Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine ottobre 2003
Avvocati pazienti Sue FDA sopra la droga Access

Richiede a Food and Drug Administration un la media di quasi sette anni per approvare i farmaci anticancro nuovi di promessa. Per la maggior parte dei pazienti malato terminali, quello non è quasi abbastanza veloce. Ora gli avvocati pazienti stanno portando FDA nel tribunale in uno sforzo per forzare l'agenzia migliorare il suo processo di approvazione.

Alla fine di luglio, Washington Legal Foundation ha citato FDA ed il ministero dei servizi sanitari e sociali nel tribunale di prima istanza degli Stati Uniti a nome di Abigail Alliance per migliore Access alle droghe inerenti allo sviluppo, ad un gruppo di pressione basato a Virginia per i pazienti malato terminali. La causa si contende che il processo tortuoso dell'droga approvazione di FDA efficacemente rifiuta a malati di cancro malato terminali l'accesso ai farmaci anticancro sperimentali, quindi violanti i loro diritti costituzionali.

Alliance affonda Frank Burroughs nominato il gruppo dopo sua figlia Abigail, che due anni fa soccombuti a cancro all'età 21 dopo la prova senza successo di ottenere accesso a due farmaci anticancro sperimentali. La causa del gruppo inoltre dettaglia le lotte affrontate da altri pazienti di Alliance che sono stati invitati dai loro medici a provare le droghe sperimentali dopo che le terapie tradizionali sono venuto a mancare. Nessuno dei pazienti di Alliance poteva entrare nel gruppo molto limitato che ha partecipato ai test clinici delle compagnie farmaceutiche.

La causa chiama su FDA per dare l'approvazione iniziale speciale alle droghe sperimentali che mostrano l'efficacia e per permettere la loro vendita e distribuzione ai pazienti senza altre opzioni approvate del trattamento. FDA stava trattenendo dell'l'esame in attesa di commento della causa.

La vitamina A offre la protezione di trattamento radioattivo

Gli individui che ricevono il trattamento per cancro cervicale, carcinoma della prostata o cancro colorettale possono trovare il sollievo significativo dagli effetti di proctopathy indotto da radiazioni prendendo la vitamina A orale.

Le ulcere anali indotte da radiazioni caratterizzate da diarrea, da urgenza, da dolore rettale, da emorragia rettale e dall'incontinenza fecale possono accadere sei mesi o più dopo irradiamento della prostata e delle malignità pelviche. Nei pazienti maschii che femminili di una prova controllata con placebo della prova alla cieca, sia con le ulcere anali indotte da radiazioni sono stati trattati con successo con vitamina A orale. * Il gruppo di prova ha consistito di 14 maschi e di due femmine con un'età media di 71. Dei pazienti iscritti, 13 erano stati trattati per carcinoma della prostata, due erano stati trattati per cancro cervicale ed uno era stato trattato per cancro rettale. Otto pazienti sono stati randomizzati due volte al giorno per vitamina A (8000 IU) ed otto pazienti sono stati randomizzati per placebo. Dopo tre mesi, sette di otto pazienti (88%) hanno avuti una riduzione significativa dei parametri di sintomo basati sul test esatto di Fisher contro due di otto pazienti (25%) su placebo. Cinque nonresponders a placebo poi sono stati dati la stessa dose terapeutica di vitamina A e sono stati risposti favorevole al trattamento. I ricercatori hanno concluso che i soggetti Un-trattati vitamina hanno mostrato una riduzione significativa dei sintomi di proctopathy rispetto a placebo. La funzione rettale migliore e l'emorragia in diminuzione sono state attribuite alla guarigione arrotolata e riparano le proprietà di vitamina A.

Riferimenti

*Levitsky, vitamina A orale del J. et al. per il trattamento di radiazione cronica proctopathy: una prova controllata randomizzata. Gastroenterologia, 2003,124 (4), supplemento. 1.

Aspirin è efficace quanto la ticlopidina

Uno studio importante dei pazienti afroamericani del colpo è stato fermato presto in cui aspirin è stato trovato per essere altrettanto efficace quanto la ticlopidina del farmaco antipiastrinico di prescrizione nell'impedire il colpo ricorrente, l'attacco di cuore e la morte vascolare.

Gli afroamericani sono approssimativamente due volte al rischio di avere un colpo confrontato ad altri gruppi razziali, eppure sono spesso sottorappresentati nei test clinici. Per questo motivo, i ricercatori medici hanno formato lo studio antipiastrinico afroamericano di prevenzione del colpo (AAASPS), acquartierato alla Attività -Presbiteriano-st. Il centro medico di Luke in Chicago. Il programma di AAASPS ha compreso 1.809 pazienti afroamericani a più di 60 ospedali ed i centri medici negli Stati Uniti.

Lo studio è stato destinato per determinare l'efficacia e la sicurezza di aspirin e della ticlopidina nell'impedire il colpo ricorrente ed altri eventi vascolari in pazienti afroamericani che già avevano avvertito un colpo ischemico noncardioembolic. Dei 1.809 pazienti, 902 ricevuti a caso 500 milligrammi (mg) al giorno della ticlopidina, mentre 907 pazienti hanno ricevuto 650 mg al giorno di aspirin. Lo studio era prova alla cieca, in quanto nè i ricercatori nè i partecipanti hanno conosciuto quale farmaco stavano prendendo.

Sebbene lo studio sia preveduto funzionare fino ad ottobre 2003, è stato fermato nel luglio 2002 dal bordo di monitoraggio della sicurezza e di dati nominato dagli istituti della sanità nazionali quando le analisi statistiche hanno indicato che c'erano di meno che una probabilità di 1% della ticlopidina che è significativamente migliore di aspirin se lo studio fosse di continuare a completamento. Le analisi hanno indicato una probabilità di 50% - di 40% di aspirin che è significativamente migliore della ticlopidina nella riduzione del rischio di colpo ricorrente se la prova continuasse a completamento.

“La decisione del bordo di monitoraggio della sicurezza e di dati per fermare lo studio è stata basata sulla futiltà potenziale di uso di ticlopidina per il punto finale primario di risultato di studio e la piccola probabilità, ma il potenziale per gli eventi avversi seri fra i pazienti ticlopidina-trattati,„ ha indicato i ricercatori in loro articolo che è stato pubblicato nell'edizione dell'11 giugno 2003 del giornale di American Medical Association. *

Dopo 6,5 anni di seguito, 106 pazienti nel gruppo di ticlopidina hanno avvertito un colpo successivo, mentre soltanto 86 pazienti nel gruppo di aspirin hanno avuti un colpo. Inoltre, nove dei pazienti di ticlopidina hanno avuti un attacco di cuore confrontato a soltanto otto dei pazienti di aspirin. Ogni gruppo ha sperimentato 18" morti vascolari„ durante il periodo di studio.

“Abbiamo pensato che la ticlopidina fosse sostanzialmente migliore di aspirin nella riduzione i colpi, gli attacchi di cuore e della morte ricorrenti. Non abbiamo trovato quello,„ ha detto lo studio Dr autore. Philip Gorelick dell'istituto universitario medico di attività  in Chicago.

Inoltre, il gruppo di ticlopidina ha avvertito gli eventi avversi leggermente più seri e non seri che il gruppo di aspirin (29,9% contro 28,9% complessivi). Dei pazienti di ticlopidina, 3,4% conteggi di globulo bianchi significativamente bassi sviluppati, confrontati a soltanto 2,2% dei pazienti nel gruppo di aspirin. La diarrea è stata riferita leggermente più spesso nel gruppo di ticlopidina che il gruppo di aspirin (0,3% contro 0,2%). Tuttavia, l'emorragia principale del tratto gastrointestinale si è presentata più frequentemente fra il gruppo di aspirin (0,9% contro 0,4%).

Aspirin è molto meno costoso che la ticlopidina. Il rifornimento di un mese della ticlopidina potrebbe superare facilmente $100, mentre aspirin costa soltanto i penny al giorno. Inoltre, le analisi del sangue devono essere eseguite ogni due settimane durante i primi tre mesi di uso della ticlopidina, aggiungendo più ulteriormente alla spesa ed all'inconveniente.

“Aspirin è molto meno costoso che altri agenti antipiastrinici importanti, è disponibile facilmente, di facile impiego e relativamente sicuro,„ ha concluso i ricercatori. “Il confronto testa a testa con altri agenti indica che può essere difficile da superare aspirin come terapia di prevenzione del colpo in alcuni pazienti ischemici noncardioembolic del colpo.„

“I nostri dati mettono in dubbio la superiorità della ticlopidina di tienopiridina nei pazienti ischemici non-cardioembolic neri del colpo e suggeriscono che la ticlopidina sia improbabile da essere superiore ad aspirin per la prevenzione del colpo ricorrente e degli eventi vascolari di maggiore in questi pazienti. Ancora, la ticlopidina può avere un profilo avverso meno favorevole e potenzialmente serio di evento. Di conseguenza, aspirin è un primo agente choice ragionevole di prevenzione in pazienti neri aspirin-tolleranti con il colpo ischemico noncardioembolic.„

— Marc Ellman, M.D.

Riferimenti

PB del *Gorelick, et al. Aspirin e ticlopidina per la prevenzione del colpo ricorrente in pazienti neri: una prova randomizzata. JAMA 2003 11 giugno; 289(22): 2947-57.

Continuato alla pagina 2 di 2