Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

Edizione speciale di LE Magazine, inverno 2004/2005
State assorbendo abbastanza CoQ10?

Nel 1983, il fondamento del prolungamento della vita ha presentato il coenzima Q10 negli Stati Uniti. La dose consigliata a quel tempo era di richiedere a soltanto 10 mg tre tempi un il giorno. Questa dose è stata basata su cui medici giapponesi poi stavano prescrivendo ai pazienti cardiaci che hanno derivato i benefici senza gli effetti collaterali quando prende questa quantità di CoQ10.

Mentre la più ricerca su CoQ10 è stata condotta, medici hanno cominciato ad usare le dosi elevate, con i più notevoli benefici corrispondenti. I pazienti cardiaci oggi prendono tipicamente mg 100-300 di CoQ10, mentre i riusciti studi nei pazienti di Parkinson hanno usato 360 mg a mg 1200 di CoQ10 un il giorno.

Lo studio divulgato sui pazienti di Parkinson ha mostrato una correlazione diretta alla dose di CoQ10 e del suo effetto benefico. Questo studio ha indicato che 300 mg un il giorno hanno reso soltanto gli effetti marginali, mentre mg 1200 un giorno ha mostrato un rapporto di riproduzione sbalordente di 44% della progressione di malattia confrontata al gruppo del placebo. I pazienti di Parkinson che ricevono questo CoQ10 ad alta dose inoltre hanno dimostrato una capacità migliore di eseguire le mansioni viventi del quotidiano.1

Sulla base di un volume aumentante di risultati scientifici pubblicati, sembra che il più alta assunzione di CoQ10 sia desiderabile.1-8 una domanda che un consumatore chiederebbe è se le dosi elevate sono accessibili? Una domanda che i nuovi membri possono fare è perché CoQ10 è così importante?

Le buone notizie sono che una nuova tecnologia di emulsionificazione è stata indicata significativamente ai livelli ematici di aumento di coenzima Q10 confrontato alle versioni precedenti. Ciò significa che quello prendere 100 mg di questo nuovo supplemento emulsionato CoQ10 fornisce al corpo cui usato per prendere molto più coenzima Q10 per raggiungere. Per quelli che cercano i benefici delle dosi elevate, questo nuovo supplemento fornisce l'ultimo assorbimento per non più soldi che i supplementi precedenti CoQ10.

Per quanto perché per gli esseri umani invecchianti è così importante completare con il coenzima Q10, una descrizione succinta del meccanismo primario di CoQ10 di azione compare sotto.

CoQ10 ed i mitocondri
Per tutta la cellula nel corpo da esistere, deve produrre la sua propria energia per mantenere le funzioni metaboliche di base come prendere e l'utilizzazione delle sostanze nutrienti, la sintetizzazione delle proteine nuove e scarto del materiale riciclato. In risposta al deficit di energia cellulare sistemico, l'organismo in primo luogo incontra i problemi di salute e poi morirà.

Senza coenzima adeguato Q10, la capacità delle cellule di utilizzare i substrati di energia diminuisce precipitosamente. Il risultato finale è lo sviluppo dei disordini multipli caratteristici di invecchiamento normale.

Circa 95% di energia cellulare è prodotto dalle strutture nella cellula chiamata mitocondri. I mitocondri sono stati descritti come “la centrale elettrica dell'energia„ delle cellule e le malattie di invecchiamento si riferiscono a spesso come “disordini mitocondriali.„

Il coenzima Q10 è incorporato nei mitocondri delle cellule in tutto il corpo in cui facilita e regola la trasformazione dei grassi e degli zuccheri in energia. Un grande corpo di prova scientifica indica che la funzione mitocondriale di restauro di abilità di CoQ10 ha un effetto profondo sulla sua salute globale.9

Le cellule del cuore hanno una richiesta ad alta energia e molti studi clinici hanno studiato l'effetto di CoQ10 sulla funzione cardiaca. L'efficacia è stata indicata negli studi quando CoQ10 è stato usato per guasto di scompenso cardiaco, l'occlusione dell'arteria coronaria ed i disordini valvolari.10-15 gli scienziati inoltre hanno trovato che CoQ10 fornisce i benefici ad altri organi di cui le cellule richiedono il metabolismo energetico ad alto livello quali il cervello ed i reni.16-18

I seguenti punti culminanti da uno studio pubblicato negli atti dell'Accademia nazionale delle scienze7 fornisce una certa comprensione quanto a come il coenzima importante Q10 è al cervello:

  • L'amministrazione del coenzima Q10 ai ratti di mezza età e vecchi ha provocato il livello di CoQ10 che aumenta di 10% - 40% nella regione della corteccia cerebrale del cervello. Questo aumento era sufficiente per ristabilire i livelli di CoQ10 a quelli veduti in animali giovani.
  • Dopo due mesi del completamento CoQ10, il dispendio energetico mitocondriale nel cervello è aumentato di 29% confrontato al gruppo che non ottiene CoQ10. La dose equivalente umana di CoQ10 per raggiungere questi risultati era mg 100-200 un il giorno.
  • Quando una neurotossina è stata amministrata, CoQ10 contribuito per proteggere da danneggiamento della regione striatal del cervello in cui la dopamina è prodotta. Ciò è la parte del cervello che è afflitto dalla malattia del Parkinson.
  • Quando CoQ10 è stato amministrato ai ratti geneticamente è cresciuto per sviluppare la sclerosi laterale amiotrofica (la malattia di Lou Gerhig), un importante crescita nel tempo di sopravvivenza è stato osservato.

La conclusione dagli scienziati che hanno creato la carta dell'Accademia nazionale delle scienze era:

“CoQ10 può esercitare gli effetti neuroprotective che potrebbero essere utili nel trattamento delle malattie neurodegenerative.„

Tessuto
Colpito
Le percentuali di diminuzione
di CoQ10
Pubblicato


Studio

Parete del muscolo del cuore

72%

(Biofactors. 1999;9(2-4):291-9)21

Pancreas

83%

(Lipidi. 1989 luglio; 24(7): 579-84) 22

Epidermide (pelle)

75%

(Biofactors. 1999;9(2-4):371-8.)23

Rene

45%

(Lipidi. 1989 luglio; 24(7): 579-84) 22

Fegato

17%

(Lipidi. 1989 luglio; 24(7): 579-84) 22

Cuore

58%

(Lipidi. 1989 luglio; 24(7): 579-84) 22

Ghiandola surrenale

50%

(Lipidi. 1989 luglio; 24(7): 579-84) 22

Il declino sensazionale nei livelli CoQ10 con invecchiamento
È conosciuto che l'uso “della statina„ cheabbassa le droghe riduce la sintesi del coenzima Q10 nel corpo, ma l'effetto di invecchiamento sulla carenza CoQ10 è molto più profondo.

Per esempio, i risultati dagli studi sulle droghe di statina hanno mostrato un rapporto di riproduzione essere in media di 25% di CoQ10, mentre gli studi su invecchiamento hanno mostrato un rapporto di riproduzione essere in media di 57% dei livelli CoQ10 in sette tessuti differenti del corpo.19-23 il grafico alla pagina seguente rivela le carenze che notevoli CoQ10 la gente soffre mentre invecchiano.

Quelli afflitti con le malattie degeneranti inoltre dimostrano gli stati di carenza CoQ10 che variano da 30% nei cancri24 - 65% in diabete di tipo II.25

È chiaro dagli studi pubblicati multiplo che invecchiare provoca una diminuzione significativa nei livelli del coenzima Q10 in tutto il corpo, che può essere ristabilito con i prodotti oralmente ingeriti del coenzima Q10.9 questi risultati fanno CoQ10 uno delle sostanze nutrienti più importanti per la gente oltre 30 per completare con.

Ottenere i livelli ematici di CoQ10
È affermato che soltanto una determinata percentuale delle sostanze nutrienti ingerite realmente è assorbita nella circolazione sanguigna del one. Ciò non è un problema poiché il dosaggio suggerito dei supplementi è regolato per riflettere il fatto che l'assorbimento non è 100%.

Quando si tratta delle sostanze nutrienti costose gradisca il coenzima Q10, l'importo assorbente nella vostra circolazione sanguigna è un fattore critico. I tassi di assorbimento bassi significano che più CoQ10 deve essere preso per raggiungere i livelli ematici ottimali.

Gli scienziati recentemente hanno scoperto che le dosi elevate di CoQ10 sono necessarie raggiungere i risultati voluti. Ciò significa che i consumatori sono affrontati a dovere inghiottire le capsule più costose CoQ10 per derivare i massimi benefici.

Siamo soddisfatti di annunciare la scoperta di nuova tecnologia dell'emulsione che aumenta drammaticamente l'assorbimento del coenzima Q10. Gli studi controllati indicano che questo ha migliorato i risultati del sistema dell'emulsione nei livelli ematici quasi doppi di CoQ10, ma non costa altro che i supplementi precedenti CoQ10.

Più CoQ10 nel sangue senza dovere inghiottire più capsule
Quando gli scienziati misurano i livelli ematici di coenzima Q10, l'unità di misura è “microgrammi per millilitro„ di sangue, che è espresso nella forma abbreviata come “ug/mL„. 26-27

Il prolungamento della vita ha verificato un gruppo di individui che non stavano prendendo CoQ10 ed i loro livelli ematici erano 0,79 ug/mL. Dopo quattro settimane di presa dei 100 mg del softgel oleoso precedente CoQ10, i livelli del coenzima Q10 del sangue hanno aumentato 38% - 1,09 ug/mL.

Nel gruppo che ottiene 100 mg di nuovo supplemento emulsionato CoQ10, i livelli ematici hanno aumentato vertiginosamente 87% - 1,47 ug/mL dopo soltanto quattro settimane. Questo aumento rappresenta l'effetto più doppio (cioè aumento del sangue del coenzima Q10 di 87% con il nuovo softgel emulsionato contro 38% per il prodotto precedente).

Che cosa è più, abbiamo provato il nuovo CoQ10 emulsionato contro una formulazione molto costosa del coenzima Q10 che sostiene aumentare i livelli del sangue CoQ10 da sei volte dopo tre settimane. I risultati hanno indicato che la nuova formula emulsionata eseguita ugualmente come pure questa formula molto costosa CoQ10. Progettiamo di effettuare più prove più ulteriormente per convalidare questi risultati, ma lo studio iniziale indica che i consumatori possono ora ottenere i benefici superiore-assorbenti di un supplemento molto costoso CoQ10 molto ad un più a basso costo.

Per mettere questo nella migliore prospettiva, abbiamo provato 300 mg di questo nuovo supplemento emulsionato CoQ10 su un altro gruppo di persone di cui la linea di base livella dove 0,66 ug/mL. Dopo quattro settimane, il livello ematico medio del coenzima Q10 è aumentato di 336% - 2,22 ug/ml.

Il significato di questo è che lo studio del primo riuscito Parkinson ha trovato che i livelli ematici richiesti di 4 ug/mL del coenzima Q10 per raggiungere i risultati massimi (rapporto di riproduzione di 44% della progressione di malattia). Per raggiungere questi livelli ematici (4 ug/mL), i partecipanti di studio hanno dovuto mangiare quattro wafer petrolio-emulsionati un il giorno, ogni wafer che contiene 300 mg di CoQ10 (o di mg 1200 un giorno di CoQ10).1

Sulla base dei nostri risultati recenti, se la gente dovesse prendere soltanto 600 mg di nuovo supplemento emulsionato CoQ10, raggiungerebbero i livelli ematici di circa 4,44 ug/mL, che è più del doppio (sulla a per base di milligrammo) l'assorbimento di più alti wafer di costo CoQ10.

La gente che prende questo nuovo supplemento migliorato dell'emulsione raggiunge i livelli ematici del coenzima Q10 che richiederebbero le dosi elevate molto dei prodotti regolari CoQ10. Per il consumatore, questa nuova formula emulsionata CoQ10 riduce significativamente “il costo per milligrammo assorbente„. Ciò significa che più gente può permettersi di consumare le potenze di CoQ10 stato necessario per derivare i benefici ottimali.

Che cosa è la dose ideale di CoQ10?
Nel 1983, la letteratura medica ha dichiarato che 30 mg un il giorno del coenzima Q10 erano abbastanza potenti avere beneficio terapeutico in quelli con i problemi attuali del cuore.

Dal 1983, le dosi quotidiane al di sopra di 100 mg di CoQ10 sono state usate per raggiungere gli effetti negli studi clinici di quelli che soffrono da vari tipi di disturbi, di insufficienza renale e di disturbi neurologici di cuore.

Mentre la gente invecchia, la loro sintesi naturale di CoQ10 diminuisce lentamente. Quando la gente prende il colesterolo “di statina„ che abbassa le droghe, la sintesi CoQ10 può essere ancora ulteriore riduttore.29-30

Sulla base di un consenso della letteratura scientifica corrente, per gli esseri umani invecchianti sembrerebbe saggio completare con almeno 100 mg di capsula regolare del coenzima Q10 ogni giorno. Le più alte assunzioni di CoQ10 hanno potuto produrre i più notevoli benefici.31

Con la disponibilità di nuovo coenzima altamente assorbibile Q10, diventa molto più accessibile per completare con le maggiori dosi. Per quelli che cercano le dosi elevate ora che sono raccomandate da più scienziati, uno dei nuove emulsionati 100 capsule di mg fornirebbe un metodo efficiente ed economico di aumento dei livelli ematici di coenzima Q10. C'è inoltre una forza di 200 milligrammi di questo nuovo CoQ10 emulsionato migliorato per quei livelli ematici di ricerca.

Riferimenti

1. Shults CW, Oakes D, et al. gruppo di studio di Parkinson. Effetti del coenzima Q10 nel morbo di parkinson precoce: prova di rallentamento del declino di thefunctional. Arco Neurol. 2002 ottobre; 59(10): 1541-50.

2. Mortensen SA. Panoramica sul coenzima Q10 come terapia aggiuntiva in infarto cronico. Spiegazione razionale, progettazione e punti finali “di Q-symbio„ — una prova multinazionale. Biofactors. 2003;18(1-4):79-89.

3. Munkholm H, Hansen HH. Trattamento del coenzima Q10 in infarto serio. Biofactors. 1999;9(2-4):285-9.

4. Soja, Mortensen SA. [Trattamento di insufficienza cardiaca cronica con il coenzima Q10, risultati della meta-analisi nei test clinici controllati] Ugeskr Laeger. 1° dicembre 1997; 159(49): 7302-8.

5. Mortensen SA, Vadhanavikit S, et al. terapia a lungo termine del coenzima Q10: un importante passo in avanti in gestione di guasto del miocardio resistente. Ricerca di Exp Clin delle droghe. 1985;11(8):581-93.

6. Il Muller T, Buttner T, et al. il completamento del coenzima Q10 fornisce al beneficio sintomatico delicato in pazienti la malattia del Parkinson. Neurosci Lett. 8 maggio 2003; 341(3): 201-4.

7. Matthews RT, Yang L, et al. amministrazione del coenzima Q10 aumenta le concentrazioni mitocondriali del cervello ed esercita gli effetti neuroprotective. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 21 luglio 1998; 95(15): 8892-7.

8. Folkers K, Simonsen R. Due riusciti studi in doppio cieco con il coenzima Q10 (vitamina Q10) sui dystrophies muscolari e sulle atrofia neurogene. Acta di Biochim Biophys. 24 maggio 1995; 1271(1): 281-6.

9. Gru FL. Funzioni biochimiche del coenzima Q10. J Coll Nutr. 2001 dicembre; 20(6): 591-8.

10. Hofman-colpo C, coenzima Q10 di Rehnqvist N et al. come un aggiuntiva nel trattamento di guasto di scompenso cardiaco cronico. Il gruppo di studio Q10. Venire a mancare della carta di J. 1995 marzo; 1(2): 101-7.

11. Morisco C, Trimarco B, et al. effetto della terapia del coenzima Q10 in pazienti con guasto di scompenso cardiaco: uno studio randomizzato studio multicentrico a lungo termine. Clin Investig. 1993; 71 (8 supplementi): S134-6.

12. RB di Singh, Niaz mA. La concentrazione nel siero della lipoproteina (a) diminuisce sul trattamento con il coenzima hydrosoluble Q10 in pazienti con la coronaropatia: scoperta di nuovo ruolo. Int J Cardiol. 1999 gennaio; 68(1): 23-9.

13. RB di Singh, Niaz mA, et al. effetto del coenzima hydrosoluble Q10 sulle pressioni sanguigne e insulino-resistenza in pazienti ipertesi con la coronaropatia. Ronzio Hypertens di J. 1999 marzo; 13(3): 203-8.

14. Langsjoen H, Langsjoen P, et al. utilità del coenzima Q10 in cardiologia clinica: uno studio a lungo termine. Mol Aspects Med. 1994; 15 supplementi: s165-75.

15. Davini A, Cellerini F, et al. [coenzima Q10: disfunzione contrattile della cellula del miocardio e della terapia metabolica] Minerva Cardioangiol. 1992 novembre; 40(11): 449-53.

16. Naini A, Lewis VJ, Hirano m., et al. Carenza primaria del coenzima Q10 ed il cervello. Biofactors. 2003;18(1-4):145-52.

17. Matthews RT, Yang L, et al. amministrazione del coenzima Q10 aumenta le concentrazioni mitocondriali del cervello ed esercita gli effetti neuroprotective. Proc Acad nazionale Sci S.U.A. 21 luglio 1998; 95(15): 8892-7.

18. Gazdikova K, Gvozdjakova A, et al. [effetto del coenzima Q10 in pazienti con le malattie renali] Cas Lek Cesk. 24 maggio 2001; 140(10): 307-10.

19. Mortensen SA, diminuzione relativa alla dose di Leth A. et al. del siero CoQ10 durante il trattamento con gli inibitori della riduttasi HMG-CoA. Mol Aspect Med 1&(S): 137-144, 1997.

20. Bargossi, Grossi G, et al. il completamento esogeno CoQ10 impedisce la riduzione dell'ubiquinone del plasma indotta dagli inibitori della riduttasi del CoA di HMG. Mol Aspect Med 15 (S): 187-193, 1994.

21. Rosenfeldt FL, Pepe S, et al. coenzima Q10 migliora la tolleranza del miocardio senescente allo sforzo aerobico ed ischemico: studi in ratti ed in tessuto atriale umano. Biofactors. 1999;9(2-4):291-9.

22. EL di Kalen A, di Appelkvist, et al. cambiamenti relativi all'età nelle composizioni lipidiche dei tessuti dell'essere umano e del ratto. Lipidi. 1989 luglio; 24(7): 579-84.

23. Hoppe U, Bergemann J, et al. coenzima Q10, un antiossidante cutaneo e stimolatore. Biofactors. 1999; 9 (2-4): 371-8. Rassegna.

24. Folkers K, Osterborg A, et al. attività della vitamina Q10 nei modelli animali e una carenza seria in pazienti con cancro. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 19 maggio 1997; 234 (2): 296-9. Rassegna.

25. Gvozdjakova A, Kucharska J, et al. effetto benefico di CoQ10 sullo stato antiossidante e metabolismo dei grassi e degli zuccheri in pazienti diabetici. Primo coenzima Q10 Assoc, pp. 95-97, 1998 di Internat di conferenza di Proc.

26. Karpinska J, Mikoluc B, et al. applicazione di spettrofotometria derivata per determinazione del coenzima Q10 in prodotti farmaceutici e plasma. J Pharm Biomed anale. 1998 settembre; 17(8): 1345-50.

27. http://wyagric.state.wy.us/aslab/wmterms.htm una collezione di espressioni matematiche e di Relationsips di qualità dell'acqua

28. Contatto personale con Dott. Peter H. Langsjoen Tyler, TX 75701-2124

29. Langsjoen pH, Langsjoen. L'uso clinico degli inibitori della CoA-riduttasi di HMG e lo svuotamento collegato del coenzima Q10. Una rassegna delle pubblicazioni animali ed umane. Biofactors.  2003;18(14):101-11. 

30. Rundek T, Naini A, Sacco R, et al. atorvastatine fa diminuire il livello del coenzima Q10 nel sangue dei pazienti a rischio della malattia cardiovascolare e del colpo. Arco Neurol.  2004 giugno; 61(6): 889-92. 

31. Langsjoen pH, Langsjoen. Panoramica dell'uso di CoQ10 nella malattia cardiovascolare. Biofactors. 1999;9(2-4):273-84.