Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine aprile 2004
immagine
Resveratroli
Protezione potente contro carcinoma della prostata
Da Terri Mitchell

Buone notizie per gli uomini responsabili circa carcinoma della prostata: il resveratrolo è un supplemento che blocchi in ogni fase, dall'inizio alla fine. Un polifenolo trovato in uva ed in altre piante, resveratroli in primo luogo è stato identificato come un protettore a più stadi nel 1997,1 ed ora è considerato un agente principale contro carcinoma della prostata dai ricercatori al MD Anderson Cancer Center di Houston e da altre istituzioni.2,3 impianti di resveratroli con più di dozzina meccanismi anticancro differenti e mira selettivamente alle cellule tumorali. Questo singolo supplemento modula gli ormoni, ha parecchi meccanismi che fermano le cellule tumorali dal moltiplicarsi e perfino ha la capacità di distruggere le cellule tumorali.

I resveratroli originalmente hanno guadagnato l'avviso quando i ricercatori hanno suggerito che fosse l'agente in vino che protegge dalla malattia cardiaca. A causa delle sue azioni antiossidanti ed antinfiammatorie, il resveratrolo inoltre è stato studiato come supplemento anticancro possibile. Da quando la ricerca ha cominciato seriamente negli anni 90, il resveratrolo è stato l'argomento di centinaia di articoli scientifici, rendentegi uno dei supplementi oggi il più intensamente studiati sul mercato.

In un esame dei resveratroli, l'università di ricercatori di Wisconsin ha precisato sei criteri per un buon agente anticancro: dovrebbe a) non avere effetti tossici in cellule sane; b) lavoro contro i tipi differenti di cancri; c) sia amministrato oralmente; d) hanno conosciuto i meccanismi di azione; e) sia economico; e f) è accettabile agli esseri umani.4 resveratroli hanno risposto a tutti e sei i criteri.

Effetti Cancro-preventivi
L'età, i prodotti chimici, la radiazione ed altri fattori possono sopraffare la capacità del corpo di neutralizzare le cellule anormali, che possono poi progredire silenziosamente a cancro. Questo aspetto invisibile di cancro è importante. Come un gruppo di lavoro per l'Associazione per la ricerca sul cancro americana ha dichiarato: “Abbiamo bisogno di uno sforzo educativo intensivo per convincere la gente che l'assenza di sintomi clinici non possa garantire che uno è “sano.„5

Il migliore approccio a cancro è prevenzione. Aumentando i meccanismi naturali del lavaggio e della riparazione del corpo, le cellule tumorali possono essere impedite la formazione e distruggersi immediatamente se fanno. Se uno è stato trattato già per cancro, impedire la ricorrenza è preminente. Il resveratrolo è un supplemento “chemopreventive„ che impedisce il danno del DNA e distrugge le cellule tumorali dal più in anticipo alle ultime fasi sia nei modelli sperimentali umani che animali.

Un aspetto notevole dei resveratroli è che può essere molto tossico alle cellule tumorali ma non nuoce alle cellule sane; infatti, una persona che prende i resveratroli per la protezione contro il carcinoma della prostata può ricevere i benefici cardiovascolari come effetto collaterale.

Un altro aspetto importante dei resveratroli è che può combinarsi con altri phytofactors potenzialmente per migliorare i suoi effetti. Il resveratrolo si presenta naturalmente con altri polifenoli quale quercetina in piante quali l'uva. La quercetina può migliorare gli effetti della biodisponibilità e dell'Cancro-uccisione del resveratrolo.6,7 un altro estratto della pianta, indole-3-carbinol, o I3C, possono lavorare sinergico con i resveratroli per uccidere più cellule tumorali perché I3C ferma la crescita delle cellule ad un punto nel ciclo cellulare mentre il resveratrolo lo ferma ad un altro punto.8,9 medici impiegano questo stesso concetto quando prescrivere le combinazioni di droghe chemioterapeutiche per la loro paziente-ogni droga ferma la crescita della cellula tumorale in una fase differente del ciclo di crescita.

I ricercatori che hanno studiato gli effetti dell'uva estraggono contenere i resveratroli e la quercetina in cellule di carcinoma della prostata umane avanzate che sono state trapiantate nei roditori hanno proposto questi agenti come terapia possibile per carcinoma della prostata in esseri umani, sebbene tali terapie ancora non siano state provate.10 dopo lo studio degli effetti dell'estratto del seme dell'uva sulle cellule di carcinoma della prostata avanzate, i ricercatori all'università di colorado hanno concluso quello che combina l'estratto con una citochina naturale di Cancro-uccisione (fattore di necrosi tumorale) “potrebbero risultare essere un'alternativa più efficace e meno più tossica nella terapia clinica di carcinoma della prostata.„3 in un altro studio che ha esaminato i tipi differenti di cellule di carcinoma della prostata, il resveratrolo era il più potente di tutti i polifenoli provati contro le cellule di carcinoma della prostata avanzate.11

I ricercatori austriaci riferiscono che il resveratrolo funziona attraverso un meccanismo del tipo di tamoxifene per bloccare la capacità delle cellule di osso di rispondere ai messaggi da cancro in altre parti del corpo, potenzialmente impedicenti il cancro la diffusione all'osso.12 mentre il resveratrolo da solo è un polifenolo potente, combinarlo con altri composti pianta-derivati può più ulteriormente migliorare la sua forza. I ricercatori sempre più stanno invitando le concessioni per studiare tali combinazioni di phytocompounds.13

La presa punta sugli ormoni
Indole-3-carbinol ha indicato i risultati impressionanti in ormoni di combattimento che migliorano la crescita del cancro.14-17 I3C è convertito in vari prodotti, compreso diindolylmethane, o ATTENUI. I vari metaboliti di I3C sono stati indicati per avere effetti benefici differenti. Il resveratrolo inoltre è riconosciuto affinchè la sua capacità moduli l'estrogeno, il testosterone ed altri androgeni.18,19 dopo l'esame dei suoi effetti sui geni ormone-rispondenti in cellule di carcinoma della prostata, i ricercatori hanno concluso che “i resveratroli possono essere un agente chemioterapeutico utile di chemopreventive/per carcinoma della prostata.„20 tra l'altro, gli inversi di resveratroli hanno aumentato l'antigene prostatico specifico (PSA) in cellule tumorali. In uno studio, i quattro giorni del trattamento con i livelli di PSA riduttori resveratroli in cellule di carcinoma della prostata da 80%.21 ormone dipromozione di blocco da solo giustificherebbe l'uso dei resveratroli e di I3C contro carcinoma della prostata, ma fanno ancor più.

Geni di regolamento
La tendenza relativa più recente all'oncologia ed alla ricerca nutrizionale sta esaminando come un phytocompound dell'obiettivo colpisce i geni, facendo uso di un nuovo strumento conosciuto come “un microarray del DNA.„ Un microarray rivela gli effetti di un composto su migliaia di geni allo stesso tempo. I Microarrays per i resveratroli e I3C indicano che entrambi i composti esercitano un effetto notevole sui geni legati al cancro. Tra l'altro, questi phytocompounds attivano i geni soppressori del tumore, altri geni che distruggono le cellule tumorali ed i geni che disintossicano i prodotti chimici. Inoltre sopprimono i geni che permettono alle cellule tumorali “comunicano„ tra loro.22,23 questa capacità di ottenere le cellule tumorali interne e di attivare o disattivare i geni sono un'arma potente contro la crescita del cancro. La capacità di esercitare questi effetti senza tossicità-come i resveratroli e I3C fare-li fa estremamente desiderabili come agenti chemopreventive.

Azione terapeutica di avanguardia
All'inizio del 2003, un nuovo composto di Cancro-combattimento chiamato “deguelin„ ha fatto le onde nel mondo medico.24 Deguelin, come i resveratroli, sono sintetizzati da determinate piante come difesa naturale contro i parassiti e sono stati usati come antiparassitario naturale dagli indigeni per secoli. Le sue azioni anticancro contro i tipi differenti di cancri (polmone, il colon, il seno ed il cancro di pelle sono stati provati fin qui) hanno stimolato la considerevole ricerca in corso.25-27 oltre ad essere efficace contro le forme differenti di cancro, il deguelin funziona interferendo con un meccanismo di base del cancro. Tutta la crescita delle cellule, compreso la crescita della cellula tumorale, comprende un enzima conosciuto come la decarbossilasi dell'ornitina. Deguelin, come i resveratroli e I3C, blocca questo enzima.28-34 di 90 composti anticancro potenziali provati in uno studio dall'istituto nazionale contro il cancro, I3C era uno di otto quello segnato positivamente su tutte e sei le prove di attività anticancro, compreso la soppressione della decarbossilasi dell'ornitina.35

Agenti cancerogeni di neutralizzazione
Su una base pro-capite, il fumo giapponese molto più delle loro controparti degli Stati Uniti, eppure il loro rischio di contrarre il cancro polmonare è circa 10 volte di meno che quella degli Americani.36,37 alcuni ricercatori ritengono che il consumo diffuso di tè verde nel Giappone possa spiegare questa anomalia. I polifenoli in tè verde sono stati indicati per impedire il danno del DNA, per bloccare gli agenti cancerogeni e per aumentare gli enzimi antiossidanti.38

I resveratroli ed i suoi polifenoli relativi inoltre proteggono il DNA, bloccano i prodotti chimici cancerogeni e la radiazione e combattono i radicali liberi e l'infiammazione. Sono stati indicati per essere più potenti contro alcuni tipi di radicali che le vitamine C ed il resveratrolodel E. 39-41 attiva lo stesso gene anticancro attivato dagli anti-infiammatori non steroidei (NSAIDs).42 in uno studio recente, i resveratroli, con quercetina e curcumina, sono emerso come gli agenti anticancro più potenti da 22 composti che sono stati sottoposti ad una batteria delle prove, compreso la loro capacità di sopprimere la decarbossilasi dell'ornitina, di pulire i radicali liberi e di neutralizzare gli agenti cancerogeni.

Carcinoma della prostata e dieta
Un'abbondanza di prova suggerisce che la dieta possa contribuire a determinare se un uomo contrarrà il carcinoma della prostata e se gli sopravvivrà. Gli alimenti vegetali sono cancro protettivo,43-47 mentre gli alimenti animali tendono ad essere promotori del cancro.48-51 possono gli effetti negativi degli alimenti animali essere compensati dagli alimenti vegetali? Gli studi degli avventisti Settimo giorni suggeriscono che sia improbabile.52 avventisti sono vegetariani ma consumano un gran numero di prodotti lattier-caseario ed il loro tasso di carcinoma della prostata è alto. Uno studio pubblicato nel Cancro del giornale mostra quello che consuma tre o più bicchieri di latte un il giorno più del rischio di carcinoma della prostata.Altri 53 studi indicano che gli ormoni impiantati nel bestiame americano sono più forti degli ormoni naturali del corpo umano.La dieta 54,55 ed i supplementi non possono essere abbastanza per sormontare questo genere di esposizione chimica. Sebbene un collegamento fra carcinoma della prostata e le droghe umani dell'impianto del bestiame abbia ancora essere stabilito, la prova per un tal collegamento è forte indicativa. Interessante, il vitamina D3, che è stato proposto come trattamento per carcinoma della prostata, si contrappone agli effetti degli impianti del bestiame.56,57

In paesi europei quali la Francia e la Svizzera in cui gli impianti dell'ormone del bestiame sono vietati, l'incidenza di carcinoma della prostata è 50% più di meno di negli Stati Uniti; in Italia ed in Grecia, è circa 75% sotto il tasso degli Stati Uniti.58 gli uomini italiani e greci bevono comunemente il vino rosso, una buona fonte di resveratroli. (Sebbene il consumo moderato di vino rosso possa essere efficace nella riduzione del rischio di carcinoma della prostata, questo non è stato dimostrato conclusivamente.)

Il resveratrolo, d'altra parte, ha multiplo, effetti del cancro della anti-prostata. Il resveratrolo ferma la crescita di ormone-positivo e - cancri negativi; impianti attraverso i meccanismi multipli per fermare le cellule tumorali dal moltiplicarsi; è efficace dal più in anticipo alle ultime fasi di cancro; protegge il DNA da danno; e può inibire la metastasi del cancro. Combinato con quercetina e l'agente anti-ormonale potente I3C, i resveratroli possono essere il migliore approccio Cancro-preventivo disponibile oggi.

Continuato alla pagina 2 di 2