Vendita eccellente dell'analisi del sangue del prolungamento della vita

Rivista del prolungamento della vita

LE Magazine novembre 2004

Che cosa i mezzi di informazione non hanno rivelato circa il problema del cuore di Bill Clinton
Riferimenti

1. Disponibile a: http://www.americanheart.org/ presenter.jhtml? identifier=183. 14 settembre 2004 raggiunto.

2. Disponibile a: http://www.nhlbi.nih.gov/guidelines/cholesterol/atglance.htm. 14 settembre 2004 raggiunto.

3. Comitato nazionale unito della prevenzione, della rilevazione, della valutazione e del trattamento di ipertensione (2003). Il settimo rapporto del comitato nazionale unito della prevenzione, della rilevazione, della valutazione e del trattamento di ipertensione. No. 03-5233 della pubblicazione di NIH. Bethesda, MD: U.S. Ministero dei servizi sanitari e sociali.

4. Disponibile a: http://www.umm.edu/careguides/cholesterol/cholesterol_statins.html. 14 settembre 2004 raggiunto.

5. Suksompong S, Prakanratrana U, Chumpathong S, Sriyoschati S, alterazioni di Pornvilawan S. Neuropsychological dopo il bypass coronarico innesta la chirurgia. J Med Assoc Thai. 2002 settembre; 85 supplementi 3: S910-6.

6. Strauss B, Paulsen G, Strenge H, Graetz S, Regensburger D, Speidel H. Preoperative e stato psicosociale postoperatorio recente dopo la chirurgia del bypass coronarico. Thorac Cardiovasc Surg. 1992 aprile; 40(2): 5964.

7. Scholz m., Nowak P, Blaheta R, et al. Relocalization di beta catenin delle cellule endoteliali dopo il coculture con i trophils attivati del neu- dai pazienti che subiscono ambulatorio cardiaco con l'esclusione cardiopolmonare. Investa Surg. 2004 maggio-giugno; 17(3): 143-9.

8. Dacey LJ, DeSimone J, Braxton JH, et al. conteggio di globulo bianco preoperatorio e mortalità e morbosità dopo l'innesto del bypass coronarico. Ann Thorac Surg. 2003 settembre; 76(3): 760-4.

9. Wei m., Kuukasjarvi P, Laurikka J, et al. relazione delle citochine a vasodilatazione dopo l'innesto del bypass coronarico. Mondo J Surg. 2003 ottobre; 27(10): 1093-8.

10. Bergh C, Backstrom m., Jonsson H, Havinder L, Johnsson P. Nell'occhio sia del paziente che del coniuge: la memoria è poveri 1 - 2 anni dopo il bypass coronarico e l'angioplastica. Ann Thorac Surg. 2002 settembre; 74(3): 689-93; discussione 694.

11. Fearn SJ, Palo R, Wesnes K, Faragher eb, Hooper TL, CN di McCollum. Lesione cerebrale durante l'esclusione cardiopolmonare: gli emboli alterano la memoria. J Thorac Cardiovasc Surg. 2001 giugno; 121(6): 1150-60.

12. Newman MF, Kirchner JL, "phillips"-Bute B, et al. valutazione longitudinale della funzione neurocognitiva dopo la chirurgia del bypass coronarico. Med di N Inghilterra J. 8 febbraio 2001; 344(6): 395-402.

13. Phillips Bute B, Mathew J, Blumenthal JA, et al. genere femminile è associato con qualità della vita alterata 1 anno dopo la chirurgia del bypass coronarico. Med di Psychosom. 2003 novembre-dicembre; 65(6): 944-51.

14. Rymaszewska J, Kiejna A. la Depression e l'ansia dopo il bypass coronarico innestano il ing. Pol Merkuriusz Lek. 2003 agosto; 15(86): 193-5.

15. Blumenthal JA, Lett HS, Babyak mA, et al. depressione come fattore di rischio per mortalità dopo la chirurgia del bypass coronarico. Lancetta. 23 agosto 2003; 362(9384): 604-9.

16. Omocisteina di Montalescot G, di Ankri A, di Chadefaux-Vekemans B, et al. del plasma e le dimensioni di aterosclerosi in pazienti con la coronaropatia. Int J Cardiol. 8 agosto 1997; 60(3): 295-300.

17. Stampfer MJ, SIG. di Malinow, WC di Willett, et al. Uno studio prospettivo dell'omocisteina del plasma e rischio di infarto miocardico nei medici degli Stati Uniti. JAMA. 19 agosto 1992; 268(7): 877-81.

18. Verhoef P, Stampfer MJ, seppellente JE, et al. il metabolismo dell'omocisteina e rischio di infarto miocardico: relazione con le vitamine B6, B12 e folato. J Epidemiol. 1° maggio 1996; 143(9): 845-59.

19. EL di Robinson K, di Mayer, DP di Miller, et al. iperomocisteinemia e fosfato basso del piradossale. Fattori di rischio reversibili comuni e indipendenti per la coronaropatia. Circolazione. 15 novembre 1995; 92(10): 2825-30.

20. Arnesen E, Refsum H, Bonaa KH, Ueland PM, Forde OH, Nordrehaug JE. L'omocisteina totale del siero ed il cuore coronario DIS facilitano. Int J Epidemiol. 1995 agosto; 24(4): 704-9.

21. Aronow WS, Ahn C. Association fra l'omocisteina del plasma e la coronaropatia in persone più anziane. J Cardiol. 1° novembre 1997; 80(9): 1216-8.

22. CS di Berwanger, Jeremy JY, Stansby G. Homocysteine e malattia vascolare. Br J Surg. 1995 giugno; 82(6): 726-31.

23. Livelli dell'omocisteina di totale del plasma Bostom AG, di Rosenberg IH, di Silbershatz H, et al. di Nonfasting ed incidenza del colpo in persone anziane: lo studio di Framingham. Ann Intern Med. 7 settembre 1999; 131(5): 352-5.

24. Bots ml, Launer LJ, Lindemans J, Hofman A, Grobbee DE. Omocisteina, aterosclerosi e malattia cardiovascolare prevalente negli anziani: Lo studio di Rotterdam. Med dell'interno di J. 1997 ottobre; 242(4): 339-47.

25. Maresca G, Di Blasio A, Marchioli R, fibrinogeno di misurazione del plasma di Di Minno G. per predire colpo ed infarto miocardico: un aggiornamento. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1999 giugno; 19(6): 1368-77.

26. Acevedo m., Foody JM, Pearce GL, Sprecher DL. Fibrinogeno: associazioni con gli eventi cardiovascolari in un ambulatorio. Cuore J. 2002 di febbraio; 143(2): 277-82.

27. SG di Thompson, Kienast J, deviazione standard di Pyke, Haverkate F, van de Loo JC. Fattori emostatici ed il rischio di infarto miocardico o di morte improvvisa in pazienti con l'angina pectoris. Azione concordata europea sul gruppo di studio di angina pectoris di inabilità e di trombosi. Med di N Inghilterra J. 9 marzo 1995; 332(10): 635-41.

28. La resistenza di Aspirin aumenta il rischio di morte. AHA. 26 marzo 2002; 2002b.

29. Ridker PM, Stampfer MJ, fattori di rischio di Rifai N. Novel per aterosclerosi sistemica: un confronto di proteina C-reattiva, della GEN del fibrino-, dell'omocisteina, della lipoproteina (a) e della selezione standard del colesterolo come preannunciatori della malattia arteriosa periferica. JAMA. 16 maggio 2001; 285(19): 2481-5.

30. Lindahl B, tiro H, Siegbahn A, Venge P, Wallentin L. Markers di danno e di infiammazione del miocardio relativamente a mortalità a lungo termine nella coronaropatia instabile. Gruppo di studio di FRISC. Fragmin durante l'instabilità nella coronaropatia. Med di N Inghilterra J. 2000 19 ottobre; 343(16): 1139-47.

31. Ridker PM, Hennekens CH, seppellente JE, la proteina C-reattiva di Rifai N. ed altri indicatori di infiammazione nella previsione della malattia diovascular automobilistica in donne. Med di N Inghilterra J. 2000 23 marzo; 342(12): 836-43.

32. LH di Kuller, Tracy RP, Shaten J, en di Meilahn. La relazione di proteina e della coronaropatia C-reattive nel MRFIT ha annidato lo studio di caso-control. Prova multipla di intervento di fattore di rischio. J Epidemiol. 15 settembre 1996; 144(6): 537-47.

33. Mendall mA, DP di Strachan, Butland BK, et al. proteina C-reattiva: relazione per ammontare alla mortalità, alla mortalità cardiovascolare ed ai fattori di rischio cardiovascolari in uomini. Cuore J. 2000 di EUR ottobre; 21(19): 1584-90.

34. Pasceri V, Willerson JT, Yeh ET. Diriga l'effetto proinflammatory di proteina C-reattiva sulle cellule endoteliali umane. Circolazione. 2000 31 ottobre; 102(18): 2165-8.

35. Ridker PM, seppellente JE, Shih J, Matias m., Hennekens CH. Studio prospettivo della proteina reattiva di c ed il rischio di eventi diovascular automobilistici futuri fra le donne apparentemente in buona salute. Circolazione. 25 agosto 1998; 98(8): 731-3.

36. Ora J, Berent R, Lassnig E, proteina e coronaropatia reattive di Eber B.C-. Cuore J. 2002 di Jpn novembre; 43(6): 607-19.

37. MacDonald-stoppini L, Gibson LZ, Godfrey dm, et al. LDL ossidato in diabete di tipo 2 recentemente diagnosticato mellito e tolleranza al glucosio alterata. L'Asia Pac J Clin Nutr. 2004 13 (supplemento): S65.

38. Tolleranza al glucosio e malattia cardiovascolare di Ceriello A. Impaired: il ruolo possibile dell'iperglicemia postprandiale. Cuore J. 2004 di maggio; 147(5): 803-7.

39. Calabresi L, Gomaraschi m., protezione di Franceschini G. Endothelial dalle lipoproteine ad alta densità: dal banco al lato del letto. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1° ottobre 2003; 23(10): 1724-31.

40. Zulli A, Widdop CON RIFERIMENTO A, lepre DL, BF di Buxton, MJ nero. L'alta dieta del colesterolo e della metionina abolisce il rilassamento endoteliale. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1° agosto 2003; 23(8): 1358-63.

41. Ridker PM, Rifai N, Rosa L, seppellente JE, cuoco NR. Confronto dei livelli di colesterolo della lipoproteina a bassa densità e della proteina C-reattiva nella previsione dei primi eventi cardiovascolari. Med di N Inghilterra J. 14 novembre 2002; 347(20): 1557-65.

42. Guize L, Benetos A, Thomas F, Malmejac A, Ducimetiere P. Cholesterolemia e mortalità cardiovascolare e del cancro di totale. Studio di un gruppo di 220,000 persone. Med nazionale di Acad del toro. 1998 182(3):631-47.

43. Kashyap ml. Colesterolo ed aterosclerosi: una prospettiva contemporanea. Ann Acad Med Singapore. 1997 luglio; 26(4):517-23.

44. Gonzalez mA, Selwyn AP. Funzione endoteliale, infiammazione e prognosi nella malattia cardiovascolare. Med di J. 8 dicembre 2003; 115 supplementi 8A: 99S-106S.

45. "phillips" GB, Pinkernell BH, Jing TY. L'associazione del hypotestosteronemia con la coronaropatia in uomini. Arterioscler Thromb. 1994 maggio; 14(5): 701-6.

46. Migdalis DENTRO, Kalogeropoulou K, Iiopoulou V, et al. progressione di aterosclerosi carotica ed il ruolo di endotelina in pazienti diabetici. Ricerca Commun Mol Pathol Pharmacol. 2000 luglio-agosto; 108 (1-2): 27-37.

47. Sundell J, Luotolahti M. Association fra insulino-resistenza e il vasoreactivity coronario riduttore negli individui sani. Può J Cardiol. 15 maggio 2004; 20(7): 691-5

48. Scià SV, Alam MG. Ruolo di ferro nell'aterosclerosi. Rene DIS di J. 2003 marzo; 41 (3 supplementi 1): S80-3.

49. Kraml P, Potockova J, Koprivova H, et al. ferritina, sforzo ossidativo ed aterosclerosi coronaria. Lek di Vnitr. 2004 marzo; 50(3): 197-202.

50. Livelli della ferritina di Armaganijan D, di Batlouni M. Serum ed altri indicatori di ferro organico come fattori di rischio o di indicatori nella coronaropatia. Rev Port Cardiol. 2003 febbraio; 22(2): 185-95; discussione 197-201.

51. Minqin R, watt F, Huat BT, Halliwell B. Correlation di ferro e di zinco livella con profondità della lesione nelle lesioni formate di recente del atherosclerot- CI. Med libero di biol di Radic. 15 marzo 2003; 34(6): 746-52.

52. Packard CJ, O'Reilly DS, Caslake MJ, et al. fosfolipasi Lipoproteina-collegata A2 come preannunciatore indipendente della coronaropatia. Ad ovest del gruppo di studio coronario di prevenzione della Scozia. Med di N Inghilterra J. 2000 19 ottobre; 343(16): 1148-55.

53. Welin L, Eriksson H, Larsson B, ed altri trigliceridi, un fattore di rischio coronarico importante in uomini anziani. Uno studio degli uomini sopportati nel 1913. Cuore J. 1991 di EUR giugno; 12(6): 700-4.

54. LA di Carlson, Bottiger LE, PE di Ahfeldt. Fattori di rischio per infarto miocardico nello studio prospettivo di Stoccolma. Una messa a fuoco bassa-su del fol- da 14 anni sul ruolo dei trigliceridi e del colesterolo del plasma. Acta Med Scand. 1979 206(5):351-60.

55. Viles-Gonzalez JF, Fuster V, Corti R, Badimon JJ. Importanza emergente del colesterolo di HDL nello sviluppare le placche coronarie ad alto rischio nelle sindromi coronariche acute. Curr Opin Cardiol. 2003 luglio; 18(4): 286-94.

56. Spieker LE, Sudano I, Hurlimann D, et al. lipoproteina ad alta densità ristabilisce la funzione endoteliale in uomini ipercolesterolemici. Circolazione. 26 marzo 2002; 105(12): 1399-402.

57. "phillips" GB, Pinkernell BH, Jing TY. Sono i fattori di rischio importanti per infarto miocardico i preannunciatori principali del grado di coronaropatia negli uomini? Metabolismo. 2004 marzo; 53(3): 324-9.

58. Hak EA, Witteman JC, de Jong FH, Geerlings MI, Hofman A, politici ha. I bassi livelli di androgeni endogeni aumentano il rischio di aterosclerosi in uomini anziani: lo studio di Rotterdam. J Clin Endocrinol Metab. 2002 agosto; 87(8): 3632-9.

59. Dobrzycki S, Serwatka W, Nadlewski S, et al. Una valutazione delle correlazioni fra i livelli di ormone sessuale endogeni e il extensiveness della coronaropatia e la frazione di espulsione del ventricolo sinistro in maschi. J Med Invest. 2003 agosto; 50 (3-4): 162-9.

60. Wu SZ, Weng XZ. Effetti terapeutici di una preparazione androgena su ischemia del miocardio e della funzione cardiaca in 62 pazienti maschii anziani della coronaropatia. Chin Med J (Inghilterra). 1993 giugno; 106(6): 415-8.

61. Channer KS, TH di Jones. Effetti cardiovascolari di testosterone: implicazioni “della menopausa maschio„? Cuore. 2003 febbraio; 89(2): 121-2.

62. Chilometro inglese, destrieri RP, TH di Jones, operatore subacqueo MJ, Channer KS. La terapia transcutanea a basse dosi del testosterone migliora la soglia di angina negli uomini con angina stabile cronica: Un randomizzato, prova alla cieca, studio controllato con placebo. Circolazione. 2000 17 ottobre; 102(16): 1906-11.

63. "phillips" GB, Pinkernell BH, Jing TY. Sono i fattori di rischio importanti per infarto miocardico i preannunciatori principali del grado di coronaropatia negli uomini? Metabolismo. 2004 marzo; 53(3): 324-9.

64. I chilometri inglesi, Mandour la O, i destrieri il RP, et al. uomini con la coronaropatia hanno livelli più bassi degli androgeni che gli uomini con gli angiogrammi coronari normali. Cuore J. 2000 di EUR giugno; 21(11): 890-4.

65. Corteggi KS, Chook P, Chan LL, et al. il miglioramento a lungo termine nei livelli dell'omocisteina e la funzione endoteliale arteriosa dopo il completamento di un anno dell'acido folico. Med di J. 2002 maggio; 112(7): 535-9.

66. Doshi S, McDowell I, fossato S, Lewis m., Goodfellow J. Folate migliora la funzione endoteliale in pazienti con la coronaropatia. Med del laboratorio di Clin Chem. 2003 novembre; 41(11): 1505-12.

67. SN di Doshi, McDowell SE, il fossato SJ, et al. acido folico migliora la funzione endoteliale nella coronaropatia via i meccanismi in gran parte indipendenti da abbassamento dell'omocisteina. Circolazione. 1° gennaio 2002; 105(1): 22-6.

68. G paradisi, Cucinelli F, Mele MC, Barini A, Lanzone A, funzione di Caruso A. Endothelial in donne in post-menopausa: effetto del completamento dell'acido folico. Ronzio Reprod. 2004 aprile; 19(4): 1031-5.

69. Pena COME, il Wiltshire E, signore R, Hirte C, acido di Couper J. Folic migliora la funzione endoteliale in bambini ed in adolescenti con il diabete di tipo 1. J Pediatr. 2004 aprile; 144(4): 500-4.

70. Fossato SJ, Lang D, McDowell SE, et al. folato, omocisteina, funzione endoteliale e malattia cardiovascolare. Biochimica di J Nutr. 2004 febbraio; 15(2): 64-79.

71. Doshi S, McDowell I, fossato S, Lewis m., Goodfellow J. Folate migliora la funzione endoteliale in pazienti con facilità coronaria del cuore DIS. Med del laboratorio di Clin Chem. 2003 novembre; 41(11): 1505-12.

72. Gokce N, junior di Keaney JF, Frei B, et al. amministrazione a lungo termine dell'acido ascorbico inverte la disfunzione vasomotore endoteliale in pazienti con la coronaropatia. Circolazione. 29 giugno 1999; 99(25): 3234-40.

73. Jeserich m., Schindler T, Olschewski m., Unmussig m., appena H, Solzbach U. Colleen Fitzpatrick migliora la funzione endoteliale delle arterie coronarie del quadrante del epicar- in pazienti con ipercolesterolemia o di essenziale ipertensione-valutato da prova pressoria fredda. Cuore J. 1999 di EUR novembre; 20(22): 1676-80.

74. Deng YB, Xiang HJ, Chang Q, CL di Li. Valutazione dall'ecografia ad alta definizione della funzione endoteliale in arteria brachiale dopo la malattia di Kawasaki e gli effetti dell'amministrazione endovenosa di vitamina C. Circ J. 2002 ottobre; 66(10): 908-12.

75. Ling L, PS di Zhao, Gao m., il controllo di qualità di Zhou, Li YL, Xia B. Vitamin C conserva la funzione endoteliale in pazienti con facilità coronaria del cuore DIS dopo un pasto ad alta percentuale di grassi. Clin Cardiol. 2002 maggio; 25(5): 219-24.

76. Singh N, tombe J, palladio di Taylor, MacAllister RJ, Dott. di Cantante. Effetti di una dieta “sana„ e di vitamina C acuta ed a lungo termine sulla funzione vascolare nei più vecchi oggetti in buona salute. Ricerca di Cardiovasc. 2002 ottobre; 56(1): 118-25.

77. Chin JP, dardo. HBPRCA Astra Award. Ripristino terapeutico della funzione endoteliale negli oggetti ipercolesterolemici: effetto degli oli di pesce. Clin Exp Pharmacol Physiol. 1994 ottobre; 21(10): 749-55.

78. Goodfellow J, Bellamy MF, Ramsey Mw, et al. il completamento dietetico con gli acidi grassi marini omega-3 migliora la funzione endoteliale della grande arteria sistemica negli oggetti con ipercolesterolemia. J Coll Cardiol. 2000 febbraio; 35(2): 265-70.

79. De Caterina R, Spiecker m., Solaini G, et al. L'inibizione di attivazione endoteliale dagli acidi grassi insaturi. Lipidi. 1999 34 supplementi: S191-4.

80. Smith AR, Hagen TM. Disfunzione endoteliale vascolare nell'invecchiamento: perdita di lation endoteliale Akt-dipendente del phosphory- della sintasi dell'ossido di azoto e di ripristino parziale vicino (R) - acido alfa-lipoico. Transazione di biochimica Soc. 2003 dicembre; 31 (pinta 6): 1447-9.

81. Jones W, Li X, Qu ZC, Perriott L, Whitesell RR, può la JM. Assorbimento, riciclare ed azioni antiossidanti di acido alfa-lipoico in cellule endoteliali. Med libero di biol di Radic. 1° luglio 2002; 33(1): 83-93.

82. Zhang WJ, acido Alfa-lipoico di Frei B. inibisce dall'l'espressione indotta TNF alfa della molecola di attivazione N-F-kappaB e di adesione in cellule endoteliali aortiche umane. FASEB J. 2001 novembre; 15(13): 2423-32.

83. Morcos m., Borcea V, Isermann B, et al. effetto di acido alfa-lipoico sulla progressione di danno endoteliale delle cellule e del minuria del albu- in pazienti con i diabeti melliti: uno studio esplorativo. Ricerca Clin Pract del diabete. 2001 giugno; 52(3): 175-83.

84. Kunt T, Forst T, Wilhelm A, et al. alfa acido lipoico riduce l'espressione di adesione vascolare molecule-1 delle cellule e di adesione endoteliale dei monociti umani dopo stimolazione con i ucts avanzati del pungolo dell'estremità di glycation. Clin Sci (Lond). 1999 gennaio; 96(1): 75-82.

85. Hernandez-Diaz S, Martinez-Losa E, Fernandez-Jarne E, et al. folico dietetico ed il rischio di infarto miocardico non fatale. Epidemiologia. 2002 novembre; 13(6): 700-6.

86. Controllo sanitario di Czeizel E, di Kalina A. Public dell'iperomocisteinemia e le sue conseguenze. Orv Hetil. 5 ottobre 2003; 144(40): 1981-9.

87. EL-d di Mostafa S, DD del Garner, Garrett L, Whaley rf, EL-Sekate m., effetti di Kiker M. Beneficial di vitamina C sui fattori di rischio delle malattie cardiovascolari. Salute pubblica Assoc di J Egitto. 1989;64(1-2):123-33.

88. Brouwer IA, Zock PL, Wever E-F, et al. spiegazione razionale e progettazione di un test clinico controllato randomizzato su assunzione supplementare degli acidi grassi n-3 e dell'incidenza di aritmia cardiaca: SOFÀ. EUR J Clin Nutr. 2003 ottobre; 57(10): 1323-30.

89. Harris WS, parco Y, malattia cardiovascolare di Isley WL ed acidi grassi a catena lunga omega-3. Curr Opin Lipidol. 2003 febbraio; 14(1): 9-14.

90. Igname D, Bott-Kanner G, Genin I, Shinitzky m., Klainman E. L'effetto degli acidi grassi omega-3 sui fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. Harefuah. 2001 dicembre; 140(12): 1156-8, 1230.

91. Gao TL, Huang YZ. Gli effetti di acido lipoico su riperfusione hanno indotto le aritmia e le alterazioni di potenziale d'azione del myocardiac indotte dal radicale libero che genera il sistema. Sheng Li Xue Bao. 1991 aprile; 43(2): 149-55.

92. Coombes JS, poteri SK, Hamilton chilolitro, et al. ha migliorato la prestazione cardiaca dopo che ischemia in ratti invecchiati completati con la vitamina E e l'acido alfa-lipoico. Comp. Physiol di J Physiol Regul Integr. 2000 dicembre; 279(6): R2149-55.

93. VP di Vodoevich. Effetto di acido, di biotina e di piridossina lipoici sul contenuto nel sangue degli acidi grassi saturati ed insaturi nella malattia cardiaca e nell'ipertensione ischemiche. Vopr Pitan. 1983 settembre-ottobre; (5): 14-6.

94. Shih JC. Aterosclerosi in quaglia giapponese e nell'effetto di acido lipoico. Fed Proc. 15 maggio 1983; 42(8): 2494-7.

95. Pollice PF, Marina militare più ottimistica, RJ Looney, Puzas JE, EM di Schwarz, O'Keefe RJ. La pentossifillina orale inibisce il rilascio dell'fattore-alfa di necrosi del tumore dai monociti periferici umani del sangue: un trattamento potenziale per l'allentamento asettico delle componenti unite totali. Giunto Surg dell'osso di J. 2001 luglio; 83-A (7): 1057-61.

96. Neuner P, Klosner G, Schauer E, et al. pentossifillina in vivo giù-regola il rilascio di IL-1 beta, di IL-6, di IL-8 e dell'fattore-alfa di necrosi del tumore dalle cellule mononucleari del sangue periferico umano. Immunologia. 1994 ottobre; 83(2): 262-7.

97. Boldt J, Brosch C, SN del pifferaio, et al. influenza di uso profilattico della pentossifillina sulla funzione postoperatoria dell'organo nei pazienti automobilistici anziani della chirurgia del diac. Med di cura di Crit. 2001 maggio; 29(5): 952-8.

98. McCarty MF. Interleukin-6 come mediatore centrale del rischio cardiovascolare si è associato con infiammazione cronica, il fumo, i betes del diametro e l'obesità viscerale: giù-regolamento con gli acidi grassi, l'etanolo e la pentossifillina essenziali. Med Hypotheses. 1999 maggio; 52(5): 465-77.

99. Bruynzeel I, van der Raaij LM, Willemze R, Stoof TJ. La pentossifillina inibisce l'adesione a cellula T umana alle cellule endoteliali cutanee. Ricerca di Dermatol dell'arco. 1997 marzo; 289(4): 189-93.

100. Lenoble Giovannangeli M. Nuovi aspetti della farmacologia della pentossifillina. J Mal Vasc. 1989; 14 supplementi A: 35-41.

101. Hansen PR, Holm, Qi JH, Ledet T, Rasmussen LM, CB di Andersen. La pentossifillina inibisce la formazione neointimale e stimola il remod- vascolare costrittivo che eling dopo la lesione arteriosa. J Cardiovasc Pharmacol. 1999 novembre; 34(5): 683-9.

102. Hofbauer R, Frass m., Gmeiner B, operatore S, Speiser W, Kapiotis S. Il gallato del epigallocatechin dell'estratto del tè verde può ridurre la trasmigrazione del neutrofilo attraverso gli strati monomolecolari delle cellule endoteliali. Wien Klin Wochenschr. 9 aprile 1999; 111(7): 278-82.

103. Deana R, Turetta L, Donella-Deana A, et al. tè verde epigallocatechin-3-gallate inibisce la piastrina che segnala le vie avviate sia dagli agonisti proteolitici che non proteolitici. Thromb Haemost. 2003 maggio; 89(5):866-74.

104. Kawai K, Tsuno il NH, Kitayama J, et al. gallato di Epigallocatechin attenua il sion del adhe- e la migrazione delle cellule di T di CD8+ legando a CD11b. Allergia Clin Immunol di J. 2004 giugno; 113(6): 1211-7.

105. Carraio DS, Catravas JD, Odoms K, Denenberg A, Malhotra V, ORA di Wong.

Epigallocatechin-3-gallate, un polifenolo derivato del tè verde, inibisce il duction trans- del beta segnale proinflammatory dipendente IL-1 in cellule epiteliali respiratorie coltivate. J Nutr. 2004 maggio; 134(5): 1039-44.

106. Ahmed S, Wang N, Lalonde m., Goldberg VM, Haqqi TM. Il differen- del polifenolo epigallocatechin-3-gallate (EGCG) del tè verde tially inibisce dall'l'espressione indotta da beta interleukin-1 della matrice metalloproteinase-1 e -13 nei chondrocytes umani. J Pharmacol Exp Ther. 2004 febbraio; 308(2): 767-73.

107. Dona M, Dell'Aica I, Calabrese F, et al. fermo del neutrofilo da tè verde: inibizione di infiammazione, di angiogenesi collegata e di fibrosi polmonare. J Immunol. 15 aprile 2003; 170(8): 4335-41.

108. Flaten H, Hostmark A, Kierulf P, et al. concentrato dell'olio di pesce: effetti sulle variabili relative alla malattia cardiovascolare. J Clin Nutr. Del 1990 agosto; 52(2): 300-6.

109. von Schacky C, Angerer P, Kothny W, Theisen K, Mudra H. L'effetto degli acidi grassi dietetici omega-3 su aterosclerosi coronaria. Un randomizzato, prova alla cieca, prova controllata con placebo. Ann Intern Med. 6 aprile 1999; 130(7): 554-62.

110. Daviglus ml, Stamler J, Orencia AJ, et al. consumo di pesce ed il rischio di 30 anni di infarto miocardico mortale. Med di N Inghilterra J. 10 aprile 1997; 336(15): 1046-53.

111. Kremer JM. supplementi dell'acido grasso n-3 nell'artrite reumatoide. J Clin Nutr. 2000 gennaio; 71 (1 supplemento): 349S-51S.

112. James MJ, Gibson RA, Cleland LG. Acidi grassi polinsaturi dietetici e produzione infiammatoria del mediatore. J Clin Nutr. 2000 gennaio; 71 (1 supplemento): 343S-8S.

113. De Caterina R, Massaro M. Effects della dieta e delle componenti dietetiche sulle molecole endoteliali di adesione del leucocita. Rappresentante di Curr Atheroscler. 1999 novembre; 1(3): 188-95.

114. Yaqoob P, PC di Calder. Acidi grassi polinsaturi N-3 ed infiammazione nella parete arteriosa. EUR J Med Res. 20 agosto 2003; 8(8): 33754.

115. JB tedesco, Lokesh B, Kinsella JE. L'effetto degli oli di pesce dietetici sulla biosintesi del eicosanoid in macrofagi peritoneali è influenzato sia dai grassi polinsaturi dietetici N-6 che dal grasso dietetico di totale. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 1988 ottobre; 34(1): 37-45.

116. De Caterina R, Spiecker m., Solaini G, et al. L'inibizione di attivazione endoteliale dagli acidi grassi insaturi. Lipidi. 1999 34 supplementi: S191-4.

117. Khalfoun B, Thibault F, Watier H, et al. docosaexanoico e acidi eicosapentanoici inibisce la produzione endoteliale umana in vitro delle cellule di interleukin-6. Adv Exp Med Biol. 1997 400B: 589-97.

118. Das ONU. Effetti benefici degli acidi grassi n-3 nelle malattie cardiovascolari: ma, perché e come? Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2000 dicembre; 63(6): 351-62.

119. James MJ, Gibson RA, Cleland LG. Acidi grassi polinsaturi dietetici e produzione infiammatoria del mediatore. J Clin Nutr. 2000 gennaio; 71 (1 supplemento): 343S-348S.

120. De Caterina R, Spiecker m., Solaini G, et al. L'inibizione di attivazione endoteliale dagli acidi grassi insaturi. Lipidi. 1999 34 supplementi: S191-4.

121. Chrubasik S. Evidence per efficacia antirheumatic dei dioicae di Urticae del Herba nell'artrite acuta: uno studio pilota. Phytomedicine. 1997 (4):105-8.

122. Riehemann K, Behnke B, gli estratti di Schulze-Osthoff K. Plant dall'ortica bruciante (urtica dioica), un rimedio antirheumatic, inibisce il fattore di trascrizione proinflammatory N-F-kappaB. FEBS Lett. 8 gennaio 1999; 442(1): 89-94.

123. Obertreis B, Ruttkowski T, Teucher T, Behnke B, inibizione in vitro di Schmitz H. Ex-vivo del lipopolysaccharide ha stimolato l'fattore-alfa di necrosi del tumore e la beta secrezione interleukin-1 nell'intero sangue umano dal foliorum di dioicae di urticae di extractum. Arzneimittelforschung. 1996 aprile; 46(4): 389-94.

124. RH di Straub, Scholmerich J, terapia sostitutiva di Zietz B. con DHEA più i corticosteroidi in pazienti con le malattie infiammatorie croniche – sostituti di adrenale e ormoni sessuali. Z Rheumatol. 2002 59: Supplemento 2:108-118.

125. Kawano H, Yasue H, Kitagawa A, et al. il completamento del deidroepiandrosterone migliora la sensibilità endoteliale dell'insulina e di funzione negli uomini. J Clin Endocrinol Metab. 2003 luglio; 88(7): 3190-5.

126. Barret-Connor E, Knaw KT, Yen SSC. Uno studio prospettivo del solfato, della mortalità e della malattia cardiovascolare del deidroepiandrosterone. Med di N Inghilterra J. 11 dicembre 1986; 315:1519-24.

127. Il casson PR, Anderson Marina militare, HG di Herrod, et al. deidroepiandrosterone orale nelle dosi fisiologiche modula la funzione immune in donne postmenopausali. J Obstet Gynecol. 1993 dicembre; 169(6): 1536-9.

128. Simoncini T, Mannella P, Fornari L, Varone G, Caruso A, Genazzani AR. Il deidroepiandrosterone modula la sintesi endoteliale dell'ossido di azoto via i meccanismi genomica e nongenomic diretti. Endocrinologia. 2003 agosto; 144(8): 3449-55.

129. Blackwell GJ, Radomski m., Moncada S. Inhibition di aggregazione umana della piastrina dalla vitamina K. Thromb Res. 1° gennaio 1985; 37(1): 103-14.

130. Seyama Y, Hayashi m., Takegami H, effetti di Usami E. Comparative della vitamina K2 e della vitamina E su arteriosclerosi sperimentale. Ricerca di Int J Vitam Nutr. 1999 gennaio; 69(1): 23-6.

131. Kipper-Galperin m., Galilly R, Danenberg HD, Brennero T. Dehydroepiandrosterone inibisce selettivamente la produzione dell'alfa di fattore di necrosi tumorale e di interleukin-6 [correzione di interlukin-6] in astrocytes. Sviluppatore Neurosci di Int J. 1999 dicembre; 17(8): 765-75.

132. St di Haden, Glowacki J, Hurwitz S, Rosen C, sig.ra di LeBoff. Effetti dell'età sul solfato del deidroepiandrosterone del siero, dei livelli IGF-I e IL-6 in donne. Tessuto Int di Calcif. 2000 giugno; 66(6): 414-8.

133. Reddi K, Henderson B, Meghji S, et al. produzione di interleuchina 6 dai fibroblasti umani lipopolysaccharide-stimolati potente è inibito dal naphthoquinone (composti della vitamina K). Citochina. 1995 aprile; 7(3): 287-90.

134. Disponibile a: http://www.nhlbi.nih.gov/public/Aug00/sept00.pdf. 14 settembre 2004 raggiunto.

135. Landmesser U, Hornig B, funzione di Drexler H. Endothelial: un determinante critico nell'aterosclerosi? Circolazione. 1° giugno 2004; 109 (21 supplemento 1): II27-33.

136. DH di Endemann, Schiffrin ELETTRICO. Disfunzione endoteliale. J Soc Nephrol. 2004 agosto; 15(8): 1983-92.

137. Chang HJ, Chung J, Choi SY, et al. disfunzione endoteliale in pazienti con la risposta di pressione sanguigna esagerata durante la prova della pedana mobile. Clin Cardiol. 2004 luglio; 27(7): 421-5.

138. Il Tu L, Wei W, Liu funzione di X, di Deng Y, di Yu S. Endothelial e ispessimento della parete dell'arteria carotica in pazienti con ipertensione essenziale iniziale. J Tongji Med Univ. 1999 19(4):288-90, 303.

139. Rodriguez-Porcel m., Lerman LO, Herrmann J, Sawamura T, Napoli C, Lerman A. Hypercholesterolemia e l'ipertensione hanno effetti deleteri sinergici sulla funzione endoteliale coronaria. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 1° maggio 2003; 23(5): 885-91.

140. Disfunzione di Najemnik C, di Sinzinger H, di Kritz H. Endothelial, aterosclerosi e diabete. Acta Med Austriaca. 1999;26(5):148-53.

141. Maggi FM, Raselli S, Grigore L, Redaelli L, Fantappie S, AL di Catapano Resti della lipoproteina e disfunzione endoteliale nella fase postprandiale. J Clin Endocrinol Metab. 2004 giugno; 89(6): 2946-50.

142. Saini HK, Arneja COME, Dhalla NS. Ruolo di colesterolo nella disfunzione cardiovascolare. Può J Cardiol. 1° marzo 2004; 20(3): 333-46.

143. Smazzi J, le reazioni di Watanabe T. Inflammatory nella patogenesi di aterosclerosi. J Atheroscler Thromb. 2003;10(2):63-71.

144. Dardo, Chin-spolverata JP. Lipidi e l'endotelio. Ricerca di Cardiovasc. 1° agosto 1999; 43(2): 308-22.

145. Kusterer K, Pohl T, Fortmeyer HP, et al. ipertrigliceridemia selettiva cronica altera la vasodilatazione dipendente dall'endotelio in ratti. Ricerca di Cardiovasc. 1999 giugno; 42(3): 783-93.

146. Liu L, PS di Zhao, Gao M. Influence di ipertrigliceridemia postprandiale sulla funzione endoteliale in pazienti anziani con la coronaropatia. Hunan Yi KE Da Xue Xue Bao. 28 giugno 2002; 27(3): 259-62.

147. JO di Toikka, Ahotupa la m., Viikari JS, et al. concentrazione costantemente bassa nel HDL-colesterolo riferisce a disfunzione endoteliale ed all'LDL-ossidazione in vivo aumentata nei giovani in buona salute. Aterosclerosi. 1° novembre 1999; 147(1): 133-8.

148. Campuzano R, Moya JL, Garcia-Lledo A, et al. spessore endoteliale di intima-media e di disfunzione relativamente ai fattori di rischio cardiovascolari in pazienti senza manifestazioni cliniche di aterosclerosi. Rev Esp Cardiol. 2003 giugno; 56(6): 546-54.

149. Ambrose JA, Barua RS. La patofisiologia di tabagismo e della malattia cardiovascolare: un aggiornamento. Coll Cardiol. 19 maggio 2004; 43(10): 1731-7.

150. Poreba R, Skoczynska A, Derkacz A. Effect di tabagismo sulla funzione endoteliale in pazienti con arteriosclerosi coronaria. Pol Arch Med Wewn. 2004 gennaio; 111(1): 27-36.

151. Puranik R, Celermajer DS. Fumo e funzione endoteliale. Prog Cardiovasc DIS. 2003 maggio-giugno; 45(6): 443-58.

152. Campia U, Sullivan G, MB di Bryant, Waclawiw mA, Quon MJ, Panza JA. L'insulina altera l'indipendente dipendente dall'endotelio di vasodilatazione dalla sensibilità dell'insulina o dal profilo del lipido. Cuore Circ Physiol di J Physiol. 2004 gennaio; 286(1): H76-82.

153. Furuta m., Tsunoda K, Arita m., Nanjo K, vasodilatazione di Sanke T. Endothelium-dependent in diabete di tipo II mellito. Rinsho Byori. 2003 novembre; 51(11): 1111-5.

154. Higashi Y, funzione di Yoshizumi M. Endothelial. Il Giappone Rinsho. 2003 luglio; 61(7): 1138-44.

155. Shinozaki K, Kashiwagi A, Masada m., meccanismi di Okamura T. Molecular della funzione endoteliale alterata si è associato con insulino-resistenza. La droga di Curr mira a Cardiovasc Haematol Disord. 2004 marzo; 4(1): 1-11.

156. Disfunzione di Najemnik C, di Sinzinger H, di Kritz H. Endothelial, aterosclerosi e diabete. Acta Med Austriaca. 1999;26(5):148-53.

157. JO di Jarvisalo MJ, di Raitakari m., di Toikka, et al. disfunzione endoteliale e spessore arterioso aumentato di intima-media in bambini con il diabete di tipo 1. Circolazione. 13 aprile 2004; 109(14): 1750-5.

158. Bakker SJ, IJzerman RG, Teerlink T, alta tensione di Westerhoff, RO di Gans, Heine RJ. Trigliceridi citosolici e sforzo ossidativo nell'obesità centrale: l'anello mancante fra eccessiva aterosclerosi, disfunzione endoteliale e guasto della cellula beta? Aterosclerosi. 2000 gennaio; 148(1): 17-21.

159. ANNUNCIO di Blann, Bushell D, Davies A, Faragher eb, Miller JP, CN di McCollum. Fattore di von Willebrand, l'endotelio ed obesità. Int J Obes Relat Metab Disord. 1993 dicembre; 17(12): 723-5.

160. Yu anno, HL di Li, HL di Yu, Wang C, unità di elaborazione S. La relazione fra insulino-resistenza e vasodilatazione dipendente dall'endotelio negli oggetti obesi. Zhonghua Yi Xue Za Zhi. 10 settembre 2003; 83(17): 1467-70.

161. Lione CJ, legge CON RIFERIMENTO A, Hsueh WA. Minireview: adiposità, infiammazione ed atherogenesis. Endocrinologia. 2003 giugno; 144(6): 2195-200.

162. Esercizio fisico di Mitu F, di Mitu M. ed endotelio vascolare. Rev Med Chir Soc Med Nat Iasi. 2003 luglio-settembre; 107(3): 487-93.

163. DG di Edwards, Schofield RS, Lennon SL, Pierce GL, Nichols WW, Braith RW. Effetto di addestramento di esercizio sulla funzione endoteliale in uomini con la coronaropatia. J Cardiol. 1° marzo 2004; 93(5): 617-20.

164. Higashi Y, Yoshizumi M. Exercise e funzione endoteliale: ruolo di ossido di azoto endotelio-derivato e dello sforzo ossidativo negli individui sani ed in pazienti ipertesi. Pharmacol Ther. 2004 aprile; 102(1): 87-96.

165. Gokce N, Vita JA, Bader DS, et al. effetto dell'esercizio sulla funzione endoteliale dell'estremità inferiore e della tomaia in pazienti con la coronaropatia. J Cardiol. 15 luglio 2002; 90(2): 124-7.

166. De Caterina R, Lenzi S. Il ruolo di LDL nell'origine e nella progressione di aterosclerosi: concetti pathobiological sull'origine e sullo sviluppo delle lesioni aterosclerotiche ed il ruolo dell'endotelio. G Ital Cardiol. 1998 febbraio; 28(2): 158-67.