Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine agosto 2004

Un nuovo, fattore di rischio indipendente per la malattia cardiaca
William Faloon

Medici convenzionali lungamente hanno riconosciuto l'obesità, il tabagismo, l'ipertensione, il colesterolo elevato ed il diabete come fattori di rischio importanti per un attacco di cuore. Un rapporto sensazionale rivela un nuovo, fattore di rischio indipendente che contrassegnato colpisce la severità della coronaropatia.

Come la maggior parte dei membri del prolungamento della vita sanno, l'angina e gli attacchi di cuore si manifestano spesso quando le arterie coronarie principali sono occluse con placca aterosclerotica instabile. In uno studio recentemente pubblicato, medici hanno misurato il grado di coronaropatia facendo uso delle angiografie e poi con attenzione hanno valutato tutti fattori di rischio conosciuti che potrebbero spiegare le arterie coronarie bloccate.

L'individuazione sorprendente da questo studio nuovo è quella pressione sanguigna, il colesterolo, il diabete, fumando e l'indice di massa corporea non può essere i preannunciatori principali del grado di bloccaggio dell'arteria coronaria. Invece, i tre fattori di rischio indipendenti che hanno predetto la severità dell'occlusione dell'arteria coronaria erano l'età, lipoproteina ad alta densità (HDL) e testosterone libero. In questa istanza, “il fattore di rischio indipendente„ significa che se faceste tutto il resto raccomandato per proteggere il vostro cuore, ancora sareste stato al maggior rischio per il bloccaggio serio dell'arteria coronaria se aveste il testosterone basso e HDL basso.

In questo studio, gli uomini invecchiati con testosterone libero basso e HDL basso hanno mostrato il bloccaggio coronario più severo, conducente i medici a concludere:

“Questi risultati, insieme ai risultati degli studi precedenti da altri laboratori, sollevano la possibilità che negli uomini selezionati per l'arteriografia coronaria, l'età, HDL ed il testosterone libero possono essere più forti preannunciatori del grado di coronaropatia della pressione sanguigna, il colesterolo, il diabete, fumare e l'indice di massa corporea (BMI).„1

Che cosa questi risultati significano a voi
Il sistema arterioso di invecchiamento, con i bassi livelli di HDL utile, lungamente è stato associato con la coronaropatia. L'individuazione inattesa in questo studio era che il testosterone libero basso è inoltre un preannunciatore indipendente del grado di coronaropatia negli uomini.

I membri del prolungamento della vita intraprendono molte azione per proteggere i loro sistemi arteriosi dagli effetti deleteri di invecchiamento. Tengono l'omocisteina, la lipoproteina a bassa densità (LDL), il glucosio, la proteina C-reattiva ed altri fattori d'induzione ai più bassi livelli possibili.

HDL Arteria-proteggente può essere aumentato dalla presa dadelle dosi elevate di niacina e di cromo e/o da un vetro di vino rosso al giorno.2-6 il testosterone libero aumentante è relativamente semplice fare in tutto l'uomo che non ha carcinoma della prostata.

L'anno scorso, un numero notevole degli studi ha confermato che il testosterone basso colpisce avversamente la salute cardiovascolare. Discuteremo questi rapporti ed inoltre aggiorneremo i membri sugli ultimi studi circa il rischio di carcinoma della prostata e del testosterone.

Rischio del colpo e del testosterone
Un modo valutare il suo rischio per un colpo è di subire un sonogram per misurare lo spessore dell'arteria carotica. Quando l'occlusione in eccesso è individuata, una procedura chirurgica rischiosa (endoarterectomia carotica) è eseguita per ripristinare il flusso sanguigno al cervello.

In uno studio pubblicato dall'associazione americana del cuore nell'aprile 2004, i sonograms sono stati usati per misurare lo spessore carotico di intima-media in 195 uomini anziani indipendente viventi nel 1996 ed ancora nel 2000. I ricercatori inoltre hanno misurato i livelli ematici di testosterone libero in questi uomini.

I risultati hanno indicato che gli uomini con testosterone basso hanno avuti una progressione maggior 3,57 volte dei intima-media carotici che si ispessisce che quelle con i livelli elevati del testosterone. Queste associazioni erano indipendenti dall'indice di massa corporea, il rapporto dell'vita--anca, l'ipertensione, il diabete, fumando e livelli di colesterolo nel siero. I medici conclusivi:

“I bassi livelli liberi del testosterone sono stati collegati con l'ispessimento di intima-media dell'arteria carotica comune in uomini anziani indipendentemente dai fattori di rischio cardiovascolari.„7

Testosterone per infarto cronico
L'infarto cronico è una circostanza disattivante caratterizzata da intolleranza e da dispnea di esercizio. La malattia risulta dall'attivazione infiammatoria prolungata di citochina che inoltre causa lo spreco severo del muscolo. Il testosterone aumenta la funzione anabolica, migliora la dilatazione arteriosa, aumenta il volume del sangue arterioso ed è conosciuto per avere attività antinfiammatorie. Il testosterone basso è una caratteristica comune negli uomini che soffrono dall'infarto.

In un rapporto pubblicato questo anno, 20 uomini con un'età media di 62 hanno partecipato ad uno studio randomizzato in cui il testosterone o il placebo è stato iniettato ogni due settimane per 12 settimane. Confrontato al gruppo del placebo, gli uomini che ricevono il testosterone potrebbero camminare 3,5 volte più lontano. I punteggi medi di sintomo e una misura critica del sangue della funzione del cuore (peptide natriuretico del cervello) sono migliorato negli uomini che ricevono il testosterone, ma non nel gruppo del placebo. Una tendenza verso i punteggi migliori dell'umore è stata notata nel gruppo del testosterone, che è importante perché gli uomini con infarto cronico hanno tassi alti di depressione. I medici hanno concluso che 12 settimane del trattamento del testosterone hanno condotto ai miglioramenti significativi nella capacità fisica e nei sintomi.8

Testosterone e Glycation
Il migliore modo misurare i livelli a lungo termine della glicemia è la prova dell'emoglobina A1c. Un'più alta percentuale di emoglobina A1c è correlata con la mortalità cardiovascolare aumentata. La percentuale elevata dell'emoglobina A1c può anche essere un indicatore di cui il glycation d'accelerazione sta accadendo in tutto il corpo.

Uno studio pubblicato nel febbraio 2004 ha misurato i livelli ematici di testosterone in 1.419 uomini e li ha confrontati alle percentuali di emoglobina A1c.9 i risultati hanno indicato che gli uomini con emoglobina elevata A1c (e diabete) hanno avuti livelli più bassi di testosterone e che queste associazioni erano indipendenti dall'obesità e dalla distribuzione del grasso corporeo.

Il prolungamento della vita ha pubblicato estesamente circa i pericoli letali del glycation, con cui le molecole dello zucchero legano con gli aminoacidi per formare le strutture nonfunctioning nel corpo chiamato prodotti finiti avanzati di glycation. Mentre un gran numero di proteine diventano glicate, i tessuti in tutto il corpo diventano non funzionali. Le proteine dei diabetici sono a glycation altamente incline a causa di controllo difficile del glucosio.10-12

Il sistema arterioso è un ferito importante del processo di glycation. Questo nuovo studio rivela come il testosterone basso può aumentare il processo di glycation e gli aiuti spiegano perché la carenza del testosterone è stata associata a un aumentato rischio della malattia cardiovascolare e dell'aterosclerosi negli uomini.

La maggior parte dei membri del prolungamento della vita prendono il carnosine per aiutare lento il processo di glycation, che è (anche se) un aspetto patologico normale di invecchiamento.9 questo ultimo studio indicano che gli uomini di peso eccessivo e diabetici dovrebbero cercare di mantenere i livelli alto-normali del testosterone.

Testosterone e frazione di espulsione
Un modo misurare la capacità di pompaggio del cuore è di misurare quanto sangue pompa dopo ogni battito confrontato alla quantità di sangue che rimane nel cuore. Questa misura è chiamata la frazione di espulsione. La gente in buona salute ha una frazione di espulsione di 56-78%, mentre quelle con guasto di scompenso cardiaco sono spesso bene inferiore a 30%.

In uno studio pubblicato nell'agosto 2003, 96 uomini hanno subito gli angiogrammi di prova della espulsione-frazione e dell'arteria coronaria per misurare il grado di occlusione coronarica. La frazione di espulsione era sostanzialmente più bassa negli uomini con i bassi livelli del testosterone. Gli uomini con le frazioni più basse di espulsione hanno fatto la media soltanto 28% del livello libero del testosterone di uomini con le più alte frazioni di espulsione. I risultati inoltre hanno indicato che gli uomini con la coronaropatia provata hanno avuti circa 50% testosterone meno totale e libero che i comandi sani. Ciò è il primo studio in una regolazione clinica per indicare che i bassi livelli di testosterone libero sono caratteristici dei pazienti con la frazione bassa di espulsione.13

In uno studio relativo, 12 uomini con infarto cronico stabile sono stati iscritti ad una prova dell'incrocio in cui hanno ricevuto il testosterone o il placebo e sono stati controllati oltre sei ore. Gli oggetti poi sono stati commutati il giorno successivo, ricevendo il secondo trattamento ed hanno ripetuto il monitoraggio del volume del sangue arterioso. Rispetto a placebo, il trattamento del testosterone ha provocato un aumento relativo nel volume del sangue arterioso. Ciò è stata accompagnata da una riduzione della resistenza vascolare sistemica confrontata alla linea di base. Questi cambiamenti massimi hanno coinciso con l'elevazione di punta in testosterone bioavailable del siero. I medici hanno concluso apparentemente che l'amministrazione di testosterone aumenta il volume del sangue arterioso acutamente, via riduzione del dopo-carico ventricolare sinistro.9

Questi due studi confermano i risultati discussi precedentemente che indicano che la sostituzione del testosterone potrebbe essere del beneficio enorme agli uomini con la malattia cardiaca.

Continuato alla pagina 2 di 3