Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine maggio 2003

immagine

Mangiando alimento cucinato al livello
La temperatura accelera l'invecchiamento

immagine

Inversione del glycation

Nell'emissione dell'agosto 2001 di questa rivista, un articolo ha riferito su un composto chiamato ALT-711 che è stato indicato al glycation parzialmente inverso. Purtroppo, la società (Alteon, Inc.) provante ad ottenere ALT-711 con il processo di approvazione di FDA sotto è costituita un fondo per doloroso e gli studi clinici hanno progredito a passo di lumaca.

Il 21 gennaio 2003, alcuni risultati incoraggianti sono stati annunciati da un'analisi preliminare di un test clinico di fase II che valuta l'attività di ALT-711 nella cura dell'infarto diastolico. Il significato di questi risultati è che l'infarto diastolico (DHF) è uno dei tipi più comuni di infarti negli anziani. DHF è una condizione medica male trattata che è caratterizzata dall'incapacità del cuore di rilassarsi correttamente e riempire di sangue, dovuto l'irrigidimento (glycation) del cuore e del rilassamento alterato successivo del ventricolo sinistro. La disfunzione diastolica è stimata per rappresentare 30% - 50% di tutte le casse dell'infarto, che ammontano a quasi cinque milione casi negli Stati Uniti da solo.

In questo test clinico di fase II, i pazienti di DHF che hanno ricevuto ALT-711 per 16 settimane hanno avvertito una riduzione statisticamente significativa in massa ventricolare sinistra. I pazienti inoltre hanno avuti un miglioramento notevole in materiale da otturazione diastolico ventricolare sinistro. Ulteriormente, la droga ha avuta un effetto positivo sulla qualità della vita dei pazienti, come misurato da un infarto/questionario affermati di qualità della vita. Questa sperimentazione di fase II è in corso e le analisi supplementari dei dati stanno conducende. Qui è una citazione circa il significato di questo studio:

“Le offerte ALT-711 promettono come terapia innovatrice per infarto diastolico perché le terapie attualmente disponibili specificamente non mirano alle pareti d'irrigidimento della nave e del cuore causate dalle matrici patologiche della glucosio-proteina chiamate prodotto finito avanzato della glicosilazione (A.G.E.) Legami incrociati. La formazione di A.G.E. Crosslinks è una parte naturale del processo di invecchiamento che può condurre all'irrigidimento ed alla perdita di funzione in tessuti, organi e navi compreso il cuore e le grandi arterie. Nella prova clinica umana precedente, ALT-711 ha indicato la capacità di ristabilire l'elasticità alle pareti del vaso sanguigno fendendo il A.G.E. Crosslinks. * Ulteriormente, in parecchi studi preclinici ALT-711 è stato indicato per normalizzare l'ispessimento del ventricolo sinistro e per ritoccare il cuore. „ **

(Noti per favore che questi ricercatori usano il prodotto finito della glicosilazione avanzato termine (A.G.E.), che è un altro modo di dichiarare i prodotti finiti o “i glycotoxins„ avanzati di glycation.)

Il prolungamento della vita lungamente ha sostenuto che l'alto costo del guadagno dell'FDA-approvazione rifiuta ad Americani l'accesso ai composti di salvataggio quale ALT-711. *** Che può prendere così lungamente affinchè un nuovo composto si trasformi in “in una droga„ approvata, quel capitale esaurito molte società prima che possano conformarsi alle procedure regolarici bizantini di FDA. Il risultato è che gli Americani muoiono anche se le terapie potenzialmente efficaci si siedono nella sala di attesa di FDA.

Poiché non possiamo ancora invertire gli effetti patologici del glycation, diventa critico per quelli che cercano di impedire l'invecchiamento prematuro per rallentare almeno questo processo letale. La prevenzione degli alimenti cucinati a temperatura elevata e completare con mg 1000 un il giorno del carnosine sono i migliori modi dell'attenuazione del processo di glycation.

Il *Wolffenbuttel BH, et al. interruttori dei prodotti finiti avanzati di glycation ristabilisce le grandi proprietà dell'arteria in diabete sperimentale. Proc Acad nazionale Sci U.S.A., 14 aprile 1998; 958:4630-4.
** Veronesi la m. et al. ALT-711, interruttore del legame incrociato del collagene di A, fa diminuire la fibrosi del miocardio e migliora la disfunzione endoteliale nei ratti ipertesi del sale di Dahl. Conferenza annuale di caduta di associazione cinquantacinquesima americani del cuore e sessioni scientifiche del Consiglio per ricerca di ipertensione, settembre 2001.
Proteina C-reattiva di Kanda T. del *** (CRP) nell'apparato cardiovascolare. Rinsho Byori 2001 aprile; 49(4): 395-401.

Che cosa dovreste fare

La maggior parte dei membri del prolungamento della vita seguono uno stile di vita sano che gli aiuti impediscono il glycation e l'infiammazione cronica.

immagine

La produzione infiammatoria di citochina può essere soppressa con il completamento adeguato dell'olio di pesce, di DHEA, della vitamina K e dell'estratto della foglia dell'ortica. Se le analisi del sangue rivelano con insistenza gli alti livelli delle citochine infiammatorie, quindi 400 mg di droga a basso costo chiamata pentoxiphylline possono portare due volte al giorno i livelli infiammatori di citochina giù alle gamme sicure.

Che cosa si mangia i giochi un ruolo principale nei processi infiammatori cronici. Il consumo degli alimenti glycemic bassi riduce l'impulso dell'insulina che contribuisce ai processi infiammatori cronici. È inoltre importante da evitare sopra consumo di alimenti su in acido arachidonico (manzo, tuorlo d'uovo, latteria, ecc.).

Ora sappiamo che mangiare troppo sopra cibo cotto causa un aumento in citochine infiammatorie. Dalla maggior parte dei alimenti “del ciarpame„ sono cucinati estremamente alle temperature elevate, ha significato evitare le patate fritte, gli hamburger, le patatine fritte, alimento fritto ed altro fa un spuntino. Questi alimenti non solo contengono i lotti dei glycotoxins, ma inoltre creano altri disordini metabolici che possono indurre la malattia degenerante.

Consumando almeno 1000 mg un il giorno del carnosine e/o 300 mg del aminoguanidine europeo della droga possono inibire le reazioni patologiche di glycation nel corpo. La prevenzione degli alimenti cucinati a temperatura elevata non solo riduce i processi patologici di glycation, ma inoltre impedisce la formazione di numerose tossine gene-subenti una mutazione che sono agenti cancerogeni conosciuti.

Quando l'alimento è cucinato alle temperature elevate, le tossine gene-subenti una mutazione micidiali sono create che aumentano il rischio di cancro umano. Questo avvertimento è stato comunicato per molti anni ai lettori di questa pubblicazione. Ora che l'alimento surriscaldato è associato con l'invecchiamento accelerato, gli individui coscienti di salute hanno un incentivo ancora maggior per prestare attenzione alla loro dieta. Come membro del fondamento del prolungamento della vita, imparate circa i metodi documentati di riduzione del rischio di malattia anni prima di grande pubblico.


immagine

Quelli hanno interessato che già stanno soffrendo dagli effetti di un disordine infiammatorio cronico dovrebbero girarsi verso la pagina seguente per imparare come possono misurare e sopprimere le citochine pro-infiammatorie letali.

Per vita più lunga,

immagine

William Faloon

Ulteriore lettura: Proteggendo dagli effetti letali di infiammazione cronica

Cautela: L'alimento è cucinato per distruggere i batteri ed altri agenti patogeni che potrebbero causare una malattia seria. È importante non mangiare l'alimento non abbastanza cotto, ma evitare l'alimento cucinato inutilmente alle più alte temperature è desiderabile. Determinati alimenti (come gli alimenti fritti) devono cucinare alle temperature elevate. La gente cosciente di salute sempre più sta evitando gli alimenti fritti perché sono associate con molti rischi sanitari.

Nota: Per ulteriori informazioni sul cibo più sano, il collegamento a www.lef.org ed accede ai protocolli ( cronici) di infiammazione e dell'obesità elencati nell'ambito delle preoccupazioni di salute. Inoltre riferisca all'emissione del gennaio 2001 di prolungamento della vita su questo sito Web e clicchi le droghe dell'articolo che inibiscono il danno di tessuto di causa di Cox 2 maggio.


Riferimenti

1. I mediatori infiammatori di Vlassara H et al. sono incitati dai glycotoxins dietetici, un fattore di rischio importante per angiopatia diabetica. Proc Acad Sci gli S.U.A. 2002 26 novembre nazionale; 99(24): 15596-601.

2. Proteina C-reattiva di Kanda T. (CRP) nell'apparato cardiovascolare. Rinsho Byori 2001 aprile; 49(4): 395-401.

3. I livelli del siero di Smith DA et al. della citochina antinfiammatoria interleukin-10 sono diminuiti in pazienti con angina instabile. Circolazione 2001 14 agosto; 104(7): 746-9.

4. Speer P. Nuove visioni della patogenesi di infiammazione polmonare in infanti prematuri. Neonato 2001 di biol; 79 (3-4): 205-9.

5. Espressione dei ricevitori di chemokine CXC di Glabinski AR et al. durante l'encefalomielite autoimmune sperimentale ricadente cronica. Ann N Y Acad Sci 2000; 917:135-44.

6. MN di Ajuebor, et al. Il chemokine RANTES è un mediatore cruciale della progressione da acuto a colite cronica nel ratto. J Immunol 2001 1° gennaio; 166(1): 552-8.

7. PS del Hogan, et al. Una funzione patologica per eotaxin e gli eosinofilo nell'infiammazione gastrointestinale eosinofila. Nat Immunol 2001 aprile; 2(4): 353-60.

8. Shiels IA, et al. fenotipo delle cellule come obiettivo della terapia farmacologica nelle malattie infiammatorie croniche. Med Hypotheses 2000 febbraio; 54(2): 193-7.

9. Licinio J, et al. Il ruolo dei mediatori infiammatori nella biologia della depressione principale: le citochine del sistema nervoso centrale modulano il substrato biologico dei sintomi depressivi, regolano i sistemi sforzo-rispondenti e contribuiscono a neurotossicità e al neuroprotection. Mol Psychiatry 1999 luglio; 4(4): 317-27.

10. Willard libbra, et al. conseguenze patologiche e biochimiche del neuroinflammation acuto e cronico all'interno del sistema colinergico del forebrain basale dei ratti. Neuroscienza 1999 gennaio; 88(1): 193-200.

11. Van der Meide PH, et al. citochine e la risposta immunitaria. Bioterapia 1996; 8 (3-4): 243-9.

12. Blaser MJ. Ipotesi sulla patogenesi e sulla storia naturale da di infiammazione indotta da pilori di helicobacter. Gastroenterologia 1992 febbraio; 102(2): 720-7.

13. Cominelli F, et al. Interleukin-1 nella patogenesi di e nella protezione dalle malattie intestinali infiammatorie. Bioterapia 1989; 1(4): 369-75.

14. Deon D, et al. vie di segnalazione il-6 e il-1 fra di diafonia nei fibroblasti sinoviali di artrite reumatoide. J Immunol 2001 1° novembre; 167(9): 5395-403.

15. Baynes JW, et al. Glycoxidation e lipoxidation nel atherogenesis. Radic libero bio-. Med 28, 1708-1716 (2000).

16. Vendi il Dott, et al. la determinazione longitudinale del glycation del collagene della pelle ed i tassi di glycoxidation predice la morte prematura nei topi di C57Bl/6NNIA. FASEB J 14,145-156 (2000).

17. DG del tintoriale, et al. La reazione di Maillard in vivo. Z Ernahrungswiss 30,29- 45(1991).

18. Monnier VM, et al. brunitura relativa all'età di Acelerated di collagene umano in diabete mellito. Proc Acad nazionale Sci, U.S.A. 81.583- 587(1984).

19. Monnier VM, et al. glycation del collagene della pelle, glycoxidation e reticolazione è più basso negli oggetti con intensivo a lungo termine contro la terapia convenzionale del diabete di tipo 1: rilevanza dei prodotti glicati del collagene contro HbA1c come indicatori delle complicazioni diabetiche. Diabete 48, 870- 880(1999).

20. Schmidt, et al. La COLLERA del ricevitore del multiligand come fattore di progressione che amplifica le risposte immuni ed infiammatorie. J Clin investe 108.949- 955(2001).

21. [Non abbia gli autori] ruolo dei mediatori infiammatori ed emostatici nella disfunzione endoteliale preclinica: Rilevanza ai pazienti ad alto rischio con ipertensione. JACC (completi A) 6 marzo 2002; 39 (5): p.209A.

22. ANNUNCIO di Pradhan, et al. proteina, interleuchina 6 e rischio C-reattivi di sviluppare il diabete di tipo 2 mellito. JAMA 2001; 286:327-334.

23. TB di Harris, et al. associazioni di interleukin-6 elevato e livelli C-reattivi della proteina con mortalità negli anziani. Med 1999 di J maggio; 106(5): 506-12.

24. Walston J, et al. debolezza ed attivazione dei sistemi di coagulazione e di infiammazione con e senza le morbilità concomitanti cliniche; risultati dallo studio cardiovascolare di salute. Archivi di medicina interna (2002; 162:2333-2341).

immagine


Di nuovo al forum della rivista