Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine marzo 2004
immagine
Un commento sulla pectina modificata dell'agrume
da Stephen B. Strum, MD, FACP

Il prolungamento della vita è stato alla prima linea nel portare l'attenzione agli avanzamenti importanti nella medicina durante gli ultimi 20 anni. L'articolo di questo mese da Romy Fox sulla pectina modificata dell'agrume (MCP) continua in questa tradizione. Ciò è un articolo interessante che i membri del prolungamento della vita dovrebbero leggere. Il mio commento su questo articolo mette a fuoco sul MCP e sulla sua relazione al controllo di cancro. Affinchè il lettore capisca questo aspetto del MCP, è necessario che in primo luogo discuta come il MCP interagisce con i prodotti specifici delle cellule chiamati proteine o galectins carboidrato-leganti.

Una concetto-comunicazione dei due centri ed equilibrio-è critica ai mondi di umanità e di biologia. La comunicazione fra le cellule sane o normali è vitale alle loro molte funzioni e sopravvivenza. Che cosa deve essere sottolineato è che questo è inoltre vero poichè si riferisce alla funzione ed alla sopravvivenza delle cellule tumorali. È stato evidente che le strategie importanti che funzionano per la cellula “sana„ inoltre sono strategie vitali per “il nemico„ o la cellula tumorale. la comunicazione della Cellula--cellula, quindi, è critica alla sopravvivenza delle cellule. Un aspetto chiave di questa interazione si riferisce all'abilità delle cellule del tumore ai gruppi coesivi della forma. Come nelle interazioni umane, c'è forza nei numeri quando si tratta delle cellule tumorali. I mazzi delle cellule del tumore possono sopravvivere alla distruzione dal sistema immunitario del corpo perché l'immunità funziona il più bene quando si occupa di un carico basso del tumore, cioè, importi minuscoli del tumore.

Le proteine specializzate individuate all'interno delle cellule tumorali facilitano la coesione della cellula tumorale con conseguente cellula che si agglutina o che ragruppa. Ciò a sua volta accelera la crescita e la diffusione di malignità, come rappresentato nei diagrammi che accompagnano l'articolo. Queste proteine sono chiamate proteine o lectine carboidrato-leganti. Delle 14 lectine finora identificate, quello che sembra il più importante nel processo cancerogeno è galectin-3.

Se possiamo bloccare le cellule tumorali dall'agglutinamento insieme ed anche impedire loro attaccare ai siti dell'obiettivo sulle pareti del vaso sanguigno, possiamo sviluppare le terapie che colpiscono la produzione del cancro, l'adesione, la migrazione, la crescita, la progressione e la metastasi delle cellule tumorali e perfino la morte di cellula tumorale (apoptosi).1 i galectins e particolarmente galectin-3, sono compresi intimamente in molti, se non in tutti, questi processi.

Un esame approfondito della letteratura medica contemporanea sui galectins rivela un'immagine emozionante ma complessa. Alcune pubblicazioni indicano chiaramente che i livelli aumentati di galectin-3 nel sangue o in tessuto sono associati con la frequenza di malignità e una fase aumentata della progressione del tumore.2-14 alcuni di questi articoli sono di importanza del punto di riferimento perché indicano l'accuratezza impressionante quando la prova galectin-3 è usata per stabilire la presenza di malignità. Ciò è chiaramente il caso con tumori della tiroide7-11,15-18 e tumore del colon.4,5,17 medici e pazienti devono essere informati di tali sviluppi altamente significativi e le prove di laboratorio commerciali devono diventare disponibili per tradurre questi avanzamenti alla cura dei pazienti.

La ricerca medica supplementare ha compreso l'innalzamento o l'abbassamento dei livelli galectin-3 nei modelli animali di cancro. Questi studi inoltre hanno stabilito una correlazione fra gli più alti livelli galectin-3 e metastasi.19 una certa controversia risultano, tuttavia, da altri articoli che precisano che appena l'opposto è visto con altre malignità. In tali istanze, i più bassi o livelli assenti galectin-3 sono associati con un comportamento biologico più aggressivo di determinati tipi del cancro ed i livelli elevati di galectin-3 con i tumori (differenziati) più maturi che più di meno sono avanzati nella fase del cancro.20-22 per esempio, nell'articolo da Piantelli ed altri, una correlazione significativa è stata trovata fra i livelli elevati del tumore galectin-3 e la sopravvivenza globale senza ricaduta più lunga e di sopravvivenza in pazienti diagnosticati con cancro della laringe.23

Di conseguenza, dobbiamo essere specifici in dettaglio il tipo di cancro quando discute gli effetti dei livelli galectin-3 sulla diagnosi del cancro, sulla fase del tumore, sull'aggressività e sulla sopravvivenza. La tabella esplicativa mostra tali relazioni, ma il lettore dovrebbe essere informato che questo un primo approccio e non comprende molti tipi del tumore. Gli effetti biologici indicati in questa tavola sono di importanza medica principale.

La letteratura su galectin-3 diventa più emozionante alla luce della ricerca che ora rivela le funzioni multiple per questa proteina. La maggior parte di più vecchia letteratura mette a fuoco sulle proprietà carboidrato-leganti di galectin-3. Il grippaggio ha luogo all'estremità della molecola chiamata l'estremità del C-terminale. L'altra estremità della molecola, chiamata il N-terminale, estremità, è responsabile di un altro importante funzione-proteggendo la cellula del tumore dalla morte o dagli apoptosi delle cellule. Quando un aminoacido specifico (serina) nella sesta posizione dall'estremità del N-terminale è attivato, un processo chimico è cominciato che avvia una sequenza chimica “di anti-morte„. In questo caso, la cellula tumorale sta essendo protetta. Il meccanismo cellulare comprende la protezione dei mitocondri della cellula tumorale (le centrali elettriche per sia il normale che le cellule tumorali) da danno dovuto l'ossidazione da ossido di azoto.25 così, gli impianti galectin-3 al N-terminale si concludono per proteggere la cellula tumorale dalla morte delle cellule o gli apoptosi causati da ossido di azoto. Questa via di morte delle cellule è un meccanismo chiave nell'azione della radioterapia ed anche di alcune droghe della chemioterapia quale cisplatino.26 per aggiungere all'eccitazione di una tal scoperta, la proteina galectin-3 inoltre è stata indicata alla funzione come interruttore on-off. Quando la conclusione del N-terminale di galectin-3 è attivata, spenge il funzionamento dell'estremità carboidrato-legante della proteina.27 quando l'estremità del C-terminale della molecola è attivata, spenge la funzione degli anti-apoptosi dell'estremità del N-terminale.28 così, galectin-3 è una proteina a funzioni multiple con un innesco di "ON" per proteggere la cellula del tumore dalla morte o un innesco di "OFF" che permette che le cellule del tumore leghino insieme per formare le masse coesive, per invadere il tessuto connettivo compreso i vasi sanguigni e per riprodurrsi per metastasi e svilupparsi. Ciò è uno sviluppo chiave nella nostra comprensione del processo cancerogeno!

La pectina modificata dell'agrume entra nell'immagine e lega l'estremità del C-terminale della proteina che blocca la capacità delle cellule del tumore di aderire e formare le masse o le cellule tumorali coesive. La pectina modificata dell'agrume, negli studi tramite Strum ed altri e la congettura ed altri, ha rallentato il tempo di raddoppiamento prostatico specifico dell'antigene (PSA) negli uomini con carcinoma della prostata.29,30 questo hanno potuto essere semplicemente dovuti spegnebbi la produzione di PSA senza colpire la proliferazione delle cellule del tumore. Altri studi hanno indicato, tuttavia, che la pectina modificata dell'agrume realmente fa diminuire la crescita delle cellule del tumore,31 e che può da legare a galectin-3 e da fare diminuire l'adesività delle cellule, l'invasione e la metastasi.32-34

La domanda centrale è se il MCP, quando colpisce le funzioni celebri sopra, può spegnere il commutatore all'estremità del N-terminale della proteina galectin-3, così indebolendo la capacità delle cellule del tumore di proteggersi dalla distruzione da radiazione o dalla chemioterapia. Gli studi supplementari sono male necessari a causa di beneficio potenzialmente notevole del MCP nel trattamento di un gran numero di malignità. Le implicazioni dell'organizzazione e di sistema diagnostico per galectin-3 ed altri galectins e le implicazioni terapeutiche per il MCP sono di tale grandezza quanto alle conferenze di maggiore della garanzia e di ulteriore finanziamento su questo sviluppo emozionante.

In conclusione, la pectina modificata dell'agrume sembra essere un fattore importante attenuarsi nel controllo e nella morte della cellula tumorale.

Riferimenti

1. La metastasi di Bresalier RS, di Byrd JC, di Brodt P, et al. del fegato e l'adesione all'endotelio sinusoidale dalle cellule di tumore del colon umane è collegata con la lunghezza a catena del carboidrato della mucina. Cancro di Int J. 18 maggio 1998; 76(4): 556-62.

2. Iurisci I, Tinari N, Natoli C, Angelucci D, Cianchetti E, Iacobelli S. Concentrations di galectin-3 nei sieri dei comandi normali e dei malati di cancro. Ricerca del Cancro di Clin. 2000 aprile; 6(4): 1389-93.

3. Irimura T, Matsushita Y, Sutton RC, et al. contenuto aumentato di un lectin tose-legante della bacca endogena in cinoma automobilistico colorettale umano ha diventato le fasi metastatiche. Ricerca del Cancro. 1° gennaio 1991; 51(1): 387-93.

4. Lotan R, Matsushita Y, Ohannesian D, et al. espressione Lattosio-legante del lectin nei carcinoma colorettali umani. Relazione alla progressione del tumore. Ricerca di Carbohydr. 25 giugno 1991; 213:47-57.

5. HL di Schoeppner, Raz A, SB noioso, Bresalier RS. L'espressione di un lectin tose-legante del galac- endogeno correla con la progressione di tic del neoplas- nei due punti. Cancro. 15 giugno 1995; 75(12): 2818-26.

6. Lotan R, Ito H, Yasui W, Yokozaki H, Lotan D, Tahara E. Expression di un lectin lactoside-legante 31-kDa in mucosa gastrica umana normale e nei carcinoma gastrici primari e metastatici. Cancro di Int J. 15 febbraio 1994; 56(4): 474-80.

7. Xu XC, EL-Naggar AK, espressione di Lotan R. Differential di galectin-1 e galectin-3 nei tumori della tiroide. Implicazioni nostic del diag- potenziale. J Pathol. 1995 settembre; 147(3): 815-22.

8. Orlandi F, Saggiorato E, Pivano G, et al. Galectin-3 è un indicatore prechirurgico di carcinoma umano della tiroide. Ricerca del Cancro. 15 luglio 1998; 58(14): 3015-20.

9. Bartolazzi A, Gasbarri A, Papotti m., et al. applicazione di un metodo immunodiagnostic per il miglioramento del sis preoperatorio del diagno- delle lesioni nodulari della tiroide. Lancetta. 26 maggio 2001; 357(9269): 1644-50.

10. Papotti m., Volante m., Saggiorato E, Deandreis D, Veltri A, Orlandi F. Role del immunodetection galectin-3 nella diagnosi di caloria del cytologi- del cinoma automobilistico papillare cistico della tiroide. EUR J Endocrinol. 2002 ottobre; 147(4): 515-21.

11. Inohara H, Honjo Y, Yoshii T, et al. espressione di galectin-3 nel aspi- dell'fine-ago valuta come una differenziazione diagnostica dell'indicatore benigna dai neoplasma maligni della tiroide. Cancro. 1° giugno 1999; 85(11): 2475-84.

12. Bresalier RS, Byrd JC, Wang L, mucina del cancro di Raz A. Colon: un nuovo legante per la proteina beta-galactoside-legante galectin-3. Ricerca del Cancro. 1° ottobre 1996; 56(19): 4354-7.

13. Bresalier RS, Yan PS, Byrd JC, Lotan R, Raz A. Expression della proteina tose-legante galectin-3 del galac- endogeno correla con il potenziale maligno dei tumori nel sistema nervoso centrale. Cancro. 15 agosto 1997; 80(4): 776-87.

14. Honjo Y, Inohara H, Akahani S, et al. espressione di galectin-3 citoplasmico come indicatore prognostico nel carcinoma della lingua. Ricerca del Cancro di Clin. 2000 dicembre; 6(12): 4635-40.

15. Bartolazzi A, Papotti m., considerazioni di Orlandi F. Methodological per quanto riguarda l'uso di analisi di espressione galectin-3 nella valutazione preoperatoria dei noduli della tiroide. J Clin Endocrinol Metab. 2003 febbraio; 88(2): 950; risposta 950-1 dell'autore.

16. Cvejic D, sabina S, Golubovic S, Paunovic I, Tatic S, Havelka M. Galectin-3 ed espressione noembryonic dell'antigene del carci- nel carcinoma midollare della tiroide: tion reale possibile alla progressione del tumore. Istopatologia. 2000 dicembre; 37(6): 530-5.

17. Miyazaki J, Hokari R, Kato S, et al. espressione aumentata di galectin-3 nel cancro gastrico del relè del prima- ed i linfonodi metastatici. Rappresentante di Oncol. 2002 novembre-dicembre; 9(6): 1307-12.

18. Saggiorato E, Cappia S, De Giuli P, et al. Galectin-3 come indicatore agnostico del immunocytodi- prechirurgico di carcinoma ular della tiroide del follic- come minimo dilagante. J Clin Endocrinol Metab. 2001 novembre; 86(11): 5152-8.

19. Bresalier RS, Mazurek N, Sternberg LR, et al. metastasi di tumore del colon umano è alterato modificando l'espressione di beta gastroenterologia galactoside-legante di galectin 3. della proteina. 1998 agosto; 115(2): 287-96.

20. van den Brule FA, Buicu C, Sobel ME, Liu FT, Castronovo V. Galectin-3, una proteina obbligatoria del laminin, non riesce a modulare l'adesione delle cellule umane del melanoma a laminin. Neoplasma. 1995;42(5):215-9.

21. van den Brule FA, prezzo J, Sobel ME, Lambotte R, un sion di due proteine obbligatorie del laminin, 67LR e galectin-3 del expres- di Castronovo V. Inverse, correla con il fenotipo dilagante del tessuto trophoblastic. Ricerca Commun di biochimica Biophys. 30 maggio 1994; 201(1): 388-93.

22. van den Brule FA, Berchuck A, rafia RC, et al. espressione differenziale del ricevitore del laminin 67-kD e proteina laminin-legante umana 31-kD nei carcinoma ovarici umani. Cancro di EUR J. 1994; 30A (8): 1096-9.

23. Piantelli m., Iacobelli S, Almadori G, et al. mancanza dell'espressione di galectin-3 è ed del associat- con un risultato difficile in pazienti nodo-negativi con il noma laringeo del carci- della squamoso-cellula. J Clin Oncol. 15 settembre 2002; 20(18): 3850-6.

24. van den Brule FA, Waltregny D, Liu FT, Castronovo V. Alteration del cytoplas- mic/modello nucleare di espressione di galectin-3 correla con il sion del progres- di carcinoma della prostata. Cancro di Int J. 2000 20 luglio; 89(4): 361-7.

25. Luna BK, Lee YJ, battaglia P, Jessup JM, Raz A, ORA di Kim. Galectin-3 protegge le cellule umane di carcinoma del seno dagli apoptosi indotti dell'ossido nitrico: implicazione della funzione galectin-3 durante la metastasi. J Pathol. 2001 settembre; 159(3): 1055-60.

26. Akahani S, Nangia-Makker P, Inohara H, Kim ora, Raz A. Galectin-3: una molecola apoptotica anti- novella con un dominio funzionale BH1 (NWGR) della famiglia Bcl-2. Ricerca del Cancro. 1° dicembre 1997; 57(23): 5272-6.

27. Mazurek N, Conklin J, Byrd JC, Raz A, Bresalier RS. Fosforilazione di beta ulates galactoside-leganti del MOD della proteina galectin-3 che legano ai suoi leganti. Biol chim. di J. 2000 17 novembre; 275(46): 36311-5.

28. Yoshii T, Fukumori T, Honjo Y, Inohara H, Kim ora, tion del phosphoryla- di Raz A. Galectin-3 è richiesto per il suo arresto funzionale anti-apoptotico del ciclo cellulare e di tion. Biol chim. di J. 1° marzo 2002; 277(9): 6852-7. Epub 2001 27 novembre.

29. Strimpelli lo SB, Scholz la m., McDermed J, McCulloch la m., agrume che di Eliaz I. Modified la pectina rallenta il tempo di raddoppiamento di PSA: un test clinico pilota. Documento presentato a: Conferenza internazionale sulla dieta e sulla prevenzione di Cancro; Maggio 1999; Tampere, Finlandia.

30. La congettura BW, Scholz MC, strimpella lo SB, relè di fuga, Johnson HJ, Jenrich RI. La pectina modificata dell'agrume (MCP) aumenta il tempo di raddoppiamento dell'antigene della prostata-specif CI negli uomini con carcinoma della prostata: uno studio pilota di fase II. Carcinoma della prostata DIS prostatico. 2003;6(4):301-4.

31. Hayashi A, CA di Gillen, JUNIOR di Lott. Effetti della somministrazione orale quotidiana del cono del chal- della quercetina e della pectina modificata dell'agrume. Altern Med Rev. 2000 dicembre; 5(6): 546-52.

32. Inohara H, Raz A. Effects del carboidrato naturale del plex di COM (pectina dell'agrume) sulle proprietà murine delle cellule del melanoma si è riferito alle funzioni galectin-3. Glycoconj J. 1994 dicembre; 11(6): 527-32.

33. Nangia-Makker P, Hogan V, Honjo Y, et al. inibizione di crescita umana della cellula tumorale e metastasi in topi nudi da assunzione orale della pectina modificata dell'agrume. Cancro nazionale Inst di J. 18 dicembre 2002; 94(24): 1854-62.

34. Pienta kJ, Naik H, Akhtar A, et al. inibizione della metastasi spontanea in un modello del carcinoma della prostata del ratto dal tration orale del adminis- della pectina modificata dell'agrume. Cancro nazionale Inst di J. 1° marzo 1995; 87(5): 348-53.