Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine giugno 2004
immagine
Diabete
Capendo ed impedendo l'epidemia seguente di sanità
Da Lyle MacWilliam, BSc, MSc, FP

Il ruolo dei supplementi
Oltre una dieta sana, la considerevole prova dimostra l'efficacia del completamento nutrizionale quotidiano come modo impedire e trattare il diabete. I seguenti integratori alimentari sono stati trovati per essere particolarmente utili:

l'acido Alfa-lipoico migliora la ripartizione di glucosio con intervento a parecchi punti lungo la via metabolica centrale. Il completamento fornisce una spinta significativa nella disposizione del glucosio e nella sensibilità dell'insulina.44

La biotina assiste nel metabolismo dei grassi, delle proteine e dei carboidrati e direttamente influenza i livelli della glicemia migliorando l'attività di glucokinase.45 (Glucokinase è un enzima che controlla il primo punto dell'ossidazione del glucosio.) Il completamento agli alti livelli migliora significativamente il controllo del glucosio e riduce il rischio di neuropatia diabetica.46

la carenza della L-carnitina è comune in diabetici ed è associata con formazione della cataratta e cardiomiopatia (indebolimento del muscolo del cuore). Il completamento migliora la sensibilità dell'insulina, aumenta lo stoccaggio del glucosio ed ottimizza il metabolismo dei carboidrati.La carnitina 47 inoltre sembra proteggere dalla neuropatia diabetica abbassando i livelli del sorbitolo in cellule nervose.

Carnosine, un peptide dell'aminoacido, impedisce la reticolazione di glucosio con le proteine (glycation) e gli arresti la formazione di prodotti finiti avanzati di glycation nella cellula.48 Glycation accelerano il processo di invecchiamento e sono problematici in diabetici. Carnosine inoltre sostiene le vie (proteina-distruggere) proteolitiche per eliminare le proteine nocive create con il glycation.

Il cromo è essenziale nel metabolismo di modulazione del glucosio e nella sensibilità d'amplificazione del glucosio.49 migliora il trasporto insulino-dipendente di glucosio nella cellula, probabile facilitando il grippaggio dell'insulina al recettore. Il completamento a 1000 microgrammi al giorno è stato trovato contrassegnato per ridurre l'insulino-resistenza.50 come più di 90% degli adulti sia carente in cromo, il completamento quotidiano è autorizzato.

Il coenzima Q10, una componente importante della via metabolica centrale delle cellule, migliora la produzione di energia cellulare e protegge le cellule da danno dai radicali liberi. I ricercatori giapponesi citano la sua capacità di amplificare la funzione a catena respiratoria in beta cellule pancreatiche e di migliorare il controllo glycemic.51

Il magnesio abbassa la glicemia, aumenta la sensibilità dell'insulina, riduce la risposta di sforzo (che promulga il diabete) ed assiste nel mantenimento di beta cellule sane.Lo stato basso del magnesio 52 è comune fra tipo i diabetici 53di II ed è creduto per interrompere la secrezione dell'insulina e la capacità dell'ormone trasportare il glucosio. Il completamento è stato trovato per aumentare il numero e la sensibilità dei ricevitori cellulari 50dell'insulina e per attenuare l'intolleranza del carboidrato.45

la N-acetile-L-cisteina protegge le beta cellule pancreatiche da danno ossidativo. I radicali liberi fioriscono in tessuto adiposo e quando i livelli elevati di circolazione del glucosio sono (due circostanze comuni in sindrome e diabete di insulino-resistenza). Il completamento con N-acetile-L-cisteina abbassa i livelli della glicemia, protegge le beta cellule dalla tossicità del glucosio e sopprime la beta morte delle cellule.54

Colleen Fitzpatrick (acido ascorbico) abbassa la glicemia, inibisce il glycation,55 impediscono l'accumulazione di sorbitolo (che causa le cataratte) e potenziano e riempiono altri antiossidanti. Riducendo il livello di proteina C-reattiva, gli aiuti dell'acido ascorbico estiguono la risposta infiammatoria in diabetici e riduce il rischio cardiovascolare. Poiché la vitamina C è l'antagonista principale per l'eccessiva attività libero radicale osservata in diabete, la sua presenza è critical.45 poichè la maggior parte dei diabetici sono carenti in questa sostanza nutriente importante, il completamento è essenziale.

La vitamina E (alfa-tocoferolo), un antiossidante potente di lipido-fase, estigue la perossidazione lipidica, aumenta la sensibilità dell'insulina e migliora il trasporto del glucosio. Il completamento ad alta dose della vitamina E a 1200 milligrammi al giorno è stato trovato per ridurre l'infiammazione vascolare e per abbassare i livelli C-reattivi della proteina.56

La vitamina K sembra giocare un ruolo importante nel regolamento di glicemia57 e la riduzione di interleukin-6 (IL-6), un indicatore infiammatorio per il diabete; tuttavia, la gente sulle droghe dell'anticoagulante, quale Coumadin®, non dovrebbe prendere la vitamina K.

L'insulino-resistenza ed il diabete possono anche essere trattati con successo con ai i rimedi basati a pianta indigeni a molte culture indigene. Parecchi rimedi di erbe sono notevolmente efficaci e, a differenza delle terapie farmacologiche, non hanno pochi o effetti collaterali. Le terapie ormonali, facendo uso di testosterone e del deidroepiandrosterone (DHEA), mostrano la considerevole promessa.

Per una descrizione dettagliata di queste terapie complementari, i lettori sono incoraggiati a consultare i protocolli nel libro della prevenzione delle malattie e del trattamento del fondamento del prolungamento della vita,58 come pure il trattato eccellente in suo libro, potere curativo di Michael Murray delle erbe.59

Riferimenti

1. Divisione del diabete, ufficio di cardio malattie respiratorie e diabete, centro del laboratorio per controllo delle malattie, ramo di protezione della salute. Diabete nel Canada: Statistiche ed opportunità nazionali per sorveglianza, la prevenzione ed il controllo migliori. 1999. Salute Canada.

2. Panoramica del diabete. Sito Web nazionale della stanza di compensazione di informazioni del diabete (NDIC). Novembre 2003. Disponibile a: http://diabetes.niddk.nih.gov/dm/pubs/overview/ index.htm. 31 gennaio 2004 raggiunto.

3. Associazione canadese del diabete. Circa diabete: La prevalenza ed i costi di diabete. Sito Web canadese di associazione del diabete. Disponibile a: http://www.diabetes.ca/ Section_About/prevalence.asp. 31 gennaio 2004 raggiunto.

4. McGarry JD. Conferenza 2001 di Banting: lation del dysregu- del metabolismo dell'acido grasso nel etiolo- GY del diabete di tipo 2. Diabete. 2002 gennaio; 51(1): 7-18.

5. Associazione canadese del diabete. Diabete: impatto di vacillamento di malattia. Globe and Mail. 1° novembre 2000: C-1.

6. Organizzazione mondiale della sanità. Totale della gente con diabete. Sito Web del WHO. 31 ottobre 2003. Disponibile a: http://www.who.int/ncd/dia/ databases4.htm. 2 febbraio 2004 raggiunto.

7. Rosenbloom A, Arslanian S, bordo S, et al. diabete di tipo 2 in bambini ed adolescenti. Cura del diabete. 2000 marzo; 23(3): 381-9.

8. Rocchini AP. Betes di obesità di infanzia e di un diametro epidemici. Med di N Inghilterra J. 2002 marzo; 346(11): 854-5.

9. Allarghi la E, Lehto la m., Kanninen T, Walston J, Shuldiner AR, Groop LC. Associazione di un polimorfismo nel beta gene di 3 recettori adrenergici con le caratteristiche della sindrome di insulino-resistenza in finlandesi. Med di N Inghilterra J. 1995 agosto; 333(6): 348-51.

10. Grundy MP, Howard B, junior di Smith S, Eckel R, Redberg R, RO di Bonow. Conferenza VI di prevenzione: Diabete e malattia cardiovascolare: sintesi: conferenza che continua per i fessionals pro- di sanità da un gruppo di scrittura speciale dell'associazione americana del cuore. Circolazione. 2002 maggio; 105(18): 2231-9.

11. MN di Stagnitti. Riassunto statistico #34: La prevalenza di obesità e di altri stati di salute cronici fra gli adulti diabetici nella popolazione della Comunità degli Stati Uniti, 2001. Indagine di pannello medica di spesa. Agenzia per ricerca di sanità e qualità, dipartimento della pagina Web di servizi sanitari e sociali. Disponibile a: http://www.meps.ahrq.gov/PrintProducts/ PrintProd_Detail.asp. 30 gennaio 2004 raggiunto.

12. JV di Neel. Diabete mellito: un genotipo “parsimonioso„ ha reso nocivo tramite “progresso„? Ronzio Genet di J. 1962 dicembre; 14:353-62.

13. Minokoshi Y, Kim YB, Peroni OD, et al. leptina stimola l'ossidazione dell'grasso-acido attivando la chinasi proteica Amp-attivata. Natura. 2002 gennaio; 415(6869): 339-43.

14. Deus P. Leptin: La grande cosa seguente. Rivista del muscolo e di mente [online di serie]. 26 ottobre 2001; Edizione 3. disponibile a: http://mindand muscle.net/magazine/i3leptin.html. 12 febbraio 2004 raggiunto.

15. Sinha Mk, Caro JF. Aspetti clinici di latta lep. Vitam Horm. 1998;54:1-30.

16. Eiden S, Daniel C, Steinbrueck A, Schmidt I, inibitore potente della calcitonina-un di Simon E. Salmon dell'ingestione di cibo negli stati della leptina alterata che segnala nei roditori di laboratorio. J Physiol. 2002 giugno; 541 (pinta 3): 1041-8.

17. Astrup A, Buemann B, Christensen NJ, Toubro S. Failure di aumentare ossidazione del lipido in risposta ad aumentare contenuto di grassi dietetico in donne precedentemente obese. J Physiol. 1994 aprile; 266 (4 pinte 1): E592-E599.

18. Froidevaux F, Schutz Y, Christin L, dispendio energetico di Jequier E. in donne obese prima e durante perdita di peso, dopo il ing del refeed- e nel periodo di peso-ricaduta. J Clin Nutr. 1993 gennaio; 57(1): 35-42.

19. Ravussin E, Lillioja S, WC di Knowler, et al. tasso riduttore di dispendio energetico come fattore di rischio per guadagno di immunizzazione corporea. Med di N Inghilterra J. 1988 febbraio; 318(8): 467-72.

20. Equipaggi lo ZW, Hirashima T, Mori S, Kawano K. la Decrease nell'accumulazione del trigliceride nel tis- cita dalla dieta ristretta ed il miglioramento del diabete nei ratti grassi di Otsuka A lungo Evans Tokushima, diabete di tipo II modella. Metabolismo. 2000 gennaio; 49(1): 108-14.

21. Ohneda m., Inman LR, RH di Unger. La restrizione calorica in ratti pre-diabetici obesi impedisce lo svuotamento della cellula beta, la perdita di SOVRABBONDANZA 2 della cellula beta e l'incompetenza del glucosio. Diabetologia. 1995 febbraio; 38(2): 173-9.

22. Sattar N, Gaw A, Scherbakova O, et al. la sindrome metabolica con e senza la proteina reattiva di c come preannunciatore della coronaropatia ed il diabete nell'ovest della prevenzione coronaria della Scozia studiano. Circolazione. 2003 luglio; 108(4): 414-9.

23. Faloon W. Che cosa non conoscete circa glicemia. Rivista del prolungamento della vita. Gennaio 2004: 11-20.

24. JV di Bjornholt, Erikssen G, Aaser E, et al. glicemia a digiuno: un fattore di rischio sottovalutato per la morte cardiovascolare. Risultati da seguito di 22 anni degli uomini betic del nondia- sano. Cura del diabete. 1999 gennaio; 22(1): 45-49.

25. Harris MI, WC di Hadden, WC di Knowler, Bennett pH. La prevalenza del diabete e dei livelli alterati del cose del glu- del plasma e di tolleranza al glucosio nella popolazione degli Stati Uniti ha invecchiato 20-74 anno. Diabete. 1987 aprile; 36(4): 523-34.

26. Mayfield J. Diagnosis e classificazione del diabete mellito: nuovi criteri. Medico di Fam. 1998 ottobre; 58(6): 1355-70.

27. DB di Allison, Kr di Fontaine, Manson JE, Stevens J, TB di VanItallie. Morti annuali attribuibili ad obesità negli Stati Uniti. JAMA. 1999 ottobre; 282(16): 1530-8.

28. Mokdad AH, SEDERE di Ford es, dell'arciere, et al. prevalenza dell'obesità, il diabete e l'obesità ha collegato i fattori di rischio sanitario, 2001. JAMA. 2003 gennaio; 289(1): 76-9.

29. Hu FB, Manson JE, Stampfer MJ, et al. dieta, stile di vita ed il rischio di litus di mel del diabete di tipo 2 in donne. Med di N Inghilterra J. 2001 settembre; 345(11): 790-7.

30. WC di Knowler, Se di Barrett-Connor E, del Fowler, et al. riduzione dell'incidenza del diabete di tipo 2 con intervento di stile di vita o formin incontrato. Med di N Inghilterra J. 2002 febbraio; 346(6): 393-403.

31. Lemieux I, Pascot A, Prud'homme D, et al. proteina C-reattiva elevata: un'altra componente nent del profilo atherothrombotic di obesità addominale. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2001 giugno; 21(6): 961-7.

32. Heilbronn LK, Noakes m., Clifton PM. La restrizione e la perdita di peso di energia molto sulle diete a basso contenuto di grassi riducono i centrations C-reattivi di raggiro della proteina in donne obese e in buona salute. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2001 giugno; 21(6): 968-70.

33. Challem J, Berkson B, Smith M. Syndrome X. New York: John Wiley & figli; 2000.

34. GM di Reaven. Sindrome X. New York: Simon e Schuster; 2000.

35. Salmeron J, Hu FB, Manson JE, et al. assunzione del grasso dietetico e rischio di diabete di tipo 2 in donne. J Clin Nutr. 2001 giugno; 73(6): 1019-26.

36. Chandalia m., Garg A, Lutjohann D, von Bergmann K, Grundy MP, Brinkley LJ. Effetti benefici di alta assunzione dietetica della fibra in pazienti con il diabete di tipo 2 mellito. Med di N Inghilterra J. 2000 maggio; 342(19): 1392-8.

37. Pagina Web della rete di informazione del cuore di Greiger L. Syndrome X. Disponibile a: http://www.heartinfo.com/nutrition/ syndx072999.htm. 15 novembre 2000 raggiunto.

38. PS di Helmrich, Dott di Ragland, Leung RW, Paffenbarger RS, attività fisica del Jr. ed avvenimento riduttore del diabete mellito dell'ammaccatura dell'non insulina depen. Med di N Inghilterra J. 1991 luglio; 325(3): 147-52.

39. Manson JE, Rimm eb, Stampfer MJ, et al. attività fisica ed incidenza del diabete mellito non insulino-dipendente in donne. Lancetta. 1991 settembre; 338(8770): 774-778.

40. Manson JE, Nathan dm, Krolewski COME, Stampfer MJ, WC di Willett, Hennekens CH. Uno studio prospettivo del dence del inci- e di esercizio di diabete fra i cians maschii del physi- degli Stati Uniti. JAMA. 1992 luglio; 268(1): 63-7.

41. Uusitupa m., Louheranta A, Lindstrom J, et al. Lo studio finlandese di prevenzione del diabete. Br J Nutr. 2000 marzo; 83 (supplemento 1): S137-42.

42. CC di Nieman. Forma fisica e medicina dello sport. terzo ed. Palo Alto, CA: Pubblicazione del toro; 1995.

43. Tipo II del diabete ed il collegamento di sindrome X. Sito Web del fondamento del prolungamento della vita. Disponibile a: http://www.lef.org/protocols/prtcls-text/t-prctl-042.html. 27 gennaio 2004 raggiunto.

44. Jacob S, Streeper RS, Fogt DL, et al. L'acido alfa-lipoico antiossidante migliora il metabolismo insulina-stimolato del glucosio in muscolo scheletrico del ratto insulina-resistente. Diabete. 1996 agosto; 45(8): 1024-9.

45. La TA di Murray Enciclopedia dei supplementi nutrizionali. Rocklin, CA: Prima Publishing; 1996.

46. Koutsikos D, Agroyannis B, Tzanatos- Exarchou H. Biotin per neuropatia periferica diabetica. Biomed Pharmacother. 1990;44(10):511-4.

47. Crayhon R. Il miracolo della carnitina. New York: M. Evans; 1999.

48. Hipkiss AR, Brownson C. Un nuovo ruolo possibile per il carnosine antinvecchiamento del peptide. Cellula Mol Life Sci. 2000 maggio; 57(5): 747-53.

49. McCarty MF. Verso una terapia interamente nutrizionale per il diabete di tipo 2. Med Hypotheses. 2000 marzo; 54(3): 483-7.

50. Tipo II del diabete ed il collegamento di sindrome X. Sito Web del fondamento del prolungamento della vita. Disponibile a: protocolli/prtcls-text/t-prctl-042.html di http://www.lef.org/. 27 gennaio 2004 raggiunto.

51. McCarty MF. Può la correzione di stato suboptimale del coenzima Q migliorare il tion funzionale della cellula beta nel tipo diabetici di II? Med Hypotheses. 1999 maggio; 52(5): 397-400.

52. HQ di Kowluru A, di Chen, Modrick LM, Stefanelli C. Activation del boxylase automobilistico acetile-CoA dalla a glutammato-e fosfatasi sensibile della proteina del magnesio nella cellula beta dell'isolotto. Diabete. 2001 luglio; 50(7): 1580-7.

53. Paolisso G, Passariello N, pizza G, et al. supplementi dietetici del magnesio migliora la risposta del linfocita B a glucosio e ad arginina nei jects sotto- diabetici dipendenti dell'non insulina anziana. Acta Endocrinol (Copenh). 1989 luglio; 121(1): 16-20.

54. Kaneto H, Kajimoto Y, Miyagawa J, et al. effetti benefici degli antiossidanti in diabete: protezione possibile delle cellule beta pancreatiche contro tossicità del glucosio. Diabete. 1999 dicembre; 48(12): 2398-2406.

55. La glicosilazione di Emekli N. Nonenzymatic di tis- cita e proteine del sangue. Ammaccatura Fac di J Marmara Univ. 1996 settembre; 2 (2-3): 530-534.

56. Devaraj S. Vitamin E mostra la promessa nel trattamento del diabete. Washington, DC: Giornali di Hearst. 5 giugno 2001. Disponibile a: http://www.ithyroid.com/diabetes.htm. 27 gennaio 2004 raggiunto.

57. Sakamoto N, Nishiike T, Iguchi H, Sakamoto K. Relationship fra la risposta dell'insulina e l'assunzione acute di vitamina K in giovane maschio in buona salute si offre volontariamente. Diabete Nutr Metab. 1999 febbraio; 12(1): 37-41.

58. Segala m., ed. Prevenzione delle malattie e trattamento. quarto ed. Hollywood, FL: Media del prolungamento della vita; 2003.

59. La TA di Murray Potere curativo delle erbe. secondo ed. Rocklin, CA: Prima Publishing; 1995.