Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine aprile 2004
Olio del Perilla
Una fonte di acido alfa-linoleico Cuore-sano

Indietro negli anni 70, i ricercatori che studiano gli eschimesi sono stati sorpresi imparare che era possibile mangiare una dieta ad alta percentuale di grassi senza coronaropatia di sviluppo. Mentre la loro ricerca è continuato, gli scienziati sono stati fatti sussultare per imparare che quello grassi consumare potrebbe realmente proteggere il cuore e le arterie. Ma non appena affatto il grasso solo gli acidi grassi omega-3, trovati soprattutto in pesce, contribuito a ridurre il rischio di malattia cardiovascolare, nei più bassi livelli di trigliceridi nel sangue e diminuisce le probabilità di sofferenza un attacco di cuore o del colpo.

Gli acidi grassi sono “le particelle elementari„ di grasso, appena poichè gli aminoacidi sono le materie prime di proteina. Di vari acidi grassi omega-3, il più noti sono acido eicosapentanoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA). La gente si riferisce spesso a questi due come olio di pesce, poichè sono i omega-3s primari trovati in pesce. Altri omega-3s includono l'acido alfa-linoleico (ALA), hanno trovato in verdure ed oli. Poiché il corpo umano non fabbrica gli acidi grassi omega-3, devono essere ottenuti dalla dieta o dai supplementi.

Fonti di ALA
L'ALA è trovata in legumi verdi, noci, noci del Brasile, Olio del canola e olio di semi di lino. Assorbente una volta nel corpo, una parte dell'ALA è convertita in EPA, in DHA ed in altre sostanze, molte di cui sono incorporate in membrane cellulari. Là, sono creduti per aiutare l'infiammazione di controllo, per ridurre la probabilità delle piastrine che attaccano inadeguato insieme ai coaguli di sangue della forma e per sopprimere la duplicazione delle cellule tumorali sicure.1

Negli ultimi anni, una nuova fonte di olio del perilla chiamato ALA ha guadagnato il riconoscimento. Derivato dai semi della pianta di perilla frutescens trovata in India, la Birmania, il Giappone e la Cina, olio del perilla è, da composizione, acido alfa-linoleico 50-60%. Il petrolio e l'ALA del Perilla hanno cominciato a generare l'eccitazione come più rapporto di studi che i ricchi di una dieta in ALA possono essere utili nell'impedire la malattia cardiaca, i colpi e l'artrite,2 e che l'olio del perilla può contribuire a ridurre il rischio di tumore del colon, di cancro al seno, di colite, di obesità e di asma.

Olio e tumore del colon del Perilla
Il cancro-Cancro colorettale del colon e retto-è una forma comune e micidiale di cancro. L'associazione del cancro americana stima che nel 2003, circa 105.000 nuovi casi di tumore del colon siano stati diagnosticati, mentre altre 57,000 persone sono morto del colon e del cancro rettale.3 malgrado i miglioramenti nel trattamento medico standard, questo cancro è ancora un uccisore importante.

Desideroso di trovare un nuovo approccio a combattere la malattia, ricercatori giapponesi esaminati come l'olio del perilla colpisce il tumore del colon in animali da laboratorio.4 un gruppo di animali è stato alimentato una dieta che era alta in olio del perilla, un livello in olio di cartamo e due hanno avuti miscele differenti degli oli. Alla conclusione dello studio, i tessuti degli animali sono stati esaminati per la presenza delle cellule precancerose. Secondo i ricercatori, i risultati “indicano che l'olio del perilla, anche nelle piccole quantità, sopprime lo sviluppo dei fuochi aberranti della cripta ed è quindi un agente preventivo possibile nelle fasi iniziali di carcinogenesi dei due punti.„

Altri studi sugli animali sostengono l'idea che l'olio del perilla contribuisce a ridurre il rischio di sviluppare il tumore del colon.5,6

La più ricerca è necessaria, poichè questi studi rappresentano soltanto i primi punti verso i modi di sviluppo impedire e curare il tumore del colon. Tuttavia, questa ricerca preliminare ha scienziati eccitati circa la possibilità di individuazione un delicato eppure del modo efficace per fermare questo cancro dell'uccisore.

ALA, infiammazione e malattia cardiaca
La dieta Mediterranea famosa, su in ALA, è creduta per ridurre il rischio di coronaropatia ed i suoi attacchi di cuore e colpi risultanti. Questa ipotesi è sostenuta dagli studi che correlano i livelli elevati dell'ALA nella dieta con un rischio riduttore di sofferenza dell'attacco di cuore.7,8,9 e nello studio di Lione, della la dieta Mediterranea ricca d'ala rivelata essere “più efficiente„ ad impedire i secondi attacchi di cuore che le diete standard del sano-cuore ha raccomandato ai pazienti di cuore.10

Sarebbe ragionevole concludere che l'ALA protegge dalla malattia cardiovascolare riducendo i livelli del trigliceride, ma una serie di studi suggeriscono che questo non possa essere caso-o non possa interamente essere il caso.11 varia teoria ha basato su altre proprietà dell'ala è stata avanzata per spiegare come l'acido grasso protegge l'apparato cardiovascolare. Questi comprendono l'abilità degli acidi grassi omega-3:

  • guardia contro un battito cardiaco irregolare (fibrillazione ventricolare)12,13
  • aiuti le arterie per contrarrsi e rilassarsi sul segnale14
  • inibisca le piastrine dalla formazione dei coaguli di sangue.15

Un gruppo di ricercatori greci ha perseguito ancora un altra teoria, che ha collegato l'infiammazione agli attacchi di cuore. L'infiammazione di lunga durata nel corpo è creduta per avviare il danneggiamento dell'apparato cardiovascolare e degli attacchi di cuore rapidi. Questo problema ha potuto sorgere negli uomini con le infezioni di lunga durata della prostata, per esempio. Nel 2002, gli scienziati greci hanno riunito insieme 76 uomini che soffrono dal colesterolo elevato del sangue (dislipidemia) per vedere se l'ALA potrebbe ridurre la loro infiammazione.16

Gli uomini, di cui l'età media era 51, hanno mangiato una dieta greca tipica ed a caso sono stati dati l'olio di lino o l'olio di cartamo ogni giorno. (L'olio di lino è ricco in ALA, olio di cartamo non è.) Dopo che stavano prendendo gli oli per tre mesi, il loro sangue è stato controllato proteina C-reattiva ed altri indicatori di infiammazione come pure per vedere se ci sono lipemie. I ricercatori hanno trovato “una riduzione significativa degli indici infiammatori„ fra coloro che stava consumando l'ALA. Credono che questo possa essere il meccanismo da cui l'ALA custodice l'apparato cardiovascolare.

I volontari nello studio greco hanno consumato più ALA che è trovato nella dieta tipica. Per raggiungere gli stessi livelli, uno avrebbe bisogno di un supplemento quale dell'l'olio ricco d'ala del perilla.

La ricerca suggerisce altri benefici
Sebbene il cancro e la malattia cardiaca siano il fuoco della ricerca dell'olio del perilla, l'altro intrigo studia il punto ai modi in cui dell'l'olio ricco d'ala può promuovere la salute. Per esempio:

Colite. Uno studio con gli animali da laboratorio suggerisce che l'olio del perilla possa ridurre il danneggiamento dei due punti veduti con colite e può agire in tal modo più efficacemente di EPA o di DHA.17

Asma. Uno studio pubblicato nel 2000 ha paragonato gli effetti dei supplementi dell'olio di semi del perilla ai supplementi dell'olio di mais in un piccolo gruppo di persone ad asma.18 i risultati indicano che l'olio del perilla sopprime determinate sostanze biochimiche connesse con la malattia e “è utile per il trattamento di asma.„

Cancro al seno. Gli studi dell'essere umano e dell'animale suggeriscono che l'ALA possa essere utile nella battaglia contro cancro al seno.19 ricercatori francesi hanno paragonato i campioni del tessuto del seno prelevati da 241 donna a cancro al seno a quelli di 88 pazienti con il seno benigno disease.20 che hanno trovato che quelli con le quantità elevate dell'ALA nel loro tessuto del seno hanno avuti il più a basso rischio di avere il cancro. Relativamente un gran numero di DHA inoltre ha avuto un effetto protettivo.

Controllo del peso. I ricercatori giapponesi hanno confrontato gli effetti dell'olio dietetico del perilla, dell'olio del cartamo, dell'olio d'oliva e del sego di manzo nei ratti del laboratorio.21 hanno trovato che olio del perilla contribuito per impedire l'eccessiva crescita del tessuto adiposo.

Quanto è utile?
Sebbene i ricercatori ancora non abbiano stabilito una dose ottimale dell'olio del perilla, il PDR per i supplementi nutrizionali nota che una dose tipica per quelle responsabili circa la malattia cardiovascolare, il cancro, o le malattie intestinali infiammatorie quale colite “è quotidiana circa 6 grammi, nelle dosi divise con i pasti.„22 questi 6 grammi (6000 mg) di perilla forniscono circa 3,3 grammi di ALA.

Se prendete l'olio del perilla, sia sicuro di dire il vostro medico e sia informato che l'ALA in olio del perilla può interagire con aspirin, gli anti-infiammatori non steroidei (NSAIDs), il ginkgo, l'aglio ed altre erbe. I sintomi di una tal interazione possono comprendere l'ammaccatura e le emorragie nasali aumentate. Quelli che prendono il warfarin o altri diluenti del sangue, o quelli presto per subire la chirurgia, dovrebbero esercitare la cautela extra con il perilla, che può assottigliare il sangue.

Conclusione
Il Perilla è una fonte recentemente riconosciuta e ricca di ALA, un acido grasso omega-3 conosciuto per proteggere l'apparato cardiovascolare. Gli studi sugli animali umani ed iniziali suggeriscono che l'olio del perilla possa essere utile nella malattia cardiaca, colon e cancro al seno, colite, asma e l'obesità di combattimento.

Riferimenti

1. Hendler S, Rorvic D, eds. PDR per i supplementi nutrizionali. Montvale, NJ: Economia medica Co.; 2001:350.

2. Roberts AJ, O'Brien ME, Subak-Sharpe G. Nutraceuticals: L'enciclopedia completa dei supplementi, delle erbe, delle vitamine e degli alimenti curativi. New York, NY: Libri di perigeo; 2001:296.

3. Associazione del cancro americana. Quanta gente ottiene il cancro colorettale? Disponibile a: http://www.cancer.org/docroot/CRI/content/CRI_2_2_1X_How_Many_People_Get_Colorectal_Cancer.asp?sitearea=. 27 gennaio 2004 raggiunto.

4. Onogi N, Okuno m., Komaki C, et al. sopprimente effetto dell'olio del perilla dai sui fuochi indotti azoxymethane delle cripte aberranti coliche in ratti. Carcinogenesi. 1996;17(6):1291-6.

5. Narisawa T, Fukaura Y, Yazawa K, Ishikawa C, Isoda Y, di Nishizawa Y. del tumore del colon vention pre con una piccola quantità di olio dietetico del perilla alto in acido alfa-linoleico in un modello animale. Cancro. 1994 Apr15; 73(8): 2069-75.

6. Komaki C, Okuno m., Onogi N, et al. soppressione sinergica di azoxymethane- ha indotto i fuochi delle cripte aberranti coliche tramite la combinazione di olio del perilla e del beta-carotene in ratti. Carcinogenesi. 1996 settembre; 17(9): 1897-1901.

7. TUM di Dolecek. Prova epidemiologica delle relazioni fra gli acidi grassi stimati del polyunsatu- dietetico e la mortalità nella prova di intervento di fattore di rischio del tiple del mul-. Med di biol di Proc Soc Exp. 1992 giugno; 200(2): 177 - 82.

8. Ascherio A, Rimm eb, EL di Giovannucci, Spiegelman D, Stampfer m., WC di Willet. Il grasso dietetico ed il rischio di cuore coronario DIS facilitano negli uomini: studio di approfondimento del gruppo negli Stati Uniti. BMJ. 13 luglio 1996; 313(7049): 84-90.

9. Hu FB, Stampfer MJ, Manson JE, et al. ingestione dietetica di acido alfa-linoleico e rischio di malattia cardiaca ischemica mortale fra le donne. J Clin Nutr. 1999 maggio: 69(5): 890-7.

10. de Lorgeril M, Renaud S, Mamelle N, et al. di dieta ricca d'acido alfa-linolenica Mediterranea nella prevenzione secondaria della coronaropatia. Lancetta. 11 giugno 1994; 343(8911): 1454-9.

11. Fitta D, Allman-Farinelli mA, Wong T, Barnes R, Kingham chilometro. La sostituzione di acido linolenico con acido alfa-linoleico non altera i lipidi del sangue negli uomini daemic del normolipi-. Br J Nutr. 1998 agosto; 80(2): 163-7.

12. Kang JX, foglia A. Prevention delle aritmia automobilistiche mortali del diac dagli acidi grassi polinsaturi. J Clin Nutr. 2000 gennaio; 71 (1 supplemento): 202S-7S.

13. Billman GE, Kang JX, foglia A. Prevention della morte cardiaca improvvisa dagli acidi grassi polinsaturi puri dietetici omega-3 in cani. Circolazione. 11 maggio 1999; 99(18): 2452-7.

14. Nestel PJ, Se di Pomeroy, Sasahara T, et al. conformità arteriosa negli oggetti obesi è migliorato con l'acido grasso dietetico della pianta n-3 da olio di semi di lino malgrado il oxidizability aumentato di LDL. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1997 giugno; 17(6): 1163-70.

15. Acido alfa-linoleico e malattie cardiovascolari di Lanzmann-Petithory D. Invecchiamento di salute di J Nutr. 2001;5(3):179-83.

16. Rallidis LS, Paschos G, Liakos GK, Velissaridou AH, Anastasiadis G, acido alfa-linoleico di Zampelas A. Dietary fa diminuire la proteina, il loid A di Amy del siero e interleukin-6 C-reattivi in pazienti dyslipidaemic. Aterosclerosi. 2003 aprile; 167(2): 237-42.

17. Shoda R, Matsueda K, Yamato S, efficacia di Umeda N. Therapeutic degli acidi grassi insaturi del polyun- N-3 nel morbo di Crohn sperimentale. J Gastroenterol. 1995 novembre; 30 8:98 del supplemento - 101.

18. Okamoto m., Mitsunobu F, Ashida K, et al. effetti del completamento dietetico con gli acidi grassi di n 3 ha paragonato agli acidi grassi n-6 su asma bronchiale. Med dell'interno. 2000 febbraio; 39(2): 107-11.

19. Chen J, Stavro PM, Thompson LU. Il seme di lino dietetico inibisce la crescita e la metastasi umane del cancro al seno e giù regola l'espressione del fattore e del recettore del fattore di crescita dell'epidermide di crescita del tipo di insulina. Cancro di Nutr. 2002;43(2):187-92.

20. Gli acidi grassi P, et al. la n 3 e N-6 Maillard V, di Bougnoux P, di Ferrari nel tis- adiposo del seno citano e rischio relativo di cancro al seno in uno studio in Tours, Francia di caso-control. Cancro di Int J. 1° marzo 2002; 98(1): 78-83.

21. Okuno m., Kajiwara K, Mercato dell'informazione e innovazione S, et al. olio del Perilla impedisce l'eccessiva crescita del tessuto adiposo di Al del viscer- in ratti tramite differenziazione diregolamento del adipocyte. J Nutr. 1997;127(9):1752-7.

22. Hendler S, Rorvic D, eds. PDR per i supplementi nutrizionali. Montvale, NJ: Economia medica Co.; 2001:351