Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine febbraio 2003

immagine

Alimenti anticancro e supplementi

Soia

immagine

La soia contiene parecchi tipi di phytochemicals di Cancro-combattimento. Gli isoflavoni della soia sono composti non steroidei della pianta che bloccano i cancri in relazione con l'ormone. Estrogeno del blocchetto di questi il cosiddetto “phytoestrogens„ realmente dall'entrare nelle cellule ed impedisce i cancri in relazione con l'ormone compreso la prostata ed il cancro al seno. Oltre ai loro effetti di ormone-didascalia, inoltre hanno attività antiossidante potente.

In un grande studio, gli uomini che hanno bevuto più di una volta il latte di soia un giorno hanno avuti un 70% il tasso riduttore di carcinoma della prostata. Un simile studio sulle donne indica che una dieta a base di soia, compreso 36 once. di latte di soia un mg/giorno del giorno (113 - 207 degli isoflavoni totali) ha ridotto i livelli 17 di estradiolo (forte estrogeno) di 25%.

Gli isoflavoni della soia possono proteggere da cancro alla vescica. In uno studio recente, la genisteina ha inibito la crescita di otto tipi differenti di cellule di cancro alla vescica umane. La daidzeina ed altri isoflavoni hanno indotto le cellule a autodistruggersi.

La nuova ricerca indica che i phytoestrogens, compreso i phytoestrogens della soia, interrompono l'attivazione del ricevitore dell'estrogeno. Questo ricevitore è provocato nell'invio “coltiva„ i segnali quando incontra gli estrogeni o l'estradiolo chimici (forte estrogeno). Cioè la gente con i cancri in relazione con l'ormone ha troppo estrogeno “entrate„ sulle loro cellule. Ciò provoca una pletora di forte estrogeno nella cellula. Questo tipo di estrogeno attiva la proliferazione della cellula. Le cellule normali hanno ben meno ricevitori dell'estrogeno. Le cellule normali inoltre hanno un numero uguale un ricevitore relativo che i phytoestrogens inseriti in ed attivano. Le cellule tumorali stanno mancando questo ricevitore di phytoestrogen. Il ricevitore di phytoestrogen funge da contrappeso sul ricevitore dell'estrogeno, impedente lo causare la crescita.

Durante l'era coloniale, la maggior parte di Nord America è stato posseduto da un monopolio chiamato l'East India Company. Quando il governo britannico, agente a nome del monopolio, gli ha assegnato il diritto esclusivo di vendere il tè in America, espellente tutti i altri commercianti dall'affare, i colonizzatori ribellati. Il ricevimento pomeridiano di Boston era l'atto di apertura della Guerra di indipendenza americana. È un testamento al potere di tè che era strumentale nel creare l'America. Il tè è stato usato come medicina almeno dalla dinastia di Shang (1766-1122 B.C.).

La ricerca moderna conferma che il tè ha indennità-malattia, proprietà considerevolmente anticancro. La maggior parte di questa ricerca è stata effettuata con tè verde (che come minimo è ossidato), piuttosto che altri tè quale tè nero. Il tè contiene vari phytochemicals, compreso epigallocatechin-3-gallate (EGCG), un polifenolo con le azioni biochimiche dimostrate contro cancro. Il tè inoltre contiene le vitamine A, C ed E, un aminoacido unico conosciuto come la teanina, carotene, zinco e molte altre sostanze di combattimento del cancro.

Uno degli studi più notevoli su tè verde è stato fatto da un gruppo di ricercatori giapponesi sulle donne che erano state curate per cancro al seno. L'analisi sei anni più successivamente di donne con le fasi I o II cancro al seno ha indicato che coloro che ha bevuto cinque o più tazze di tè verde un il giorno hanno tagliato il loro rischio di ricorrenza quasi a metà. Ciò è equivalente a circa 200 - 400 mg di EGCG. Ancora, i ricercatori hanno trovato che più tè verde che una donna bevesse prima che ottenesse il cancro, meno le metastasi ai linfonodi avrebbe avuta (se fosse premenopausa). Le donne che si impegnano nella cerimonia di tè giapponese sono mezze come probabilmente morire non solo da cancro al seno ma da tutta la causa, secondo i ricercatori che li hanno seguiti per otto anni.

Due nuovi studi indicano che il tè verde o EGCG inibisce determinati tipi di leucemie. Quando le cellule dagli adulti con la leucemia a cellula T sono trattate con i polifenoli del tè verde o EGCG, il cancro smette di moltiplicarsi. Similmente, quando i vari tipi di cellule di leucemia sono trattati con EGCG, si autodistruggono. Secondo gli autori dello studio, “oltre ad attività anticarcinogenic, EGCG è preveduto di avere una nuova funzione per la terapia di leucemia senza effetti collaterali„ (che si riferiscono alla capacità di EGCG di incitare le cellule tumorali attuali a smettere di crescere).

I3C

Indole-3-carbinol partecipa da solo come il modulatore dell'estrogeno naturale più ben esaminato. Trovato in verdure crocifere quale cavolo, il cavolfiore ed i broccoli, I3C ha provato gli effetti contro i cancri in relazione con l'ormone.

I3C può essere uno strumento importante contro cancro ambientale-causato perché può bloccare la diossina dalle cellule entranti. La diossina è un prodotto chimico del cloro, conosciuto come la sostanza tossica che mai creata-così del prodotto chimico più tossica è misurato nelle parti per trilione. La fonte principale di per la maggior parte della gente è carne e prodotti lattier-caseario. Gli alimenti a rapida preparazione popolari come McDonald's grande Macs® sono stati trovati per contenere i metaboliti di diossina. La diossina è sospettata mentre una causa (o causa di contributo) dei cancri polmonari del seno, della prostata, di linfoma e.

I3C ottiene al salvataggio la sua capacità di fare concorrenza a diossina per l'entrata nelle cellule. Gli stessi ricevitori, o le entrate, che permettono l'estrogeno e la diossina nelle cellule, permettono I3C pure. Quando I3C e la diossina sono messi insieme alle cellule, I3C impedisce di entrare fisicamente alcuna della diossina dalla didascalia il prodotto chimico nocivo del cloro. Questo stesso meccanismo inoltre protegge le cellule da forte estrogeno che può promuovere la crescita del cancro.

Uno studio recente indica che il trattamento con I3C può invertire gli stati precancerosi della cervice in esseri umani. I3C può anche proteggere i fumatori. Quando I3C è stato dato ai ratti costretti ad ingerire il fumo, il danno del DNA è stato ridotto più di 50% in polmoni e trachea e di 65% nella vescica. Inoltre inibisce le amine eterocicliche, agenti cancerogeni pericolosi che si formano quando la carne è cucinata. Uno studio ha indicato che I3C era fino a 95% efficace in agenti cancerogeni d'inibizione. (Nota: la dose consigliata per I3C è 400 mg per la maggior parte delle donne e 600 mg per la maggior parte dei uomini, secondo peso).

Zinco

Lo zinco è cruciale per immunità. I trenta giorni dell'assunzione suboptimale dello zinco causa una perdita di 80% - di 30% di difesa immune. Gli studi indicano che lo zinco è importante affinchè le cellule naturali dell'uccisore (NK) si moltiplichi e da funzionare. Le cellule di NK sono la difesa prima linea del corpo contro determinati tipi di cancri. Lo zinco supplementare è stato indicato alla risposta dell'anticorpo di aumento ed ai conteggi della cellula T. La carenza di zinco induce il timo ad atrofizzare: i supplementi possono invertire questo.

Pensi la prevenzione

Il Cancro è la seconda causa della morte principale in America. Il momento di pensare alla prevenzione è ora. Eliminando l'esposizione chimica (iarda spruzza, pulitori della famiglia, pittura, plastica, ecc.) tanto un possibile riduce il rischio. Cambiando da una dieta a base di carne all' alimento basato a pianta può tagliare il rischio vicino fino a 50%. Determinati tipi di supplementi possono più ulteriormente ridurre il rischio terminando il cancro prima che abbia una probabilità svilupparsi e spargersi.

immagine

Lo stato dello zinco interessa molto l'infezione e la malattia. La gente con linfoma ha fatto diminuire i livelli di zinco ed i livelli aumentati di rame. Questa tendenza inverte durante la remissione. La carenza di zinco è prevalente nell'alcolismo, nei disturbi gastrointestinali e nella malattia renale. Le infezioni sembrano ridurre i livelli dello zinco. Ed i livelli riduttori dello zinco sembrano aumentare le probabilità di ottenere un'infezione.

È impossible da fare una raccomandazione generale circa quanto zinco una persona dovrebbe prendere. Troppo zinco è cattivo quanto troppo poco. Troppo zinco diminuisce l'immunità certamente quanto troppo poco. La ricerca pochissima è stata effettuata su zinco e purtroppo, “non c'è la singola misura universalmente accettata adatta valutare esattamente lo stato dello zinco di un individuo. “* attualmente, 30 - 50 mg di zinco elementare al giorno è l'importo raccomandato. Tuttavia, questo è molto arbitrario poiché un individuo potrebbe avere bisogno degli importi differenti di zinco ai tempi differenti, secondo la loro salute, l'età, la dieta ed altri fattori che colpiscono l'utilizzazione, l'assorbimento e l'acquisizione dello zinco. Come esempio di come il completamento di localizzazione difficile dello zinco può essere, uno studio sugli uomini in buona salute ha indicato che 300 mg/giorno di zinco elementare hanno soppresso l'immunità. Tuttavia, uno studio nella gente sopra l'età 70 ha trovato che 440 mg di zinco un il giorno hanno aumentato significativamente l'immunità. Un approccio è di esaminare i livelli di rame invece. Se i livelli di rame sono elevati, o il rapporto dello rame--zinco è alto, lo zinco dovrebbe essere preso finché l'equilibrio non si normalizzi, indipendentemente da se i risultati del laboratorio fanno parte della gamma “normale„.

Anti-infiammatori

Gli anti-infiammatori non steroidei (NSAIDs) hanno esploso sulla scena nel 2000 come agenti possibili di preventivo del cancro. L'ultima ricerca indica che NSAIDs, compreso aspirin, ha azioni multiple e diverse contro la crescita e il mestastasis delle cellule tumorali. Il tumore del colon ha ricevuto la maggior parte della attenzione. Il rischio può essere tagliato 50% tramite l'uso a lungo termine di NSAIDs quale ibuprofene. Il rischio esofageo, dello stomaco, rettale e di cancro alla vescica inoltre è ridotto significativamente. Per cancro al seno, 2 - 10 anni di NSAIDs riduce il rischio globale e riduce il rischio di metastasi dappertutto eccetto i linfonodi vicini.

Aspirin può anche ridurre il rischio, ma apparentemente in modo diverso e non come forte. Quando i ricercatori all'università di Leeds hanno provato aspirin sulle linee cellulari del tumore del colon, ha fermato le cellule dalla crescita ma non ha indotto gli apoptosi (morte delle cellule). Le stesse cellule trattate con l'indometacina della droga di NSAID crescita-sono state arrestate e si distrutte dagli apoptosi. Il lavoro differente di NSAIDs diversamente contro le cellule tumorali e possono risultare che alcuni funzionano meglio per alcuni tipi di cancri che altri. Combinando aspirin con un NSAID può migliorare l'efficacia.

L'antinfiammatorio naturale, curcumina, ha dimostrato i simili ed effetti potenti contro la crescita delle cellule tumorali. Alcune nuove inquietudini sono state suscitate circa le droghe costose ed altamente annunciate di NSAIDs, di Celebrex e di Vioxx. Secondo le pillole peggiori del libro di consultazione della droga, migliori pillole, possono avere effetti collaterali gastrointestinali e cardiovascolari precedentemente sconosciuti. I produttori di entrambe le droghe sono stati avvertiti da FDA di cessare di travisare la loro sicurezza ed efficacia.

Una delle proprietà interessanti circa gli anti-infiammatori è che possono conservare gli antiossidanti del corpo, specialmente i carotenoidi. In uno studio dal Regno Unito, 1200 mg/giorno di ibuprofene hanno aiutato i malati di cancro a recuperare i loro livelli di beta-carotene, di luteina e di licopene. Questo fenomeno può essere spiegato dal fatto che le reazioni infiammatorie generano i radicali liberi che vuotano il corpo di tali antiossidanti pianta-derivati. Qualche cosa che sopprima l'infiammazione, sia ibuprofene, olio di pesce o curcumina, conserva gli antiossidanti preziosi nel corpo. L'infiammazione cronica è collegata con il rischio di cancro aumentato e l'infiammazione migliora la capacità di cancro di spargersi.

Supplementi contro alimento

L'alimento contiene tutte le sostanze nutrienti che il corpo umano ha bisogno di. E se mangiamo il genere di destra di alimento, li otterremo. Il problema è noi non fa. Alcuni di noi, tuttavia, stanno inseguendo i nostri hot dog con le vitamine in uno sforzo per fortificare le nostre diete. Quello è l'approccio dell'industria che produce l'alimento che prodotto-fortificano i loro prodotti con le vitamine. Non è il più grande approccio, ma non è complessivamente cattivo. Le vitamine possono disfare alcune delle nostre cattive abitudini. Non possono sostituire la buona dieta, ma possono avere un effetto benefico.

immagine

Ed infatti, a volte un supplemento ottiene il lavoro fatto meglio di un alimento che lo contenente. La ragione è parzialmente dovuto la biodisponibilità. La biodisponibilità riguarda la capacità del corpo di utilizzare una sostanza nutriente. Le vitamine in alimento sono attaccate alle proteine. Devono essere separati da quelle proteine per essere utilizzato. I fattori differenti possono cospirare impedire quel processo. Per esempio, acido fitico che è trovato nei gusci dei grani come il grano può interferire con l'assorbimento del corpo di zinco e di calcio. Un altro esempio classico è la necessità di un prodotto chimico dello stomaco conosciuto come il fattore intrinseco per utilizzazione di vitamina b12. E poi c'è il problema di come le varie cose una persona mangia interattivo. Una persona che condisce la loro insalata con il condimento senza grassi non potrà utilizzare la vitamina K nelle foglie della lattuga: il grasso deve essere presente affinchè la vitamina sia assorbito. I supplementi evitano questi problemi. I supplementi di vitamina K, per esempio, vengono pronto con una goccia di olio per assorbimento. Il problema della biodisponibilità è stato dimostrato negli studi che indicano che se le donne indonesiane mangiano un cracker beta-carotene-fortificato, più beta-carotene e la vitamina A comparirà nel loro sangue che se mangiano le verdure in padella che contengono il beta-carotene.

Il folato è un'altra vitamina che sembra più bioavailable come supplemento. La ricerca nel Regno Unito indica che “l'assunzione dei supplementi dell'acido folico fornisce una maggior elevazione nei livelli folici del siero che l'assunzione dell'alimento dietetico, suggerente che la manipolazione dietetica sia una strategia inefficace (per le donne incinte).„ Ciò è d'accordo con i dati dallo studio della salute degli infermieri dove il folato da alimento ha ridotto il rischio di tumore del colon un piccolo, ma il folato supplementare lo ha abbassato significativamente.

Ciò evidenzia uno degli altri benefici dei supplementi. Sono concentrati e conoscete quanto state ottenendo (se il supplemento proviene da una società rispettabile). Uno dei problemi con la prova di ottenere abbastanza sostanze nutrienti di Cancro-combattimento da alimento è che la quantità pura di verdure e fruttifica una persona deve consumare è scoraggiante se la persona vuole ottenere uno spettro completo della protezione, evitare non appena la malattia di carenza. Per esempio, se una persona volesse coprire tutti i carotenoidi ogni giorno, dovrebbero mangiare il verdura-tutto verde, giallo, arancio e rosso loro. Diciamoli inoltre ha voluto i benefici di I3C (indole-3-carbinol), un fitochimico in verdure crocifere, essi dovrebbe aggiungere il cavolo, i broccoli, il cavolfiore o la senape. Se inoltre volessero coprire la gamma flavonoide dell'agrume, inoltre dovrebbero mangiare un'ampia varietà dell'agrume frutta-e così via. Se una persona vuole ingerire un'ampia varietà di composti anticancro su base giornaliera, in un importo sostanziale, è più pratico prenderli in una forma concentrata. Una persona può tenere in vitamine di una mano trovate in bushel di verdure, libbre di soia e montagne di frutta. Tuttavia, i supplementi non dovrebbero sostituire una buona dieta. Gli interi alimenti contengono i fattori importanti e diversi che mantengono la salute ed ognuno dovrebbe mangiare tanto di loro come possibile. Le vitamine supplementari possono, tuttavia, assicurare una misura extra della protezione. Per prevenzione del cancro, questo è particolarmente importante.


Riferimenti

Arif JM, et al. 2000. L'inibizione di DNA in relazione con il fumo della sigaretta adduce nei tessuti del ratto da indole-3-carbinol. Ricerca 452:11-18 di Mutat.

Bell MC, et al. 2000. Prova controllata con placebo di indole-3-carbinol nel trattamento di CIN. Gynecol Oncol 78:123-9.

Bohlke K, et al. 1999. Vitamine A, C ed E ed il rischio di cancro al seno: risultati da uno studio di caso-control in Grecia. 79:23 del Cancro del Br J - 9.

Bosetti C, et al. 2000. Frazione dell'incidenza del carcinoma della prostata attribuita per essere a dieta a Atene, Grecia. Cancro Prev 9:119-23 di EUR J.

Caltagirone S, et al. 2000. I flavonoidi apigenina e quercetina inibiscono la crescita del melanoma ed il potenziale metastic. Cancro di Int J 87:595-600.

Chandra RK. 1984. L'eccessiva assunzione di zinco altera le risposte immunitarie. JAMA 252:1443-6.
Chaumontet C, et al. 1997. I flavonoidi (apigenina, tangeretin) neutralizzano dall'l'inibizione indotta da promotore del tumore di comunicazione intercellulare delle cellule epiteliali del fegato del ratto. Cancro Lett 114:207-10.

“Non usi il celocoxib (CELEBREX) e Rofecoxib (VIOXX) per le aspirine “eccellenti„ chiamate impropriamente e imposte un prezzo troppo alto di artrite-. Pillole peggiori, migliori notizie delle pillole. Washington, DC: Aprile 2001; 27.
Dubois Marina militare. 2000. Recensione: obiettivo del ciclo-ossigenasi-un per prevenzione di tumore del colon. 1:64 del supplemento di Alimet Pharmacol Ther 14 - 7.

Duchateau J, et al. 1981. Effetti benefici del completamento orale dello zinco sul resonse immune della gente anziana. Med 70:1001-4 di J.

PA di Egner, et al. 2001. L'intervento di Chlorophyllin riduce i complessi aflatossina-DNA in individui ad ad alto rischio per cancro del fegato. Proc NY Acad Sci U.S.A. 98:14601-6.

CA di Elkin, et al. 2000. I supplementi dell'acido folico sono più efficaci di quanto l'assunzione folica dietetica aumentata nell'elevamento dei livelli del folato del siero. Br J Obstet Gynaecol 107:285-9.

Fong LY, et al. 1987. Zinco-carenza e lo sviluppo di linfoma maligno in ratti dati una singola dose intragastrica di N-metilico-N-NITROSOUREa. IARC Sci Publ 84:261-3.
Fraker PJ, et al. il collegamento dinamico fra l'integrità del sistema immunitario e stato dello zinco. J Nutr 130 (supplemento 5S): 1399S-06S.

Gann pH, et al. rischio di carcinoma della prostata più basso 1999 negli uomini con il licopene elevato del plasma livella: risultati di un'analisi futura. Ricerca 59:1225-30 del Cancro.

Giovannucci E, et al. 1998. L'uso, il folato ed il tumore del colon del multivitaminico in donne nella salute degli infermieri studiano. Ann Int Med 129:517-24.

Guengerich F, et al. 1991. Ossidazioni del citocromo P-450 e la generazione di mediatori biologicamente reattivi. Mediatori reattivi biologici IV, 1991, di 'plenum press', New York.
JUNIOR di Hatherill. Mangi al Cancro del battito. Libri di rinascita: Los Angeles. 1998.

Di Regenstein L. America avvelenato. L'acropoli prenota la srl: Washington, DC. 1983.
Guyton KZ, et al. 1993. Meccanismi ossidativi nella carcinogenesi. Britannici Med Bull 49:523-44.
Lui YH, et al. 2000. Indole-3-carbinol come agente chemopreventive nella carcinogenesi della piridina di 2 amino-l-methyl-6-phenylimidazo [4,5-b] (PhIP): inibizione di formazione del complesso PhIP-DNA, accelerazione del metabolismo di PhIP ed induzione del citocromo P450 in ratti femminili F344. 38:15 di Chem Toxicol dell'alimento - 23.

MB dell'Olanda, et al. 1995. da proliferazione e da differenziazione indotte da estrone delle cellule nella ghiandola mammaria del ratto nobile femminile. Carcinogenesi 16:1955-61.

Hsu JT, et al. 2000. Regolamento della sintetasi viscoelastica dell'ossido di azoto dal phytoestrogen dietetico in cellule tumorali mammarie umane MCF-7. 40:11 dello sviluppatore di Reprod Nutr - 18.

Jacobsen BK, et al. 1998. Su l'assunzione del latte di soia riduce l'incidenza del carcinoma della prostata? Lo studio avventista di salute (Stati Uniti) [si vedano le osservazioni]. Il Cancro causa il controllo 9:553-7.
Jin Z, et al. 2002. Gli isoflavoni della soia aumentano la latenza dei tumori mammari di spontaneou in topi. J Nutr 132:3186-90.

Johnson PW, et al. 1987. Suscettibilità litica migliorata dei transformants ha-ras dopo che l'induzione dell'oncogene è cellule attivate specifiche di NK. J Immunol 138:3996-03.
Kawaii S, et al. 1999. HL-60 che differenzia l'attività ed il contenuto nel flavonoide della frazione prontamente estraibile ha preparato dai succhi di agrumi. Alimento Chem 47:128-35 di J Agric.
Kawaii S, et al. 1999. Attività antiproliferativa dei flavonoidi su parecchie linee cellulari del cancro. Biochimica 63:896-9 di Biosci Biotechnol.

Liang Y, et al. soppressione di ciclo-ossigenasi viscoelastico e sintasi viscoelastica dell'ossido di azoto dall'apigenina e dai flavonoidi relativi nei macrofagi del topo. Carcinogenesi 20:1945-52.
Li HC, et al. 2000. I polifenoli del tè verde inducono gli apoptosi in vitro nei linfociti T periferici del sangue dei pazienti a cellula T adulti di leucemia. 91:34 di ricerca del Cancro di Jpn J - 40.
LU LJ, et al. 2000. Ormoni ovarici in diminuzione durante la dieta della soia: implicazioni per prevenzione di cancro al seno. Ricerca 60:4112-21 del Cancro.

Mäkelä S, et al. 1998. Un'inibizione di 17 - oxireductase del hydroxysteroid dai flavonoidi in cellule di carcinoma della prostata e del seno. Med 217:310-16 di biol di Proc Soc Exp.

CC di McMillan, et al. 2000. Cambiamenti nelle concentrazioni del micronutriente che seguono trattamento antinfiammatorio in pazienti con il cancro gastrointestinale. Nutr 16:425-8.

Michaud DS, et al. 2000. Assunzione dei carotenoidi specifici e rischio di cancro polmonare in 2 gruppi futuri degli Stati Uniti [si vedano le osservazioni]. J Clin Nutr 72:990-97.
Mulini PK, et al. 1989. Studio di gruppo sulla dieta, sullo stile di vita e sul carcinoma della prostata in uomini avventisti. Cancro 64:598-04.

Miodini P, et al. 1999. La genisteina e una quercetina di due fito-estrogeni esercitano i efects differenti sulla funzione del ricevitore dell'estrogeno. Cancro 1150-55 del Br J.

Nakachi K, et al. 1998. Influenza di malignità bevente del cancro del onbreast del tè verde fra i pazienti giapponesi. Ricerca 89:254-61 del Cancro di Jpn J.

Noroozi m., et al. 1998. Gli effetti dei flavonoidi e della vitamina C su DNA ossidativo danneggiamento dei linfociti umani. J Clin Nutr 67:1210-17.

ONG T, et al. 1989. Un antimutagencity comparativo di 5 composti contro 5 miscele complesse mutagene nello sforzo TA98 del salmonella typhimurium. Ricerca 222:19-25 di Mutat.
Otsuka T, et al. 1998. Inibizione della crescita di cellule leucemiche vicino (-) - gallato del epigallocatechin, il costituente principale di tè verde. Vita Sci 63:1397-403.

Parazzini F, et al. 2000. Rischio attribuibile della popolazione per cancro ovarico. Cancro di EUR J 36:520-4.
Porrini M. et al. 2000. La concentrazione nel licopene del linfocita e la protezione del DNA da danno ossidativo è aumentata di donne dopo un periodo del hort di consumo del pomodoro. J Nutr 130:189-92.
Posta JFM, et al. 1992. Effetti inibitori di crescita dei bioflavonoidi e dei composti riferiti sulle cellule leucemiche umane CEM-C1 e CEM-C7. Cancro Lett 67:207-13.

KB di Reddy, et al. 1999. la chinasi proteica Mitogene-attivata (MAPK) regola l'espressione del progelatinase la B (MMP-9) in cellule epiteliali del seno. Cancro di Int J 82:268-73.

Sadakata S, et al. 1992. Mortalità fra i professionisti femminili di Chanoyu (“tè-cerimonia„ giapponese). Med 166:475-77 di Tohoku J Exp.

Schecter A, et al. 1997. Diossine, dibenzofurani, PCBs del tipo di diossina e DDE in alimenti a rapida preparazione degli Stati Uniti, 1995. Chemosphere 34:1449-57.

Seo anno, et al. 2002. Induzione della selenometionina della risposta di riparazione del DNA in fibroblasti umani. Oncogene 21(23): 3663-9.

CR di Sharpe, et al. 2000. Studio annidato di caso-control sugli effetti degli anti-infiammatori non steroidei sul rischio e sulla fase di cancro al seno. Cancro del Br J 83:112-20.
Shao Z, et al. 1998. La genisteina esercita gli effetti soppressivi multipli sulle cellule umane di carcinoma del seno. Ricerca 58:4851-57 del Cancro.

Slattery ml, et al. 2000. Carotenoidi e tumore del colon. J Clin Nutr 71:575-82.

Smith ml, et al. 2000. L'effetto degli anti-infiammatori non steroidei sulle cellule tumorali colorettali umane: prova dei meccanismi differenti di azione. Cancro di EUR J 36:664-74.

Smith WA, et al. 2001. Effetto degli agenti chemopreventive su adduzione del DNA indotta dal pirene carcinogeno mammario potente di dibenzo [a] nelle cellule umane MCF-7 del seno. Ricerca 480:97-108 di Mutat.

Solomons nanowatt. 1996. Fonti della pianta di vitamina A e di alimentazione umana: strategie rinnovate. 54:89 di Rev di Nutr - 91.

Canzone J, et al. effetti di Chemopreventive di folato dietetico sui polipi intestinali in Apc+/-Msh2-/-mice. Ricerca 60:3191-9 del Cancro.

Voorrips LE, et al. 2000. Uno studio di gruppo futuro sul rischio antiossidante e folico del cancro polmonare del maschio e dell'assunzione. Biomarcatori Prev 9:357-65 di Epidem del Cancro.

Zhang S, et al. 1999. Uno studio prospettivo di assunzione folica ed il rischio di cancro al seno. JAMA 281:1632-7.

Zhang S, et al. 1999. Carotenoidi e vitamine dietetici A, C ed E e rischio di cancro al seno. 91:547 nazionale di Inst del Cancro di J: 56.

Zhou J, et al. 2002. Inibizione di crescita ortotopica e metastasi ai dei tumori umani androgeno sensibili della prostata in topi dalle componenti bioactive della soia. Prostata 53:743-53.


immagine


Di nuovo al forum della rivista