Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine settembre 2003
immagine
Alpha Lipoic Acid, Acetile-L-carnitina e Carnosine
L'ultima ricerca significativa su questo trio potente del prolungamento della vita

Da Tim Batchelder, B.A.

Gli aiuti di ALC mantengono la funzione epatica, che è essenziale per disintossicazione. Uno nuovo studio ha trovato che ALC quasi completamente ristabilisce il declino età-dipendente nel consumo di ossigeno, nella gluconeogenesi, nella sintesi dell'urea e nella chetogenesi trovata nel fegato di vecchi ratti ai livelli trovati in giovani ratti.37 aiuti di ALC inoltre impediscono l'epatotossicità ed aumenta la sopravvivenza durante la chemioterapia con gli agenti d'alchilazione heptotoxic per cancro.38 ALC e l'ALA sono utili nel trattamento della tossicità mitocondriale del nervo e del muscolo causata tramite la terapia analogica dell'inibitore della trascrittasi inversa del nucleosidico per HIV-AIDS.39 ALC inoltre migliorano la disintossicazione di etanolo nel fegato come pure negli effetti collaterali sgradevoli di disintossicazione. Per esempio, riduce significativamente l'inizio dei tremori nella sindrome da astinenza dell'etanolo come pure il livello di assunzione dell'etanolo in ratti dipreferenza.40 uno nuovo studio indicano che ALA (e la sua alfa-lipoamide chimica del cugino (LM) può lavorare come antiossidante chelatando il ferro quale è compreso nella morte delle cellule dalla rottura lisosomiale.41 ulteriore, poiché ha un'affinità particolare per l'ALA del fegato può anche trattare i danni al fegato da avvelenamento del fungo, dal veleno del serpente, dall'acetaldeide e dall'epatite virale. L'ALA è stata studiata estesamente negli anni 50 per radioprotezione ed è stata trovata per essere più efficace dell'altra radio-protectants comune quale la cisteamina. È stato messo per usare per le vittime di Cernobyl e come composto solforato, può legare ed eliminare i metalli pesanti. L'ALA inoltre è indicata per fare diminuire la perossidazione lipidica correlata al fumo.42 per concludere, il carnosine è un radioprotectant potente ed impedisce il danno dal freddo, dall'ipertermia e dall'ipossia.43

Contributo ad energia, al recupero del muscolo ed alla perdita di peso
L'esercizio crea un onere gravoso di attività del radicale libero, che le rende un obiettivo naturale per gli antiossidanti potenti come l'ALA, ALC e il carnosine. Parecchi studi recenti hanno esaminato come questi composti funzionano per proteggere il tessuto del muscolo durante l'esercizio e per mantenere i depositi di energia. Per esempio, uno studio ha notato che il carnosine inibisce la perossidazione lipidica e la modifica ossidativa di proteina nel tessuto del muscolo.44 che funziona come un amplificatore di pH per proteggere le cellule di muscolo dall'ossidazione nelle circostanze acide di sforzo muscolare. Simile, l'ALA fa diminuire la perossidazione lipidica ed accumulazione dell'acido lattico ed aumenta i livelli di glutatione, vitamine C ed E e le attività degli enzimi mitocondriali, che impedisce il danno di tessuto e migliora la sintesi di ATP (energia).l'ALA 45 inoltre aiuta la sindrome cronica di affaticamento.46 per concludere, ALA ed esercizio interattivi ad un modo additivo per migliorare azione dell'insulina in muscoli scheletrici insulina-resistenti in ratti obesi.47

Conclusione
L'impulso della ricerca recente sulle sinergie e sui benefici antinvecchiamento dell'ALA, di ALC e del carnosine sta rendendo loro un'aggiunta importante a tutto il piano di supplemento. Che cosa è così emozionante è la versatilità di questi composti antiossidanti, che sembrano lavorare in tanti sistemi del corpo, dal sistema nervoso il cardiovascolare, osteomuscolare ed ai sistemi immunitari. In tal modo possono efficacemente combattere le malattie principali del nostro tempo compresi il diabete, declino conoscitivo ed Alzheimer, malattia cardiaca, l'obesità e disturbi immunitari quali cancro e HIV-AIDS.

Riferimenti

1. Liu J, et al. perdita di memoria in vecchi ratti è associato con decadimento mitocondriale del cervello e l'ossidazione di RNA/DNA: inversione parziale alimentando aceyl-l-carnitina e/o R-alfa acido lipoico. Proc Acad Sci U.S.A. 2002 19 febbraio nazionale; 99(4): 2356-61.

2. Hagen TM, et al. acetile-l-carntine d'alimentazione ed acido lipoico ai vecchi ratti migliora significativamente la funzione metabolica mentre fa diminuire lo sforzo ossidativo. Proc Acad Sci U.S.A. 2002 19 febbraio nazionale; 99(4): 1870-5.

3. Giancaterini A, et al. infusione della Acetile-L-carnitina aumenta la disposizione del glucosio nel tipo - 2 pazienti diabetici. Metabolismo 2000 giugno; 49(6): 704-8.

4. Yamano T, et al. effetto di L-carnosine sull'iperglicemia causata tramite un'iniezione intracranica di deoxy-D-glucosio 2 in ratti. Neurosci Lett 2001 2 novembre; 313 (1-2): 78-82.

5. Imballatore L, et al. aspetti molecolari di acido lipoico nella prevenzione delle complicazioni del diabete. Nutrizione 2001 ottobre; 17(10): 888-95.

6. Ford I, et al. Gli effetti del trattamento con l'olio alfa-lipoico dell'enagra o dell'acido sui fattori di rischio vascolari del lipido ed emostatici, sul flusso sanguigno e sulla conduzione periferica del nervo nel ratto streptozotocin-diabetico. Metabolismo 2001 agosto; 50(8): 868-75.

7. Coppola LJ, et al. effetto del trattamento antiossidante dai dei ratti diabetici indotti streptozotocin su flusso sanguigno endoneurial, velocità di conduzione del nervo motore e reattività vascolare delle arteriole epineurial del nervo sciatico. Diabete 2001 agosto; 50(8): 1927-37.

8. Ne di Cameron, et al. effetto di acido alfa-lipoico sulle risposte vascolari e nocicezione in ratti diabetici. Radic biol Med 2001 1° luglio libero; 31(1): 125-35.

9. Heitzer T, et al. effetti benefici di acido alfa-lipoico e di acido ascorbico su vasodilatazione ossido-mediata dipendente dall'endotelio e nitrica in pazienti diabetici: relazione ai parametri dello sforzo ossidativo. Radic biol Med 2001 1° luglio libero; 31(1): 53-61.

10. Ukeda H, et al. effetto del carnosine e dei composti riferiti sull'inattivazione di Cu umano, dismutasi del Zn-superossido tramite modifica di fruttosio e glycolaldehyde. Biochimica 2002 di Biosci Biotechnol gennaio; 66(1): 36-43.

11. Hipkiss AR. “Sulla lotta fra chimica e biologia durante l'invecchiamento„--implicazioni per la riparazione del DNA, apoptosi e proteolisi e un itinerario novello di intervento. Biogerontology 2001; 2(3): 173-8.

12. L'imballatore ha lasciato gli aspetti molecolari di Al di acido lipoico nella prevenzione delle complicazioni del diabete. Nutrizione 2001 ottobre; 17(10): 888-95.

13. Melhem MF, et al. acido Alfa-lipoico attenua l'iperglicemia ed impedisce l'espansione di matrice mesangial glomerulare in diabete. J Soc Nephrol 2002 gennaio; 13(1): 108-16.

14. Virmani mA, et al. L'azione di acetile-L-carnitina sulla neurotossicità evocata dai frammenti e dal perossido dell'amiloide sui neuroni corticali del ratto primario. Ann N Y Acad Sci 2001 giugno; 939:162-78.

15. Zhang L, et al. acido Alfa-lipoico protegge i neuroni corticali del ratto dalla morte delle cellule indotta dal perossido di idrogeno e dell'amiloide con il Akt che segnala la via. Neurosci Lett 2001 26 ottobre; 312(3): 125-8.

16. Dukic-Stefanovic S, et al. INVECCHIA nell'invecchiamento del cervello: Età-inibitori come droghe neuroprotective ed antidemenziali? Biogerontology 2001; 2(1): 19-34.

17. Valuti il DL, et al. chelatante l'attività degli inibitori avanzati del prodotto finito di glycation. J biol Chem 2001 28 dicembre; 276(52): 48967-72.

18. Ando S, et al. potenziamento di capacità di apprendimento e funzione sinaptica colinergica da carnitina nei ratti di invecchiamento. J Neurosci ricerca 2001 15 ottobre; 66(2): 266-71.

19. Pettegrew JW, et al. proprietà fisico-chimiche, metaboliche e terapeutiche della Acetile-L-carnitina: rilevanza per il suo modo di azione nel morbo di Alzheimer e nella depressione geriatrica. Mol Psychiatry 2000 novembre; 5(6): 616-32.

20. Sorbi S, et al. prova alla cieca, incrocio, test clinico controllato con placebo con l'L-acetilcarnitina in pazienti con l'atassia cerebellare degenerante. Clin Neuropharmacol 2000 marzo-aprile; 23(2): 114-8.

21. Andreassen OA, et al. acido lipoico migliora la sopravvivenza nei modelli transgenici del topo della malattia di Huntington. Neuroreport 2001 29 ottobre; 12(15): 3371-3.

22. Hager K, et al. acido Alfa-lipoico come nuova opzione di trattamento per il tipo demenza di Azheimer. Arco Gerontol Geriatr 2001 giugno; 32(3): 275-282.

23. Gonzalez-Perez O, et al. effetti benefici di acido alfa-lipoico più la vitamina E sul deficit neurologico, gliosis reattivo e ritocco di un neurone nella penombra del cervello ischemico del ratto. Neurosci Lett 2002 15 marzo; 321 (1-2): 100-4.

24. Piotrowski P, et al. morte di un neurone nell'ippocampo del ratto in diabete sperimentale ed ischemia cerebrale ha trattato con gli antiossidanti. Folia Neuropathol 2001; 39(3): 147-54.

25. Liu J, et al. perdita di memoria in vecchi ratti è associato con decadimento mitocondriale del cervello e l'ossidazione di RNA/DNA: inversione parziale alimentando acetile-L-carnitina e/o R-alfa - acido lipoico. Proc Acad Sci gli S.U.A. 2002 19 febbraio nazionale; 99(4): 2356-61.

26. Hagen TM, et al. acetile-L-carnitina d'alimentazione ed acido lipoico ai vecchi ratti migliora significativamente la funzione metabolica mentre fa diminuire lo sforzo ossidativo. Proc Acad Sci gli S.U.A. 2002 19 febbraio nazionale; 99(4): 1870-5.

27. Zhang WJ, acido Alfa-lipoico di Frei B. inibisce dall'l'espressione indotta TNF alfa della molecola di attivazione N-F-kappaB e di adesione in cellule endoteliali aortiche umane. FASEB J 2001 novembre; 15(13): 2423-32.

28. Decker ea, et al. inibizione di ossidazione della lipoproteina a bassa densità dall'istidina di carnosine. Alimento Chem 2001 di J Agric gennaio; 49(1): 511-6.

29. EL Midaoui A, prevenzione di de Champlain J. di ipertensione, insulino-resistenza e sforzo ossidativo da acido alfa-lipoico. Ipertensione 2002 febbraio; 39(2): 303-7.

30. Takaoka m., et al. effetti di acido alfa-lipoico da su ipertensione indotta da acetato di deoxycorticosterone in ratti. EUR J Pharmacol 2001 20 luglio; 424(2): 121-9.

31. Hipkiss AR, et al. Carnosine, il dipeptide antinvecchiamento e antiossidante, può reagire con i gruppi carbonilici della proteina. Sviluppatore 2001 il 15 settembre invecchiante Mech; 122(13): 1431-45.

32. Roberts PR, GP di Zaloga. Effetti cardiovascolari del carnosine. Biochimica (Mosc) 2000 luglio; 65(7): 856-61.

33. Arivazhagan P, et al. effetto di acido DL-alfa-lipoico sugli enzimi metabolici del glutatione in ratti invecchiati. Exp Gerontol 2001 dicembre; 37(1): 81-7.

34. Koufaki m., et al. inibitori potenti novelli di perossidazione lipidica con gli effetti protettivi contro le aritmia di riperfusione. J Med Chem 2001 22 novembre; 44(24): 4300-3.

35. Imballi il RA, et al. effetti differenziali dell'acido alfa-lipoico antiossidante sulla proliferazione dei linfociti periferici mitogene-stimolati del sangue e cellule di T leucemiche. Mol Immunol 2002 febbraio; 38(10): 733-45.

36. Casciari JJ, et al. Citotossicità dell'ascorbato, dell'acido lipoico e di altri antiossidanti nei tumori in vitro della fibra cava. Br J Cancro 2001 1° giugno; 84(11): 1544-50.

37. Il mp di Mollica, et al. il trattamento della Acetile-L-carnitina stimola il consumo di ossigeno e la funzione biosintetica in fegato irrorato di giovani e vecchi ratti. Cellula Mol Life Sci 2001 marzo; 58(3): 477-84.

38. Niang m., Melka M. Effect di acetile-L-carnitina sulla leucemia L1210 resistente al mitoxantrone. Acta Medica (Hradec Kralove) 2000; 43(4): 125-8.

39. Patrick L. Nutrients e HIV: parte tre - N-acetilcisteina, acido alfa-lipoico, L-glutamina e L-carnitina. : Altern Med Rev 2000 agosto; 5(4): 290-305.

40. NG di Mangano, et al. effetto di acetile-L-carnitina sul consumo dell'etanolo e sulla sindrome di astinenza dell'alcool in ratti. Ricerca 2000 di Exp Clin delle droghe; 26(1): 7-12.

41. Gli HL di Persson, et al. acido ed alfa-lipoamide Alfa-lipoici impediscono da rottura e dagli gli apoptosi lisosomiali indotti da ossidante. Rappresentante 2001 di redox; 6(5): 327-34.

42. Dietrich m., et al. il completamento antiossidante fa diminuire i isoprostanes di biomarcatore F (2) di perossidazione lipidica - in plasma dei fumatori. Biomarcatori Prev 2002 di Epidemiol del Cancro gennaio; 11(1): 7-13.

43. Akhalaia MIa, et al. effetto del carnosine naturale di radioprotector sul sistema dell'ossidasi della istamina-diammina del miocardio del ratto dopo azione di vari fattori estremi. Biol Radioecol 2001 di Radiats gennaio-febbraio; 41(1): 56-8.

44. Nagasawa T, et al. in vitro e in vivo inibizione di ossidazione del lipido e della proteina del muscolo dal carnosine. Mol Cell Biochem 2001 settembre; 225 (1): 29-34.

45. Arivazhagan P, et al. effetto di acido DL-alfa-lipoico sugli enzimi mitocondriali in ratti invecchiati. Le bioe di Chem interagiscono il 28 novembre 2001; 138(2): 189-98.

46. CA di Logan, sindrome di affaticamento di Wong C. Chronic: sforzo ossidativo e modifiche dietetiche. Altern Med Rev 2001 ottobre; 6(5): 450-9.

47. Saengsirisuwan V, et al. interazioni di addestramento di esercizio ed acido lipoico su trasporto del glucosio del muscolo scheletrico nei ratti obesi di Zucker. J Appl Physiol 2001 luglio; 91(1): 145-53.