Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine febbraio 2003

immagine

Conservazione della visione chiara

Degenerazione maculare

La macula è la centrale e la maggior parte della area vitale della retina. Registra le immagini e le invia tramite nervo ottico dall'occhio al cervello. La macula è responsabile della focalizzazione della visione centrale che è necessaria per vedere benissimo il dettaglio, lettura, determinando e riconoscendo le caratteristiche facciali.

immagine

La degenerazione maculare senile è la causa principale di cecità nella gente sopra l'età di 55, colpente più di 10 milione Americani. È una circostanza in cui la parte centrale della retina (la macula) si deteriora. È ugualmente comune negli uomini ed in donne e più comune nei bianchi che i nero. La causa è sconosciuta, ma la circostanza tende a funzionare in alcune famiglie. La degenerazione maculare colpisce più Americani che le cataratte ed il glaucoma combinato.
Ci sono due forme di degenerazione maculare: atrofico (asciutto) ed essudativo (bagnato). Circa 85% - 90% dei casi sono il tipo asciutto. Entrambe le forme della malattia possono colpire simultaneamente entrambi gli occhi. La visione può essere alterata severamente, con la visione centrale piuttosto che la visione periferica colpita. La capacità di vedere il colore non è colpita generalmente e la cecità di totale dalla circostanza è rara, ma la visione funzionale è molto spesso persa.

C'è piccolo che possa essere fatto all'interno dei protocolli convenzionali di trattamento medico per ristabilire la vista persa con qualsiasi forma della malattia. Gli autorevoli ricercatori, tuttavia, stanno documentando i benefici di un più approccio integrato nel trattamento di degenerazione maculare. I pazienti stanno incoraggiandi ad aumentare l'idoneità fisica, a migliorare la nutrizione (riduzione compresa in grassi saturi), a astenersi dal fumo ed a proteggere i loro occhi da luce solare. Il completamento dietetico degli oligoelementi, degli antiossidanti e delle vitamine è raccomandato per il miglioramento del funzionamento metabolico e vascolare globale. La selezione e l'istruzione di paziente iniziali offrono la maggior parte della speranza per la riduzione degli effetti debilitanti della malattia.

Le esposizioni a luce solare ed a danno fotochimico sono state fattori sospettati nella degenerazione maculare come pure nell'attività antiossidante in diminuzione responsabile di controllo dei danni.

Un calo età-dipendente nello stato del sangue del glutatione e significativamente in un a livello più basso di glutatione è stato trovato in individui più anziani confrontati a quei più giovani. Inoltre, un aumento del sottoprodotto ossidato del glutatione suggerisce col passare del tempo la più ossidazione e l'elevato rischio incombente di malattie dell'occhio relative all'età.30 nelle fasi iniziali di degenerazione maculare, il glutatione è stato trovato per proteggere le cellule epiteliali del pigmento retinico dalla morte.41

Il glutatione, che è concentrato specialmente nella lente, è stato indicato per avere una funzione di radicale-lavaggio dell'idrossile in cellule epiteliali della lente.19
La luteina e la zeaxantina, i carotenoidi primari si sono concentrate nella macula, nel contatore l'azione di formazione libero radicale di luce e nell'ossigeno. È stato suggerito che il pigmento maculare proteggesse la retina via un bivalente che include la pulizia gratis dei radicali e filtrare la luce blu, che può causare il danno fotochimico. Alcuni studi inoltre hanno suggerito un collegamento fra l'assunzione dietetica del carotenoide e la densità maculare del pigmento. Infatti, gli occhi con la maculopatia relativa all'età hanno rivelato i livelli significativamente più bassi del carotenoide nella macula e nella retina che gli occhi sani. Gli studi più iniziali avevano indicato che mangiando gli ortaggi freschi scuri è stato associato con un 43% più a basso rischio di degenerazione maculare.42

Altri studi stanno esaminando come lo stato antiossidante si riferisce al rischio di degenerazione maculare senile. Lo studio longitudinale di Baltimora su invecchiamento, per esempio, trovato quel tocoferolo e una combinazione antiossidante di tocoferolo, di carotene e di ascorbato era protettivo. I ricercatori inoltre stanno esaminando il ruolo potenzialmente terapeutico di diversi composti. Per esempio, uno studio da Sete, Francia di 2584 abitanti ha indicato che i livelli elevati del plasma dell'alfa-tocoferolo sono stati collegati inversamente con lo sviluppo e la progressione di degenerazione maculare.43

La ricerca relativa all'età di malattia dell'occhio Group43 ha indicato un effetto protettivo contro degenerazione maculare quando le dosi elevate degli antiossidanti e dei minerali sono prese in maniera regolare. Le stesse possono essere dette per le cataratte come là ora siano prova importante che indica che le cataratte hanno in effetti un collegamento nutrizionale. , Quindi, sembra che la prevenzione sia la migliore soluzione alla posposizione o ad evitare la degenerazione maculare e della chirurgia della cataratta. La maggior parte dei professionisti di cura dell'occhio fin qui hanno detto i pazienti colpiti da queste circostanze che nessun trattamento esiste per degenerazione maculare e che l'ambulatorio è il solo trattamento per le cataratte. La ricerca emergente, tuttavia, fornisce la nuova speranza per molti di questi individui.

Retinopatia diabetica

Una delle complicazioni principali connesse con il diabete è cecità o altre malattie dell'occhio che proviene dal danneggiamento vascolare degli occhi causati da alta glicemia. La retinopatia diabetica, la forma più comune di stati di occhio del diabete, è causata da danno dei vasi sanguigni retinici. Questo danno induce le navi rotte a colare l'ossigeno fluido e di limitazione e la vista offuscante. Mentre la malattia progredisce, l'occhio prova a formare le nuove navi sulla superficie della retina, che può anche sanguinare o oscurare la vista dalla loro mera presenza. La glicemia diligente di controllo è mezzi importanti di impedire o almeno di rallentamento l'inizio e della progressione di retinopatia diabetica.

In diabetici, il corpo vitreo dell'occhio è stato trovato per cambiare più rapidamente di con appena invecchiamento normale. Questi cambiamenti sono stati implicati nelle perturbazioni funzionali e nel distacco della retina. Il corpo vitreo è composto di rete fine del gel, collagene, proteoglicani e fibronectin hyaluronan, che sono suscettibili di danno del radicale libero procurato da danno e dal glycation leggeri ed UV.44

Un corpo crescente della ricerca indica che l'ossidazione indotta dal glycation può provocare la distruzione sull'occhio. Il glycation della proteina accade quando le molecole dello zucchero legano inadeguato alle molecole di proteina, formanti i legami incrociati che distorcono le proteine e conseguentemente le rendono inutili. Glycation sembra aumentare i processi ossidativi, che possono spiegare perché sia il glycation che l'ossidazione aumentano simultaneamente con l'età. L'alta glicemia inoltre aumenta l'attività di glycation, che può anche spiegare i vari generi di danno di tessuto che caratterizzano il diabete avanzato.

Anche prima che un individuo sia diagnosticato ufficialmente con il diabete di tipo II, i livelli elevati dell'insulina del siero possono indurre la retinopatia. Gli individui di peso eccessivo a rischio del diabete di tipo II dovrebbero fare i loro livelli di digiuno dell'insulina controllare per difendersi da uno stato pre-diabetico (caratterizzato dal hyperinsulinemia) che può danneggiare severamente gli occhi. Quanto segue una dieta glycemic bassa, l'insulina in eccesso del siero può essere ridotta. Più sull'abbassamento dell'insulina in eccesso saranno discussi in un'emissione imminente di questa pubblicazione, ma quelli responsabili di retinopatia diabetica possono osservare un nuovo protocollo collegandosi a www.lef.org e guardare nell'ambito della salute interessa la sezione per il protocollo di retinopatia.

Glaucoma

Il glaucoma può derivare dall'accumulazione di pressione nell'umore acquoso, il liquido che riempie l'area fra la cornea e la lente. L'accumulazione di pressione a volte non è la storia completa, poichè il danno del nervo ottico può continuare dopo che la pressione è restituita al normale. È così critico avere un controllo dell'oftalmologo per danno del nervo ottico e non appena pressioni intraoculari anormali.
Il glaucoma si sviluppa solitamente dopo l'età 40, sebbene il glaucoma congenito e la lesione fisica all'occhio possano rappresentare l'età più giovane dell'inizio. Le figure indicano che una su ogni 25 Americani soffre dal glaucoma ed oltre 62.000 sono legalmente cieco dovuto il glaucoma.

Supplementi utili per salute dell'occhio

Vitamina E
N-acetile-cisteina
Colleen Fitzpatrick
Carnosine
Alpha Lipoic Acid
Vitamine di complesso B
Glutatione
Beta-carotene
Zeaxantina
Luteina
Selenio
Zinco
Manganese

Le perdite relative all'età di antiossidanti aumentano lo sforzo fisico sull'occhio ed il danno ossidativo è cause fondamentali. Per esempio, l'attività antiossidante diminuita nel liquido (dello strappo) e nel plasma sanguigno lacrimali sembra coincidere con la progressione del glaucoma. Inoltre è proposto che il tasso di danno del nervo aumenti mentre declini antiossidanti di attività della proteasi e della capacità con l'età.
Nel glaucoma ad angolo aperto, la forma comune della malattia, drenaggio del liquido acquoso è lenta. Il backup causa così la pressione eccessiva nell'occhio. La pressione pizzica i vasi sanguigni che alimentano il nervo ottico, inducente il nervo a morire col passare del tempo, conducendo alla visione periferica in diminuzione, alla visione di tunnel ed infine alla cecità. Una forma meno frequentemente incontrata di glaucoma è chiamata stretto-angolo o il glaucoma congestivo, con cui il flusso del liquido acquoso è bloccato che causa la pressione accumularsi.

La prova sta montando lentamente per sostenere l'efficacia potenziale degli antiossidanti contro il glaucoma. Uno studio russo di 64 pazienti con il glaucoma ad angolo aperto primario ha trovato che un regime combinato di ossigeno e degli antiossidanti iperbarici su un periodo quinquennale ha stabilizzato la funzione visiva in 80% dei pazienti.45

per leggere protocollo riveduto del glaucoma del prolungamento della vita, collegamento a www.lef.org. Clicchi le preoccupazioni di salute si abbottonano e fanno scorrere giù al glaucoma.

Impedire malattia dell'occhio degenerante

I giovani occhi contengono le alte concentrazioni di antiossidanti naturali che proteggono dalla cataratta, dalla degenerazione maculare e da altri disordini oculari. Nell'occhio invecchiato, la sintesi degli antiossidanti naturali quale glutatione è ridotta, con conseguente eccessivo danno del radicale libero.

Secondo un rapporto pubblicato, “l'intervento nutrizionale per migliorare il … antiossidante della capacità del glutatione può fornire un modo efficace di impedire o trattare la degenerazione maculare senile.„ Anche il glaucoma è stato collegato con flusso sanguigno riduttore ed i livelli aumentati di danno dei radicali liberi.

Un altro problema con gli occhi di invecchiamento è degradazione della proteina e la formazione di prodotti finiti avanzati di glycation. Gli occhi invecchiati non riescono a ripartire e rimuovere le vecchie proteine, che provoca l'accumulazione dei legami incrociati non funzionante della proteina. L'accumulazione risultante delle proteine nocive conduce alle malattie oculari senili.

I supplementi antiossidanti consumati dai membri di fondamento del prolungamento della vita sono stati indicati per assicurare la considerevole protezione contro i disturbi della vista senili. Purtroppo, invecchiare diminuisce la circolazione all'occhio, quindi rifiutante agli occhi i benefici completi degli agenti antiossidanti ed anti--glycating oralmente ingeriti.

Le buone notizie sono che le preparazioni attuali del collirio ora sono a disposizione per fornire alcune delle sostanze nutrienti più importanti direttamente nell'occhio.

Riassunto

Se la gente vive abbastanza lungo, la minorazione visiva o la cecità severa è quasi inevitabile. Poca gente sa che la visione difficile dalle cataratte colpisce 80% della gente 75 anni e più vecchi.

immagine

Gli occhi sono particolarmente vulnerabili agli effetti di invecchiamento. I cambiamenti degeneranti nell'occhio cominciano spesso nel medio evo. Dall'età 70, una percentuale significativa della gente soffre da degenerazione maculare, dal glaucoma e/o dalla cataratta. La retinopatia diabetica è inoltre una causa importante dell'inabilità visiva fra gli adulti.

Un esame della letteratura scientifica pubblicata indica che i disordini oculari comuni possono essere impediti con le modifiche di stile di vita come quanto segue una dieta glycemic bassa, occhiali da sole UV d'uso di didascalia, evitando il grasso saturo in eccesso e non fumando.

Un corpo coercitivo di prova indica che gli antiossidanti oralmente ingeriti e gli agenti anti--glycating (quale il carnosine) contribuiscono ad impedire e trattare la malattia dell'occhio.
Gli studi scientifici indicano che l'applicazione topica di determinate sostanze nutrienti può essere utile nella prevenzione e nel trattamento dei disturbi della vista senili comuni. In risposta a questi rapporti pubblicati, le soluzioni del collirio sono state trovate che contengono gli antiossidanti specialmente progettati, i lubrificanti e gli agenti anti--glycating. Una descrizione del più nuovo di queste preparazioni attuali del collirio compare alla seguente pagina.


L'acquisto Brite osserva dal fondamento del prolungamento della vita


Riferimenti

1. Javitt JC, et al. cataratta e latitudine. Documento Ophthalmol 1994-95; 88 (3-4): 307-25.

2. Ariturk N, et al. glaucoma secondario dopo l'ambulatorio congenito della cataratta. Int Ophthalmol 1998-99; 22(3): 175-80.

3. Spierer A, et al. glaucoma secondario dopo l'ambulatorio congenito della cataratta. [Articolo nell'ebreo] Harefuah 1994 1° giugno; 126(11): 645-7, 691.

4. Svacova H, et al. distacco della retina in pseudophakia. [Articolo in slovacco] Cesk Oftalmol 1991 marzo; 47(2): 98-104.

5. Marty N, et al. l'epidemiologia delle infezioni nosocomiali dopo la chirurgia della cataratta e ruolo dell'infezione controlla il comitato nella prevenzione. [Articolo in francese] Med nazionale 2002 di Acad del toro; 186(3): 635-45; discussione 645-8.

6. Carlson, et al. complicazioni contagiose dell'ambulatorio moderno della cataratta e dell'impianto della lente intraoculare. Infetti il Nord l'1989 di DIS Clin giugno; 3(2): 339-55.

7. Edema di Chercota V. Corneal, una complicazione della chirurgia della cataratta. [Articolo nel rumeno] Oftalmologia 1995 ottobre-dicembre; 39(4): 343-8.

8. Lumme P, et al. fattori di rischio per l'intraoperatorio e complicazioni postoperatorie iniziali in ambulatorio extracapsular della cataratta. EUR J Ophthalmol 1994 luglio-settembre; 4(3): 151-8.

9. Obuchowska I, et al. La valutazione dell'incidenza dell'emorragia suprachoroidal massiccia nel materiale del dipartimento di oftalmologia, accademia medica in Bialystok dal 1990 al 2000. [Articolo nel polacco] Klin Oczna 2002; 104(2): 93-5.

10. Jacques PF, et al. assunzione nutriente a lungo termine e opacità nucleare relativa all'età iniziale della lente. Arco Ophthalmol 2001 luglio; 119(7):1009-19.

11. Cumming RG, et al. dieta e cataratta: lo studio blu dell'occhio delle montagne. Oftalmologia 2000 marzo; 107(3):450-6.

12. Babizhayev mA, et al. perossido del lipido e specie reattive dell'ossigeno che generano i sistemi della lente cristallina. Biochim Biophys acta 1994 22 febbraio; 1225(3):326-37.

13. Wang, et al. Uso del carnosine come droga naturale di anti-senescenza per gli esseri umani. Biochimica (Mosc) 2000 luglio; 65(7):869-71.

14. Quinn PJ, et al. Carnosine: le sue proprietà, funzioni ed applicazioni terapeutiche potenziali. Mol Aspects Med 1992; 13(5):379-444.

15. Specht S, et al. danneggiamento continuo del DNA retinico del ratto durante l'esposizione alla luce dei dopo di oscurità. Photochem Photobiol 2000; 71(5):559-66.

16. Lou MF. Regolamento del tiolo nella lente. J Ocul Pharmacol Ther 2000 aprile; 16(2):137-48.

17. Wang, et al. Uso del carnosine come droga naturale di anti-senescenza per gli esseri umani. Dipartimento di biochimica e dipartimento di neurobiologia, università medica di Harbin, Cina 1999.

18. Babizhayev m., et al. efficacia di N-acetylcarnosine nel trattamento delle cataratte. Le droghe ricercano & lo sviluppo 2002; 3(2):87-103.

19. Giblin FJ. Glutatione: un antiossidante vitale della lente. J Ocul Pharmacol Ther 2000 aprile; 16(2):121-35.

20. Livelli di Kamei A. Glutathione della lente cristallina umana nell'invecchiamento e nel suo effetto antiossidante contro l'ossidazione di proteine della lente. Toro 1993 di biol Pharm; 16(9); 170-5.

21. Devamanorharan PS, et al. sforzo ossidativo alla lente del ratto in vitro: protezione da taurina. Ricerca libera 1998 di Radic settembre; 29(3): 189-95.

22. Hockwin O. Il trattamento medico della cataratta senile in uomo: uno studio clinico controllato sull'efficacia di una preparazione. Istituto per oftalmologia sperimentale, università di Bonn, Fed Republic della Germania, dal 2 ottobre 1978 all'8 luglio 1980.

23. Hockwin O, Research oftalmica, 1978, 10 (5-6): 250-8.

24. Oguchi m., et al. glutatione e malattie dell'occhio. Ganka, 1970; 12: 125-32.

25. Fujii S, et al. effetti di una soluzione del collirio, tathion, sulla cataratta. Il Giappone Ganka Kiyo 1968; 19:136-42.

26. Kandori F, et al. uso clinico di glutatione attuale per la cataratta. Il Giappone Ganka Gakkai Zasshi 1967; 71: 689-97.

27. Mitton KP, et al. modellante cataractogenesis corticale 21: in lenti diabetiche del ratto il completamento della taurina parzialmente riduce il danno derivando dalla compensazione osmotica che conduce alla perdita del osmolyte ed allo svuotamento antiossidante. Ricerca 1999 dell'occhio di Exp settembre; 69(3): 279-89.

28. Killic F, et al. modellante cataractogenesis corticale 22: è la riduzione in vitro di danno della cataratta diabetica di modello del ratto da taurina dovuto la sua attività antiossidante? Ricerca 1999 dell'occhio di Exp settembre; 69(3):291-300.]

29. Devamanoharan PS, et al. sforzo ossidativo alla lente del ratto in vitro: protezione da taurina. Ricerca libera 1998 di Radic settembre; 29(3): 189-95.

30. Brubaker rf, et al. contenuto in acido ascorbico di epitelio corneale umano. Investa Ophthalmol Vis Sci 2000 giugno; 41(7): 1681-3

31. Se di Hankinson, et al. estrazione nutriente della cataratta e dell'assunzione in donne: uno studio prospettivo. BMJ 1992 8 agosto; 305(6849): 335-9

32. Giumente-Perlman JA, et al. cataratte di uso e di incidente di supplemento della vitamina in uno studio basato sulla popolazione. Arco Ophthalmol 2000 novembre; 118(11): 1556-63.

33. Robertson JMcD. Un ruolo possibile per le vitamine C ed E nella prevenzione della cataratta. J Clin Nutr 1991; 53:346S-351S.

34. Taylor A, et al. assunzione a lungo termine delle vitamine e dei carotenoidi e probabilità dell'opacità subcapsular corticale e posteriore relativa all'età iniziale della lente. J Clin Nutr 2002 marzo; 75(3): 540-9.

35. Notizie dal AAO: Il nuovo studio indica che la nutrizione può svolgere il maggior ruolo nell'impedire le cataratte. comunicato stampa dall'accademia americana di oftalmologia, il 10 marzo 2000.

36. Kuzniarz m., et al. Uso dei supplementi e della cataratta della vitamina: lo studio blu dell'occhio delle montagne. J Ophthalmol 2001 luglio; 132(1): 19-26.

37. Detcho A, et al. ascorbato endogeno rigenera direttamente la vitamina E nella retina e congiuntamente ad acido dihydrolipoic esogeno. Ricerca 1994 dell'occhio di Curr; 181-9.

38. Robertson JMcD, et al. assunzione della vitamina E e rischio della cataratta in esseri umani. Ann NY Acad Sci 1993; 372-82.

39. Olmedilla B, et al. stato del siero dei carotenoidi e tocoferoli in pazienti con le cataratte relative all'età: uno studio di caso-control. Salute di J Nutr che invecchia 2002; 6(1): 66-8.

40. Campisi A, et al. sistemi antiossidanti in lente del ratto in funzione dell'età: effetto dell'amministrazione cronica della vitamina E e dell'ascorbato. Invecchiamento (Milano) 1999 di febbraio; 11(1):39-43.

41. PS di Ayalasomayajula, et al. induzione del fattore di crescita endoteliale vascolare dal hydroxynonenal 4 e la sua prevenzione dai precursori del glutatione in cellule epiteliali del pigmento retinico. EUR J Pharmacol 2002 9 agosto; 449(3): 213-20.

42. Seddon JM, et al. carotenoidi dietetici, vitamine A, C ed E e degenerazione maculare senile avanzata. Gruppo di studio di Caso-Control di malattia dell'occhio. JAMA 1994 9 novembre; 272(18): 1413-20.

43. Delcourt C, et al. degenerazione maculare senile e stato antiossidante nel POLA studia. POLA Study Group, patologie Oculaires Liees un l'Age. Arco Ophthalmol 1999 ottobre; 117(10): 1384-90.

44. Wegener A, et al. prova sperimentale per gli effetti interattivi di irradiazione uv cronica e carenze nutrizionali nella lente. Sviluppatore Ophthalmol 2002; 35:113-24.

45. Popova ZS, et al. trattamento di glaucoma ad angolo aperto primario con il metodo di uso combimed di ossigenoterapia iperbarica ed antiossidanti. Vestn Oftalmol 1996 gennaio-marzo; 112(1): 4-6.

immagine


Di nuovo al forum della rivista