Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine gennaio 2004
La dieta occidentale può aumentare il rischio di carcinoma della prostata

Il carcinoma della prostata è 10 volte più comune negli Stati Uniti che nel Giappone e la nuova ricerca suggerisce che la dieta americana ad alta percentuale di grassi tipica possa essere di incolpare di.

Per confermare questa ipotesi, i ricercatori hanno esaminato 50 uomini giapponesi con carcinoma della prostata che aveva subito la rimozione della prostata. La metà dei partecipanti ha vissuto a Nagoya, Giappone, mentre l'altra metà ha vissuto a Los Angeles, CA. Cioè tutti gli uomini hanno avuti i simili ambiti di provenienza genetici, ma le abitudini e stili di vita dietetici differenti. I ricercatori hanno esaminato le prostate rimosse come pure sangue e campioni di urina da tutti i partecipanti. Inoltre hanno intervistato gli uomini ed hanno esaminato le loro cartelle sanitarie.

I loro risultati suggeriscono che gli uomini giapponesi che vivono negli Stati Uniti abbiano abitudini dietetiche molto più difficili che le loro controparti giapponesi indigene, come erano su più pesante medio, abbiano avuti più grasso corporeo ed abbiano avuti cinque volte più trigliceridi nel loro sangue che gli uomini giapponesi indigeni.

Ancora, gli esami del laboratorio delle prostate rimosse dai due gruppi hanno indicato che il DNA del cancro è stato sistemato diversamente nei due campioni, suggerenti che la dieta potesse colpire la composizione genetica delle prostate cancerogene.

Questi risultati sono stati presentati alla riunione urologica americana di associazione in Chicago il 30 giugno 2003. L'estratto inoltre è stato pubblicato nel giornale del maggio 2003 dell'urologia. I risultati attualmente stanno preparandi per la pubblicazione in un giornale medico.

— Marc Ellman, MD

Phytoestrogens indicato per diminuire rischio di Cancro dell'endometrio

Il cancro dell'endometrio è associato con l'esposizione prolungata agli estrogeni senza esposizione ciclica a progesterone. Gli isoflavoni in soia ed i lignani in lino hanno effetti estrogeni deboli e legando ai ricevitori dell'estrogeno nella capacità dell'estrogeno del blocchetto delle cellule di promuovere la divisione cellulare che può condurre a cancro.

In uno studio pubblicato nel giornale dell'istituto nazionale contro il cancro, i ricercatori al centro del Cancro della California del Nord riferiscono un collegamento fra l'assunzione di phytoestrogen e un rischio riduttore di dati raccolti ricercatori dell'endometrio di cancer.* su consumo alimentare da 500 donne, 35 - 79 anni, che sono stati diagnosticati con cancro dell'endometrio, documentanti la loro ingestione di cibo un anno prima della diagnosi.

Questi sono stati confrontati a 470 comandi abbinati. Il questionario ha compreso l'assunzione di tre classi di phytoestrogens in alimento: isoflavoni (genisteina compresa e daidzeina), coumestans e lignani.

L'isoflavone e l'assunzione lignan sono stati collegati inversamente con il rischio di cancro dell'endometrio: il più alto consumo di isoflavoni (circa 2,7 mg o più) e di lignani (circa 0,2 mg o più) ha ridotto il rischio di cancro dell'endometrio tramite approssimativamente a metà confrontato ai comandi. Le donne postmenopausali hanno mostrato la maggior parte del beneficio. La protezione dai phytoestrogens, precedentemente osservati per l'assunzione della soia, suggerisce che i phytoestrogens in soia siano i composti responsabili degli effetti collegati di preventivo del cancro.

— Carmia Borek, PhD

* Horn-Ross PL, EM di John, Canchola AJ, Stewart SL, Lee millimetro. Assunzione di Phytoestrogen e rischio di cancro dell'endometrio. J. Nazionale. Cancro Inst 2003 6 agosto; 95(15): 1158-64.

Il ruolo del nuovo di studi silicio di sostegno nella formazione dell'osso

Due studi recenti nell'osso medico del giornale sostengono la teoria che silicio, il secondo elemento abbondante nella crosta terrestre, giochi un ruolo importante nella formazione dell'osso.

Nel primo studio, i ricercatori hanno trovato che il silicio (come acido ortosilicico) può avere un effetto stimolatore su formazione dell'osso nel body.1 umano “che l'acido ortosilicico alle concentrazioni fisiologiche stimola la sintesi di tipo 1 del collagene in cellule del tipo di osteoblast umane e migliora la differenziazione osteoblastic,„ i ricercatori riferiti.

In un altro studio, gli scienziati hanno trovato che il silicio dietetico è stato associato con maggior densità minerale ossea in circa 3.000 uomini americani ed in donne pre-menopausa, ma non in donne in post-menopausa.2 conciliandosi ai ricercatori, questi risultati sono “coerenti con il ruolo [del silicio] nella formazione dell'osso piuttosto che nell'impedire il riassorbimento dell'osso. L'acido ortosilicico appare essere una sostanza nutriente importante con gli effetti anabolici sull'osso.„

In un'intervista con prolungamento della vita, il ricercatore che il Dott. Ravin Jugdaohsingh dell'ospedale di St Thomas a Londra ha detto, “silicio è una componente importante della dieta umana, l'assunzione di cui notevolmente è stato riduttore dovuto la trasformazione dei prodotti alimentari moderna e raffinare, trattamento delle acque e purificazione e nella crescita delle verdure nelle circostanze idroponiche. Gli studi sugli animali hanno indicato che il silicio è importante per crescita e sviluppo normale, specificamente con la crescita scheletrica.

“Attualmente, quasi tutti i trattamenti per osteoporosi (o massa bassa dell'osso) funzionano dalla riduzione del guasto all'osso, ma da nessuno, ad eccezione dell'ormone paratiroidale, realmente formazione dell'osso di aumento (cioè, faccia il nuovo osso). Il silicio ha potuto fornire così un nuovo tipo di terapia per la massa o l'osteoporosi bassa dell'osso aumentando la formazione dell'osso. Il silicio inoltre è stato collegato ad aterosclerosi, avendo proprietà anti-aterosclerotiche e con il tessuto connettivo (cioè, pelle, capelli e unghie) e così può avere un più ampio ruolo utile nelle sanità.„

— Marc Ellman, MD


Riferimenti

1. Reffitt dm, Ogston N, Jugdaohsingh R, et al. acido ortosilicico stimola la sintesi di tipo 1 del collagene e la differenziazione osteoblastic in cellule del tipo di osteoblast umane in vitro. Osso. 2003 febbraio; 32(2):127-35.
2. Jugdaohsingh R, et al. assunzione del silicone è un determinante dietetico importante di densità minerale ossea negli uomini ed in donne premenopausa del gruppo della prole di Framingham. Osso. 2003 maggio; 32(5): S192.