Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine luglio 2003

immagine

Fertilità maschio

Economia dei trattamenti per sterilità maschio.

I fattori economici svolgono un ruolo principale nella considerazione delle opzioni del trattamento per la riproduzione maschio. Questo articolo ha riassunto i dati e se nuova comprensione in come i pazienti, gli assicuratori e le popolazioni valutano le terapie in competizione per la sterilità maschio. Molti studi sono difficili da interpretare a causa degli indici di successo differenti e della polarizzazione monetaria. Gli studi di futuro che confrontano i costi ed i risarcimenti linea per linea dalle fonti indipendenti possono essere il migliore modo valutare i trattamenti differenti. Nord 2002 di Urol Clin novembre; 29(4): 841-53 effetti di testosterone più l'acetato del medrossiprogesterone su qualità dello sperma, sugli ormoni riproduttivi e sulle popolazioni della cellula germinale in giovani normali. Il trattamento del testosterone (t) sopprime i livelli della gonadotropina e lo sperma include gli uomini normali, ma l'aggiunta di una progestina può migliorare l'efficacia della contraccezione ormonale. Questo studio ha mirato a studiare la velocità e le dimensioni di soppressione del numero testicolare della cellula germinale indotto da T più o meno il trattamento della progestina ed a correlare questi cambiamenti con le gonadotropine del siero e livelli del inhibin B, androgeni testicolari ed uscita dello sperma. Trenta uomini fertili normali (31-46 anno) hanno ricevuto il enanthate del testosterone (TE, 200 settimanale di mg im) da solo o TE più l'acetato del medrossiprogesterone del deposito (DMPA, 300 mg im una volta) per 2, 6, o 12 settimane (n = 5 per gruppo) prima della vasectomia e della biopsia del testicolo. Cinque uomini (comandi) hanno proceduto direttamente a chirurgia. L'inclusione di DMPA principale ad una più caduta rapida nei livelli del siero FSH/LH (tempo alla linea di base di 10%: FSH; 12,6 +/- 2,6 contro 7,9 +/- 1,4 d; LH, 9,9 +/- 3,4 contro 3,4 +/- 1,7 d, TE contro TE+DMPA, rispettivamente, media +/- deviazione standard, entrambe &lt di P; 0,0001), eppure il momento medio raggiungere un conteggio di sperma 10% della linea di base non era differente (23,7 +/- 7,3 contro la d 25,3 +/- 13,9, il NS). Le dimensioni massime di soppressione di FSH/LH erano identiche a 12 settimane (siero medio FSH 1,2 e 1,6% ed ai LH 0,3 e 0,2% di media della linea di base: TE contro TE+ DMPA, rispettivamente) come era la soppressione di conteggio di sperma (5 di 5 e di 4 di 5 uomini, rispettivamente, con il &lt di conteggi di sperma; o =0.1 x 10(6) /ml). Inhibin del siero in diminuzione a controllo di 55% a 12 settimane nel gruppo di TE+DMPA (&lt di P; 0.05) ma era immutato dal trattamento di TE (controllo di 86%, NS). I livelli testicolari di T sono diminuito a circa 2% dei livelli di controllo, ma il diidrotestosterone e 5alpha-androstane-3alpha testicolari, i livelli 17beta-diol (Adiol) non erano differenti controllare. La cellula germinale numera come determinato con i metodi stereologici non ha differito fra TE e TE+DMPA eccetto a 2 settimane in cui il tipo spermatogoni di B e spermatocite in anticipo era significativamente più basso nel gruppo di TE+DMPA (&lt di P; 0.05). In tutti i gruppi, una profonda inibizione di Apale-> La maturazione spermatogonial di B è stata veduta con un'inibizione notevole di spermiazione. Concludiamo quello: 1) l'aggiunta di DMPA accelera l'inizio di soppressione di FSH/LH, correlante con un danno più rapido dello sviluppo spermatogonial, ma a lungo termine, nè numero della cellula germinale nè il conteggio di sperma ha differito; 2) il diidrotestosterone ed i livelli testicolari di Adiol sono mantenuti durante la soppressione di FSH/LH malgrado i livelli contrassegnato riduttori di T che suggeriscono il su-regolamento di attività testicolare 5alpha-reductase; e 3) l'inibizione spermatogonial è una caratteristica coerente, ma l'inibizione di spermiazione inoltre sta colpendo ed è un determinante importante dell'uscita dello sperma.

J Clin Endocrinol Metab 2002 febbraio; 87(2): 546-56

Valutazione completa dell'ufficio nel nuovo millennio.

Il successo ad una di una valutazione basata a ufficio completa della sterilità del malfattore dipende dalla comprensione accurata del medico della valutazione del rischio nella storia, dall'identificazione dei risultati pertinenti dell'esame fisico e dalla valutazione corretta dei dati del laboratorio. a tecniche ultrasonographic basate a ufficio già hanno aumentato la capacità dell'urologo di visualizzare hanno sospettato le anomalie anatomiche e l'uso delle prove funzionali di sperma ha dato la maggior profondità alle capacità limitate, ma essenziali, prognostiche dell'analisi sistematica dello sperma.

Nord 2002 di Urol Clin novembre; 29(4): 873-94

L'effetto del coenzima Q10 su motilità e sulla funzione dello sperma.

In spermi, la maggior parte del coenzima Q10 (CoQ10) un'energia che promuovono l'agente ed antiossidante, è concentrata nei mitocondri del midpiece, di modo che l'energia per movimento e tutti i altri processi energia-dipendenti nello spermio inoltre dipendono dalla disponibilità di CoQ10. La forma riduttrice di CoQ10-ubiquinol inoltre funge da antiossidante, impedendo la perossidazione lipidica in membrane dello sperma. L'obiettivo dello studio era di valutare l'effetto di CoQ10 su motilità dello sperma in vitro, dopo incubazione con 38 campioni dello sperma asthenospermic e normale di motilità e di valutare l'effetto dell'amministrazione CoQ10 in vivo in 17 pazienti con i tassi bassi di fecondazione dopo fecondazione in vitro con l'iniezione intracitoplasmica dello sperma (ICSI) per la sterilità maschio di fattore. Tutti e 38 i campioni dello sperma dai pazienti registrati nella nostra clinica della sterilità hanno avuti le concentrazioni e morfologia normali. Di questi, 16 pazienti hanno avuti motilità normale (media 47,5%) e 22 pazienti erano asthenospermic (motilità media 19,1%). I campioni dello sperma sono stati divisi in quattro parti uguali e sono stati incubati per 24 h in: Il solo medio del PROSCIUTTO, nel medium del PROSCIUTTO con 1% DMSO e PROSCIUTTO con 5 microM o 50 microM CoQ10. Mentre nessun cambiamento significativo nella motilità dopo che l'incubazione è stata osservata nei campioni con motilità normale iniziale, un importante crescita nella motilità è stato osservato 50 nel sottogruppo del microM CoQ10 di sperma dagli uomini asthenospermic, con un tasso di motilità di 35,7 +/- di 19,5%, rispetto a 19,1 +/- a 9,3% nei comandi (&lt di P; 0.05). I 17 pazienti con fecondazione bassa valuta dopo che ICSI sono stati trattati con CoQ10 orale, 60 mg/giorno, per una media dei 103 giorni prima del trattamento seguente di ICSI. Nessun cambiamento significativo è stato notato nella maggior parte dei parametri dello sperma, ma un miglioramento significativo è stato notato nei tassi di fecondazione, da una media di 10,3 +/- di 10,5% nei loro cicli precedenti, a 26,3 +/- a 22,8% dopo CoQ10 (&lt di P; 0.05). In conclusione, l'amministrazione di CoQ10 può provocare il miglioramento nelle funzioni dello sperma in pazienti selettivi. L'indagine successiva nei meccanismi relativi a questi effetti è necessaria.

Mol Aspects Med 1997; 18 supplementi: S213-9

Perossidazione lipidica e motilità umana dello sperma: ruolo protettivo della vitamina E.

Asthenospermia è il fattore principale della sterilità maschio fra i pazienti che consultano il centro della sterilità di Asir in Abha, Arabia Saudita. La perossidazione lipidica che accade nell'entrambi plasma e spermatozoi seminali è stata stimata da concentrazione della malondialdeide (MDA). La concentrazione di Spermatozoal MDA era più alta negli uomini con motilità in diminuzione dello sperma. La concentrazione di MDA nel plasma seminale non ha esibito relazione con concentrazione nello sperma, motilità dello sperma, il numero degli spermatozoi immotile, o persino l'assenza di spermatozoi. La concentrazione di MDA nelle sospensioni della pallina dello sperma dei pazienti asthenospermic e oligoasthenospermic era quasi due volte quella dei maschi normospermic. La concentrazione di MDA nella sospensione della pallina dello sperma dai pazienti normospermic o oligospermic era circa 10% che nel plasma seminale. Tuttavia, la concentrazione di MDA nella sospensione della pallina dello sperma dei pazienti asthenospermic o oligoasthenospermic era circa 15% che nel plasma seminale. Il trattamento dei pazienti asthenospermic con la vitamina orale E ha fatto diminuire significativamente la concentrazione di MDA in spermatozoi ed ha migliorato la motilità dello sperma. Undici sui 52 pazienti curati (21%) hanno impregnato i loro coniugi; nove dei coniugi si sono conclusi con successo con le consegne di termine normali, mentre gli altri due hanno abortito nel primo trimestre. Nessuna gravidanza è stata riferita nei coniugi dei pazienti placebo-trattati.

J Androl 1996 settembre-ottobre; 17(5): 530-7

Funzione testicolare in alcoolizzati cronici asintomatici: relazione all'assunzione dell'etanolo.

Per valutare l'effetto di etanolo sulla funzione testicolare in alcoolizzati cronici senza affezione epatica cronica, abbiamo studiato 38 alcoolizzati cronici asintomatici e 19 comandi di pari età. La storia clinica dettagliata, lo stato nutrizionale, l'analisi ormonale e gli studi seminali sono stati intrapresi in ogni caso e controllano. I pazienti alcolici hanno avuti una media di 39 +/- 2 anni (gamma: 26 a 60) e riferito un consumo quotidiano dell'etanolo da 100 a 350 g (media: 198 +/- 15) durante 18,0 +/- 1,2 anni. Gli alcoolizzati hanno esibito un importante crescita dell'ormone luteinizzante (&lt di p; 0.001) e una diminuzione dell'indice libero dell'androgeno, rispetto ai comandi (&lt di p; 0.05) quello riguardante significativamente con la dose totale di vita di etanolo (&lt di p; 0,01, entrambi). Gli studi seminali indicano che 39,4% degli alcoolizzati avevano ridotto significativamente il loro conteggio degli spermatozoi (&lt di p; 0,01), mentre le anomalie morfologiche significative sono state osservate in 44,7% degli alcoolizzati (&lt di p; 0.01). La motilità degli spermatozoi dagli alcoolizzati inoltre è stata trovata per essere alterata a metà dei pazienti (&lt di p; 0.01). Un importante crescita dell'ormone luteinizzante del siero, l'ormone follicolostimolante ed i livelli obbligatori della globulina dell'ormone sessuale e una diminuzione di indice libero dell'androgeno sono stati osservati in alcoolizzati con le anomalie di motilità e della morfologia (&lt di p; 0,05, tutto). Nell'analisi di più variabili, il solo fattore indipendente che ha determinato le alterazioni in sperma (conteggio, anomalie di morfologia ed alterazioni di motilità) era la vita totale dell'assunzione dell'etanolo (&lt di p; 0,001, tutto). Concludiamo che gli alcoolizzati sviluppano frequentemente una situazione del ipogonadismo primario relativa ad una vita del consumo dell'etanolo.

Ricerca 1997 di Clin Exp dell'alcool febbraio; 21(1): 128-33

L'effetto di fumo e delle varicocele su attività di acrosin dello sperma e su reazione umane dell'acrosoma.

Il fumo e le varicocele sono frequenti risultati nell'anamnesi e nell'esame fisico dei pazienti che assistono agli ambulatori andrological. Tuttavia, i dati circa la loro influenza sui parametri umani dello sperma, quali concentrazione dello sperma e motilità, sono contraddittori. Di conseguenza, lo scopo di questo studio era di esaminare la funzione dello sperma (attività di acrosin ed induzione della reazione acrosomiale) in fumatori (n = 30) e nei pazienti di varicocele (n = 30) rispetto ai donatori fertili normali (n = 20). La reazione acrosomiale è stata individuata dalla macchiatura tripla dopo 3 h di incubazione a 37 gradi di C, seguiti dal trattamento con 0,1% dimetilsulfossidi (la reazione acrosomiale spontanea) e l'ionoforo A23187 (reazione acrosomiale indotta) del calcio di 10 microM per 1 h a 37 gradi di attività di C. Acrosin è stato misurato dal gelatinolysis. I diametri intorno alle teste dello sperma dopo il gelatinolysis e le percentuali degli spermatozoi che mostrano le formazioni di alone sono stati valutati. Il inducibility della reazione acrosomiale era significativamente più basso nei campioni dello sperma dai fumatori che in quelli dal gruppo fertile (7,1 +/- 3,2 contro 11,2 +/- 4,0%, &lt di P; 0,01), mentre nessuna differenza statisticamente significativa è stata dimostrata in spermatozoi dai pazienti con le varicocele (9,3 +/- 4,3%). Le entrambe percentuali degli spermatozoi con formazione di alone (53,3 +/- 20,0 contro 76,6 +/- 13,6%, &lt di P; 0.05) ed i diametri di alone (16,1 +/- 6,6 contro 31,0 +/- 14,5 micron, &lt di P; 0.001) erano significativamente più basso nel gruppo di varicocele che nei campioni dagli uomini fertili. Questi dati suggeriscono che funzione dello sperma di influenza di varicocele e di fumo e che i parametri standard dello sperma da solo siano insufficienti per valutare l'influenza di entrambi i fattori su fertilità maschio umana.

Ronzio Reprod 1995 dicembre; 10(12): 3190-4

Continuato alla pagina 3 di 3

immagine


Di nuovo al forum della rivista