Liquidazione della primavera di prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine maggio 2004
immagine
L'apertura del mistero di Antineoplastons
Un agente anticancro naturale
Da Terri Mitchell

Quando il Dott. Stanislaw Burzynski ha cominciato a cercare negli anni 60 i fattori che fermerebbero il cancro, non ha avuto idea che scoprisse uno dei trattamenti anticancro più emozionanti del XXI secolo. Inoltre non ha avuto idea che richiedesse 40 anni per isolare alcuni peptidi dal corpo umano.

L'origine dei peptidi
I peptidi sono derivati da due o più aminoacidi tramite la combinazione del gruppo amminico di un acido con il gruppo carbossilico di un altro e sono ottenuti solitamente tramite idrolisi parziale delle proteine. Queste catene dei residui dell'aminoacido hanno funzioni biologiche notevoli che variano dalla regolazione ormonale alle attività antibiotiche.

I medici a nell'egitto antico, in Grecia, in India e Roma hanno predetto l'esistenza di che cosa ora sono chiamati peptidi. Questi guaritori antichi hanno ritenuto che la gente in buona salute avesse sostanze nei loro corpi che potrebbero essere eliminati e mettere nella gente malata per curarle. Questi fattori misteriosi sono tra altri fenomeni che sono stati dimostrati ma non sono stati identificati per gli eoni. Ora conosciamo alcune di queste sostanze dai nomi come gli anticorpi, le citochine (prodotte dalle cellule immuni) e le vitamine. Questi fattori mantengono la funzione dell'organo ed accorciano le minacce quali i batteri, ma è ragionevole sospettare che il corpo umano fabbrica altri composti che potrebbero mirare al cancro.

Verso la fine dei 1800s, il ricercatore polacco Stanislaus Bondzynski ha scoperto “i peptidi bioactive„ naturali nel corpo, ma non ha non rend contoere che potrebbero fermare la crescita di cancro. Sebbene pubblicato in giornali scientifici del tempo, i suoi risultati siano trascurati da tutti solo alcuni. Oggi, tuttavia, i peptidi bioactive sono un elemento del grande biglietto per le compagnie farmaceutiche che cercano le nuove fonti di profitti. I peptidi quali insulina e l'ormone della crescita hanno cambiato il fronte di medicina.

La leucemia congenita che mostra i globuli bianchi acerbi ha ingrandetto 550 volte.

Scoperta del Antineoplastons
Altri che seguissero Bondzynski hanno confermato e spiegato il suo lavoro, compreso il Dott. Burzynski. Nel 1968, Dott. Burzynski riferito sul primo gruppo che cosa finalmente si trasformerebbe in “in antineoplastons„ — di agenti anticancro naturali trovati nel sangue della gente in buona salute ma misteriosamente assenti nel sangue della gente con cancro. Antineoplastons era differente dai peptidi di Bondzynski e quelli isolati da altri.

La ricerca successiva ha trovato che i antineoplastons del Dott. Burzynski potrebbero essere divisi in due gruppi: quelli con attività dell'ampio spettro contro cancro e quelli con gli effetti contro determinati tipi di cancri. Il Dott. Burzynski ha continuato a raffinare e verificare i fattori durante gli anni 70. Per concludere, è stato provato senza dubbio che i fattori in effetti hanno fermato la crescita del cancro, sia in vitro che in vivo. Ma il Dott. Burzynski non poteva determinare esattamente come hanno funzionato.

Nel frattempo, un altro ricercatore medico, il Dott. Ming Liau, stava studiando le anomalie in cellule tumorali che li permettono di continuare moltiplicarsi. Il Dott. Liau ha scoperto che le cellule tumorali hanno versioni anormali degli enzimi coinvolgere nella crescita delle cellule. Questi enzimi si riferiscono “a metilazione,„ una reazione biochimica semplice con le implicazioni enormi per i malati di cancro a causa della sua relazione alla crescita della cellula tumorale. Il Dott. Liau ha scoperto che gli enzimi in relazione con la metilazione in cellule tumorali commutano la reazione “in overdrive„ permanente in modo che replica delle cellule tumorali costantemente.

Fotomicrografo dei cristalli del glutatione, un tripeptide naturale composto
dell'acido glutammico di aminoacidi, della glicina e della cisteina. Il glutatione è un antiossidante importante.

Il Dott. Liau ha unito il gruppo del Dott. Burzynski ed ha cominciato a provare se i antineoplastons potrebbero colpire questo processo. Ha scoperto che alcuni antineoplastons fermano la crescita delle cellule di instabilità ed inducono le cellule a ritornare a comportamento normale. Questa abilità delle cellule tumorali “si normalizza„ è un fenomeno emozionante nella ricerca sul cancro. Soltanto alcune cose sono conosciute per provocarla, compreso i derivati della vitamina A, gli ormoni, il vitamina D3 e l'emodina (trovata nelle viti ed in altre piante).

Metilazione e Cancro
Come con i peptidi bioactive di Bondzynski, tuttavia, sarebbe decadi prima di chiunque ha capito il collegamento importante fra il che Dott. Liau erano la metilazione enzima-e il cancro studiare-anormali. Nell'inizio degli anni 90, il collegamento infine è stato fatto ed oggi la metilazione è uno dei campi più provocatori di ricerca sul cancro. L'istituto nazionale contro il cancro elenca la ricerca in relazione con la metilazione come priorità principale nell'ambito delle sue nuove iniziative. Ma quando il Dott. Liau ha fatto la sua scoperta, nessuno ha capito l'importanza di metilazione a cancro ed al suo trattamento.

Il Dott. Burzynski ha continuato ad isolare i antineoplastons dalla gente in buona salute ed a sintetizzarli per uso nella gente con cancro. Ha saputo che i malati di cancro realmente hanno i fattori ma per qualche motivo li espellono e che se i pazienti smettessero di espellere i fattori una volta trattati con i antineoplastons, probabilmente avrebbero reagito al trattamento. Soprattutto, il Dott. Burzynski ha saputo che i fattori funzionano con la tossicità pochissima, cellule tumorali selettivamente di ottimizzazione mentre lasciano le cellule sane sole.

Il pap test cervicale che mostra le cellule anormali, cancro della cervice ha ingrandetto 550 volte.

Oltre a sapere che alcuni antineoplastons colpiscono gli enzimi di metilazione, tuttavia, il Dott. Burzynski ancora non era sicuro come hanno funzionato. Tuttavia, ha notato che gli addetti di un antineoplaston a DNA gradiscono alcuni tipi di droghe di cancro, mentre un altro è stato collegato strutturalmente con il fenilbutirrato, un acido grasso naturale che può fermare il cancro con un processo conosciuto come “l'acetilazione.„ L'acetilazione è simile a metilazione nella sua capacità di controllare l'attivazione e la disattivazione dei geni, che è critica allo studio su cancro. Oggi, l'acetilazione è un tema di attualità sia nel cancro che nella ricerca di longevità.

Fin qui, il Dott. Burzynski ha isolato e sintetizzato 20 antineoplastons diversi dagli esseri umani e parecchi altri dagli animali. La sua “terza generazione„ dei antineoplastons ha 1.000 volte più attività che quelle prime lui hanno isolato, permettendo che meno siano dati ma con effetto molto maggior.

Mentre il Dott. Burzynski continua a cercare i nuovi fattori anticancro, trovarli sono lavoro lento e scrupoloso e molti tali fattori possono essere necessari per ogni tipo di cancro. Le centinaia di antineoplastons possono aspettare non scoperto. L'individuazione, isolare e sintetizzare del ciascuno possono richiedere molto tempo. Tuttavia, mentre i funzionamenti misteriosi dei antineoplastons continuano ad essere rivelati, il Dott. Burzynski immerge in avanti con l'entusiasmo di giovane studente sul punto di grande scoperta.

Il prolungamento della vita ha preso con il Dott. Burzynski alla sua clinica a Houston, in cui si specializza nel trattamento del glioma, una forma di tumore al cervello.

LE: Siete molto emozionante circa una certa nuova ricerca che sta uscendo. Dicaci a questo proposito.

Burzynski: Ci accingiamo a impariamo i risultati di un microarray che del DNA abbiamo fatto per vedere che cosa uno dei antineoplastons fa a 3.000 geni delle cellule di tumore cerebrale di glioblastoma.

LE: Che cosa è un microarray?

Burzynski: Essenzialmente, è una prova che ci permette di dare uno sguardo da vicino a molti geni in un breve periodo di tempo.

LE: Perché è questo importante?

Burzynski: Esaminando il DNA della cellula tumorale, possiamo vedere quali geni sono anormali e come il trattamento del antineoplaston può invertire queste anomalie.

LE: Forniscaci un esempio di cui state cercando.

Burzynski: In circa 30-40% di tutti i cancri, un oncogene, o il gene del cancro, conosciuto come “i ras„ è attivato. Una volta attivati, i ras permette che una proteina attacchi alla cellula ed invii un segnale anormale. Se possiamo disattivare i ras, possiamo rallentare il cancro. Il microarray ci dirà quali antineoplastons possono chiudere questo gene giù.

LE: Perché i ras è attivato in cellule tumorali ma non in cellule normali?

Burzynski: La metilazione o la mutazione anormale del gene di ras causa l'attivazione anormale. Se possiamo normalizzare la metilazione o inibire la proteina prodotta dal gene, possiamo disattivare il gene ed interferire con la capacità del cancro di ripiegare e spargerci.

Clinica di Dott. Burzynski a Houston, il Texas.

LE: Possono i antineoplastons normalizzare la metilazione del DNA?

Burzynski: Sì. Antineoplastons normalizza la metilazione del DNA e disattiva la proteina dell'oncogene ras, facente un gene si comporta normalmente.

LE: Il trattamento colpisce le cellule normali?

Burzynski: No, ecco perché antineoplastons è un trattamento non tossico. Colpiscono soltanto le cellule anormali. Un altro esempio del gene di ras che è attivato anormalmente è “l'uomo dell'elefante„ (John Merrick). Le crescite anormali sulla suoi testa e corpo erano probabilmente tumori benigni causati da un difetto nel gene che inibisce i ras. In effetti, l'uomo dell'elefante può soffrire dalle anomalie di metilazione, tra l'altro.

LE: La cosa più promettente e più emozionante circa la ricerca di metilazione poichè si riferisce a cancro è che la metilazione anormale può essere invertire- può essere resa a normale ancora-che significa che i geni non funzionali possono essere fatti per funzionare ancora.

Burzynski: Quello è corretto.

Continuato alla pagina 2 di 2