Vendita di cura di pelle del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine maggio 2004
Il ruolo di nutrizione nella degenerazione maculare
Da Dennis L. Gierhard, PhD

Riassunto e previsione
La zeaxantina è uno di più nuovi antiossidanti e sempre è stata una componente naturale della dieta umana.

Una teoria plausibile è presentata per sostenere altri la speculazione che la zeaxantina può essere “una sostanza nutriente criticamente essenziale„ per la funzione e la protezione adeguate dell'occhio.3 questa teoria suggeriscono una necessità di cambiare i comportamenti ed aumentare il consumo dietetico di frutta e di verdure a degenerazione relativa all'età di diminuzione dell'occhio. Una certa prova suggerisce che possa essere più difficile da ottenere i livelli elevati di zeaxantina dalla dieta che di luteina, indicando che il completamento può essere desiderabile. C'è prova concreta che la zeaxantina è preferita dai tessuti oculari perché ha le proprietà uniche e differenze strutturali sottili confrontate a luteina che le rendono un migliore antiossidante lipofilico e photoprotectant.

Il completamento dietetico con 3-6 mg/giorno di zeaxantina può ridurre il rischio di contratto delle malattie dell'occhio degeneranti. L'ingestione dietetica significativamente più su di zeaxantina (non la meso-zeaxantina dell'isomero) può essere importante per gli individui con gli elevati rischi per o i sintomi avanzati di degenerazione maculare e delle cataratte. Altre indennità-malattia connesse con zeaxantina inoltre sono state notate.

Nell'immediato futuro, possiamo prevedere più ricerca di base, studi sugli animali e test clinici obiettivi della prova alla cieca che tentano di definire chiaramente l'importanza della zeaxantina nelle malattie dell'occhio degeneranti. È probabile che l'alta assunzione degli antiossidanti e della zeaxantina dietetici sarà indicata per essere un fattore nella riduzione del rischio e nel rallentamento della progressione delle malattie dell'occhio degeneranti. Altri phytonutrients importanti sono inoltre probabili agire sinergico con zeaxantina nel rallentamento degli effetti di invecchiamento nell'occhio. Poichè la scienza delucida i meccanismi degeneranti più importanti e la genetica splende la sua luce sulle edizioni e sui meccanismi di eredità, i supplementi saranno sul mercato per rispondere a questi bisogni. Guardando fuori un poco ulteriore in futuro, è probabile che la prevalenza e la progressione della cataratta trarranno giovamento dalla ricerca combinata su zeaxantina e dagli sviluppi della biochimica nutrizionale dell'occhio.33 questo avanzamento hanno potuto avere un impatto economico positivo sulla coltura delle spese di Assistenza sanitaria statale legate alla malattia dell'occhio degenerante. Forse lo stesso impatto sarà visto riguardo alle complicazioni diabetiche dell'occhio e della degenerazione maculare. Con quasi 15 milione vittime asciutte di degenerazione maculare negli Stati Uniti oggi e più sul modo, un'incidenza e un tasso in diminuzione di progressione sarebbero benvenuti.

Le società di biotecnologia e farmaceutiche stanno sviluppando il laser e gli inibitori freddi di angiogenesi per il trattamento degli effetti devastare di degenerazione maculare bagnata.35 quasi tutti questi trattamenti mirano alle singole molecole o alle singole vie per impedire o distruggere i vasi sanguigni indesiderati. Mentre la zeaxantina può essere la singola sostanza nutriente più critica per l'occhio, il suo valore molto probabilmente sarà insieme con alta ingestione dietetica delle sostanze nutrienti multiple. Finalmente ci sarà una convergenza di intervento nutrizionale (per impedire e modulare gli insulti e gli sforzi iniziali dell'occhio) e di trattamenti medici specializzati (per crescita molto recente ed aggressiva del vaso sanguigno di degenerazione maculare bagnata).

Le generazioni future potranno vedere quelle cose importanti nella vita. Nel frattempo, potete mangiare sano (lotti della frutta e verdure, grassi in diminuzione ed olio di pesce aumentato), aumentare la vostra ingestione dietetica di zeaxantina e di altri antiossidanti, smettere di fumare, perdere quelli libbre del supplemento, guardare i vostri fattori di rischio per la malattia cardiovascolare e proteggere i vostri occhi quando al sole.

Circa l'autore
Il Dott. Gierhart ha ricevuto le sue lauree del ms e delle BS a partire dall'università di Stato di Ohio nel 1973 e da 1974 ed ha guadagnato il suo PhD in alimento e la microbiologia di industriale da Cornell University nel 1978. Prima di fondare ZeaVision, il Dott. Gierhart era fondatore e presidente di Applied Food Biotechnology, Inc., un alimento/società ingrediente dell'alimentazione. Prima di fondare la biotecnologia applicata dell'alimento, il Dott. Gierhart ha diretto i programmi di ricerca corporativi per due società di alimento di Fortune 500.

Riferimenti

1. Contributo di Schalch W. Possible di luteina e di zeaxantina, carotenoidi del lutea della macula, a ridurre il rischio per degenerazione maculare senile: una rassegna. HKJ Ophthalmol. 4(1).

2. Seddon JM. Nutrizione e malattia dell'occhio relativa all'età. VNIS Backgrounder. 3(1).

3. Semba RD, Dagnelie G. Sono la luteina e la zeaxantina sostanze nutrienti condizionalmente essenziali per salute dell'occhio? Med Hypotheses. 2003 ottobre; 61(4): 165-72.

4. Ni di Krinsky, Landrum JT, RA dell'osso. Meccanismi biologici del ruolo protettivo di luteina e di zeaxantina nell'occhio. Annu Rev Nutr. 2003:23:171-201.

5. Ni di Krinsky. Meccanismi biologici possibili per un ruolo protettivo delle xantofille. J Nutr. 2002 marzo; 132(3): 540S-542S.

6. Roche NDI. Disponibile a: ohrms di http://www.fda.gov//sommari/dockets/95s0316/rpt0096_01.pdf. 27 febbraio 2004 raggiunto.

7. Snodderly dm. Prova per protezione contro degenerazione maculare senile dai carotenoidi e dalle vitamine antiossidanti. J Clin Nutr. 1995 dicembre; 62 (6suppl): 1448S-1461S.

8. Zaripheh S, fattori del Jr. di Erdman JW che influenzano la biodisponibilità delle xantofille. J Nutr 2002 marzo; 132(2): 531S-534S.

9. Giumente-Perlman JA, Millen EA, Ficek TL, Se di Hankinson. Il corpo del porto del sup di prova un ruolo protettivo per luteina e zeaxan- si assottiglia nel ritardo della malattia cronica. Panoramica. J Nutr. 2002 marzo; 132(3): 518-524S.

10. Ford es, Liu S, Mannino dm, Giles WH, Smith SJ. concentrazione nella proteina e concentrazioni C-reattive di vitamine del sangue, di carotenoidi e di selenio fra gli adulti degli Stati Uniti. EUR J Clin Nutr. 2003 settembre; 57(9) 1157-63.

11. Suzuki K, Ito Y, Ochiai J, et al. relazione fra obesità ed indicatori del siero del tion ossidativo del inflamma- e di sforzo nel giapponese. Cancro asiatico Prev del Pac J. 2003 luglio-settembre; 4(3): 259-66.

12. Granado F, Olmedillo B, Blanco I. Nutritional e rilevanza clinica di luteina nelle sanità. Br J Nutr. 2003 settembre; 90(3):487-502.

13. Nishino H. Murakosh M Li T, et al. carotenoidi in chemoprevention del cancro. Rev. 2002 della metastasi del Cancro; 21 (3-4): 257-64.

14. Masticazione BP, parco JS. Azione del carotenoide sulla risposta immunitaria. J Nutr. 2004 gennaio; 134(1): 257S-261S.

15. Gonzalez S, Astner S, W, Goukassian D, Pathak mA. La luteina/zeaxantina dietetiche fa diminuire dal il hyperproliferation epidermico indotto da b ultravioletto e l'infiammazione acuta in topi glabri. J investe Dermatol. 2003 agosto; 121(2) 399-405.

16. Toyoda Y, Thomson L, Langner A, et al. effetto di zeaxantina dietetica sul bution del distri- del tessuto di zeaxantina e luteina in quaglia. IOVS. 2002 aprile; 43(4): 1210-21.

17. RA dell'osso, Landrum JT, Tarsis SL. Identificazione preliminare del pigmento maculare umano. Ricerca di visione. 1985;25(1):1531–5.

18. Bernstein PS, Khachik F, Carvalho LS, Muir GJ, Dy di Zhao, Katz N.B.:. Identificazione e quantificazione dei carotenoidi e dei loro metaboliti nei tessuti dell'occhio umano. Ricerca dell'occhio di Exp. 2001 marzo; 72(3): 215-23.

19. Handelman GJ, Dratz ea, Reay cc, Van Kuijk JG. Carotenoidi nella macula umana e nell'intera retina. Investig Ophthalmol Vis Sci. 1988 giugno; 29:850-5.

20. RA dell'osso, Landrum JT, Fernandez L, Tarsis SL. Analisi del pigmento maculare da HPLC: studio retinico di età e di distribuzione. Investa Ophthalmol Vis Sci. 1988;29(6):843–9.

21. Disossi il RA, Landrum J, Hime il GW, Cains A, Zamor J. Stereochemistry dei carotenoidi maculari umani. IOVS. 1993 maggio: 34(6): 2003-40.

22. Seddon JM, Ajani uA, Sperduto RD, et al. carotenoidi dietetici, vitamine A, C ed E e tion maculare relativo all'età avanzato del degenera-. JAMA. 9 novembre 1994; 272(8): 1413-20.

23. Visione di Wald G. Human e lo spettro. Scienza. 1945;101:653–658.

24. Nussbaum JJ, Pruett RC, prospettive di Delori F. Historic: pigmento giallo maculare. I primi 200 anni. Retina. 1981 ottobre-dicembre; 1(4): 296-310.

25. Yeum kJ, Taylor A, Tang G, RM di Russell. Misura dei carotenoidi, dei retinoidi e dei tocoferoli in lenti umane. Investig Ophthalmol Vis Sci. 1995 dicembre; 36(13): 2756-61.

26. Lyle BJ, giumente-Perlman JA, Klein BEK, Klein R, Greger JL. L'assunzione ed il rischio antiossidanti di cataratte nucleari relative all'età di incidente nell'occhio della diga del castoro studiano. J Epidemiol. 1° maggio 1999; 149(1): 801-9.

27. Lyle BJ, giumente-Perlman JA, Klein È, et al. carotenoidi del siero e tocoferoli e dence del inci- della cataratta nucleare relativa all'età. J Clin Nutr. 1999 febbraio; 69(2): 272-7.

28. Giumente-Perlman JA, Lyle BJ, Klein R, et al. Cataratte di uso e di incidente di supplemento della vitamina in uno studio basato sulla popolazione. Arco Ophthalmol. 2000 novembre; 118(11): 1556-63.

29. Chasan-Taber L, WC di Willett, Seddon JM, et al. Uno studio prospettivo delle assunzioni della vitamina A e del carotenoide e rischio di tion del extrac- della cataratta nelle donne degli Stati Uniti. . J. Clin. Nutr. 1999 ottobre; 70(4): 509-16.

30. Brown L, Rimm eb, Seddon JM, et al. Uno studio prospettivo dell'assunzione del carotenoide e rischio di estrazione della cataratta negli uomini degli Stati Uniti. . J. Clin. Nutr. 1999 ottobre; 70(4): 517-24.

31. LT Jr di Jacques PF, di Chylack, Se di Hankinson, et al. assunzione nutriente a lungo termine e opacità nucleare relativa all'età iniziale della lente. Arco Ophthalmol. 2001 luglio; 119(7): 1009-19.

32. Invecchiamento di Berendschot TT, di Broekmans WM, di Klopping-Ketelaars IA, di Kardinaal AF, di Van Poppel G, di Van Norren D. Lens relativamente ai fattori determinanti nutrizionali e fattori di rischio possibili per la cataratta relativa all'età. Arco Ophthalmol. 2002 dicembre; 120(12): 1732-7.

33. Taylor A. Nutritional ed influenze ambientali sull'occhio. Boca Raton, FL: Stampa di CRC; 1999:215-50.

34. Istituto nazionale dell'occhio. Disponibile a: http://www.nei.nih.gov/. 27 febbraio 2004 raggiunto.

35. Sun H, Nathans J. La sfida di degenerazione maculare. Sci. 2001Oct; 285(4): 68-75.

36. Weiter JJ, Delori F, Dorey CK. Ing centrale del longarone nella degenerazione maculare anulare. J Ophthalmol. 15 settembre 1988; 106(3): 286-92.

37. RA dell'osso, Landrum JT, st di Mayne, Gomez cm, Se di Tibor, Twaroska EE. Il maiale maculare ment in donatore osserva con e senza AMD: uno studio di caso-control. Investa Ophthalmol Vis Sci. 2001 gennaio; 42(1): 235-40.

38. Schalch W, Dayhaw-Barker P, Barker FM II. I carotenoidi della retina umana. In: Influenze nutrizionali ed ambientali sull'occhio. Boca Raton, FL: Stampa di CRC; 1999.

39. Giumente-Perlman JA, Fisher AI, Klein R, et al. luteina e zeaxantina nella dieta ed il siero e la loro relazione al mackintosh relativo all'età ulopathy nella terza indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salute. J Epidemiol. 2001;153:424–432

40. Gruppo di ricerca di AREDS. Lo studio relativo all'età di malattia dell'occhio (AREDS): Un test clinico controllato con placebo randomizzato del completamento ad alta dose con le vitamine C ed E, beta-carotene e zinco per degenerazione maculare senile e perdita di visione. Arco Ophthalmol di rapporto #8. di AREDS. 2001 ottobre; 119(10): 1417-36.

41. CR di vento fortissimo, Corridoio N-F, DI di "phillips", CN di Martyn. Stato della zeaxantina e della luteina e rischio di degenerazione maculare senile. Investa Opthalmol Vis Sci. 2003 giugno; 44(6): 2461-5.

42. Sujak A, Gabrielska J, Grudzinski W, Borc R, Mazurek P, WI di Gruszecki. Luteina e zeaxantina come protettori dei branes del mem- del lipido contro danno ossidativo: gli aspetti tural dello struc-. Biochimica Biophys dell'arco. 15 novembre 1999; 371(2): 301-7.

43. Elabori la N, Haitema T, Garnett K, Fitch K, Dorey K. Carotenoid, il tocoferolo e le concentrazioni nel retinolo in cervello umano anziano. Salute e invecchiamento di J Nutr. 2004 (in stampa).

44. Thomson L, Toyoda Y, Langner A, et al. zeaxantina retinica elevata e prevenzione della morte indotta dalla luce delle cellule del fotoricettore in quaglia. IOVS. 2002 novembre; 43(11): 3535-49.

45. Thomson L, Toyoda Y, Delori F, et al. il completamento dietetico a lungo termine con sottile zeaxan riduce la morte del fotoricettore in quaglia giapponese luminoso nociva. Ricerca dell'occhio di Exp. 2002 novembre; 75(5): 529-42.

46. Dorey CK, Cheng chilometro, Gierhart DL, Ne del mestiere. La manipolazione dietetica dello zeaxan- della lente si assottiglia in quaglia. ARVO. 2003; #207/B182 astratto.

47. Junior del BR di Hammond, Johnson EJ, RM di Russell, et al. modifica dietetica di densità umana del pigmento del lar del macu-. Investig Ophthalmol Vis Sci. 1997 agosto; 38(9): 1795-801.

48. LH di Garnett chilometro, di Guerra, agnello JD, et al. siero e risposte maculari del pigmento al completamento con luteina o zeaxantina. Ricerca Vis Ophthalmol di Assoc. 2002; 43:2820 (ABS).

49. RA dell'osso, Landrum JT, LH di Guerra, Ruiz CA. I ments duttili dietetici della zeaxantina e della luteina sollevano le concentrazioni maculari in densità e nel siero del pigmento di questi carotenoidi in esseri umani. J Nutr. 2003 aprile; 133(4): 992-8.

50. BR di Johnson EJ, di Hammond, Yeum kJ, et al. relazione fra i tions del concentra- del tessuto e del siero di luteina e zeaxantina e densità maculare del pigmento. J Clin Nutr. 2000 giugno; 71(6): 1555-62.

51. Oscilli le componenti del CL, di MD di Thornquist, di Neuhouser ml, et al. di dieta e di stile di vita di luteina nel sangue e nella dieta. J Nutr. 2002 marzo; 132(3): 525S-530S.

52. Olmedilla B, Granado F, Blanco I, Vaquero m., Cajigal C. Lutein in pazienti con le cataratte e il tion maculare relativo all'età del degenera-: uno studio a lungo termine di completamento. Alimento Agric di J Sci. 2001;81:904–9.

53. AL di Massacesi, et al. L'effetto del plementation orale del sup dei carotenoidi maculari sulla prevenzione di AMD. ARVO 2001; #1261 astratto.

54. Olmedilla B, Granado F, Blanco I, Vaquero M. Lutein ma zione duttile del tocoferolo non alfa migliora la funzione visiva in pazienti con le cataratte relative all'età. Nutrizione. 2003 gennaio; 19(1): 21-24.

55. PS più ricco et al. La prova antiossidante di plementation del sup della luteina. ARVO 2002; abst #2542 del mtg.

56. Beatty S, KOH H, Phil m., Henson D, Boulton M. Il ruolo dello sforzo ossidativo nella patogenesi di degenerazione maculare senile. Surv Opthalmol. 2000 settembre-ottobre; 45(2): 115-34.

57. Ueda T, Ueda T, da tor indotto da perossido d'idrogeno del fac- di necrosi del tumore di Fukuda S, et al. del lipido (tnf) – alfa fattore di crescita endoteliale vascolare e neovacularization nella cornea del coniglio: effetto di inibizione di TNF. Angiogenesi. 1988;1(2):174-184.

58. Armstrong D, Ueda T, Ueda T, et al. perossido d'idrogeno del lipido stimola il larization retinico del neovascu- in retina del coniglio con l'espressione del fattore di necrosi tumorale – alfa fattore di crescita endoteliale vascolare e fattore di crescita piastrina-derivato. Angiogensesis. 1988;2(1):93-104.

59. Davies NP, Morland ab. Colore che corrisponde in diabete: densità ottica della lente cristallina e dei pigmenti maculari. Investig Ophthamol Vis Sci. 2002 gennaio; 43(1) 281-9.

60. Se di Nilsson, PS di Sundelin, Wihlmark U, Brunk UT. Invecchiamento delle cellule epiteliali ment coltivate del maiale retinico: reazioni ossidative, formazione di lipofuscin e danno leggero blu. Documento Opthalmol. 2003 gennaio; 106(1): 13-6.

61. Khachik F, Bernstein PS, ghirlanda DL. Identificazione dei prodotti di ossidazione della zeaxantina e della luteina in retine della scimmia e dell'essere umano. Investimento del Ophthalmol Vis Sci. 1997 agosto; 38(9): 1802-11.