Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine febbraio 2003

immagine

Un ventesimo anniversario

Riferimenti

1. Li R, et al. tendenza al consumo della verdura e della frutta fra gli adulti in 16 stati USA: Sistema di sorveglianza comportamentistico di fattore di rischio, 1990-1996. Salute pubblica 2000 di J maggio; 90(5): 777-81.

2. Walaszek Z, et al. contenuto in acido D-glucaric di varie frutta e verdure ed effetti di colesterolo-abbassamento di D-glucarate dietetico nel ratto. Ricerca in nutrizione (Stati Uniti) 1996, 16/4 (673-681).

3. Dwivedi C, et al. effetto del glucarate del calcio su beta-glucoronidase attività e contenuto del glucarate della verdura sicura e della frutta. Medicina biochimica e biologia metabolica (Stati Uniti) 1990, 43/2 (83-92).

4. Loarca-Pina G, et al. effetti inibitori di acido ellagico sulla mutagenicità ad azione diretta di aflatossina B1 nell'analisi di microsuspension della salmonella. Mutat ricerca 1998 26 febbraio; 398 (1-2): 183-7.

5. Mosa, J.L, et al. acido ellagico, un anticarcinogen in frutti, particolarmente in fragole: una rassegna. Volume 26 di HortScience (1): p.10-14, 1991.

6. Constantinou A, et al. L'acido ellagico dell'agente anticancro dietetico è un inibitore potente delle topoisomerasi del DNA in vitro. Nutrizione e Cancro (Stati Uniti) 1995, 23/2 (121-130).

7. Snocciolatore GD, et al. tumori del polmone nei topi di sforzo A: domanda di studi in chemoprevention del cancro. Supplemento 1993 di biochimica delle cellule di J; 17F: 95-103.

8. Il DH di Barch, et al. acido ellagico induce il NAD (P) H: riduttasi del chinone con l'attivazione dell'elemento rispondente antiossidante del ratto NAD (P) H: gene della riduttasi del chinone. Carcinogenesi 1994 settembre; 15(9): 2065-8.

9. Teel R.W, et al. metabolismo e grippaggio acidi ellagici al DNA nelle culture explant dell'organo del ratto. Il Cancro segna (l'Irlanda) 1987 con lettere, 36/2 (203-211).

10. DH di Barch, et al. relazioni di Struttura-funzione dell'acido ellagico di anticarcinogen dietetico. Carcinogenesi (Regno Unito) 1996, 17/2 (265-269).

11. Acido di Teel R.W. Ellagic che lega al DNA come meccanismo possibile per la sua azione antimutagnic e anticarcinogenic. Il Cancro segna (l'Irlanda) 1986 con lettere, 30/3 (329-336).

12. Soni K.B, et al. effetto protettivo degli additivi alimentari da su mutagenicità indotta da aflatossina e hepatocarcinogenicity. Il Cancro segna (l'Irlanda) 1997 con lettere, 115/2 (129-133).

13. Dixit R, et al. inibizione da di mutagenicità indotta da n e di metilazione del DNA da acido ellagico. Atti dell'Accademia nazionale delle scienze degli Stati Uniti d'America (Stati Uniti) 1986, 83/21 (8039-8043).

14. Snocciolatore GD, et al. polifenoli come agenti chemopreventive del cancro. Supplemento 1995 di biochimica delle cellule di J; 22:169-80.

15. Teel R.W, et al. effetti antimutageni dei composti polifenolici. Il Cancro segna (l'Irlanda) 1992 con lettere, 66/2 (107-113).

16. Wilson T, et al. L'effetto di acido ellagico su metabolismo xenobiotico dal citocromo P-450IIE1 e dalla mutagenicità della nitrosodimetilammina. Il Cancro segna (l'Irlanda) 1992 con lettere, 61/2 (129-134).

17. Narayanan B.A, et al. espressione p53/p21 (WAF1/CIP1) ed il suo ruolo possibile nell'arresto G1 e apoptosi in cellule tumorali trattate con acido ellagiche. Il Cancro segna (l'Irlanda) 1999 con lettere, 136/2 (215-221).

18. Snocciolatore GD, et al. tumori del polmone nei topi di sforzo A: domanda di studi in chemoprevention del cancro. Supplemento 1993 di biochimica delle cellule di J; 17F: 95-103.

19. Teel R.W, et al. metabolismo e grippaggio acidi ellagici al DNA nelle culture explant dell'organo del ratto. Il Cancro segna (l'Irlanda) 1987 con lettere, 36/2 (203-211).

20. Snocciolatore GD, et al. polifenoli come agenti chemopreventive del cancro. Supplemento 1995 di biochimica delle cellule di J; 22:169-80.

21. Carcinogenesi di Castonguay A. Pulmonary e la sua prevenzione dai composti polifenolici dietetici. Ann N Y Acad Sci 1993 28 maggio; 686:177-85.

22. Snocciolatore G.D, et al. Isothiocyanates e polifenoli della pianta come inibitori del polmone e del cancro esofageo. Il Cancro segna (l'Irlanda) 1997 con lettere, 114/1-2 (113-119).

23. Loarca-Pina G, et al. Antimutagenicity di acido ellagico contro aflatossina Binf 1 nell'analisi di microsuspension della salmonella. Ricerca di mutazione - mutagenesi ambientale ed oggetti relativi (Paesi Bassi) 1996, 360/1 (15-21).

24. Il DH di Barch, et al. acido ellagico dietetico riduce il metabolismo microsomico esofageo del methylbenzylnitrosamine. Il Cancro segna (l'Irlanda) 1989 con lettere, 44/1 (39-44).

25. Castonguay A, et al. Antitumorigenic ed attività antipromoting dell'acido ellagico, ellagitannini ed antociano oligomerico e giornale internazionale del procyanidin di oncologia (Grecia) 1997, 10/2 (367-373).

26. Rao C.V, et al. Chemoprevention di carcinogenesi dei due punti tramite l'amministrazione dietetica di piroxicam, dell'alfa-difluoromethylornithine, di 16alpha-fluoro-5-androsten-17-one e di acido ellagico individualmente e in associazione. Ricerca sul cancro 1991, 51/17 (4528-4534).

27. HL di Bradlow, et al. Phytochemicals come modulatori del rischio di cancro. Adv Exp Med Biol 1999; 472:207-21.

28. Kelloff GJ, et al. progresso in chemoprevention del cancro: sviluppo degli agenti chemopreventive dieta-derivati. J Nutr 2000 febbraio; 130 (supplemento 2S): 467S-471S.

29. Wang X, et al. citotossicità migliorata di mitomicina C in cellule tumorali umane con gli induttori della Distacco-diaforesi. Cancro 1999 del Br J giugno; 80(8): 1223-30.

30. Lee SK, et al. modulazione dei biomarcatori in vitro del processo cancerogeno dagli agenti chemopreventive. Ricerca anticancro 1999 gennaio-febbraio; 19 (1A): 35-44.

31. Hecht ss, et al. Chemoprevention di cancro dai isothiocyanates, modificatori di metabolismo carcinogeno. J Nutr 1999 marzo; 129(3): 768S-774S.

32. Zhang Y, et al. meccanismo delle potenze differenziali dei isothiocyanates come induttori degli enzimi anticarcinogenic di fase 2. Cancro ricerca 1998 15 ottobre; 58(20): 4632-9.

33. Kelloff GJ, et al. Nuovi agenti per il chemoprevention del cancro. Supplemento 1996 di biochimica delle cellule di J; 26:1-28.

34. Gamet-Payrastre L, et al. Sulforaphane, un isotiocianato naturale, induce l'arresto del ciclo cellulare e gli apoptosi in cellule di tumore del colon umane HT29. Ricerca del Cancro 2000 1° marzo; 60(5): 1426-33.

35. Kong, et al. eventi di trasduzione del segnale suscitati dai prodotti naturali: ruolo di MAPK e delle vie di caspase nella risposta omeostatica ed induzione degli apoptosi. Ricerca 2000 di Pharm dell'arco febbraio; 23(1): 1-16.

36. Zhang Y. Role di glutatione nell'accumulazione dei isothiocyanates anticarcinogenic e del loro glutatione coniuga dalle cellule murine del tumore epatico. Carcinogenesi 2000 giugno; 21(6): 1175-1182.

37. Singletary K, et al. inibizione di benzo formazione del pirene [a] e del complesso 1,6 dinitropyrene-DNA nel bydibenzoylmethane mammario umano e nel sulforaphane delle cellule epiteliali. Cancro Lett 2000 3 luglio; 155(1): 47-54.

38. Kopelovich L, et al. progresso in chemoprevention del cancro. Ann N Y Acad Sci 1999; 889:1-13.

39. Yu R, et al. chinasi proteica mitogene-attivata p38 regola negativamente l'induzione degli enzimi di metabolismo di fase II che disintossicano gli agenti cancerogeni. Biol Chem di J 2000 28 gennaio; 275(4): 2322-7.

40. Hirano T, et al. effetti antiproliferativi dei flavonoidi sintetici e naturali sulle cellule della linea cellulare umana di carcinoma del seno, ZR-75-1 del tumore. Ricerca Commun Chem Pathol Pharmacol 1989 aprile; 64(1): 69-78.

41. GG di Kuiper, et al. interazione dei prodotti chimici estrogeni e phytoestrogens con il ricevitore dell'estrogeno beta. Endocrinologia 1998 ottobre; 139(10): 4252-63.

42. MA JY, et al. Un glucoside del lattone del sesquiterpene dal denticulata F. di Ixeris. pinnatipartita. Fitochimica 1999 gennaio; 50(1): 113-5.

43. MB dell'Olanda, et al. da proliferazione delle cellule e da differenziazione indotte da estrone nella ghiandola mammaria del ratto nobile femminile. Carcinogenesi 1995 agosto; 16(8): 1955-61.

44. Wang C, et al. lignani e flavonoidi inibisce l'enzima di aromatasi nei preadipocytes umani. Biochimica Mol Biol 1994 dello steroide di J agosto; 50 (3-4): 205-12.

45. SA franco, et al. effetti di invecchiamento sul regolamento del glucosio durante la veglia e sonno. J Physiol 1995 dicembre; 269 (6 pinte 1): E1006-16.

46. Birra di malto RW. Tolleranza al glucosio ed invecchiamento. Med 1994 di J R Soc ottobre; 87(10): 608-9.

47. Morganti P, et al. Gelatina-cistina, keratogenesis e struttura dei capelli. Capsula Soc Ital biol Sper 1983 31 gennaio; 59(1): 20-5.

48. Hochman L.G, et al. chiodi fragili: Risposta al completamento quotidiano della biotina. Cutis (Stati Uniti) 1993, 51/4 (303-305).

49. Bardazzi F, et al. biotina nel trattamento dei chiodi fragili idiopatici. Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia (Italia) 1993, 128/12 (699-702).

50. Zhang H, et al. amministrazione della biotina migliora la tolleranza al glucosio alterata dai dei ratti diabetici indotti streptozotocin di Wistar. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo) 1997 giugno; 43(3): 271-80.

51. Furukawa Y. Enhancement dadi secrezione dell'insulina e dalla dadi modifica indotte da glucosio del metabolismo del glucosio da biotina. [Articolo nel giapponese] il Giappone Rinsho 1999 ottobre; 57(10): 2261-9.

52. McCarty MF. La biotina ad alta dose, un induttore dell'espressione di glucokinase, può potenziare con il picolinate del cromo per permettere ad una terapia nutrizionale definitiva per il diabete di tipo II. Med Hypotheses 1999 maggio; 52(5): 401-6.

53. Haulica I, et al. implicazioni dello sforzo ossidativo nella senescenza. [Articolo nel rumeno] Rev Med Chir Soc Med Nat Iasi 2000 aprile-giugno; 104(2): 15-9.

54. Ceconi C, et al. Il ruolo di stato del glutatione nella protezione contro danno di riperfusione ed ischemico: effetti della cisteina dell'N-acetile. J Mol Cell Cardiol 1988 gennaio; 20(1): 5-13.

55. Bela la P, et al. effetto di N-acetilcisteina da su fotosensibilità indotta Photofrin della pelle in pazienti. Med 1995 di Surg dei laser; 16(4): 359-67.

56. T urbano, et al. funzione del neutrofilo ed attività del glutatione perossidasi (GSH-px) in individui in buona salute dopo il trattamento con N-acetile-L-cisteina. Biomed Pharmacother 1997; 51(9): 388-90.

57. Baik HW, et al. carenza di vitamina b12 negli anziani. Annu Rev Nutr 1999; 19:357-77.

58. Loew D, et al. studia su stato di vitamina b12 negli anziani--conseguenze profilattiche e terapeutiche. Ricerca 1999 di Int J Vitam Nutr maggio; 69(3): 228-33.

59. Bachli E, et al. [diagnosi della carenza di vitamina b12: soltanto apparentemente gioco da bambini]. Schweiz Med Wochenschr 1999 12 giugno; 129(23): 861-72.

60. Il CA di Carr, Tijerina T, Frei il B. Colleen Fitzpatrick protegge da ed inverte le modifiche clorammina-dipendenti ipoclorose specifiche e dell'acido della lipoproteina a bassa densità. Biochimica J 2000 1° marzo; 346 pinte 2:491-9.

61. Romani, et al. regolamento di magnesio cellulare. Front Biosci 2000 1° agosto; 5: D720-34.

62. Saatman KE, et al. alterazioni acute e morte citoscheletriche delle cellule indotta dal trauma cranico sperimentale è attenuato dal trattamento del magnesio ed è esacerbato dalla carenza di magnesio. J Neuropathol Exp Neurol 2001 febbraio; 60(2): 183-94.

63. Girodon F, et al. impatto degli oligoelementi e completamento della vitamina su immunità ed infezioni in pazienti anziani istituzionalizzati: una prova controllata randomizzata. MIN. Rete geriatrica di VIT.AOX. Arco interno Med 1999 12 aprile; 159(7): 748-54.

64. Brod SA. L'infiammazione non regolata accorcia la longevità funzionale umana. Ricerca 2000 di Inflamm novembre; 49(11): 561-70.

65. PA del reparto. Citochine, infiammazione e malattie autoimmuni. Hosp Pract (fuori da Ed) 15 maggio 1995; 30(5): 35-41

66. Rintala RJ, et al. cromoglycate del sodio in gestione di enterocolite cronica o ricorrente in pazienti con la malattia di Hirschsprung. J Pediatr Surg 2001 luglio; 36(7): 1032-5.

67. Kiechl S, et al. infezioni croniche ed il rischio di aterosclerosi carotica: risultati futuri da un grande studio di popolazione. Circolazione 2001 27 febbraio; 103(8): 1064-70.

68. Il IP C, et al. Methylselenocysteine modula i biomarcatori degli apoptosi e di proliferazione in lesioni premaligne della ghiandola mammaria del ratto. Ricerca anticancro. 2001 marzo-aprile; 21 (2A): 863-7.

69. LU J, et al. effetto su un estratto acquoso di aglio selenio-arricchito sugli indicatori in vitro e in vivo efficacia nella prevenzione del cancro. Carcinogenesi 1996 settembre; 17(9): 1903-7.

70. Sinha R, et al. effetti del methylselenocysteine su attività di PKC, fosforilazione cdk2 e espressione genica del gadd in cellule epiteliali mammarie sincronizzate del tumore del topo. Cancro Lett. 15 novembre 1999; 146(2): 135-45.

71. Sinha R, et al. inibizione di attività della chinasi cdk2 dal methylselenocysteine in cellule epiteliali mammarie sincronizzate del tumore del topo. Carcinogenesi 1997 agosto; 18(8): 1541-7.

72. Yeo JK, et al. Se-methylselenocysteine induce gli apoptosi con l'attivazione di caspase e la fenditura di Bax mediate dalla calpaina in cellule tumorali ovariche SKOV-3. Cancro Lett 2002 8 agosto; 182(1): 83-92.

73. Jung U, et al. Se-methylselenocysteine induce gli apoptosi mediato dalle specie reattive dell'ossigeno in cellule HL-60. Med libero di biol di Radic. 15 agosto 2001; 31(4): 479-89.

74. Jiang C, et al. da inibizione indotta da selenio dell'angiogenesi nel cancro mammario ai livelli chemopreventive di assunzione. Mol Carcinog 1999 dicembre; 26(4): 213-25.

75. Palladio di Whanger, et al. Tumorigenesis, metabolismo, speciazione, biodisponibilità e deposito del tessuto di selenio in rampe selenio-arricchite (tricoccum dell'allium). Alimento Chem 2000 di J Agric novembre; 48(11): 5723-30.

76. Guo X, et al. distribuzione degli acidi seleno-amminici liberi nel tessuto vegetale di Melilotus L. indica sviluppato di in suoli carichi di selenio. Ecotoxicol circonda il FAS 1998 marzo; 39(3): 207-14.

77. Wang X, et al. l'esposizione a lungo termine delle cellule HL60 al dihydroxyvitamin 1,25 D3 riduce la loro carcinogenicità; un modello per il chemoprevention del cancro. Med 1997 di biol di Proc Soc Exp settembre; 215(4): 399-404.

78. van den Bemd GJ, et al. vitamina D ed analoghi di vitamina D nel trattamento del cancro. La droga di Curr mira 2002 a febbraio; 3(1): 85-94.

79. Vieth RL. Completamento di vitamina D, 24 concentrazioni di hydroxyvitamin D e sicurezza. J Clin Nutr 1999; 69:842-56.

immagine


Di nuovo al forum della rivista