channer KS. Testosterone: un tonico naturale per il cuore di venire a mancare? QJM 2000 93(10): 689-94.

68. Marin P, Holmang S, Jonsson L, et al. Gli effetti del trattamento del testosterone su composizione corporea e su metabolismo in uomini obesi di mezza età. Int J Obes 1992 16(12): 991-7.

69. La ONG PJ, Patrizi G, WC di Chong, et al. testosterone migliora la reattività flusso-mediata dell'arteria brachiale negli uomini con la coronaropatia. J Cardiol 2000 85(2): 269-72.

70. Webb cm, McNeill JG, CS di Hayward, et al. effetti di testosterone sul regolamento vasomotore coronario in uomini con la malattia cardiaca nary del coro-. Circolazione 1999 100(16): 1690-6.

71. Shapiro J, Christiana J, Frishman WH. Testosterone ed altri steroidi anabolizzanti come droghe cardiovascolari. J Ther 1999 6(3): 167-74.

72. Dzugan SA, trattamento di Arnold Smith R. Hypercholesterolemia: una nuova ipotesi o appena un incidente? Med Hypotheses 2002 59(6): 751-6.