Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine novembre 2003
immagine
Boro
Mantiene le ossa, i giunti, neuroni e può ridurre il rischio di carcinoma della prostata
da Stephen B. Strum, M.D., FACP
Oncologo medico che si specializza nel carcinoma della prostata

L'effetto dell'assunzione del boro è stato analizzato in uno studio umano che fa partecipare 12 donne in post-menopausa non su terapia sostitutiva dell'estrogeno. I pazienti erano primi dati una dieta boro-carente che consiste di 0,25 mg di quotidiano del boro per i 119 giorni. Ciò è stata seguita da un periodo dei 48 giorni in cui gli stessi pazienti hanno ricevuto il completamento del boro ad una dose di 3 mg al giorno. I pazienti inoltre sono stati studiati durante i periodi di assunzione adeguata del magnesio contro la carenza di magnesio. Privazione di boro e/o di cambiamenti causati magnesio che sono simili a quelli veduti in donne con osteoporosi in post-menopausa, compreso perdita aumentata di calcio urinario. Tuttavia, in donne che ricevono 3 mg di boro al giorno, le perdite urinarie sia di calcio che di magnesio sono state diminuite significativamente, particolarmente se il magnesio dietetico fosse basso. Inoltre sono stati notati i livelli aumentati di calcio ionizzato plasma, di beta estradiolo e di testosterone.12

Interazioni del boro del <=> di vitamina D
Il boro manifesta gli effetti integranti supplementari sul metabolismo dell'osso nelle sue azioni per quanto riguarda la vitamina D (colecalciferolo). La vitamina D colpisce l'assorbimento e l'utilizzazione di calcio ed inoltre ha effetti anticancro importanti concernente il rallentamento della proliferazione delle cellule del tumore.13 vitamine D migliora l'assorbimento del calcio tramite lo stomaco e l'intestino tenue. L'effetto di boro sul sollevare i livelli del calcio del plasma può, in parte, essere dovuto il suo effetto di miglioramento sulla vitamina il D.14 ancora, il boro sta fungendo da un assistente, un agente di sostegno e/o un agevolatore per mantenere l'integrità dell'osso nelle sue azioni sulla vitamina D e sul calcio.

L'EFFETTO DEL BORO SULL'ARTRITE

L'inibizione di enzimi quali le proteasi della serina (per esempio, PSA) è stata citata relativamente agli effetti anticancro di boro. In un esame della letteratura sulle attività metaboliche del boro, la caccia ed altri inoltre ha sottolineato il giù-regolamento di altre attività enzimatiche da boro.15 per esempio, il boro è stato indicato per inibire il ciclo-ossigenasi (COX) e la lipossigenasi (SALMONE AFFUMICATO). Questi due enzimi mediano la cascata infiammatoria e sono pertinente alle terapie dirette contro le circostanze infiammatorie. Tali capacità antinfiammatorie di boro sono chiaramente pertinente al suo effetto anticancro, perché la riduzione degli enzimi di COX II e del SALMONE AFFUMICATO conduce ad una diminuzione in prostaglandina E2 (PGE2) e ad altri eicosanoidi sfavorevoli quali i leucotrieni. Questi prodotti della scomposizione ormonali di acido arachidonico sono stati discussi ed illustrato stati in un articolo su carcinoma della prostata nella rivista del prolungamento della vita del giugno 2003. Ora sappiamo che il metabolismo dell'acido grasso omega-6 che è permesso continuare giù questa via rappresenta uno stimolo vitale per l'angiogenesi e la crescita del cancro.

Molto le stessi prostaglandine e leucotrieni sono mediatori dei termini infiammatori quali la malattia di giunto degenerante e l'osteoartrite. PGE2 ed i leucotrieni sono stati implicati nel causare i problemi con il gonfiamento unito, il moto unito limitato ed altri reclami artritici. Gli agenti antiartritici come il solfato della glucosamina funzionano con inibizione di COX II e PGE2 sopprimendo la kappa nucleare di fattore beta (NfkappaB) — una citochina proinflammatory.18,19 c'è inoltre prova che il boro ha simili modi di azione nella riduzione delle circostanze artritiche.20-22 questi risultati sono sostenuti clinicamente da prova che indica che le aree del mondo con i bassi livelli di boro nel suolo hanno un'più alta percentuale della gente che soffre dall'artrite rispetto alle regioni con i livelli elevati del suolo di boro. C'è inoltre prova epidemiologica che nelle aree del mondo in cui l'assunzione del boro è 1 mg o di meno al giorno, l'incidenza stimata dell'artrite varia da 20% a 70%, mentre nelle aree del mondo in cui l'assunzione del boro è solitamente mg 3-10, l'incidenza stimata dell'artrite varia da 0 a 10%.23 in uno studio di 20 pazienti con l'osteoartrite, il 50% chi ha ricevuto un supplemento quotidiano di 6 mg di miglioramento soggettivo celebre boro (meno dolore su movimento), mentre soltanto 10% di coloro che aveva ricevuto il placebo è migliorato sopra lo stesso intervallo di tempo.24

Fonti di boro
Il boro è un minerale della traccia che è trovato in frutti dell'non agrume quali le prugne, l'uva rossa, le mele, le pere e gli avocado come pure in legumi ed in dadi. È inoltre presente nelle quantità significative in caffè e vino rosso. I frutti secchi contengono una quantità elevata di boro molto che la frutta fresca. Per esempio, le prugne fresche contengono 0,45 mg di boro per 100 grammi (g), ma dello stesso peso delle prugne secche (circa 12 prugne) contiene 2,15 mg di boron.1 sebbene il boro attualmente non sia considerato un elemento essenziale nella dieta degli esseri umani, molti scienziati crede che meriti lo stato come “ultratrace„ essenziale element.35 il consumo dietetico usuale del boro in esseri umani è 1-2 mg/giorno per gli adulti. Ma i requisiti del boro possono essere alti quanto mg 9-12 al giorno.

In un altro studio, l'osso adiacente ai giunti con l'osteoartrite tende più di meno ad essere mineralizzato che l'osso di controllo e l'osso dai pazienti di frattura. Interessante, i campioni dell'osso in tali istanze hanno concentrazioni significativamente più basse di boro.25

Infine, ci sono stati studi che mostrano che gli effetti antiartritici di S-adenosylmethionine (stesso) sono equivalenti a quelli veduti con gli agenti antinfiammatori non steroidei (NSAIDs) ma senza la tossicità veduta con NSAIDs.27-29 inoltre interessante è un rapporto che indica un'affinità molto alta di stessi per boro.30 una considerazione interessante sarebbero di valutare l'efficacia di stessi nella riduzione dei sintomi artritici nella relazione al consumo del boro ed ai livelli ematici del boro.

L'EFFETTO DEL BORO SULLA FUNZIONE DEL CERVELLO

Ci sono molti paralleli fra le applicazioni mediche di NSAIDs e le proprietà biologiche di boro. Questi benefici comuni possono essere dovuto i meccanismi comuni in questione nel giù-regolamento delle citochine pro-infiammatorie e la riduzione successiva in enzimi di COX II e del SALMONE AFFUMICATO. Questi meccanismi forniscono una certa spiegazione per i benefici clinici positivi di boro come quelli veduti in pazienti relazione del boro e di artrite alla riduzione dell'incidenza di carcinoma della prostata ed eventualmente dell'uso di boro nel trattamento di carcinoma della prostata. Poiché ora è comunemente accettato che l'uso sistematico di NSAIDs riduce significativamente l'incidenza del morbo di Alzheimer,31,32 non è sorprendente che le carte sono state pubblicate sull'effetto positivo del boro sulla funzione conoscitiva.33

Esperimenti eseguiti ed altri di Penland in uomini ed in donne per studiare il ruolo funzionale di boro relativamente ad elettrofisiologia del cervello ed alla prestazione conoscitiva (vedi la tabella 2). I risultati sono stati paragonati in uomini più anziani ed in donne in buona salute mentre su una dieta sfavorita di boro contro una dieta ad ampio boro (circa 0,25 mg boron/2000 kcal/giorno contro circa 3,25 mg boron/2000 kcal/giorno). La capacità dei pazienti di eseguire le abilità che comprendono la cognizione e le mansioni psicomotorie sono state valutate e mostrato il danno significativo durante la dieta boro-sfavorita. I modelli delle onde cerebrali sono stati valutati facendo uso di un elettroencefalogramma (elettroencefalogramma) ed hanno mostrato una proporzione aumentata di attività a bassa frequenza in pazienti sulla dieta boro-sfavorita. I simili risultati sono osservati spesso in risposta alla tossicità generale del metallo pesante e di malnutrizione. Gli autori hanno concluso da tali dati che il boro sembra svolgere un ruolo significativo nella funzione del cervello umano e nella prestazione conoscitiva e che il boro fosse una sostanza nutriente essenziale per gli esseri umani.26

BORO: ALTRE FUNZIONI

La soluzione acida borica (3%) migliora drammaticamente la guarigione arrotolata con azione sulla matrice extracellulare, trovando quello è stata ottenuta in vitro.34

Funzione studiata

dieta Boro-sfavorita

Boro-ampia dieta

valore di p

Destrezza manuale
coordinazione della Occhio-mano
Attenzione
Percezione
Codifica e memoria a breve termine
Memoria a lungo termine

In diminuzione

Normale

<0.5

Elettroencefalogramma (elettroencefalogramma)
analisi spettrale

 

 

 

Attività a bassa frequenza

Più su

Più basso

<0.5

Attività ad alta frequenza

Più basso

Più su


TABELLA 2: Effetti di privazione del boro sulla prestazione conoscitiva e su Brain Activity. Negli studi multipli, gli uomini più anziani e le donne hanno mostrato statisticamente il danno significativo nella funzione conoscitiva su una dieta del basso boro rispetto ad una dieta ampia in boro. L'attività di elettroencefalogramma era inoltre anormale in pazienti sulla dieta del basso boro.26

TOSSICITÀ DEL BORO

Nei 1870s, è stato determinato che il borato di sodio (borace, una forma di boro) ha avuto la capacità di conservare gli alimenti. Nel corso dei 50 anni successivi, i borati sono stati stimati come preservativi e sono stati usati per estendere il sapore gradevole del pesce, della carne, della crema e del burro.35 la prima prova del potenziale per la tossicità connessa con il consumo del borato hanno accaduto nel 1904. I volontari dell'essere umano, consumanti oltre 500 mg al giorno di acido borico, hanno avuti sintomi di appetito, della nausea, del disturbo addominale e della diarrea in diminuzione. Dopo che questo è stato riferito, l'uso di boro come un preservativo di alimento e rinforzatore del gusto notevolmente è diminuito e da ora alla metà del 1950 il boro di s essenzialmente è stato vietato universalmente nell'industria alimentare. Ironicamente, il boro è stato sostituito con glutammato monosodico che è stato indicato per essere 36neurotossici eppure rimanere nell'uso molto diffuso.

I composti del boro sono tossici a tutte le specie provate alle dosi elevate, ma non sono cancerogeni o mutageni.37 uno studio sulla tossicità inerente allo sviluppo del ratto di boro non hanno determinato “un livello osservato di effetto contrario (NOAEL) di 9,6 mg di boro per chilogrammo al giorno. Gli studi di tossicologia di boro in esseri umani hanno indicato la sicurezza fino ad un'assunzione quotidiana massima di 0,3 mg/kg di boro, che uguaglia con un'assunzione quotidiana di 18 mg di boro per un individuo da 60 chilogrammi (132-pound).38

Quattro pazienti con l'acido borico elevato del siero livella dopo singolo, le ingestioni acute di 10-297 grammi sono state riferite al centro della droga e di Rocky Mountain Poison (RMPDC) fra gennaio 1983 e agosto 1985. In questi casi, gli effetti sistemici erano assenti. Nel 1983-4, 364 casi dell'esposizione dell'acido borico sono stati riferiti al RMPDC, con la soltanto una fatalità da un'ingestione cronica probabile. In questo caso, vomitare, la nausea, la diarrea ed i crampi addominali erano presenti. Queste osservazioni suggeriscono che l'avvelenamento significativo sia improbabile da derivare da una singola, ingestione acuta di acido borico.39

Un rapporto da Pinto ed altri ha indicato che l'ingestione dell'acido borico può indurre le perdite urinarie di vitamina B2 (riboflavina).40 pazienti che prendono i supplementi del boro possono desiderare anche considerare il completamento della vitamina di B. Gordon ed altri ha riferito un caso di due infanti che utilizzano le tettarelle immerse in una soluzione del miele-borace durante parecchie settimane nel 1973. Questi infanti hanno avuti risultati di perdita di capelli, dell'anemia e dei sequestri. Tutti i segni e sintomi sono scomparso dopo la sospensione del preparato del miele ed il borace.41

Gli effetti critici di boro in parecchie specie comprendono la tossicità riproduttiva maschio e la tossicità inerente allo sviluppo. Gli effetti testicolari si sono presentati a circa 26 milligrammi degli equivalenti del boro per chilogrammo di peso corporeo al giorno. I dati sulla tossicità endocrina comprendono i livelli alterati del testosterone e dell'ormone follicolo stimolante entro 14 giorni di trattamento.37 è importante sottolineare che le dosi che causano questi effetti sono ben superiori ai livelli a cui la popolazione umana potrebbe essere esposta. Gli esseri umani dovrebbero consumare il quotidiano circa 3,3 grammi di acido borico (o 5,0 grammi di borace) per ingerire lo stesso livello di dose dell'animale più basso NOAEL. Nessun effetto su fertilità è stato visto in una popolazione dei lavoratori esposti ai borati o ad una popolazione ha esposto ai livelli elevati ambientali del borato.42 di conseguenza, la probabilità della tossicità del boro causata da acido borico e dai borati inorganici è a distanza.

Continuato alla pagina 3 di 3