Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine marzo 2004
Vitamina K
La vitamina K rinforza le ossa, protegge le arterie e può contribuire ad impedire il cancro ed altre malattie degeneranti

Nel 1929, un ricercatore danese ha scoperto che quando i pulcini sono stati alimentati una dieta senza grasso, il sangue ha colato dalle loro arterie e nei loro tessuti del corpo. Ancora, il sangue preso da questi pulcini ha coagulato molto lentamente. Ricerca più profonda nel mistero, ha scoperto che una sostanza speciale è stata richiesta per la coagulazione del sangue e che questi pulcini la mancassero perché la sostanza è trovata soltanto nelle parti grasse di alimento.

Ha definito questa sostanza di coagulazione del sangue “la vitamina di koagulation.„ Da abbiamo imparato che questa sostanza, che ora chiamiamo vitamina K, svolge un ruolo vitale in coagulazione del sangue. Ma questo è soltanto uno dei suoi parecchi ruoli. Gli aiuti di vitamina K tengono le ossa forti e rallenta la calcificazione dei tessuti. Anche può distruggere determinati tipi di cellule tumorali, protegge la pelle e può risultare utile nella lotta contro il morbo di Alzheimer, il diabete e l'invecchiamento.

Tre sostanze relative
La vitamina K è realmente un gruppo di tre sostanze riferite: K1, conosciuto come fillochinone; K2, che comprende un gruppo i composti ha chiamato i menaquinones; e K3 o menadione, che sono una versione sintetica della vitamina.

Questa vitamina liposolubile è trovata nella parte grassa degli alimenti. I broccoli ed altre verdure verdi frondose ed il canola, la soia ed altri oli vegetali, sono le nostre fonti dietetiche primarie di vitamina K1. La vitamina K2 è trovata in burro, nel fegato della mucca, in pollo, nel tuorlo d'uovo, in determinati formaggi e nei prodotti fermentati della soia. I microorganismi negli intestini inoltre lo sintetizzano. Il corpo immagazzina soltanto gli importi limitati della vitamina K nel fegato, in modo dagli alimenti ricchi in questa vitamina devono essere consumati regolarmente.

Le carenze autentiche della vitamina K sono vedute raramente in adulti in buona salute che mangiano le diete ben equilibrate. Parecchie circostanze, tuttavia, possono mettere la fase per carenza in K della vitamina, includente:

  • un povero o una dieta ristretta
  • Morbo di Crohn, tis ulcerosi di coli, o altri disturbi quel fere inter con assorbimento nutriente
  • affezione epatica che interferisce con stoccaggio di vitamina K
  • determinate droghe, compreso gli antibiotici dell'ampio spettro, gli agenti d'abbassamento del choles-, l'olio minerale, aspirin ed i diluenti del sangue.

Mentre le carenze severe della vitamina sono rare, i deficit più sottili possono aumentare il rischio di osteoporosi, di arteriosclerosi e di altri disturbi.

Cruciale disossare salute
Il calcio è necessario per le forti ossa, ma incorporare questo minerale nel tessuto dell'osso comprende una serie complessa di punti biochimici. Uno di questi è “l'attivazione„ di una proteina chiamata osteocalcin durante il processo conosciuto come la gamma-carbossilazione.

Osteocalcin è come i perni dentro le pareti di una casa; è una struttura strutturale che aiuta il calcio della tenuta sul posto nelle ossa. Ma il osteocalcin non può fare il lavoro finché la vitamina K non lo converta in sua forma attiva e osso costruziona.1

La salute dell'osso direttamente è collegata con l'attivazione del osteocalcin.2 se ci non è abbastanza vitamina K disponibile attivare questa proteina, un gran numero di osteocalcin inattivo circolerà nella circolazione sanguigna. Se la vitamina K supplementare è data alla gente con il osteocalcin inattivo in eccesso, i livelli di circolazione cadranno3-5 come più di è messo a disposizione per l'incorporazione nelle ossa.

La vitamina K è collegata molto attentamente a salute dell'osso e di osteocalcin:

  • I bassi livelli di vitamina K nel sangue6 e nella dieta7 sono asso- ciated con densità minerale ossea bassa in donne.
  • La presa della vitamina K supplementare sembra migliorare il processo di costruzione dell'osso aumentando l'attrazione di calcio al tessuto 5dell'osso e migliorando la densità ossea.8,9
  • La vitamina K supplementare inoltre riduce la quantità di calcio persa nell'urina,5,8 che significano che più del minerale è disponibile per la costruzione dell'osso.
  • La vitamina K2 può rallentare la ripartizione del tessuto ossuto.10

La vitamina K inoltre aiuta il corpo a fabbricare una proteina chiamata proteina della matrice G1a, un'altra sostanza che aiuta le forti ossa di configurazione.

Parecchi ricercatori hanno studiato se la vitamina K può impedire l'osteoporosi e le fratture. I bassi livelli della vitamina erano associati a un aumentato rischio delle fratture negli studi a partire dagli anni 80 e dall'inizio degli anni 90.11,12 nel 1998, i ricercatori hanno usato i dati dallo studio prestigioso di salute degli infermieri per esaminare il collegamento fra la vitamina K e le fratture dell'anca in donne.13 le diete oltre di 70.000 donne, varianti nell'età da 38 a 63, sono stati analizzati per 10 anni. I ricercatori hanno trovato che consumare circa 110 microgrammi della vitamina K al giorno ha ridotto il rischio di rottura dell'anca da circa 30%.

Nel Giappone, la vitamina K è stata un trattamento approvato per osteoporosi dal 1995.

Arterie proteggenti da calcificazione
La ricerca intrigante suggerisce che come vitamina K gli aiuti dirigano il calcio verso l'osso e lo tiene là, inoltre contribuisce a tenere il calcio dai rivestimenti delle arterie e di altri tessuti del corpo, in cui può essere pericoloso.

Le arterie che portano il sangue fresco in tutto il corpo sono normalmente flessibili, contraendosi e rilassandosi sul comando tenere il sangue scorrere uniformemente. Ma col passare del tempo, tendono a ispessirsi ed irrigidirsi mentre il corpo deposita il calcio nelle pareti dell'arteria. Questa circostanza, conosciuta come arteriosclerosi, è un fattore di rischio per la malattia cardiaca ed il colpo.

La ricerca della fase iniziale suggerisce che la vitamina K possa contribuire ad impedire l'arteriosclerosi.10 scienziati dai 14olandesi hanno confermato che la vitamina K attiva la proteina della matrice G1a, un inibitore potente della calcificazione arteriosa.15 la proteina della matrice G1a e forse altre proteine K-dipendenti della vitamina, sono credute per contribuire a regolare il movimento del calcio in tutto il corpo, dirigendolo a partire dalle arterie e nelle ossa.

Nei 2002 studi,16 ricercatori hanno confrontato lo stato di vitamina K alla quantità di calcificazione nelle arterie coronarie di 600 uomini. Hanno trovato che gli uomini con lo stato di vitamina K più basso hanno avuti molto più calcificazione nelle loro arterie coronarie che hanno fatto uomini con migliore stato di vitamina K.

La più ricerca è necessaria, ma compare quello regolando il calcio, la vitamina K riduce simultaneamente il rischio sia di osteoporosi che di arteriosclerosi.

Prevenzione del cancro, altri benefici
Un turbine di neve di nuovi studi suggerisce che la vitamina K possa contribuire a combattere il cancro. La vitamina K1 sembra svolgere un ruolo nella replica, nella trasformazione e nella sopravvivenza delle cellule,17 e può inibire la crescita delle cellule.18 la vitamina K2 incoraggia il suicidio (apoptosi) delle cellule tumorali pancreatiche ed ovariche,19 mentre gli analoghi della vitamina K2 inducono lo stesso genere di morte programmata delle cellule in cellule di leucemia.20 questi rapporti preliminari suggeriscono che la vitamina K possa l'un giorno essere usata “istruisca„ le cellule tumorali fermare la loro crescita pericolosa e non regolata.

Mentre la maggior parte della ricerca sulla vitamina K ha esaminato la sua abilità al sangue di grumo, rinforzi le ossa e distrugga le cellule tumorali sicure, altre linee di indagine suggeriscono i modi supplementari che questa vitamina possa migliorare la nostra salute.

Morbo di Alzheimer
Questa malattia terribile è stata collegata al genotipo dell'apolipoproteina E4 in alcuni studi. I ricercatori hanno trovato che i livelli ematici di vitamina K possono essere più bassi in quelli con questo genotipo,21 una scoperta che può essere collegata con prova che gli aiuti di vitamina K regolano la biochimica del cervello. Può essere che una carenza in K della vitamina sia un fattore di contributo allo sviluppo del morbo di Alzheimer e che il completamento di vitamina K contribuirà a combatterlo.

Cura di pelle
I ricercatori dell'university of miami hanno cercato i modi impedire il significativo battendo quello accompagna tali procedure cosmetiche come il trattamento pulsato del laser a coloranti. In uno studio di 22 pazienti, hanno scoperto che quello applica la vitamina K attuale al fronte dopo che il trattamento del laser ha ridotto significativamente la severità di ammaccatura.22

Regolamento della glicemia
Relativamente un gran numero di vitamina K è trovata nel pancreas, l'organo che fabbrica l'insulina che regola la glicemia. In uno studio con gli animali da laboratorio, i ricercatori giapponesi hanno trovato che una carenza della vitamina K interferisce con il rilascio dell'insulina ed il regolamento del glucosio nei modi simili al diabete.23

Protezione contro danno delle cellule
La vitamina K può anche avere proprietà antiossidanti,24 che lo rende utile nel prevenire danni d'accumulazione dell'ossidazione to le cellule ed i tessuti connessi con invecchiamento.

Le posologie variano
L'adulto americano medio consuma 59-82 microgrammi (mcg) della vitamina K al giorno.25 questo sono di meno che i livelli adeguati dell'assunzione fissati dal bordo di nutrizione e di alimento dell'istituto nazionale di medicina, che raccomanda 120 mcg al giorno per gli uomini e 90 mcg al giorno per le donne.

Alcuni studi hanno suggerito che i più grandi importi potessero contribuire a proteggere da osteoporosi e dalla calcificazione delle arterie. I supplementi che contengono da 25 mcg fino a 10 milligrammi (mg) della vitamina sono disponibili facilmente.

Secondo il bordo di nutrizione e di alimento, “nessun effetto contrario connesso con il consumo di vitamina K da alimento o i supplementi è stato riferito in esseri umani o in animali.„26 dovreste, tuttavia, controllare con il vostro medico se state prendendo i farmaci quali i diluenti del sangue che possono essere colpiti dalla vitamina K.

Conclusione
L'importanza di K della vitamina come agente di coagulazione del sangue è affermata. La ricerca più recente, tuttavia, ha dimostrato che la vitamina K può svolgere vari ruoli dipromozione. Questa ricerca suggerisce che gli aiuti di vitamina K impediscano l'osteoporosi da calcio “guidante„ nelle ossa e nella tenuta là; riduce il rischio di malattia cardiaca e di colpo dirigendo il calcio a partire dalle arterie; uccide le cellule tumorali; e migliora la salute della pelle. La vitamina K può essere utile in morbo di Alzheimer e diabete di combattimento ed anche può esercitare le proprietà antiossidanti ed antinfiammatorie che potrebbero renderla utile nel combattimento dei sintomi di invecchiamento.

Riferimenti

1. Zittermann A. Effects della vitamina K su calci- um e sul metabolismo dell'osso. Cura di Curr Opin Clin Nutr Metab. 2001 novembre; 4(6): 483-7.

2. Sugiyama T, Kawai S. la Carboxylation del osteocalcin può essere collegato con qualità dell'osso: un meccanismo possibile del tion del preven- di frattura dalla vitamina K.J Bone Miner Metab. 2001;19(3):146-9.

3. Sokoll LJ, cabina SL, O'Brien ME, et al. cambia in osteocalcin del siero, loquinone del phyl- del plasma ed acido tamic di gamma-carboxyglu urinaria in risposta alle assunzioni alterate di fillochinone dietetico nei soggetti umani. J Clin Nutr. 1997 marzo; 65(3): 779-84.

4. Douglas COME, pettiross PS, Hutchison JD, portatore RW, Stewart A, Reid dm. Carbossilazione del osteocalcin nelle donne osteoporotiche della menopausa della posta dopo la vitamina K ed il completamento di D. Osso. 1995 luglio; 17(1): 15-20.

5. Knapen MHJ, Hamulyak K, Vermeer C. L'effetto del completamento di vitamina K sul osteocalcin culating del CIR (proteina di Gla dell'osso) e sull'estrazione urinaria del calcio. Ann Intern Med. 15 dicembre 1989; 111(12); 1001-5.

6. Livello e densità minerale ossea di vitamina K di Kanai T, di Takagi T, di Masuhiro K, di Nakamura m., di Iwata m., di Saji F. Serum in donne postmenopausali. Int J Gynecol Obstet. 1997 gennaio; 56(1): 25-30.

7. Dott della cabina SL, di Broe KE, di Gagnon, et al. assunzione di vitamina K e densità minerale ossea in donne ed in uomini. J Clin Nutr. 2003 febbraio; 77(2): 512-6.

8. Orimo H, Shiraki m., Fujita T, et al. valutazione clinica di Menatetrenone nell'ossequio ment dello studio comparativo multicentrato ble-cieco di dou di osteoporosi-un di involutional con 1 alfa-hydroxyvitamin D3. Ricerca minerale dell'osso di J. 1992; 7 (supplemento 1); S122.

9. Akjba T, Kurihara S, vitamina K di Tachibana K. ha aumentato la massa dell'osso nei pazienti di emodialisi con la malattia dell'osso di basso volume d'affari. J Soc Nephrol. 1991; 608:42P (sommario).

10. Hendler S, Rorvic D, eds. PDR per i supplementi nutrizionali. Montvale, NJ: Economia medica Co.; 2001:525.

11. Hart JP, tagliatrice MJ, Klenerman L, et al. rilevazione elettrochimica dei livelli depressi di culation del CIR di vitamina K1 nell'osteoporosi. J Clin Endocrinol Metab. 1985 giugno; 60(6): 1268-9.

12. Hodges SJ, Akesson K, Vergnaud P, Obrant K, palladio di Delmas. I livelli di circolazione di vitamine K1 e K2 sono diminuito in donne anziane con la frattura dell'anca. Minatore Res dell'osso di J. 1993 ottobre; 8(10): 1241-5.

13. Feskanich D, Weber P, WC di Willett, Rockett H, cabina SL, Colditz GA. Fratture dell'assunzione e dell'anca di vitamina K in donne: uno studio prospettivo. J Clin Nutr. 1999 gennaio; 69(1): 74-9.

14. Il HM di Spronk, le SEDERE di Soute, Schurgers LJ, et al. proteina di Gla della matrice si accumula al der del bor- delle regioni di calcificazione e il tis- normale cita nei media della parete arteriosa della nave. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 30 novembre 2001; 289(2): 485-90.

15. PE di Schurgers LJ, di Dissel, HM di Spronk, et al. ruolo della vitamina K e proteine K-dipendenti della vitamina nella calcificazione vascolare. Z Kardiol. 2001; 90 3:57 del supplemento - 63.

16. Lew JB. Vitamina K collegata al rischio coronario di fication del calci-. Fern Pract News 2002; 32(1): 1-2.

17. PS di Saxena, Israels ED, Israels LG. Vie K-dipendenti della vitamina novella che regolano sopravvivenza delle cellule. Apoptosi. 2001 febbraio-aprile; 6 (1 - 2): 57-68.

18. BI di Carr, vitamine di Wang Z, di Kar S.K, antagonismo di PTP ed arresto di crescita delle cellule. Cellula Physiol di J. 2002 dicembre; 193(3): 263-74.

19. Shibayama-Imazu T, Sakairi S, Watanabe A, Aiuchi T, Nakajo S, vitamina K di Nakaya K. (2) apoptosi selettivamente indotti in TYK-NU ovarico e cellule pancreatiche di MIA PaCa-2 su otto linee cellulari solide del tumore attraverso un meccanismo differente dal geranylgeraniol. Ricerca Clin Oncol del Cancro di J. 2003 gennaio; 129(1): 1-11.

20. Miyazawa K, Yaguchi m., Funato K, et al. apoptosi/effetti di differenziazione-induzione della vitamina K2 sulle cellule HL-60: natura dicotomica della vitamina K2 in cellule di leucemia. Leucemia. 2001 luglio; 15(7): 1111-7.

21. CA di Allison. Il ruolo possibile di carenza in K della vitamina nella patogenesi del morbo di Alzheimer e nell'aumento della lesione cerebrale si è associato con facilità cardiovascolare di DIS. Med Hypotheses. 2001 agosto; 57(2): 151-5.

22. Scià NS, Lazzaro MC, Bugdodel R, et al. Gli effetti della vitamina K attuale sull'ammaccatura dopo il trattamento del laser. J Acad Dermatol. 2002 agosto; 47(2): 241-4.

23. Sakamoto N, Wakabayashi I, effetti dell'assunzione di vitamina K di Sakamoto K. Low sul erance del tol- del glucosio in ratti. Int J Vit. Ricerca 1999 gennaio; 69(1): 27-31.

24. Hendler S, Rorvic D, eds. PDR per i supplementi nutrizionali. Montvale, NJ: Economia medica Co.; 2001:524.

25. Cabina, SL, Pennington JA, Sadowski JA. Fonti dell'alimento ed ingestioni dietetiche di vitamina K-1 (fillochinone) nella dieta americana: dati dallo studio di dieta totale di FDA. Dieta Assoc di J. 1996 febbraio: 96(2): 149-54.

26. Bordo di nutrizione e di alimento. Assunzioni dietetiche di riferimento per vitamina A, la vitamina K, l'arsenico, il boro, il cromo, il rame, lo iodio, il ferro, il manganese, il molibdeno, il nichel, il silicio, il vanadio e lo zinco. Washington, DC: Stampa nazionale delle accademie; 2002:187.